Lhasa, Tibete

La demolizione della campana del tetto del mondo


Ex trono, ora museo
Il Palazzo del Potala, trono del Dalai Lama fino all'esilio del 14, troneggia su Lhasa, la capitale tibetana.
La fede nei momenti difficili
Il devoto tiene una valigia (rosario buddista tibetano) in piazza Barkhor.
La vita va a vanti
Strada trafficata a Lhasa con dietro le montagne dell'altopiano tibetano.
bandiera di occupazione
La bandiera cinese sventola dalla cima del Palazzo del Potala.
I rituali di Kora
I monaci buddisti completano la loro kora - pellegrinaggio intorno al monastero di Jokhang - e si prostrano con riverenza davanti al centro spirituale di Lhasa e del Tibet.
Le forze di occupazione II
Soldati cinesi e polizia osservano una strada intorno al monastero di Jokhang da un tetto.
rannicchiarsi nella fede
Fedeli buddisti protetti dal freddo pungente e da una serie di bandiere di preghiera buddista tibetano.
un'offerta rassegnata
Offerta di denaro in un tempio tibetano, fatta con banconote di Yuan, la valuta ufficiale cinese imposta anche al Tibet.
ruote della fede
Faithful fa girare le ruote della preghiera in uno dei tanti templi buddisti tibetani di Lhasa.
sorelle rosee
Le donne tibetane tengono i termini al monastero di Sera durante una gelida mattina a Lhasa.
la grande ragione
Il Palazzo del Potala illustrato su un pannello decorativo in vendita in un negozio a Lhasa.
Buddismo tibetano d'oro
Vertice buddista tibetano del tempio di Jokhang.
Controllo della fede
Polizia cinese all'ingresso del tempio di Jokhang.
yak dorati
Statue dorate al centro della piazza ai piedi del Palazzo del Potala.
case tra le montagne
Le case di Lhasa, capitale del Tibet, ai piedi di montagne aride.
Abiti invernali
Un visitatore del tempio di Jokhang avvolto in abiti tiene in mano una ruota della preghiera.
Orgoglio buddista tibetano
Il monaco buddista tibetano mostra uno scialle di seta con il Palazzo del Potala sullo sfondo.
Le forze di occupazione
Soldati cinesi pattugliano piazza Barkhor, tra i credenti buddisti in visita al monastero di Jokhang.
Qualsiasi dibattito sulla sovranità è accessorio e una perdita di tempo. Chiunque voglia lasciarsi abbagliare dalla purezza, dall'affabilità e dall'esotismo della cultura tibetana dovrebbe visitare il territorio il prima possibile. L'avidità della civiltà Han che muove la Cina non impiegherà molto a seppellire il Tibet millenario.

La giornata era appena iniziata. Faceva un freddo gelido.

La grande piazza di Barkhor era piena di pellegrini felici di visitare la capitale, in particolare il monastero buddista di Jokhang, per quasi tutti i tibetani, il più importante della nazione.

La piazza è di notevoli dimensioni, ma la fede incrollabile degli indigeni li fece radunare soprattutto attorno a questo tempio che ne segnava il limite orientale.

"Molti di loro realizzano il loro sogno di venire qui per la prima volta." ci racconta Lobsang, la guida locale al servizio dell'agenzia cinese a cui dovevamo ricorrere per entrare nel territorio autonomo e semi interdetto. “Alcuni viaggiano dai confini più remoti del paese.

Per questo spendono buona parte dei loro risparmi. Il Jokhang è il centro spirituale di Lhasa e del Tibet. I tibetani rinnovano qui il senso della loro vita”.

Assunto dalla compagnia dell'occupante per parlare inglese e altre lingue, l'ospite mascherava a malapena la motivazione quasi nulla con cui svolgeva i suoi compiti.

Quando poteva, partiva con la scusa di ogni altro obbligo di lavorare e ci lasciava ai connazionali. È stato il motivo per cui, ancora una volta senza di lui, abbiamo visitato il Monastero di Sera alla periferia di Lhasa.

Questi abbandoni si sono rivelati liberatori. Tanto che, con loro grande gioia, abbiamo iniziato a promuoverli noi stessi.

Lobsang ci informò anche che all'epoca eravamo due dei pochissimi venti stranieri in Tibet.

La purezza tibetana dell'essere

La curiosità gentile e affabile che ci hanno mostrato, mentre camminavamo tra la folla, quei pellegrini stanchi ma raggianti, si è rivelata praticamente esclusiva.

Non esageriamo se confessiamo che nessun altro popolo asiatico ci ha sorpreso e premiato come questo.

Isolati in cima al mondo, tra i 3.500 e i 5.000 metri dell'altopiano tibetano, al riparo dietro l'Himalaya da record e altre catene montuose alte quasi altrettanto, i tibetani sono rimasti per secoli al sicuro dalla colonizzazione europea e dalle epidemie culturali che avrebbero infettare altre parti del continente asiatico.

Occupazione del Tibet da parte della Cina, Roof of the World, Wheels of Faith

Faithful fa girare le ruote della preghiera in uno dei tanti templi buddisti tibetani di Lhasa.

La bellezza del suo modo di essere è stata la prima cosa che ci ha rapito.

Senza ricorrere a catene di negozi di abbigliamento o simili, i tibetani producono e combinano cappotti, tuniche (docce) e pull dei più diversi materiali, colori e tagli. Completano gli abiti con acconciature lussureggianti dei loro forti capelli neri.

A volte indossano cappelli o altri manufatti che nascondono volti spesso enigmatici o carismatici.

Ci sono pochi indigeni che parlano più di pochi dialetti locali o che osano provare.

Nonostante vivano in un luogo estremo e punitivo del pianeta, i tibetani aprono i cuori e le porte della loro nazione a coloro che sentono arrivati ​​e li considerano per sempre.

Coinvolgi i visitatori con sorrisi grandi e incondizionati, calorosi tentativi di parlare nella loro lingua e una risposta orgogliosa a quasi tutte le richieste degli estranei.

Almeno, è così che è successo mentre eravamo praticamente solo noi a metterci in contatto con loro.

Non garantiamo che lo stesso accada quando, in altri momenti, aumenterà il numero di visitatori desiderosi di souvenir.

occupazione del Tibet da parte della Cina, Tetto del mondo,

Vertice buddista tibetano del tempio di Jokhang.

La meraviglia dei tibetani nelle fotografie scattate da stranieri

Pensavamo che agli indiani piacesse essere fotografati dagli occidentali. In Tibet abbiamo scoperto una passione fotografica da abbinare. A chi abbiamo chiesto, la risposta è stata quasi sempre positiva.

Spesso eccitato.

Davanti alle nostre macchine fotografiche, che abbiamo sempre riconosciuto come intimidatorie, le modelle dell'altopiano posano orgogliose e aggraziate.

Occupazione del Tibet da parte della Cina, Tetto del mondo, Fede buddista tibetana

Il devoto tiene una valigia (rosario buddista tibetano) in piazza Barkhor.

Ci fissano con gli occhi quasi chiusi ma ancora espressivi e le grandi rose addensate dall'ipossia e dal rispettivo aumento dei globuli rossi, dalla radiazione ultravioletta e dalla forte escursione termica diurna.

Alcuni dei nativi presenti in Barkhor Square hanno condiviso il desiderio di fotografarli con amici o familiari. Molti non avevano mai visto o toccato una macchina fotografica.

È stato con un misto di sorpresa e fascino che abbiamo notato che, dopo averli fotografati, si sforzavano di rimuovere dagli schermi, con le dita, le immagini che volevano esaminare.

Occupazione del Tibet da parte della Cina, Tetto del mondo, freddo

Un visitatore del tempio di Jokhang avvolto in abiti tiene in mano una ruota della preghiera.

I successivi giri di fede al monastero di Jokhang

Mentre si svolgeva questa strana convivialità, vicino alla facciata anteriore del monastero di Jokhang, il trambusto religioso continuava.

Alcuni monaci e molti altri credenti non ordinati hanno ripetuto prostrazioni buddiste di natura quasi ginnica. Li hanno inaugurati in piedi, con le mani giunte davanti al viso.

Poi si inginocchiavano sul pavimento di pietra e, infine, stendevano il corpo completamente su materassini, con l'ausilio di lastre di plastica che permettevano loro di far scorrere le mani fino a stendere completamente le braccia.

Il monastero di Jokhang è a 25.000 m2 di estensione. Vediamo migliaia di credenti ispirati dalla credenza buddista tibetana che adempiono parte del Presto, un rito che li fa camminare intorno all'imponente edificio dai confini ben individuati da quattro forni posti in altrettanti angoli del complesso.

Alcuni credenti lo fanno camminando. Altri affrontano sfide più serie e si prostrano metro dopo metro. Il prossimo passo della fede è una visita alla sala principale del tempio.

I monaci buddisti completano la loro kora – pellegrinaggio intorno al monastero di Jokhang – e si prostrano con riverenza davanti al centro spirituale di Lhasa e del Tibet.

Questa sala ospita la statua del Buddha Jowo Shakyamuni, l'oggetto più venerato del buddismo tibetano, con forte presenza anche nel vicino Nepal.

È stato durante il nostro Presto – dilettante o turistico – che abbiamo rilevato seri disturbi alla convivenza sociale e religiosa tibetana, di per sé armoniosa.

E la profanazione cinese della vita e della fede tibetana

A metà della passeggiata, abbiamo notato, su un tetto di un edificio, due soldati cinesi e due poliziotti cinesi, almeno militari, protetti con elmetti e armati di mitra.

Soldati cinesi e polizia osservano una strada intorno al monastero di Jokhang da un tetto.

In piazza Barkhor, di tanto in tanto, piccoli battaglioni attraversavano la folla dall'alto verso il basso o da una parte all'altra, in copioni ovviamente eseguiti per imporre presenza, rispetto e paura.

Poco dopo, davanti alla fila formata dai fedeli in procinto di entrare nel monastero di Jokhang, poliziotti cinesi stavano picchiando a colpi di mazze un gruppo di inermi tibetani, a titolo gratuito.

Fedeli buddisti protetti dal freddo pungente e da una serie di bandiere di preghiera buddista tibetano.

Eravamo appena arrivati ​​e le nostre teste minacciavano ancora di implodere quando siamo atterrati direttamente a 3500 metri da Lhasa dopo essere decollati da 500 metri da Chengdu, nella provincia cinese del Sichuan.

Nemmeno il doloroso mal di montagna ci ha impedito di osservare e provare compassione e rivolta per la distruzione che la già lunga occupazione di Pechino ha causato a una delle culture più singolari e abbaglianti. sulla faccia della terra.

L'effettivo controllo cinese del Tibet si estese dal 1644 in poi, durante l'ultima dinastia imperiale cinese, i Qing. Nel 1912, la rivoluzione repubblicana Xinhai detronò questa dinastia.

Offrì al Dalai Lama il titolo che gli era stato confiscato.

Per i successivi 36 anni, il 13° Dalai Lama ei suoi successori, nonostante le rivendicazioni territoriali e le annessioni di vicini come l'India britannica e il governo cinese del Kuomintang, governarono un Tibet indipendente.

Occupazione del Tibet da parte della Cina, Roof of the World, lhasa

Le case di Lhasa, capitale del Tibet, ai piedi delle montagne aride dell'Himalaya.

L'attesa annessione da parte della Cina

Nel 1950, dopo la guerra civile, la Repubblica popolare comunista cinese ha annesso il Tibet e ha cercato di negoziare l'accordo in 17 punti con il 14° Dalai Lama appena insediato, basato sulla futura sovranità cinese e garantendo l'autonomia del Tibet.

Il Dalai Lama e il suo governo hanno ripudiato l'accordo. si sono esiliati Dharamsala, in India.

Successivamente, durante il grande balzo in avanti di Mao sotto la Rivoluzione culturale, centinaia di migliaia di tibetani furono uccisi e molti monasteri distrutti.

Da allora, si sono susseguite azioni e campagne di protesta, sia tibetane che straniere. Niente ha impedito a Pechino di cinesizzare il territorio a suo piacimento.

Offerta di denaro in un tempio tibetano, fatta con banconote di Yuan o Renminbi, la valuta ufficiale cinese imposta anche al Tibet.

Ci spostiamo nell'ampia piazza che precede il grandioso Palazzo Potala, ex residenza ufficiale del Dalai Lama. Apprezziamo la statua dei due yak dorati che si staglia su di essa.

Presto tornammo in compagnia di Lobsang, anche in quella di Jacob e Ryan, uno svedese e un americano che nel frattempo era arrivato in compagnia del cicerone.

“Prima c'era un bel prato qui, con un lago che gelava ogni inverno.

Il Palazzo del Potala illustrato su un pannello decorativo in vendita in un negozio a Lhasa.

È stato un piacere per i bambini che sono venuti qui per giocare. Ma ovviamente i cinesi hanno dovuto far saltare in aria tutto e riempirlo con la loro piazza Tianamen locale.

Ora, è solo pietra e cemento ovunque. Nessuna natura, nessuna anima".

Palazzo Potala, il Monumento Tibetano dell'Impotenza

Abbiamo conquistato enormi scalinate fianco a fianco con i visitatori tibetani ed esplorato il Potala, senza dubbio uno dei più bei palazzi asiatici, con i suoi tredici piani, più di mille stanze, diecimila santuari e duecentomila statue.

ex trono

Il Palazzo del Potala, trono del Dalai Lama fino all'esilio del 14, troneggia su Lhasa, la capitale tibetana.

L'abbiamo esplorato sala dopo sala, comprese quelle più utilizzate dai successivi Dalai Lama fino all'esilio autoimposto del 14°.

Assorbiamo e inspiriamo la spiritualità buddista tibetana da un inevitabile aroma di burro di yak, a lungo utilizzato per garantire l'illuminazione e il riscaldamento dell'enorme edificio e in tutto il Tibet.

Sulla via d'uscita, Lobsang riassume in uno sfogo molto più drammatico di allora, la sua frustrazione e quella dei suoi connazionali. “I tibetani sono abituati a vite difficili.

Supportiamo i caratteri cinesi che ci costringono a inserire nei nostri negozi caratteri molto più grandi dei caratteri tibetani.

Sopportiamo i loro negozi sempre più aperti al posto dei nostri, le percosse e persino la morte dei nostri familiari.

L'unica cosa che non sopporteremo mai e speriamo sempre di cambiare è quella bandiera disgustosa che sventola dalla cima del nostro palazzo santo!

La bandiera cinese sventola dalla cima del Palazzo del Potala.

Dali, Cina

La Cina surrealista di Dalì

Immersa in una magica cornice lacustre, l'antica capitale del popolo Bai è rimasta, fino a qualche tempo fa, un rifugio per la comunità di viaggiatori zaino in spalla. I cambiamenti sociali ed economici di Cina ha incoraggiato l'invasione dei cinesi per scoprire l'angolo sud-ovest della nazione.
Bingling Sì, Cina

La gola dei mille Buddha

Per più di un millennio e almeno sette dinastie, i devoti cinesi hanno esaltato le loro credenze religiose con l'eredità di sculture in uno stretto stretto del fiume Giallo. Coloro che sbarcano alla Gola dei Mille Buddha, potrebbero non trovare tutte le sculture ma trovare uno splendido santuario buddista.
Tawang, India

La mistica valle della profonda discordia

All'estremità settentrionale della provincia indiana dell'Arunachal Pradesh, Tawang ospita paesaggi montuosi spettacolari, villaggi etnici Mompa e maestosi monasteri buddisti. Anche se dal 1962 i rivali cinesi non lo trafiggono, Pechino guarda questo dominio come parte del tuo Tibete. Di conseguenza, religiosità e spiritualismo hanno da tempo condiviso un forte militarismo.
Lijiang e Yangshuo, Cina

Una Cina impressionante

Zhang Yimou, uno dei più famosi registi asiatici, si è dedicato a grandi produzioni outdoor ed è stato coautore delle cerimonie mediatiche delle Olimpiadi di Pechino. Ma Yimou è anche responsabile di “Impressions”, una serie di allestimenti non meno controversi con palchi in luoghi emblematici.
Dunhuang, Cina

Un'oasi nella Cina delle Sabbie

Migliaia di chilometri a ovest di Pechino, la Grande Muraglia ha la sua estremità occidentale e la Cina e altro. Un'inaspettata spruzzata di verde vegetale rompe l'arida vastità circostante. Annuncia Dunhuang, ex avamposto cruciale della Via della Seta, oggi una città intrigante ai piedi delle dune più grandi dell'Asia.
Lijiang, Cina

Una città grigia ma piccola

Viste da lontano, le sue vaste case sono lugubri, ma i secolari marciapiedi e canali di Lijiang sono più popolari che mai. Una volta, questa città brillava come la grande capitale del popolo Naxi. Oggi, inondazioni di visitatori cinesi competono per il quasi parco a tema che è diventato una tempesta.
Guilin, Cina

La porta del regno di pietra cinese

L'immensità delle aspre colline calcaree che lo circondano è così maestosa che le autorità di Pechino stampalo sul retro di banconote da 20 yuan. Chi lo esplora passa quasi sempre per Guilin. E anche se questa città nella provincia del Guangxi è diversa dalla natura esuberante che la circonda, abbiamo anche trovato il suo fascino.
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Malealea, Lesoto

La vita nel regno africano dei cieli

Il Lesotho è l'unico stato indipendente situato interamente al di sopra dei XNUMX metri. È anche uno dei paesi in fondo alla classifica mondiale dello sviluppo umano. Il suo popolo altezzoso resiste alla modernità ea tutte le avversità in cima alla terra grandiosa ma inospitale che le è stata donata.
Lhasa, Tibete

Quando il Buddismo si stanca della meditazione

Non solo con il silenzio e il ritiro spirituale si cerca il Nirvana. Al Monastero di Sera, i giovani monaci perfezionano la loro conoscenza buddista con accesi confronti dialettici e applausi scoppiettanti.
Lhasa, Tibete

Sera, il Monastero del Sacro Dibattito

In pochi posti al mondo si usa un dialetto con la stessa veemenza del monastero di Sera. Lì, centinaia di monaci si impegnano in intensi e chiassosi dibattiti sugli insegnamenti del Buddha in tibetano.
Badaling, Cina

L'invasione cinese della Grande Muraglia cinese

Con l'arrivo delle giornate calde, orde di visitatori Han si impossessano della Grande Muraglia cinese, la più grande struttura creata dall'uomo. Risalgono all'era delle dinastie imperiali e celebrano il protagonismo appena conquistato della nazione.
Dali, Cina

Flash Mob di moda cinese

L'ora è fissata e il luogo è noto. Quando la musica inizia a suonare, una folla segue la coreografia in modo armonioso fino allo scadere del tempo e ognuno torna alla propria vita.
Huang Shan, Cina

Huang Shan: Le montagne gialle dei picchi galleggianti

Le cime granitiche delle montagne gialle e fluttuanti di Huang Shan, da cui spuntano i pini acrobati, appaiono in innumerevoli illustrazioni artistiche della Cina. Lo scenario reale, oltre ad essere remoto, rimane più di 200 giorni nascosto sopra le nuvole.
Pechino, Cina

Il cuore del grande drago

È il centro storico incoerente dell'ideologia maoista-comunista e quasi tutti i cinesi aspirano a visitarlo, ma piazza Tianamen sarà sempre ricordata come un macabro epitaffio delle aspirazioni della nazione.
Lhasa a Gyantse, Tibete

Gyantse, attraverso le alture del Tibet

L'obiettivo finale è il campo base tibetano dell'Everest. In questo primo percorso, partendo da Lhasa, passiamo dal lago sacro di Yamdrok (4.441 m) e dal ghiacciaio della gola di Karo (5.020 m). A Gyantse ci arrendiamo allo splendore tibetano-buddista dell'antica cittadella.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Safari
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Architettura & Design
napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30 – Tour del Calhambeque

In una città ricostruita in stile Art Déco e con un'atmosfera da "anni folli" e oltre, il mezzo di trasporto appropriato sono le eleganti auto d'epoca di quell'epoca. A Napier sono ovunque.
Aventura
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
Gelato, Moriones Festival, Marinduque, Filippine
Cerimonie e Feste
Marinduque, Filippine

Quando i romani invadono le Filippine

Anche l'Impero d'Oriente non è andato così lontano. Durante la Settimana Santa, migliaia di centurioni si impadroniscono di Marinduque. Lì vengono rievocati gli ultimi giorni di Longino, legionario convertito al cristianesimo.
Matrimoni a Jaffa, Israele,
Città
Jaffa, Israele

Dove Tel Aviv si stabilisce sempre a festeggiare

Tel Aviv è famosa per la notte più intensa del Medio Oriente. Ma se i vostri ragazzi si divertono fino allo sfinimento nei locali della costa mediterranea, è sempre più nella vicina Vecchia Giaffa che si sposano.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Djerbahood, Erriadh, Djerba, Specchio
Cultura
Erriadh, Djerba, Tunisia

Un Villaggio diventato Galleria d'Arte Fugace

Nel 2014, un antico insediamento di Djerbian ha ospitato 250 murales di 150 artisti provenienti da 34 paesi. I muri di calce, il sole intenso ei venti carichi di sabbia del Sahara erodono le opere d'arte. La metamorfosi di Erriadh in Djerbahood si rinnova e continua a stupire.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
viaggio in australia occidentale, Surfspotting
In viaggio
Perth ad Albany, Australia

Attraverso il selvaggio West australiano

Poche persone venerano l'evasione come fanno Australiani. Con l'estate meridionale in pieno svolgimento e il fine settimana alle porte, i Perthiani si stanno rifugiando dalla routine urbana nell'angolo sud-occidentale della nazione. Da parte nostra, senza compromessi, esploriamo l'infinito Western Australia fino al suo limite meridionale.
valle profonda, terrazze di riso, batad, filippine
Etnico
Familiare, Filippine

Le terrazze che sostengono le Filippine

Oltre 2000 anni fa, ispirati dal loro dio del riso, il popolo Ifugao si sviluppò sulle pendici di Luzon. Il cereale che vi coltivano gli indigeni nutre ancora una parte significativa del paese.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Jeep attraversa Damaraland, Namibia
Storia
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
Isola di Goa, Isola del Mozambico, Nampula, faro
Isole
Isola di Goa, Isola del Mozambico, Mozambico

L'isola che illumina la del Mozambico

La piccola isola di Goa sostiene un faro secolare all'ingresso di Mossuril Bay. La sua torre elencata segnala la prima tappa di uno straordinario tour in dhow intorno al vecchio Isola del Mozambico.

costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
bianco inverno
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
femmina e vitello, Grizzly Steps, Katmai National Park, Alaska
Natura
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Cumbre Vieja, La Palma, Eruzione, Tsunami, Apocalisse televisiva
Parchi Naturali
La Palma, Isole CanarieSpagna

Il più mediatico dei cataclismi che accadrà

La BBC ha riferito che il crollo di un pendio vulcanico sull'isola della Palma potrebbe generare un mega tsunami. Ogni volta che l'attività vulcanica nell'area aumenta, i media colgono l'occasione per spaventare il mondo.
Coccodrilli, Queensland tropicale dell'Australia selvaggia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Cairns la Tribolazione del Capo, Australia

Queensland tropicale: un'Australia troppo selvaggia

Cicloni e inondazioni sono solo l'espressione meteorologica dell'asprezza tropicale del Queensland. Quando non è il tempo, è la fauna mortale della regione a tenere i suoi abitanti all'erta.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Soufriere e Pitons, Saint Luci
Spiagge
Soufriere, Santa Lucia

Le Grandi Piramidi delle Antille

In piedi sopra una costa lussureggiante, le cime sorelle Chiodi sono il segno distintivo di Santa Lucia. Sono diventati così iconici che hanno un posto riservato nelle note di testa dei dollari dei Caraibi orientali. Accanto, i residenti dell'ex capitale Soufrière sanno quanto sia preziosa la loro vista.
Promettere?
Religione
Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
Di nuovo al sole. Funivie di San Francisco, alti e bassi della vita
Veicoli Ferroviari
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
Società
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Animali selvatici
Valdez, Alaska

Sulla rotta dell'oro nero

Nel 1989 la petroliera Exxon Valdez provocò un enorme disastro ambientale. La nave ha smesso di solcare i mari, ma la città vittimizzata che le ha dato il nome continua sulla rotta del greggio dell'Oceano Artico.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.