Mykines, Isole Faroe

Nell'estremo ovest delle Faroe


Sulla cresta di Mykines
Pecore in primo piano e una fila di camminatori sulle alture di Mykines.
A bordo del “Josup”
Passeggeri sul "Josup", la barca che viaggia tra Sórvagur e l'isola di Mykines.
Le 40 case di Mykines
L'unico insediamento a Mykines, Isole Faroe
Escursionista dietro Mykines Crest
Visitatore di Mykines, passa attraverso un corridoio protetto da un cancello.
Fiume a Mykines
Mykines ospita oltre a uno dei torrenti che attraversano l'isola.
pulcinelle di mare nell'aria
I pulcinelle di mare tentano atterraggi difficili sulla soglia di Mykines.
Erbacce dal suolo ai tetti
Case tradizionali del villaggio di Mykines, con tetti in erba e torba.
vita da pulcinella di mare
Pulcinelle di mare su un tappeto di erba Mykines.
cammino pastorale
Gli escursionisti camminano lungo un sentiero Mykines con una mandria che cammina davanti a loro.
duo di pecore
Pecore con diversi stili di lana su un'erba Mykines.
trio nella nebbia
Le figure svanirono nella nebbia che improvvisamente si impadronì di Mykinesholmur.
Pecora perde il suo tappeto di lana
Una pecora in procinto di perdere la sua lana, si graffia contro una roccia.
Picchi Mykines
Picchi acuti di Mykines e Mykinesholmur.
Duo sui toni del verde
Gli escursionisti percorrono il sentiero che porta a Mykinesholmur.
pulcinella di mare
Colonia di pulcinelle di mare su una scogliera di Mykinesholmur.
bionda e bruna
I cavalli pascolano sopra il villaggio di Mykines.
Coda faroese
I giovani escursionisti percorrono un sentiero per tornare al villaggio di Mykines.
curiosità di lana
Gli agnelli si nascondono dalla cima della cresta di Mykines, con un enorme precipizio dietro di loro.
il rifugio perfetto
Agnello al riparo dal vento e dalla nebbia su un terreno tagliato a Mykinesholmur.
pulcinelle di mare, pulcinelle di mare
Due delle tante pulcinelle di mare. Mykines ospita la più grande colonia di questi uccelli delle Isole Faroe.
Mykines stabilisce il confine occidentale dell'arcipelago delle Faroe. Ospitò 179 persone ma la durezza del ritiro ebbe la meglio. Oggi, lì sopravvivono solo nove anime. Quando la visitiamo, troviamo l'isola dedita alle sue mille pecore e alle inquiete colonie di pulcinelle di mare.

Con Mykines in vista, passiamo dall'isola di Streymoy a quella di Vagar attraverso uno dei comodi tunnel sottomarini delle Isole Faroe (4.9 km). Abbiamo fatto il giro della pista dell'aeroporto internazionale attraccato a Vagar. Dalla sua proiezione si scende al livello del mare.

Come tanti altri villaggi sparsi nell'arcipelago intricato e frastagliato, Sorvágur si nasconde in una baia che racchiude un fiordo.

Quasi alla fine della strada Bakkavegur e ai margini del villaggio, siamo arrivati ​​all'ultima tappa del viaggio: il piccolo porto locale da cui partivano le barche per la vicina isola di Mykines. Ci imbattiamo in una linea multinazionale, loquace e, come si suppone in queste terre nordiche d'Europa, ordinata.

Tindholmur, Dragannir e il Packed Crossing a bordo del "Josup"

del battesimo"Giosuè”, la barca risulta essere più piccola di quanto ci aspettassimo. Anche così, i passeggeri si adattano perfettamente ai posti a sedere a poppa e in piedi sui bordi intorno alla cabina del timoniere. Non ci è voluto molto per navigare lungo il Sorvagsfjordur.

Tindhólmur Islet e Dranganir Rock nelle lontane Isole Faroe

L'isola di Tindholmur e la roccia di Dranganir si vedono in lontananza.

Quando quel golfo si apre sull'Atlantico, il timoniere punta la nave a sud-ovest. Falla navigare tra la penisola tortuosa che delimita il fiordo e l'isolotto di Tindhólmur. Distruggiamo un Nord Atlantico speciale.

La scogliera di Drangarnir che costeggiamo e lo stesso Tindhólmur proiettano dal fondo del mare al cielo come sculture esuberanti di erosione e millenni. Negli ultimi tempi sono tra le immagini più pubblicizzate dell'arcipelago.

Drangarir, quello che abbiamo superato per primo, è formato da due formazioni rocciose. Il più prominente è una sorta di surreale portico marino. Ha un "buco dell'ago" nel cuore di un'enorme scogliera con la parte superiore tagliata in diagonale, come da un'ascia degli dei.

Isolotto di Tindholmur, Isole Faroe

L'isolotto di Tindhólmur visto dalla barca “Jósup” con le sue cinque cime ancora visibili.

Allontanandosi da esso, vediamo Tindhólmur definito con le sue cinque cime aguzze allineate in cima a una scogliera rocciosa e concava che contrasta con il pendio obliquo e verdeggiante di fronte. Più che grafico e fotogenico, l'isolotto è eccentrico e maestoso. Talmente emblematico che il popolo delle Faroe si degna di nominare ciascuna delle sue vette: Ytsti, Arni, Lítli, Breidi e Bogdi.

Ma non è solo la geologia a rendere grandi Dragannir e Tindholmur. I faroesi dicono spesso che "le loro isole non hanno maltempo, quello che hanno è molto tempo". Proprio lì, il clima rigido e l'inevitabile coraggio del mare illustrano perfettamente questo detto.

Passeggeri del "Jósup", diretti a Mykines, Isole Faroe

Passeggeri sulla “Jósup”, la barca che viaggia tra Sórvagur e l'isola di Mykines.

Navigazione meridionale e ancoraggio nell'estremo ovest di Mykines

Non appena abbiamo lasciato la protezione incanalata del fiordo, siamo entrati nel passaggio tra la soglia di Vagar e Tindhólmur, il “Giosuè” combatte contro le potenti correnti e contro le onde che il vento e le maree rendono capricciose. Alcuni passeggeri subiscono gli effetti della tregua che continua, inesorabile, fino a quando non ci allineiamo con la costa meridionale di Mykines e siamo al riparo dal potente vento del nord.

Abbiamo percorso buona parte dei 10 km ritagliati dalla costa meridionale dell'isola, ai piedi delle sue scogliere rocciose che, a tratti, vediamo ricoperte da una resistente erba estiva.

Un'ora dopo aver lasciato Sórvagur, la barca si dirige verso una baia più stretta di altre che abbiamo attraversato. Rivela il porto improvvisato di Mykines e l'omonimo villaggio – l'unico dell'isola – con le sue case raggruppate sopra, in una valle erbosa.

Villaggio di Mykines, Isole Faroe

Case Mykines, viste dal mare.

Centinaia di uccelli appollaiati nelle fessure e nelle nicchie delle scogliere circostanti li accolgono con strilli striduli di indignazione.

Ordinati come ci eravamo imbarcati, sbarcammo. Salimmo una ripida scalinata. In cima, un giovane residente accoglie gli estranei e li illumina su cosa possono e non possono fare sull'isola.

L'incredibile sentiero per il faro di Mykineshólmur

Sono stati delineati cinque percorsi, ognuno con il proprio colore sulla mappa e le proprie caratteristiche. Sapevamo in anticipo che il numero 5, quello che portava al faro sulla punta dell'isola sorella di Mykineshólmur e tornava al punto di partenza, era il più popolare. Non ci vorrà molto per confermare il perché.

Escursionista su un sentiero di Mykinesholmur, Mykines, Isole Faerøer

L'escursionista cammina lungo il sentiero che porta al faro di Mykinesholmur.

Abbiamo scelto di salvare la visita al villaggio per il viaggio di ritorno. Volgemmo le spalle e salimmo un lungo pendio in fondo a prati punteggiati di pecore. Alla sua sommità raggiungiamo la cresta di quel tratto di Mykines. Questo schema contrastante e vertiginoso si ripeterebbe per buona parte della passeggiata.

Ogni volta che ci avventuravamo a guardare a nord di questa cresta, ci imbattevamo in voragini aguzze che, nei punti più alti, raggiungevano diverse centinaia di metri.

Tuttavia, come avevamo già visto in altre parti delle Faroe, determinate a raggiungere l'erba rigogliosa irrigata dall'umido vento del nord, le pecore ci sfidavano spesso. Li abbiamo visti di tutti i colori e forme. Nero, bianco, marrone e maculato.

Pecore e ancora pecore

Pecore, agnelli e placidi agnelli. Enormi montoni con manierismi territoriali e corna arricciate in tinta. Molti degli esemplari erano stati ritagliati. Oppure, seminude, lasciavano cadere lo spesso mantello di lana che li proteggeva dal gelido inverno. Tra queste pecore, diverse hanno cercato di alleviare il prurito causato dalla (relativa) calura estiva strofinandosi su rocce aguzze.

Nei primi istanti sull'isola ci perdiamo in quel bagliore ovino e fotogenico di vedere tante pecore in movimenti e pose fotogeniche: su cenge e nicchie erbose, alcune arroccate con il mare grigio sullo sfondo, altre, contro il cielo coperto che ingrigiva l'oceano...

Pecore a Mykines, Isole Faroe

Gli agnelli si nascondono dalla cima della cresta di Mykines, con un enorme precipizio dietro di loro.

Alla fine, ci siamo resi conto che non avevamo tutto il tempo del mondo. Abbiamo ripreso il sentiero con solo soste inevitabili per registrare gli incredibili panorami che abbiamo rilevato. Soprattutto la valle che era rimasta indietro e le case colorate che la abitavano.

Sempre nella fase ascendente del percorso, ci illudiamo di pensare che il sentiero che porta al faro possa seguire, pianeggiante e scorrevole. Poche decine di metri più avanti, il sentiero entra in una presa ancora più stretta sulla cresta. Rivela un inaspettato abisso frontale. Stavamo cercando un seguito che non avrebbe posto fine alle nostre vite.

Infine, abbiamo trovato il filo del sentiero, nascosto in una sorta di passaggio naturale che l'erosione aveva costretto sulla scogliera. Un cancello di legno e una rete metallica li proteggevano da una lunga caduta mortale. Allo stesso tempo fungevano da portico e corridoio di accesso a una zona distinta dell'isola, la roccaforte ricca di uccelli marini responsabile della suprema fama del sentiero per il faro.

Un altro dominio vertiginoso e avicolo

In uno dei giorni precedenti avevamo partecipato a un tour delle scogliere di Vestmanna, promosse come ideali per contemplare le pittoresche pulcinelle di mare. A dire il vero, per un motivo o per l'altro, non abbiamo visto un solo esemplare su queste rocce indubbiamente impressionanti.

Tale frustrazione ha indotto i partecipanti a tornare a riva brontolando per l'errore. Invece, da quell'angolo in poi, condivideremmo Mykines con la più grande colonia di pulcinelle di mare delle Isole Faroe.

Colonia di pulcinelle di mare all'ingresso di Mykinesholmur, Isole Faroe

Colonia di pulcinelle di mare su una scogliera di Mykinesholmur.

Abbiamo lasciato quel corridoio ancora una volta verso il lato sud erboso dell'isola. Da un momento all'altro vedevamo diverse testoline colorate che ci sbirciavano da dentro tane aperte nella terra bagnata e nascoste da cespi frondosi. Lungo il percorso, gli esemplari isolati e nascosti si trasformarono in gruppi senza nulla da nascondere, allineati su bordi inclinati che facevano capolino nel mare sottostante.

Ci avviciniamo alla gola marina che separa il corpo principale di Mykines dalla sottoisola di Mykineshólmur. Il vento del nord entra, furioso, in quell'intervallo. Si scaglia contro il paesaggio e le pulcinelle di mare, i gabbiani, i cormorani, i pettirossi, le sule e le urie.

Nel regno dei puffini

Ci siamo seduti per un momento davanti a un gruppo di pulcinelle di mare su una cresta dell'isola che hanno usato come punto di approdo. Apprezziamo che girino la testa in questo modo e in quello con sospetto, come bambole meccaniche preprogrammate. Decollo trascinato, a grande velocità, dal vento.

Pulcinella di mare, Mykines

Due delle tante pulcinelle di mare. Mykines ospita la più grande colonia di questi uccelli delle Isole Faroe.

E, sulla via del ritorno, cercando di allineare la loro goffa frenata al profilo del pendio e allo spazio che la colonia riservava loro. Ridevamo di cuore ogni volta che interrompevano i loro atterraggi e, in pericolo, erano costretti ad avvicinarsi correttivi contro vento.

Ma, come con le pecore, ci siamo ricordati che non potevamo passare l'intero pomeriggio con quelle adorabili"pulcinelle di mare”. Di conseguenza, attraversiamo il ponte che attraversa la gola e ci avventuriamo lungo un sentiero intermedio sulle pendici meridionali del Mykineshólmur. Nonostante una foschia fulminante abbia invaso l'isola, rileviamo ancora una volta le pecore in tutta la loro abbondanza e grazia.

Agnello al riparo dal vento a Mykinesholmur, Isole Faroe

Agnello al riparo dal vento e dalla nebbia su un terreno tagliato a Mykinesholmur.

Il vecchio faro di Mykineshóllmur perso nella nebbia

Quando siamo arrivati ​​al faro di Mykines, la visibilità era ridotta a pochi metri. dà più significato a holmur posta nel 1909 all'estremità dell'isola come monito per la navigazione. La nautica ma non solo. Prima di lui erano già accadute molte catastrofi.

Forme nella nebbia, vicino al faro di Mykinesholmur, Isole Faroe.

Le figure svanirono nella nebbia che improvvisamente si impadronì di Mykinesholmur.

Secondo la storia, nel 1595 circa 50 navi provenienti da varie parti dell'arcipelago furono sorprese da una tempesta fulminante e affondarono. Si ritiene che tutti gli uomini adatti al lavoro di Mykines siano morti. Nel 1607, ilwalcheren", una nave olandese è affondata al largo dell'isola e i residenti si sono riforniti della maggior parte delle merci che erano a bordo.

Quando passiamo l'estremità meridionale e inferiore di Mykineshólmur, ci troviamo faccia a faccia con un mare distorto, pieno di onde e creste generate da potenti correnti. Non eravamo nemmeno sotto una tempesta, ma questo punto di vista lascia pochi dubbi su ciò di cui era capace quel Nord Atlantico.

Colonia di uccelli e mare agitato a Mykinesholmur, Isole Faroe

Colonia di uccelli su una roccia alla soglia di Mykinesholmur con un mare mosso da una forte corrente.

Nel 1970, un aereo Fokker F27 Friendship proveniente da Bergen, Norvegia e destinato all'aeroporto di Vagar era in condizioni meteorologiche avverse. Si è schiantato a Mykines. Il capitano e tutti i passeggeri seduti sul lato sinistro dell'aereo sono morti sul colpo.

Altri ventisei sono sopravvissuti, anche se alcuni sono rimasti gravemente feriti. Tre di coloro che hanno riportato solo ferite lievi sono stati in grado di raggiungere a piedi il villaggio e chiedere aiuto. Gli abitanti si sono precipitati in soccorso almeno fino all'arrivo di una nave pattuglia danese.

Nello stesso anno, la luce del faro fu automatizzata. Di conseguenza, l'ultimo residente (su un massimo storico di 22) ha abbandonato Holm per sempre.

I giovani visitatori tornano al villaggio di Mykines, Isole Faroe

I giovani escursionisti percorrono un sentiero per tornare al villaggio di Mykines.

Ritorno in fretta al villaggio dell'isola

Da parte nostra, non eravamo dell'umore giusto per realizzare tragedie. Temevamo che la nebbia si addensasse ancora di più e nascondesse le tracce penzolanti e vertiginose che ci avevano portato lì. Pertanto, abbiamo accelerato il ritorno.

Scendemmo al villaggio di Mykines, madidi di sudore ma al sicuro. Riprendendo fiato, vaghiamo per i suoi vicoli, tra case tradizionali con tetti di torba ed erba e altre con architetture diverse, tra cui la chiesa senza croce che benedice la minuscola e lunga comunità dell'isola in declino.

Case tradizionali di Mykines, Isole Faroe

Case tradizionali del villaggio di Mykines, con tetti in erba e torba.

Abbiamo incontrato solo gli estranei con cui eravamo arrivati ​​in barca, molti dei quali chiacchieravano nella locanda locale, Marit's House B&B.

Al suo apice nel 1925, quando era uno dei più grandi villaggi delle Isole Faroe, Mykines contava 179 abitanti. Nel 1940 erano ancora 170. Da allora, a poco a poco, gli autoctoni abbandonarono il loro ritiro, abbandonandosi alla vita più comoda di altre parti dell'arcipelago.

Ci sono 40 case nel villaggio. Solo sei di loro sono abitate durante tutto l'anno. Come in tutte le Isole Faroe, i nove abitanti dell'isola, resilienti proprietari terrieri, le numerose pecore dell'isola e alcuni cavalli, usano gli elicotteri per viaggiare da e verso l'isola e ricevono rifornimenti e posta che continuano a essere consegnati da Jancy, il tuo fidato portafoglio.

Cavalli a Mykines, Isole Faroe

I cavalli pascolano sopra il villaggio di Mykines.

Gli elicotteri sono particolarmente utili durante l'inverno, quando il mare è quasi sempre troppo agitato per viaggiare in sicurezza. Ma anche in estate i temporali che arrivano senza preavviso costringono alla cancellazione delle traversate in battello.

Spesso, il tempo insidioso costringe gli estranei a rimanere su Mykines per giorni e giorni. Verso le sette del pomeriggio, abbiamo visto il “Giosuè” per attraccare ancora una volta sull'isola.

Barca Josup nel porto di Mykines, Isole Faroe

Barca “Josup” ormeggiata nel porticciolo di Mykines.

Era ora che tornassimo nella capitale. torshavn. Quando siamo saliti a bordo, non potevamo scrollarci di dosso la sensazione di voler rimanere lì per due, tre, quattro giorni. Una settimana. Qualunque.

PN Thingvellir, Islândia

Sulle origini della remota democrazia vichinga

Le basi del governo popolare che mi vengono in mente sono quelle elleniche. Ma quello che si ritiene essere il primo parlamento al mondo fu inaugurato a metà del X secolo, nella gelida campagna islandese.
Nova Zelândia  

Quando contare le pecore fa dormire

20 anni fa, la Nuova Zelanda aveva 18 pecore per ogni abitante. Per ragioni politiche ed economiche, la media si è dimezzata. Agli antipodi, molti allevatori sono preoccupati per il loro futuro.
Penisola di Banks, Nova Zelândia

Il frammento della terra divina della penisola di Banks

Dall'alto, il rigonfiamento più evidente sulla costa orientale dell'Isola del Sud sembra essere imploso più e più volte. Vulcanica ma verdeggiante e bucolica, la Banks Peninsula racchiude nella sua geomorfologia quasi a ruota dentata l'essenza della vita sempre invidiabile della Nuova Zelanda.
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
Islândia

Isola di fuoco, ghiaccio, cascate e cascate

La cascata suprema d'Europa si precipita in Islanda. Ma non è l'unico. In quest'isola boreale, con pioggia o neve costante e nel mezzo della battaglia tra vulcani e ghiacciai, cadono infiniti torrenti.
Laguna di Jokülsárlón, Islândia

La canzone e il ghiaccio

Creato dalle acque dell'Oceano Artico e dallo scioglimento del ghiacciaio più grande d'Europa, Jokülsárlón forma un dominio gelido e imponente. Gli islandesi la venerano e le rendono sorprendente omaggio.
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Oslo, Norvegia

A (sopra) Capitale Capitalizzato

Uno dei problemi della Norvegia è stato decidere come investire i miliardi di euro nel suo fondo sovrano da record. Ma nemmeno le risorse eccessive salvano Oslo dalle sue incongruenze sociali.
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Tórshavn, Isole Faroe

Il porto faroese di Thor

È stato il principale insediamento delle Isole Faroe almeno dall'850 d.C., anno in cui i coloni vichinghi stabilirono lì un parlamento. Tórshavn rimane una delle capitali più piccole d'Europa e il rifugio divino di circa un terzo della popolazione faroese.
Vágar, Isole Faroe

Il lago che aleggia sull'Atlantico settentrionale

Per un capriccio geologico, Sorvagsvatn è molto più del lago più grande delle Isole Faroe. Scogliere con tra i trenta ei centoquaranta metri delimitano l'estremità meridionale del suo letto. Da certi punti di vista, dà l'idea di essere sospeso sull'oceano.
kirkjubor, Streymoy, Isole Faroe

Dove il cristianesimo faroese ha dato la costa

Ad appena un anno dall'inizio del primo millennio, un missionario vichingo di nome Sigmundur Brestisson portò la fede cristiana nelle Isole Faroe. Kirkjubour, divenne il rifugio e la sede episcopale della nuova religione.
Streymoy, Isole Faroe

Streymoy Sopra, Assaggiate l'Isola delle Correnti

Lasciamo la capitale Torshavn dirigendoci a nord. Abbiamo attraversato da Vestmanna alla costa orientale di Streymoy. Fino a quando non raggiungiamo l'estremità settentrionale di Tjornuvík, siamo ancora e ancora abbagliati dalla verdeggiante eccentricità della più grande isola faroese.
Saksun, StreymoyIsole Faroe

Il villaggio faroese che non vuole essere Disneyland

Saksun è uno dei tanti splendidi piccoli villaggi delle Isole Faroe che sempre più estranei visitano. Si distingue per l'avversione ai turisti del suo principale proprietario rurale, autore di ripetute antipatie e attacchi contro gli invasori della sua terra.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Safari
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Una città perduta e ritrovata
Architettura & Design
Machu Picchu, Perù

La città perduta nel mistero degli Incas

Mentre vaghiamo per Machu Picchu, troviamo un significato nelle spiegazioni più accettate per la sua fondazione e abbandono. Ma ogni volta che il complesso viene chiuso, le rovine sono lasciate ai loro enigmi.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Celebrazione di Newar, Bhaktapur, Nepal
Cerimonie e Feste
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Concorso del boscaiolo dell'Alaska, Ketchikan, Alaska, Stati Uniti
Città
Ketchkan, Alaska

Qui inizia l'Alaska

La realtà passa inosservata alla maggior parte del mondo, ma ce ne sono due Alaska. In termini urbanistici, lo Stato si inaugura a sud del suo nascosto cavo di padella, una striscia di terra separata dal resto EUA lungo la costa occidentale del Canada. Ketchikan, è la più meridionale delle città dell'Alaska, la sua capitale della pioggia e la capitale mondiale del salmone.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
cibo
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Cultura
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Sofisticate case di Tokyo, dove abbondano Couchsurfing e i suoi host.
In viaggio
Couchsurfing (Parte 1)

La mia casa, la tua casa

Nel 2003, una nuova comunità online ha globalizzato un vecchio panorama di ospitalità, convivialità e interessi. Oggi Couchsurfing accoglie milioni di viaggiatori, ma non dovrebbe essere preso alla leggera.
San Cristobal de Las Casas, Chiapas, Zapatismo, Messico, Cattedrale di San Nicolau
Etnico
San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

sul palco, Antigua, Guatemala
Storia
Antigua, Guatemala

Guatemala ispanico in stile antigua

Nel 1743, diversi terremoti devastarono una delle più affascinanti città coloniali pioniere delle Americhe. Antigua si è rigenerata ma conserva la religiosità e la drammaticità del suo passato epico-tragico.
Dominica, Soufrière e Scotts Head, sullo sfondo dell'isola
Isole
Soufrière e Scotts Head, Dominica

La Vita che Pende dall'Isola Caraibica della Natura

Ha la reputazione di essere l'isola più selvaggia dei Caraibi e, avendo raggiunto il suo fondo, continuiamo a confermarlo. Da Soufriére al confine meridionale abitato di Scotts Head, Dominica rimane estrema e difficile da domare.
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Letteratura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
Cowboy Basotho, Malealea, Lesotho
Natura
Malealea, Lesoto

La vita nel regno africano dei cieli

Il Lesotho è l'unico stato indipendente situato interamente al di sopra dei XNUMX metri. È anche uno dei paesi in fondo alla classifica mondiale dello sviluppo umano. Il suo popolo altezzoso resiste alla modernità ea tutte le avversità in cima alla terra grandiosa ma inospitale che le è stata donata.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Parchi Naturali
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Alla fine del pomeriggio
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Isola del Mozambico, Mozambico  

L'isola di Ali Musa Bin Bique. Scusa, dal Mozambico

Con l'arrivo di Vasco da Gama nell'estremo sud-est dell'Africa, i portoghesi si impossessarono di un'isola precedentemente governata da un emiro arabo, di cui finirono per alterare il nome. L'emiro perse territorio e ufficio. Il Mozambico - il nome sagomato - sopravvive sull'isola splendente dove tutto ebbe inizio e diede anche il nome alla nazione che finì per formare la colonizzazione portoghese.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
personaggi
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Coda vietnamita
Spiagge

Nha Trang-Doc Let, Vietnam

Il sale della terra vietnamita

Alla ricerca di attraenti coste nella vecchia Indocina, siamo rimasti delusi dall'asprezza della spiaggia di Nha Trang. Ed è nel lavoro femminile ed esotico delle saline di Hon Khoi che troviamo un Vietnam più confortevole.

Rostov Veliki Cremlino, Russia
Religione
Rostov Velikij, Russia

Sotto le cupole dell'anima russa

È una delle città medievali più antiche e importanti, fondata durante le origini ancora pagane della nazione degli Zar. Alla fine del XV secolo, inglobato nel Granducato di Mosca, divenne un imponente centro di religiosità ortodossa. Oggi, solo lo splendore del Cremlino Mosca batte quella della tranquilla e pittoresca cittadella di Rostov Velikij.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Società
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Saksun, Isole Faroe, Streymoy, avviso
Vita quotidiana
Saksun, StreymoyIsole Faroe

Il villaggio faroese che non vuole essere Disneyland

Saksun è uno dei tanti splendidi piccoli villaggi delle Isole Faroe che sempre più estranei visitano. Si distingue per l'avversione ai turisti del suo principale proprietario rurale, autore di ripetute antipatie e attacchi contro gli invasori della sua terra.
Maria Jacarés, Pantanal Brasile
Animali selvatici
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.