Porvoo, Finlândia

Una Finlandia medievale e invernale


Helmi caffè
Strana posta congelata
Artiglieria 1
“VR SUOMI 22375”
architettura multicolore
Beato Casario I
Architettura multicolore II
Beato Casario II
Di fronte alla Cattedrale
ultima cena
Una composizione congelata
Conversazione di giorno
Posta al sole
Il lento disgelo
Panoramica
I vecchi magazzini
Via Bella e Gialla
La via Jokikatu
provvidenziale spazzamento
figure della città
Uno degli insediamenti più antichi della nazione Suomi, all'inizio del XIV secolo, Porvoo era un trafficato posto lungo il fiume e la sua terza città. Nel tempo, Porvoo ha perso importanza commerciale. In cambio, è diventata una delle venerate roccaforti storiche della Finlandia.  

È già aprile. Giù nel sud dell'Europa, alcuni giorni offrono ricreazioni balneari tanto attese.

Alla latitudine 60º di Porvoo, un'ora di macchina a nord-est della capitale Helsinki, il sole rimane intrappolato sopra le nuvole cariche di neve.

Il fiume Porvoo che bagna e battezza la città scorre sotto una compatta coltre di ghiaccio.

È spezzato da due mere zone in cui qualche fenomeno genera stagni superficiali e specchio fedele delle case sovrastanti.

Porvoo, il villaggio, si estende lungo la collina in un assortimento di toni sgargianti che la luce solare diminuita e filtrata toglie solo un po' di luminosità.

Abbiamo vagato per i vicoli, ghiacciati come il tempo, alla ricerca di un punto alto e prominente che rivelasse un degno panorama.

In questa missione, ci siamo inoltrati nella foresta di conifere che riempie gran parte della Finlandia e che, di conseguenza, circonda il villaggio.

Di tanto in tanto, le foglie sovraccariche di pini, abeti e betulle li intrappolano con piogge di neve. Ci aiutano a svegliarci al giorno che, in quel momento, promette di resistere all'inverno.

Porvoo: la casa multicolore benedetta da una cattedrale bilingue

Infine, il sentiero rivela un'apertura tra gli alberi. Da lì, a differenza della riva del fiume Porvoo dove predomina il rosso, gli edifici sono esposti in toni pastello giallastri e verdastri.

Porvoo è religioso. In vero stile cristiano, spicca la sua chiesa a forma di A, ben al di sopra della pianta urbana e dei tetti meno ripidi dei fedeli.

Privata dell'antico ruolo mercantile, Porvoo conserva i suoi meriti religiosi. Quella stessa brusca e antica cattedrale (XV secolo) che abbiamo ammirato conserva una doppia funzione.

La diocesi di Borga fa parte della Chiesa evangelica luterana di Finlandia, che riunisce migliaia di fedeli finlandesi che parlano svedese.

Ad esempio, Borga (castello sul fiume) è il termine svedese che, per contingenze storiche, quasi il 30% dei residenti di lingua svedese usa al posto di Porvoo.

La parrocchia dei fedeli di lingua finlandese, parte della diocesi di Helsinki, utilizza la stessa cattedrale per le messe e le altre funzioni religiose.

Mentre passiamo davanti alla sua facciata, un coraggioso gruppo di credenti prova qualcosa di diverso.

Una gelida prova per la Settimana Santa

La Settimana Santa si avvicina. Nonostante il freddo opprimente, attori e comparse ricreano la Crocifissione e le scene precedenti del Via Crucis.

Per rispetto della narrazione, l'attore che interpreta Gesù Cristo indossa poco più di una tunica. Si infila una giacca invernale e si riscalda ogni volta che le prove vengono interrotte per riparazioni e correzioni.

Qualche fiocco di neve errante che gli cade sui capelli e sul viso tradisce la realtà storica e aggrava la pena che, ci sembra, è tutt'altro che finita.

Pochi giorni dopo, decine di rievocazioni del Via Crucis dovevano svolgersi nei quattro angoli cristiani della Finlandia. Iniziare con tenutasi davanti alla Cattedrale di Helsinki.

Anche Porvoo avrebbe il suo.

Pur senza l'imponenza architettonica del grande tempio della capitale, è ricercato da migliaia di forestieri che lo considerano più pittoresco e lo preferiscono per la bellezza del paesaggio circostante, fatto di case e magazzini del XVIII e XIX secolo e uno splendido natura.

Sprazzi di sole e un Porvoo che brilla doppio

Uno stormo di corvi si alza dagli alberi spogli vicini. Svolazza intorno alla cattedrale e al villaggio. Spruzza di nero il cielo violaceo e si riafferma in un dominio che è stato a lungo suo. Ricordaci di riprendere il tour.

Con la mattinata a metà, il sole quasi cocente sta finalmente iniziando a farsi strada tra le nuvole. Scioglie il ghiaccio che resiste sui marciapiedi e riduce il rischio di caduta latente in ogni strada, vicolo e pendenza.

Quando sentono le tracce di luce solare sulle facciate e attraverso le finestre, gli abitanti di Porvoo sono incoraggiati a uscire. Alcuni spazzano la neve ancora bianca davanti alle loro case.

Altri compongono le facciate, le vetrine e le insegne dei numerosi locali orientati al turismo che costellano il borgo.

Un glorioso passato mercantile

Situata sull'omonimo fiume e, allo stesso tempo, nelle vicinanze della baia di Stensbole e del Golfo di Finlandia, Porvoo divenne ben presto un importante centro commerciale.

La sua gente conserva la stessa attitudine storica per gli affari, ora adattata alla domanda e all'offerta rinnovata dai visitatori.

Porvoo iniziò ad emergere, registrata come città, durante il XIV secolo. Prima di allora, ancora dominata dalla tribù Tavastian, vi affluivano mercanti tedeschi, probabilmente membri della Lega Anseatica che si sarebbe allargata ad altre parti del nord Europa, compresa la lontana città norvegese di Bergen.

I tedeschi stavano sbarcando a Porvoo in numero crescente.

In modo tale che il centro originario del paese divenne noto come saksala, “il luogo dei tedeschi”.

 

L'era svedese di Porvoo. seguito dal russo

A quel tempo, gli svedesi stavano espandendo notevolmente il loro territorio a spese dei popoli nativi e pagani dentro e intorno all'odierna Scandinavia.

Dopo una seconda crociata istigata dalla Chiesa cattolica, a metà del XIII secolo, presero finalmente Porvoo dai Tavastiani.

Promuovevano la colonizzazione della regione da parte di contadini provenienti dal cuore della Svezia e che attiravano con l'offerta di terra, bestiame, sementi e l'esenzione dalle tasse dovute alla Corona.

Porvoo ha raggiunto proporzioni paragonabili solo a Turku e Ulvila. Avanti veloce al XNUMX ° secolo.

La Russia ha preso Viborg dalla Svezia. La sede episcopale di Viborg si trasferì a Porvoo. Il numero di religiosi e credenti che hanno accompagnato i vescovi ha reso oggi Porvoo la seconda città più grande della Finlandia.

Come spesso accadeva in quei giorni, la città cresceva e si evolveva a buon ritmo quando un incendio incontrollabile distrusse quasi i due terzi degli edifici.

Se non fosse stato per questa catastrofe, le case di Porvoo che tanto incantano chi la ammira potrebbero essere molto più antiche.

L'abbiamo riattraversata lungo Jokikatu, una delle strade pedonali locali, due o tre parallele, piena di caffè, botteghe artigiane, antiquari, ristoranti e simili.

L'intermittente carezza solare incoraggia una coppia a sistemarsi, ben avvolti, su una terrazza appena aperta.

Quelle stesse inaspettate strisce di luce ci convincono a scendere in riva al fiume, attraversare il ponte e apprezzare Porvoo con la benedizione della grande stella.

Lungo la strada, nuvole più veloci del nostro passato, rapiscono e rilasciano nuovamente il bagliore solare.

Dalla metà del ponte di Uusi ci troviamo di fronte al fronte dei magazzini secolari dove i mercanti custodivano i prodotti che vi commerciavano, un rosso uniforme che stona sia con il candore circostante sia con l'azzurro sempre più scoperto.

Nei secoli vi si conservavano e si vendevano burro, legname, pesce essiccato, stoffe e anche il provvidenziale catrame.

Oggi, quasi tutti i caffè e ravinolas (ristoranti) rinomati, riscrivono, con raffinatezza, il passato del carico e scarico, dell'imbarco e dello sbarco, per le navi provenienti da altre parti del Golfo di Finlandia.

All'epoca, nell'est-sud del Golfo, San Pietroburgo continuava ad emulare Parigi, in linea con le pulsioni espansionistiche del sempre più minaccioso impero russo.

Come temuto, nel 1808 i russi conquistarono il territorio della Finlandia dall'impero svedese.

In questo rimescolamento storico e politico, Porvoo ospitò una Dieta (assemblea legislativa) che si trascinò per quattro mesi e il cui risultato principale fu la dichiarazione dello zar Alessandro I che la Finlandia avrebbe assunto lo status di Granducato autonomo.

Il contributo al passaggio della Finlandia dall'autonomia all'indipendenza

Anche priva di tale intenzione, questa decisione divenne il predecessore dell'indipendenza della Finlandia, che però sarebbe arrivata solo più di un secolo dopo, poco prima della fine della prima guerra mondiale.

Una delle massime della coscienza nazionale finlandese, con una crescita significativa a Porvoo, era il cosiddetto motto di Fenomman:

“Non siamo più svedesi,

 Russi non possiamo diventare

 Pertanto, dovremo essere finlandesi”.

A Porvoo, in un momento di imminente adesione alla Nato, con le spalle rivolte all'Est, poco o nulla resta della sottomissione alla Russia.

Lo svedese è parlato tanto o più che in altre regioni del Suomi occidentale.

La vecchia Porvoo rimane finlandese quanto la Finlandia può stupire.

Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
Helsinki, Finlândia

La fortezza della Finlandia in tempi svedesi

Distaccata in un piccolo arcipelago all'ingresso di Helsinki, Suomenlinna è stata costruita su progetti politico-militari del regno svedese. Da più di un secolo, il Russia l'ha fermata. Dal 1917 i Suomi l'hanno venerata come il bastione storico della loro spinosa indipendenza.
Helsinki, Finlândia

La Pasqua Pagana di Seurasaari

Anche a Helsinki il Sabato Santo viene celebrato in modo gentile. Centinaia di famiglie si radunano su un'isola al largo della costa, attorno a falò accesi per spaventare gli spiriti maligni, le streghe e i troll.
Helsinki, Finlândia

Il design che è venuto dal freddo

Con gran parte del territorio sopra il Circolo Polare Artico, i finlandesi rispondono al clima con soluzioni efficienti e un'ossessione per l'arte, l'estetica e il modernismo ispirati dalla vicina Scandinavia.
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Saariselka, Finlândia

Il delizioso caldo artico

Si dice che i finlandesi abbiano creato SMS in modo da non dover parlare. L'immaginazione dei freddi nordici si perde nella nebbia delle loro amate saune, vere e proprie sedute di terapia fisica e sociale.
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Inari, Finlândia

Il Parlamento di Babele della Nazione Sami

La nazione Sami comprende quattro paesi che interferiscono nella vita della loro gente. Nel parlamento di Inari, in vari dialetti, i Sami si governano come meglio possono.
Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
Isola di Hailuoto, Finlândia

La Pesca del Vero Pesce Fresco

Al riparo da pressioni sociali indesiderate, gli isolani di A forma di squalo sanno come sostenersi. Sotto il mare ghiacciato della Bothnia, catturano ingredienti preziosi per i ristoranti di Oulu, nella Finlandia continentale.
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
Helsinki, Finlândia

La figlia baltica Suomi

Diverse città crebbero, si emanciparono e prosperarono sulle rive di questo mare interno settentrionale. Helsinki si è distinta come la monumentale capitale della giovane nazione finlandese.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Safari
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Luderitz, Namibia
Architettura & Design
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
buon consiglio buddista
Cerimonie e Feste
Chiang Mai, Thailandia

300 Watt di energia spirituale e culturale

I thailandesi chiamano ogni tempio buddista wat e la loro capitale settentrionale li ha in evidente abbondanza. Consegnata a eventi successivi tenuti tra santuari, Chiang Mai non si spegne mai del tutto.
Nazionalismo colorato
Città
Cartagena delle Indie, Colombia

La città desiderata

Molti tesori sono passati da Cartagena prima della consegna alla corona spagnola, più dei pirati che hanno cercato di depredarli. Oggi le mura proteggono una città maestosa sempre pronta a "rumbe".
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Tombola, Street Bingo - Campeche, Messico
Cultura
Campeche, Messico

Un Bingo così divertente che giochi con le bambole

Il venerdì sera, un gruppo di signore occupa i tavoli del Parque Independencia e scommette sulle sciocchezze. I piccoli premi escono in combinazioni di gatti, cuori, comete, maracas e altre icone.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
In viaggio
Morondava, Viale dei Baobab, Madagascar

Il sentiero malgascio per stupire

Uscendo dal nulla, una colonia di baobab alta 30 metri e vecchia di 800 anni fiancheggia un tratto di strada di argilla e ocra parallela al Canale del Mozambico e alla costa peschereccia di Morondava. Gli indigeni considerano questi alberi colossali le madri della loro foresta. I viaggiatori li venerano come una specie di corridoio iniziatico.
Case in miniatura, Chã das Caldeiras, vulcano Fogo, Capo Verde
Etnico
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan “francese” alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Storia
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
In attesa, vulcano Mauna Kea nello spazio, Big Island, Hawaii
Isole
Mauna Kea, Havai

Mauna Kea: Un vulcano con un occhio nello spazio

Il tetto delle Hawaii era proibito ai nativi perché ospitava divinità benevole. Ma dal 1968 in poi, diverse nazioni sacrificarono la pace degli dei ed eressero la più grande stazione astronomica sulla faccia della Terra.
Chiesa della Santa Trinità, Kazbegi, Georgia, Caucaso
bianco inverno
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Letteratura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
Isola di São Tomé, São Tomé e Principe, Nord, Roça Água Funda
Natura
São Tomé, São Tome e Principe

Attraverso il Tropical Cocuruto di São Tomé

Con l'omonimo capoluogo alle nostre spalle, ci siamo messi alla scoperta della realtà dell'azienda agricola Agostinho Neto. Da lì, abbiamo preso la strada costiera per l'isola. Quando finalmente l'asfalto si arrende alla giungla, São Tomé si è confermata in cima alle più belle isole africane.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Parchi Naturali
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Ingresso alla città di Dunhuang delle sabbie, Cina
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Dunhuang, Cina

Un'oasi nella Cina delle Sabbie

Migliaia di chilometri a ovest di Pechino, la Grande Muraglia ha la sua estremità occidentale e la Cina e altro. Un'inaspettata spruzzata di verde vegetale rompe l'arida vastità circostante. Annuncia Dunhuang, ex avamposto cruciale della Via della Seta, oggi una città intrigante ai piedi delle dune più grandi dell'Asia.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
personaggi
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
conversazione al tramonto
Spiagge
Boracay, Filippine

La spiaggia filippina di tutti i sogni

È stato svelato dai viaggiatori zaino in spalla occidentali e dalla troupe cinematografica di "Heroes Are Born". Seguirono centinaia di resort e migliaia di vacanzieri orientali più bianchi della sabbia gessosa.
Ulugh Beg, Astronomo, Samarcanda, Uzbekistan, Un matrimonio nello spazio
Religione
Samarcanda, Uzbekistan

L'astronomo Sultano

Nipote di uno dei grandi conquistatori dell'Asia centrale, Ulugh Beg preferiva le scienze. Nel 1428 costruì un osservatorio spaziale a Samarcanda. I suoi studi sulle stelle gli diedero il nome di un cratere sulla Luna.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
Società
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Parco Nazionale Etosha Namibia, pioggia
Animali selvatici
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.