Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita


scherzo al tramonto
I giovani leoni si divertono sulla sponda erbosa del lago di Urema.
Palapa
Il zibellino nero, come è meglio conosciuto in Angola, attraversa la nebbia e uno dei sentieri del Gorongosa PN.
Piva fuori vista
Waterbucks, di gran lunga la specie più visibile a Gorongosa.
diffidare
Elephant cerca di capire cosa si sta avvicinando e poi reagisce con furia e si ritrae.
caccia al crepuscolo
Giovani leoni vagano per le sponde del dorato Lago Urema al tramonto.
Passaggio attraverso i leoni
La jeep da PN Gorongosa torna a Chitengo dopo essersi divertita a godersi alcuni dei leoni del parco.
Guardando il lago
Aquila pescatrice attenta ai movimenti nell'acqua di un laghetto sottostante.
disposizione degli impala
Mandria di impala che osserva il passaggio di visitatori umani da Gorongosa.
il grande Gorongosa
Il pendio della catena montuosa di Gorongosa era avvolto dalla nebbia, una scena abituale al mattino in questa regione interna del Mozambico.
Palapa II
Un palapa maschio (leggermente) nascosto nella vegetazione di Gorongosa.
roba da avvoltoio
Il team di ornitologi di Greg Kaltenecker ottiene dati su un avvoltoio dalla testa bianca, una specie che studiano e rintracciano a Gorongosa.
fuga generale
Le oche lasciano un lago pieno di vegetazione anfibia.
un nuovo tramonto
Impala esamina il racconto del tramonto di Gorongosa.
Cicogne di lombo nero
Un duo dei cosiddetti tuiuius africani.
Fogo
Le guide del Parco Nazionale di Gorongosa osservano un incendio nel Parco Nazionale di Gorongosa.
Palme di Gorongosa
Uno dei tratti distintivi di Gorongosa: le sue palme.
colori del tramonto
Un grande albero taglia il lussureggiante tramonto intorno a Gorongosa.
Volo della cicogna lombo nero
Cicogna lombo nera in pieno volo.
Convivialità nella notte fonda
I visitatori per lo più americani di PN Gorongosa vivono fuori Chitengo.
Gorongosa-national-park-mozambico-wild-life-road
Una delle tante strade che attraversano il Gorongosa PN.
Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.

La guida nata a Zimbabwe Il test ci porta in una delle classiche jeep da game drive.

Dopo un percorso introduttivo attraverso la vegetazione arborea del Gorongosa NP, si arriva ad una savana aperta, riempita da erba secca quasi poco profonda, da zone a cespi fitti e fitti, di media altezza.

Era costellato di palme esotiche, alcune nane, altre, non tanto, di ventagli, ilala o simili.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, palme

Uno dei tratti distintivi di Gorongosa: le sue palme.

«Be', oggi stavano passeggiando qui intorno. Vediamo se sono ancora…”

L'incontro non è immediato. Mentre perlustriamo il labirinto dorato mosso dal vento, Test arriva a dubitare del successo della ricerca. E diventando impaziente.

Per un breve periodo.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, safari

La jeep da PN Gorongosa torna a Chitengo dopo essersi divertita a godersi alcuni dei leoni del parco.

“Oh pronto! Sono là. Li vedi?" Certo che lo eravamo.

Due giovani leoni erano apparsi dal nulla. ansimò. Ci hanno dato l'idea di essere infastiditi dal caldo, che erano ancora solo le dieci del mattino. «Hanno mangiato con il resto del branco all'alba. Ora, si sono presi un po' di tempo per loro". aggiunge Test.

In effetti, abbiamo visto molti altri erbivori in giro: impala, bauala, waterbucks e altri.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, imbabalas

Imbabalas su una strada stretta nel Gorongosa PN.

Ciò che interessava ai leoni, invece, era l'ombra più ventilata nelle vicinanze.

Così l'hanno inseguita qua e là, sono apparse e sono scomparse in mezzo al cespuglio di ciuffi che sembravano giocare a nascondino con noi.

È stato il nostro primo avvistamento di leoni a Gorongosa.

Ne sarebbero seguiti diversi. Facile come questo.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni

I giovani leoni si divertono sulla sponda erbosa del lago di Urema.

Gli incredibili fiumi ed ecosistemi di Gorongosa

La sua ricerca ci ha permesso, allo stesso tempo, di iniziare ad apprezzare la bellezza unica di Gorongosa.

È formato da un mosaico di ecosistemi che si estendono dai piedi dell'omonima catena montuosa all'altopiano del Cheringoma, attraversato da una serie di fiumi che da secoli irrigano il lago Urema e sostengono l'incredibile biodiversità di questi luoghi:

il Vunduzi che sorge alle pendici della Serra da Gorongosa, il Nhandugue, l'omonimo Urema, il Muaredzi.

E altri più piccoli che, di regola, scompaiono durante la stagione secca.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, cicogne nere

Un duo dei cosiddetti tuiuius africani.

La prova ci conduce verso la sponda dell'Urema, il lago. A giugno, con le piogge già scomparse da alcuni mesi, questo bordo è un vasto tandoor ricoperto di erba molto verde e succulenta.

Sembra brulicante di erbivori, in particolare innumerevoli waterbucks, in un'abbondanza che non abbiamo trovato in nessun'altra parte del mondo.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, Pivas

Waterbucks, di gran lunga la specie più visibile a Gorongosa.

Vediamo per la prima volta quanto la fauna di Gorongosa si sia ripresa dai suoi anni più bui.

In conversazione con Vasco Galante, Direttore della Comunicazione del parco, ci mostra il video di un film promozionale del 1961, diretto da Miguel Spiguel e narrato dall'inconfondibile Fernando Pessa.

Vasco racconta che, nella sua giovinezza da Abrantina, quello stesso film, con il suo immaginario della giungla e del safari, lo aveva abbagliato e suscitato il sogno di conoscere il luogo.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, guardia del cancello di Chitengo

Impiegato Chitengo addetto alle entrate e alle uscite dei campi.

Dalla Game Reserve al Lush Colonial National Park

A quel punto, Gorongosa era raggiante. Dal 1920 al 1959 è stata una riserva di caccia che la Compagnia del Mozambico ha determinato con 1000 km2.

Nel 1940 era diventata famosa.

Incautamente, le autorità gli hanno fornito un accampamento turistico nella pianura alluvionale vicino al fiume Mussicadzi.

Come molti temevano, nel 1942 le inondazioni danneggiarono le infrastrutture. Vasco ci mostra un altro film. In esso vediamo come branchi guidati da leoni con enormi criniere fuligginose hanno preso il controllo degli edifici.

Mentre salivano le scale a chiocciola per raggiungere la terrazza dove riposavano e scrutavano i loro domini e guardavano gli innumerevoli esemplari che vi si aggiravano: waterbucks (3500), gnu (5500), impala (2000), zebre (3000), bufali (14500 ), elefanti (2200), ippopotami (3500), centinaia di eland, zibellino e gondonga, tutte specie inventariate in seguito dall'ecologo sudafricano Kenneth Tinley.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, Impala

Piccolo branco di impala che osserva i visitatori umani di Gorongosa.

Nel 1951, una nuova amministrazione del governo coloniale tenne conto del fatto che Gorongosa era già visitata ogni anno da più di 6000 turisti.

Dettò la costruzione di infrastrutture ricettive, un ristorante e un bar, il tutto a Chitengo.

Quattro anni dopo, Gorongosa fu dichiarata parco nazionale. Chitengo ha ricevuto nuove strade e altre infrastrutture.

Alla fine degli anni '60 aveva anche un ufficio postale, una stazione di servizio, un pronto soccorso, un negozio di artigianato, due piscine e persino una discoteca.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, edificio di Chitengo

Operai della PN Gorongosa davanti a uno degli edifici di Chitengo.

Gli anni innocui della guerra d'indipendenza

Dal 1964 al 1975, la guerra per l'indipendenza generata dal Fronte di liberazione del Mozambico (FRELIMO) ha colpito duramente il parco.

Nel 1972, una compagnia portoghese supportata da diversi membri di un'organizzazione provinciale di volontariato di stanza nell'area per proteggerla.

Nel 1976 un nuovo conteggio confermò diverse migliaia di animali e ben più dei 200 leoni precedentemente verificati, il numero più alto fino ad oggi.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, crepuscolo dei leoni

Giovani leoni vagano per le sponde del dorato Lago Urema al tramonto.

Il suo ecosistema si è dimostrato sano come sempre.

Finché, finanziato e armato dal Sud Africa e dal governo “bianco” della Rhodesia del Sud, è entrata in scena la Resistenza Nazionale del Mozambico (RENAMO), in opposizione al FRELIMO.

1981-1992: La distruzione traumatica di PN Gorongosa

Siamo arrivati ​​nel 1981. La Guerra Civile si è impadronita del Paese e, per Gorongosa, si è confermato lo scenario peggiore: che RENAMO l'avrebbe presto utilizzata come quartier generale.

Nello stesso anno RENAMO attaccò Chitengo. Ha rapito molti dei suoi lavoratori e due scienziati stranieri.

Nel 1983 il parco fu chiuso. Da quel momento in poi, la violenza e la distruzione aumentarono. Battaglie a terra e bombardamenti aerei distrussero gli edifici.

I soldati di entrambe le parti in conflitto hanno massacrato centinaia di elefanti per vendere l'avorio e ottenere nuove armi.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leonessa

La leonessa riposa riscaldata dal dolce sole del tardo pomeriggio.

Soldati affamati uccisero migliaia di diversi erbivori e gli stessi leoni - ora protetti e monitorati con collari di localizzazione - e altri predatori furono decimati per puro divertimento o morti di fame per mancanza di prede.

La guerra civile terminò nel 1992 ma la fauna del parco continuò a essere vittima del bracconaggio. Alla fine delle atrocità, quasi tutti i grandi animali erano stati ridotti del 90% o più.

Ovviamente, nel 2017 c'era ancora molto da fare.

Infrastrutture e fauna si sono riprese e come.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, babbuini e waterbucks

I babbuini passano davanti a un curioso branco di waterbucks.

Torna alla Scoperta della Gorongosa PN

La mattina dopo siamo partiti molto presto, in una nuova modalità di gioco guidata da Moutinho, una giovane guida nativa. Una fitta nebbia avvolge Gorongosa.

Lungo il percorso, sagome spettrali di animali appaiono sulla stretta strada sterrata che la vegetazione tropicale stava cercando di invadere: imbabalas, inhacosos e pala-palas – il nome mozambicano dell'emblematico zibellino dell'Angola.

Parco Nazionale di Gorongosa, Mozambico, Fauna selvatica, Pala-Pala

Il zibellino nero, come è meglio conosciuto in Angola, attraversa la nebbia e uno dei sentieri del Gorongosa PN.

Diamo uno sguardo ai laghi lasciati dai mesi piovosi (gennaio-aprile), pieni di uccelli:

Oche egiziane, ibis, marabutti, cicogne dal becco giallo e becco nero, pellicani e molti altri.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, pellicani

Nonostante la distanza dall'oceano
Oceano Indiano, i pellicani abbondano in PN Gorongosa.

Più percorrevamo il parco, più rimanevamo incantati dai suoi una cinquantina di ecosistemi:

il paesaggio sconfinato, la foresta di acacie gialle e le savane punteggiate di palme esotiche, le rive erbose e paludose dell'Urema, lo stesso lago condiviso da ippopotami e coccodrilli.

La foresta tropicale alle pendici delle montagne e tanti altri ambienti.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, nebbia a Great Gorongosa

Il pendio della catena montuosa di Gorongosa era avvolto dalla nebbia, una scena abituale al mattino in questa regione interna del Mozambico.

Alla ricerca degli inafferrabili elefanti del parco

Dopo un'intensa ricerca, abbiamo trovato lì un elefante maschio solitario, poi un altro. Non è un caso che la memoria di questi pachidermi sia così famosa.

A Gorongosa, rilevando a malapena le jeep, gli elefanti ricordano i traumi vissuti durante e dopo la guerra civile.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, elefante

Elephant cerca di capire cosa si sta avvicinando e poi reagisce con furia e si ritrae.

Reagiscono con sospetto immediato e inseguono persino i veicoli. A differenza dei leoni – che ritroviamo facilmente ai margini dell'Urema – sono sfuggenti.

Ma con il tempo tutto guarirà.

Questo il parere del governo mozambicano che, nel 1994, con il sostegno della Banca africana di sviluppo e dell'Unione internazionale per la conservazione della natura, ha cercato di recuperare infrastrutture, aprire sentieri e strade.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, strada

Una delle tante strade che attraversano il Gorongosa PN.

Dallo sminamento della regione e dalla lotta al bracconaggio con il supporto di ottanta dipendenti neoassunti, alcuni ex lavoratori del parco e persino ex combattenti.

Greg Carr: Dal messaggio dell'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite all'azione

Dopo l'inizio del secolo, Greg Carr, l'americano che ha inventato la segreteria telefonica e che ha prosperato con esso, è entrato nell'equazione.

Il miliardario dell'Idaho ha accolto un suggerimento dell'ambasciatore mozambicano all'Onu durante un incontro promosso dalla famiglia Kennedy per sostenere la ripresa del Mozambico dalla guerra.

Poco dopo, visitò Gorongosa. Si arrese e si convinse che il parco potesse fungere da forte motore turistico per lo sviluppo del Mozambico centrale.

Parco Nazionale di Gorongosa, Mozambico, Fauna selvatica, Drª de Turno

Medico di Chitengo al servizio dei lavoratori e dei visitatori del Gorongosa PN.

Nel 2004 Joaquim Chissano ha convalidato una partnership tra il Ministero del Turismo del Mozambico e la Fondazione Carr, che Greg aveva creato nel 1999 per una gestione trentennale di Gorongosa. Questa partnership prevedeva un investimento di quasi 25 milioni di euro.

Nelle infrastrutture, reintroduzione degli animali – come è successo con i 54 elefanti che ha acquistato dal vicino Kruger Park sudafricano –, integrazione delle comunità di Gorongosa e loro beneficio dai profitti stimati del progetto.

Vasco Galante: La mano destra e l'uomo sempre a terra di Greg Carr

A questo punto Vasco Galante era diventato il braccio destro di Carr. Stufo della vita lavorativa che conduceva Portogallo, aveva già deciso di cambiare vita e il Mozambico gli era rimasto nel cuore.

Quando ha scoperto che Greg Carr stava cercando un manager per la squadra di Gorongosa, gli è balzato in mente il delizioso film di Miguel Spiguel con la voce di Fernando Pessa.

Vasco divenne una parte essenziale della famiglia del parco. come è Mateo Mutemba, l'amministratore con il quale abbiamo anche il privilegio di vivere, recentemente premiato dal National Geographic come uno dei suoi “Esploratori emergenti“Dal 2017.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, anatre

Le oche lasciano un lago pieno di vegetazione anfibia.

L'interesse americano per Gorongosa contro la politica isolazionista di Donald Trump

Nei giorni in cui ci accoglie, Chitengo è in delirio.

Decine di americani dell'Idaho, quasi tutti legati a Greg Carr o alla sua famiglia, erano in visita.

La presenza di questi yankee non impedisce i successivi assedi e le incursioni dei babbuini nella cucina del ristorante. Né i tour nutrizionali delle bande di facoceri in tutto il complesso.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, facocero, facocero

Un facocero fa capolino dalla sua tana.

Ci uniamo a una delle jeep su cui viaggiano. Abbiamo notato che, nella maggior parte dei casi, sono stati i primi safari a cui hanno partecipato e come hanno vissuto con entusiasmo e raddoppiato interesse tutto l'apprendimento biologico di Gorongosa:

un team di ornitologi che ha catturato, pesato e identificato gli avvoltoi per ulteriori studi;

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, avvoltoio

Il team di ornitologi di Greg Kaltenecker ottiene dati su un avvoltoio dalla testa bianca, una specie che studiano e rintracciano a Gorongosa.

lo stupore per i suoi ecosistemi in continuo mutamento e l'esuberante tramonto che sfuma verso i fianchi della Serra.

Quando cala il buio, aiutiamo loro e la guida Moutinho – Monty come preferivano chiamarlo – da un riflettore acceso, a trovare specie notturne: genette, zibetti e jagra stridenti.

Tornati a Chitengo, superiamo uno degli incendi ispezionati dalle autorità per tenere sotto controllo la vegetazione durante la stagione secca.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, fuoco

Le guide del Parco Nazionale di Gorongosa osservano un incendio nel Parco Nazionale di Gorongosa.

Al barbecue d'addio che è seguito, uno dei rappresentanti del gruppo americano ha ringraziato il parco per l'opportunità.

Ha colto l'occasione per sniffare le politiche di relazioni internazionali di Donald Trump, che hanno tagliato il sostegno all'USAID e ad altri programmi statunitensi. EUA ai paesi più bisognosi.

“Risparmiamo sui programmi con cui otteniamo amicizie nel mondo, ci vedremo spendere in armi per combattere nuovi nemici”.

Il Gorongosa PN sta per ricevere un'estensione territoriale fino alle rive del fiume Zambesi.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, tramonto

Impala esamina il racconto del tramonto di Gorongosa.

Al giorno d'oggi, per Gorongosa è cruciale o addirittura più cruciale degli aiuti esteri che il Mozambico rimanga in pace.

Isola di Ibo, Mozambico

Isola di un Mozambico scomparso

Fu fortificato nel 1791 dai portoghesi che cacciarono gli arabi dalle Quirimba e si impadronirono delle loro rotte commerciali. Divenne il 2° entrepot portoghese sulla costa orientale dell'Africa e, in seguito, capoluogo della provincia di Cabo Delgado, Mozambico. Con la fine della tratta degli schiavi all'inizio del XX secolo e il passaggio della capitale a Porto Amélia, l'isola di Ibo si è trovata nell'affascinante ristagno in cui si trova.
bazaruto, Mozambico

Il miraggio invertito del Mozambico

A soli 30 km dalla costa orientale dell'Africa, un improbabile ma imponente erg sorge dal mare traslucido. Bazaruto ripara paesaggi e persone che hanno vissuto a lungo separate. Chiunque atterri su questa lussureggiante isola sabbiosa si ritrova rapidamente in una tempesta di stupore.
Isola del Mozambico, Mozambico  

L'isola di Ali Musa Bin Bique. Scusa, dal Mozambico

Con l'arrivo di Vasco da Gama nell'estremo sud-est dell'Africa, i portoghesi si impossessarono di un'isola precedentemente governata da un emiro arabo, di cui finirono per alterare il nome. L'emiro perse territorio e ufficio. Il Mozambico - il nome sagomato - sopravvive sull'isola splendente dove tutto ebbe inizio e diede anche il nome alla nazione che finì per formare la colonizzazione portoghese.
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Isola di Ibo a Isola QuirimbaMozambico

Ibo a Quirimba al Sapore della Marea

Per secoli, gli indigeni hanno viaggiato dentro e fuori le mangrovie tra le isole di Ibo e Quirimba, nel tempo che dà loro il travolgente viaggio di andata e ritorno dell'Oceano Indiano. Alla scoperta della regione, incuriositi dall'eccentricità del percorso, ne seguiamo i passi anfibi.
Pemba, Mozambico

Da Porto Amélia al Porto di Abrigo de Moçambique

Nel luglio 2017 abbiamo visitato Pemba. Due mesi dopo, il primo attacco ha avuto luogo a Mocímboa da Praia. Nemmeno allora osavamo immaginare che la capitale tropicale e soleggiata di Cabo Delgado sarebbe diventata la salvezza di migliaia di mozambicani in fuga da un terrificante jihadismo.
Isola di Goa, Isola del Mozambico, Mozambico

L'isola che illumina la del Mozambico

La piccola isola di Goa sostiene un faro secolare all'ingresso di Mossuril Bay. La sua torre elencata segnala la prima tappa di uno straordinario tour in dhow intorno al vecchio Isola del Mozambico.

Machangulo, Mozambico

La penisola d'oro di Machangulo

Ad un certo punto, un braccio di mare divide in due la lunga striscia sabbiosa ricca di dune iperboliche che delimita la baia di Maputo. Machangulo, come viene chiamata la parte inferiore, ospita una delle coste più magnifiche del Mozambico.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Safari
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Thorong Pedi a High Camp, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Escursionista solitario
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Fogli da Bahia, Eternal Diamonds, Brasile
Architettura & Design
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
Cerimonie e Feste
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
hué, città comunista, Vietnam imperiale, comunismo imperiale
Città
Hue, Vietnam

L'eredità rossa del Vietnam imperiale

Ha sofferto le peggiori difficoltà della guerra del Vietnam ed è stata disprezzata dal Vietcong per il passato feudale. Le bandiere nazional-comuniste sventolano sulle sue mura ma Hué ritrova il suo splendore.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Giardino scultoreo, Edward James, Xilitla, Huasteca Potosina, San Luis Potosi, Messico, Cobra dos Pecados
Cultura
Xilitla, San Luis Potosì, Messico

Il Delirio Messicano di Edward James

Nella foresta pluviale di Xilitla, la mente irrequieta del poeta Edward James ha gemellato un eccentrico giardino domestico. Oggi, Xilitla è lodata come un Eden del surreale.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Case in miniatura, Chã das Caldeiras, vulcano Fogo, Capo Verde
Etnico
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan “francese” alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
USS Arizona, Pearl Harbor, Hawaii
Storia
Pearl Harbor, Havai

Il giorno in cui il Giappone è andato troppo lontano

Il 7 dicembre 1941, il Giappone attaccò la base militare di Pearl Harbor. Oggi, parti delle Hawaii sembrano colonie giapponesi, ma gli Stati Uniti non dimenticheranno mai l'affronto.
Rottnest Island, Wadjemup, Australia, Quokka
Isole
Wadjemup, isola di Rottnest, Australia

Tra i Quokka e altri Spiriti Aborigeni

Nel XNUMX° secolo, un capitano olandese soprannominò quest'isola circondata da un turchese Oceano Indiano, “Rottnest, un nido di topi”. I quokka che gli sfuggivano erano, tuttavia, marsupiali, considerati sacri dagli aborigeni Whadjuk Noongar dell'Australia occidentale. Come l'isola edenica su cui i coloni britannici li martirizzarono.
Controllo corrispondenza
bianco inverno
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
silhouette e poesia, cora coralina, old goias, brasile
Letteratura
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Cumbre Vieja, La Palma, Eruzione, Tsunami, Apocalisse televisiva
Natura
La Palma, Isole CanarieSpagna

Il più mediatico dei cataclismi che accadrà

La BBC ha riferito che il crollo di un pendio vulcanico sull'isola della Palma potrebbe generare un mega tsunami. Ogni volta che l'attività vulcanica nell'area aumenta, i media colgono l'occasione per spaventare il mondo.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
lagune e fumarole, vulcani, PN tongaro, nuova zelanda
Parchi Naturali
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
personaggi
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Repubblica Dominicana, Spiaggia Bahia de Las Águilas, Pedernales. Parco Nazionale di Jaragua, Spiaggia
Spiagge
Laguna di Oviedo a Bahia de las Águilas, Repubblica Dominicana

Alla ricerca della spiaggia dominicana immacolata

Contro ogni previsione, una delle coste dominicane più incontaminate è anche una delle più remote. Alla scoperta della provincia di Pedernales, ammiriamo il Parco Nazionale semidesertico di Jaragua e la purezza caraibica di Bahia de las Águilas.
Candia, Dente di Buddha, Ceylon, lago
Religione
Kandy, Sri Lanka

Incursione nella Radice Dentale del Buddismo Singalese

Situata nel cuore montuoso dello Sri Lanka, alla fine del XV secolo Kandy divenne la capitale del regno dell'antico Ceylon, che resistette ai successivi tentativi coloniali di conquista. Divenne anche il suo nucleo buddista, a cui continua a contribuire il fatto che conservi un sacro dente del Buddha.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Tokyo, Giappone allevamenti, clienti e sphynx cat
Società
Tokyo, Giappone

Le fusa usa e getta

Tokyo è la più grande delle metropoli, ma nei suoi angusti appartamenti non c'è posto per le mascotte. Gli uomini d'affari giapponesi hanno rilevato il divario e hanno lanciato un "allevamento" in cui gli affetti felini sono pagati a ore.
il proiezionista
Vita quotidiana
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Fattoria São João, Pantanal, Miranda, Mato Grosso do Sul, tramonto
Animali selvatici
Fattoria Sao Joao, Miranda, Brasile

Pantanal con il Paraguay in vista

Quando l'azienda agricola Passo do Lontra ha deciso di espandere il proprio ecoturismo, ha reclutato l'altra azienda agricola di famiglia, São João. Più lontano dal fiume Miranda, quest'altra proprietà rivela un remoto Pantanal, ai margini del Paraguay. Dal paese e dal fiume omonimo.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.