Colonia di Sacramento, Uruguay

Colonia del Sacramento: l'eredità uruguaiana di una navetta storica


Il negozio
Un negozio tradizionale di Colonia espone prodotti di piccole botti di legno a due passi
Ombra preziosa
Il cliente gode della pace della città su una delle sue numerose terrazze creative.
classico in rosso
Jalopy parcheggiato fuori da una casa tradizionale a Colonia del Sacramento.
Lanterna parigina
Una vecchia lanterna tinge di giallo un angolo in prossimità del faro della Colonia del Sacramento
Rituale del compagno
Gli amanti condividono il sole di Colonia e il tè del mate, un'abitudine inevitabile per gli uruguaiani.
cima del faro
Coppia che parla in cima al faro di Colonia del Sacramento.
Lampada gialla
Lanterna giallo brillante in un angolo storico di Colonia del Sacramento.
pasticcere
Antica pasticceria addossata alla facciata molto più antica della piazza, un tempo portoghese, ora spagnola, ora uruguaiana
pesca d'argento
I pescatori generano una silhouette con il sole a ovest del Rio de la Plata.
Ingresso
I visitatori attraversano il ponte che conduce all'ingresso principale della città murata.
Via a Rio
Una strada tipica, basata su un marciapiede irregolare fatto di grossi sassi e dotato di lampioni gialli.
Anil Street, jalopy scarlatto
I visitatori della città coloniale osservano una strada color indaco su cui spicca una vecchia macchina dell'epoca classica.
Duello classico
Le auto d'epoca aggiungono colore a una strada a Colonia del Sacramento.
La fondazione della Colónia do Sacramento da parte dei portoghesi ha generato conflitti ricorrenti con i rivali ispanici. Fino al 1828, questa piazza fortificata, oggi sedativa, cambiò lato innumerevoli volte.

Mentre il pomeriggio volge al termine, diventa più ovvio perché la vasta distesa d'acqua che osserviamo sia stata a lungo battezzata Rio da Prata.

Seduti su una delle basse mura del grande forte, godiamo del fenomeno che si impadronisce dell'estuario e dell'anima degli uruguaiani che ne popolano le sponde.

Il cielo è sereno da giorni. Mostra lo stesso blu che ha ispirato la bandiera uruguaiana e quella della vicina nazione argentina, a pochi chilometri dal bacino.

Gruppi di amici occupano sporgenze rocciose e si divertono con le canne da pesca. Altri si avventurarono nell'immensità dell'acqua salmastra.

Vediamo una piccola barca con tre pescatori a bordo. Ancorano la nave nell'ampio raggio di luce solare. In quel preciso momento, le sue figure bloccano il riflesso della superficie e producono una curiosa silhouette mobile.

Colonia del Sacramento, Uruguay

I pescatori generano una silhouette con il sole a ovest del Rio de la Plata.

Colónia do Sacramento ei suoi venticinquemila abitanti rimangono sedati dalla vita ritirata ed edonistica della città, osiamo pensarlo in una sorta di compensazione per il passato bellicoso della città.

La Fondazione in un territorio molto conteso

Nova Colónia do Santíssimo Sacramento - il suo nome originale - è stata la prima colonia europea nell'attuale territorio uruguaiano. Il XNUMX° secolo giunse al termine. I mercanti di Rio de Janeiro erano più desiderosi che mai di fare affari con le colonie rivali nella provincia di Rio del Plata, in particolare Buenos Aires.

Determinato a sostenere i suoi sforzi, il maestro di campo Manuel de Lobo organizzò una spedizione e salpò per il Rio de la Plata. Nel gennaio 1680 iniziò la presenza portoghese in questa regione che la Corona portoghese considerava situata a est della linea formata dal Trattato di Tordesilhas, un trattato che era stato a lungo avvolto da controversie irrisolvibili.

Consapevoli della presenza di rivali, gli spagnoli mobilitarono truppe dal Perù, dall'attuale Argentina e dal Paraguay. In Missioni dei Gesuiti sul fiume Uruguay, da solo, mandò circa tremila indigeni, a piedi ea cavallo.

Nel campo opposto, anche Manuel Lobo ha chiesto rinforzi. Le barche che li trasportavano affondarono all'ingresso del Rio de la Plata. Lo squilibrio delle forze divenne evidente.

Sette mesi dopo la sua fondazione, Colonia del Sacramento fu catturata. Gli spagnoli cambiarono il suo nome in Fuerte del Rosario. Manuel Lobo fu fatto prigioniero a Buenos Aires dove sarebbe morto tre anni dopo. Iniziò quindi un lungo alternarsi di proprietà che diede alla piazza il suo peculiare architettura militare.

Colonia del Sacramento, Uruguay

I visitatori attraversano il ponte che conduce all'ingresso principale della città murata.

Una fortezza che ora avvolge un'intera città

Non appena attraversiamo il fossato, su un enorme ponte di legno, Colonia del Sacramento si rivela un luogo di origine, con poche o nessuna preoccupazione per il comfort.

Strada dopo strada, vicolo dopo vicolo, conserviamo la sensazione dell'imminenza di un piede contorto, tanto sono irregolari le pietre che ne formano il nero marciapiede, tra mura rinforzate e imponenti bastioni.

Passarono i secoli. Nonostante l'alternanza, la presenza dei capi politici, militari e religiosi delle nazioni contendenti divenne più lunga e giustificava edificazioni con altri accorgimenti.

Negli ultimi tempi, l'Uruguay ha fatto buon uso di questo patrimonio. Ha guadagnato per il forte lo status di Patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Colonia del Sacramento, Uruguay

Una strada tipica, basata su un marciapiede irregolare fatto di grossi sassi e dotato di lampioni gialli.

Quando percorriamo la pianta geometrica, circondati da platani, vediamo che molti degli edifici sono stati trasformati in musei, ristoranti, bar e negozi. Hanno in comune decorazioni colorate ed eleganti. Di notte, sono illuminate da lampade in stile parigino come quelle ancora utilizzate nelle zone storiche di Lisbona.

L'identità urbana di Colónia do Sacramento è stata mantenuta.

E il tribunale della capitale non ha tardato a rivendicare la proprietà della sua colonia più recente. Un anno dopo la conquista ispanica, Colónia do Sacramento ha accolto con favore la firma del trattato provvisorio che ne stabiliva il ritorno in Portogallo.

La padronanza commerciale dei residenti, con possibili fondamenti storici

Ha anche ufficializzato la condanna dell'attacco spagnolo e la sanzione del governatore e capitano generale della provincia del Rio de la Plata, José de Garro. Nel 1701 Portogallo e Spagna firmarono, sempre a Lisbona, il trattato che sancì la prima di alcune definitive ma effimere cessioni a Portogallo.

Lasciamo il magazzini, cantine e pulperie meravigliato della sua bellezza e originalità. Ipotizziamo che l'appetito per gli affari dei coloni possa essere radicato nello spirito imprenditoriale dei loro predecessori. La storia sembra supportare la teoria.

Colonia del Sacramento, Uruguay

Un negozio tradizionale di Colonia espone prodotti di piccole botti di legno a due passi

L'accordo portoghese-ispanico vietava il commercio della piazza con le colonie spagnole circostanti. Ma, a metà del XNUMX° secolo, Colónia do Sacramento era già diventata un posto di contrabbando portoghese e britannico, impegnato a trarre profitto dall'approvvigionamento delle città ispaniche.

I danni subiti dalla corona spagnola furono tali che Felipe V ordinò al governatore di Buenos Aires di costruire una fortificazione a Montevideo, con lo scopo ultimo di controllare il commercio illegale.

La Colonia del Sacramento che costrinse la costruzione di Montevideo

Questa fortificazione venne a dare origine alla capitale dell'Uruguay. E Montevideo è il punto di partenza per la maggior parte dei visitatori nazionali di Colonia, di solito in fuga per il riposo e il tempo libero.

Colonia del Sacramento, Uruguay

Le auto d'epoca aggiungono colore a una strada a Colonia del Sacramento.

Siamo usciti da una strada abbellita da due sgargianti jalopies. Qualche decina di metri più avanti, abbiamo superato una coppia innamorata. Sono installati quasi acrobaticamente su una parete stretta.

e condividi a lampadina di mate, fornito con l'immancabile aggiunta di acqua calda in un thermos complementare.

Parliamo. Non ci volle molto per confermare il loro benessere: “perché sanno com'è”, ci viene detto con una forte conversione degli ipsilons e raddoppiano “loro” in “jotas”, convenzionale nell'accento castigliano locale: “ un uruguaiano senza compagno non è un vero uruguaiano. Qui a Colonia lo prendono molto sul serio. Questo è un posto fantastico, vero? Ci piace venire qui. Sono portoghesi? Ah, molto bene, grazie mille per esserti ricordato di essere venuto qui e di aver trovato questo!”

Mate, Colonia del Sacramento, Uruguay

Gli amanti condividono il sole di Colonia e il tè del mate, un'abitudine inevitabile per gli uruguaiani.

Il dialogo continua. Come ci si poteva aspettare, si tratta anche del tema dell'andirivieni permanente della fortezza tra Portogallo e Spagna. Un'oscillazione che continuò nel XIX secolo.

Il Trattato e Trattato di Parigi e la Genesi della Nazione uruguaiana

Nel 1750, il Trattato di Madrid prevedeva che la colonia tornasse al giogo ispanico, contro la cessione del "Siete villaggi Missioni”, nell'attuale stato brasiliano del Rio Grande do Sul. Con l'ingresso della Spagna nella Guerra dei Sette Anni, i colloqui si interrompono.

La Spagna occupò Colonia del Sacramento. La guerra si concluse con la firma del Trattato di Parigi che venne a stabilire un nuovo ritorno in Portogallo.

Nel 1777 Carlo III decise di revocare il Trattato di Parigi. Inviò una nuova spedizione nel Rio de la Plata e riconquistò Colonia.

Colonia del Sacramento, Uruguay

Una vecchia lanterna tinge di giallo un angolo in prossimità del faro della Colonia del Sacramento

Trent'anni dopo, furono gli inglesi a prendere il posto degli spagnoli. Come se non bastasse, hanno contribuito a favorire le prime nozioni indipendentiste che hanno ispirato il movimento di liberazione della Provincia Orientale.

Nel 1818, in seguito all'invasione portoghese-brasiliana, 40 anni dopo averla persa per l'ultima volta, il Portogallo rioccupò la Colónia do Sacramento.

Per porre finalmente fine all'interminabile seguito, nel 1828, la fortezza entrò a far parte dello Stato Orientale dell'Uruguay, l'attuale stato embrionale dell'Uruguay.

Pueblos del Sur, Venezuela

Per alcuni Trás-os-Montes in Venezuela in Fiesta

Nel 1619, le autorità di Mérida dettarono l'insediamento del territorio circostante. Dall'ordine sono derivati ​​19 villaggi remoti, che abbiamo trovato dediti a celebrazioni con caretos e pauliteiros locali.
Isola del Mozambico, Mozambico  

L'isola di Ali Musa Bin Bique. Scusa, dal Mozambico

Con l'arrivo di Vasco da Gama nell'estremo sud-est dell'Africa, i portoghesi si impossessarono di un'isola precedentemente governata da un emiro arabo, di cui finirono per alterare il nome. L'emiro perse territorio e ufficio. Il Mozambico - il nome sagomato - sopravvive sull'isola splendente dove tutto ebbe inizio e diede anche il nome alla nazione che finì per formare la colonizzazione portoghese.
Isola di Ibo, Mozambico

Isola di un Mozambico scomparso

Fu fortificato nel 1791 dai portoghesi che cacciarono gli arabi dalle Quirimba e si impadronirono delle loro rotte commerciali. Divenne il 2° entrepot portoghese sulla costa orientale dell'Africa e, in seguito, capoluogo della provincia di Cabo Delgado, Mozambico. Con la fine della tratta degli schiavi all'inizio del XX secolo e il passaggio della capitale a Porto Amélia, l'isola di Ibo si è trovata nell'affascinante ristagno in cui si trova.
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
Pirenópolis, Brasile

Una Polis nei Pirenei sudamericani

Le miniere di Nossa Senhora do Rosário da Meia Ponte furono costruite da pionieri portoghesi, nel periodo di massimo splendore del ciclo dell'oro. Per nostalgia, probabilmente gli emigranti catalani chiamavano le montagne intorno ai Pirenei. Nel 1890, già in un'era di indipendenza e di innumerevoli ellenizzazioni delle loro città, i brasiliani battezzarono questa città coloniale Pirenópolis.
Chandor, Goa, India

Una casa goano-portoghese, di sicuro

Un palazzo con influenze architettoniche portoghesi, Casa Menezes Bragança si distingue dalle case di Chandor, a Goa. Forma l'eredità di una delle famiglie più potenti dell'ex provincia. Sia dalla sua ascesa in un'alleanza strategica con l'amministrazione portoghese sia dal successivo nazionalismo di Goa.
Cartagena delle Indie, Colombia

La città desiderata

Molti tesori sono passati da Cartagena prima della consegna alla corona spagnola, più dei pirati che hanno cercato di depredarli. Oggi le mura proteggono una città maestosa sempre pronta a "rumbe".
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
San Ignacio Mini, Argentina

Le Impossibili Missioni dei Gesuiti di San Ignacio Mini

nel secolo Nel XNUMX° secolo, i Gesuiti ampliarono un dominio religioso nel cuore del Sud America in cui convertirono gli indiani Guarani in missioni dei Gesuiti. Ma le Corone Iberiche hanno rovinato l'utopia tropicale della Compagnia di Gesù.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Scala del palazzo di Itamaraty, Brasilia, Utopia, Brasile
Architettura & Design
Brasilia, Brasile

Brasilia: dall'utopia all'arena politica e capitale del Brasile

Fin dai tempi del marchese di Pombal si parlava di trasferire la capitale nell'entroterra. Oggi, la città chimera continua a sembrare surreale ma detta le regole dello sviluppo brasiliano.
Aventura
Viaggi in barca

Per coloro che si stancano di navigare in rete

Sali a bordo e lasciati trasportare da imperdibili gite in barca come l'arcipelago filippino di Bacuit e il mare ghiacciato del Golfo di Botnia finlandese.
Sfilata e sfarzo
Cerimonie e Feste
San Pietroburgo, Russia

La Russia va controcorrente. segui la marina

La Russia dedica l'ultima domenica di luglio alle sue forze navali. Quel giorno, una folla visita grandi barche ormeggiate nel fiume Neva mentre marinai annegati nell'alcol prendono il controllo della città.
dall'ombra
Città
Miami, EUA

Un capolavoro di riabilitazione urbana

All'inizio del 25° secolo, il quartiere di Wynwood era ancora pieno di fabbriche e magazzini abbandonati e pieni di graffiti. Tony Goldman, un astuto investitore immobiliare, acquistò oltre XNUMX proprietà e fondò un parco murale. Molto più che rendere omaggio ai graffiti lì, Goldman ha fondato il grande bastione della creatività di Miami.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Tequila, città di Jalisco, Messico, Jima
Cultura
Tequila, JaliscoMessico

Tequila: la distillazione del Ovest de Messico che Anima il Mondo

Disillusi dalla mancanza di vino e brandy, i conquistadores del Messico migliorarono la millenaria attitudine indigena alla produzione di alcolici. Nel XNUMX° secolo, gli spagnoli furono soddisfatti del loro pinga e iniziarono ad esportarlo. Da Tequila, il persone, oggi, centro di una regione delimitata. E il nome per cui è diventato famoso.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Fuga da Seljalandsfoss
In viaggio
Islândia

Isola di fuoco, ghiaccio, cascate e cascate

La cascata suprema d'Europa si precipita in Islanda. Ma non è l'unico. In quest'isola boreale, con pioggia o neve costante e nel mezzo della battaglia tra vulcani e ghiacciai, cadono infiniti torrenti.
sagome islamiche
Etnico

Istanbul, Turchia

Dove l'oriente incontra l'occidente, la Turchia cerca una via

Una metropoli emblematica e grandiosa, Istanbul vive a un bivio. Poiché la Turchia in generale, divisa tra laicità e islam, tradizione e modernità, non sa ancora che strada prendere

Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Storia
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Angra do Heroísmo, Terceira, Azzorre, da capitale storica a Patrimonio dell'Umanità, arte urbana
Isole
Angra do Heroismo, Terceira, Azzorre

Eroina del Mare, dei Nobili, Città Coraggiosa e Immortale

Angra do Heroísmo è molto più della capitale storica delle Azzorre, dell'isola di Terceira e, in due occasioni, del Portogallo. A 1500 km dalla terraferma, ha conquistato un ruolo di primo piano nella nazionalità portoghese e nell'indipendenza di cui poche altre città possono vantare.
Chiesa della Santa Trinità, Kazbegi, Georgia, Caucaso
bianco inverno
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Letteratura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
Horseshoe Bend
Natura
Navajo Nation, EUA

Attraverso Navajo Nation Lands

Da Kayenta a Page, passando per Marble Canyon, esploriamo l'altopiano del Colorado meridionale. Drammatica e desertica, le ambientazioni di questo dominio indigeno ritagliato in Arizona si rivelano magnifiche.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Merida a Los Nevados sul confine delle Ande, Venezuela
Parchi Naturali
Merida, Venezuela

Mérida a Los Nevados: nei confini andini del Venezuela

Negli anni '40 e '50, il Venezuela attirò 400 portoghesi, ma solo la metà rimase a Caracas. A Mérida troviamo luoghi più simili alle origini e all'eccentrica gelateria di un portoportista immigrato.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
personaggi
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Montezuma e Malpaís, le migliori spiagge della Costa Rica, Catarata
Spiagge
Montezuma, Costa Rica

Di nuovo nelle braccia tropicali di Montezuma

Sono passati 18 anni da quando siamo stati abbagliati da questa delle coste benedette del Costa Rica. Solo due mesi fa, l'abbiamo ritrovato. Accogliente come lo conoscevamo.
Cambogia, Angkor, Ta Phrom
Religione
Ho Chi Minh a Angkor, Camboja

La strada tortuosa per Angkor

Dal Vietnam in poi, le strade sconnesse ei campi minati della Cambogia ricordano gli anni del terrore dei Khmer rossi. Sopravviviamo e siamo ricompensati con la vista del più grande tempio religioso
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Società
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
Vita quotidiana
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
PN Tortuguero, Costa Rica, battello pubblico
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Costa Rica e Tortuguero allagati

Il Mar dei Caraibi e i bacini di numerosi fiumi bagnano il nord-est della nazione tica, una delle zone più umide e ricche di fauna e flora dell'America centrale. Così chiamato perché nelle sue sabbie nere nidificano le tartarughe verdi, Tortuguero si estende, da lì nell'entroterra, per 312 km.2 della splendida giungla acquatica.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.