Monte Sinai, Egitto

Forza nelle gambe e fede in Dio


Una contemplazione biblica
I credenti si sono radunati intorno alla cappella di Santa Trindade.
Pericolo !
Cartello artigianale avverte i pellegrini del rischio di avventurarsi lungo le ventose pendici del monte Sinai.
Il portale
Il portale in pietra segna l'inizio di una lunga discesa verso il Monastero di Santa Catarina.
Il miracolo del nuovo giorno
Lussureggiante alba sulle montagne del deserto intorno al monte Sinai.
Banca di Previdenza
Venditori e guide beduini si sono riuniti in una delle tante attività sulla strada per la vetta.
ultimi passi
La guida beduina sale un sentiero roccioso fino alla cima della cappella di Santa Trindade, poco dopo l'alba.
I visitatori ammirano l'alba colorata dalla cima della Cappella della Santissima Trinità, in un'alba gelida sul Monte Sinai.
La Gola del Monastero
Uno scorcio del Monastero Ortodosso di Santa Caterina, costruito ai piedi del monte Sinai per ordine dell'imperatore bizantino Giustiniano.
Estasi Religiosa
Il visitatore russo assume una posa biblica.
il pietroso ritorno
I pellegrini scendono alla base del monte Sinai.
intimità
Venditore indigeno protetto dal freddo mattutino nei pressi del Monastero di Santa Catarina.
Tenere d'occhio il pellegrinaggio
Il beduino segue i movimenti dei pellegrini sul sentiero sottostante.
Mosè ricevette i Dieci Comandamenti sulla vetta del monte Sinai e li rivelò al popolo di Israele. Oggi centinaia di pellegrini conquistano, ogni notte, i 4000 passi di quella dolorosa ma mistica ascesa.

Sharm el-Sheik sorge sulla punta della penisola del Sinai di fronte a un Mar Rosso più corallo, azzurro e seducente che altrove.

Il luogo ha ospitato così tante conferenze di riconciliazione da essere soprannominato “La città della pace” anche se è noto che, nel 2005, un attentato terroristico effettuato con autobombe ha ucciso 64 persone, la maggior parte delle quali musulmane.

Questo incidente ha fatto sì che l'afflusso di visitatori nell'area si riducesse quasi a zero, ma quando si tratta di turismo, la memoria è corta. I grandi gruppi alberghieri e le agenzie di viaggio non hanno tardato a riorganizzarsi.

Hanno unito voli charter e pacchetti a prezzi surreali, garantendo esperienze subacquee indimenticabili e una vita notturna da mega-discoteca. Alcuni anni dopo, i resort del resort si stavano nuovamente riempiendo, soprattutto dai vicini italiani dall'altra parte del fiume. Mare Clausum ma anche con molte migliaia di ospiti russi.

È alle porte di uno di quegli ostelli sulla spiaggia che ci vengono a prendere alle undici di sera. Il furgone sembra essere pieno e i passeggeri impiegano molto tempo per liberare spazio per noi.

L'inaspettata spedizione russificata al monte Sinai

Sono quasi tutti russi e nell'immagine di diversi altri dipendenti degli hotel in riva al mare piantati, si ha la sensazione che Maometto, la guida egiziana al microfono, parli anche la loro lingua slava o meglio di loro. Il viaggio dovrebbe durare 3 ore. A metà strada ci fermiamo ancora in un luogo in cui si trova la strada.

“Last place with bathroom” annuncia l'autista in inglese. “Se non hai vestiti per il freddo, approfittane subito, le offerte non mancheranno”. La previsione è confermata immediatamente.

Una banda frenetica di venditori che vendono guanti, sciarpe e cappelli si precipita sui passeggeri e li spinge a fare affari. Poco dopo, siamo esortati a riprendere il percorso, che continua a salire dal livello del mare verso le terre più alte dell'Egitto.

Il capotreno torna in stazione e alla sua folle routine. Fortunatamente, non abbiamo un'idea reale di quanto stiamo andando veloci. Con l'eccezione dei furgoni concorrenti, che sorpassa con orgoglio, tutti i riferimenti che lo circondano scompaiono nell'oscurità totale.

A Russia, è, guarda caso, una nazione da record in termini di incidenti stradali. Poco colpiti dalla virilità dell'autista o infastiditi dal disagio delle loro posizioni improvvisate, alcuni passeggeri condividono un sonno prodigioso che finisce solo quando arriviamo finalmente nei pressi del Monastero di Santa Catarina.

Beduino, Monte Sinai, Egitto

Venditore indigeno protetto dal freddo mattutino nei pressi del Monastero di Santa Catarina.

All Faith in Susi, la guida beduina del Sinai

Un giovane beduino ci aspetta lì. Jamil si presenta con disinvoltura e io ci do un nome in codice “il vostro gruppo si chiamerà Susi. Quando sentono qualcuno urlare per Susi, sanno già che sei tu. Per favore, non dimenticare. Oggi ci saranno più persone che mai”.

Susi? Abbiamo trovato strana la nuova identità semi-innaturale, ma abbiamo finito per radicarla. Anche perché, intanto, inizia il cammino e anche con la fronte appoggiata sulla fronte, ci sentiamo presto persi nella tratta di esseri umani e camelide intensità che percorre il Sentiero di Mosè.

Sulle orme bibliche di Mosè

Secondo il racconto biblico, questo patriarca liberò il suo popolo incatenato dal giogo dei faraoni e lo condusse nei luoghi promessi ma elusivi di Canaan.

In cima alla montagna dove stavamo camminando, in uno dei 40 giorni e notti di permanenza, Dio si è rivelato a lui e gli ha dato due Tavole con i Dieci Comandamenti perché insegnasse al suo popolo, fondando così una nuova fede monoteistica.

Quando Mosè tornò, trovò il suo popolo che adorava un vitello d'oro. In preda alla rabbia, distrusse la figura e ordinò agli uomini della tribù a cui apparteneva di attraversare il campo e uccidere tutti, compresi i bambini.

Terminata la carneficina, lo sconcertato patriarca tornò sulla montagna per altri 40 giorni e 40 notti.

Sagome di montagne, penisola del Sinai, Egitto

Lussureggiante alba sulle montagne del deserto intorno al monte Sinai.

Dio gli apparve ancora una volta e gli diede nuove Tavole della Legge. Ritornato ai sopravvissuti, diede loro definitivamente i Comandamenti. Ma non c'era nulla che potesse fare per impedire che la credenza fondata e riconquistata si ramificasse nel corso della storia.

Il pellegrinaggio cristiano, ebraico e musulmano al monte Sinai

Il monte Sinai è oggi considerato sacro alle tre religioni abramitiche e visitato da fedeli cristiani, ebrei e musulmani.

Abbiamo davanti a noi alcuni cristiani ortodossi, anziani o troppo ingombranti, alcuni appartenenti al gruppo Susi appena costituito perché Jamil grida di tanto in tanto. Il sentiero è stretto e non si vede quasi nulla per i bordi rocciosi e irregolari.

Per rispetto dell'autorità della guida, ci conserviamo in questo lento plotone. Ma, a un certo punto, decine di altri pellegrini ci spingono alle spalle, che, come noi, fanno fatica ad andare così piano.

E l'Ascensione Notturna, Dolorosa e Travagliata

Allo stesso tempo, da una parte e dall'altra, i cammelli ei dromedari ansiosi e puzzolenti che i beduini rifilano agli escursionisti in difficoltà, ci strizzano e ci sbavano addosso, in una crescente disputa per guadagni che sembrano loro inevitabili.

Appare Jamil, proprio come l'angelo salvatore di Jilaba. Aveva già notato l'inquietudine in cui ci trovavamo e il desiderio che avevamo di diventare autonomi. “Vuoi andare avanti, vero? Ok nessun problema.

Vai quasi in cima ma quando trovi la più grande concentrazione di bancarelle, entra nel 3° e aspettami. Il proprietario è un mio amico. Chiamato anche Jamil. Bevi qualcosa e riposati".

Così facciamo. Nonostante siamo un po' carichi, superiamo grandi gruppi, numerosi, nigeriani formati da fedeli estatici che cantano o gridano in un coro in stile Gospel commuovendo, mentre si sentono più vicini a Dio: “Ciao, sono andando incontro al signore. Prega il Signore. Lo incontrerò! Hallelujah!"

Ci lasciamo alle spalle le loro scie di luce e di fede. Siamo avanzati al nostro ritmo e abbiamo guadagnato tempo extra per recuperare i muscoli bollenti nelle nostre cosce e contemplare quell'eccentrico pellegrinaggio da parte di alcune delle piccole imprese installate lungo il percorso.

Bancario, Monte Sinai, Egitto

Venditori e guide beduini si sono riuniti in una delle tante attività sulla strada per la vetta.

Anche in quest'ultimo, di Jamil, ricoperto da grandi tappeti realizzati con intrecci arabi o beduini. Come concordato, aspettiamo lì l'omonima guida.

La mistica ma gelida vetta del monte Sinai

Siamo sull'orlo dei 2285 m di Jabal Musa, una delle alture più alte dell'Egitto. L'aria è quindi molto più rarefatta che ai piedi della montagna e, alle 4 del mattino, sorprendentemente fredda per un posto alle porte della sempre soffocante penisola arabica.

Ne approfittiamo per bere cioccolata calda e recuperare la temperatura, il respiro e le gambe che già pulsano per tanti passi. Jamil e alcuni russi si presentano quasi 20 minuti dopo.

L'uno o l'altro si trascinano su per il sentiero, aiutati alla soglia delle proprie possibilità fisiche, quando i cammelli non possono più aiutarli e mancano ancora centinaia di passi prima della fine della loro penitenza.

Parte della scalinata finale verso la vetta restringe ulteriormente la processione. Abbiamo usato le deviazioni delle capre per aggirarlo e raggiungere la vetta in tempo per l'alba, cosa che abbiamo finito per raggiungere.

Pellegrini in cima, Monte Sinai, Egitto

I visitatori ammirano l'alba colorata dalla cima della Cappella della Santissima Trinità, in un'alba gelida sul Monte Sinai.

Lassù la luminosità aumenta visibilmente e si svolge il miracolo quotidiano dell'alba. Il cielo assume toni rosei e scarlatti e la grande stella, ancora parziale, ingiallisce il disegno granitico della cappella di Santa Trindade, circondata da credenti impazziti.

Le urla, le grida ei canti religiosi formano un gemito trascendentale che suona come un richiamo. E, come rivelano gli sguardi rapiti e i sorrisi appassionati dei seguaci, Dio potrebbe non essersi rivelato come fece Mosè su quel pezzo di terra inospitale, ma ha toccato profondamente i loro cuori.

La Discesa diurna al Monastero di Santa Catarina

Un credente slavo, in particolare, si adopera per lodare il privilegio in ritiro. Si allontana dalla gente, si inginocchia a terra, volta le spalle alle rocce e allunga le braccia verso il cielo mutevole.

La conferma dell'alba rivela lo scenario roccioso a perdita d'occhio in cui Mosé É andato perduto. A poco a poco, i pellegrini tornano a se stessi e ai piedi da cui erano partiti.

Pellegrini, Monte Sinai, Egitto

I credenti si sono radunati intorno alla cappella di Santa Trindade.

Lì li attende il Monastero di Santa Catarina, costruito dall'imperatore bizantino Giustiniano I.

E, all'interno, il roveto ardente che le autorità cristiane ortodosse residenti hanno segnato come quello in cui Dio si è materializzato e rivelato al patriarca. IL Terra Promessa quello che quasi avrà raggiunto è ancora molto lontano. Questa è un'altra storia d'amore.

Monastero di Santa Caterina, Monte Sinai, Egitto

Uno scorcio del Monastero Ortodosso di Santa Caterina, costruito ai piedi del monte Sinai per ordine dell'imperatore bizantino Giustiniano.

Guwahati, India

La città che adora Kamakhya e la fertilità

Guwahati è la città più grande dello stato dell'Assam e dell'India nord-orientale. È anche uno dei più veloci al mondo. Per gli indù e i devoti credenti nel Tantra, non sarà un caso che Kamakhya, la dea madre della creazione, sia adorata lì.
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
Armenia

La culla del cristianesimo ufficiale

A soli 268 anni dalla morte di Gesù, una nazione sarà diventata la prima ad abbracciare la fede cristiana per decreto reale. Questa nazione conserva ancora la propria Chiesa Apostolica e alcuni dei più antichi templi cristiani del mondo. Viaggiando attraverso il Caucaso, li visitiamo sulle orme di Gregorio l'Illuminatore, il patriarca che ispira la vita spirituale dell'Armenia.
Assuan, Egitto

Dove il Nilo accoglie l'Africa nera

1200 km a monte del suo delta, il Nilo non è più navigabile. L'ultima delle grandi città egiziane segna la fusione tra territorio arabo e nubiano. Fin dalla sua sorgente nel Lago Vittoria, il fiume ha dato vita a innumerevoli popoli africani dalla carnagione scura.
Mar Morto, Israele

Sopra l'acqua, nelle profondità della Terra

È il luogo più basso della superficie del pianeta e teatro di numerosi racconti biblici. Ma il Mar Morto è speciale anche per la concentrazione di sale che rende la vita impossibile ma sostiene chi vi si bagna.
da Edfu a Kom Ombo, Egitto

Nilo in alto, da tolemaico dell'Alto Egitto

Dopo aver completato l'inevitabile ambasciata a Luxor, l'antica Tebe e la Valle dei Re, si procedeva controcorrente del Nilo. In Edfu e Kom Ombo, ci arrendiamo alla magnificenza storica lasciata in eredità dai successivi monarchi Tolomeo.

Istanbul, Turchia

Dove l'oriente incontra l'occidente, la Turchia cerca una via

Una metropoli emblematica e grandiosa, Istanbul vive a un bivio. Poiché la Turchia in generale, divisa tra laicità e islam, tradizione e modernità, non sa ancora che strada prendere

Deserto Bianco, Egitto

La scorciatoia egiziana per Marte

In un momento in cui la conquista del vicino del sistema solare è diventata un'ossessione, una parte orientale del deserto del Sahara ospita un vasto paesaggio correlato. Invece dei 150-300 giorni stimati necessari per raggiungere Marte, decollamo dal Cairo e, in poco più di tre ore, facciamo i primi passi nell'Oasi di Bahariya. Intorno, quasi tutto ci fa sentire il tanto agognato Pianeta Rosso.
Chefchaouen a Merzouga, Marocco

Marocco da cima a fondo

Dai vicoli dell'anice di Chefchaouen alle prime dune del Sahara, il Marocco rivela i netti contrasti delle prime terre africane, come l'Iberia ha sempre visto questo vasto regno del Maghreb.
Marinduque, Filippine

La passione filippina di Cristo

Nessuna nazione circostante è cattolica, ma molti filippini non si lasciano intimidire. Durante la Settimana Santa si arrendono alla fede ereditata dai coloni spagnoli e l'autoflagellazione diventa una sanguinosa prova di fede.
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
San Cristobal de las Casas a Campeche, Messico

Una staffetta di fede

Equivalente cattolico della sig. di Fatima, Nostra Signora di Guadalupe si muove e muove il Messico. I suoi fedeli si incrociano sulle strade del Paese, determinati a portare la prova della loro fede alla patrona delle Americhe.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Safari
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
Architettura & Design
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Aventura
Viaggi in barca

Per coloro che si stancano di navigare in rete

Sali a bordo e lasciati trasportare da imperdibili gite in barca come l'arcipelago filippino di Bacuit e il mare ghiacciato del Golfo di Botnia finlandese.
Processione ortodossa
Cerimonie e Feste
Suzdal, Russia

Secoli di devozione a un devoto monaco

Eutimio era un asceta russo del XIV secolo che si diede anima e corpo a Dio. La sua fede ha ispirato la religiosità di Suzdal. I fedeli della città lo venerano come il santo che è diventato.
Candia, Dente di Buddha, Ceylon, lago
Città
Kandy, Sri Lanka

Incursione nella Radice Dentale del Buddismo Singalese

Situata nel cuore montuoso dello Sri Lanka, alla fine del XV secolo Kandy divenne la capitale del regno dell'antico Ceylon, che resistette ai successivi tentativi coloniali di conquista. Divenne anche il suo nucleo buddista, a cui continua a contribuire il fatto che conservi un sacro dente del Buddha.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Cultura
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Barrancas del Cobre, Chihuahua, donna Rarámuri
Etnico
Copper Canyon, Chihuahua, Messico

Il profondo Messico delle Barrancas del Cobre

Senza preavviso, gli altopiani del Chihuahua lasciano il posto a infiniti burroni. Sessanta milioni di anni geologici li hanno scavati e li hanno resi inospitali. Gli indigeni Rarámuri continuano a chiamarli a casa.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Luci di Ogimachi, Shirakawa-go, Ogimachi, Giappone, Villaggio delle Case a Gassho
Storia
Ogimashi, Giappone

Un villaggio fedele al

Ogimashi rivela un'affascinante eredità di adattabilità giapponese. Situato in uno dei luoghi più innevati sulla faccia della Terra, questo villaggio ha perfezionato case con vere e proprie strutture anti-crollo.
Isola Principe, São Tomé e Principe
Isole
Príncipe, São Tome e Principe

Viaggio al Retiro Nobre sull'Isola del Principe

150 km di solitudine a nord della matriarca São Tomé, l'isola di Príncipe sorge dal profondo Atlantico in un paesaggio brusco e vulcanico di una montagna ricoperta di giungla. A lungo chiusa nella sua natura tropicale mozzafiato e in un passato luso-coloniale contenuto ma commovente, questa piccola isola africana ospita ancora più storie da raccontare che visitatori da ascoltare.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
bianco inverno
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Rematori Intha su un canale del Lago Inlé
Natura
Lago Inle, Myanmar

L'Abbagliante Birmania Lacustre

Con una superficie di 116 km2, Il Lago Inle è il secondo lago più grande del Myanmar. È molto più di questo. La diversità etnica della sua popolazione, la profusione di templi buddisti e l'esotismo della vita locale ne fanno un'imperdibile roccaforte del sud-est asiatico.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Ross Bridge, Tasmania, Australia
Parchi Naturali
alla Scoperta di Tassiè, Parte 3, Tasmania, Australia

Tasmania dall'alto al basso

Da tempo la vittima preferita degli aneddoti australiani, il Tasmania non ha mai perso l'orgoglio per strada aussie più rude essere. Tassie rimane avvolta nel mistero e nel misticismo in una sorta di retro degli antipodi. In questo articolo raccontiamo il peculiare viaggio da Hobart, la capitale situata nell'improbabile sud dell'isola, fino alla costa nord, la svolta verso il continente australiano.
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
personaggi
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Barche con fondo di vetro, Kabira Bay, Ishigaki
Spiagge
Ishigaki, Giappone

Tropici giapponesi insoliti

Ishigaki è una delle ultime isole del trampolino di lancio che si estende tra Honshu e Taiwan. Ishigakijima ospita alcune delle spiagge e dei paesaggi costieri più incredibili di queste parti dell'Oceano Pacifico. I sempre più giapponesi che li visitano si divertono a fare il bagno poco o meno.
corteo sfarzoso
Religione
Suzdal, Russia

Mille anni di Russia antiquata

Era una capitale sontuosa quando Mosca era solo un villaggio rurale. Lungo il percorso perse rilevanza politica ma accumulò la più grande concentrazione di chiese, monasteri e conventi nel paese degli zar. Oggi, sotto le sue innumerevoli cupole, Suzdal è tanto ortodossa quanto monumentale.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
religioso militare, muro del pianto, bandiera del giuramento IDF, Gerusalemme, Israele
Società
Gerusalemme, Israele

Festa al Muro del Pianto

Non solo le preghiere e le preghiere rispondono al luogo più sacro dell'ebraismo. Le sue antiche pietre sono state per decenni testimoni del giuramento di nuove reclute dell'IDF e hanno fatto eco alle grida euforiche che ne sono seguite.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Jeep attraversa Damaraland, Namibia
Animali selvatici
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.