Pirenópolis, Brasile

Crociate brasiliane


bambino tra i re
Il bambino è sorpreso quando si vede elevato tra il re moresco e il cristiano, alla fine dei Cavalhadas.
artigiano del divino
Un residente di Pirenópolis ritocca parte dell'armatura che sarà usata dal re moresco durante i Cavalhadas.
Proprio dentro
Il cavaliere moresco impala una testa e guadagna punti durante una delle numerose prove.
Forme di curcuma
Sagome di persone mascherate che socializzano per le strade del centro storico di Pirenópolis.
Capitolazione
Il cavaliere moresco si sottomette a un cristiano dopo la sconfitta dei Mori nei Cavalhadas.
Pirenopolis Cavalhódromo
Persone mascherate cavalcano al Cavalhódromo de Pirenópolis.
cucitura
La madre del re cristiano termina il costume indossato dal figlio nei Cavalhada che si avvicinano.
Costume da bebè e moresco
Il bambino passa accanto al costume del re moresco presso la fattoria del Pirenopolino scelta per questo ruolo nelle Cavalhadas.
mascherato a cavallo
Mascarado cammina per le vie del centro storico di Pirenópolis.
Attesa montata
Mascarado attende il ritorno di un congenere durante le Cavalhadas de Pirenópolis.
mascherato BR
Pose mascherate all'ingresso di una stazione di servizio a Pirenópolis.
ansioso mascherato
Un gruppo di persone mascherate attende un nuovo permesso per entrare in scena nelle Cavalhadas de Pirenópolis.
Pubblico
Gli spettatori seguono l'azione dei Cavalhadas in uno stand improvvisato al Cavalhódromo de Pirenópolis.
Obiettivo eccentrico
Masquerade beve birra attraverso uno dei buchi del naso della sua maschera.
Torneo
Il pubblico accompagna il galoppo di un cavaliere moresco durante una gara di Cavalhadas.
ombra mascherata
L'ombra di un gruppo di persone mascherate nel backstage del Cavalhódromo.
Ser Pompeo
Il presentatore das Cavalhadas è circondato da persone mascherate.
Gli eserciti cristiani espulsero le forze musulmane dalla penisola iberica nel XVI secolo. XV ma, a Pirenópolis, nello stato brasiliano di Goiás, continuano a trionfare i sudamericani di Carlo Magno.

Siamo arrivati ​​all'una del pomeriggio.

Il popolo mascherato lascia il posto alla solenne cavalcata degli “eserciti” cristiani e moreschi diretti verso il Cavalhódromo de Pirenópolis di recente costruzione.

Le panchine sono a pigna. Risuona la voce quasi divina del produttore e presentatore Sôr Pompeu, in pieno annuncio del corteo di apertura. Composto da musicisti e majorette, il corteo fa il giro del campo e accoglie il pubblico.

È guidato da una ragazza sexy della terra decorata con fasce.

Una volta completato il tour, il momento clou dell'evento delle ambasciate e delle battaglie ha il via libera.

Infine, ci rendiamo conto del motivo di così tante prove precedenti. Le coreografie sono complesse e noiose. Ci sono colpi di scena, anche scontri improvvisi, ritiri e dialoghi interminabili pronunciati in a riproduzione che richiede l'accompagnamento gestuale di re e ambasciatori.

La baldoria Desvairada del Curucucus mascherato

Per alleggerire lo spettacolo si aprono le porte alla follia del popolo mascherato. Questi invadono al galoppo e, allo scadere del tempo, resistono all'espulsione dal tappeto erboso come se fossero una terza armata.

“Queste Masquerade dovranno comunque andarsene. Non puoi più ritardare!” risuona dagli altoparlanti il ​​sempre più impaziente ser Pompeu.

cavalhodromo, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

Persone mascherate cavalcano al Cavalhódromo de Pirenópolis.

I 20 minuti di folli passeggiate a cavallo intorno al recinto che gli ha concesso sono passati da tempo. Le esagerazioni si sono ripetute dall'inizio dell'evento. Niente che turba l'incoscienza collettiva del cosiddetto curucucus.

L'abuso delizia gli spettatori. Dopotutto, il Festa do Divino ei Cavalhada sono fatti della dedizione e devozione, sia religiosa che profana, dei suoi partecipanti. Tutti tollerano che i cavalieri moreschi e cristiani siano troppo brillanti.

Al di là delle battaglie combattute, a dispetto del predominio degli striscioni di saluto, di vassallaggio e di autopromozione delle più importanti famiglie e dei politici regionali, i mascherati approfittano anche del loro anonimato per esporre manifesti di contestazione politica: «La gente non cambia quando arrivano al potere, si rivelano” dice uno dei più esuberanti.

La tradizionale irriverenza del curucuco deriva dalla sua presenza, tanto bastarda quanto tardiva, a Cavalhadas.

attesa a cavallo, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

Mascarado attende il ritorno di un congenere durante le Cavalhadas de Pirenópolis.

Per molti anni, poiché non si svolgevano in battaglie combattute come un torneo medievale, le persone che rappresentano erano semplici spettatori di cerimonie svolte da ricchi e potenti.

Una volta legittimata la loro partecipazione, protetta da travestimenti colorati e da cartone animato (teste di uomini e di bue, unicorni, giaguari, ecc.) e da sussurri appena percettibili, le Masquerade si sono rivelate difficili da controllare.

sagome mascherate, cavalcate di pirenopoli, crociate, brasile

Sagome di persone mascherate che socializzano per le strade del centro storico di Pirenópolis.

La battaglia in modalità torneo medievale di Cavalhadas

Le Crociate tornano al Cavalhódromo. Diventa presto chiaro che le ambasciate della tregua e dell'intimidazione reciproca sono infruttuose. Il conflitto resta. La gente gioisce più che mai.

Le teste dei burattini venivano poste per essere aperte con un soffio e quindi testare la maestria dei cavalieri nell'uso della lancia e... della pistola, un anacronismo che non è stato rilevato o che non interessava a nessuno.

C'è anche il ring test, un classico medievale che aumenta la suspense ogni volta che i cavalieri al galoppo alzano le lance.

testa di spiedini di cavaliere, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

Il cavaliere moresco impala una testa e guadagna punti durante una delle numerose prove.

I punti sono annotati. Alla fine, per fedeltà storica, vincono sempre i cristiani. Per consumare il trionfo dei fedeli, i Mori si arrendono e si sottomettono, inginocchiati, alle spade dei crociati. Segue una scaletta, a piedi, dei corridori che vengono accolti da amici e familiari.

Quando la Festa das Cavalhadas ritorna a Pirenópolis

Ecco, i tour centro pieno del ritorno della folla del Cavalhódromo. La maggior parte degli estranei viene da Brasilia, Goiânia e altri villaggi intorno. Alcuni vengono da molto più lontano.

Da San Paolo, da Rio, anche dall'estero. Tutti frequentano Pirenópolis attratti dalla bellezza sempre più popolare della festa. Durante la manifestazione le auto sono vietate nel centro storico.

Questo vantaggio consente alle persone mascherate di impadronirsi delle strade larghe.

Li attraversano senza senso. Si fermano solo a posare per le foto pubbliche e chiedono piccoli contributi per comprare il loro carburante: la birra fredda.

l'uomo mascherato beve birra, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

Masquerade beve birra attraverso uno dei buchi del naso della sua maschera.

Il rifiuto è raro. Siamo nella stagione secca della regione del Midwest brasiliano. Il calore preme. Soprattutto quando trascorri ore all'interno di una tuta in fibra con il testa in una maschera di cartone.

Al calar della notte, i cavalieri tornarono sotto i riflettori. A quel punto, insieme, Mori e cristiani cavalcano e scaricano le pistole in aria. 

L'ultimo rituale, di gran lunga il più rumoroso, stabilisce la chiusura ufficiale delle Cavalhadas e riporta Pirenópolis alla pace di Dio.

Fino al mese di maggio del prossimo anno. 

Origine di Cavalhadas: dal Regno dei Franchi al cuore di Goiás

Le Cavalhadas de Pirenópolis sono una rievocazione degli attacchi di Carlo Magno contro i Mori che, all'epoca dell'VIII secolo, occupavano la penisola iberica.

Per tutto il Medioevo, attraverso i crociati ei trovatori, le loro gesta divennero popolari nell'Europa cristiana. Hanno dato luogo a rappresentazioni ben accolte anche in Portogallo.

pubblico nel torneo, cavalhadas de pirenopolis, crociate, Brasile

Il pubblico accompagna il galoppo di un cavaliere moresco durante una gara di Cavalhadas.

I Gesuiti portarono questi allestimenti in Brasile, ancora nel loro periodo di massimo splendore e con l'autorizzazione della Corona, che li vedeva come uno strumento efficace per evangelizzare gli indigeni e gli schiavi africani.

La messa in scena popolare di padre Manuel Amâncio da Luz

Arrivarono a Pirenópolis e nella regione circostante l'attuale stato di Goiás, nel 1826, quando padre Manuel Amâncio da Luz integrò una mostra intitolata “Battaglione di Carlo Magno"in Festa dello Spirito Santo, anche prima portato dal Portogallo.

La notizia ha avuto un'accoglienza miracolosa. Pirenópolis era, quindi, una città di minatori, principalmente dal nord della metropoli dove la lunga resistenza alle invasioni moresche e ai successivi attacchi e conquiste arrivò a forgiare la nazione portoghese.

bevanda tra i re, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

Il bambino è sorpreso quando si vede elevato tra il re moresco e il cristiano, alla fine dei Cavalhadas.

D'altra parte, lo spettacolo fin dalla tenera età attribuiva personaggi potenti (re e cavalieri) ai cittadini più in vista della città. Li avevamo personaggi montati.

La controversa promozione del nuovo Cavalhódromo di Pirenópolis

Questa realtà andava contro la passione generale della popolazione locale per i cavalli e l'equitazione. Tale passione diventa molto evidente durante il Festa do Divino, quando il suono degli zoccoli contro le pietre dei marciapiedi di Pirenópolis diventa ambient.

All'inizio, i Cavalhadas venivano messi in scena in un campo di terreno segnato dalla calce. I partecipanti indossavano uniformi militari d'epoca piuttosto che l'attuale abbigliamento medievale.

L'impegno che i Pirenopolino dedicarono loro – in quanto dediti alla Festa del Divino in genere – portò alla realizzazione di abiti “medievali” per cavalieri e cavalli, comprensivi di armi e armature.

sarta, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

La madre del re cristiano termina il costume indossato dal figlio nei Cavalhada che si avvicinano.

Nel 2012 il campo spoglio ha lasciato il posto a un grande Cavalhódromo, prato, dotato di un portico cristiano e uno moresco, con grandi panchine in cemento e capanne familiari, quest'ultime in legno. Diversi settori della comunità di Pirepolina hanno accusato i responsabili di aver tenuto lontane le persone dal partito.

pubblico e spettatori, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

Gli spettatori seguono l'azione dei Cavalhadas in uno stand improvvisato al Cavalhódromo de Pirenópolis.

Quando abbiamo parlato con la moglie di Toninho – un emblematico ex re moresco – abbiamo scoperto che la festa non era sempre confinata nella città e nemmeno nello stato brasiliano di Goiás.

L'Ambasciata dei Cavalieri del Divino in Francia Grafina de Chantilly

L'onorevole Telma ci dice che, nel 2005, in Francia è stato celebrato l'anno del Brasile. In quell'occasione, l'organizzazione gallica invitò un entourage di 30 Pirenei, – con dispiacere delle mogli della città, tutti uomini – a Chantilly (un grande villaggio storico a pochi passi da Parigi).

L'idea era di presentare le Cavalhadas de Pirenópolis ai francesi e la mostra finale è andata alla perfezione. I preparativi includevano esilaranti imbrogli.

Molti dei motociclisti non avevano mai lasciato lo stato di Goiás, tanto meno viaggiato in aereo e cambiato continente per affrontare il delicato etichetta francese.

Per ovvi motivi logistici, i cavalli dei Pirenei rimasero a casa. E i cavalieri dei Cavalhadas dovettero insegnare alle cavalcature francesi i colpi di scena delle battaglie tra mori e cristiani.

capitolazione, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

Il cavaliere moresco si sottomette a un cristiano dopo la sconfitta dei Mori nei Cavalhadas.

La sfida si è rivelata tutt'altro che pacifica. Nelle terre dei “Piri” i cavalli venivano trattati con la forza, con fruste e speroni.

A Chantilly, i cavalieri brasiliani, abituati alla superiorità del loro ruolo di re e nobili, venivano rimproverati per il minimo tocco che davano agli animali francesi e si indignavano ogni volta che i guardiani locali, a titolo di ricompensa, baciavano in bocca le loro cavalcature.

“Ma quella non era la cosa peggiore…”, continua a dirci la signora Telma: “Come se non bastasse, i francesi cercarono di imporre questo raffinato metodo ai cavalieri di Pirenópolis ai quali davano anche zollette di zucchero così che, oltre ai baci, si offrivano ai cavalli quando gli animali superavano le prove…”

artigiano, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

Un residente di Pirenópolis ritocca parte dell'armatura che sarà usata dal re moresco durante i Cavalhadas.

I Pirenopolini continuarono a resistere. E i francesi quasi crollarono quando scoprirono che non solo persistevano nei loro rapporti crudeli con i cavalli, ma divoravano le zollette di zucchero.

Sulla via del ritorno, il trattamento "effeminato" degli europei nei confronti degli animali rimase argomento di conversazione e di risate fino ai successivi Cavalhadas, quando il potente e pirepolitano esercito di Carlo Magno sconfisse ancora una volta gli infedeli.

Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Pirenópolis, Brasile

Una Polis nei Pirenei sudamericani

Le miniere di Nossa Senhora do Rosário da Meia Ponte furono costruite da pionieri portoghesi, nel periodo di massimo splendore del ciclo dell'oro. Per nostalgia, probabilmente gli emigranti catalani chiamavano le montagne intorno ai Pirenei. Nel 1890, già in un'era di indipendenza e di innumerevoli ellenizzazioni delle loro città, i brasiliani battezzarono questa città coloniale Pirenópolis.
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
Bacolod, Filippine

Un festival per ridere della tragedia

Intorno al 1980, il valore dello zucchero, importante fonte di ricchezza sull'isola filippina di Negros, crollò e il traghetto"Don Juan” che la serviva affondò e morirono più di 176 passeggeri, la maggior parte dei quali neri. La comunità locale ha deciso di reagire alla depressione generata da questi drammi. Nasce così MassKara, una festa impegnata a recuperare i sorrisi della popolazione.
Militare

Difensori delle loro terre d'origine

Anche in tempo di pace, rileviamo personale militare ovunque. In servizio nelle città, svolgono missioni di routine che richiedono rigore e pazienza.
San Giovanni d'Acri, Israele

La fortezza che ha resistito a tutto

Era un obiettivo frequente delle Crociate e fu preso e riconquistato più e più volte. Oggi, israeliano, Acri è condiviso da arabi ed ebrei. Vive in tempi molto più sereni e stabili di quelli che ha vissuto.
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Curitiba, Brasile

La vita elevata di Curitiba

Non è solo l'altitudine di quasi 1000 metri a cui si trova la città. Cosmopolita e multiculturale, la capitale del Paraná ha un indice di qualità della vita e sviluppo umano che la rendono un caso a sé in Brasile.

Florianopolis, Brasile

L'eredità delle Azzorre dell'Atlantico meridionale

Durante il XNUMX° secolo, migliaia di isolani portoghesi perseguirono una vita migliore nella parte meridionale del Brasile. Negli insediamenti da loro fondati abbondano tracce di affinità con le origini.

Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Lenzuola Bahia, Brasile

La libertà paludosa di Quilombo do Remanso

Gli schiavi fuggiaschi sopravvissero per secoli in una zona umida della Chapada Diamantina. Oggi il quilombo di Remanso è simbolo della loro unione e resistenza, ma anche dell'esclusione a cui sono stati votati.
Ilhabela, Brasile

Ilhabela: Dopo l'orrore, la bellezza atlantica

Il novanta per cento della foresta atlantica preservata, cascate idilliache e spiagge dolci e selvagge sono all'altezza del suo nome. Ma, se andiamo indietro nel tempo, sveliamo anche l'orribile aspetto storico di Ilhabela.
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Fogli da Bahia, Eternal Diamonds, Brasile
Architettura & Design
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Salto in avanti, Naghol di Pentecoste, Bungee Jumping, Vanuatu
Cerimonie e Feste
Pentecoste, Vanuatu

Pentecoste Naghol: Bungee Jumping per uomini seri

Nel 1995, il popolo di Pentecoste minacciò di citare in giudizio le società di sport estremi per aver rubato loro il rituale di Naghol. In termini di audacia, l'imitazione elastica è molto inferiore all'originale.
Palazzo di Cnosso, Creta, Grecia
Città
Iraklio, CretaGrecia

Da Minos a Meno

Arriviamo ad Iraklio e, per quanto riguarda le grandi città, la Grecia si ferma lì. Per quanto riguarda la storia e la mitologia, la capitale di Creta è infinitamente ramificata. Minosse, figlio di Europa, aveva sia il suo palazzo che il labirinto in cui era rinchiuso il minotauro. Gli arabi, i bizantini, i veneziani e gli ottomani passarono per Iraklio. I Greci che lo abitano non gli danno il dovuto.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Controllo corrispondenza
Cultura
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Portico d'ingresso a Ellikkalla, Uzbekistan
In viaggio
Uzbekistan

Viaggio attraverso lo Pseudo-Tar in Uzbekistan

Passarono i secoli. Le vecchie e fatiscenti strade sovietiche tagliano i deserti e le oasi un tempo percorse dalle carovane del Via della Seta. Soggetto al suo giogo per una settimana, sperimentiamo ogni sosta e incursione nei luoghi e nei paesaggi uzbeki come ricompense della strada storica.
sagome islamiche
Etnico

Istanbul, Turchia

Dove l'oriente incontra l'occidente, la Turchia cerca una via

Una metropoli emblematica e grandiosa, Istanbul vive a un bivio. Poiché la Turchia in generale, divisa tra laicità e islam, tradizione e modernità, non sa ancora che strada prendere

Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Bangkas sull'isola di Coron, Filippine
Storia
Coron, Busuanga, Filippine

La segreta ma piccola armata giapponese

Nella seconda guerra mondiale, una flotta giapponese non riuscì a nascondersi al largo di Busuanga e fu affondata da aerei statunitensi. Oggi i suoi relitti sottomarini attirano migliaia di subacquei.
Semina, Lombok, Mare di Bali, Isola della Sonda, Indonesia
Isole
Chili, Indonesia

Lombok. Il mare di Bali merita una sonda come questa

A lungo coperto dalla fama dell'isola vicina, resta da svelare lo scenario esotico di Lombok, sotto la sacra protezione del guardiano Gunung Rinjani, il secondo vulcano più grande dell'Indonesia.
Cavalli sotto bufera di neve, Islanda Fuoco senza fine dell'isola di neve
bianco inverno
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
silhouette e poesia, cora coralina, old goias, brasile
Letteratura
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Crociera Navimag, da Puerto Montt a Puerto-natales, in Cile
Natura
Puerto Natales-Porto Montt, Cile

Crociera su una nave mercantile

Dopo una lunga elemosina di viaggiatori zaino in spalla, la compagnia cilena NAVIMAG ha deciso di accoglierli a bordo. Da allora, molti viaggiatori hanno esplorato i canali della Patagonia insieme a container e bestiame.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Nube lenticolare, Mount Cook, Nuova Zelanda
Parchi Naturali
Mount Cook, Nova Zelândia

Nubi del Monte Fura

Aoraki/Mount Cook può essere molto al di sotto del tetto del mondo, ma è la montagna più imponente e più alta della Nuova Zelanda.
Mtshketa, Città Santa della Georgia, Caucaso, Cattedrale di Svetitskhoveli
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Mtsketa, Georgia

La città santa della Georgia

Se Tbilisi è la capitale contemporanea, Mtskheta è stata la città che ha ufficializzato il cristianesimo nel regno di Iberia, predecessore della Georgia, e che ha diffuso la religione in tutto il Caucaso. Chi visita vede come, dopo quasi due millenni, è il cristianesimo a governare la vita lì.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
personaggi
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
La Digue, Seychelles, Anse d'Argent
Spiagge
La Digue, Seychelles

Granito tropicale monumentale

Le spiagge nascoste da una giungla lussureggiante, fatte di sabbia corallina bagnata da un mare turchese-smeraldo, sono tutt'altro che rare nell'Oceano Indiano. La Digue si è ricreata. Intorno alla sua costa spuntano massicci scogli che l'erosione ha scolpito come un eccentrico e solido omaggio del tempo al Natura.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
Religione
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Vulcano Ijen, schiavi di zolfo, Java, Indonesia
Società
Ijen Vulcano, Indonesia

Schiavi di zolfo del vulcano Ijen

Centinaia di giavanesi si arrendono al vulcano Ijen dove vengono consumati da gas velenosi e carichi che deformano le loro spalle. Ogni turno guadagna meno di 30 euro, ma tutti sono grati per il martirio.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Fattoria São João, Pantanal, Miranda, Mato Grosso do Sul, tramonto
Animali selvatici
Fattoria Sao Joao, Miranda, Brasile

Pantanal con il Paraguay in vista

Quando l'azienda agricola Passo do Lontra ha deciso di espandere il proprio ecoturismo, ha reclutato l'altra azienda agricola di famiglia, São João. Più lontano dal fiume Miranda, quest'altra proprietà rivela un remoto Pantanal, ai margini del Paraguay. Dal paese e dal fiume omonimo.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.