PN Yala-Ella- Kandy, Sri Lanka

Viaggio nel cuore del tè dello Sri Lanka


In 2a classe
Passeggeri di 2a classe sul treno Ella - Kandy.
Freschezza tropicale
I bagnanti dello Sri Lanka rinfrescano le cascate di Ravona.
Sulla strada per la campagna
Il contadino guida due mucche attraverso la parte superiore della ringhiera del ponte dei nove archi.
Un ponte con 9 archi
Composizione attraversa il Ponte dei Nove Archi, a pochi chilometri dalla Stazione Ella.
il capostazione
Il capo della stazione ferroviaria di Ella, nel suo ufficio.
Modo d'espera
La famiglia dello Sri Lanka aspetta alla stazione ferroviaria di Ella.
convogli umani
I passeggeri lasciano la stazione di Ella sui binari.
piantagione di cha-Sri Lanka
Un mosaico delle vaste piantagioni di tè su entrambi i lati della linea nella zona tra Ella e Kandy.
Un pubblico a bordo
I passeggeri si godono la vista dalle porte e dai finestrini del treno.
In 2a classe
Passeggeri di 2a classe sul treno Ella - Kandy.
Passeggeri al finestrino Ella Kandy-Sri Lanka
I passeggeri si rinfrescano dai finestrini aperti e fuori dai finestrini.
il modo più ovvio
Passeggiate pedonali lungo la linea all'uscita della stazione di Nanu Oya.
una messa in onda rischiosa
I passeggeri si piegano verso l'esterno della composizione, all'ingresso di un tunnel.
La macchina motrice
Locomotiva in partenza dalla stazione di Nanu Oya.
Treno passeggeri sospeso-Ella Kandi-Sri Lanka
I passeggeri a seconda del treno si sono fermati in una stazione.
Lasciamo il lungomare di PN Yala verso Ella. Sulla strada per Nanu Oya, ci spostiamo attraverso la giungla su rotaie, tra le piantagioni del famoso Ceylon. Tre ore dopo, sempre in macchina, entriamo a Kandy, la capitale buddista che i portoghesi non sono mai riusciti a conquistare.

Abbiamo trascorso l'alba e il primo mattino vagando per la foresta di PN Yala, alla ricerca dei suoi leopardi sempre sfuggenti.

Verso mezzogiorno, proprietari e signori di fotografie mal disposte di esemplari troppo lontani o troppo nascosti, siamo tornati in compagnia dell'autista Ari e abbiamo iniziato il percorso che ci avrebbe portato a Ella.

Abbiamo superato Kataragama, Sella e il tempio indù locale dove i fedeli lodano Lord Ganesh. Dopo qualche chilometro sulla stessa strada, ci imbattiamo in veri e propri elefanti, intenti a mangiare la frutta degli alberi ai margini dell'asfalto.

A Buttala, giriamo a ovest. Pochi minuti dopo, Ari annuncia Wellawaya e, a breve, la prima tappa degna di questo nome: “Va bene, eccoci a Buduruwagala.

Questo è uno dei santuari buddisti più antichi e importanti dello Sri Lanka. Di solito chiudono presto, quindi siamo venuti più rapidamente e direttamente. Divertiti, sarò qui”.

Monaco buddista, sculture di Buduruwagala, Sri Lanka

Monaco buddista in visita alle antiche sculture di Buduruwagala.

Sosta a Buduruwagala, un santuario buddista millenario

Non che fosse necessario, ma la sequenza Sella-Kataragama – Buduruwagala ci ha mostrato ancora una volta la complessità religiosa della nazione singalese.

A tarda ora, quando siamo entrati nello spazio di Buduruwagala, la roccaforte naturale circostante sembrava essere da sola.

Millenario, il monumento è costituito da sette immagini scolpite una accanto all'altra, sulla faccia di una grande roccia annerita dal tempo. Sei di loro sono allineati accanto a un Buddha Avalokitesvara ora imbiancato, la più grande scultura di Buddha dello Sri Lanka. Si crede che uno di loro rappresenti Tara, la consorte di Buddha.

Uno sguardo più attento all'ampia superficie della roccia ci dimostra che dopotutto avevamo compagnia. In un angolo, ciascuno seduto sulla sua roccia arrotondata, due monaci buddisti ammiravano le sculture.

In segno di rispetto per la loro riverente pace, ci siamo tenuti a distanza, ma quando uno di loro ha camminato sulla lastra di pietra alla base del monumento e si è prostrato alla base del grande Buddha in preghiera, abbiamo colto l'occasione per arricchire le immagini che abbiamo preso da lì con una scala preziosa e un rapporto umano.

I monaci non tardarono a sciogliersi. Spinti dal percorso che avevamo ancora davanti a noi, abbiamo seguito il loro esempio.

La lenta e tortuosa ascesa per Ella

A poco a poco abbiamo lasciato le pianure del sud e abbiamo iniziato una salita tortuosa e lenta fino ai mille metri di quota di Ella. Lungo la strada, la giungla di montagna stava diventando più fitta. Era irrigato da innumerevoli vene che riportavano nell'Oceano Indiano l'acqua scaricata dalle piogge persistenti.

Piano piano, trattenuto dai successivi camion Tata (ma non solo), abbiamo raggiunto un meandro della strada attraversato da uno di questi ruscelli, frequentato da decine di singalesi che scendono da bus turistici con dipinti esuberanti.

Bagnanti dello Sri Lanka, Ravona, Sri Lanka

I bagnanti dello Sri Lanka si rinfrescano alle cascate di Ravona.

La delizia melodrammatica di Ravana Falls

Ari ferma la macchina. Ci consiglia di fare molta attenzione quando si cammina sulle pietre levigate che fiancheggiano il ripido corso delle cascate sopra, le cascate di Ravana.

“Ogni anno qualcuno ci si intrufola e già diversi turisti, anche stranieri, finiscono per morire. Trentasei finora, che ci crediate o no. Le autorità avrebbero già dovuto fare qualcosa in questo posto…”

Nonostante la drammaticità dell'avvertimento, ci siamo dedicati ad ammirare e registrare più che le cascate stesse, la frenesia balneare che vi generavano i singalesi in visita, data a faticosi bagni in sari o perizoma (a seconda del genere) sotto fontane cadute da piccoli stagni , o in raduni ben disposti negli stagni allora quasi poco profondi alimentati dalle cascate.

Attenti come siamo ai tumulti e alle agitazioni dei bagnanti, delle scimmie sinica I soffici animali dello Sri Lanka hanno colto le migliori opportunità per rubare snack e beni a ignari cugini umani.

Ella era a soli cinque chilometri di distanza, venti minuti di curve finali e controcurve. A quel punto, il risveglio mattutino stava iniziando a farsi sentire su di noi. Come sosteneva anche Ari.

Di conseguenza, siamo tornati in macchina e abbiamo completato il viaggio verso il pensione zona remota dove avevamo prenotato il nostro soggiorno.

Ci sistemiamo e diamo all'autista la libertà tanto agognata, con l'impegno doloroso di venirci a prendere alle otto del mattino.

Contadina e mucche, ponte dei nove archi, Sri Lanka

Il contadino guida due mucche attraverso la parte superiore della ringhiera del ponte dei nove archi.

L'epopea ferroviaria della sezione ferroviaria Ella - Kandy

Contemporaneamente abbiamo riposto le nostre valigie nel bagagliaio dell'auto, dopodiché Ari ci ha lasciati all'imbocco di una deviazione che portava in una valle attraversata dai binari della ferrovia Ella-Kandy. Sapevamo che il treno stava passando su un ponte di epoca coloniale, Ponte dos Nine Arcos.

Dopo una discesa lungo un sentiero delle capre fino al livello del binario. Ci stabiliamo in un luogo privilegiato per godercelo. Nel processo, i contadini successivi attraversarono il cosiddetto Sky Bridge, alcuni dei quali guidavano le mucche.

Infine, verso le 9:20, il convoglio è apparso dalla curva nascosta che precede la struttura. Innanzitutto una lunga e potente locomotiva.

A poco a poco, le undici carrozze trainate dalla macchina, l'insieme di un azzurro che si stagliava sul panorama vegetazione-tropicale circostante.

Composizione sul ponte a nove archi, Ella, Sri Lanka

Composizione attraversa il Ponte dei Nove Archi, a pochi chilometri dalla Stazione Ella.

Non eravamo gli unici dedicati a quel programma. Su altri pendii immersi nella vegetazione, su balconi e terrazze con vista panoramica su ristoranti e osterie intorno, diversi altri stranieri hanno ammirato il film ferroviario.

Breve convivialità con l'Autorità singalese

Ai lati del ponte, due poliziotti vestiti con le tradizionali uniformi color senape singalesi controllavano i movimenti degli estranei per evitare che le loro disavventure fotografiche finissero in tragedia.

Dopo essere scesi dal trespolo instabile che avevamo scelto, ci siamo seduti in un bar improvvisato nella foresta, tra il ponte e il tunnel che seguiva. Lì ne beviamo due stanco chiacchierando con JMWS Karunarathne e AWM Nandasena, il duo di autorità assegnato al ponte.

Rinvigoriti dal riposo e dal rinfresco dello yogurt, abbiamo seguito i binari fino alla stazione di Ella, a soli 2 km, dove saremmo saliti sul treno.

Come ci aspettavamo, i posti per turisti e di 2a classe con posto assegnato erano esauriti. Acquistiamo i biglietti per la 2a Classe Normale e ci sottoponiamo all'imprevisto.

La stagione affascinante di Ella

Durante la nuova attesa del treno, abbiamo fatto vita alla stazione di Ella a delizioso viaggio culturale.

Entriamo nel pittoresco ufficio del capostazione e lo fotografi, orgoglioso del suo posto, sotto le foto incorniciate del presidente dello Sri Lanka con una bandiera dello Sri Lanka sulla sua scrivania di mogano.

Capo della stazione ferroviaria di Ella, Sri Lanka

Il capo della stazione ferroviaria di Ella, nel suo ufficio.

Abbiamo esaminato, con inevitabile curiosità etnico-religiosa, l'ingresso del palco di una famiglia musulmana, le sue tre donne coperte chadar neri.

Tuttavia, l'improvvisa comparsa della composizione interruppe le battute di un gruppo di amici indiani sui binari e generò una frenetica disputa sul bordo della piattaforma.

Finalmente a bordo e in viaggio

Più confusione meno confusione, siamo riusciti ad insediarci alla porta di una delle carrozze che l'assoluto relax delle Ferrovie dello Stato dello Sri Lanka ci ha permesso - come tanti altri giovani acrobati passeggeri - di tenere aperti, di fungere da trespolo e provvidenziale aerazione per i venditori di cibo che camminavano da un capo all'altro della composizione senza sosta.

Passeggeri, treno Ella Kandy, Sri Lanka

Passeggeri di 2a classe sul treno Ella – Kandy.

Il treno scorreva con una scorrevolezza compromessa dai tanti meandri imposti dalla catena montuosa e dalle successive gallerie che la perforano.

Il tratto iniziale del percorso è stato effettuato attraverso una giungla un po' arida, preceduta da alberi di banana e papaia lungo il lungomare.

Ad un certo punto, già ad una quota più elevata, scorre tra vaste e ondulate piantagioni di tè, le stesse perfezionate dai coloni britannici e che continuano a produrre ed esportare il famoso tè di Ceylon, come è il caso della rinomata ed interminabile Edimburgo Stato. .

Badulla, Ohiya, Pattipola, Ambewela, le stagioni si susseguirono.

Ad ogni fermata, la composizione rinnovava la sua gente, i sari, le camicie lucide da uomo, le borse, i fagotti ei pacchi lanciati da entrambi i lati delle carrozze con il solito emergere e l'audacia di queste fermate sovraffollate.

Due giovani porcellini d'India, imbarcati da poco, rimangono incantati dal nostro trambusto fotografico.

Senza vergogna o cerimonia, richiedono la nostra attenzione con pose e pose più eleganti dietro sorrisi giovanili e occhiali economici che fingono di essere un aviatore.

In questi e altri intrattenimenti, non ci accorgiamo dell'arrivo alla fermata dove ci aspettava Ari. Solo lo stridulo avviso trasmesso dagli altoparlanti dal capostazione ci salva dal procedere invano.

Sbarco anticipato a Nanu Oya

Avevamo già percorso il tratto davvero imperdibile del tratto Ella-Kandy che Lonely Planet ha clamorosamente classificato come “Il viaggio in treno più bello del mondo”. Ok, in gran parte grazie al consiglio di Ari, siamo andati da Nanu Oya.

Non abbiamo trovato l'autista né sul primo né sul secondo. Abbiamo rinunciato a cercarlo.

Vediamo gli abitanti del paese camminare sui binari come se fosse una pista ed emuliamo i loro passi assurdi. Abbiamo finito per fotografare la composizione rossa che avevamo abbandonato attraversando un altro ponte locale.

Ari è apparso dal nulla. O meglio – così abbiamo calcolato – un altro dei suoi frequenti masala sedie a sdraio. Siamo tornati sull'auto ibrida su cui ci guidava e sull'asfalto.

Erano le due del pomeriggio. Kandy era a 85 km di distanza, tre ore nel peggiore dei casi. Avvertimmo Ari che avremmo proseguito senza fretta, con le soste necessarie, anche se fossimo arrivati ​​di notte. Detto fatto.

Due nel pomeriggio: l'ora della scoperta del tè singalese

abbiamo attraversato Nuwara Eliya, Altro stazione di collina postcoloniale, pieno di tè, ora coperto da una coltre di nebbia che irrigava le verdeggianti piantagioni.

Qualche chilometro più a nord, ci fermiamo alla fabbrica del tè di Glen Loch, anch'essa sintomatica del predominio coloniale scozzese da queste parti.

Ari parcheggia e ci lascia alla guida di servizio, Shiva Kala di suo nome, una singalese, se non dea della distruzione, del tempo e della morte (come gli dei che avevano ispirato il suo battesimo) almeno divina; la donna più bella e affascinante che avessimo incontrato in Sri Lanka, abbiamo concordato poco dopo, senza troppi attriti.

Seguiamo lei e le sue sorridenti narrazioni. Sentiamo l'odore delle foglie di tè verde. L'abbiamo confrontato con altre tostadas, da quella nera. Abbiamo assaggiato una serie di infusi aromatici e abbiamo dato un'occhiata al negozio, che è ben fornito di scatole e borse dai design accattivanti.

Siamo stati gli ultimi visitatori della fabbrica, in un pomeriggio piovoso.

Gli ultimi chilometri per Kandy

Abbiamo pensato che, sorrisi a parte, Shiva Kala doveva essere disposta a scambiarci per la sua famiglia e siamo felici di farlo.

Siamo arrivati ​​a Kandy alle otto e un quarto, un'ora tarda che ha reso Ari preoccupato per i viaggi a venire. Per compensare, ci lasciamo portare in un albergo dove potrebbe soggiornare gratuitamente. Ci pentiamo tre volte.

In ogni caso ci trovavamo a Kandy, cuore di Ceylon, nella storica Città-Regno che il Portogallo non riuscì mai a sottomettere e che, dal XVII secolo e dalla conquista olandese del Forte di Galle, precipitò il crollo del Ceylon portoghese,

Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Sigiriya, Sri Lanka

La fortezza capitale di un re parricidio

Kashyapa I è salito al potere dopo aver murato il monarca di suo padre. Temendo un probabile attacco del fratello erede al trono, trasferì la città principale del regno sulla sommità di un picco di granito. Oggi, il suo eccentrico rifugio è più accessibile che mai e ci ha permesso di esplorare la trama machiavellica di questo dramma singalese.
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Galle, Sri Lanka

Né Beyond né Short del leggendario Taprobane

Camões ha immortalato Ceylon come un punto di riferimento indelebile delle Scoperte dove Galle fu una delle prime fortezze controllate e cedute dai portoghesi. Passarono cinque secoli e Ceylon lasciò il posto allo Sri Lanka. Galle resiste e continua a sedurre esploratori dai quattro angoli della Terra.
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Kandy, Sri Lanka

Incursione nella Radice Dentale del Buddismo Singalese

Situata nel cuore montuoso dello Sri Lanka, alla fine del XV secolo Kandy divenne la capitale del regno dell'antico Ceylon, che resistette ai successivi tentativi coloniali di conquista. Divenne anche il suo nucleo buddista, a cui continua a contribuire il fatto che conservi un sacro dente del Buddha.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Safari
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Architettura & Design
Fortezze

Il mondo da difendere – Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Indiano incoronato
Cerimonie e Feste
Pueblos del Sur, Venezuela

Per alcuni Trás-os-Montes in Venezuela in Fiesta

Nel 1619, le autorità di Mérida dettarono l'insediamento del territorio circostante. Dall'ordine sono derivati ​​19 villaggi remoti, che abbiamo trovato dediti a celebrazioni con caretos e pauliteiros locali.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
Città
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
cibo
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
Cultura
Dali, Cina

Flash Mob di moda cinese

L'ora è fissata e il luogo è noto. Quando la musica inizia a suonare, una folla segue la coreografia in modo armonioso fino allo scadere del tempo e ognuno torna alla propria vita.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Vista da John Ford Point, Monument Valley, Nacao Navajo, Stati Uniti
In viaggio
Monument Valley, EUA

Indiani o Cowboy?

I produttori iconici di western come John Ford hanno immortalato quello che è il più grande territorio dei nativi americani negli Stati Uniti. Oggi, nella Navajo Nation, i Navajo vivono anche nei panni di vecchi nemici.
San Cristobal de Las Casas, Chiapas, Zapatismo, Messico, Cattedrale di San Nicolau
Etnico
San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Città del Capo, Sudafrica, Nelson Mandela
Storia
Città del Capo, Sud Africa

Alla Fine e al Capo

La traversata di Cabo das Tormentas, guidata da Bartolomeu Dias, ha trasformato questa punta quasi meridionale dell'Africa in una scala inevitabile. E, nel tempo, a Città del Capo, uno dei punti di incontro di civiltà e città monumentali sulla faccia della Terra.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Isole
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Aurora boreale, Laponia, Rovaniemi, Finlandia, Fire Fox
bianco inverno
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
Sulla corsia delitto e castigo, San Pietroburgo, Russia, Vladimirskaya
Letteratura
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di “Delitto e castigo”

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Natura
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
mini snorkeling
Parchi Naturali
Isole Phi Phi, Thailandia

Torna a Danny Boyle Beach

Sono passati 15 anni dal debutto del classico autostoppista tratto dal romanzo di Alex Garland. Il film ha reso popolari i luoghi in cui è stato girato. Poco dopo, alcuni di loro scomparvero temporaneamente ma letteralmente dalla mappa, ma oggi la loro controversa fama rimane intatta.
Mirador de La Peña, El Hierro, Isole Canarie, Spagna
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
El Hierro, Isole Canarie

L'orlo vulcanico delle Canarie e il Vecchio Mondo

Fino all'arrivo di Colombo nelle Americhe, El Hierro era visto come la soglia del mondo conosciuto e, per un certo periodo, il meridiano che lo delimitava. Mezzo millennio dopo, l'ultima isola occidentale delle Canarie ribolle di esuberante vulcanismo.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Soufriere e Pitons, Saint Luci
Spiagge
Soufriere, Santa Lucia

Le Grandi Piramidi delle Antille

In piedi sopra una costa lussureggiante, le cime sorelle Chiodi sono il segno distintivo di Santa Lucia. Sono diventati così iconici che hanno un posto riservato nelle note di testa dei dollari dei Caraibi orientali. Accanto, i residenti dell'ex capitale Soufrière sanno quanto sia preziosa la loro vista.
Mauritius, viaggio nell'Oceano Indiano, cascata di Chamarel
Religione
Maurizio

Una Mini India nell'Oceano Indiano

Nel XNUMX° secolo, i francesi e gli inglesi hanno combattuto per un arcipelago a est del Madagascar precedentemente scoperto dai portoghesi. Gli inglesi trionfarono, ricolonizzarono le isole con tagliatori di canna da zucchero del subcontinente ed entrambi ammisero la lingua, la legge e le modalità precedenti francofono. Da questo mix è emersa l'esotica Mauritius.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
Nissan, Moda, Tokyo, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

Moda di Tokyo

Nel Giappone ultra popoloso e ipercodificato, c'è sempre spazio per più raffinatezza e creatività. Che siano nazionali o importati, è nella capitale che iniziano a sfilare i nuovi look giapponesi.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Vita quotidiana
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
El Tatio Geyser, Atacama, Cile, Tra il ghiaccio e il caldo
Animali selvatici
El Tátio, Cile

Geyser El Tatio – Tra il ghiaccio e il caldo dell'Atacama

Circondato da vulcani supremi, il campo geotermico di El Tatio deserto di Atacama appare come un miraggio dantesco di zolfo e vapore a una quota ghiacciata di 4200 m. I suoi geyser e le sue fumarole attirano orde di viaggiatori.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.