Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita


scherzo al tramonto
I giovani leoni si divertono sulla sponda erbosa del lago di Urema.
Palapa
Il zibellino nero, come è meglio conosciuto in Angola, attraversa la nebbia e uno dei sentieri del Gorongosa PN.
Piva fuori vista
Waterbucks, di gran lunga la specie più visibile a Gorongosa.
diffidare
Elephant cerca di capire cosa si sta avvicinando e poi reagisce con furia e si ritrae.
caccia al crepuscolo
Giovani leoni vagano per le sponde del dorato Lago Urema al tramonto.
Passaggio attraverso i leoni
La jeep da PN Gorongosa torna a Chitengo dopo essersi divertita a godersi alcuni dei leoni del parco.
Guardando il lago
Aquila pescatrice attenta ai movimenti nell'acqua di un laghetto sottostante.
disposizione degli impala
Mandria di impala che osserva il passaggio di visitatori umani da Gorongosa.
il grande Gorongosa
Il pendio della catena montuosa di Gorongosa era avvolto dalla nebbia, una scena abituale al mattino in questa regione interna del Mozambico.
Palapa II
Un palapa maschio (leggermente) nascosto nella vegetazione di Gorongosa.
roba da avvoltoio
Il team di ornitologi di Greg Kaltenecker ottiene dati su un avvoltoio dalla testa bianca, una specie che studiano e rintracciano a Gorongosa.
fuga generale
Le oche lasciano un lago pieno di vegetazione anfibia.
un nuovo tramonto
Impala esamina il racconto del tramonto di Gorongosa.
Cicogne di lombo nero
Un duo dei cosiddetti tuiuius africani.
Fogo
Le guide del Parco Nazionale di Gorongosa osservano un incendio nel Parco Nazionale di Gorongosa.
Palme di Gorongosa
Uno dei tratti distintivi di Gorongosa: le sue palme.
colori del tramonto
Un grande albero taglia il lussureggiante tramonto intorno a Gorongosa.
Volo della cicogna lombo nero
Cicogna lombo nera in pieno volo.
Convivialità nella notte fonda
I visitatori per lo più americani di PN Gorongosa vivono fuori Chitengo.
Gorongosa-national-park-mozambico-wild-life-road
Una delle tante strade che attraversano il Gorongosa PN.
Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.

La guida nata a Zimbabwe Il test ci porta in una delle classiche jeep da game drive.

Dopo un percorso introduttivo attraverso la vegetazione arborea del Gorongosa NP, si arriva ad una savana aperta, riempita da erba secca quasi poco profonda, da zone a cespi fitti e fitti, di media altezza.

Era costellato di palme esotiche, alcune nane, altre, non tanto, di ventagli, ilala o simili.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, palme

Uno dei tratti distintivi di Gorongosa: le sue palme.

«Be', oggi stavano passeggiando qui intorno. Vediamo se sono ancora…”

L'incontro non è immediato. Mentre perlustriamo il labirinto dorato mosso dal vento, Test arriva a dubitare del successo della ricerca. E diventando impaziente.

Per un breve periodo.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, safari

La jeep da PN Gorongosa torna a Chitengo dopo essersi divertita a godersi alcuni dei leoni del parco.

“Oh pronto! Sono là. Li vedi?" Certo che lo eravamo.

Due giovani leoni erano apparsi dal nulla. ansimò. Ci hanno dato l'idea di essere infastiditi dal caldo, che erano ancora solo le dieci del mattino. «Hanno mangiato con il resto del branco all'alba. Ora, si sono presi un po' di tempo per loro". aggiunge Test.

In effetti, abbiamo visto molti altri erbivori in giro: impala, bauala, waterbucks e altri.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, imbabalas

Imbabalas su una strada stretta nel Gorongosa PN.

Ciò che interessava ai leoni, invece, era l'ombra più ventilata nelle vicinanze.

Così l'hanno inseguita qua e là, sono apparse e sono scomparse in mezzo al cespuglio di ciuffi che sembravano giocare a nascondino con noi.

È stato il nostro primo avvistamento di leoni a Gorongosa.

Ne sarebbero seguiti diversi. Facile come questo.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni

I giovani leoni si divertono sulla sponda erbosa del lago di Urema.

Gli incredibili fiumi ed ecosistemi di Gorongosa

La sua ricerca ci ha permesso, allo stesso tempo, di iniziare ad apprezzare la bellezza unica di Gorongosa.

È formato da un mosaico di ecosistemi che si estendono dai piedi dell'omonima catena montuosa all'altopiano del Cheringoma, attraversato da una serie di fiumi che da secoli irrigano il lago Urema e sostengono l'incredibile biodiversità di questi luoghi:

il Vunduzi che sorge alle pendici della Serra da Gorongosa, il Nhandugue, l'omonimo Urema, il Muaredzi.

E altri più piccoli che, di regola, scompaiono durante la stagione secca.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, cicogne nere

Un duo dei cosiddetti tuiuius africani.

La prova ci conduce verso la sponda dell'Urema, il lago. A giugno, con le piogge già scomparse da alcuni mesi, questo bordo è un vasto tandoor ricoperto di erba molto verde e succulenta.

Sembra brulicante di erbivori, in particolare innumerevoli waterbucks, in un'abbondanza che non abbiamo trovato in nessun'altra parte del mondo.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, Pivas

Waterbucks, di gran lunga la specie più visibile a Gorongosa.

Vediamo per la prima volta quanto la fauna di Gorongosa si sia ripresa dai suoi anni più bui.

In conversazione con Vasco Galante, Direttore della Comunicazione del parco, ci mostra il video di un film promozionale del 1961, diretto da Miguel Spiguel e narrato dall'inconfondibile Fernando Pessa.

Vasco racconta che, nella sua giovinezza da Abrantina, quello stesso film, con il suo immaginario della giungla e del safari, lo aveva abbagliato e suscitato il sogno di conoscere il luogo.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, guardia del cancello di Chitengo

Impiegato Chitengo addetto alle entrate e alle uscite dei campi.

Dalla Game Reserve al Lush Colonial National Park

A quel punto, Gorongosa era raggiante. Dal 1920 al 1959 è stata una riserva di caccia che la Compagnia del Mozambico ha determinato con 1000 km2.

Nel 1940 era diventata famosa.

Incautamente, le autorità gli hanno fornito un accampamento turistico nella pianura alluvionale vicino al fiume Mussicadzi.

Come molti temevano, nel 1942 le inondazioni danneggiarono le infrastrutture. Vasco ci mostra un altro film. In esso vediamo come branchi guidati da leoni con enormi criniere fuligginose hanno preso il controllo degli edifici.

Mentre salivano le scale a chiocciola per raggiungere la terrazza dove riposavano e scrutavano i loro domini e guardavano gli innumerevoli esemplari che vi si aggiravano: waterbucks (3500), gnu (5500), impala (2000), zebre (3000), bufali (14500 ), elefanti (2200), ippopotami (3500), centinaia di eland, zibellino e gondonga, tutte specie inventariate in seguito dall'ecologo sudafricano Kenneth Tinley.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, Impala

Piccolo branco di impala che osserva i visitatori umani di Gorongosa.

Nel 1951, una nuova amministrazione del governo coloniale tenne conto del fatto che Gorongosa era già visitata ogni anno da più di 6000 turisti.

Dettò la costruzione di infrastrutture ricettive, un ristorante e un bar, il tutto a Chitengo.

Quattro anni dopo, Gorongosa fu dichiarata parco nazionale. Chitengo ha ricevuto nuove strade e altre infrastrutture.

Alla fine degli anni '60 aveva anche un ufficio postale, una stazione di servizio, un pronto soccorso, un negozio di artigianato, due piscine e persino una discoteca.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, edificio di Chitengo

Operai della PN Gorongosa davanti a uno degli edifici di Chitengo.

Gli anni innocui della guerra d'indipendenza

Dal 1964 al 1975, la guerra per l'indipendenza generata dal Fronte di liberazione del Mozambico (FRELIMO) ha colpito duramente il parco.

Nel 1972, una compagnia portoghese supportata da diversi membri di un'organizzazione provinciale di volontariato di stanza nell'area per proteggerla.

Nel 1976 un nuovo conteggio confermò diverse migliaia di animali e ben più dei 200 leoni precedentemente verificati, il numero più alto fino ad oggi.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, crepuscolo dei leoni

Giovani leoni vagano per le sponde del dorato Lago Urema al tramonto.

Il suo ecosistema si è dimostrato sano come sempre.

Finché, finanziato e armato dal Sud Africa e dal governo “bianco” della Rhodesia del Sud, è entrata in scena la Resistenza Nazionale del Mozambico (RENAMO), in opposizione al FRELIMO.

1981-1992: La distruzione traumatica di PN Gorongosa

Siamo arrivati ​​nel 1981. La Guerra Civile si è impadronita del Paese e, per Gorongosa, si è confermato lo scenario peggiore: che RENAMO l'avrebbe presto utilizzata come quartier generale.

Nello stesso anno RENAMO attaccò Chitengo. Ha rapito molti dei suoi lavoratori e due scienziati stranieri.

Nel 1983 il parco fu chiuso. Da quel momento in poi, la violenza e la distruzione aumentarono. Battaglie a terra e bombardamenti aerei distrussero gli edifici.

I soldati di entrambe le parti in conflitto hanno massacrato centinaia di elefanti per vendere l'avorio e ottenere nuove armi.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leonessa

La leonessa riposa riscaldata dal dolce sole del tardo pomeriggio.

Soldati affamati uccisero migliaia di diversi erbivori e gli stessi leoni - ora protetti e monitorati con collari di localizzazione - e altri predatori furono decimati per puro divertimento o morti di fame per mancanza di prede.

La guerra civile terminò nel 1992 ma la fauna del parco continuò a essere vittima del bracconaggio. Alla fine delle atrocità, quasi tutti i grandi animali erano stati ridotti del 90% o più.

Ovviamente, nel 2017 c'era ancora molto da fare.

Infrastrutture e fauna si sono riprese e come.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, babbuini e waterbucks

I babbuini passano davanti a un curioso branco di waterbucks.

Torna alla Scoperta della Gorongosa PN

La mattina dopo siamo partiti molto presto, in una nuova modalità di gioco guidata da Moutinho, una giovane guida nativa. Una fitta nebbia avvolge Gorongosa.

Lungo il percorso, sagome spettrali di animali appaiono sulla stretta strada sterrata che la vegetazione tropicale stava cercando di invadere: imbabalas, inhacosos e pala-palas – il nome mozambicano dell'emblematico zibellino dell'Angola.

Parco Nazionale di Gorongosa, Mozambico, Fauna selvatica, Pala-Pala

Il zibellino nero, come è meglio conosciuto in Angola, attraversa la nebbia e uno dei sentieri del Gorongosa PN.

Diamo uno sguardo ai laghi lasciati dai mesi piovosi (gennaio-aprile), pieni di uccelli:

Oche egiziane, ibis, marabutti, cicogne dal becco giallo e becco nero, pellicani e molti altri.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, pellicani

Nonostante la distanza dall'oceano
Oceano Indiano, i pellicani abbondano in PN Gorongosa.

Più percorrevamo il parco, più rimanevamo incantati dai suoi una cinquantina di ecosistemi:

il paesaggio sconfinato, la foresta di acacie gialle e le savane punteggiate di palme esotiche, le rive erbose e paludose dell'Urema, lo stesso lago condiviso da ippopotami e coccodrilli.

La foresta tropicale alle pendici delle montagne e tanti altri ambienti.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, nebbia a Great Gorongosa

Il pendio della catena montuosa di Gorongosa era avvolto dalla nebbia, una scena abituale al mattino in questa regione interna del Mozambico.

Alla ricerca degli inafferrabili elefanti del parco

Dopo un'intensa ricerca, abbiamo trovato lì un elefante maschio solitario, poi un altro. Non è un caso che la memoria di questi pachidermi sia così famosa.

A Gorongosa, rilevando a malapena le jeep, gli elefanti ricordano i traumi vissuti durante e dopo la guerra civile.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, elefante

Elephant cerca di capire cosa si sta avvicinando e poi reagisce con furia e si ritrae.

Reagiscono con sospetto immediato e inseguono persino i veicoli. A differenza dei leoni – che ritroviamo facilmente ai margini dell'Urema – sono sfuggenti.

Ma con il tempo tutto guarirà.

Questo il parere del governo mozambicano che, nel 1994, con il sostegno della Banca africana di sviluppo e dell'Unione internazionale per la conservazione della natura, ha cercato di recuperare infrastrutture, aprire sentieri e strade.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, strada

Una delle tante strade che attraversano il Gorongosa PN.

Dallo sminamento della regione e dalla lotta al bracconaggio con il supporto di ottanta dipendenti neoassunti, alcuni ex lavoratori del parco e persino ex combattenti.

Greg Carr: Dal messaggio dell'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite all'azione

Dopo l'inizio del secolo, Greg Carr, l'americano che ha inventato la segreteria telefonica e che ha prosperato con esso, è entrato nell'equazione.

Il miliardario dell'Idaho ha accolto un suggerimento dell'ambasciatore mozambicano all'Onu durante un incontro promosso dalla famiglia Kennedy per sostenere la ripresa del Mozambico dalla guerra.

Poco dopo, visitò Gorongosa. Si arrese e si convinse che il parco potesse fungere da forte motore turistico per lo sviluppo del Mozambico centrale.

Parco Nazionale di Gorongosa, Mozambico, Fauna selvatica, Drª de Turno

Medico di Chitengo al servizio dei lavoratori e dei visitatori del Gorongosa PN.

Nel 2004 Joaquim Chissano ha convalidato una partnership tra il Ministero del Turismo del Mozambico e la Fondazione Carr, che Greg aveva creato nel 1999 per una gestione trentennale di Gorongosa. Questa partnership prevedeva un investimento di quasi 25 milioni di euro.

Nelle infrastrutture, reintroduzione degli animali – come è successo con i 54 elefanti che ha acquistato dal vicino Kruger Park sudafricano –, integrazione delle comunità di Gorongosa e loro beneficio dai profitti stimati del progetto.

Vasco Galante: La mano destra e l'uomo sempre a terra di Greg Carr

A questo punto Vasco Galante era diventato il braccio destro di Carr. Stufo della vita lavorativa che conduceva Portogallo, aveva già deciso di cambiare vita e il Mozambico gli era rimasto nel cuore.

Quando ha scoperto che Greg Carr stava cercando un manager per la squadra di Gorongosa, gli è balzato in mente il delizioso film di Miguel Spiguel con la voce di Fernando Pessa.

Vasco divenne una parte essenziale della famiglia del parco. come è Mateo Mutemba, l'amministratore con il quale abbiamo anche il privilegio di vivere, recentemente premiato dal National Geographic come uno dei suoi “Esploratori emergenti“Dal 2017.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, anatre

Le oche lasciano un lago pieno di vegetazione anfibia.

L'interesse americano per Gorongosa contro la politica isolazionista di Donald Trump

Nei giorni in cui ci accoglie, Chitengo è in delirio.

Decine di americani dell'Idaho, quasi tutti legati a Greg Carr o alla sua famiglia, erano in visita.

La presenza di questi yankee non impedisce i successivi assedi e le incursioni dei babbuini nella cucina del ristorante. Né i tour nutrizionali delle bande di facoceri in tutto il complesso.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, facocero, facocero

Un facocero fa capolino dalla sua tana.

Ci uniamo a una delle jeep su cui viaggiano. Abbiamo notato che, nella maggior parte dei casi, sono stati i primi safari a cui hanno partecipato e come hanno vissuto con entusiasmo e raddoppiato interesse tutto l'apprendimento biologico di Gorongosa:

un team di ornitologi che ha catturato, pesato e identificato gli avvoltoi per ulteriori studi;

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, avvoltoio

Il team di ornitologi di Greg Kaltenecker ottiene dati su un avvoltoio dalla testa bianca, una specie che studiano e rintracciano a Gorongosa.

lo stupore per i suoi ecosistemi in continuo mutamento e l'esuberante tramonto che sfuma verso i fianchi della Serra.

Quando cala il buio, aiutiamo loro e la guida Moutinho – Monty come preferivano chiamarlo – da un riflettore acceso, a trovare specie notturne: genette, zibetti e jagra stridenti.

Tornati a Chitengo, superiamo uno degli incendi ispezionati dalle autorità per tenere sotto controllo la vegetazione durante la stagione secca.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, fuoco

Le guide del Parco Nazionale di Gorongosa osservano un incendio nel Parco Nazionale di Gorongosa.

Al barbecue d'addio che è seguito, uno dei rappresentanti del gruppo americano ha ringraziato il parco per l'opportunità.

Ha colto l'occasione per sniffare le politiche di relazioni internazionali di Donald Trump, che hanno tagliato il sostegno all'USAID e ad altri programmi statunitensi. EUA ai paesi più bisognosi.

“Risparmiamo sui programmi con cui otteniamo amicizie nel mondo, ci vedremo spendere in armi per combattere nuovi nemici”.

Il Gorongosa PN sta per ricevere un'estensione territoriale fino alle rive del fiume Zambesi.

Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, tramonto

Impala esamina il racconto del tramonto di Gorongosa.

Al giorno d'oggi, per Gorongosa è cruciale o addirittura più cruciale degli aiuti esteri che il Mozambico rimanga in pace.

Isola di Ibo, Mozambico

Isola di un Mozambico scomparso

Fu fortificato nel 1791 dai portoghesi che cacciarono gli arabi dalle Quirimba e si impadronirono delle loro rotte commerciali. Divenne il 2° entrepot portoghese sulla costa orientale dell'Africa e, in seguito, capoluogo della provincia di Cabo Delgado, Mozambico. Con la fine della tratta degli schiavi all'inizio del XX secolo e il passaggio della capitale a Porto Amélia, l'isola di Ibo si è trovata nell'affascinante ristagno in cui si trova.
bazaruto, Mozambico

Il miraggio invertito del Mozambico

A soli 30 km dalla costa orientale dell'Africa, un improbabile ma imponente erg sorge dal mare traslucido. Bazaruto ripara paesaggi e persone che hanno vissuto a lungo separate. Chiunque atterri su questa lussureggiante isola sabbiosa si ritrova rapidamente in una tempesta di stupore.
Isola del Mozambico, Mozambico  

L'isola di Ali Musa Bin Bique. Scusa, dal Mozambico

Con l'arrivo di Vasco da Gama nell'estremo sud-est dell'Africa, i portoghesi si impossessarono di un'isola precedentemente governata da un emiro arabo, di cui finirono per alterare il nome. L'emiro perse territorio e ufficio. Il Mozambico - il nome sagomato - sopravvive sull'isola splendente dove tutto ebbe inizio e diede anche il nome alla nazione che finì per formare la colonizzazione portoghese.
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Isola di Ibo a Isola QuirimbaMozambico

Ibo a Quirimba al Sapore della Marea

Per secoli, gli indigeni hanno viaggiato dentro e fuori le mangrovie tra le isole di Ibo e Quirimba, nel tempo che dà loro il travolgente viaggio di andata e ritorno dell'Oceano Indiano. Alla scoperta della regione, incuriositi dall'eccentricità del percorso, ne seguiamo i passi anfibi.
Pemba, Mozambico

Da Porto Amélia al Porto di Abrigo de Moçambique

Nel luglio 2017 abbiamo visitato Pemba. Due mesi dopo, il primo attacco ha avuto luogo a Mocímboa da Praia. Nemmeno allora osavamo immaginare che la capitale tropicale e soleggiata di Cabo Delgado sarebbe diventata la salvezza di migliaia di mozambicani in fuga da un terrificante jihadismo.
Isola di Goa, Isola del Mozambico, Mozambico

L'isola che illumina la del Mozambico

La piccola isola di Goa sostiene un faro secolare all'ingresso di Mossuril Bay. La sua torre elencata segnala la prima tappa di uno straordinario tour in dhow intorno al vecchio Isola del Mozambico.

Machangulo, Mozambico

La penisola d'oro di Machangulo

Ad un certo punto, un braccio di mare divide in due la lunga striscia sabbiosa ricca di dune iperboliche che delimita la baia di Maputo. Machangulo, come viene chiamata la parte inferiore, ospita una delle coste più magnifiche del Mozambico.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Safari
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Architettura & Design
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Aventura
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
cowboy dell'Oceania, Rodeo, El Caballo, Perth, Australia
Cerimonie e Feste
Perth, Australia

Cowboy dell'Oceania

Il Texas è dall'altra parte del mondo, ma nel paese dei koala e dei canguri non mancano i cowboy. I rodei dell'entroterra ricreano la versione originale e 8 secondi durano non meno nell'Australia occidentale.
sagome islamiche
Città

Istanbul, Turchia

Dove l'oriente incontra l'occidente, la Turchia cerca una via

Una metropoli emblematica e grandiosa, Istanbul vive a un bivio. Poiché la Turchia in generale, divisa tra laicità e islam, tradizione e modernità, non sa ancora che strada prendere

cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
Cultura
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Contadino, Majuli, Assam, India
Etnico
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Santa Maria, Isola Madre delle Azzorre
Storia
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
Pecore ed escursionisti a Mykines, Isole Faroe
Isole
Mykines, Isole Faroe

Nell'estremo ovest delle Faroe

Mykines stabilisce il confine occidentale dell'arcipelago delle Faroe. Ospitò 179 persone ma la durezza del ritiro ebbe la meglio. Oggi, lì sopravvivono solo nove anime. Quando la visitiamo, troviamo l'isola dedita alle sue mille pecore e alle inquiete colonie di pulcinelle di mare.
Chiesa della Santa Trinità, Kazbegi, Georgia, Caucaso
bianco inverno
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Pitões das Junias, Montalegre, Portogallo
Natura
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Premio Kukenam
Parchi Naturali
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
religioso militare, muro del pianto, bandiera del giuramento IDF, Gerusalemme, Israele
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Gerusalemme, Israele

Festa al Muro del Pianto

Non solo le preghiere e le preghiere rispondono al luogo più sacro dell'ebraismo. Le sue antiche pietre sono state per decenni testimoni del giuramento di nuove reclute dell'IDF e hanno fatto eco alle grida euforiche che ne sono seguite.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Funivia che collega Puerto Plata alla cima dell'Isabel de Torres PN
Spiagge
Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Argento della casa domenicana

Puerto Plata è il risultato dell'abbandono di La Isabela, il secondo tentativo di una colonia ispanica nelle Americhe. Quasi mezzo millennio dopo lo sbarco di Colombo, inaugurò l'inesorabile fenomeno turistico della nazione. In un lampo attraverso la provincia, vediamo come il mare, le montagne, la gente e il sole dei Caraibi la fanno splendere.
Uno contro tutti, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet
Religione
Lhasa, Tibete

Sera, il Monastero del Sacro Dibattito

In pochi posti al mondo si usa un dialetto con la stessa veemenza del monastero di Sera. Lì, centinaia di monaci si impegnano in intensi e chiassosi dibattiti sugli insegnamenti del Buddha in tibetano.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Street Bar, Fremont Street, Las Vegas, Stati Uniti
Società
Las Vegas, EUA

La culla della città del peccato

La famosa Strip non ha sempre focalizzato l'attenzione di Las Vegas. Molti dei suoi hotel e casinò replicavano il glamour neon della strada che un tempo spiccava di più, Fremont Street.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Coccodrilli, Queensland tropicale dell'Australia selvaggia
Animali selvatici
Cairns la Tribolazione del Capo, Australia

Queensland tropicale: un'Australia troppo selvaggia

Cicloni e inondazioni sono solo l'espressione meteorologica dell'asprezza tropicale del Queensland. Quando non è il tempo, è la fauna mortale della regione a tenere i suoi abitanti all'erta.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.