Penisola di Banks, Nova Zelândia

Il frammento della terra divina della penisola di Banks


pura Nuova Zelanda
Le pecore pascolano su un prato in pendenza della penisola di Banks, con l'estuario di Akaroa sullo sfondo.
Giunzione
La segnaletica colorata indica i villaggi e le diverse baie della penisola di Banks.
“Quei” contadini
Un'auto scende lungo una delle strade che dalla sommità della penisola porta verso il livello del mare.
Sotto il Pacifico meridionale
Casario de Akaroa, la città principale della penisola di Banks.
Fire & Ice
I bambini fanno acquisti in un negozio francese ad Akaroa.
vita da villa
Le ville di Akaroa disposte lungo il pendio verso l'insenatura del mare.
bestiame curioso
La mandria di mucche rompe l'enorme predominanza di pecore in Nuova Zelanda e nella penisola di Banks.
chiacchiere senza fine
Opera d'arte fatta in casa in una villa ad Akaroa.
tempo di pascolo
Il gregge di pecore lascia una stazione di pecore
promo al gesso
I residenti di Akaroa passano davanti ai dipinti promozionali di un bar-pousada in città.
schizzi di pecora
Pecore sparse su un prato lussureggiante della penisola di Banks.
Garage della Baia di Okains
Un'officina di riparazioni auto nell'insignificante cittadina di Okains Bay.
collina ariosa
Le mucche pascolano su un crinale che domina il Pacifico meridionale.
esperienze aeronautiche
Un uomo salta ed è trattenuto in aria da raffiche di vento che soffiano nell'estuario di Akaroa.
baia tranquilla
Un piccolo sentiero dà accesso ad una spiaggia di origine vulcanica.
La casa di Dio
Chiesa di San Patrizio ad Akaroa.
affari di famiglia
La famiglia riposa in un negozio a Okains Bay.
baia stretta
Il mare blu del Pacifico meridionale riempie una piccola insenatura della penisola di Banks.
Qualità della vita
Il ciclista cammina lungo una strada storica ad Akaroa.
Dall'alto, il rigonfiamento più evidente sulla costa orientale dell'Isola del Sud sembra essere imploso più e più volte. Vulcanica ma verdeggiante e bucolica, la Banks Peninsula racchiude nella sua geomorfologia quasi a ruota dentata l'essenza della vita sempre invidiabile della Nuova Zelanda.

Le città della Nuova Zelanda sono davvero speciali.

Abbiamo appena lasciato il centro storico di Christchurch e predomina il verde della campagna, rurale o meno. Ci colpisce l'idea che in pochi territori i coloni britannici si sarebbero sentiti a casa come in questo, caduti nella direzione opposta.

Il percorso ha poco o niente di urbano quando si intravede, attraverso un'antica ringhiera del giardino, un gruppo di giocatori di cricket vestiti di bianco, lucidi e raffinati, alla buona maniera aristocratica. britannico.

Di per sé, lo sport non andava bene né con noi né con nessun latino sulla faccia della terra. Ciononostante, volevamo capire e testimoniare cosa ha spinto quei giovani giocatori ad alzarsi così presto un sabato mattina per darsi a loro stessi pipistrelli e per wickets.

Ci siamo sistemati sul prato quasi perfetto. Il più vicino possibile al bordo dell'area di gioco, dove altri vivevano insieme e con amici e fidanzate, seduti o sdraiati con la testa sui borsoni sportivi, birre alla mano, in attesa del proprio turno per entrare in scena.

Ad ogni errore più grossolano, quelli in riserva scoppiano a ridere. Arrestateci con una serie di battute che stanno meglio tra le ragazze presenti che tra le compagne attive, competitive, disperate.

Non appena questi ultimi lasciano il rettangolo allungato in cui giocano, si rinfrescano, si sistemano e assumono il ruolo di noiosi scherzosi dei loro sostituti.

Con nostro sgomento, non importa quanti turni abbiano preso, la loro forte pronuncia kiwi e un po' di vocabolario tecnico dello sport o dello slang neozelandese ci hanno impedito di capire la maggior parte delle satire.

Abbiamo seguito questa alternanza per quasi un'ora, ma sapevamo quanto durasse una partita cricket. Nonostante fosse una partita amatoriale, non volevamo rischiare.

Avevamo già assistito al piacere genuino che quelli prim ma rilassati e fresco si è ritirato dallo sport.

Eravamo ancora lontani dal capire come loro, i loro genitori, gli zii e la maggior parte dell'universo maschile di lingua inglese, inclusi India, Bangladesh, Pakistan e Indie occidentali, abbiano sopportato partite televisive che si sono trascinate per quattro o cinque giorni.

Indicazioni, Penisola di Banks, Akaroa, Canterbury, Nuova Zelanda

La segnaletica colorata indica i villaggi e le diverse baie della penisola di Banks.

Dalla Nuova Zelanda Urban Christchurch alla campagna della penisola di Banks

La Nuova Zelanda era più sbalorditiva da queste parti che mai. Con il tempo contato, siamo tornati in macchina. Abbiamo indicato la penisola di Banks, un luogo che ci era stato così elogiato nei giorni scorsi.

Lungo la strada, ci siamo fermati in cima a Port Hills. Poi, a Lyttelton, che giace in riva al mare, in fondo a un ripido e lungo pendio che scendiamo alle “esses”.

"Questi", penisola di Banks, Akaroa, Canterbury, Nuova Zelanda

Un'auto scende lungo una delle strade che dalla sommità della penisola porta verso il livello del mare.

Fu su quella stessa costa, in uno squilibrio penoso, che i primi coloni europei sbarcarono nel 1850. Lì hanno inaugurato una storica escursione sulle colline.

Si sarebbero riuniti in quella che divenne la più grande delle città dell'Isola del Sud, battezzata Christchurch, nell'immagine nostalgica del modello del Dorset che si annida nel Canale della Manica.

Giriamo intorno al grande estuario del Lyttelton, fino a un'altra vetta chiamata Gebbles Pass Road e alla vetta più alta del Monte Herbert (920 m).

Abbiamo parcheggiato l'auto accanto a un caratteristico caffè di montagna al piano terra di uno chalet in legno. Abbiamo comprato delle bevande calde per mascherare la frigidità del vento. Mentre li sorseggiamo, ammiriamo lo scenario surreale che si estende in avanti e verso il basso.

Penisola di Banks, Akaroa, Canterbury, Nuova Zelanda

Le pecore pascolano su un prato in pendenza della penisola di Banks, con l'estuario di Akaroa sullo sfondo.

Dalla sommità del pendio a sud-ovest, la strada si sbarazza degli alberi circostanti. Ci svela uno scenario che è allo stesso tempo bucolico e selvaggio, mozzafiato.

L'eccentricità geologica della penisola di Banks

Si sviluppa lungo un graduale declivio, coperto da una coltre erbosa patchwork di varie sfumature di verde e giallo su cui brucano. migliaia di pecore.

Annunciando l'Oceano Pacifico, appare la baia di Akaroa, così nascosta dalle colline costiere da travestirsi da lago.

Akaroa, Penisola di Banks, Canterbury, Nuova Zelanda

Casario de Akaroa, la città principale della penisola di Banks.

A quel tempo, non ne avevamo ancora idea. Vista dall'alto, la penisola di Banks sembra essere stata vittima di un test nucleare. La sua superficie irregolare e frammentata, ricca di piccole cime, baie e rientranze geologiche invase dal mare, è il risultato della lunga erosione di due stratovulcani, Lyttelton e Akaroa, che hanno raggiunto la quota di XNUMX metri.

Se questa descrizione evoca un immaginario roccioso e inospitale, la realtà si rivela ben diversa. Per quanto surreale l'abbiamo scoperto, la penisola era sia meravigliosa che accogliente.

Accoglieva quasi ottomila anime attratte dalla qualità della vita in quella specie di eden erboso. I nostri compatrioti erano già passati lì. Hanno lasciato un'eredità che è entrata nei nostri occhi quando abbiamo raggiunto Akaroa, l'unico vero villaggio della penisola.

Ciclista ad Akaroa, penisola di Banks, Canterbury, Nuova Zelanda

Il ciclista cammina lungo una strada storica ad Akaroa.

"Esattamente. Il suo nome era Antonio Rodrigues. Era portoghese…” assicura la cameriera dall'altra parte del bancone del Bar Hotel Madeira. Il mistero si insinua.

Cosa ci faceva lì, in quell'antictono angolo del pianeta, uno stabilimento di origine portoghese? Per scoprirlo, siamo tornati indietro nel tempo, all'era della colonizzazione della Nuova Zelanda, quando il popolo Maori dominava ancora la maggior parte dell'Isola del Sud.

James Cook, la rivalità franco-britannica e i nativi Maori

Apprendiamo che Akaroa fu avvistato dal navigatore James Cook nel 1770.

Al suo passaggio, Cook pensò che fosse un'isola. Lo chiamò in onore del naturalista Sir Joseph Banks. Nel 1831, la tribù Maori residente Ngai Tahu fu attaccata dalla riva Ngati Toa.

Questo conflitto ha causato una drastica diminuzione della popolazione autoctona. Ha facilitato la vita e le intenzioni di un capitano baleniera francese di nome Jean Francois L'Anglois. Nove anni dopo, L'Anglois acquistò la penisola dagli indigeni che trovò.

Con il sostegno del governo della metropoli, offrì biglietti per la barca e riuscì a incoraggiare altri sessantatré coloni francesi a stabilirsi lì. Solo pochi giorni prima del loro arrivo, gli ufficiali britannici inviarono una nave da guerra e issarono una Union Jack.

Chiesa di San Patrizio di Akaroa, penisola di Banks, Canterbury, Nuova Zelanda

Chiesa di San Patrizio ad Akaroa.

Rivendicarono il possesso della penisola e del territorio circostante sotto gli auspici del Trattato di Waitangi, secondo la quale i capi Maori riconoscevano la sovranità britannica sulla Nuova Zelanda in generale.

Alla gente di Akaroa piace sottolineare ai visitatori che, se i coloni francesi fossero sbarcati sulla penisola due giorni prima, l'intera Isola del Sud potrebbe essere francese oggi.

Questi stessi francesi alla fine si stabilirono ad Akaroa. Nel 1849 vendettero la loro pretesa alla New Zealand Company.

L'anno successivo, un folto gruppo di coloni britannici allestì dei campi e iniziò a ripulire la terra allora densamente boscosa per mettere al sicuro il bestiame.

Gregge, penisola di Banks, Canterbury, Nuova Zelanda

Il gregge di pecore lascia una stazione di pecore

Le case del villaggio ei vari nomi di strade e luoghi contribuiscono a confermare l'autenticità e la serietà di quella che era l'unica colonia francese in Nuova Zelanda. Ma, come di consueto in questi romanzi di scoperte e colonizzazioni, furono coinvolti anche i portoghesi.

La rivelazione dell'inevitabile espatriato portoghese ad Akaroa

Nei primi anni del XNUMX° secolo, la caccia alle balene era una delle attività a cui maggiormente attraeva gli europei sottoterra. Durante questo periodo, i balenieri americani e francesi includevano spesso equipaggi delle isole polinesiane e portoghesi nei loro equipaggi.

Alla fine legato a questo afflusso, António Rodrigues arrivò da Madeira. Si stabilì nel villaggio dove costruirà e acquisirà alcuni edifici, tra cui l'Hotel Madeira che, ora, in un classico stile di pensione combinato con pub britannico, continua a funzionare distaccata dalle case basse.

Akaroa (lunga cala, nel dialetto maori della zona) è oggi un villaggio cosmopolita. Apprezzata da pochi chilometri a monte della penisola, è una cartolina immacolata, con le sue case colorate alla base di due versanti opposti e che invade il porto di Akaroa, un'incredibile baia nascosta dall'oceano, con acque azzurre.

Akaroa Villas, Penisola di Banks, Canterbury, Nuova Zelanda

Le ville di Akaroa disposte lungo il pendio verso l'insenatura del mare.

Penisola di banche alla francese

Lungo la strada costiera si ripetono bar e ristoranti, negozi di artigianato e souvenir, locande e hotel, tutti colorati e pittoreschi, esplorando la bellezza unica del luogo e la sua atmosfera francese.

Chalet lilla e rosa con nomi come "Chez La Mer", "La Belle Villa" o "C'est la Vie" invogliano i viaggiatori con lo zaino in spalla per qualche giorno di soggiorno profumato dalla natura, che include aromi distinti del prolifico bestiame locale. .

Fire & Ice, Akaroa, Penisola di Banks, Canterbury, Nuova Zelanda

I bambini fanno acquisti in un negozio francese ad Akaroa.

Tra i film proiettati al cinema locale c'è una replica anglofona di “Bienvenue Chez Les Ch'tisLa commedia di Dany Boon, che intrattiene e diverte più di 20 milioni di spettatori francesi – un nuovo record per la nazione – metteva in caricatura le peculiarità del popolo dell'estremo nord della Francia.

Intorno ad Akaroa, la penisola di Banks scende in scenari molto più estremi.

Banks Peninsula Cove, Canterbury, Nuova Zelanda

Il mare blu del Pacifico meridionale riempie una piccola insenatura della penisola di Banks.

Le pecore e la Nuova Zelanda più bucolica possibile nella penisola di Banks

Mentre camminiamo lungo il perimetro della sua ruota dentata, ci sono insenature profonde e ripide che nascondono ruscelli e spiagge deserte. Negli spazi, gli allevamenti di pecore ci sorprendono.

Le enormi mandrie contribuiscono al fatto che la Nuova Zelanda abbia undici volte più pecore degli umani.

Enorme mandria, penisola di Banks, Canterbury, Nuova Zelanda

Pecore sparse su un prato lussureggiante della penisola di Banks.

Quando non si concentrano su di loro, le pecore punteggiano vasti prati irregolari e si appollaiano su bordi sottili mascherati dall'erba, mezze pareti con scogliere a strapiombo che si tuffano nel Pacifico meridionale.

Mentre esploriamo questo affascinante dominio di allevamento vulcanico, passiamo su innumerevoli grate stradali che impediscono al bestiame di lasciare le proprietà e perdersi.

In altri poderi dove questa soluzione si è rivelata inaffidabile, siamo costretti a lasciare l'auto e ad aprire e chiudere vecchi cancelli in legno massello.

Di tanto in tanto ci imbattiamo in aziende familiari perse nel nulla e che sembrano attivarsi solo quando rilevano l'avvicinarsi dei veicoli degli estranei. Nell'insignificante villaggio di Okains Bay, un piccolo bar di generi alimentari convive con un'officina di riparazioni auto.

Workshop di Okains Bay, Penisola di Banks, Canterbury, Nuova Zelanda

Un'officina di riparazioni auto nell'insignificante cittadina di Okains Bay.

Sono entrambi eponimi. Mantengono una cabina telefonica con lo stesso profilo rosso-verde e architettonico degli ovili a disposizione della popolazione locale e di quella esterna.

Il verdeggiante ritiro di Okains Bay

Abbiamo interrotto la nostra scoperta all'Okains Bay Store per goderci il gelato e l'ultimo sole della giornata. Forse perché ci siamo avvicinati lentamente, dopo tre o quattro minuti, nessuno si è fatto vivo per risponderci.

Quando, finalmente, qualcuno sente le nostre chiamate, compaiono due giovani sorelle, timide ma abituate a farla franca con i genitori in loro assenza. Ci servono il gelato di frigo e fanno i conti senza alcun timore o inconveniente.

Okains Bay Houses, Penisola di Banks, Canterbury, Nuova Zelanda

La famiglia riposa in un negozio a Okains Bay.

Ci veniva ancora in mente che sarebbero stati in grado di darci indicazioni per un'altra baia profonda. Siamo stati raggiunti, tuttavia, da un piccolo gruppo di residenti che, nonostante la loro pronuncia Kiwi quasi intelligibile, erano pronti ad aiutare.

Fino al tramonto, abbiamo appena costeggiato la penisola di Banks, deliziati dai suoi innumerevoli capricci geologici e dalle vite semplici che vi si sono adattate.

Nelson a Wharariki, PN Abele Tasman, Nova Zelândia

La costa Maori dove gli europei hanno dato la costa

Abel Janszoon Tasman ha esplorato di più delle nuove mappe e dei mitici "Terra australis" quando un errore ha inasprito i contatti con i nativi di un'isola sconosciuta. L'episodio ha inaugurato la storia coloniale di Nova Zelândia. Oggi, sia la costa divina su cui è avvenuto l'episodio, sia i mari che la circondano, evocano il navigatore olandese.
Wanaka, Nova Zelândia

Quanto è buono nel Campo dos Antipodes

Se la Nuova Zelanda è nota per la sua tranquillità e intimità con la natura, Wanaka supera ogni immaginazione. Situato in un ambiente idilliaco tra il lago omonimo e il mistico Monte Aspirante, è diventato luogo di culto. Molti kiwi aspirano a cambiare la loro vita lì.
Isola del nord, Nova Zelândia

Viaggio lungo il sentiero della maggioranza

La Nuova Zelanda è uno dei paesi in cui i discendenti di coloni e nativi si rispettano di più. Mentre esploravamo la sua Isola del Nord, abbiamo appreso della maturazione interetnica di questa nazione Repubblica come maori e polinesiano.
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30 - Tour del Calhambeque

In una città ricostruita in stile Art Déco e con un'atmosfera da "anni folli" e oltre, il mezzo di trasporto appropriato sono le eleganti auto d'epoca di quell'epoca. A Napier sono ovunque.
Grande Strada dell'Oceano, Australia

Ocean Out, attraverso il Greater South Australia

Una meta preferita dai residenti dello stato australiano del Victoria, la rotta B100 svela una costa sublime modellata dall'oceano. Ci sono voluti solo pochi chilometri per capire perché si chiamava The Great Ocean Road.
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
Nova Zelândia  

Quando contare le pecore fa dormire

20 anni fa, la Nuova Zelanda aveva 18 pecore per ogni abitante. Per ragioni politiche ed economiche, la media si è dimezzata. Agli antipodi, molti allevatori sono preoccupati per il loro futuro.
Mount Cook, Nova Zelândia

Nubi del Monte Fura

Aoraki/Mount Cook può essere molto al di sotto del tetto del mondo, ma è la montagna più imponente e più alta della Nuova Zelanda.
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
Napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30

Devastato da un terremoto, Napier è stato ricostruito in un Art Deco quasi al piano terra e vive fingendo di essersi fermato negli anni Trenta. I suoi visitatori si arrendono all'atmosfera del Grande Gatsby che trasuda la città.
Baia delle Isole, Nova Zelândia

Nucleo di civiltà della Nuova Zelanda

Waitangi è il luogo chiave dell'indipendenza e della coesistenza di lunga data dei nativi Maori con i coloni britannici. Nella circostante Baia delle Isole si celebra l'idilliaca bellezza marina degli antipodi della Nuova Zelanda, ma anche la complessa e affascinante nazione kiwi.
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Thorong Pedi a High Camp, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Escursionista solitario
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Luderitz, Namibia
Architettura & Design
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
La crocifissione ad Helsinki
Cerimonie e Feste
Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
Fatica nei toni del verde
Città
Suzdal, Russia

A Suzdal, Pepino è celebrato per Pepino

Con l'estate e il clima caldo, la città russa di Suzdal si rilassa dalla sua millenaria ortodossia religiosa. Il centro storico è anche famoso per avere i migliori cetrioli della nazione. Quando arriva luglio, trasforma il appena raccolto in una vera festa.
cibo
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
Efate, Vanuatu, trasferimento a "Congoola/Lady of the Seas"
Cultura
Efate, Vanuatu

L'isola sopravvissuta "Survivor"

Gran parte di Vanuatu vive in uno stato benedetto post-selvaggio. Forse per questo, Reality show in cui competono aspiranti candidati Robinson Crusoe si stabilirono uno dopo l'altro sulla loro isola più accessibile e famigerata. Già un po' stordita dal fenomeno del turismo convenzionale, anche Efate ha dovuto resistergli.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Verdure, Little India, Sari Singapore, Singapore
Etnico
Little India, Singapore

Piccola India. La Singapore di Sari

Ci sono poche migliaia di abitanti invece degli 1.3 miliardi della madrepatria, ma Little India, un quartiere della minuscola Singapore, non manca di anima. Né soul né odore di curry e musica di Bollywood.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Sesimbra, Vila, Portogallo, vista dall'alto
Storia
Sesimbra, Portogallo

Un villaggio toccato da Midas

Non sono solo Praia da California e Praia do Ouro a chiuderla a sud. Al riparo dalle furie dell'Atlantico occidentale, dotata di altre insenature immacolate e dotata di fortificazioni secolari, Sesimbra è oggi un prezioso paradiso per la pesca e la balneazione.
Bagnante, The Baths, Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgin Gorda, Isole Vergini Britanniche
Isole
Virgin Gorda, Ilhas Virgens Britânica

I “Caraibi” divini di Virgin Gorda

Alla scoperta delle Isole Vergini, sbarchiamo su un seducente mare tropicale punteggiato da enormi rocce granitiche. I bagni sembrano usciti dal Seychelles ma sono uno degli ambienti marini più esuberanti dei Caraibi.
Cavalli sotto bufera di neve, Islanda Fuoco senza fine dell'isola di neve
bianco inverno
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Struzzo, Capo di Buona Speranza, Sud Africa
Natura
Capo di Buona Speranza - Capo di Buona Speranza NP, Sud Africa

Ai confini della vecchia fine del mondo

Arrivammo dove la grande Africa cedette ai domini del “Mostrengo” Adamastor ei navigatori portoghesi tremarono come bastoni. Là, dove la Terra era, dopotutto, tutt'altro che finita, le speranze dei marinai di capovolgere il tenebroso Capo furono sfidate dalle stesse tempeste che continuano a imperversare lì.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Vista da John Ford Point, Monument Valley, Nacao Navajo, Stati Uniti
Parchi Naturali
Monument Valley, EUA

Indiani o Cowboy?

I produttori iconici di western come John Ford hanno immortalato quello che è il più grande territorio dei nativi americani negli Stati Uniti. Oggi, nella Navajo Nation, i Navajo vivono anche nei panni di vecchi nemici.
Zanzibar, Isole Africane, Spezie, Tanzania, dhow
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Zanzibar, Tanzania

Le Isole delle Spezie Africane

Vasco da Gama aprì l'Oceano Indiano all'impero portoghese. Nel XNUMX° secolo l'arcipelago di Zanzibar divenne il maggior produttore di chiodi di garofano e le spezie disponibili si diversificarono, così come i popoli che si batterono per loro.
femmina e vitello, Grizzly Steps, Katmai National Park, Alaska
personaggi
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
batteria e tatuaggi
Spiagge
Tahiti, Polinesia Francese

Tahiti oltre il cliché

Le vicine Bora Bora e Maupiti hanno uno scenario eccezionale, ma Tahiti è stata a lungo conosciuta come il paradiso e c'è di più da vivere sull'isola più grande e popolosa della Polinesia francese, il suo millenario cuore culturale.
La sposa entra in macchina, il matrimonio tradizionale, il tempio Meiji, Tokyo, Giappone
Religione
Tokyo, Giappone

Un santuario del matchmaking

Il Tempio Meiji di Tokyo è stato costruito per onorare gli spiriti divinizzati di una delle coppie più influenti della storia giapponese. Nel tempo si è specializzata nella celebrazione dei matrimoni tradizionali.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Rifugio Gandoca Manzanillo, Bahia
Animali selvatici
Gandoca-Manzanillo (rifugio della fauna selvatica), Costa Rica

Il Rifugio Caraibico di Gandoca-Manzanillo

In fondo alla sua costa sud-orientale, alla periferia di Panama, la nazione “Tica” protegge un lembo di giungla, paludi e il Mar dei Caraibi. Oltre a un provvidenziale rifugio per la fauna selvatica, Gandoca-Manzanillo è uno splendido Eden tropicale.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.