Little Havana, EUA

L'Avana degli anticonformisti


una specie di portale
Resident passa davanti al morale che accoglie chi visita Little Havana.
Parco Domino
Il domino e il centro sociale dove migliaia di cubani socializzano quotidianamente.
Sigari Art District
Lionel Mackoy e un amico fumano sigari cubani fuori dall'Art District Cigars.
galli cubani
Una delle tante sculture di gallo sparse per le strade di Little Havana.
ciao america
Graffiti di evidente ispirazione cubana in un vicolo nascosto a Little Havana.
Presidenti delle Americhe
Il murale di Domino Park che illustra i presidenti di stato dei Caraibi e delle Americhe, durante il vertice del 1994.
In cielo e in terra
L'aereo statunitense sorvola la costa della Florida e, in apparenza, la facciata del Teatro de las Bellas Artes.
post matinée
L'edificio del Tower Theatre, una sorta di faro multiculturale del quartiere.
Nel corso dei decenni e fino ad oggi, migliaia di cubani hanno attraversato lo Stretto della Florida alla ricerca della terra della libertà e dell'opportunità. Con gli Stati Uniti a soli 145 km di distanza, molti non sono andati oltre. La sua Little Havana a Miami è oggi il quartiere più emblematico della diaspora cubana.

La griglia geometrica in cui il grande e moderna miami.

Anche così, le nuove tecnologie di navigazione, le varie sgargianti sculture di galli che rappresentano l'orgoglio civico dei residenti e la concentrazione di attività concettualmente cubane ci danno la certezza che siamo arrivati ​​a Little Havana.

Come per ogni visitatore, l'obiettivo principale del viaggio in questa capitale cubana “B” è Calle ocho, il cuore lineare del quartiere. Memorizziamo rapidamente i riferimenti.

Ora scegliamo come perpendicolare alla 16th o 17th Street. Da questi incroci, percorriamo Ocho fino a raggiungere il pittoresco Parco Domino dove otteniamo un parcheggio gratuito, cosa rara da quelle parti.

Parco “Máximo Gómez”: Centro di Convivialità e Assemblea Politica di Little Havana

Frequentato da dozzine di cubani stanziali, il Parco Domino “Máximo Gómez” funziona come una sorta di assemblea locale.

All'ingresso, diversi uomini, di mezza età e più anziani, con cappelli tipiche dell'isola madre condividono due o tre panchine stradali. Condividono anche il fumo di sigaro che a molti di loro piace fumare.

Nella maggior parte dei casi, il loro esodo dal soffocamento dittatoriale imposto dal compianto Fidel Castro non sarà stato facile.

Può essere il modo di parlare latino, ma quando ci si avvicina a loro, ci dà l'idea che celebrano la libertà al volume più alto che le loro corde vocali possono raggiungere.

Parco Domino

Il domino e il centro sociale dove migliaia di cubani socializzano quotidianamente.

Il dibattito politico è così acceso che temiamo che i contendenti vadano in pezzi. La presenza continua di una guardia giurata in una casetta disordinata in un angolo di Domino Park fa pensare che, se succede, non sarà la prima volta.

Il contributo di Little Havana e Florida Cubana alle elezioni di Donald Trump

Al momento della nostra visita, Donald Trump aveva vinto la presidenza degli Stati Uniti per meno di un mese. Il suo trionfo nello stato della Florida si rivelò decisivo. Contro ogni aspettativa, il voto dei cubano-americani a Miami è stato determinante in questo risultato e buona parte degli analisti ha accusato Barack Obama.

Il 14 ottobre 2016, il presidente uscente ha allentato l'embargo su Cuba consentendo ai visitatori statunitensi di portare quantità illimitate di sigari e rum dall'isola. Dodici giorni dopo, Obama ha fatto astenere gli Stati Uniti per la prima volta in un voto delle Nazioni Unite contro lo stesso embargo.

Le misure avranno scontento soprattutto i cubano-americani più anziani che non capiscono lo sfogo della condanna del regime cubano senza aprirsi dall'altra parte dello stretto.

Trump, questo, non ha perdonato. Il 25 ottobre ha incontrato la Bay of Pigs Veterans Association e ha ricevuto il loro sostegno.

Ha anche approfittato del vantaggio per accusare Obama e Hillary Clinton di aiutare il regime ora guidato da Raul Castro. Allo stesso tempo, ha incitato controversie mai immaginate prima all'interno delle famiglie e delle diverse generazioni di cubani esiliati o dei loro discendenti.

Vita colorata e latina a Domino Park e Little Havana in generale

Per esuberante com'era, la discussione a cui stavamo assistendo non era altro che l'espressione del conflitto inaspettato, con un'estensione sui tavoli del domino dove i pezzi si scontravano sotto una rara tensione ludica.

Ci siamo concentrati sul castigliano e abbiamo superato la stranezza e la reticenza dei giocatori di fronte al nostro approccio con le telecamere pronte. Alcuni giocatori si sentono liberi di prendere in giro i rivali con punti deboli: “Fotografa il gringo qui! Ha sempre voluto fare il modello” spara uno di loro deridendo il giocatore accanto a lui che nasconde il rintocco tra le mani e la faccia sotto un cappello di coboia.

Li lasciamo per un momento. Indaghiamo il murale in cui compaiono le figure dei Presidenti dei Caraibi e del Sud America, dipinto nel 1994, quando Miami ospitò un vertice delle Americhe.

Presidenti delle Americhe

Il murale di Domino Park che illustra i presidenti di stato dei Caraibi e delle Americhe, durante il vertice del 1994.

Un nuovo alterco, questa volta tra due giocatori, richiede ancora una volta la nostra attenzione e quella della guardia giurata che esita tra intervenire e vedere cosa succede.

Al di là delle ringhiere del parco, Calle Ocho occupa la vita dei residenti di Little Havana, in questi giorni non sono più solo cubani, anche se continuano ad arrivare.

Calle Ocho e le altre non così iconiche calle di Little Havana

Ora possiede anche nicaraguensi e honduregni, afroamericani e circa il 10% di bianchi non ispanici, molti dei quali sono proprietari di nuove attività nelle aree più ambite di Miami, tra cui Miami Beach.

Abbiamo trascorso tre fine settimana a Little Havana, sotto i morbidi tramonti della calda stagione invernale e secca di Miami, con il sole che sfumava in un arancione quasi comunista a ovest delle case basse e dei semplici neon che reclamavano le retine degli estranei. .

Di fronte al Parco Domino, il Tower Theatre brilla di eleganza.

post matinée

L'edificio del Tower Theatre, una sorta di faro multiculturale del quartiere.

Durante la fine degli anni '50 e '60, quando innumerevoli profughi cubani arrivarono a Miami e Calle Ocho accolse gli inizi di balseros e altri, i film proiettati nelle loro sale servivano come passatempo ma, anche se inconsciamente, come introduzione alla vita americana.

Il Tower Theatre di Little Havana: una finestra sul mondo di quartiere

Questo è successo per quasi 60 anni fino a quando, nel 1984, il cinema è stato chiuso. Nel 2002, la Miami Dade State University ha assunto il loro destino.

Da allora ha ospitato il Festival Internazionale di Fine Miami. In questi giorni, la stanza funziona come una sorta di faro del multiculturalismo di Little Havana.

Sfoggia un look Miami Medea e proietta film correlati prodotti in tutto il mondo. La Walk of Fame locale, che onora le star latine del mondo dello spettacolo, comprende la ballerina cubana di salsa Célia Cruz e la cantante Glória Estefan.

Twilight entra in scena. Ci affrettiamo ad apprezzare altri murales su Calle Ocho, i suoi vicoli e le strade perpendicolari graffiate con la bellezza di un'ottava arte. Abbiamo sete.

una specie di portale

Resident passa davanti al morale che accoglie chi visita Little Havana.

Entriamo in un piccolo bar-ristorante dove un quasi anziano commensale cubano al bancone e ha una comoda conversazione con la cameriera che più lo seduce, il tutto nel dolce e musicale castigliano dei caraibi, con la Florida Keys e Key West, appena sotto.

Le Eccentriche Limitazioni Alcoliche Locali

Ci siamo seduti tre sedie una accanto all'altra. Chiediamo un frullato e una birra Hatuey, Cuban Style Ale ma prodotta in Florida come ogni altra cosa cubana da quelle parti, dopo la dolorosa inversione di tendenza promulgata dall'aggravarsi dell'embargo del 1962.

“Qui vendiamo bevande solo a chi compra anche cibo!” ci informa del giovane impiegato che presto torna a socializzare con il cliente senior. "Ma questa è una regola delle autorità di Miami o è qualcosa qui dal bar?" ribattiamo leggermente indignati.

"No, no! Questo, tanto per cambiare, è solo di qui al bar. Il capo ha le sue ragioni”. «Be', se è così, avremo due empanadas, come quelle laggiù. Li sceglieremo lì".

Recuperiamo energia. Tornando a Calle Ocho, ci troviamo in una scena notturna.

In cielo e in terra

L'aereo statunitense sorvola la costa della Florida e, in apparenza, la facciata del Teatro de las Bellas Artes.

Senza sapere davvero come, torniamo presto al campo cinematografico.

L'inaspettata conversazione con un cosiddetto Samuel L. Jackson

A immagine di Cuba, Little Havana non ha senso senza i suoi negozi, fabbriche e sale da sigaro.

Ne abbiamo fotografato uno, gli “Art District Cigars” quando un cliente dentro la vetrina decide di pasticciare con noi e animare le immagini. Pochi minuti dopo, siamo tornati al negozio fumoso.

Sigari Art District

Lionel Mackoy e un amico fumano sigari cubani fuori dall'Art District Cigars.

Seduto in compagnia di un amico su un terrazzino davanti alla porta, lo stesso uomo sfacciato si avvicina a noi. Lo abbiamo guardato e avremmo potuto giurare che stavamo affrontando Samuel L. Jackson, ma non vogliamo essere frettolosi poiché, almeno nei film in cui è, Jackson è un vero camaleonte.

Spinto dall'alcol e desideroso di socializzare e divertirsi, l'uomo tira fuori un sigaro e parla mentre il suo amico si difende, intimidito dalla copertura mediatica che ci aveva visto dare prima all'establishment.

Fino a quando Alberto, un terzo compagno che aveva vissuto in Brasile, aveva amici lì e si ostinava a praticare il suo portoghese arrugginito. E Marco, il titolare della struttura. Sembrava che tutti si conoscessero da molto tempo.

In quel periodo, l'afroamericano con cui stavamo litigando, si presentò ma fu interrotto dal proprietario del locale. “Aspetta, è ora che ti imporrà un nome. Ma non vedi chi è? Questa faccia non ti dice niente? Sono Samuel L. Jackson, ragazzi!

Siamo rimasti sbalorditi. Dopotutto, vero? “Di fronte al nostro dubbio, il bersaglio dell'attenzione fino ad allora estroverso e spudorato appare confuso. “No, non sono niente! Lui è matto." Abbiamo riesaminato il tuo profilo.

Abbiamo scoperto che o lo indossava apposta per passare inosservato, oppure l'abito che indossava era troppo classico per l'attore che interpretava Jules, il gangster sempre bello da "Pulp Fiction”. Decidiamo di far fluire la conversazione ma la situazione diventa solo più eccentrica.

L'intervento di un ciclista cubano che era in guerra in Angola

Passa un ciclista nero che sembra ubriaco. Inizia chiedendoci qualche dollaro ma diversifica il suo approccio e finisce per scoprire che siamo portoghesi.

“Portoghese, non posso crederci! Ero militare. Sai che stavo combattendo in Angola?!” “È vero?”, abbiamo chiesto al gruppo di amici, eravamo sempre più sopraffatti da tanta incertezza e surrealismo.

“È vero che è stato in molti posti, ma se fossi in te non mi importerebbe molto. Si stanca di inventare".

Se dobbiamo credere alle sue prime parole, il consiglio è venuto da Lionel McKoy, non da Samuel L. Jackson.

E, se continuiamo a credergli, Lionel era anche un soldato o un ex militare. Era passato da Lajes in una giornata ventosa che lo ha reso ancora più colpito dalla fine del mondo dove, con fatica, l'aereo che stava seguendo era riuscito ad atterrare.

L'email che ci hai scritto per restare in contatto è iniziata con ussmidwaycv41, il nome di una portaerei statunitense

La crisi dei missili che ha preceduto la diaspora e la fondazione di Little Havana

Nel 1962, durante la Crisi Missilistica, l'incrociatore USS Newport News e la USS Leary furono le ammiraglie del blocco navale imposto dagli USA con l'obiettivo di impedire l'arrivo di altre navi sovietiche cariche di armi nucleari da installare a Cuba.

A questo punto, gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica furono finalmente in grado di evitare una guerra che avrebbe potuto essere apocalittica.

Il 28 settembre 1965, Fidel Castro ha annunciato che i cubani che desiderano emigrare potrebbero farlo a partire dal 10 ottobre. Più di un milione e mezzo di cubani si sono trasferiti dalla loro isola natale negli Stati Uniti.

ciao america

Graffiti di evidente ispirazione cubana in un vicolo nascosto a Little Havana.

Quasi un milione ora vive in Florida, la maggior parte a Miami, una città dove un terzo della popolazione è di origine cubana.

La Little Havana che stavamo esplorando è solo il piccolo cuore nordamericano di Cuba.

Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Key West, EUA

Il selvaggio West tropicale degli Stati Uniti

Siamo giunti alla fine della Overseas Highway e all'ultima ridotta della propaganda Florida Keys. Il Stati Uniti continentali qui si arrendono a un'abbagliante vastità marina color smeraldo-turchese. E un sogno ad occhi aperti del sud alimentato da una sorta di incantesimo caraibico.
Florida Keys, EUA

Il trampolino di lancio dei Caraibi degli Stati Uniti

Os Stati Uniti i continenti sembrano finire, a sud, nella sua capricciosa penisola della Florida. Non si fermano qui. Più di cento isole di corallo, sabbia e mangrovie formano un'eccentrica distesa tropicale che ha sedotto a lungo i vacanzieri nordamericani.
Miami, EUA

Un capolavoro di riabilitazione urbana

All'inizio del 25° secolo, il quartiere di Wynwood era ancora pieno di fabbriche e magazzini abbandonati e pieni di graffiti. Tony Goldman, un astuto investitore immobiliare, acquistò oltre XNUMX proprietà e fondò un parco murale. Molto più che rendere omaggio ai graffiti lì, Goldman ha fondato il grande bastione della creatività di Miami.
Miami Spiaggia, EUA

La spiaggia di tutte le vanità

Poche coste concentrano, allo stesso tempo, tanto calore e manifestazioni di fama, ricchezza e gloria. Situata nell'estremo sud-est degli Stati Uniti, Miami Beach è accessibile tramite sei ponti che la collegano al resto della Florida. È magro per il numero di anime che lo desiderano.
Melbourne, Australia

Un'Australia "separata".

capitale culturale aussie, Melbourne è anche spesso votata come la città con la migliore qualità della vita al mondo. Quasi un milione di emigranti orientali ha approfittato di questa accoglienza immacolata.
Little India, Singapore

Piccola India. La Singapore di Sari

Ci sono poche migliaia di abitanti invece degli 1.3 miliardi della madrepatria, ma Little India, un quartiere della minuscola Singapore, non manca di anima. Né soul né odore di curry e musica di Bollywood.
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Grand Canyon, EUA

Viaggio attraverso l'abisso del Nord America

Il fiume Colorado e gli affluenti iniziarono a confluire nell'omonimo altopiano 17 milioni di anni fa, esponendo metà del passato geologico della Terra. Hanno anche scolpito una delle sue viscere più sbalorditive.
Monte Denali, Alaska

Il Sacro Soffitto del Nord America

Gli indiani Athabascan lo chiamavano Denali, o il Grande, e ne venerano la superbia. Questa splendida montagna ha suscitato l'avidità degli alpinisti e una lunga serie di salite da record.
Juneau, Alaska

La piccola capitale della Grande Alaska

Da giugno ad agosto, Juneau scompare dietro le navi da crociera che attraccano al suo molo marginale. Tuttavia, è in questa piccola capitale che si decide il destino del 49° stato nordamericano.
Monument Valley, EUA

Indiani o Cowboy?

I produttori iconici di western come John Ford hanno immortalato quello che è il più grande territorio dei nativi americani negli Stati Uniti. Oggi, nella Navajo Nation, i Navajo vivono anche nei panni di vecchi nemici.
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Las Vegas, EUA

Dove il peccato perdona sempre

Proiettata dal deserto del Mojave come un miraggio al neon, la capitale nordamericana del gioco e dell'intrattenimento è vissuta come una scommessa al buio. Lussureggiante e avvincente, Vegas non impara né si pente.
Navajo Nation, EUA

Attraverso Navajo Nation Lands

Da Kayenta a Page, passando per Marble Canyon, esploriamo l'altopiano del Colorado meridionale. Drammatica e desertica, le ambientazioni di questo dominio indigeno ritagliato in Arizona si rivelano magnifiche.
Valle della Morte, EUA

Risorto dal posto più caldo

Dal 1921 Al Aziziyah, in Libia, era considerato il luogo più caldo del pianeta. Ma la controversia intorno al 58° misurato lì fece sì che, 99 anni dopo, il titolo fosse restituito alla Death Valley.
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
Mauna Kea, Havai

Mauna Kea: Un vulcano con un occhio nello spazio

Il tetto delle Hawaii era proibito ai nativi perché ospitava divinità benevole. Ma dal 1968 in poi, diverse nazioni sacrificarono la pace degli dei ed eressero la più grande stazione astronomica sulla faccia della Terra.
Pearl Harbor, Havai

Il giorno in cui il Giappone è andato troppo lontano

Il 7 dicembre 1941, il Giappone attaccò la base militare di Pearl Harbor. Oggi, parti delle Hawaii sembrano colonie giapponesi, ma gli Stati Uniti non dimenticheranno mai l'affronto.
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
pianura santa, Bagan, Myanmar
Architettura & Design
Bagan, Myanmar

La piana delle pagode, dei templi e delle redenzioni celesti

La religiosità birmana si è sempre basata sull'impegno per la redenzione. A Bagan, credenti ricchi e timorosi continuano a costruire pagode nella speranza di ottenere il favore degli dei.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
cowboy dell'Oceania, Rodeo, El Caballo, Perth, Australia
Cerimonie e Feste
Perth, Australia

Cowboy dell'Oceania

Il Texas è dall'altra parte del mondo, ma nel paese dei koala e dei canguri non mancano i cowboy. I rodei dell'entroterra ricreano la versione originale e 8 secondi durano non meno nell'Australia occidentale.
Scirocco, Arabia, Helsinki
Città
Helsinki, Finlândia

Il design che è venuto dal freddo

Con gran parte del territorio sopra il Circolo Polare Artico, i finlandesi rispondono al clima con soluzioni efficienti e un'ossessione per l'arte, l'estetica e il modernismo ispirati dalla vicina Scandinavia.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Saida Ksar Ouled Soltane, festa di ksour, tataouine, tunisia
Cultura
Tataouine, Tunisia

Festival of the Ksour: castelli di sabbia che non crollano

Gli ksour furono costruiti come fortificazioni dai berberi del Nord Africa. Hanno resistito alle invasioni arabe ea secoli di erosione. Il Festival Ksour rende loro un doveroso omaggio ogni anno.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Africa Princess, Canhambaque, Bijagós, Guinea Bissau,
In viaggio
Crociera Africa Princess, 1º Bijagos, Guinea Bissau

Verso Canhambaque, attraverso la Storia della Guinea Bissau

L'Africa Princess salpa dal porto di Bissau, a valle dell'estuario del Geba. Facciamo una prima sosta sull'isola di Bolama. Dalla vecchia capitale, ci dirigiamo verso il cuore dell'arcipelago di Bijagós.
Restituzione nella stessa valuta
Etnico
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

Chiesa Armena, Penisola Sevanavank, Lago Sevan, Armenia
Storia
lago Sevan, Armenia

Il grande lago agrodolce del Caucaso

Racchiuso tra montagne a 1900 metri di altitudine, considerato un tesoro naturale e storico dell'Armenia, il Lago Sevan non è mai stato trattato come tale. Il livello e la qualità delle sue acque si deteriorano da decenni e una recente invasione di alghe prosciuga la vita che vi sussiste.
San Juan, Città Vecchia, Porto Rico, Reggaeton, Flag at Gate
Isole
San Juan, Porto Rico (parte 2)

Al ritmo del reggaeton

I portoricani irrequieti e fantasiosi hanno reso San Juan la capitale mondiale del reggaeton. Al ritmo preferito della nazione, hanno riempito la loro "città murata" con altre arti, colori e vita.
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
Sulla corsia delitto e castigo, San Pietroburgo, Russia, Vladimirskaya
Letteratura
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di “Delitto e castigo”

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
Vulcano Teide, Tenerife, Isole Canarie, Spagna
Natura
Tenerife, Isole Canarie

Il vulcano che infesta l'Atlantico

A 3718 m, El Teide è il tetto delle Canarie e della Spagna. Non solo. Se misurato dal fondo dell'oceano (7500 m), solo due montagne sono più pronunciate. Gli indigeni Guanche la consideravano la dimora di Guayota, il loro diavolo. Chiunque viaggi a Tenerife sa che il vecchio Teide è ovunque.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Parchi Naturali
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
religioso militare, muro del pianto, bandiera del giuramento IDF, Gerusalemme, Israele
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Gerusalemme, Israele

Festa al Muro del Pianto

Non solo le preghiere e le preghiere rispondono al luogo più sacro dell'ebraismo. Le sue antiche pietre sono state per decenni testimoni del giuramento di nuove reclute dell'IDF e hanno fatto eco alle grida euforiche che ne sono seguite.
Monumento a Heroes Acre, Zimbabwe
personaggi
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
Tarrafal, Santiago, Capo Verde, Baia di Tarrafal
Spiagge
Tarrafal, Santiago, Capo Verde

Il Tarrafal della Libertà e della Slow Life

Il villaggio di Tarrafal delimita un angolo privilegiato dell'isola di Santiago, con le sue poche spiagge di sabbia bianca. Chi ne rimane incantato trova ancora più difficile comprendere l'atrocità coloniale del vicino campo di prigionia.
Da Chiang Khong a Luang Prabang, Laos, lungo il Mekong
Religione
Chiang Hong - Luang Prabang, Laos

Barca lenta, fiume Mekong sotto

La bellezza e il basso costo del Laos sono buoni motivi per navigare tra Chiang Khong e Luang Prabang. Ma questa lunga discesa del fiume Mekong può essere estenuante quanto pittoresca.
Chepe Express, Ferrovia Chihuahua Al Pacifico
Veicoli Ferroviari
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
Walter Peak, Queenstown, Nuova Zelanda
Società
Nova Zelândia  

Quando contare le pecore fa dormire

20 anni fa, la Nuova Zelanda aveva 18 pecore per ogni abitante. Per ragioni politiche ed economiche, la media si è dimezzata. Agli antipodi, molti allevatori sono preoccupati per il loro futuro.
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Vita quotidiana
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Pesca, Caño Negro, Costa Rica
Animali selvatici
Caño Negro , Costa Rica

Una vita di pesca tra la fauna selvatica

Una delle zone umide più importanti del Costa Rica e del mondo, Caño Negro abbaglia con il suo esuberante ecosistema. Non solo. Remoti, isolati da fiumi, paludi e strade dissestate, i suoi abitanti hanno trovato nella pesca a bordo una via per rafforzare i legami della loro comunità.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.