PN Bwabwata, Namibia

Un Parco Namibiano che Vale Tre


Bacino Oscuro
Cavalli di fiume
Albero della salsiccia
Rifugio sul fiume Namushasha
Abbagliamento definitivo
Quando sotto
Tramonto della Namibia
Paps
Rifugio sul fiume Namushasha
All'interno di Canavial
Cicogne dal becco giallo
Croc
MaFwe II balla
MaFwe balla
Il ferro di cavallo di Cuando
Diffidenza del pachiderma
Game drive notturno
Cena della giraffa
Cavalli del Rio II
Itinerario Jacanã
Una volta consolidata l'indipendenza della Namibia nel 1990, per semplificarne la gestione, le autorità raggrupparono un trio di parchi e riserve sulla striscia di Caprivi. Il risultante PN Bwabwata ospita una straordinaria immensità di ecosistemi e fauna selvatica, sulle rive dei fiumi Cubango (Okavango) e Cuando.

Anche se è piccola, quasi impercettibile sulla grande mappa dei confini di Namibia, Angola e Botswana, la striscia di Caprivi ci fa subito capire che dovremmo portarla su scala africana.

Il viaggio dall'Hakusembe Lodge aggiungerebbe altri 450 km alle migliaia che già avevamo. Tanto per cambiare, li avremmo percorsi sull'asfalto.

Come vuole il buon senso, a Rundu abbiamo riempito il serbatoio. Da questa città, a est, la strada B8 si estende, una dopo l'altra, all'infinito, attraverso la savana tra il deserto del Kalahari e il fiume Cubango che serpeggia sopra.

Dopo 200 km raggiungiamo Divundu. Abbiamo fatto rifornimento. Lì il Cubango curva verso sud. L'abbiamo attraversato tramite un ponte moderno. Dall’altra parte siamo alle porte delle zone”Mahango"E"Bufalo” dal Parco Nazionale Bwabwata, non dal settore “Kwando” (Cuando) in cui si trovava la destinazione finale della giornata.

All'ingresso del PN Bwabwata, le impegnative cascate Popa

Una volta passati di lì, abbiamo dovuto fare una deviazione verso le famose cascate Popa. Abbiamo approfittato dell'avvicinamento della polizia dall'altra parte del ponte per scoprire la strada sbagliata che ci hanno indicato le due applicazioni sui telefoni. Con l'aiuto dell'agente, dopo dieci minuti di sentiero sabbioso, siamo entrati in una cabina con cancello.

Altri cinque, siamo sulla riva sinistra (nord) del Cubango, ora orientata verso il Botswana e il Delta dell'Okavango al quale si arrende senza mai raggiungere il mare.

Contempliamo un tratto di fiume ricco di creste rocciose e circondato da una foresta più alta e verde della predominante savana.

Queste formazioni impongono un dislivello di quattro metri che, a sua volta, accelera il flusso e genera piccole cascate e rapide, territorio di ippopotami e coccodrilli, sconsigliato per fare il bagno a occhi aperti.

Adornata da alcune foto, la contemplazione ci lascia soddisfatti.

D'accordo riprendiamo la strada B8, con Okavango (Cubango) a sud. Un ampio portico conferma l'ingresso nella vastità del PN Bwabwata.

Lo muoviamo, a buona velocità. Negli spazi, tra grandi incendi compiuti dalle autorità in modalità prevenzione.

Arrivando a Chetto siamo già nella regione namibiana di Caprivi invece che di Kavango East.

I Tre Parchi raggruppati nel PN Bwabwata

Allo stesso tempo, abbiamo visitato il Caprivi Game Park, una delle tre antiche riserve naturali riunite dal Parco Nazionale Bwabwata, le altre due sono la Mahango Game Reserve e il Buffalo Game Park.

Questa riorganizzazione riflette l’impegno delle autorità namibiane (supportate da entità straniere) nella gestione e protezione dei loro paesaggi e della fauna selvatica.

Ciò contrasta completamente con quanto accaduto durante la Guerra d’Indipendenza della Namibia, quando le forze armate coloniali del Sud Africa decretarono l’intero dominio come zona militare, espellendo i direttori e il personale incaricato di gestirlo e preservarlo.

Anche se si tratta di un'area protetta, ci sono villaggi tradizionali lungo la strada lungo il Bwabwata NP. La maggior parte di loro non ha accesso all’acqua.

Kongola e l'accogliente Namushasha River Lodge

Ce ne accorgiamo dalle code che costeggiano la B8, con i secchi in mano e in testa e che si radunano per riempirli, alle pompe troppo lontane per il peso dell'acqua, ma provvidenziali.

Quaranta minuti dopo arrivammo a Kongola. Abbiamo fatto rifornimento. Carburante e alcune provviste. Abbiamo completato ciò che restava del viaggio, non più sulla B8 ma su una strada che svoltava a sud, parallela ai meandri del Kwando, affluente dell'Okavango, entrambi voluminosi fiumi originari dell'Angola.

Verso le 3 del pomeriggio siamo entrati nel fiume Namushasha, un ecolodge situato su una sponda alta, con vista aperta su una vasta distesa di papiri solcata dai meandri del fiume, tutto questo e molto altro, già parte del settore Kwando di PN Bwabwata.

I meandri e le lagune del fiume Cuando

Ci sistemiamo. Abbiamo preso le misure della loggia.

Prestando particolare attenzione al sentiero che corre da un'estremità all'altra, stretto e boscoso, tra una delle lagune del fiume e il burrone che sosteneva il lodge.

Al nostro passaggio i turachi grigi danno l’allarme. Allertano le jacana africane, le scimmie verdi e altro ancora.

Al suo segnale, due ippopotami si immergono, indagando su quali intrusi stessero sondando il loro territorio. Erano i primi di molti che avremmo ammirato.

Incursione nel Pantanal-Canavial Generato da Cuando

La mattina seguente, a bordo di un'apposita imbarcazione che zigzaga tra i campi di canna da zucchero, il timoniere e guida Candy ci svela buona parte di quell'incredibile ecosistema allagato.

In modo così speciale da essere classificato come luogo RAMSAR. Abbiamo navigato attraverso colonie di gruccioni minacciate dalle lucertole Varan.

Vediamo gazzelle e antilopi nere, un elenco di aironi, cicogne dal becco giallo e molti altri uccelli.

Abbiamo visto anche coccodrilli e, momento clou e caldo di quell'incursione, un branco di ippopotami, questa volta più di dieci.

Con nostro grande stupore, per avvicinarsi a loro, Candy fa entrare la barca nel braccio di laguna che fungeva da loro territorio.

Con il ricordo di un feroce attacco di un ippopotamo contro un vaso cinque volte più grande di quello, in mezzo fiume Chobe, gli abbiamo chiesto se avesse esperienza, se dovessimo avvicinarci così tanto.

“Calmati, per la distanza che ci tengo, questi ippopotami ci stanno solo controllando.

Lo faccio da molto tempo. So fin dove possiamo arrivare e dove possiamo andare”.

Confidiamo nelle tue parole. Ci siamo davvero rilassati solo quando abbiamo affiancato in sicurezza i cavallucci marini, fuori da quella parte della laguna che chiamavano casa.

Siamo tornati al molo e al Namushasha River Lodge. Già annoiati dal breve riposo, siamo usciti di nuovo in esplorazione, questa volta a bordo del camioncino che stavamo guidando.

L'Heritage Centre alle porte del Namushasha River Lodge

Sulla strada per Kongola, abbiamo dato un'occhiata ad un Heritage Centre dedicato alle tribù che condividono quell'estremo nord della Namibia: i Balozi, i BaYeyi, i MaFwe e gli HaMbukushu.

Una volta all'interno di una palizzata che emula quella tradizionale dei villaggi locali, una guida ci spiega il luogo. Presenta una sequenza di esibizioni eseguite da ballerini e musicisti, attorno a un enorme baobab spaccato che, ci assicurano, veniva utilizzato per individuare i bracconieri sul fiume Kwando.

I ballerini e suonatori di jambé si abbandonano alle danze delle loro tribù, anima e corpo. Uno di loro, il protagonista, sale addirittura in cima al baobab, da dove esegue una coreografia mistica.

Tutti sudano forte.

Le radici angolane di Moisés Vicente

La sua consegna ci fa quasi completamente dimenticare che il display proveniva dal centro del patrimonio piuttosto che una vera cerimonia di uno dei loro villaggi.

Quando abbiamo parlato con loro, ci siamo resi conto che uno dei giovani, di nome Moisés Vicente, parlava portoghese.

“Mia madre mi ha portato qui quando ero molto giovane.” spiegacelo. “Il mio piccolo padre e il grande (nonno) sono in Angola. Vivo qui in Namibia da molto tempo, ma riesco ancora a parlare un po’ come te”.

Abbiamo lasciato il gruppo in una piacevole chiacchierata, Moisés, un po' in disparte, tormentato dalle preoccupazioni di vita che probabilmente abbiamo suscitato in lui.

Andiamo a Kongola, tra una profusione di villaggi palizzati e veri e propri che l'heritage center avrebbe dovuto rappresentare.

Parco Nazionale Bwabwata: un frenetico Game Drive

Siamo tornati al lodge in tempo per fare un giro in barca e poi in jeep attraverso il Bwabwata NP, alla ricerca della sua fauna selvatica.

Ora, dobbiamo sottolineare che, dei famosi animali Big Five, gli unici che non abitano il parco sono i rinoceronti, che possono essere visti più a sud della Namibia, ad esempio, nel vasto Parco Nazionale dell'Etosha.

Lector guida la jeep e ci guida, tenendo d'occhio il paesaggio e, allo stesso tempo, le impronte lasciate dagli animali sulle piste sabbiose.

Ci siamo trovati faccia a faccia con mandrie di bufali ed elefanti. Nel caso dei pachidermi, così faccia a faccia che, responsabili della nostra vita, Lector si ritira al contrario.

Davanti a loro corrono branchi di zebre, giraffe e diverse antilopi.

Comprese, con nostro grande stupore, le antilopi nere. Lector suggerisce di fermarci, per recuperare i nostri cuori da tutto quel tumulto.

La straordinaria fauna selvatica di Ferradura do Cuando

Si ferma sotto un albero, in un luogo aperto ed eccezionale nel settore che stavamo cercando, la Ferradura do Rio Kwando.

Lì, attratti dall'abbondanza e dall'accessibilità dell'acqua, c'erano branchi molto più grandi di elefanti, zebre, diverse antilopi e qualche altra giraffa.

Bande di babbuini si contendevano i frutti selvatici appena caduti.

Da Ferradura, Lector segue le orme dei leoni che ci ha assicurato erano vicini e ha giustificato una raffica di manovre. Con nostro grande dispiacere, l'alta vegetazione li nascondeva.

Il tramonto ci ha sorpreso. Ha galvanizzato il cielo, come sempre, in Africa.

Durante il gelido ritorno al lodge, l'oscurità ci costringe ad un pensiero inquietante:

Com'era possibile che tutto ciò fosse solo una piccola parte dell'immenso Parco Nazionale Bwabwata.

MODULO DI DESTINAZIONE

1 – Windhoek

2 – PN Bwabwata

COME ANDARE

TAAG – Compagnie aeree dell'Angola:  Volo Lisbona – Luanda – Windhoek (Namibia) a TAAG: www.taag.com a partire da 750€.

Prenota il tuo programma di viaggio in Namibia con Viaggi allodola: www.larkjourneys.com   WhatsApp: +264 81 209 47

Facebook e Instagram: Lark.viaggi

Sossusvlei, Namibia

Il vicolo cieco di Sossusvlei Namib

Quando scorre, l'effimero fiume Tsauchab serpeggia per 150 km dalle montagne di Naukluft. Arrivato a Sossusvlei, si perde in un mare di montagne di sabbia in lizza per il cielo. I nativi e i coloni la chiamavano la palude del non ritorno. Chiunque scopra questi luoghi improbabili in Namibia pensa sempre a tornare.
Walvis Bay, Namibia

Le Litorale Abissale di Walvis Bay

Dalla più grande città costiera della Namibia ai margini del deserto del Namib di Sandwich Harbour, c'è un dominio senza pari di oceano, dune, nebbia e fauna selvatica. Dal 1790, la fruttuosa Walvis Bay funge da porta d'ingresso.
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
kolmanskop, Namibia

Generato dai Diamanti di Namibe, Abbandonato nelle loro Sabbie

Fu la scoperta di un generoso giacimento di diamanti nel 1908 che diede origine alla fondazione di Kolmanskop e all'opulenza surreale. Meno di 50 anni dopo, le pietre preziose si esaurirono. Gli abitanti lasciarono il villaggio nel deserto.
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
Twyfelfontein-Ui Aes, Namibia

Alla Scoperta della Namibia Rupestre

Durante l'età della pietra, la valle del fiume Aba-Huab, ora ricoperta di fieno, concentrava una fauna diversificata che attirava i cacciatori. In tempi più recenti, peripezie dell'era coloniale hanno colorato questa parte della Namibia. Non tanto quanto gli oltre 5000 petroglifi che rimangono a Ui Aes / Twyfelfontein.
Namibe, Angola

Incursione nel Namibe angolano

Alla scoperta del sud dell'Angola, lasciamo Moçâmedes per l'interno della provincia desertica. Per migliaia di chilometri su terra e sabbia, l'asprezza del paesaggio non fa che rafforzare lo stupore della sua vastità.
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Spitzkoppe, Damaraland, Namibia

La Montagna Tagliente della Namibia

Con i suoi 1728 metri, il “Cervino namibiano” si erge al di sotto delle dieci altezze più alte della Namibia. Nessuno di loro è paragonabile alla drammatica ed emblematica scultura in granito di Spitzkoppe.
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Safari
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Scala del palazzo di Itamaraty, Brasilia, Utopia, Brasile
Architettura & Design
Brasilia, Brasile

Brasilia: dall'utopia all'arena politica e capitale del Brasile

Fin dai tempi del marchese di Pombal si parlava di trasferire la capitale nell'entroterra. Oggi, la città chimera continua a sembrare surreale ma detta le regole dello sviluppo brasiliano.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
Aventura
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
cavalieri del divino, fede nello spirito santo divino, Pirenopolis, Brasile
Cerimonie e Feste
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Verdure, Little India, Sari Singapore, Singapore
Città
Little India, Singapore

Piccola India. La Singapore di Sari

Ci sono poche migliaia di abitanti invece degli 1.3 miliardi della madrepatria, ma Little India, un quartiere della minuscola Singapore, non manca di anima. Né soul né odore di curry e musica di Bollywood.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
sagome islamiche
Cultura

Istanbul, Turchia

Dove l'oriente incontra l'occidente, la Turchia cerca una via

Una metropoli emblematica e grandiosa, Istanbul vive a un bivio. Poiché la Turchia in generale, divisa tra laicità e islam, tradizione e modernità, non sa ancora che strada prendere

Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Natale in Australia, Platipus = ornitorinco
In viaggio
Altopiano di Atherton, Australia

Le miglia del Natale (parte II)

Il 25 dicembre esploriamo la campagna alta, bucolica ma tropicale del Queensland settentrionale. Ignoriamo il luogo in cui si trova la maggior parte degli abitanti e siamo sorpresi dall'assoluta assenza del periodo natalizio.
piccolo browser
Etnico
Honiara e Gizo, Isole Salomone

Il Tempio sconsacrato delle Isole Salomone

Li nominò un navigatore spagnolo, desideroso di ricchezze come quelle del re biblico. Devastate dalla seconda guerra mondiale, da conflitti e disastri naturali, le Isole Salomone sono lontane dalla prosperità.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Ambasciata, Nikko, Festa di Primavera Shunki-Reitaisai, Processione Toshogu Tokugawa, Giappone
Storia
Nikko, Giappone

La processione finale dello Shogun Tokugawa

Nel 1600, Ieyasu Tokugawa inaugurò uno shogunato che unì il Giappone per 250 anni. In suo onore, Nikko rievoca, ogni anno, il trasferimento medievale del generale nel sontuoso mausoleo di Toshogu.
Fort Galle, Sri Lanka, Taprobana leggendaria di Ceylon
Isole
Galle, Sri Lanka

Né Beyond né Short del leggendario Taprobane

Camões ha immortalato Ceylon come un punto di riferimento indelebile delle Scoperte dove Galle fu una delle prime fortezze controllate e cedute dai portoghesi. Passarono cinque secoli e Ceylon lasciò il posto allo Sri Lanka. Galle resiste e continua a sedurre esploratori dai quattro angoli della Terra.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Letteratura
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Vulcano Capelinhos, Misteri, Faial, Azzorre
Natura
Vulcano Capelinhos, Faial, Azzorre

Sulla pista del mistero di Capelinhos

Da una costa dell'isola all'altra, attraverso le nebbie, le macchie di pascolo e le foreste tipiche delle Azzorre, sveliamo Faial e il Mistero del suo vulcano più imprevedibile.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Passeggiata sul lungomare, vulcano Villarrica, Pucon, Cile
Parchi Naturali
Vulcano Villarrica, Cile

Salita al Cratere del Vulcano Villarrica, Sempre in Attività

Pucón abusa della fiducia della natura e prospera ai piedi del monte Villarrica.Abbiamo seguito questo cattivo esempio attraverso sentieri ghiacciati e abbiamo conquistato il cratere di uno dei vulcani più attivi del Sud America.
religioso militare, muro del pianto, bandiera del giuramento IDF, Gerusalemme, Israele
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Gerusalemme, Israele

Festa al Muro del Pianto

Non solo le preghiere e le preghiere rispondono al luogo più sacro dell'ebraismo. Le sue antiche pietre sono state per decenni testimoni del giuramento di nuove reclute dell'IDF e hanno fatto eco alle grida euforiche che ne sono seguite.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
La Repubblica Dominicana Balneario de Barahona, Balneario Los Patos
Spiagge
Barahona, Repubblica Dominicana

Repubblica Dominicana Fare il bagno a Barahona

Sabato dopo sabato, l'angolo sud-ovest della Repubblica Dominicana entra in modalità di decompressione. A poco a poco, le sue seducenti spiagge e lagune accolgono una marea di persone euforiche che si arrendono a un peculiare partito anfibio.
Forte di São Filipe, Città Vecchia, Isola di Santiago, Capo Verde
Religione
Cidade Velha, Capo Verde

Cidade Velha: l'antica città delle città tropico-coloniali

Fu il primo insediamento fondato dagli europei al di sotto del Tropico del Cancro. In un momento cruciale per l'espansione portoghese in Africa e in Sud America e per la tratta degli schiavi che l'accompagnò, Cidade Velha divenne un'eredità toccante ma inevitabile di origini capoverdiane.

I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Società
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Animali selvatici
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.