Pirenópolis, Brasile

Crociate brasiliane


bambino tra i re
Il bambino è sorpreso quando si vede elevato tra il re moresco e il cristiano, alla fine dei Cavalhadas.
artigiano del divino
Un residente di Pirenópolis ritocca parte dell'armatura che sarà usata dal re moresco durante i Cavalhadas.
Proprio dentro
Il cavaliere moresco impala una testa e guadagna punti durante una delle numerose prove.
Forme di curcuma
Sagome di persone mascherate che socializzano per le strade del centro storico di Pirenópolis.
Capitolazione
Il cavaliere moresco si sottomette a un cristiano dopo la sconfitta dei Mori nei Cavalhadas.
Pirenopolis Cavalhódromo
Persone mascherate cavalcano al Cavalhódromo de Pirenópolis.
cucitura
La madre del re cristiano termina il costume indossato dal figlio nei Cavalhada che si avvicinano.
Costume da bebè e moresco
Il bambino passa accanto al costume del re moresco presso la fattoria del Pirenopolino scelta per questo ruolo nelle Cavalhadas.
mascherato a cavallo
Mascarado cammina per le vie del centro storico di Pirenópolis.
Attesa montata
Mascarado attende il ritorno di un congenere durante le Cavalhadas de Pirenópolis.
mascherato BR
Pose mascherate all'ingresso di una stazione di servizio a Pirenópolis.
ansioso mascherato
Un gruppo di persone mascherate attende un nuovo permesso per entrare in scena nelle Cavalhadas de Pirenópolis.
Pubblico
Gli spettatori seguono l'azione dei Cavalhadas in uno stand improvvisato al Cavalhódromo de Pirenópolis.
Obiettivo eccentrico
Masquerade beve birra attraverso uno dei buchi del naso della sua maschera.
Torneo
Il pubblico accompagna il galoppo di un cavaliere moresco durante una gara di Cavalhadas.
ombra mascherata
L'ombra di un gruppo di persone mascherate nel backstage del Cavalhódromo.
Ser Pompeo
Il presentatore das Cavalhadas è circondato da persone mascherate.
Gli eserciti cristiani espulsero le forze musulmane dalla penisola iberica nel XVI secolo. XV ma, a Pirenópolis, nello stato brasiliano di Goiás, continuano a trionfare i sudamericani di Carlo Magno.

Siamo arrivati ​​all'una del pomeriggio.

Il popolo mascherato lascia il posto alla solenne cavalcata degli “eserciti” cristiani e moreschi diretti verso il Cavalhódromo de Pirenópolis di recente costruzione.

Le panchine sono a pigna. Risuona la voce quasi divina del produttore e presentatore Sôr Pompeu, in pieno annuncio del corteo di apertura. Composto da musicisti e majorette, il corteo fa il giro del campo e accoglie il pubblico.

È guidato da una ragazza sexy della terra decorata con fasce.

Una volta completato il tour, il momento clou dell'evento delle ambasciate e delle battaglie ha il via libera.

Infine, ci rendiamo conto del motivo di così tante prove precedenti. Le coreografie sono complesse e noiose. Ci sono colpi di scena, anche scontri improvvisi, ritiri e dialoghi interminabili pronunciati in a riproduzione che richiede l'accompagnamento gestuale di re e ambasciatori.

La baldoria Desvairada del Curucucus mascherato

Per alleggerire lo spettacolo si aprono le porte alla follia del popolo mascherato. Questi invadono al galoppo e, allo scadere del tempo, resistono all'espulsione dal tappeto erboso come se fossero una terza armata.

“Queste Masquerade dovranno comunque andarsene. Non puoi più ritardare!” risuona dagli altoparlanti il ​​sempre più impaziente ser Pompeu.

cavalhodromo, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

Persone mascherate cavalcano al Cavalhódromo de Pirenópolis.

I 20 minuti di folli passeggiate a cavallo intorno al recinto che gli ha concesso sono passati da tempo. Le esagerazioni si sono ripetute dall'inizio dell'evento. Niente che turba l'incoscienza collettiva del cosiddetto curucucus.

L'abuso delizia gli spettatori. Dopotutto, il Festa do Divino ei Cavalhada sono fatti della dedizione e devozione, sia religiosa che profana, dei suoi partecipanti. Tutti tollerano che i cavalieri moreschi e cristiani siano troppo brillanti.

Al di là delle battaglie combattute, a dispetto del predominio degli striscioni di saluto, di vassallaggio e di autopromozione delle più importanti famiglie e dei politici regionali, i mascherati approfittano anche del loro anonimato per esporre manifesti di contestazione politica: «La gente non cambia quando arrivano al potere, si rivelano” dice uno dei più esuberanti.

La tradizionale irriverenza del curucuco deriva dalla sua presenza, tanto bastarda quanto tardiva, a Cavalhadas.

attesa a cavallo, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

Mascarado attende il ritorno di un congenere durante le Cavalhadas de Pirenópolis.

Per molti anni, poiché non si svolgevano in battaglie combattute come un torneo medievale, le persone che rappresentano erano semplici spettatori di cerimonie svolte da ricchi e potenti.

Una volta legittimata la loro partecipazione, protetta da travestimenti colorati e da cartone animato (teste di uomini e di bue, unicorni, giaguari, ecc.) e da sussurri appena percettibili, le Masquerade si sono rivelate difficili da controllare.

sagome mascherate, cavalcate di pirenopoli, crociate, brasile

Sagome di persone mascherate che socializzano per le strade del centro storico di Pirenópolis.

La battaglia in modalità torneo medievale di Cavalhadas

Le Crociate tornano al Cavalhódromo. Diventa presto chiaro che le ambasciate della tregua e dell'intimidazione reciproca sono infruttuose. Il conflitto resta. La gente gioisce più che mai.

Le teste dei burattini venivano poste per essere aperte con un soffio e quindi testare la maestria dei cavalieri nell'uso della lancia e... della pistola, un anacronismo che non è stato rilevato o che non interessava a nessuno.

C'è anche il ring test, un classico medievale che aumenta la suspense ogni volta che i cavalieri al galoppo alzano le lance.

testa di spiedini di cavaliere, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

Il cavaliere moresco impala una testa e guadagna punti durante una delle numerose prove.

I punti sono annotati. Alla fine, per fedeltà storica, vincono sempre i cristiani. Per consumare il trionfo dei fedeli, i Mori si arrendono e si sottomettono, inginocchiati, alle spade dei crociati. Segue una scaletta, a piedi, dei corridori che vengono accolti da amici e familiari.

Quando la Festa das Cavalhadas ritorna a Pirenópolis

Ecco, i tour centro pieno del ritorno della folla del Cavalhódromo. La maggior parte degli estranei viene da Brasilia, Goiânia e altri villaggi intorno. Alcuni vengono da molto più lontano.

Da San Paolo, da Rio, anche dall'estero. Tutti frequentano Pirenópolis attratti dalla bellezza sempre più popolare della festa. Durante la manifestazione le auto sono vietate nel centro storico.

Questo vantaggio consente alle persone mascherate di impadronirsi delle strade larghe.

Li attraversano senza senso. Si fermano solo a posare per le foto pubbliche e chiedono piccoli contributi per comprare il loro carburante: la birra fredda.

l'uomo mascherato beve birra, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

Masquerade beve birra attraverso uno dei buchi del naso della sua maschera.

Il rifiuto è raro. Siamo nella stagione secca della regione del Midwest brasiliano. Il calore preme. Soprattutto quando trascorri ore all'interno di una tuta in fibra con il testa in una maschera di cartone.

Al calar della notte, i cavalieri tornarono sotto i riflettori. A quel punto, insieme, Mori e cristiani cavalcano e scaricano le pistole in aria. 

L'ultimo rituale, di gran lunga il più rumoroso, stabilisce la chiusura ufficiale delle Cavalhadas e riporta Pirenópolis alla pace di Dio.

Fino al mese di maggio del prossimo anno. 

Origine di Cavalhadas: dal Regno dei Franchi al cuore di Goiás

Le Cavalhadas de Pirenópolis sono una rievocazione degli attacchi di Carlo Magno contro i Mori che, all'epoca dell'VIII secolo, occupavano la penisola iberica.

Per tutto il Medioevo, attraverso i crociati ei trovatori, le loro gesta divennero popolari nell'Europa cristiana. Hanno dato luogo a rappresentazioni ben accolte anche in Portogallo.

pubblico nel torneo, cavalhadas de pirenopolis, crociate, Brasile

Il pubblico accompagna il galoppo di un cavaliere moresco durante una gara di Cavalhadas.

I Gesuiti portarono questi allestimenti in Brasile, ancora nel loro periodo di massimo splendore e con l'autorizzazione della Corona, che li vedeva come uno strumento efficace per evangelizzare gli indigeni e gli schiavi africani.

La messa in scena popolare di padre Manuel Amâncio da Luz

Arrivarono a Pirenópolis e nella regione circostante l'attuale stato di Goiás, nel 1826, quando padre Manuel Amâncio da Luz integrò una mostra intitolata “Battaglione di Carlo Magno"in Festa dello Spirito Santo, anche prima portato dal Portogallo.

La notizia ha avuto un'accoglienza miracolosa. Pirenópolis era, quindi, una città di minatori, principalmente dal nord della metropoli dove la lunga resistenza alle invasioni moresche e ai successivi attacchi e conquiste arrivò a forgiare la nazione portoghese.

bevanda tra i re, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

Il bambino è sorpreso quando si vede elevato tra il re moresco e il cristiano, alla fine dei Cavalhadas.

D'altra parte, lo spettacolo fin dalla tenera età attribuiva personaggi potenti (re e cavalieri) ai cittadini più in vista della città. Li avevamo personaggi montati.

La controversa promozione del nuovo Cavalhódromo di Pirenópolis

Questa realtà andava contro la passione generale della popolazione locale per i cavalli e l'equitazione. Tale passione diventa molto evidente durante il Festa do Divino, quando il suono degli zoccoli contro le pietre dei marciapiedi di Pirenópolis diventa ambient.

All'inizio, i Cavalhadas venivano messi in scena in un campo di terreno segnato dalla calce. I partecipanti indossavano uniformi militari d'epoca piuttosto che l'attuale abbigliamento medievale.

L'impegno che i Pirenopolino dedicarono loro – in quanto dediti alla Festa del Divino in genere – portò alla realizzazione di abiti “medievali” per cavalieri e cavalli, comprensivi di armi e armature.

sarta, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

La madre del re cristiano termina il costume indossato dal figlio nei Cavalhada che si avvicinano.

Nel 2012 il campo spoglio ha lasciato il posto a un grande Cavalhódromo, prato, dotato di un portico cristiano e uno moresco, con grandi panchine in cemento e capanne familiari, quest'ultime in legno. Diversi settori della comunità di Pirepolina hanno accusato i responsabili di aver tenuto lontane le persone dal partito.

pubblico e spettatori, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

Gli spettatori seguono l'azione dei Cavalhadas in uno stand improvvisato al Cavalhódromo de Pirenópolis.

Quando abbiamo parlato con la moglie di Toninho – un emblematico ex re moresco – abbiamo scoperto che la festa non era sempre confinata nella città e nemmeno nello stato brasiliano di Goiás.

L'Ambasciata dei Cavalieri del Divino in Francia Grafina de Chantilly

L'onorevole Telma ci dice che, nel 2005, in Francia è stato celebrato l'anno del Brasile. In quell'occasione, l'organizzazione gallica invitò un entourage di 30 Pirenei, – con dispiacere delle mogli della città, tutti uomini – a Chantilly (un grande villaggio storico a pochi passi da Parigi).

L'idea era di presentare le Cavalhadas de Pirenópolis ai francesi e la mostra finale è andata alla perfezione. I preparativi includevano esilaranti imbrogli.

Molti dei motociclisti non avevano mai lasciato lo stato di Goiás, tanto meno viaggiato in aereo e cambiato continente per affrontare il delicato etichetta francese.

Per ovvi motivi logistici, i cavalli dei Pirenei rimasero a casa. E i cavalieri dei Cavalhadas dovettero insegnare alle cavalcature francesi i colpi di scena delle battaglie tra mori e cristiani.

capitolazione, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

Il cavaliere moresco si sottomette a un cristiano dopo la sconfitta dei Mori nei Cavalhadas.

La sfida si è rivelata tutt'altro che pacifica. Nelle terre dei “Piri” i cavalli venivano trattati con la forza, con fruste e speroni.

A Chantilly, i cavalieri brasiliani, abituati alla superiorità del loro ruolo di re e nobili, venivano rimproverati per il minimo tocco che davano agli animali francesi e si indignavano ogni volta che i guardiani locali, a titolo di ricompensa, baciavano in bocca le loro cavalcature.

“Ma quella non era la cosa peggiore…”, continua a dirci la signora Telma: “Come se non bastasse, i francesi cercarono di imporre questo raffinato metodo ai cavalieri di Pirenópolis ai quali davano anche zollette di zucchero così che, oltre ai baci, si offrivano ai cavalli quando gli animali superavano le prove…”

artigiano, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile

Un residente di Pirenópolis ritocca parte dell'armatura che sarà usata dal re moresco durante i Cavalhadas.

I Pirenopolini continuarono a resistere. E i francesi quasi crollarono quando scoprirono che non solo persistevano nei loro rapporti crudeli con i cavalli, ma divoravano le zollette di zucchero.

Sulla via del ritorno, il trattamento "effeminato" degli europei nei confronti degli animali rimase argomento di conversazione e di risate fino ai successivi Cavalhadas, quando il potente e pirepolitano esercito di Carlo Magno sconfisse ancora una volta gli infedeli.

Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Pirenópolis, Brasile

Una Polis nei Pirenei sudamericani

Le miniere di Nossa Senhora do Rosário da Meia Ponte furono costruite da pionieri portoghesi, nel periodo di massimo splendore del ciclo dell'oro. Per nostalgia, probabilmente gli emigranti catalani chiamavano le montagne intorno ai Pirenei. Nel 1890, già in un'era di indipendenza e di innumerevoli ellenizzazioni delle loro città, i brasiliani battezzarono questa città coloniale Pirenópolis.
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
Bacolod, Filippine

Un festival per ridere della tragedia

Intorno al 1980, il valore dello zucchero, importante fonte di ricchezza sull'isola filippina di Negros, crollò e il traghetto"Don Juan” che la serviva affondò e morirono più di 176 passeggeri, la maggior parte dei quali neri. La comunità locale ha deciso di reagire alla depressione generata da questi drammi. Nasce così MassKara, una festa impegnata a recuperare i sorrisi della popolazione.
Militare

Difensori delle loro terre d'origine

Anche in tempo di pace, rileviamo personale militare ovunque. In servizio nelle città, svolgono missioni di routine che richiedono rigore e pazienza.
San Giovanni d'Acri, Israele

La fortezza che ha resistito a tutto

Era un obiettivo frequente delle Crociate e fu preso e riconquistato più e più volte. Oggi, israeliano, Acri è condiviso da arabi ed ebrei. Vive in tempi molto più sereni e stabili di quelli che ha vissuto.
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Curitiba, Brasile

La vita elevata di Curitiba

Non è solo l'altitudine di quasi 1000 metri a cui si trova la città. Cosmopolita e multiculturale, la capitale del Paraná ha un indice di qualità della vita e sviluppo umano che la rendono un caso a sé in Brasile.

Florianopolis, Brasile

L'eredità delle Azzorre dell'Atlantico meridionale

Durante il XNUMX° secolo, migliaia di isolani portoghesi perseguirono una vita migliore nella parte meridionale del Brasile. Negli insediamenti da loro fondati abbondano tracce di affinità con le origini.

Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Lenzuola Bahia, Brasile

La libertà paludosa di Quilombo do Remanso

Gli schiavi fuggiaschi sopravvissero per secoli in una zona umida della Chapada Diamantina. Oggi il quilombo di Remanso è simbolo della loro unione e resistenza, ma anche dell'esclusione a cui sono stati votati.
Ilhabela, Brasile

Ilhabela: Dopo l'orrore, la bellezza atlantica

Il novanta per cento della foresta atlantica preservata, cascate idilliache e spiagge dolci e selvagge sono all'altezza del suo nome. Ma, se andiamo indietro nel tempo, sveliamo anche l'orribile aspetto storico di Ilhabela.
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
dall'ombra
Architettura & Design
Miami, EUA

Un capolavoro di riabilitazione urbana

All'inizio del 25° secolo, il quartiere di Wynwood era ancora pieno di fabbriche e magazzini abbandonati e pieni di graffiti. Tony Goldman, un astuto investitore immobiliare, acquistò oltre XNUMX proprietà e fondò un parco murale. Molto più che rendere omaggio ai graffiti lì, Goldman ha fondato il grande bastione della creatività di Miami.
Alture tibetane, mal di montagna, trattamento per la prevenzione della montagna, viaggi
Aventura

Mal di montagna: non male. Fa schifo!

Quando si viaggia, a volte ci troviamo di fronte alla mancanza di tempo per esplorare un luogo tanto imperdibile quanto elevato. La medicina e le precedenti esperienze con la malattia da altitudine impongono di non rischiare di salire in fretta.
Fatica nei toni del verde
Cerimonie e Feste
Suzdal, Russia

A Suzdal, Pepino è celebrato per Pepino

Con l'estate e il clima caldo, la città russa di Suzdal si rilassa dalla sua millenaria ortodossia religiosa. Il centro storico è anche famoso per avere i migliori cetrioli della nazione. Quando arriva luglio, trasforma il appena raccolto in una vera festa.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Città
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
cibo
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Swaziland, Valle Ezulwini, Villaggio Culturale Mantenga
Cultura
Valle Ezulwini, Eswatini

Intorno alla Valle Reale e Celeste di Swaziland

Estendendosi per quasi 30 km, la valle di Ezulwini è il cuore e l'anima del vecchio Swaziland. Lì si trova Lobamba, tradizionale capitale e sede della monarchia, a breve distanza dalla capitale di fatto, Mbabane. Verde e panoramica, profondamente storica e culturale, la valle rimane ancora oggi il cuore turistico del regno di eSwatini.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Devils Marbles, da Alice Springs a Darwin, Stuart hwy, Top End Way
In viaggio
Alice Springs a Darwin, Australia

Stuart Road, sulla strada per il Top End australiano

Do Red Center fino al tropicale Top End, la Stuart Highway corre per oltre 1.500 chilometri solitari attraverso l'Australia. Lungo il percorso, il Territorio del Nord cambia radicalmente aspetto ma rimane fedele alla sua anima ruvida.
Tetti grigi, Lijiang, Yunnan, Cina
Etnico
Lijiang, Cina

Una città grigia ma piccola

Viste da lontano, le sue vaste case sono lugubri, ma i secolari marciapiedi e canali di Lijiang sono più popolari che mai. Una volta, questa città brillava come la grande capitale del popolo Naxi. Oggi, inondazioni di visitatori cinesi competono per il quasi parco a tema che è diventato una tempesta.
fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
Isola di Praslin, Sea Cocos, Seychelles, Baia dell'Eden
Storia

Praslin, Seychelles

 

L'Eden degli enigmatici Coconuts-of-the-Sea

Per secoli, i marinai arabi ed europei hanno creduto che il seme più grande del mondo, che hanno trovato sulle coste dell'Oceano Indiano a forma di fianchi voluttuosi di una donna, provenisse da un albero mitico sul fondo degli oceani. L'isola sensuale che li ha sempre generati ci ha lasciato estasiati.
Barche con fondo di vetro, Kabira Bay, Ishigaki
Isole
Ishigaki, Giappone

Tropici giapponesi insoliti

Ishigaki è una delle ultime isole del trampolino di lancio che si estende tra Honshu e Taiwan. Ishigakijima ospita alcune delle spiagge e dei paesaggi costieri più incredibili di queste parti dell'Oceano Pacifico. I sempre più giapponesi che li visitano si divertono a fare il bagno poco o meno.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
bianco inverno
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Natura
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Fuga da Seljalandsfoss
Parchi Naturali
Islândia

Isola di fuoco, ghiaccio, cascate e cascate

La cascata suprema d'Europa si precipita in Islanda. Ma non è l'unico. In quest'isola boreale, con pioggia o neve costante e nel mezzo della battaglia tra vulcani e ghiacciai, cadono infiniti torrenti.
La Skyway attraversa la Jamison Valley
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Katoomba, Australia

Le Tre Sorelle delle Montagne Azzurre

Situate a ovest di Sydney, le Blue Mountains costituiscono una delle zone più ambite dai turisti. ozzie e stranieri in cerca di evasione. Sono attratti dalla bellezza naturale vista da Katoomba, dalle scogliere aguzze delle Tre Sorelle e dalle cascate che si riversano sulla Jamison Valley. All’ombra di questa frenesia turistica, persiste la consueta emarginazione delle origini e della cultura aborigena locale.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
personaggi
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Viti Levu, Isole Fiji, Sud Pacifico, barriera corallina
Spiagge
Viti Levu, Fiji

Isole ai margini delle isole Plantadas

Una parte sostanziale delle Fiji conserva le espansioni agricole dell'era coloniale britannica. Nel nord e al largo della grande isola di Viti Levu, ci imbattiamo anche in piantagioni che da tempo erano conosciute solo di nome.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Tabatô, Guinea Bissau, tabanca Mandingo musicisti. Baidi
Società
Tabato, Guinea Bissau

La Tabanca dei Mandinga Poeti Musicisti

Nel 1870, una comunità di musicisti mandingo itineranti si stabilì vicino all'attuale città di Bafatá. Dai Tabatô che hanno fondato, la loro cultura e, in particolare, i loro prodigiosi balafonisti, abbagliano il mondo.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Maria Jacarés, Pantanal Brasile
Animali selvatici
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.