Crociera Africa Princess, 2º Orangozinho, Bijagos, Guinea Bissau

Orangozinho e i Confins del PN Orango


principessa africana
Coppia di pescatori
amici della moda
A Beira da Maré
Taccole
Il faro coloniale
Fut de Tampinhas
Il Martin Pescatore
Generazioni musulmane
Guardare
Il piccolo Orango in fiamme
Palma strangolata
Air Uite
Ponta de Orangozinho
Sopra il fiume Canecapane
Giovane Uitense
Comunità Ombra
Uitense musulmano
Padrone del tempo
Introspezione
Dopo una prima incursione all'isola di Roxa, salperemo da Canhambaque per concludere la giornata alla scoperta della costa nel vasto e disabitato fondale di Orangozinho. La mattina dopo risalimmo il fiume Canecapane, alla ricerca della grande tabanca dell'isola, Uite.

Con l'intero arcipelago di Orango a ovest e bloccando l'oceano aperto, il "principessa africana” naviga dall'isola Roxa alla costa orientale di Orangozinho su acque ancora più calme.

Sia la marea che il sole tramontano in bella vista. Il capitano getta l'ancora vicino a Ponta de Canapá.

Il trasferimento ci lascia alla portata della costa meridionale dell'isola e dell'ampia spiaggia che ne definisce l'estremità.

Come sempre Pinto apre la strada e detta il ritmo, lungo la sabbia dove la bassa marea ha lasciato qualche pozzanghera.

Come spesso accade a Bijagós, al posto dei bagnanti lo frequentano alcune piccole mucche pezzate, più incuriosite che addolorate dalla nostra improvvisa apparizione, restie ad ogni contatto.

“Abbiamo davvero fretta!” Abbiamo scherzosamente preso in giro la guida. «Volevo vedere se potevamo raggiungere il punto di riferimento dei coloni con la luce ancora accesa, affinché tu potessi vederlo e fotografarlo. Ma c’è ancora un po’ da fare”.

Abbiamo camminato. E continuiamo a camminare a sud di Orangozinho. Sotto lo sguardo chirurgico delle aquile pescatrici in cima alle palme.

Fino a raggiungere la punta sud-est di Orangozinho. Una barriera rocciosa riduce la sabbia. Stringerlo in modo che lo sollevi contro la vegetazione.

Il faro lasciato in eredità dai coloni

“Il punto di riferimento dei coloni è dietro di esso! “, assicura Pinto. “Ma la vegetazione è cresciuta molto. È più nascosto di prima”. Siamo saliti in cima alle dune della soglia.

Da lì siamo finalmente riusciti a intravedere una torre di metallo arrugginito, coronata da una vecchia lampada. Pinto lo definì un punto di riferimento per i coloni.

In pratica, si tratterebbe di un altro pezzo di infrastruttura lasciata dai portoghesi dopo che i Bijagó hanno scambiato la loro feroce resistenza con un trattato di pace.

In quegli anni della Scramble for Africa e dopo la Conferenza di Berlino, l'arcipelago di Orango era governato da una potente regina, Pampa, (morta nel 1930, considerata l'ultima vera monarca dei Bijagó) e da un'élite illuminata, determinata e bellicosa che arrivarono traendo profitto dalla tratta degli schiavi di etnie rivali.

Ci siamo accorti che una scalinata serviva al faro. Attratti dalla possibilità di salire, suggeriamo a Pinto di cercare la base. Pinto arriccia il naso. "Tutti si graffieranno e la scala cadrà a pezzi." Queste erano le demotivazioni più evidenti che avevo sperimentato.

Successivamente, abbiamo scoperto che il faro si trovava accanto a un'area delimitata per i Fanados delle Donne, periodi rituali di iniziazione per l'etnia Bijagó in cui dovevano rimanere isolate dalla comunità.

Lo stesso Bijagó, originario della vicina isola di Canhambaque che avevamo precedentemente attraversato – a est di Bubaque – Pinto si è sentito obbligato a proteggerci da tale intrusione e dalla probabile punizione.

Ci sottoponiamo al vostro giudizio. Torniamo alla sabbia appiattita. Abbiamo ripreso la nostra passeggiata attraverso Orangozinho.

Il tramonto che indora la soglia sud-est del Parco Nazionale di Orango

Superato un ultimo angolo della costa, ci ritrovavamo davanti alla spiaggia del sud, così lunga che riuscivamo a malapena a vederne la fine.

Il sole tramontava da queste parti, il che offuscava la contemplazione.

Ci siamo concentrati sull'immediato: come un vicino palmeto generasse sagome da cui, a intervalli, prendevano il volo i falchi pescatori.

E, già indietro, come distinti palmeti squarciavano il cielo in fiamme, con uno specchio di acqua salata che lo rifletteva.

Torniamo a "principessa africana". Avevamo programmato di tornare a Orangozinho.

Pertanto, abbiamo cenato e trascorso la notte al largo.

Ritorno a Orangozinho, alla ricerca di Uite

L'alba conferma un altro trasferimento sulla barca appoggio e un'incursione sull'isola.

Sempre con riferimento a Ponta de Canapá, entriamo nel fiume Canecapane e nella foresta di mangrovie che lo circonda.

All'ingresso, in una foresta di mangrovie che la bassa marea aveva lasciato con le radici scoperte, ci siamo imbattuti in un gruppo di scimmie verdi intente a mangiare frutti di mare.

Ci siamo fatti strada serpeggiando sopra Canecapane.

Ad un certo punto deviamo su un canale che punta verso l'interno dell'isola.

L'abbiamo scalato fino alla sua estremità fangosa, dove due barche tradizionali hanno aggiunto colori al paesaggio verde.

Per evitare di attaccarci a vicenda, ci togliamo le scarpe.

Tra perioftalmi sospetti ci inoltriamo in un sentiero stretto e oscuro. Senza preavviso il sentiero si apre in uno spiazzo che un tempo ospitava una scuola.

La più grande tabanca dell'isola

Dopo un po' di tempo senza vedere anima viva, siamo stati sorpresi da decine di giovani scolari e studenti.

Alcuni chiacchieravano, seduti fianco a fianco, sui tronchi orizzontali di un vecchio albero. Altri sbirciavano dalle finestre di una delle aule, cercando di capire chi fossero quelle persone che andavano a trovarli.

Abbiamo parlato a lungo con il giovane professore, distaccato da Bissau. Quando ci informa che deve iniziare una nuova lezione, riprendiamo il viaggio.

Eravamo a Uite, il comune più grande dell'Orangozinho, con più di settecento abitanti, come ci spiega Pinto, non tutti di etnia Bijagó.

Come è tipico delle visite alle tabancas di Bijagó, siamo circondati da una folla di bambini che chiedono l'elemosina.

Si lamentano dell'attenzione di cui hanno goduto diversi adulti che sono diventati ospiti.

Uno di loro ci informa che il villaggio prima non era così, che aveva i tradizionali tetti di paglia, ma che un incendio incontrollato ha distrutto gran parte delle case e ne ha imposto la ricostruzione con lamiere.

Ora, se questa spiegazione ci coglie di sorpresa, la successiva lo sarà ancora di più.

Uite, Tabanca musulmano, cristiano e animista

Quando vede un residente che ha difficoltà linguistiche, Pinto ricorre al suo portoghese in difficoltà.

In pratica, hanno cercato di giustificarci perché così tante ragazze e donne nella tabanca indossassero l'abaya, o cose simili.

“Qui a Uite ci sono due religioni.

Da quella parte della tabanca sono musulmani. Quindi sono cristiani e credono nelle cose di Bijagó”.

Erano dieci giorni che esploravamo l'arcipelago. Quella è stata la prima isola dove è successo questo. Il motivo della comunione inaspettata ci ha incuriosito.

Ora, è noto che ad un certo punto della colonizzazione delle isole Orango, famiglie di pescatori delle etnie Beafada e Mandingo lasciarono il continente africano e occuparono il sud di Orangozinho.

I loro discendenti costituiscono gran parte della popolazione Uitense. Sono loro i responsabili dell’islamizzazione dell’isola e dell’arcipelago, anche se, a Orangozinho, fanno concorrenza alle chiese cattolica e protestante.

L'insediamento di queste due etnie è lungi dall'essere unico. I cosiddetti pescatori Nhominca discendevano anche dalla regione senegalese del delta del fiume Saloum, conosciuto come fiume Barbacins, in epoca Descobrimentos. Si stabilirono a Orango e sulle isole del vasto arcipelago di Bijagó Urok.

Attratti dall'abbondanza di pesce e dalla permissività degli indigeni, di tanto in tanto si stabiliscono anche a Bijagós o li visitano gruppi che arrivano dalla Costa d'Avorio, dalla Guinea Conakry e persino dalla Sierra Leone.

L'integrazione dei Nhominca, il mandinga, beafadas, ruoli e altre etnie nel territorio e nella società di Bijagó basterebbero per un'intera tesi di dottorato. Riprendiamo invece il nostro tour di Uite.

Pinto ci spiega che, nonostante la divisione territoriale stabilita dal “viale” terrestre principale, nella tabanca vanno tutti d'accordo. “Sanno rispettarsi a vicenda e i conflitti sono rari.

Un viaggio sopportato da Uite

Guarda, giusto per vedere, la squadra di calcio qui a Uite è una delle migliori di Bijagós. Sono stati gli ultimi a vincere il campionato qui nell’arcipelago!”

A giudicare dalla passione dei ragazzi per il calcio in diverse forme, questo risultato aveva perfettamente senso.

Pochi restano impegnati in un torneo disputato con berretti, bottoni e scatolette di tonno come gol.

Altri, più grandi, toccano una palla legata ad una corda.

Quando le fotografiamo, due o tre donne sequestrano il loro pallone e ci mostrano di cosa sono capaci.

Una volta terminata l'esibizione, chiedono agli spettatori vicini di farci assaggiare il loro vino di anacardi appena fermentato. Noi abbiamo bevuto.

Ha un sapore molto migliore dell'ultimo vino di palma che abbiamo assaggiato ad Accra, la capitale del Ghana.

Pinto ha indicato che era ora di partire.

Ritornando all'Africa Princess, ci fermiamo in una lingua di sabbia al largo, perfetta per nuotare.

Lì, a bordo della loro tradizionale imbarcazione, i pescatori di Uite stavano preparando un'imminente continuazione della pesca.

Chiedono a Pinto se non avevamo bisogno di portarne qualcuno. Pinto spiega che durante la nostra visita a Uite, l'equipaggio dell'African Princess si era già occupato della propria pesca.

Così è stato. Quando siamo rientrati sulla nave madre, abbiamo quasi pranzato a base di pesce dei Bijagós.

Nel pomeriggio proseguiremo verso l'isola di João Vieira, parte del sub-arcipelago omonimo confinante con quello di Orango, che avevamo già percorso partendo da Isola di Kere, In Cerca i tuoi sfuggenti ippopotami.

COME ANDARE:

volare con euroatlantico , Lisbona-Bissau e Bissau-Lisbona, il venerdì.

CROCIERA “AFRICA PRINCESS”.

Prenota la tua crociera nell'arcipelago delle Bijagós su: africa-princess.com

E-mail: [email protected]

Telefono: +351 91 722 4936

Crociera Africa Princess, 1º Bijagos, Guinea Bissau

Verso Canhambaque, attraverso la Storia della Guinea Bissau

L'Africa Princess salpa dal porto di Bissau, a valle dell'estuario del Geba. Facciamo una prima sosta sull'isola di Bolama. Dalla vecchia capitale, ci dirigiamo verso il cuore dell'arcipelago di Bijagós.
Isola Keré, Bijagos, Guinea Bissau

La piccola Bijagó che ha Ospitato un Grande Sogno

Cresciuto in Costa d'Avorio, il francese Laurent ha trovato, nell'arcipelago delle Bijagós, il luogo che lo ha rapito. L'isola che condivide con la moglie portoghese Sónia li ha accolti e l'affetto che provavano per la Guinea Bissau. Kéré e i Bijagós hanno da tempo incantato i visitatori.
Bubaque, Bijagos, Guinea Bissau

Il Portale dei Bijagós

Sul piano politico, Bolama resta capitale. Nel cuore dell'arcipelago e nella vita di tutti i giorni, Bubaque occupa questo posto. Questa città sull'omonima isola accoglie la maggior parte dei visitatori. A Bubaque sono incantati. Da Bubaque, molti si avventurano verso altri Bijagós.
Isola Keré ad Orango, Bijagos, Guinea Bissau

Alla Ricerca degli Ippopotami Lacustri-Marini e sacri delle Bijagós

Sono i mammiferi più letali dell'Africa e, nell'arcipelago di Bijagós, conservati e venerati. A causa della nostra particolare ammirazione, ci siamo uniti a una spedizione nella loro ricerca. Partendo dall'isola di Kéré e arrivando nell'entroterra di Orango.
Tabato, Guinea Bissau

La Tabanca dei Mandinga Poeti Musicisti

Nel 1870, una comunità di musicisti mandingo itineranti si stabilì vicino all'attuale città di Bafatá. Dai Tabatô che hanno fondato, la loro cultura e, in particolare, i loro prodigiosi balafonisti, abbagliano il mondo.
Tabato, Guinea Bissau

Tabatô: al Ritmo di Balafom

Durante la nostra visita alla tabanca, a colpo d'occhio, il djidius (poeti musicisti)  i mandinga sono organizzati. Due dei prodigiosi balafonisti del villaggio prendono il comando, affiancati da bambini che li imitano. Cantanti con megafoni in mano, cantano, ballano e suonano la chitarra. C'è un suonatore di chora e diversi djambe e tamburi. La sua mostra genera successivi brividi.
Salt Island, Capo Verde

Il sale dell'isola di Sal

Nell'imminenza del XIX secolo Sal rimase priva di acqua potabile e praticamente disabitata. Fino all'estrazione e all'esportazione dell'abbondante sale si favorì un progressivo popolamento. Oggi le saline e le saline danno un altro sapore all'isola più visitata Capo Verde.
Isola di Boa Vista, Capo Verde

Isola di Boa Vista: Atlantic Waves, Dunas do Sara

Boa Vista non è solo l'isola capoverdiana più vicina alla costa africana e al suo grande deserto. Dopo alcune ore di scoperta, ci convince che si tratta di un lembo del Sahara alla deriva nel Nord Atlantico.
Brava, Capo Verde

L'isola Brava di Capo Verde

Al tempo della colonizzazione, i portoghesi si imbatterono in un'isola umida e rigogliosa, cosa rara a Capo Verde. Brava, la più piccola delle isole abitate e una delle meno visitate dell'arcipelago, conserva la genuinità della sua natura atlantica e vulcanica alquanto sfuggente.
Ribeira Grande, Santo AntãoCapo Verde

Santo Antão, Ribeira Grande Sopra

Originariamente un piccolo villaggio, Ribeira Grande ha seguito il corso della sua storia. Divenne il villaggio, poi la città. È diventato un bivio eccentrico e inevitabile sull'isola di Santo Antão.
Santiago, Capo Verde

Santiago dal basso verso l'alto

Con sede nella capitale capoverdiana di Praia, esploriamo il suo predecessore pionieristico. Dal centro storico, viaggeremo lungo la splendida dorsale montuosa di Santiago, fino alla cima aperta di Tarrafal.
Mindelo, São Vicente, Capo Verde

Il Miracolo di São Vicente

São Vicente è sempre stato arido e inospitale da eguagliare. La difficile colonizzazione dell'isola ha sottoposto i coloni a successive difficoltà. Fino a quando, finalmente, la sua provvidenziale baia di acque profonde ha reso Mindelo, la città più cosmopolita e la capitale culturale di Capo Verde.
Varela, Guinea Bissau

Costa Abbagliante e Deserta, al confine con il Senegal

Un po' remoto, con un accesso difficile, il tranquillo villaggio di pescatori di Varela compensa coloro che lo raggiungono con la cordialità della sua gente e una delle coste meravigliose, ma a rischio, della Guinea Bissau.
Elalab, Guinea Bissau

Una Tabanca nella Guinea dei Meandri Infiniti

Ci sono innumerevoli affluenti e canali che, a nord del grande fiume Cacheu, si snodano tra le mangrovie e assorbono la terraferma. Contro ogni previsione, persone felici si stabilirono lì e mantennero villaggi prolifici circondati da risaie. Elalab, uno di questi, è diventata una delle tabancas più naturali ed esuberanti della Guinea Bissau.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Safari
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Incisioni, Tempio di Karnak, Luxor, Egitto
Architettura & Design
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
Aventura
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
Indiano incoronato
Cerimonie e Feste
Pueblos del Sur, Venezuela

Per alcuni Trás-os-Montes in Venezuela in Fiesta

Nel 1619, le autorità di Mérida dettarono l'insediamento del territorio circostante. Dall'ordine sono derivati ​​19 villaggi remoti, che abbiamo trovato dediti a celebrazioni con caretos e pauliteiros locali.
Teatro di Manaus
Città
Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
Kiomizudera, Kyoto, un Giappone millenario quasi perduto
Cultura
Kyoto, Giappone

Un Giappone millenario quasi perduto

Kyoto era nella lista dei colpi della bomba atomica degli Stati Uniti ed era più di un capriccio del destino a preservarla. Salvata da un Segretario alla Guerra americano innamorato della sua ricchezza storico-culturale e della sontuosità orientale, la città è stata sostituita all'ultimo minuto da Nagasaki nell'atroce sacrificio del secondo cataclisma nucleare.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
In viaggio
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
La sposa entra in macchina, il matrimonio tradizionale, il tempio Meiji, Tokyo, Giappone
Etnico
Tokyo, Giappone

Un santuario del matchmaking

Il Tempio Meiji di Tokyo è stato costruito per onorare gli spiriti divinizzati di una delle coppie più influenti della storia giapponese. Nel tempo si è specializzata nella celebrazione dei matrimoni tradizionali.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Garranos galoppa attraverso l'altopiano sopra Castro Laboreiro, PN Peneda-Gerês, Portogallo
Storia
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda – Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Seixal, isola di Madeira, piscina
Isole
Seixal, Madeira, Portogallo

L'isola di Madeira di Cuore

I visitatori di Madeira sono incantati dal suo dramma quasi tropicale. In questo caso, l'autore deve confessare che fu la meta dei suoi primi tre viaggi in aereo. Che ha un amico di lì, che lo ha fatto essere un po' di lì. Da Madeira verso l'infinito Nord. Dall'impavido e accogliente Seixal.
Chiesa della Santa Trinità, Kazbegi, Georgia, Caucaso
bianco inverno
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Premio Kukenam
Letteratura
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
Restituzione nella stessa valuta
Natura
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Vista di La Graciosa de Lanzarote, Isole Canarie, Spagna
Parchi Naturali
La Graciosa, isole Canarie

La più graziosa delle Isole Canarie

Fino al 2018, la più piccola delle Canarie abitate non contava nell'arcipelago. Sbarcati a La Graciosa, scopriamo il fascino insulare dell'ormai ottava isola.
Isola di Robben Island, Apartheid, Sud Africa, Portico
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Isola di Robben, Sud Africa

L'Isola dell' Apartheid

Bartolomeu Dias fu il primo europeo ad intravedere Robben Island, attraversando il Capo delle Tempeste. Nel corso dei secoli i coloni lo trasformarono in manicomio e prigione. Nelson Mandela se ne andò nel 1982 dopo diciotto anni di carcere. Dodici anni dopo, divenne il primo presidente nero del Sudafrica.
I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
personaggi
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Magnifiche giornate atlantiche
Spiagge
Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Cambogia, Angkor, Ta Phrom
Religione
Ho Chi Minh a Angkor, Camboja

La strada tortuosa per Angkor

Dal Vietnam in poi, le strade sconnesse ei campi minati della Cambogia ricordano gli anni del terrore dei Khmer rossi. Sopravviviamo e siamo ricompensati con la vista del più grande tempio religioso
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
Matrimoni a Jaffa, Israele,
Società
Jaffa, Israele

Dove Tel Aviv si stabilisce sempre a festeggiare

Tel Aviv è famosa per la notte più intensa del Medio Oriente. Ma se i vostri ragazzi si divertono fino allo sfinimento nei locali della costa mediterranea, è sempre più nella vicina Vecchia Giaffa che si sposano.
Saksun, Isole Faroe, Streymoy, avviso
Vita quotidiana
Saksun, StreymoyIsole Faroe

Il villaggio faroese che non vuole essere Disneyland

Saksun è uno dei tanti splendidi piccoli villaggi delle Isole Faroe che sempre più estranei visitano. Si distingue per l'avversione ai turisti del suo principale proprietario rurale, autore di ripetute antipatie e attacchi contro gli invasori della sua terra.
Isola Curieuse, Seychelles, tartarughe di Aldabra
Animali selvatici
Isola Felicité e Isola Curieuse, Seychelles

De Lebbrosario a casa de Tartarughe Giganti

A metà del XVIII secolo rimase disabitata e ignorata dagli europei. La spedizione navale francese”La Curieuse” lo rivelò e ispirò il suo battesimo. Gli inglesi la mantennero un lebbrosario fino al 1968. Oggi l'Île Curieuse ospita centinaia di tartarughe di Aldabra, l'animale terrestre più longevo.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.