São Nicolau, Capo Verde

San Nicola: Pellegrinaggio a Terra di Sodade


Cuore di Ribeira Brava
Chiesa e gogna confermano il nucleo storico di Ribeira Brava.
Lungomare di Ribeira
Un cartellone pubblicitario dà più vita a una strada della capitale Ribeira Brava.
Commercio
Commessa di un po' di tutto in un negozio a Ribeira Brava.
Religione del colore
La finestra della chiesa di Ribeira Brava dà colore alla città.
Ribeira brava
Casario da Ribeira Brava, disteso lungo il letto sprofondato dalle piogge.
Valle Verde
Vista dal Monte Cintinho sulla valle della Ribeira Brava.
Picco della Piramide
Una delle tante cime aguzze che punteggiano l'isola di São Nicolau.
albero del drago
Esuberante albero del drago nel Monte Gordo PN.
Xávega art
I pescatori di Tarrafal stendono una rete Xávega.
Giovane su “Viviano”
Giovane pescatore sulle reti usate dagli adulti a Tarrafal.
le ali del pesce
I piccoli pescatori di Tarrafal mostrano un pesce volante appena pescato.
Faro di Barile
Il vecchio faro di Barril, sulla costa occidentale di São Nicolau.
Bravo del Nord
Tratto di strada da nord di São Nicolau.
Top Matinho e White Beach
Duo di cime Top de Matinho, sopra le case di Praia Branca.
Spiaggia Bianca. a colori
Le case di Praia Branca, arroccate sul pendio sotto Top de Matinho.
Terra di Soda
Portico de Sodad, all'ingresso di Praia Branca, la terra è il compositore del tema, Armando Zeferino Soares.
Confine di Ribeira da Prata
Villaggio nell'estensione di Ribeira da Prata, in una strada senza uscita a São Nicolau.
Grande Sole di Fajã
Il sole splende dietro le montagne intorno alla valle di Fajã
Partenze forzate come quelle che hanno ispirato la famosa morna”bibita” ha lasciato ben segnato il dolore di dover lasciare le isole di Capo Verde. scoprire sannclau, tra incanto e meraviglia, inseguiamo la genesi del canto e della malinconia.

Gli Alísios, sempre gli Alísios.

Non c'è modo di sfuggirgli a Capo Verde. Sulla traversata da São Vicente a Santo Antão, le onde che hanno generato hanno fatto oscillare il traghetto come un guscio di noce. Durante il volo tra Santiago e São Nicolau, ce li sentivamo sulla pelle, sotto forma di pelle d'oca, ogni volta che l'aereo TACV saltava in balia delle sue raffiche.

L'approccio finale all'aeroporto di Preguiça, in particolare, si è rivelato un cortometraggio di vero horror aeronautico. Mentre si allineava con la direzione della pista, il vento urtava sul piano lateralizzato. Lo fa scendere senza preavviso.

Uno dopo l'altro, con sorpresa dei passeggeri, come noi, nuovi arrivati ​​su quella rotta e che abbiamo cominciato a dubitare che l'aereo non si sarebbe schiantato sulla pista, invece di atterrarvi. Infine, il pilota fa un ultimo grande salto all'Embraer. Completa la frenata a colpo d'occhio e con una stabilità che ci restituisce fiducia.

Mentre aspettiamo i bagagli, la conversazione porta alla conversazione, ci sfoghiamo con un impiegato dell'aeroporto. Questo cerca di confermarci l'estremismo della fuga. “Perché gli amici, di regola, ci cancellano quando registrano 40 nodi. Oggi ce n'erano 36, ma non c'è da stupirsi che abbiano catturato raffiche di oltre 40".

Arrivano le valigie. In tempo utile. Anche in modo umoristico, la confessione ci aveva tolto il desiderio di saperne di più. Sapevamo già, più che stimarlo, quanto gli Alísio contribuissero alla durezza della vita di São Nicolau.

Dall'aeroporto, facciamo un breve viaggio a Ribeira Brava, la città più grande dell'isola. Lì ci siamo sistemati. Nel resto della giornata, abbiamo elaborato la logistica necessaria attorno al viaggio pianificato.

Piazza centrale, Ribeira Brava, Capo Verde

Chiesa e gogna confermano il nucleo storico di Ribeira Brava.

Come era successo a Santo Antão, abbiamo noleggiato un robusto pick-up. Successivamente, abbiamo fatto un pranzo povero di cachupa al bar di proprietà di un espatriato italiano e benestante sull'isola.

Il fascino Tom de Pastel da Ribeira Brava

Recuperati dalle tribolazioni del volo, rinfrescati, abbiamo girovagato alla scoperta degli angoli e degli incanti di Ribeira Brava.

Come suggerisce il nome, dopo il declino di Preguiça, il paese che ne fu protagonista, si adattò ai meandri intermedi di un ruscello che, in caso di pioggia, scorre con grande furore lungo le pendici del punto più alto dell'isola, il Monte Gordo (1312 m) sotto.

Mancavamo mesi a questo monsone atlantico. Sia Ribeira Brava che il villaggio vivevano in pace benedetta. Beato il raddoppio o meno, la città era ora sede orgogliosa della diocesi di Capo Verde.

Indichiamo la piazza centrale. Dalla fine del vicolo in cui siamo scesi abbiamo sentito i tassisti chiacchierare accanto ai loro gemelli Hiaces.

E, dalla parte opposta, sotto il sole che splende sulla chiesa gialla, marrone e bianca di Rosário, un altro gruppo di anziani, diremmo in pensione, con il tempo di perdersi negli affari del giorno.

In quest'ora calda, il giardino che si estende dalla mezzaluna acciottolata davanti alla chiesa, tra l'antica gogna e il mezzo declivio su cui era posta la biblioteca, apparteneva solo all'uccello dalle zampe di pietra che incorona la fontana secca.

Diamo un'occhiata ai classici negozi di alimentari di famiglia, con solidi mobili in legno vecchio stile e una vasta gamma di imballaggi e prodotti colorati, la maggior parte dei quali importati dal Portogallo e, come tali, familiari.

Per tutto il pomeriggio continuammo a camminare lungo il grigio selciato del paese, vicolo dopo vicolo, rassicurati dalla costanza multicolore delle case color pastello.

Il motto musicale sentito alla “Banana Secca”

Con l'inevitabilità della notte, la stanchezza e l'ultima grave fame della giornata, ci siamo rifugiati in un ristorante “Banana Secca”. Lì abbiamo divorato una nuova cachupa arricchita e un pisello, addolcito da pugni e dagli immancabili mornas, coladeiras, funanás e altri ritmi delle isole che scaldano Capo Verde e il mondo.

A volte suona "bibita”. Una versione diversa di quella che la diva scalza Cesária Évora ha immortalato. I testi incorniciano ancora una volta il tema a São Nicolau. Eravamo nel cuore urbano dell'isola. Desiderosi di attraversarlo alla ricerca della quintessenza del mare, della lava e dell'amore per il prossimo che costò a tanti di Sanicolau andarsene.

Sabato albe di sole. Per una o due delle sue ore mattutine, sembra che gli Alísios si fossero trasferiti altrove. È un sole di breve durata.

Con il pick up pronto per il ritiro, siamo partiti per l'isola.

La Monumentale Salita alle Alture del Monte Gordo

L'inevitabile salita alla sommità della valle in cui si è espansa Ribeira Brava ne rivela l'insieme case, posta alla base di una collina, quasi un altopiano, con un pendio ricco di cespugli rigogliosi.

Abbiamo invertito la rotta verso una vetta molto più alta: quella del Cachaço.

Quando siamo arrivati ​​al cimitero terroso della cappella di Nª Srª Monte Cintinha, la tempesta di Aliseu si è ripresa, più potente di quanto avessimo mai sentito.

Ci avventurammo sul promontorio roccioso ricco di agavi nei pressi della chiesetta, da dove, più avanti, più era libero sul thalweg a quell'altezza verdeggiante che scendeva verso la quasi città da cui eravamo partiti.

Le raffiche ci scuotono come se volessero impedirci di fotografare tanta bellezza. Con molta attenzione e un po' di incoscienza, stabilizziamo piedi e gambe su sporgenze rocciose.

Abbastanza per completare la missione. Siamo di nuovo in pista.

Veneriamo l'esuberanza geologica del Parco Naturale del Monte Gordo e gli imponenti alberi del drago della valle del Fajã.

Siamo sorpresi dal duo di palme da cocco, sotto, su una profusione di campi di grano e altre colture, contro il taglio capriccioso del crinale intorno a Covoada.

Sulla strada per la costa nord

Per quanto avessimo viaggiato e scalato, eravamo ancora nelle vicinanze di Ribeira Brava. Con la mattina scomparsa nella foschia che irrigava quella ridotta esposta a nord che era la più rigogliosa di São Nicolau, ci troviamo costretti a proseguire il viaggio, verso la costa occidentale, invece, un'estate tale da renderla praticamente desertica.

Dai verdi e fertili poderi si scende su uno dei numerosi crinali aridi che solcano l'ovest. Dopo diversi chilometri di questa vastità polverosa e ocra, possiamo vedere le case grigio-cemento e bianche di Tarrafal, distese lungo una lunga costa atlantica, che terminano un pendio troppo irregolare per essere urbanizzato.

La strada ci porta attraverso le case da cima a fondo. Ci porta in Avenida Assis Cadório e Baia do Tarrafal, che svolge come marginale.

Ci fermiamo, sedotti dalla sfarzosa flotta di pescherecci, alcuni in bacino di carenaggio a pochi metri dal mare, altri ancorati in acque quasi speculari, più di lago che di mare, di oceano.

Siamo in questa contemplazione quando un'improvvisa frenesia di pesca prende il sopravvento sulla baia.

Tarrafalo. Festa interrotta da un banco di passeggeri

Ricorda che è sabato. Verso l'ora di pranzo, i giovani pescatori di Tarrafal hanno fraternizzato in una festa ben annaffiata, che si svolgeva dall'altra parte del viale, tra conversazioni, spuntini e balli intransigenti. La baldoria stava procedendo a buon ritmo quando il mare davanti a loro li chiama a lavorare.

Nonostante il divertimento, due o tre di loro avvistano un branco brulicante e luccicante sopra il blu della baia. Con le loro vite che dipendono dalla quantità di pesce, non pretendono di esserlo.

Corrono verso una grande rete verde, a poco a poco, aiutati da alcuni ragazzi decisi a dimostrarne l'utilità, la arrotolano strettamente. E lo depositano a poppa del “Viviano”, una delle barche più maneggevoli.

Questa preparazione richiede loro un buon quarto d'ora. Ma contrariamente a quanto volevano, il banco è di passaggio. In quel lasso, lo vedono partire per l'alto mare.

Abbastanza per giustificare un ritorno alle feste a scapito della pesca.

Non tutti lo fanno subito. La nostra inaspettata presenza e l'arrivo di un'altra imbarcazione dal mare danno vita a momenti di convivialità con alcuni elementi più giovani, che posano in gruppo sulla raggomitolata della rete e ci mostrano pesci volanti appena pescati e acrobazie ammortizzate dalla sabbia.

La genesi della pesca di Tarrafal

Questa volta, il pesce è scappato dalle reti. Fu, tuttavia, la pesca a collocare Tarrafal sulla mappa di São Nicolau. Nel corso del XNUMX° secolo, la tranquilla insenatura del paese divenne un punto di ancoraggio per le navi baleniere. Successivamente è stato integrato con un'unità di lavorazione del pesce.

Queste strutture ei posti di lavoro che ne derivarono furono la base per la promozione ad uno status equivalente a quello di Ribeira Brava, anche se con quasi la metà della popolazione.

Abbiamo continuato a fare il giro dell'isola, in direzione opposta, lungo il lungomare, che le imponenti vene geologiche dei pendii non raggiungevano. Passiamo Ponta do Portinho, Ribeira das Pedras e il vecchio faro di Barril macchiato dal tempo. La strada piega a nord.

Poi curva verso l'interno, verso il nucleo più umido dell'isola che avevamo attraversato dopo aver scalato la Ribeira Brava.

La vastità che stavamo attraversando rimase asciutta, coperta da una paglia quasi bassa che indorava i lembi alla nostra destra. Ci immergiamo nella quasi ellisse che stavamo attraversando sulla mappa.

Top of Matinho, Un'espressione abbagliante dell'orografia di São Nicolau

Ad un certo punto la traiettoria rivela un ripido bosco di acacie e arbusti simili. E, in alto, la vista di due picchi aguzzi, fianco a fianco, come fratelli.

Mentre li circonda, vediamo una casa lontana, dispersa in più nuclei, parte ai piedi del duo di colline, un'altra parte più in alto.

Senza preavviso, il marciapiede nero ci pone davanti a un portico perfettamente incorniciato da quel doppio gavone, Top de Matinho, ci viene poi comunicato che si chiamava così.

Pilastri realizzati con riquadri di basalto, che sorreggono una trave con pannello arrugginito. Una chiave di violino dello stesso materiale decorava il pilastro destro.

Anche se la ruggine ha invaso le lettere sul pannello superiore, siamo riusciti a decifrare “Terra di Soda".

Sentimenti a parte, anche se eravamo già un po' lontani dal mare, eravamo all'ingresso di Praia Branca, il villaggio più grande del nord-ovest di São Nicolau. Interrompiamo la marcia per fotografarlo.

Nel processo, passa un nativo di quelle parti. Curioso del lavoro degli estranei, si avvicina a noi. «Era bellissimo, vero? Sai perché c'è questo, vero?"

White Beach: la terra di Sodade e la sua controversia

Cesária Évora ha cantato "Sodade" fino alla sua morte e alla fama eterna della canzone. Dal 1991, la paternità del tema è di proprietà dei musicisti Amândio Cabral e Luís Morais.

Così è stato fino a quando, nel 2002, Armando Zeferino Soares è apparso a chiedere la creazione del tema, supportato dal musicista Paulino Vieira.

Anche se in tempi diversi, sia Armando Zeferino Soares che Paulino Vieira sono nati a Praia Branca, lo splendido villaggio che avevamo prima di noi. Orgoglioso del merito di Zeferino Soares, scomparso nell'aprile 2007, all'età di 77 anni, e per aver dato i natali a “bibita”, Praia Branca ha eretto il suggestivo e commemorativo portico “Terra di Sodad”.

Ma come è nato?bibita”? Torniamo agli anni '50, nel pieno dell'era salazar delle colonie d'oltremare, era comune per i capoverdiani bisognosi di emigrare in São Tomé e Príncipe dove trovarono lavoro nei campi di cacao e caffè.

Una volta trasferiti lì, molti di loro sono rimasti per sempre e costituiscono una parte sostanziale della popolazione di São Tomé. Fu in questo contesto che Armando Zeferino Soares compose “bibita".

Correva l'anno 1954. Senza grandi alternative e senza alcuna speranza, quattro sanicolauani: José Nascimento Firmino, José da Cruz Gomes e la coppia Mário Soares e Maria Francisca Soares costituivano il gruppo pioniere dei migranti di São Nicolau destinati alle isole dell'Ecuador.

A quel tempo era tradizione che i compaesani che restavano salutassero con la musica chi partiva. Il testo di "Sodade" traduce il dolore di vederli partire senza sapere se si sarebbero mai più visti.

Nel corso degli anni e delle audizioni, la genuinità e l'intensità delle emozioni della partenza e della migrazione da São Nicolau hanno fatto “bibita” l'inno all'emigrazione capoverdiana.

Cidade Velha, Capo Verde

Cidade Velha: l'antica città delle città tropico-coloniali

Fu il primo insediamento fondato dagli europei al di sotto del Tropico del Cancro. In un momento cruciale per l'espansione portoghese in Africa e in Sud America e per la tratta degli schiavi che l'accompagnò, Cidade Velha divenne un'eredità toccante ma inevitabile di origini capoverdiane.

Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan "francese" alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
Salt Island, Capo Verde

Il sale dell'isola di Sal

Nell'imminenza del XIX secolo Sal rimase priva di acqua potabile e praticamente disabitata. Fino all'estrazione e all'esportazione dell'abbondante sale si favorì un progressivo popolamento. Oggi le saline e le saline danno un altro sapore all'isola più visitata Capo Verde.
Isola di Boa Vista, Capo Verde

Isola di Boa Vista: Atlantic Waves, Dunas do Sara

Boa Vista non è solo l'isola capoverdiana più vicina alla costa africana e al suo grande deserto. Dopo alcune ore di scoperta, ci convince che si tratta di un lembo del Sahara alla deriva nel Nord Atlantico.
Di Santa Maria, Sale, Capo Verde

Santa Maria e la benedizione atlantica di Sal

Santa Maria nasce nella prima metà dell'XNUMX come magazzino per l'esportazione del sale. Oggi, grazie alla provvidenza di Santa Maria, Sal Ilha vale molto di più della materia prima.
Santo Antão, Capo Verde

Lungo la strada della corda

Santo Antão è la più occidentale delle isole di Capo Verde. C'è un'aspra soglia atlantica dell'Africa, un maestoso dominio insulare che iniziamo svelando da un'estremità all'altra della sua splendida Estrada da Corda.
Isola del fuoco, Capo Verde

Intorno al fuoco

Il tempo e le leggi della geomorfologia imponevano che l'isola-vulcano di Fogo dovesse essere arrotondata come nessun altro a Capo Verde. Alla scoperta di questo esuberante arcipelago della Macaronesia, lo giriamo contro il tempo. Abbagliamo nella stessa direzione.
São Nicolau, Capo Verde

Fotografia di Nha Terra São Nicolau

La voce del defunto Cesária Verde ha cristallizzato i sentimenti dei capoverdiani costretti a lasciare la loro isola. chi visita São Nicolau o, qualunque esso sia, ammirare immagini che lo illustrano bene, capire perché la sua gente lo chiama, per sempre e con orgoglio, nha terra.
Chã das Caldeiras a Mosteiros, Isola del fuoco, Capo Verde

Chã das Caldeiras a Mosteiros: discesa attraverso il Confins do Fogo

Con la vetta di Capo Verde conquistata, abbiamo dormito e recuperato a Chã das Caldeiras, in comunione con alcune delle vite alla mercé del vulcano. La mattina successiva, iniziamo il ritorno nella capitale São Filipe, 11 km lungo la strada per Mosteiros.
Brava, Capo Verde

L'isola Brava di Capo Verde

Al tempo della colonizzazione, i portoghesi si imbatterono in un'isola umida e rigogliosa, cosa rara a Capo Verde. Brava, la più piccola delle isole abitate e una delle meno visitate dell'arcipelago, conserva la genuinità della sua natura atlantica e vulcanica alquanto sfuggente.
Santiago, Capo Verde

Santiago dal basso verso l'alto

Con sede nella capitale capoverdiana di Praia, esploriamo il suo predecessore pionieristico. Dal centro storico, viaggeremo lungo la splendida dorsale montuosa di Santiago, fino alla cima aperta di Tarrafal.
Santo Antão, Capo Verde

Da Porto Novo a Ribeira Grande attraverso il Sentiero del Mare

Sbarcati e stabiliti a Porto Novo de Santo Antão, abbiamo subito trovato due strade per raggiungere il secondo villaggio più grande dell'isola. Già arresi al monumentale saliscendi dell'Estrada da Corda, siamo abbagliati dal dramma vulcanico e atlantico dell'alternativa costiera.
Ponta do Sol a Fontainhas, Santo Antão, Capo Verde

Un viaggio vertiginoso da Ponta do Sol

Abbiamo raggiunto la soglia settentrionale di Santo Antão e Capo Verde. In un nuovo pomeriggio di luce radiosa, seguiamo il trambusto atlantico dei pescatori e la quotidianità meno costiera del villaggio. Con il tramonto imminente, abbiamo inaugurato una richiesta oscura e intimidatoria dal villaggio di Fontainhas.
Mindelo, São Vicente, Capo Verde

Il Miracolo di São Vicente

São Vicente è sempre stato arido e inospitale da eguagliare. La difficile colonizzazione dell'isola ha sottoposto i coloni a successive difficoltà. Fino a quando, finalmente, la sua provvidenziale baia di acque profonde ha reso Mindelo, la città più cosmopolita e la capitale culturale di Capo Verde.
Nova Sintra, Brava, Capo Verde

Una Sintra Creola, al posto di Saloia

Quando i coloni portoghesi scoprirono l'isola di Brava, notarono il suo clima, molto più umido della maggior parte di Capo Verde. Determinati a mantenere i collegamenti con la lontana metropoli, chiamarono la città principale Nova Sintra.
Tarrafal, Santiago, Capo Verde

Il Tarrafal della Libertà e della Slow Life

Il villaggio di Tarrafal delimita un angolo privilegiato dell'isola di Santiago, con le sue poche spiagge di sabbia bianca. Chi ne rimane incantato trova ancora più difficile comprendere l'atrocità coloniale del vicino campo di prigionia.
Ribeira Grande, Santo AntãoCapo Verde

Santo Antão, Ribeira Grande Sopra

Originariamente un piccolo villaggio, Ribeira Grande ha seguito il corso della sua storia. Divenne il villaggio, poi la città. È diventato un bivio eccentrico e inevitabile sull'isola di Santo Antão.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Yak Kharka a Thorong Phedi, circuito dell'Annapurna, Nepal, yak
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Giardino scultoreo, Edward James, Xilitla, Huasteca Potosina, San Luis Potosi, Messico, Cobra dos Pecados
Architettura & Design
Xilitla, San Luis Potosì, Messico

Il Delirio Messicano di Edward James

Nella foresta pluviale di Xilitla, la mente irrequieta del poeta Edward James ha gemellato un eccentrico giardino domestico. Oggi, Xilitla è lodata come un Eden del surreale.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Dragon Dance, Moon Festival, Chinatown-San Francisco-Stati Uniti d'America
Cerimonie e Feste
San Francisco, EUA

Con la testa sulla luna

Arriva settembre e i cinesi di tutto il mondo celebrano i raccolti, l'abbondanza e l'unione. L'enorme sino-comunità di San Francisco si dà anima e corpo al più grande Festival della Luna della California.
, Messico, città dell'argento e dell'oro, case sui tunnel
Città
Guanajuato, Messico

La Città che Brilla di Tutti i Colori

Durante il XNUMX° secolo, è stata la città che ha prodotto più argento al mondo e una delle più opulente del Messico e della Spagna coloniale. Molte delle sue miniere sono ancora attive, ma l'impressionante ricchezza di Guanuajuato risiede nell'eccentricità multicolore della sua storia e del suo patrimonio secolare.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
Controllo corrispondenza
Cultura
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Kayak sul Lago Sinclair, Cradle Mountain - Parco Nazionale del Lago Sinclair, Tasmania, Australia
In viaggio
alla Scoperta di Tassiè, Parte 4 - Da Devonport a Strahan, Australia

Attraverso il selvaggio West della Tasmania

Se il quasi-antipode tazzie è già un mondo australiano a parte, che dire della sua inospitale regione occidentale. Tra Devonport e Strahan, fitte foreste, fiumi sfuggenti e una costa frastagliata battuta da un Oceano Indiano quasi antartico generano enigma e rispetto.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
Etnico
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Rabat, Malta, Medina, Palazzo Xara
Storia
Rabat, Malta

Un ex sobborgo nel cuore di Malta

Se Mdina divenne la capitale nobile dell'isola, i Cavalieri Ospitalieri decisero di sacrificare la fortificazione dell'odierna Rabat. La città fuori le mura si espanse. Sopravvive come contrappunto popolare e rurale all'attuale museo vivente di Medina.
Victoria, capitale, Seychelles, Mahé, Capital Life
Isole
Victoria, Mahé, Seychelles

Dallo “stabilimento” francofono alla capitale creola delle Seychelles

I francesi diedero il loro "L'Etablissement” con coloni europei, africani e indiani. Due secoli dopo, i rivali britannici presero loro l'arcipelago e ribattezzarono la città in onore della loro regina Vittoria. Quando la visitiamo, la capitale delle Seychelles rimane tanto multietnica quanto minuscola.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
bianco inverno
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Pesca, Caño Negro, Costa Rica
Natura
Caño Negro , Costa Rica

Una vita di pesca tra la fauna selvatica

Una delle zone umide più importanti del Costa Rica e del mondo, Caño Negro abbaglia con il suo esuberante ecosistema. Non solo. Remoti, isolati da fiumi, paludi e strade dissestate, i suoi abitanti hanno trovato nella pesca a bordo una via per rafforzare i legami della loro comunità.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Isola di Alcatraz, California, Stati Uniti
Parchi Naturali
Alcatraz, San Francisco, EUA

Ritorno alla roccia

A quarant'anni dalla fine della sua pena, l'ex prigione di Alcatraz riceve più visitatori che mai. Pochi minuti del suo isolamento spiegano perché l'immaginazione di The Rock ha fatto rabbrividire i peggiori criminali.
Incisioni, Tempio di Karnak, Luxor, Egitto
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Crociera Princess Yasawa, Maldive
Spiagge
Maldive

Crociera alle Maldive tra isole e atolli

Portata dalle Fiji per navigare alle Maldive, la principessa Yasawa si è adattata bene ai nuovi mari. Di norma bastano uno o due giorni di itinerario per far emergere l'autenticità e il piacere della vita a bordo.
Pemba, Mozambico, Capitale di Cabo Delgado, da Porto Amélia a Porto de Abrigo, Paquitequete
Religione
Pemba, Mozambico

Da Porto Amélia al Porto di Abrigo de Moçambique

Nel luglio 2017 abbiamo visitato Pemba. Due mesi dopo, il primo attacco ha avuto luogo a Mocímboa da Praia. Nemmeno allora osavamo immaginare che la capitale tropicale e soleggiata di Cabo Delgado sarebbe diventata la salvezza di migliaia di mozambicani in fuga da un terrificante jihadismo.
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Veicoli Ferroviari
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Street Bar, Fremont Street, Las Vegas, Stati Uniti
Società
Las Vegas, EUA

La culla della città del peccato

La famosa Strip non ha sempre focalizzato l'attenzione di Las Vegas. Molti dei suoi hotel e casinò replicavano il glamour neon della strada che un tempo spiccava di più, Fremont Street.
il proiezionista
Vita quotidiana
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Scogliere sopra la Valle della Desolazione, vicino a Graaf Reinet, Sud Africa
Animali selvatici
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.