Meghalaya, India

Ponti di popoli che mettono radici


Jingkieng Wahsurah
Un altro ponte radice di Nongblai che attraversa il fiume ai margini del villaggio, appena sopra una cascata.
Quasi a casa
Un giovane di Nongriat scende una scala, carico, in procinto di raggiungere il suo villaggio.
un riposo oscuro
La famiglia del capo Longneh Khong Sni nella stanza della loro angusta palafitta nel villaggio di Nongblai.
Jingkieng Wahlangseng
Il capo Longneh Khong Sni con due dei suoi figli su uno dei ponti nel villaggio di Nongblai
noce di betel
I frutti giallastri creano dipendenza e stimolano buona parte della popolazione di Meghalaya, India e Asia.
Nohkalikai
La cascata più alta dell'India, a 350 metri. Cade su un enorme dislivello nell'altopiano di Shillong, i monti Khasi.
villaggio di Tirna
Villaggio di Khasi Hills situato sopra Nongriat, a valle della base della cascata Nohkalikai.
risata materna
Una donna gioca con suo figlio al mercato principale di Cherrapunjee, o Sohra come la gente Khasi chiama questa città.
tubo di pace
Il capo di Nongblai Longneh Khong Sni fuma una pipa sul ponte Jingkieng Wahlangseng Roots.
sulla strada per l'altro lato
I bambini di Nongblai attraversano il ponte curvo a Wahsurah.
sul trespolo
Ricarica sveglia per servizio all'alba.
il mezzo pendio
Abitante di Nomblai in un tratto ombroso della lunga salita dal paese alla sommità della valle dove si trova.
foto foto
La guida Morning Star si ferma per una foto lungo la strada verso Nongblai.
palme della dipendenza
Foresta di noci di betel, consumata in grandi quantità a Meghalaya e anche a Nongblai.
Quasi notte in montagna
Ocaso conclude un'altra giornata produttiva a Nongblai, intorno alle 17:XNUMX.
L'imprevedibilità dei fiumi nella regione più umida della terra non ha mai scoraggiato Khasi e Jaintia. Di fronte all'abbondanza di alberi ficus elastico nelle loro valli queste etnie si abituavano a modellare rami e ceppi. Dalla loro tradizione perduta nel tempo, hanno lasciato in eredità centinaia di abbaglianti ponti di radici alle generazioni future.

Era lontano dalla realtà del giorni di natale dove siamo passati: soleggiato di giorno, più fresco dopo il tramonto, ma asciutto. La provincia di Meghalaya, che si traduce come "dimora delle nuvole", è di gran lunga la più piovosa dell'India.

Ha diversi villaggi nella top 10 delle precipitazioni mondiali. Di loro, Cherrapunjee e Mawsynram vantano numeri dell'ordine di 25.000 mm all'anno. Contestano il record assoluto tra loro e con altre città colombiane.

Normalmente, quando arriva maggio, il caldo genera un'intensa evaporazione dall'Oceano Indiano, dal Mar Arabico e dal Golfo del Bengala. Nubi cariche di umidità sono spinte sul subcontinente dai venti meridionali. Più alto è il terreno vicino, più pioggia fornisce.

Ora Meghalaya occupa l'altopiano sopra il alluvionale del Bangladesh, a pochi chilometri dalla costa del Golfo del Bengala. Non ci volle molto per osservare la rottura del paesaggio tra le due regioni.

La nostra sede era a Shillong, la capitale dello stato. Da lì siamo partiti mattina dopo mattina diretti a sud. In uno di questi viaggi, siamo partiti con Cherrapunjee come destinazione finale.

Molte curve e controcurve attraverso colline e valli più tardi, Gus e Don, l'autista e guida che ci hanno aiutato a scoprire la provincia, hanno fermato l'auto sull'orlo di un precipizio a forma di ferro di cavallo, pieno di venditori. Non appena ci siamo avvicinati alla scogliera, ci siamo resi conto di come il paesaggio e i diversi panorami che avevamo visto prima rispecchiassero il contrasto tra i due periodi meteorologici dell'anno.

Una cascata lontana – tra l'altro la più alta dell'India, a 340 metri – cade dalla cima boscosa dell'altopiano in una laguna tra il verde e il blu.

Cascate Nohkalikai, Meghalaya, India

La cascata più alta dell'India, a 350 metri. Cade su un enorme dislivello nell'altopiano di Shillong, i monti Khasi.

L'impressionante Nokhalikai, o Seven Sisters Falls

Il suo nome in lingua inglese, Seven Sisters Falls, allude al fatto che, nella stagione delle piogge, il salto che abbiamo visto lì è stato moltiplicato per sette, ognuno dei quali rappresenta uno degli stati della distinta regione dell'India nord-orientale: Assam, Arunachal Pradesh, Tripura, Nagaland, Manipur, Meghalaya e Mizoram.

Nel mezzo della fase più che inzuppata del monsone, le nuvole riempiono l'anfiteatro naturale alla base. Invadono e irrigano anche la maggior parte dell'aspra e rigogliosa area sopra il Nohkalikai, il nome khasi (dialetto locale) della cascata, ispirato da una leggenda che coinvolge Likai, una donna locale, suo figlio, marito e il cannibalismo familiare. Così macabro che abbiamo evitato di entrare nei dettagli.

Nei giorni veramente piovosi, più che da una sequenza di torrenti verticali, i Nohkalikai provengono da tutti i solchi del rilievo. Diventano una striscia di fiume nascosta dalla foschia che sempre li aleggia.

Dopo l'ultimo chuáa di colpire le rocce alla base, i suoi flussi continuano, stufi, verso il Pianure sabbiose del Bangladesh. Lungo la strada, attraversano una serie di villaggi Khasi e Jaintia autodistrutti nelle profondità delle valli.

Villaggio di Tyrna, Meghalaya, India

Villaggio di Khasi Hills situato sopra Nongriat, a valle della base della cascata Nohkalikai.

Popoli delle valli profonde del fiume

Alcuni giorni dopo, sulla via del ritorno da Nongblai, uno di questi villaggi, abbiamo chiesto alla giovane guida nativa Morning Star Kongthaw che cosa avesse fatto abitare le persone in luoghi così dolorosamente accessibili. Morning Star abbellisce a malapena la spiegazione: “Secoli fa, la sopravvivenza non era quella che è oggi. Le famiglie dovevano trovare fonti di cibo affidabili.

I fiumi scorrevano sotto. Oltre a garantire loro pesce e altri animali, consentivano la coltivazione di ortaggi e frutta. Per le persone, la stanchezza aveva poco significato rispetto all'avere una vita sicura. Per molti lo è ancora”.

Nomblai residente sulle scale, Meghalaya, India

Abitante di Nomblai in un tratto ombroso della lunga salita dal paese alla sommità della valle dove si trova.

Due gruppi etnici in particolare occupavano i fertili angoli lungo il fiume di Meghalaya. Erano i Khasi e i Pnar, o Jaintia, entrambi matrilineari e che i missionari britannici si convertirono al punto che Khasi e Pnar formarono, a Meghalaya, lo stato più cristiano e forse meno "indiano" dell'India, dove la gente condivide una nozione di spazio individuale e modestia verso gli altri sono rari nel subcontinente.

Mentre lo esploravamo, Meghalaya continuava ad arrendersi all'intenso feste di natale, come nessun altro stato indiano ha fatto.

Quando si stabilirono nelle profondità delle valli dei Monti Khasi, sia i Khasi che i Pnar dovettero imparare a procurarsi cibo dai torrenti e dalle loro sponde. Ma non solo. Sono stati costretti ad anticipare le enormi fluttuazioni stagionali del volume dei fiumi e lo spazio di manovra per salvaguardare le loro case e i raccolti.

Palme di betel a Nongblai, Meghalaya, India

Foresta di noci di betel, consumata in grandi quantità a Meghalaya e anche a Nongblai.

I ponti delle radici di Nongblai e tanti altri villaggi

L'altra questione che richiedeva il meglio del suo ingegno era come garantire l'attraversamento dei flussi aumentati. La soluzione a cui sono giunti si è contraddistinta per uno stupefacente pragmatismo organico, molto più modellabile e resistente ai torrenti impetuosi dell'acciaio e del cemento e praticamente a costo zero.

Ora che il turismo è arrivato ovunque e ha bussato alla loro porta, affascina il resto del mondo. In molti casi, rappresenta anche un sostentamento redditizio.

Abbiamo iniziato l'incursione a Nongblai, questa volta, guidati da Sadam, un autista indù, più che singolare, tragicomico. Abbiamo catturato Morning Star a pochi chilometri dall'inizio della lunga scalinata che dovevamo attraversare.

Per una buona ora scendiamo gli alti gradini di pietra irregolari e, nelle zone ombrose, ricoperte di muschio scivoloso, ci racconta la guida, che durante la stagione delle piogge formava un enorme tappeto verde. A quel tempo si vedeva solo la variegata vegetazione che circondava le scale e l'altro versante della valle.

Scala di accesso a Nogriat, Meghalaya, India

Il giovane di Nongriat scende una scala, carico, in procinto di raggiungere il suo villaggio

Abbiamo trovato solo due o tre paesani provenienti dalla direzione in salita, meno stanchi di quanto avremmo potuto immaginare. Infine, abbiamo notato il solco del fiume e intravisto le case del paese poche decine di metri più in alto.

Il rito è stato ordinato dal capo villaggio di riceverci. Morning Star ci insegna anche alcune parole nel dialetto Khasi, ad esempio il sempre utile grazie, kublei shibun – ma Longneh Khong Sni, di inglese, non parlava nulla, quindi tutta la comunicazione scorreva attraverso la guida.

Morning Star ci dice che le autorità turistiche di Meghalaya lo avevano avvertito della nostra visita all'ultimo minuto. Di conseguenza, la famiglia del capo non aveva potuto accoglierci come avrebbe voluto.

Il provvidenziale benvenuto di Longneh Khong Sni

La discesa ci aveva lasciato affamati. I padroni di casa lo sapevano. D'accordo, ci dicono di sistemarci sul pavimento di legno della palafitta e ci servono il tè, poi il riso bianco con la frittata che divoriamo come se fosse la prelibatezza più irresistibile.

Il capo Longneh Khong Sni nella sua casa di Nongblai, Meghalaya, India

La famiglia del capo Longneh Khong Sni nella stanza della loro angusta palafitta nel villaggio di Nongblai.

Dopo il pasto, il capo prende qualche boccata dalla pipa. Prendo il giro della Morning Star e provo per la prima volta a masticare la noce di betel, così popolare da quelle parti, un po' in tutta l'India e l'Asia.

Il gusto si è rivelato orribile. Come se non bastasse, il liquido semi-acido mi ha dato un enorme mal di freddo. Dopo dieci minuti di marcata salivazione, sputai il liquido arrossato, mi sollevai, mi sciacquai la bocca e giurai che non l'avrei mai più fatto. "Andateci solo con l'abitudine!" Morning Star mi assicurò, soffocando una risata. A quel punto, ero convinto che fosse qualcosa a cui non mi sarei mai abituato.

Noce di Betele, Meghalaya, India

I frutti giallastri creano dipendenza e stimolano buona parte della popolazione di Meghalaya, India e Asia.

Abbiamo lasciato la casa del capo puntati verso il fiume. Avevamo lasciato il comfort dell'hotel Shillong per più di tre ore con uno scopo in mente. Dopo altri dieci minuti di cammino, ci imbattiamo nella principale ragion d'essere del tour: Jingkieng Wahlangseng.

Jingkieng Wahlangseng, il primo dei ponti radice

Un massiccio ponte alberato coperto di muschio abbracciava il vasto substrato roccioso, con abbondanti radici aeree protese dai tronchi più spessi, allineate, intrecciate e scolpite per formare una passerella sicura. Altri, più giovani e magri, caddero nell'acqua cristallina in frange decorative.

Attraverso l'intervento degli abitanti del villaggio di Nongblai che li guidano con canne di bambù, l'albero della gomma (ficus elastico) che lo aveva generato, era cresciuto lateralmente, con potenti ramificazioni che puntavano nella direzione in cui il sole si insinuava prima di scomparire dietro la montagna.

Lo percorriamo di qua e di là in assoluta estasi vegetale. Nel frattempo, il capo si sistema sul tronco in compagnia di due dei suoi bambini. Prende gli ultimi respiri e contempla, nella più pura tranquillità, lo scenario benedetto in cui visse.

Il ponte delle radici, Jingkieng Wahlangseng

Il capo Longneh Khong Sni con due dei suoi figli su uno dei ponti del villaggio di Nongblai.

"Ti è piaciuto questo?" ci chiede Morning Star. A Meghalaya ce ne sono centinaia. Ci vuole quasi mezzo secolo per raggiungere queste dimensioni, ma se nessuno li taglia, diventano più grandi e più forti. Qui, in paese, ce ne sono altri cinque. Andiamo al prossimo?"

Alla ricerca del 2°: Jingkieng Wahsurah

Certo che l'abbiamo fatto. Peccato che non abbiamo tempo per seguire Morning Star per giorni, settimane e settimane, attraverso le valli del Meghalaya. Per scoprirle, apprezzarle e attraversarle tutte, preferibilmente nella stagione delle piogge quando il paesaggio è ancora più rigoglioso e verdeggiante.

Jingkieng Wahsurah, il ponte che seguì, apparve in un settore dello stesso fiume tagliato da una grande terrazza e che riparava una cascata. La luce vi entrava molto meno che nell'area del ponte precedente.

Eppure, da più di un secolo, il ficus elastico residente era cresciuto lì e aveva rilasciato avidamente i suoi tentacoli. Abbiamo appena notato se i rami e le radici ricoperti di muschio appartenessero a uno o più esemplari.

La stella del mattino scompare. Quando l'abbiamo scoperto dalla passerella, era appollaiato su uno dei rami che si estendevano a valle, fotografando il ponte dal basso.

Jingkieng Wahsurah, ponte delle radici del villaggio di Nongblai, Meghalaya, India

Un altro ponte delle radici di Nongblai che attraversa il fiume ai margini del villaggio, appena sopra una cascata

Non abbiamo potuto resistere al fatto che si unisse a noi lungo lo stesso ripido sentiero. Con grande stupore dei figli del capo villaggio e di altri due bambini appena apparsi, poco o per niente abituati a vedere estranei in tali avventure.

Il sole stava già strisciando sul bordo meridionale della valle e avevamo ancora due ore o più negli altopiani. Consapevole della difficoltà aggiuntiva dell'arrampicata al buio, Morning Star ci ha portato in fretta.

Siamo tornati a casa di Longneh Khong Sni, lo abbiamo ringraziato per il privilegio di visitare il villaggio e abbiamo salutato sua moglie ei suoi figli. Il capo aveva una riunione nel villaggio in cima alle scale, quindi è salito con noi.

Galli a Nongblai, Meghalaya, India

Ricarica sveglia per servizio all'alba

Ritorno negli altopiani di Meghalaya

Fino a più della metà abbiamo reso la salita stanchi ma senza lamentarci troppo. Dopo tre quarti d'ora, con il campo a posto e le gambe che cedono al peso degli zaini fotografici e all'intenso logorio, ci siamo quasi trascinati all'ultimo gradino, sempre incoraggiati dalla Stella del Mattino che si è divertito a Rinnovo la promessa che mancano solo cinque minuti.

Beviamo ancora il tè insieme masala in una casa da tè locale. Alla fine, siamo saliti in macchina per i capricci di Saddam. Stavamo entrambi per addormentarci, cullati dalle curve, quando abbiamo notato che l'autista aveva un videoregistratore installato al volante.

Stava osservando un certo successo di Bollywood mentre ci guidava lungo la strada, quasi sempre costeggiata da precipizi. Anche così, siamo arrivati ​​sani e salvi a Shillong. Abbiamo trascorso il giorno successivo dolorante perché non ci sentivamo da molto tempo.

Il pestaggio non ci ha impedito di ripetere la dose.

Due giorni dopo, siamo scesi (e, ovviamente, saliti) 3000 gradini come o più strazianti nelle profondità di Nongriat. Lì abbiamo trovato e venerato Umshiang, 180 anni. Uno degli incredibili ma rari ponti a doppia radice di Meghalaya. Probabilmente il più visitato dello stato, degno della propria storia.

Tramonto su Nongblai, Meghalaya, India

Ocaso conclude un'altra giornata produttiva a Nongblai, intorno alle 17:XNUMX.

Gli autori desiderano ringraziare le seguenti entità per il loro supporto nella stesura di questo articolo:  Ambasciata indiana a Lisbona; Ministero del turismo, governo indiano e Megalaya Turismo.

Ringraziano inoltre e consigliano a coloro che sono interessati a scoprire questa regione unica dell'India di contare sullo "specialista nativo in Root Bridges e nella natura e cultura di Meghalaya" Morning Star Kongthaw:

Telm e Whats App: +91 80144 70908​

Facebook: MorningStar Kongthaw (Bah Morning)

Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
Tawang, India

La mistica valle della profonda discordia

All'estremità settentrionale della provincia indiana dell'Arunachal Pradesh, Tawang ospita paesaggi montuosi spettacolari, villaggi etnici Mompa e maestosi monasteri buddisti. Anche se dal 1962 i rivali cinesi non lo trafiggono, Pechino guarda questo dominio come parte del tuo Tibete. Di conseguenza, religiosità e spiritualismo hanno da tempo condiviso un forte militarismo.
Guwahati, India

La città che adora Kamakhya e la fertilità

Guwahati è la città più grande dello stato dell'Assam e dell'India nord-orientale. È anche uno dei più veloci al mondo. Per gli indù e i devoti credenti nel Tantra, non sarà un caso che Kamakhya, la dea madre della creazione, sia adorata lì.
porte, India

Alle porte dell'Himalaya

Siamo arrivati ​​alla soglia settentrionale del Bengala occidentale. Il subcontinente è ceduto a una vasta pianura alluvionale piena di piantagioni di tè, giungla, fiumi che il monsone fa traboccare su infinite risaie e villaggi che scoppiano a crepapelle. Al confine con la più grande delle catene montuose e il regno montuoso del Bhutan, per l'evidente influenza coloniale britannica, l'India chiama questa splendida regione con Dooars.
Gangtok, India

Una vita a mezza china

Gangtok è la capitale del Sikkim, un antico regno nella sezione himalayana della Via della Seta, divenuta provincia indiana nel 1975. La città è in equilibrio su un pendio, di fronte al Kanchenjunga, la terza elevazione più alta del mondo che molti indigeni ritengono sia casa in una valle paradisiaca dell'immortalità. La loro ripida e faticosa esistenza buddista mira, lì o altrove, a raggiungerlo.
Morondava, Viale dei Baobab, Madagascar

Il sentiero malgascio per stupire

Uscendo dal nulla, una colonia di baobab alta 30 metri e vecchia di 800 anni fiancheggia un tratto di strada di argilla e ocra parallela al Canale del Mozambico e alla costa peschereccia di Morondava. Gli indigeni considerano questi alberi colossali le madri della loro foresta. I viaggiatori li venerano come una specie di corridoio iniziatico.
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.

Hampi, India

Alla Scoperta dell'Antico Regno de Bisnaga

Nel 1565, l'impero indù di Vijayanagar soccombette agli attacchi nemici. 45 anni prima era già stata vittima della portoghesi del suo nome da parte di due avventurieri portoghesi che lo rivelarono all'Occidente.

Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Maguri Bill, India

Un Pantanal ai confini dell'India nord-orientale

Il Maguri Bill occupa un'area anfibia nelle vicinanze assamesi del fiume Brahmaputra. È lodato come un habitat incredibile, soprattutto per gli uccelli. Quando lo navighiamo in modalità gondola, ci imbattiamo in molta (ma molta) più vita della semplice asada.
Jaisalmer, India

La vita duratura al Forte d'Oro di Jaisalmer

La fortezza di Jaisalmer fu costruita dal 1156 in poi per ordine di Rawal Jaisal, sovrano di un potente clan proveniente dalle propaggini indiane del deserto del Thar. Più di otto secoli dopo, nonostante la continua pressione del turismo, condividono il vasto e intricato interno dell'ultimo forte abitato dell'India, quasi quattromila discendenti degli abitanti originari.
Guwahati a Passo Sela, India

Viaggio banale alla gola sacra di Sela

Per 25 ore abbiamo viaggiato lungo la NH13, una delle strade più alte e pericolose dell'India. Abbiamo viaggiato dal bacino del fiume Brahmaputra alla contesa Himalaya della provincia di Arunachal Pradesh. In questo articolo descriviamo il tratto fino a 4170 m di quota del Passo Sela che ci ha portato Città buddista tibetana di Tawang.
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Chandor, Goa, India

Una casa goano-portoghese, di sicuro

Un palazzo con influenze architettoniche portoghesi, Casa Menezes Bragança si distingue dalle case di Chandor, a Goa. Forma l'eredità di una delle famiglie più potenti dell'ex provincia. Sia dalla sua ascesa in un'alleanza strategica con l'amministrazione portoghese sia dal successivo nazionalismo di Goa.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Architettura & Design
Fortezze

Il mondo da difendere – Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Aventura
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Cerimonie e Feste
Apia, Samoa Occidentali

Fia Fia – Folclore Polinesiano ad Alta Velocità

Dalla Nuova Zelanda all'Isola di Pasqua e da qui alle Hawaii, ci sono molte varianti di danze polinesiane. Le notti samoane di Fia Fia, in particolare, sono allietate da uno degli stili più frenetici.
patpong, go go bar, bangkok, mille e una notte, thailandia
Città
bangkok, Thailandia

Mille e una notte perduta

Nel 1984 Murray Head cantava la magica e notturna bipolarità della capitale thailandese in "Una notte a Bangkok". Diversi anni, colpi di stato e manifestazioni dopo, Bangkok rimane insonne.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
mini snorkeling
Cultura
Isole Phi Phi, Thailandia

Torna a Danny Boyle Beach

Sono passati 15 anni dal debutto del classico autostoppista tratto dal romanzo di Alex Garland. Il film ha reso popolari i luoghi in cui è stato girato. Poco dopo, alcuni di loro scomparvero temporaneamente ma letteralmente dalla mappa, ma oggi la loro controversa fama rimane intatta.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
murale extraterrestre, Wycliffe Wells, Australia
In viaggio
Wycliff Wells, Australia

I piccoli file segreti di Wycliffe Wells

Residenti, esperti di UFO e visitatori sono stati testimoni di avvistamenti intorno a Wycliffe Wells per decenni. Qui Roswell non ha mai dato l'esempio e ogni nuovo fenomeno viene comunicato al mondo.
Etnico
São Nicolau, Capo Verde

Fotografia di Nha Terra São Nicolau

La voce del defunto Cesária Verde ha cristallizzato i sentimenti dei capoverdiani costretti a lasciare la loro isola. chi visita São Nicolau o, qualunque esso sia, ammirare immagini che lo illustrano bene, capire perché la sua gente lo chiama, per sempre e con orgoglio, nha terra.
fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
Cattedrale di Santa Ana, Vegueta, Las Palmas, Gran Canaria
Storia
Vegueta, Gran canaria, Isole Canarie

Intorno al cuore delle Canarie reali

L'antico e maestoso quartiere di Vegueta de Las Palmas spicca nella lunga e complessa ispanizzazione delle Isole Canarie. Dopo un lungo periodo di spedizioni signorili, vi iniziò la conquista finale di Gran Canaria e delle altre isole dell'arcipelago, sotto il comando dei monarchi di Castiglia e Aragona.
MALE(E)dive
Isole
maschio, Maldive

Le Maldive per davvero

Dall'alto, Malé, la capitale delle Maldive, sembra poco più che un campione di un'isola angusta. Chi lo visita non troverà palme da cocco sdraiate, spiagge da sogno, SPA o piscine a sfioro. Lasciati abbagliare dalla genuina vita quotidiana maldiviana che gli opuscoli turistici omettono.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal
Natura
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Namibe, Angola, Grotta, Parco Iona
Parchi Naturali
Namibe, Angola

Incursione nel Namibe angolano

Alla scoperta del sud dell'Angola, lasciamo Moçâmedes per l'interno della provincia desertica. Per migliaia di chilometri su terra e sabbia, l'asprezza del paesaggio non fa che rafforzare lo stupore della sua vastità.
Chiesa, Madonna, Vergine, Guadalupe, Messico
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
San Cristobal de las Casas a Campeche, Messico

Una staffetta di fede

Equivalente cattolico della sig. di Fatima, Nostra Signora di Guadalupe si muove e muove il Messico. I suoi fedeli si incrociano sulle strade del Paese, determinati a portare la prova della loro fede alla patrona delle Americhe.
I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
personaggi
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Sesimbra, Vila, Portogallo, vista dall'alto
Spiagge
Sesimbra, Portogallo

Un villaggio toccato da Midas

Non sono solo Praia da California e Praia do Ouro a chiuderla a sud. Al riparo dalle furie dell'Atlantico occidentale, dotata di altre insenature immacolate e dotata di fortificazioni secolari, Sesimbra è oggi un prezioso paradiso per la pesca e la balneazione.
Occupazione cinese del Tibet, Tetto del mondo, Le forze di occupazione
Religione
Lhasa, Tibete

La demolizione della campana del tetto del mondo

Qualsiasi dibattito sulla sovranità è accessorio e una perdita di tempo. Chiunque voglia lasciarsi abbagliare dalla purezza, dall'affabilità e dall'esotismo della cultura tibetana dovrebbe visitare il territorio il prima possibile. L'avidità della civiltà Han che muove la Cina non impiegherà molto a seppellire il Tibet millenario.
Chepe Express, Ferrovia Chihuahua Al Pacifico
Veicoli Ferroviari
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
Sfilata e sfarzo
Società
San Pietroburgo, Russia

La Russia va controcorrente. segui la marina

La Russia dedica l'ultima domenica di luglio alle sue forze navali. Quel giorno, una folla visita grandi barche ormeggiate nel fiume Neva mentre marinai annegati nell'alcol prendono il controllo della città.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Jeep attraversa Damaraland, Namibia
Animali selvatici
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.