Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno


Punto d'incontro
Pikasaari
Incagliamento congelato
Combustibile ghiacciato
Ciclista nella penombra
Toripollisi
Il mercato comunale
Oulu Nevada
Passaggio del tempo
Camminata fredda
A coppie
il fiume Oulu ghiacciato
Frigidità senza priorità
Direzione Pikisaari
SKU a 2
Tietomaa, il Centro delle Scienze
Incontro con Toripollisi
Cattedrale luterana
Una riflessione soleggiata
Monumento al freddo
Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.

È sabato pomeriggio. Siamo arrivati ​​da Kemi e da un viaggio breve ma memorabile sulla loro rinomata rompighiaccio"Sampo".

Nemmeno troppo tardi, tranne che per la grande star che, a queste latitudini estreme della nazione Suomi, senza alcun segno di primavera, si prepara a uscire di scena.

Alle quattro del pomeriggio, il mercato municipale e storico di Oulu sta per chiudere.

Dall'altro lato della strada ghiacciata, due adolescenti rannicchiati in parka si godono una delle rare piste della città.

Ripetere le discese sku che li lasciano in mezzo alla piazza antistante, al sicuro dal traffico che non passa di lì o, se passa, è veloce e contenuto.

Il poliziotto e altre statue in bronzo di Oulu

Nelle vicinanze si distingue”Toripolliisi” un pittoresco poliziotto in bronzo, eretto da Kaarlo Mikkonen nel 1987, come omaggio degli abitanti di Oulu alla pattuglia di polizia che, dal 1934 al 1979, mantenne l'ordine nella circostante Piazza del Mercato.

Oulu ha sviluppato una particolare ammirazione per le statue in bronzo che, come tali, abbondano.

Mentre vagavamo per il Parco Maria Silfvan, ci siamo imbattuti in qualcos’altro: “Passaggio del tempo".

In questa, trentadue personaggi semiaffondati nella neve e in fila su un piedistallo di granito, simboleggiano, come indica il nome dell'opera, la storia e l'evoluzione della civiltà di Oulu.

Nella parte anteriore, seguendo un dirigente con il cellulare nell'orecchio, vediamo un bambino seduto sulla soglia del piedistallo, con le gambe abbassate.

In vero stile Oulu, i residenti sono preoccupati per la loro esposizione al inverno gelido.

Qualcuno ha lavorato a maglia e vestito per lui miniature di un cappello grigio e un tradizionale maglione lavorato a maglia rosso e bianco.

Nel corso del tempo, a causa del clima rigido, gli abitanti di Oulu sono diventati amanti dell'arte ipercreativi e seri.

Come si spiegherebbe altrimenti il ​​fatto che Oulu organizza, agosto dopo agosto, le feste più famigerate Campionato mondiale di chitarra aerea sulla faccia della Terra?

Temperature negative, ghiaccio e tanto ciclismo

Le temperature negative e il vento occasionale da cui i residenti hanno protetto il bambino di bronzo possono persino lisciare e, qua e là, rendere il terreno di Oulu scivoloso.

Sono ben lungi dall’impedire alle migliaia di ciclisti residenti di andare in bicicletta.

Il ciclismo nasce, infatti, da una lunga tradizione locale fatta di semplicità, modestia e contatto diretto con la natura Natura che coinvolge e, spesso, intimidisce la città.

Oulu, la città fondata sulla foce del fiume Oulu

Situato dove il fiume omonimo sfocia nel Golfo di Botnia, il battesimo di Oulu si ispira al termine Sami che definiva le acque abbondanti e rapide che seguivano lo scioglimento dei ghiacci. Lapponia e questo ha scalato le rive ancora e ancora.

Oulu, la città, oggi conserva il flusso del fiume molto più controllato, ma rimane pianeggiante. Ha il suo punto più alto a Yliliiminki, a soli 135 metri sul livello del mare.

La maggior parte delle sue case secolari si trovano pochi metri sopra il corso (allora) semi-solidificato del fiume, la torre della cattedrale luterana di colore giallo brillante e quella del centro scientifico Tietomaa, ben al di sopra di qualsiasi altro tetto.

Una serie di isole ostacolano il flusso verso il Golfo di Botnia. Questi includono, tra gli altri, Linnansaari e Lammassaari, Kuusisaari e Pikisaari.

Questi quattro sono complementi essenziali per la terraferma di Oulu. Sono collegati da ponti stradali o ponti semplificati progettati per il flusso esclusivo dei pedoni e delle loro biciclette.

Percorrendo la periferia della città, ci imbattiamo in una elementare pompa di carburante, posta sul bordo di un argine, per rifornire di carburante non le automobili, ma le barche che, nella stagione opportuna, vi navigano.

 

In quel periodo gelido, tutte le barche erano immagazzinate e protette nel bacino di carenaggio.

Tutti tranne una barca a vela dimenticata, immobilizzato dignitario d'eccezione.

Città di Oulu, Finlandia, barca a vela su ghiaccioLa temporalità del ghiaccio e del disgelo di Oulu risale a molto tempo fa.

Ciò non ha impedito alla città di diventare uno dei principali snodi commerciali di queste parti, la quinta città più popolosa della Finlandia e, cosa ancora più famigerata, con i suoi 214mila abitanti, la quarta città più grande del mondo alla latitudine in cui si trova. situato, superato solo da tre città russe, a cominciare dall'insolita Murmansk.

Il delta del fiume Oulu è stato a lungo abitato e frequentato da Popolo Sami della Lapponia quando, nel 1605, il re Carlo IX di Svezia ordinò che vi fosse costruito un magazzino commerciale, sotto la protezione di un forte che difendeva l'isola di Linnansaari.

Dal Regno di Svezia all'indipendenza nel 1917

A quel tempo, il principale rivale del Regno di Svezia era la Russia. Ora, Carlo IX decise di fondare Oulu solo dopo che un trattato di pace gli assicurò che, almeno a breve, i russi non avrebbero utilizzato il fiume Oulu come via per attaccare il territorio svedese.

Per più di due secoli Oulu fu al sicuro dai russi. Ciò se si tiene conto che, nonostante il trattato di pace con la Svezia, i russi sottomisero la Finlandia ad un Granducato, sulla carta autonomo, in pratica soggetto alla Corona russa.

Come città di quel Granducato, Oulu è crollata di fronte ad altri rischi e minacce.

Nel 1822, in un'epoca in cui quasi tutte le costruzioni erano realizzate in legno e catrame, un incendio incontrollato la devastò.

A metà del XIX secolo la città era ancora in fase di rinnovamento della sua rete e fu nuovamente distrutta.

Questa volta, dalla potente e già alimentata a vapore della Marina britannica che, nel contesto della guerra di Crimea, attaccò quella e diverse altre città portuali finlandesi che allora ospitavano la maggior parte della marina mercantile russa.

Dalle macerie dell'incendio del 1822, Oulu era gradualmente emersa come uno dei principali esportatori di catrame vegetale.

Ora, durante l'attacco alla città, gli inglesi distrussero, oltre alle navi russe, anche le strutture che producevano questo catrame, in quanto sostanze inquinanti, concentrate sull'isola di Pikisaari (Isola del catrame), così come diverse altre industrie e i centri commerciali della città. cantieri navali.

La devastazione per mano degli inglesi costrinse Oulu a subire una nuova, lenta ripresa. Niente che la determinazione e lo spirito solidale dell'avventurosa nazione Suomi non potessero risolvere.

Come si arrivò a risolvere, nel contesto della travagliata Rivoluzione bolscevica dell'ottobre 1917, la liberazione dal giogo russo e la sua indipendenza.

La doppia ricostruzione e la recente modernizzazione esemplare

Ancora una volta, poco a poco, Oulu ricostruì segherie, mulini per cellulosa e cereali, cantieri navali, magazzini per la pesca, concerie e fonderie che garantivano grandi profitti e la modernizzò.

Come spesso accade in Finlandia, in tempi più moderni, questo multiforme stimolo industriale ha dato luogo a forti investimenti nell’istruzione, nella scienza e nelle nuove tecnologie dell’informazione.

Molti dei ciclisti giovani e meno giovani che incontriamo per le strade e sui ponti della città sono studenti, insegnanti, formatori, scienziati, specialisti di informatica e simili.

Tra i maggiori datori di lavoro di Oulu ci sono l'università locale, Nokia Networks e Nokia Group, che da soli supportano più di settemila residenti.

La sinergia di queste aziende e gruppi con l'Università di Oulu è uno dei motivi più evidenti per cui, dal 1980, la popolazione locale è praticamente raddoppiata.

E questo, non farà male ricordarlo ancora, alle porte dell'Artico, con temperature medie, a gennaio e febbraio, di -12ºC ma che, da un momento all'altro, possono scendere fino a meno trenta.

E che, quando fronti polari davvero potenti invadono il sud, precipitano vicino al record assoluto di Oulu di -41.5º.

Un rapporto intimo con il freddo inverno e la natura

È improbabile che la gente di Oulu si lasci intimidire.

Rimangono invece fedeli alle loro innumerevoli gite in bicicletta, jogging, allenamenti di sci nordico, nuoto invernale, riunioni in accoglienti saune, intervallato dal freddo di avanzamenti (buchi nei laghi, fiumi, ghiaccio marino in superficie) che li completano.

A poco più di 50 km dalla costa, ma sempre nella regione di Oulu, il grande isola di Hailuoto offre una deliziosa fuga in una Finlandia rurale e ancora più naturale, immensa e con appena mille abitanti. Siamo passati anche di lì.

Pikisaari: una roccaforte storica e isolana di Oulu

A dire il vero, non sempre gli Ouluenses sentono il bisogno di andare così lontano.

A poche centinaia di metri dal cuore storico della Capitale del Nord, Pikisaari si è da tempo lasciato alle spalle il suo passato industriale e inquinante.

I suoi vecchi magazzini oggi ospitano alcuni dei ristoranti sofisticati della città.

È lì che abbiamo pranzato con Karoliina Pirhonen, una hostess che sembra una piccola barbie, bionda, come tante altre finlandesi.

Karoliina ci confessa che vuole uscire per un po' mediterraneo, dove potrai andare in spiaggia e fare shopping diverso da quello a cui sei abituato.

Anche viaggiando sarebbe una vacanza. Nato e cresciuto a Oulu, la più fredda, meno fredda e privilegiata Oulu ti fa sempre venire voglia di tornare.

Mancavano cinque mesi al prossimo campionato di Air Guitar.

E in completa armonia.

 

COME ANDARE

Prenota il volo Lisbona – Helsinki, Finlandia con TAP: flytap.com a partire da € 550.

Aereo TAP

Da Helsinki puoi volare a Oulu con Finnair.

 

 

A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Saariselka, Finlândia

Il delizioso caldo artico

Si dice che i finlandesi abbiano creato SMS in modo da non dover parlare. L'immaginazione dei freddi nordici si perde nella nebbia delle loro amate saune, vere e proprie sedute di terapia fisica e sociale.
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Isola di Hailuoto, Finlândia

La Pesca del Vero Pesce Fresco

Al riparo da pressioni sociali indesiderate, gli isolani di A forma di squalo sanno come sostenersi. Sotto il mare ghiacciato della Bothnia, catturano ingredienti preziosi per i ristoranti di Oulu, nella Finlandia continentale.
Helsinki, Finlândia

La fortezza della Finlandia in tempi svedesi

Distaccata in un piccolo arcipelago all'ingresso di Helsinki, Suomenlinna è stata costruita su progetti politico-militari del regno svedese. Da più di un secolo, il Russia l'ha fermata. Dal 1917 i Suomi l'hanno venerata come il bastione storico della loro spinosa indipendenza.
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
Helsinki, Finlândia

La Pasqua Pagana di Seurasaari

Anche a Helsinki il Sabato Santo viene celebrato in modo gentile. Centinaia di famiglie si radunano su un'isola al largo della costa, attorno a falò accesi per spaventare gli spiriti maligni, le streghe e i troll.
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Helsinki, Finlândia

Il design che è venuto dal freddo

Con gran parte del territorio sopra il Circolo Polare Artico, i finlandesi rispondono al clima con soluzioni efficienti e un'ossessione per l'arte, l'estetica e il modernismo ispirati dalla vicina Scandinavia.
Porvoo, Finlândia

Una Finlandia medievale e invernale

Uno degli insediamenti più antichi della nazione Suomi, all'inizio del XIV secolo, Porvoo era un trafficato posto lungo il fiume e la sua terza città. Nel tempo, Porvoo ha perso importanza commerciale. In cambio, è diventata una delle venerate roccaforti storiche della Finlandia.  
Inari, Finlândia

Il Parlamento di Babele della Nazione Sami

La nazione Sami comprende quattro paesi che interferiscono nella vita della loro gente. Nel parlamento di Inari, in vari dialetti, i Sami si governano come meglio possono.
Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Safari
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Luderitz, Namibia
Architettura & Design
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Gelato, Moriones Festival, Marinduque, Filippine
Cerimonie e Feste
Marinduque, Filippine

Quando i romani invadono le Filippine

Anche l'Impero d'Oriente non è andato così lontano. Durante la Settimana Santa, migliaia di centurioni si impadroniscono di Marinduque. Lì vengono rievocati gli ultimi giorni di Longino, legionario convertito al cristianesimo.
Mosca, Cremlino, Piazza Rossa, Russia, Fiume Mosca
Città
Mosca, Russia

La Fortezza Suprema della Russia

Molti furono i cremlini costruiti, nel tempo, nella vastità del paese degli zar. Nessuno spicca, monumentale come quello della capitale Mosca, centro storico di dispotismo e arroganza che, da Ivan il Terribile a Vladimir Putin, nel bene e nel male, ha dettato le sorti della Russia.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
Pitões das Junias, Montalegre, Portogallo
Cultura
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Creel, Chihuahua, Carlos Venzor, collezionista, museo
In viaggio
Chihuahua a Creel, Chihuahua, Messico

Sulla via di Creel

Con Chihuahua all'indietro, indichiamo il sud-ovest e le terre ancora più alte nel nord del Messico. Accanto a Ciudad Cuauhtémoc, abbiamo visitato un anziano mennonita. Intorno a Creel, abbiamo vissuto per la prima volta con la comunità indigena Rarámuri della Serra de Tarahumara.
Lancio netto, isola di Ouvéa-Ilhas Lealdade, Nuova Caledonia
Etnico
Ouvea, Nuova Caledonia

Tra lealtà e libertà

La Nuova Caledonia ha sempre messo in discussione l'integrazione nella lontana Francia. Sull'isola di Ouvéa, arcipelago di Lealdade, troviamo una storia di resistenza ma anche nativi che prediligono la cittadinanza e i privilegi francofoni.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Moa su una spiaggia di Rapa Nui/Isola di Pasqua
Storia
isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello

Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.
batteria e tatuaggi
Isole
Tahiti, Polinesia Francese

Tahiti oltre il cliché

Le vicine Bora Bora e Maupiti hanno uno scenario eccezionale, ma Tahiti è stata a lungo conosciuta come il paradiso e c'è di più da vivere sull'isola più grande e popolosa della Polinesia francese, il suo millenario cuore culturale.
Cavalli sotto bufera di neve, Islanda Fuoco senza fine dell'isola di neve
bianco inverno
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
Sulla corsia delitto e castigo, San Pietroburgo, Russia, Vladimirskaya
Letteratura
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di “Delitto e castigo”

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
Luci VIP
Natura
L'isola di Moyo, Indonesia

Moyo: un'isola indonesiana solo per pochi

Poche persone conoscono o hanno avuto il privilegio di esplorare la riserva naturale di Moyo. Una di loro era la principessa Diana che, nel 1993, vi si rifugiò dall'oppressione dei media che l'avrebbe vittimizzata.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Parco Nazionale Bwabwata, Namibia, giraffe
Parchi Naturali
PN Bwabwata, Namibia

Un Parco Namibiano che Vale Tre

Una volta consolidata l'indipendenza della Namibia nel 1990, per semplificarne la gestione, le autorità raggrupparono un trio di parchi e riserve sulla striscia di Caprivi. Il risultante PN Bwabwata ospita una straordinaria immensità di ecosistemi e fauna selvatica, sulle rive dei fiumi Cubango (Okavango) e Cuando.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Monumento a Heroes Acre, Zimbabwe
personaggi
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
Vista del monte Teurafaatiu, Maupiti, Isole della Società, Polinesia francese
Spiagge
Maupiti, Polinesia Francese

Una società al margine

All'ombra della fama quasi planetaria della vicina Bora Bora, Maupiti è remota, scarsamente abitata e anche meno sviluppata. I suoi abitanti si sentono abbandonati ma chi la visita è grato per l'abbandono.
Religione
Lhasa, Tibete

Quando il Buddismo si stanca della meditazione

Non solo con il silenzio e il ritiro spirituale si cerca il Nirvana. Al Monastero di Sera, i giovani monaci perfezionano la loro conoscenza buddista con accesi confronti dialettici e applausi scoppiettanti.
Di nuovo al sole. Funivie di San Francisco, alti e bassi della vita
Veicoli Ferroviari
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
Società
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Ross Bridge, Tasmania, Australia
Animali selvatici
alla Scoperta di Tassiè, Parte 3, Tasmania, Australia

Tasmania dall'alto al basso

Da tempo la vittima preferita degli aneddoti australiani, il Tasmania non ha mai perso l'orgoglio per strada aussie più rude essere. Tassie rimane avvolta nel mistero e nel misticismo in una sorta di retro degli antipodi. In questo articolo raccontiamo il peculiare viaggio da Hobart, la capitale situata nell'improbabile sud dell'isola, fino alla costa nord, la svolta verso il continente australiano.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.