PN Bromine Tengger Semeru, Indonesia

Il mare vulcanico di Giava


anelli di fuoco
I vulcani Semeru (in lontananza) e Bromo in piena attività.
Passi per l'inferno
Una scala in legno conduce al cratere del vulcano Bromo.
Nativi Tengger
Proprietario di uno dei cavalli che trasporta i visitatori nel mare di sabbia di Tengger.
in eruzione
Cenere e gas fluiscono dal cratere del vulcano Semeru nei cieli di Giava.
cumulo di zolfo
Il cratere fumoso e tossico del vulcano Bromo, uno dei più bassi ma più attivi del Tengger Sand Sea.
Un profilo di Java
Visitatore giavanese sulla vetta del monte Penanjakan (2770 m), che offre una vista privilegiata sul resto dei vulcani.
piccola notte buia
Una luna piena fa capolino dall'orlo della caldera di Tennger.
Registratore per sempre
Un viaggiatore europeo fotografa l'insieme dei vulcani nella caldera di Tengger
fede nella misericordia
Il tempio indù Luhur Poten, costruito dal popolo Tengger in riverenza per i loro dei e vulcani.
La gigantesca caldera di Tengger sorge a 2000 m nel cuore di una distesa sabbiosa di Giava orientale. Da esso si proiettano la montagna più alta di quest'isola indonesiana, Semeru, e molti altri vulcani. Dalla fertilità e dalla misericordia di questo scenario sublime come dantesco prospera una delle poche comunità indù che hanno resistito al predominio musulmano intorno.

Sempre fedeli al loro incarico a Surabaya e zelanti in quella particolare missione, la coppia di funzionari del Ministero del Turismo indonesiano Widarto e Bambang ci assicurano che il risveglio deve essere alle tre del mattino.

Siamo accigliati, ma siamo semplici estranei in quelle lontane terre di Bromo Tengger Semeru.

Anche riluttanti, abbiamo accettato l'indicazione e siamo tornati in camera soddisfatti con la certezza che, ancora una volta, poco o niente sarebbe andato a dormire.

In punto, bussano alla nostra porta. Già infilato nella sua semi-uniforme verde oliva, Mr. Bambang si assicura che ci svegliamo con un sorriso stampato che sa di sadismo. "Sono pronti? Ti aspettiamo dentro la jeep”. Siamo partiti preparati per tutto tranne che per la temperatura esterna.

Siamo in viaggio da mesi. Sicuramente vicino ai 4 o 5 gradi, quello era l'unico freddo degno di questo nome che ci offriva il sud-est asiatico. Siamo saliti sulla jeep.

Dopo alcune parole di cerimonia, il conduttore locale accende le luci e, lentamente, gli fa solcare il passo di una luna quasi piena sul terreno sabbioso della caldera di 50 km.2 che ci aveva ammesso.

Serata oltre il bordo della caldera di Tennger a Giava, in Indonesia

Una luna piena fa capolino dall'orlo della caldera di Tennger.

La salita notturna al monte Penanjakan

Altre jeep appaiono dal nulla. Alcuni ci superano.

Altri rimangono sullo sfondo. Questa danza motorizzata si conclude con una carovana di sei o sette veicoli, che poi si avvia sul sentiero ripido e peggiore delle capre che ci porterebbe in cima al monte Penanjakan.

Quando raggiungiamo i 2770 metri della sua vetta, anche senza vento forte, la frigidità si intensifica, stimiamo che si avvicini a 0 gradi. Un battaglione di venditori residenti trae profitto dalla difficile situazione dei visitatori più ignari.

Minuto dopo minuto, affittano cappotti, vendono guanti, cappelli e sciarpe e servono tè, caffè e cioccolate calde a prezzi gonfiati secondo le prime ore e l'urgenza dei loro servizi.

Le luci che illuminano l'operazione rendono più difficile riconoscere la configurazione del paesaggio che ci circonda. Allo stesso tempo, fuochi di diversi spettri punteggiavano l'oscurità, generata dalle lanterne e dai paliotti dei camminatori nei loro viaggi attraverso il Mare di Sabbia nelle profondità.

Potevamo essere all'oscuro del paesaggio, ma una cosa sapevamo: presto quella sezione della vetta sarebbe stata piena di gente e, come ci avevano detto Sílvia e Rafael, una coppia di viaggiatori spagnoli, la disputa sulla contemplazione ideale dell'alba sarebbe feroce, restituire i colori al cielo e alla famosa costellazione di vulcani nel Parco Nazionale Bromo Tengger Semeru.

La splendida vista dei grandi vulcani di Giava

Abbiamo aperto un giro di ricognizione. Facciamo i nostri studi. Chiediamo abbastanza per non commettere errori dannosi.

A seguito del processo, anche senza competizione, abbiamo montato il treppiede all'estremità di una lastra di cemento di fronte a dove avevamo concluso che si trovassero i vulcani, a scapito della direzione da cui sarebbe apparsa l'alba.

Per mezz'ora abbiamo sopportato il freddo praticamente da soli.

Ben presto, carovane sempre più grandi composte da altri alberghi e locande si intersecano alla base della montagna e completano la loro ascesa.

Visitatori in cima al monte Penanjakan a Java, Indonesia

Visitatore giavanese sulla vetta del monte Penanjakan (2770 m), che offre una vista privilegiata sul resto dei vulcani.

A poco a poco, la luminosità aumenta. I passeggeri appena arrivati ​​formano rapidamente la folla e l'animosità che erano state augurate per noi.

Il sole riemerge dietro le montagne opposte. Buona parte del pubblico preferisce accompagnarlo. Apprezziamo l'evoluzione tonale del set vulcanico in poi: il monte Batok appena sotto. Dietro, leggermente a sinistra, grigio invece che ocra, con le sue pendici anche elencate, il vulcano fumante Bromo.

Infine, nell'apparente sporgenza del monte Batok, ma a grande distanza a sud e molto più in alto, la montagna superiore dell'isola di Giava, il vulcano Semeru, con i suoi maestosi 3.676 metri, ben al di sopra del Il cratere del veleno di Ijen dove eravamo appena stati.

Semeru: un gigante dell'anello di fuoco

La grande stella si rivela in tutto il suo splendore e riscalda l'atmosfera sopra la caldera. In quel momento ha luogo la prima eruzione illuminata – e visibile – del Semeru, che le genera a intervalli regolari.

I vulcani Semeru (in lontananza) e Bromo a Giava, in Indonesia

I vulcani Semeru (in lontananza) e Bromo in piena attività.

Stordita dallo spettacolo del cono rovesciato svolazzante di ceneri e gas, la folla corre dal lato rivolto verso l'alba al lato rivolto verso i vulcani e lottando per ogni angolo vuoto.

Con la massima luminosità, quell'eccentrico assortimento vulcanico ha rivelato le sue forme e le sue linee in dettaglio. Informati che le mini-eruzioni di Semeru si ripetevano ogni venti minuti, ne aspettammo altre tre.

Tutto si è rivelato spettacolare. Tutti avevano le loro nuvole infuocate trascinate a ovest dal vento che soffiava costantemente in quella direzione.

Con l'ultima nuvola scomparsa, verso le sette del mattino, siamo tornati alla jeep, siamo scesi nella spumeggiante pianura del Tengger Sand Sea, l'unico ecosistema protetto con una vista un po' desertica a Giava.

Eruzione del vulcano Semeru, Java, Indonesia

Cenere e gas fluiscono dal cratere del vulcano Semeru nei cieli di Giava.

Il complesso di Tengger è eccentrico come sembra. Prodotto dell'incessante attività vulcanica caratteristica dell'Anello di Fuoco, cinque vulcani condividono l'interno delle pareti da 200 a 600 metri della sua caldera.

Sono il Batok e il Bromo, il Kursi (2.581 m), il Watangan (2.661 m) e il Widodaren (2.650 m). Del quintetto, Batok è l'unico inattivo.

Diverse altre montagne sopra i 2000 metri si ergono intorno alla caldera di Tengger. Il vulcano Semeru, che ci ha tenuto occupati per tutta la mattina, – chiamato anche Mahameru (La Grande Montagna) – polarizza il proprio complesso.

In quel momento era Bromo che ci interessava. Ecco dove puntiamo.

Alla conquista del Sacro Bromo

Con tanta riverenza per Semeru, quando siamo arrivati ​​alla base del Bromo, il flusso di visitatori stava già scendendo dal pendio, diretti ai veicoli. Alcuni scesero a piedi, altri a cavallo.

Capannone del vulcano Bromo, Java, Indonesia

Una scala in legno conduce al cratere del vulcano Bromo.

Decine di indigeni del villaggio di Cemoro Lawang e altrove avevano cercato di affittare loro i loro piccoli equini risparmiando così agli estranei più indolenti o impreparati la seccatura dell'ascesa.

Salimmo la lunga scalinata di legno. Sul ciglio della vetta possiamo contemplare le viscere fumose e sulfuree del vulcano. Di norma, il bromo si limita all'espulsione dei gas. Di tanto in tanto diventa capriccioso ed erutta.

Nel 2004, due persone hanno ceduto alle rocce lanciate da un'esplosione. Nel 2010 e nel 2011, la prospettiva prolungata di un'eruzione davvero catastrofica ha preoccupato più che mai le autorità e le persone.

L'istituzione di una zona di esclusione che oscillava tra i due ei tre chilometri ha rovinato il turismo.

Le eruzioni che hanno rilasciato enormi quantità di cenere ad alta quota hanno costretto alla cancellazione di decine di voli per Bali, Lombok e altre destinazioni con rotte vicine.

Le autorità hanno anche avvertito gli indigeni del rischio che i tetti delle loro case crollino a causa dell'accumulo di cenere, di tanto in tanto bagnata dalla pioggia.

L'eredità dell'induismo balinese dall'impero Majapahit

Ma le minacce dei vulcani non sono una novità per questo popolo che abita i villaggi dei Monti Tengger dal XVI secolo. Si ritiene che i Tengger abbiano avuto origine nell'impero indù Majapahit (1293-1500) che, al suo apice, conquistò o soggiogò gran parte del sud-est asiatico.

Nel XVI secolo, in un contesto in cui navigatori e conquistatori portoghesi avevano già il loro ruolo basato sulla Malacca appena conquistata, il Sultanato musulmano di Demak raggiunse la supremazia politico-militare sull'isola di Giava. Sconfitto i discendenti dell'Impero Majapahit che erano in guerra tra loro,

Di fede indù, questi furono costretti a cercare rifugio. Cortigiani, artigiani, sacerdoti e reali si trasferirono a Bali dove il loro lignaggio e la loro religione sono ora predominanti.

Con il rafforzamento del dominio musulmano a Giava, i regni indù cedettero dove avevano precedentemente resistito. Solo i rifugi di Bali, Lombok e le catene montuose orientali di Giava li salvarono da un più che probabile annientamento.

I Tengger, oggi allevatori e allevatori, compresi i cavalli che trasportano i visitatori, “guardiani” vulnerabili ai capricci di Bromo e di altri vulcani ma credenti nella loro misericordia e in quella degli dei, provengono da questi tempi conflittuali.

Proprietario di un cavallo nel mare di sabbia di Tengger a Java, Indonesia

Proprietario di uno dei cavalli che trasporta i visitatori nel mare di sabbia di Tengger

Con la successiva sovrappopolazione dell'isola di Madura, i suoi potenti musulmani iniziarono a stabilirsi nelle fertili e sacre terre dei Tengger. Molti Tengger alla fine si convertirono all'Islam.

Questo compromesso dispiacque ai suoi leader. Questi ultimi si sono rivolti agli indù balinesi per aiutarli a riformare la loro cultura e avvicinarla al più puro induismo di Bali.

La Fortezza Divina e ora Protetta da Bromo-Tengger-Semeru

In anni molto più recenti, le autorità del Indonesia ha scelto di rispettare le richieste dei Tengger. Hanno dichiarato le “loro” montagne e vulcani una riserva naturale e culturale. Hanno proibito molte delle macchie precedenti.

Dalla cima del Bromo, mentre Widarto e Bambang aspettano disperati nel parcheggio, rileviamo la sagoma rettangolare del tempio di Luhur Poten.

Questo tempio incarna la fede dei Tengger nella benedizione e nella misericordia di Ida Sang Hyang Widi Wasa e del dio di Mahameru (dal vulcano Semeru). Ma il tempio da solo non sembra soddisfare alcuni di loro.

Tempio indù di Luhur Poten, Java, Indonesia

Il tempio indù Luhur Poten, costruito dal popolo Tengger in riverenza per i loro dei e vulcani

Il quattordicesimo giorno della festa di Yadnya Kasada, dopo essersi radunati e aver pregato, i Tengger di un villaggio chiamato Prolinggo salgono sulla vetta del Bromo.

Sullo stretto orlo del vulcano, affacciati sull'abisso effervescente e sulla morte certa, centinaia di fedeli gettano nel cratere frutta, riso, ortaggi, fiori e piccolo bestiame, come offerte o sacrifici.

La cerimonia è stata concepita con la dignità e l'eleganza tipiche dell'induismo balinese. Eppure, col tempo, proprio questa doppia caratteristica aiutò ad ammettere che diversi indigeni bisognosi cominciarono a rischiare la vita armati di reti e altri utensili sottostanti, preparati a raccogliere quanto più possibile di ciò che veniva loro gettato vicino.

Alcuni credono che, più che cibo prezioso, le offerte porteranno loro fortuna. A dire il vero, deve ancora venire il giorno in cui i vulcani scacciano o distruggono i Tengger.

Fino ad allora, queste persone un tempo emarginate continueranno a prosperare grazie alla fertilità e all'esuberanza geologica delle loro montagne di fuoco.

Maggiori informazioni sul Bromo-Tengger-Semeru PN nella rispettiva pagina del UNESCO.

Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan "francese" alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
L'isola di Moyo, Indonesia

Moyo: un'isola indonesiana solo per pochi

Poche persone conoscono o hanno avuto il privilegio di esplorare la riserva naturale di Moyo. Una di loro era la principessa Diana che, nel 1993, vi si rifugiò dall'oppressione dei media che l'avrebbe vittimizzata.
La Palma, Isole CanarieSpagna

Il più mediatico dei cataclismi che accadrà

La BBC ha riferito che il crollo di un pendio vulcanico sull'isola della Palma potrebbe generare un mega tsunami. Ogni volta che l'attività vulcanica nell'area aumenta, i media colgono l'occasione per spaventare il mondo.
Big Island, Havai

Big Island delle Hawaii: Alla ricerca dei fiumi di lava

Ci sono cinque vulcani che fanno aumentare di giorno in giorno la grande isola delle Hawaii. Kilauea, la più attiva sulla faccia della Terra, rilascia costantemente lava. Nonostante questo, viviamo una sorta di epopea per intravederla.
Chili, Indonesia

Lombok. Il mare di Bali merita una sonda come questa

A lungo coperto dalla fama dell'isola vicina, resta da svelare lo scenario esotico di Lombok, sotto la sacra protezione del guardiano Gunung Rinjani, il secondo vulcano più grande dell'Indonesia.
Ijen Vulcano, Indonesia

Schiavi di zolfo del vulcano Ijen

Centinaia di giavanesi si arrendono al vulcano Ijen dove vengono consumati da gas velenosi e carichi che deformano le loro spalle. Ogni turno guadagna meno di 30 euro, ma tutti sono grati per il martirio.
Chili, Indonesia

Lombok: l'induismo balinese su un'isola dell'Islam

La fondazione dell'Indonesia era basata sulla fede in un Dio. Questo principio ambiguo ha sempre generato polemiche tra nazionalisti e islamisti, ma a Lombok i balinesi prendono a cuore la libertà di culto.
Mauna Kea, Havai

Mauna Kea: Un vulcano con un occhio nello spazio

Il tetto delle Hawaii era proibito ai nativi perché ospitava divinità benevole. Ma dal 1968 in poi, diverse nazioni sacrificarono la pace degli dei ed eressero la più grande stazione astronomica sulla faccia della Terra.
Vulcano Villarrica, Cile

Salita al Cratere del Vulcano Villarrica, Sempre in Attività

Pucón abusa della fiducia della natura e prospera ai piedi del monte Villarrica.Abbiamo seguito questo cattivo esempio attraverso sentieri ghiacciati e abbiamo conquistato il cratere di uno dei vulcani più attivi del Sud America.
Isole Gili, Indonesia

Gili: le isole dell'Indonesia che il mondo chiama "isole"

Sono così umili da essere conosciuti con il termine bahasa che significa solo isole. Nonostante siano discreti, i Gili sono diventati il ​​rifugio preferito dei viaggiatori di passaggio Chili o Bali.
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
Architettura & Design
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
Fatica nei toni del verde
Cerimonie e Feste
Suzdal, Russia

A Suzdal, Pepino è celebrato per Pepino

Con l'estate e il clima caldo, la città russa di Suzdal si rilassa dalla sua millenaria ortodossia religiosa. Il centro storico è anche famoso per avere i migliori cetrioli della nazione. Quando arriva luglio, trasforma il appena raccolto in una vera festa.
Santo Domingo, Città Coloniale, Repubblica Dominicana, Diego Colombo
Città
Santo Domingo, Repubblica Dominicana

L'antico coloniale più longevo delle Americhe

Santo Domingo è la colonia abitata più lunga del Nuovo Mondo. Fondata nel 1498 da Bartolomeo Colombo, la capitale della Repubblica Dominicana conserva intatto un vero tesoro di resilienza storica.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Cultura
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Barca e timoniere, Cayo Los Pájaros, Los Haitises, Repubblica Dominicana
In viaggio
Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani

Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.
valle profonda, terrazze di riso, batad, filippine
Etnico
Familiare, Filippine

Le terrazze che sostengono le Filippine

Oltre 2000 anni fa, ispirati dal loro dio del riso, il popolo Ifugao si sviluppò sulle pendici di Luzon. Il cereale che vi coltivano gli indigeni nutre ancora una parte significativa del paese.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Cebu, Mactan, Filippine, Pantano di Magellano
Storia
Mactan, Cebu, Filippine

La quaglia di Magellano

Erano trascorsi quasi 19 mesi di navigazione pionieristica e travagliata intorno al mondo quando l'esploratore portoghese ha commesso l'errore della sua vita. Nelle Filippine, il boia Datu Lapu Lapu conserva gli onori di eroe. In Mactan, una statua in bronzo del suo supereroe tribale sembra sovrapposta alla palude di mangrovie della tragedia.
Isola di Montserrat, Plymouth, vulcano Soufriere, sentiero per il vulcano
Isole
Montserrat, Piccole Antille

L'isola vulcanica che rifiuta di dormire

Nelle Antille abbondano i vulcani chiamati Soufrière. Quello di Montserrat, risvegliato nel 1995, rimane uno dei più attivi. Alla scoperta dell'isola, rientriamo nell'area di esclusione ed esploriamo le aree ancora incontaminate dalle eruzioni.  
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Letteratura
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Manatee Creek, Florida, Stati Uniti d'America
Natura
Florida Keys, EUA

Il trampolino di lancio dei Caraibi degli Stati Uniti

Os Stati Uniti i continenti sembrano finire, a sud, nella sua capricciosa penisola della Florida. Non si fermano qui. Più di cento isole di corallo, sabbia e mangrovie formano un'eccentrica distesa tropicale che ha sedotto a lungo i vacanzieri nordamericani.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Parchi Naturali
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
ghiacciai

Pianeta blu-ghiacciato

Si formano ad alte latitudini e/o altitudini. In Alaska o in Nuova Zelanda, in Argentina o in Cile, i fiumi di ghiaccio sono sempre impressionanti visioni di una Terra tanto gelida quanto inospitale.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
batteria e tatuaggi
Spiagge
Tahiti, Polinesia Francese

Tahiti oltre il cliché

Le vicine Bora Bora e Maupiti hanno uno scenario eccezionale, ma Tahiti è stata a lungo conosciuta come il paradiso e c'è di più da vivere sull'isola più grande e popolosa della Polinesia francese, il suo millenario cuore culturale.
Percorso in conflitto
Religione
Gerusalemme, Israele

Per le strade deliziose della Via Dolorosa

A Gerusalemme, percorrendo la Via Dolorosa, i credenti più sensibili si rendono conto di quanto sia difficile raggiungere la pace del Signore nei vicoli più contesi della faccia della terra.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Singapore, Isola del Successo e Monotonia
Società
Singapore

L'isola del successo e della monotonia

Abituata a pianificare e vincere, Singapore seduce e recluta persone ambiziose da tutto il mondo. Allo stesso tempo, sembra annoiare a morte alcuni dei suoi abitanti più creativi.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Animali selvatici
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.