Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare


mokoros
I canoisti bilanciano i mokoros,
un cielo in fiamme
Gli uccelli svolazzano in un cielo tinto dai toni forti del tramonto, in un altro fine giornata africano.
L'Okavango serpeggia
Linee del flusso dell'Okavango che sfocia nel deserto del Kalahari, uno dei pochi fiumi al mondo che non raggiunge né il mare né un lago.
Dentro il labirinto
Una barca con visitatori entra nel labirinto di papiri formato dal fiume.
Il sorriso della terra
Dipendente del Batswana della loggia Moremi, una delle logge più rinomate e isolate del delta dell'Okavango.
un pascolo facile
Le gazzelle divorano l'erba fresca in un prato inumidito dalla pioggia recente e dall'umidità rilasciata dall'acqua dell'Okavango.
Il Power Ranger di Delta
Ranger di turno in uno dei lodge del delta dell'Okavango, esperto dell'habitat e delle specie di questa parte dell'Africa meridionale.
Addestramento
Le anatre si sono allineate sul bordo di uno dei tanti stagni del delta.
cure materne
Gazelle lecca un vitello appena nato dopo un periodo di pioggia.
re del delta
Leão osserva la savana alla ricerca di potenziali prede, solitamente molto abbondanti nella vasta regione del delta, sempre piena d'acqua.
L'occhio del ranger
I ranger del parco nazionale con il binocolo e molta esperienza avvistano gli animali.
Navigazione Delta
La barca viaggia attraverso una delle tante vaste lagune formate dal flusso disperdente del fiume Okavango.
Uno spazzino d'aria
Marabou corre attraverso un cielo azzurro sopra il delta dell'Okavango, con la consueta grande apertura alare.
pantera pardus
Leopard riposa e controlla il resto degli animali della savana dalla cima di un grande albero.
pioggia contro sole
Precipitazioni e tramonto simultanei sul lontano orizzonte del delta dell'Okavango, un capriccio meteorologico più o meno comune in queste parti dell'Africa.
dalla cima della savana
Le giraffe si distinguono dalla vegetazione verde, dove il loro motivo screziato non funziona bene come mimetizzarsi.
notte quasi buia
Una lanterna e un falò illuminano leggermente il dolce crepuscolo che avvolge il delta dell'Okavango.
toni del tramonto
Brillante tramonto sulla savana allagata del delta dell'Okavango.
Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.

Il volo in partenza dal Savuti che la BBC ha reso noto per i documentari sui suoi leoni mangiatori di elefanti è durato solo 35 minuti.

È bastato a rivelarci l'arida immensità del Kalahari, costellato di cespugli spinosi, solcato da lunghe strade tortuose di terra più sabbiosa che battuta.

Dall'altitudine a cui stavamo viaggiando potevamo vedere, in modo geologico e panoramico, l'importanza che l'acqua aveva per quella regione.

Nell'immagine del flusso del Solimões fiume che scorre fianco a fianco con l'Amazzonia chilometri di seguito, entrambi incompatibili per la loro diversa composizione e densità, visti dall'aria, si contrapponevano immense estensioni della superficie terrestre con diversi gradi di umidità.

Verde giallastro contro una quantità discrepante definita brunastra apparentemente più polverosa di acque sotterranee.

Di tanto in tanto, indipendentemente dal tipo di terreno, vedevamo lontane branchi di elefanti che bevevano e sguazzavano in stagni persi nel nulla.

Queste erano le stazioni di rifornimento che permettevano ai pachidermi e ad altre specie di sopravvivere alla lunga migrazione verso sud-est, dove si nascondeva un dominio molto più verde e più stabile.

Dal fiume Cubango in Angola al fiume Okavango che inonda il Kalahari

Quando è nato nel comune di Tchikala-Tchohanga do Huambo, l'Okavango si chiama Cubango. Da lì scorre attraverso le province di Bié, Huila e Cuando-Cubango e poi attraverso la striscia namibiana di Caprivi.

Poco prima di entrare nel nord-ovest del Botswana, ai margini delle cascate di Popa, il fiume accelera il suo corso. Nelle vicinanze di un villaggio chiamato Shakawe, le sue acque sono disperse.

Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, l'Okavango serpeggia

Linee del flusso dell'Okavango che sfocia nel deserto del Kalahari, uno dei pochi fiumi al mondo che non raggiunge né il mare né un lago.

Sono trattenuti dalle sabbie del deserto del Kalahari e dall'aria secca sopra. Questa escursione fluviale da sola rappresenta il 95% dell'acqua dolce del Botswana.

Mentre l'aereo si dirige verso l'aerodromo, sveliamo i capricciosi meandri del fiume, disegnati nella bassa vegetazione.

Atterriamo sulla pista erbosa della Riserva Faunistica di Moremi.

Soft Landing nel cuore del delta dell'Okavango

Questo è il nome dell'unico tratto del Delta dell'Okavango che è stato ufficialmente delimitato (nel 1963) per consentire la conservazione della fauna selvatica, la cui caccia illegale ha causato un declino.

I ranger nativi ci accolgono con un caloroso benvenuto. Poi ci portano a un molo vicino all'aeroporto. Siamo saliti a bordo di una piccola barca di metallo con tetto in tela. Quindi, salpiamo verso la laguna di Xugana.

Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Delta Navigation

La barca viaggia attraverso una delle tante vaste lagune formate dal flusso disperdente del fiume Okavango.

Il viaggio non ha molto a che fare con le migliori scene d'azione del classico James Bond.

Per quaranta minuti ci spostiamo ad alta velocità, attraverso canali con acqua color ocra o champagne, delimitati da papiri a volte alti più di due metri.

Questi canali si allargano e si restringono più o meno casualmente. Qua e là si stringono così tanto che le canne invadono le barche e ci intrappolano con il crepitio delle verdure.

Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Canale

Una barca con visitatori entra nel labirinto di papiri formato dal fiume.

Nella sua immensità, il Delta dell'Okavango rivela panorami contrastanti e, in quasi 16.000 km2, ripara gli habitat più diversi.

Grandi aree di terraferma emergono dal mezzo di infinite zone umide. Sono foreste di mopane e arbusti spinosi, savana secca, praterie, pianure alluvionali, un labirinto di paludi, canali ed enormi lagune.

Visto dallo spazio, il delta dell'Okavango sembra l'impronta di un uccello.

Il papiro è una delle due specie vegetali che predominano nelle sue paludi perenni, una delle quali fornisce le registrazioni più utili delle sue oscillazioni.

L'altra, la palma nana o Phoenix, è diffusa in molte isole della regione.

Le Grandi Lagune che interrompono la Navigazione attraverso i Canali

Quando meno ce lo aspettiamo, la barca rientra in quelle lagune aperte, ricoperte di ninfee e condivise da circa trentacinque milioni di pesci di ottanta specie, coccodrilli del Nilo, ippopotami, marabutti, svassi, ibis e una miriade di altri rettili e uccelli .

Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, marabutto

Marabou corre attraverso un cielo azzurro sopra il delta dell'Okavango, con la consueta grande apertura alare.

Coccodrilli e ippopotami sono i re e i signori del delta dell'Okavango. Talmente pericoloso che i Bayei – uno dei cinque gruppi etnici degli indigeni che lo abitano – insegnano ai loro figli una specie di ammonimento:

“Io sono il fiume. La mia superficie ci dà vita. Sotto c'è la morte".

L'impressionante e rigogliosa liquidità dello scenario viene alimentata in modo appena palpabile o localizzato.

Il delta potrebbe non avere precipitazioni per mesi. Tuttavia, le forti piogge sugli altopiani (1780 m) dell'altopiano angolano di Bié – più di 800 km a nord-ovest – generano una sorta di inondazione al rallentatore.

La superficie di queste parti interne dell'Africa è così piatta che l'inondazione può richiedere più di tre mesi per essere avvertita all'ingresso del delta. A circa 800 km che percorre la nuova acqua dall'Angola, bisogna ancora contare quattro mesi perché attraversi i 240 km di estensione della grande zona umida del Botswana.

Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Un cielo in fiamme

Gli uccelli svolazzano in un cielo tinto dai toni forti del tramonto, in un altro fine giornata africano.

Una volta raggiunta la vicinanza di Shakawe, il delta aumenta notevolmente. Da quel momento in poi, la lenta piena si sposta su più fronti, dalle sei dita della zampa che i satelliti registrano.

Gli habitat più profondi e diversi risiedono nella “gamba” di quasi 100 km. Lì, l'alluvione raggiunge il culmine ad aprile, quando il livello del fiume sale di quasi due metri.

A maggio, la profondità inizia a diminuire.

La scoperta che ha lasciato il missionario David Livingstone incredulo

Sarà stato l'esploratore e il missionario David Livingstone il primo europeo a imbattersi nel delta dell'Okavango.

Lo scozzese lo trovò nel 1849. A quel tempo, il flusso scorreva in modo diverso rispetto a oggi, non meno misterioso.

"L'acqua non può scorrere né all'indietro né verso l'alto", ribatté Livingstone al compagno di scoperta dell'epoca, il naturalista svedese Charles Andersson.

Entrambi rimasero sbalorditi dai canali che a volte scorrevano a grande velocità ea volte smettevano di scorrere. O che hanno persino invertito il loro significato.

Livingstone ha chiesto ai nativi di Bayei di spiegargli il fenomeno. Gli dissero quello che sapevano: ogni anno un capo del nord del loro territorio, di nome Mazzekiva, uccideva un uomo e ne gettava il corpo nel fiume. Successivamente, l'acqua scorreva a sud.

È improbabile che l'avventuriero fosse soddisfatto di tale chiarimento.

Molto tempo dopo Livingstone, un ecoturismo sempre in voga

Livingstone ha aperto la strada a una marea di visitatori che, dalla seconda metà del XX secolo in poi, sono rimasti abbagliati da uno degli scenari più affascinanti dell'Africa.

Delta dell'Okavango, non tutti i fiumi raggiungono il mare, boma, falò

Una lanterna e un falò illuminano leggermente il dolce crepuscolo che avvolge il delta dell'Okavango.

Oggi il Delta dell'Okavango è protetto dalle regole della Convenzione di Ramsar che ne salvaguardano la conservazione zone umide del mondo.

Anche se l'origine e la parte sostanziale del fiume Okavango è in Angola e Namibia, dove non gode delle stesse cure del Botswana, il Botswana ne ha solo beneficiato.

In questa giovane nazione, solo le prolifiche riserve di diamanti garantiscono più valuta estera del turismo nel delta dell'Okavango.

Le entrate turistiche derivano dalle licenze di esercizio e dalla tassazione di sofisticati e costosi ecolodge installati in posizioni strategiche. Molti sono gestiti da proprietari sudafricani, più esperti nel mestiere.

Xugana. Un altro degli EcoLodge privilegiati del Delta dell'Okavango

Lo Xugana in cui ci siamo stabiliti era uno di questi.

Mimetizzata da una fitta vegetazione, sormontata da alberi maestosi, aveva, tra l'altro, il dono dell'assoluta simbiosi con la natura circostante.

Scoiattoli e una miriade di uccelli colorati e insetti, rettili e anfibi saltavano, nuotavano, strisciavano e svolazzavano in giro.

Delta dell'Okavango, non tutti i fiumi raggiungono il mare, anatre

Le anatre si sono allineate sul bordo di uno dei tanti stagni del delta.

Come spesso accade in Botswana e in altri rifugi lasciati indietro, lo Xugana è rimasto aperto alla fauna locale.

Di notte, per la gioia degli ospiti più entusiasti del realismo della natura della zona, la visitano specie più grandi, tra cui i leopardi furtivi.

Delta dell'Okavango, non tutti i fiumi raggiungono il mare, leopardo

Leopard riposa e controlla il resto degli animali della savana dalla cima di un grande albero.

Una volta sistemati, ci siamo riposati fino alle quattro del pomeriggio.

Alla fine della giornata, usciamo ancora in barca verso il delta.

L'escursione mira ad esplorare il paesaggio e la fauna anche di altre isole mokoro, la tradizionale canoa della regione, ricavata da un unico tronco scavato.

Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros

I canoisti bilanciano i mokoros,

Ma i mokoro erano troppo stretti e instabili. Tenendo presente che difficilmente saremmo stati in grado di resistere alle riprese in piedi, rappresentavano un serio rischio per le fotocamere che trasportavamo.

La selvaggia e intimidatoria maestà dell'Africa

Abbiamo quindi scelto di partire dall'esterno.

Valutando e registrando prima l'azione dal margine. Quando ci siamo separati dal resto dell'entourage, una delle guide ci ha lasciato un solo consiglio: "Se compaiono animali, salta nel box del furgone".

L'occhio del ranger

I ranger del parco nazionale con il binocolo e molta esperienza avvistano gli animali.

Da soli, di fronte alla vastità del delta, sentiamo la travolgente grandezza dell'Africa come mai prima d'ora.

Le nuvole azzurre e lilla che scaricavano in lontananza, le gigantesche acacie che si stagliavano contro il cielo cupo e il vento che setacciava la foresta di papiri, imponevano una spiacevole sensazione di vulnerabilità.

Oltre agli ippopotami e ai coccodrilli che sapevamo erano più rari da attaccare lontano dalle coste bagnate d'acqua, il delta dell'Okavango ospita una generosa popolazione dei più capaci predatori di terra.

Delta dell'Okavango, non tutti i fiumi raggiungono il mare, leone

Leão osserva la savana alla ricerca di potenziali prede, solitamente molto abbondanti nella vasta regione del delta, sempre piena d'acqua.

Leoni, ghepardi, leopardi, iene e licaoni erano solo alcune delle specie dalle quali avremmo dovuto, invano, difenderci se qualcosa fosse andato storto.

Intorno ad esso vagavano ancora circa 60.000 elefanti - uno dei branchi più grandi del mondo - e migliaia di irascibili bufali.

Siamo sopravvissuti all'attesa solitaria e al viaggio di mokoro tra ippopotami furtivi e coccodrilli.

Sulla via del ritorno, abbiamo assistito a uno splendido tramonto, squarciato da centinaia di uccelli. Lo abbiamo visto, adornato da una macchia grigia e granulosa, disegnato dalla caduta del Pula, Pioggia del Botswana.

Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Pioggia vs Sole

Precipitazioni e tramonto simultanei sul lontano orizzonte del delta dell'Okavango, un capriccio meteorologico più o meno comune in queste parti dell'Africa.

Così prezioso da denominare la valuta nazionale della nazione.

Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Manaus, Brasile

Al Meeting delle Acque

Il fenomeno non è unico, ma a Manaus ha una bellezza e una solennità speciali. Ad un certo punto i fiumi Negro e Solimões confluiscono nello stesso alveo dell'Amazzonia, ma invece di mescolarsi immediatamente, entrambi i flussi continuano fianco a fianco. Mentre esploriamo queste parti dell'Amazzonia, assistiamo all'insolito confronto dell'Incontro delle Acque.
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Zanzibar, Tanzania

Le Isole delle Spezie Africane

Vasco da Gama aprì l'Oceano Indiano all'impero portoghese. Nel XNUMX° secolo l'arcipelago di Zanzibar divenne il maggior produttore di chiodi di garofano e le spezie disponibili si diversificarono, così come i popoli che si batterono per loro.
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Maguri Bill, India

Un Pantanal ai confini dell'India nord-orientale

Il Maguri Bill occupa un'area anfibia nelle vicinanze assamesi del fiume Brahmaputra. È lodato come un habitat incredibile, soprattutto per gli uccelli. Quando lo navighiamo in modalità gondola, ci imbattiamo in molta (ma molta) più vita della semplice asada.
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Safari
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
dall'ombra
Architettura & Design
Miami, EUA

Un capolavoro di riabilitazione urbana

All'inizio del 25° secolo, il quartiere di Wynwood era ancora pieno di fabbriche e magazzini abbandonati e pieni di graffiti. Tony Goldman, un astuto investitore immobiliare, acquistò oltre XNUMX proprietà e fondò un parco murale. Molto più che rendere omaggio ai graffiti lì, Goldman ha fondato il grande bastione della creatività di Miami.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Aventura
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
buon consiglio buddista
Cerimonie e Feste
Chiang Mai, Thailandia

300 Watt di energia spirituale e culturale

I thailandesi chiamano ogni tempio buddista wat e la loro capitale settentrionale li ha in evidente abbondanza. Consegnata a eventi successivi tenuti tra santuari, Chiang Mai non si spegne mai del tutto.
Città di Mindelo, Sao Vicente, Capo Verde
Città
Mindelo, São Vicente, Capo Verde

Il Miracolo di São Vicente

São Vicente è sempre stato arido e inospitale da eguagliare. La difficile colonizzazione dell'isola ha sottoposto i coloni a successive difficoltà. Fino a quando, finalmente, la sua provvidenziale baia di acque profonde ha reso Mindelo, la città più cosmopolita e la capitale culturale di Capo Verde.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Sole e palme da cocco, São Nicolau, Capo Verde
Cultura
São Nicolau, Capo Verde

San Nicola: Pellegrinaggio a Terra di Sodade

Partenze forzate come quelle che hanno ispirato la famosa morna”bibita” ha lasciato ben segnato il dolore di dover lasciare le isole di Capo Verde. scoprire sannclau, tra incanto e meraviglia, inseguiamo la genesi del canto e della malinconia.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Isola di Streymoy, Isole Faroe, Tjornuvik, Gigante e Strega
In viaggio
Streymoy, Isole Faroe

Streymoy Sopra, Assaggiate l'Isola delle Correnti

Lasciamo la capitale Torshavn dirigendoci a nord. Abbiamo attraversato da Vestmanna alla costa orientale di Streymoy. Fino a quando non raggiungiamo l'estremità settentrionale di Tjornuvík, siamo ancora e ancora abbagliati dalla verdeggiante eccentricità della più grande isola faroese.
Chiesa coloniale di San Francesco d'Assisi, Taos, New Mexico, USA
Etnico
Taos, EUA

Il Nord America ancestrale di Taos

Viaggiando attraverso il New Mexico, siamo rimasti abbagliati dalle due versioni di Taos, quella del villaggio indigeno di adobe di Taos Pueblo, uno dei villaggi della EUA abitato più a lungo e continuamente. E quella di Taos, la città che i conquistatori spagnoli lasciarono in eredità alla Messicoo Messico cedette a Stati Uniti e che una comunità creativa di discendenti nativi e artisti migranti migliora e continua a lodare.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Roça Bombaim, Roça Monte Café, isola di São Tomé, bandiera
Storia
Centro São Tomé, São Tome e Principe

Da Roça a Roça, verso il Cuore Tropicale di São Tomé

Sulla strada tra Trindade e Santa Clara, ci imbattiamo nel terrificante passato coloniale di Batepá. Passando per i campi Bombaim e Monte Café, la storia dell'isola sembra essersi diluita nel tempo e nell'atmosfera intrisa di clorofilla della giungla santomea.
barca colorata, isole gili, indonesia
Isole
Isole Gili, Indonesia

Gili: le isole dell'Indonesia che il mondo chiama “isole”

Sono così umili da essere conosciuti con il termine bahasa che significa solo isole. Nonostante siano discreti, i Gili sono diventati il ​​rifugio preferito dei viaggiatori di passaggio Chili o Bali.
Rompighiaccio Sampo, Kemi, Finlandia
bianco inverno
Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Letteratura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Pesca, Caño Negro, Costa Rica
Natura
Caño Negro , Costa Rica

Una vita di pesca tra la fauna selvatica

Una delle zone umide più importanti del Costa Rica e del mondo, Caño Negro abbaglia con il suo esuberante ecosistema. Non solo. Remoti, isolati da fiumi, paludi e strade dissestate, i suoi abitanti hanno trovato nella pesca a bordo una via per rafforzare i legami della loro comunità.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Parchi Naturali
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.
Fortezza capitale di Sigiriya: ritorno a casa
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Sigiriya, Sri Lanka

La fortezza capitale di un re parricidio

Kashyapa I è salito al potere dopo aver murato il monarca di suo padre. Temendo un probabile attacco del fratello erede al trono, trasferì la città principale del regno sulla sommità di un picco di granito. Oggi, il suo eccentrico rifugio è più accessibile che mai e ci ha permesso di esplorare la trama machiavellica di questo dramma singalese.
Monumento a Heroes Acre, Zimbabwe
personaggi
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
Bagni insoliti
Spiagge

a sud di Belize

La strana vita nel sole nero dei Caraibi

Sulla strada per il Guatemala, vediamo come l'esistenza proscritta del popolo Garifuna, discendente degli schiavi africani e degli indiani Arawak, contrasti con quella di diverse roccaforti balneari molto più ariose.

Mauritius, viaggio nell'Oceano Indiano, cascata di Chamarel
Religione
Maurizio

Una Mini India nell'Oceano Indiano

Nel XNUMX° secolo, i francesi e gli inglesi hanno combattuto per un arcipelago a est del Madagascar precedentemente scoperto dai portoghesi. Gli inglesi trionfarono, ricolonizzarono le isole con tagliatori di canna da zucchero del subcontinente ed entrambi ammisero la lingua, la legge e le modalità precedenti francofono. Da questo mix è emersa l'esotica Mauritius.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Isola Curieuse, Seychelles, tartarughe di Aldabra
Animali selvatici
Isola Felicité e Isola Curieuse, Seychelles

De Lebbrosario a casa de Tartarughe Giganti

A metà del XVIII secolo rimase disabitata e ignorata dagli europei. La spedizione navale francese”La Curieuse” lo rivelò e ispirò il suo battesimo. Gli inglesi la mantennero un lebbrosario fino al 1968. Oggi l'Île Curieuse ospita centinaia di tartarughe di Aldabra, l'animale terrestre più longevo.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.