Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes


Sulla strada per Lavra
Gli abitanti di Pitões das Júnias attraversano una delle sue strade di granito su un trattore.
bestiame benedetto
Pitoni contro Fragas II
cavalli sospetti
Le case di Pitões das Júnias
granito art
Le Mura Religiose di Rio
Il monastero più antico II
Il Monastero Più Antico
Mattinata a Sirvozelo
Muri e muri
Il tramonto indora le torri del Castello di Montalegre e le case del borgo
Grande Barrosa
Open bar
Pites das Júnias
Vista panoramica del villaggio di Pitões das Júnias, uno dei più alti del Portogallo
ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.

João Dias si unisce a noi a uno dei tavoli della sua Casa do Castelo, un'osteria-ristorante elegante e accogliente, come suggerisce il nome, adiacente alle mura della fortezza che domina Montalegre.

I temi di conversazione si susseguono al ritmo dei bocconi della deliziosa cucina barrosã che degustiamo.

Come ci si aspetterebbe in questi confini di tempo inclemente, il tempo viene alla ribalta. "State guardando Oscar Branco, vero?" chiedici Giovanni. “Era di qui. Suo padre diceva “ci sono solo due stagioni a Montalegre: Winter e Post Office (dove lavorava)”. Nel bel mezzo dell'estate portoghese, ci siamo subito resi conto che, umorismo e dramma a parte, era tutt'altro che vero.

Le giornate erano secche e calde. Potevamo sentire il suo respiro sulla nostra pelle poco dopo ogni partita mattutina e, di regola, ancora fresco dalla cima del paese.

I toni di Alvor dal castello di Montalegre

Nella prima ci siamo precipitati lungo i vicoli a sud del castello, determinati a seguire la tenue luce del sole sulle mura. La maggior parte dei residenti ha dormito. Tre o quattro cani, sorpresi dal nostro passaggio goffo, ci lanciarono latrati di indignazione.

Castello di Montalegre, Barroso, Trás-os-Montes, Portogallo

Il castello di Montalegre sovrasta le case del paese

Non eravamo a conoscenza di quelle fermate. Nonostante ciò, abbiamo trovato un angolo da dove possiamo contemplare il lento ingiallimento delle torri che coronano il paese dal 1273, ancora sotto il regno di D. Afonso III, anche se la maggior parte della sua costruzione come forte chiave nel territorio di Montalegre avrà trascorse durante quella del re colono Dom Dinis.

Non mancano i paesi della vasta Terras de Barroso che si intravede dai suoi bastioni, monti Gerês a ovest, Larouco a est e, a nord, l'imminente Galizia.

Con il sole che già sale sul piano delle torri, torniamo a Casa do Castelo. Da lì indichiamo uno dei tanti paesini locali che continuano a subire lo spopolamento. Abbiamo preso la strada M308.

Presto ci sposteremo verso ovest, in compagnia dell'Alto Cávado che vi sorge e irriga un omonimo bacino da cui emerge come un semplice Cávado. Siamo passati a sud di Frades. Da Sezelhe. Da Travassos do Rio e Covelães.

Cávado e la strada continuano verso Albufeira de Paradela. Abbiamo alloggiato a Paredes do Rio. Abbiamo passeggiato lungo Church Street.

Abbiamo chiacchierato con il signor Arthur, un anziano che abbiamo incontrato cercando di limitare le inzuppate disavventure del Leone, il suo Golden retriever.

Residente a Paredes-do-Rio, nella regione di Barroso, Montalegre, Portogallo

Sig. Artur guida il suo golden retriever vicino alla chiesa di Paredes do Rio.

Alla scoperta di Paredes do Rio

Oltrepassammo le porte di Casa da Travessa, una casa padronale in granito scavato quando il Sig. Acácio, proprietario della locanda e membro dell'Associazione Sociale e Culturale di Paredes de Rio, ci rivolge: “Ah, siete voi che venite a trovarci da Lisbona. Ci hanno chiamato da Montalegre e ci hanno fatto sapere”. Da quel momento lo seguiamo in una visita guidata. Acácio ci porta direttamente al Ex libris borgo storico, Pisa.

Diversi corgas scorrono lungo il pendio lungo il quale è disposto il villaggio, verso Cávado. Da sempre rurali, bisognosi di forza trainante per trasformare la loro produzione agricola, gli abitanti di Paredes do Rio non hanno risparmiato sforzi. Il primo mulino è stato seguito da un secondo.

A questi altri. A un certo punto erano già le otto. In tempi più recenti, il compianto Mr. Adelino Gil, che viveva tra i mulini, mise in sicurezza il villaggio con un Pisão, un dispositivo ad acqua che alimentava un generatore, una sega elettrica e due enormi martelli che punivano la lana imbevuta di acqua calda, in modo da renderla resistente e impermeabile.

L'invenzione polivalente del Pisao

Negli anni, il Pisao ha avuto molti usi. La più apprezzata continua ad essere la produzione del burel, il famoso tessuto artigianale nero, utilizzato in mantelle, pantaloni e gilet che ancora oggi vengono indossati dai nativi di questo confine settentrionale.

Ai nostri giorni, il Pisao è stato lasciato in eredità all'Associazione Culturale. Anche il forno comunitario di Paredes do Rio è ancora operativo. Durante il clima prevalentemente freddo nella regione, fungeva da casa del popolo e per socializzare. Ha accolto con favore dibattiti e discussioni.

Ha ospitato viaggiatori e senzatetto a cui è stato permesso di passare la notte al caldo della legna, mentre i panini cuocevano. Spesso in lotti da trenta.

Prima di lasciare Paredes do Rio, abbiamo comunque dato un'occhiata al serbatoio della comunità. Mentre ci avviciniamo a lui, una piccola mandria di mucche ci sbarra la strada.

Un altro residente del villaggio li stava conducendo al vicino abbeveratoio, sotto un campo di grano ornato di girasoli. Non li ha seguiti esattamente alla maniera tradizionale di altre epoche: a piedi e con la sachola in spalla. Lo ha fatto al volante di un piccolo e comodo quad blu.

L'enigmatico monastero di Santa Maria das Júnias

Riprendiamo la M308. Torniamo in direzione Montalegre. Arrivati ​​a Covelães, deviamo sulla M513 che porta a Tourem e alla Spagna galiziana.

A metà di questo tratto, abbiamo tagliato a Pitões das Júnias e, senza resistere più al fascino del suo misticismo, siamo scesi alla ricerca del Monastero di Santa Maria das Júnias.

Lo troviamo nel fondo di una stretta valle, in prossimità di un ruscello che, più in basso, si precipita in una cascata in quell'ora uggiosa, nascosta tra le scogliere.

Monastero di Santa Maria das Júnias, Pitões das Júnias, Barroso, Trás-os-Montes, Portogallo

Monastero di Santa Maria das Júnias che sta per lasciare il posto all'ombra

Abbiamo subito notato la combinazione di stili romanico e gotico nella struttura. Si ritiene che il monastero sia stato costruito, poco a poco, anche prima dell'istituzione della nazione portoghese (inizio del XII secolo), al posto di un eremo utilizzato fin dal IX secolo.

Dalle origini medievali, alle rovine del XIX secolo

Inizialmente fu occupata dai monaci dell'Ordine di San Benedetto. A metà del XIII secolo divenne cistercense e fu aggiunta all'abbazia galiziana di Oseira.

Immerso in una nicchia improbabile, non si è mai rivelato essere un monastero convenzionale. Di norma, anche isolati, i monasteri vivevano della coltivazione dei coutos. Invece, i monaci di Junias si dedicarono alla zootecnia e alla pastorizia. Anche così, prosperarono tanto o più di altri monasteri contemporanei.

Nel corso degli anni, il Monastero di Santa Maria das Júnias ha riunito sempre più terre della regione del Barroso e della Galizia. In questo periodo il suo rilievo giustificò numerosi lavori di ampliamento e miglioria che proseguirono fino all'età moderna, fino a quasi la metà del XNUMX° secolo.

Ma la posizione avventurosa del monastero ha imposto notevoli battute d'arresto. Il ruscello che abbiamo sentito e visto scorrere nel retro dell'edificio ha insabbiato e distrutto parte delle strutture aggiunte. A metà del XNUMX° secolo, un incendio travolgente rovinò altre strutture.

Comunque, a quel tempo, il monastero era già stato abbandonato. Nel 1834 gli ordini religiosi maschili furono aboliti. Poco dopo, l'ultimo monaco dell'abbazia di Júnias assunse il ruolo di parroco del vicino villaggio di Pitões.

Il monastero fu ceduto alla valle che lo ricevette. E al tempo.

Rovine del Monastero di Santa Maria das Júnias, Barroso, Trás-os-Montes, Portogallo

Le rovine del Monastero di Santa Maria das Júnias, nelle vicinanze di Pitões das Júnias

L'ex contrabbandiere di Tourém

Non ci volle molto perché l'ombra si impadronisse del thalweg e mettesse in risalto le risplendenti rovine di granito. Ci siamo poi resi conto che la giornata era finita e abbiamo dedicato ciò che ne restava ad altre tappe imprescindibili a Barroso.

Da Pitões si ritorna sulla M513. Indichiamo una strana protuberanza rettangolare portoghese in Galizia e un villaggio di confine situato quasi in cima a questa penisola mappata.

Abbiamo attraversato il ponte sul braccio orientale del coro di stanze, È così che i galiziani chiamano la diga. Dall'altro lato, siamo in cima alla parrocchia di Tourém e già in Galizia. Entriamo così in una delle uniche due exclavi nel territorio del Portogallo, accanto a quella di Mourão.

Come tanti altri dei nostri villaggi di confine, in tempi di chiusura dei confini, Tourém ha prosperato. È qualcosa che notiamo quando percorriamo la sua lunga strada principale.

Lo vediamo nell'abbondanza delle case, nelle dimensioni aperte delle abitazioni e nei materiali molto più moderni del granito grezzo di altre parti e, oggi, in uno stato di conservazione molto migliore.

“Tourém, è sempre stato un caso a parte…” spiega João Dias, lui stesso esperto nell'attraversare i confini. João emigrò presto a Boston, negli Stati Uniti. Grazie a tanta dedizione e lavoro all'altezza, tornò a Montalegre e riuscì ad ottenere un agio economico raro in questa regione confinante e, per lungo tempo, servitore dell'agricoltura e dell'allevamento.

Dal Merluzzo ai Materassi: merce per tutti i gusti

A Tourém, con la Spagna oltre a Salas, favorita dalla scarsità di beni vari e da una guardia fiscale alquanto permissiva, molti paesani che parlano ancora un misto di portoghese e galiziano si rivolsero all'unica alternativa finanziariamente paragonabile all'emigrazione: il contrabbando. È così che hanno orientato le loro vite.

I commercianti si sono abituati ad assumere contrabbandieri che pagavano fino a 1000 scudi (5€) l'ora, a quel tempo, un vero lusso.

La merce scelta formava un assortimento insolito: i portoghesi volevano principalmente merluzzo e banane. Ma ordinavano anche materassi, olio, mucche, alveari e altri prodotti disparati. Gli spagnoli, invece, prediligevano l'abbigliamento, i tessuti per la casa e le televisioni.

L'attività prosperò fino all'apertura dei confini. Dal 1990 in poi, la maggior parte di questi uomini ha dovuto adattarsi a una nuova realtà: la vita rurale, l'allevamento del bestiame. In ogni caso, quasi tutti avevano accumulato buoni risparmi e i fondi europei sempre disponibili hanno solo facilitato la transizione.

Gli inafferrabili Garrano dell'altopiano della Mourela

Il pomeriggio comincia a cedere il passo alla notte. Attraversiamo nuovamente Tourém in direzione opposta e rientriamo nelle verdi colline e valli dell'altopiano della Mourela, a quota 1200 m. Attraversiamo terre adorate dagli osservatori di uccelli che cercano lì, tra dozzine di uccelli, l'averla dal dorso rosso. Senza che ce lo aspettiamo, i dorsi che possiamo vedere sono diversi.

Garranos sull'altopiano della Mourela, Montalegre, Barroso, Trás-os-Montes, Portogallo

Garrano preoccupati per la presenza dell'uomo nel loro territorio del Planalto da Mourela.

Un branco di garrano pascola su un pendio ricoperto di ginestre ed erba tenera. Alcuni sono neri, altri marrone dorato, tutti selvaggi. Al segnale dello stallone di testa, hanno evitato i nostri tentativi di avvicinamento al trotto. Finiscono per trottare dietro una cresta.

A ciò si aggiunga il Couto Misto, un microstato che, favorito da una combinazione di circostanze politiche, rimase indipendente dal Portogallo, dai regni settentrionali e, successivamente, dalla Spagna, si stima che dal XII secolo al 1868.

Quando siamo tornati a Montalegre, il sole al tramonto stava già colorando di arancione le torri del castello e le case di paese da cui si stagliavano.

Ci siamo rifugiati a Casa do Castelo. Recuperiamo energia. E abbiamo ripreso la prolifica conversazione con João Dias.

Torniamo a Giunia. Ora ai tuoi Python

La mattina seguente, in sua compagnia, siamo partiti per Pitões das Júnias.

Salendo ai 1100 metri che rendono il villaggio uno dei più alti del Portogallo, lo vediamo definirsi nei suoi toni granitici grigiastri e rosso mattone, tra una macchia armoniosa di piantagioni murate e le scogliere sassose della Serra do Gerês. .

Case di Pitões das Júnias, Montalegre, Barroso, Trás-os-Montes

Case di Pitões das Júnias disposte ai piedi di scogliere aguzze

Entriamo in città attraverso Avenida de São Rosendo e Rua Rigueiro. Arrivato a Largo Eiró, João Dias incontra un conoscente. Li lasciamo alla conversazione. Da soli, continuiamo a scoprire il villaggio che, tra i suoi circa duecento abitanti, ha diversi emigranti rientrati e brasiliani che, come il turismo rurale appena arrivato, aiutano a rianimarlo.

È giunto il momento di puntare sul Braga. Lungo il percorso, João Dias ci porta a Sirvozelo, un altro incantevole villaggio, incastonato tra grandi rocce granitiche arrotondate. Poi ci accompagna a Ferral dove si svolge una delle frequenti gare di bestiame.

Siamo saliti al recinto dell'evento nel momento esatto della Benedizione del Bestiame. Lì, abbiamo visto il sacerdote in servizio spruzzare acqua santa sulle mucche Barrosã con le corna più grandi che abbiamo mai visto nei bovini portoghesi.

Bênção do Gado de Ferral, case in granito e piastrelle a Pitões das Júnias, regione di Barroso, Trás-os-Montes

Il sacerdote spruzza le mucche Barrosã con acqua santa durante la benedizione del bestiame Ferral

I pazienti proprietari di animali li tengono per il muso per evitare interazioni che potrebbero rovinare la vita religiosa del sacerdote.

Non tutto va come dovrebbe. Alcuni allevatori di bestiame si lamentano, in modo sprezzante, di essere stati più benedetti – cioè aspersi – delle mucche stesse. Abbiamo raccontato a João Dias cosa era successo e abbiamo condiviso generose risate. Dopo di che abbiamo salutato Ferral, l'ospite e Barroso.

Prenota attività all'aperto e soggiorni in case tradizionali nella regione di Barroso e PN Peneda-Gerês su:

www.naturbarroso.net   www.termontalegre.net

Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal "Piccolo Tibet portoghese" alle fortezze del mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro

Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.
Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo

Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.
Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Sentiero Terra Chã e Pico Branco, Porto Santo

Pico Branco, Terra Chã e altri capricci di Ilha Dourada

Nel suo angolo nord-est, Porto Santo è qualcos'altro. Con le spalle rivolte a sud e verso la sua ampia spiaggia, scopriamo una costa montuosa, ripida e persino boscosa, piena di isolotti che punteggiano un Atlantico ancora più blu.
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

L'East End, qualcosa di extraterrestre a Madeira

inospitale, dai toni ocra e dalla terra cruda, Ponta de São Lourenço appare spesso come la prima vista di Madeira. Quando la percorriamo, rimaniamo abbagliati soprattutto da ciò che non è la più tropicale delle isole portoghesi.
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
Ilheu de Cima, Porto Santo, Portogallo

La prima luce di coloro che navigano dall'alto

Fa parte del gruppo di sei isolotti intorno all'isola di Porto Santo, ma è ben lungi dall'essere solo uno in più. Nonostante sia la soglia orientale dell'arcipelago di Madeira, è l'isolotto più vicino alla popolazione di Porto. Di notte fa anche il tifoso che conferma la giusta rotta per le navi provenienti dall'Europa.
Isola Pico, Azzorre

L'isola ad est del monte Pico

Di norma chi arriva a Pico sbarca sul suo versante occidentale, con il vulcano (2351 m) che sbarra la visuale sul versante opposto. Dietro il monte Pico, c'è un intero e meraviglioso "est" dell'isola che richiede tempo per svelarsi.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Yak Kharka a Thorong Phedi, circuito dell'Annapurna, Nepal, yak
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Tesori, Las Vegas, Nevada, Città del peccato e del perdono
Architettura & Design
Las Vegas, EUA

Dove il peccato perdona sempre

Proiettata dal deserto del Mojave come un miraggio al neon, la capitale nordamericana del gioco e dell'intrattenimento è vissuta come una scommessa al buio. Lussureggiante e avvincente, Vegas non impara né si pente.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Fatica nei toni del verde
Cerimonie e Feste
Suzdal, Russia

A Suzdal, Pepino è celebrato per Pepino

Con l'estate e il clima caldo, la città russa di Suzdal si rilassa dalla sua millenaria ortodossia religiosa. Il centro storico è anche famoso per avere i migliori cetrioli della nazione. Quando arriva luglio, trasforma il appena raccolto in una vera festa.
Santa Maria, Isola di Sal, Capo Verde, Sbarco
Città
Di Santa Maria, Sale, Capo Verde

Santa Maria e la benedizione atlantica di Sal

Santa Maria nasce nella prima metà dell'XNUMX come magazzino per l'esportazione del sale. Oggi, grazie alla provvidenza di Santa Maria, Sal Ilha vale molto di più della materia prima.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
I musicisti di Karanga si uniscono alle rovine del Grande Zimbabwe, Zimbabwe
Cultura
Grande ZimbabweZimbabwe

Grande Zimbabwe, Piccola Danza Bira

I nativi Karanga del villaggio di KwaNemamwa mostrano le tradizionali danze Bira ai visitatori privilegiati delle rovine del Grande Zimbabwe. Il luogo più iconico dello Zimbabwe, quella che, dopo la proclamazione dell'indipendenza della Rhodesia coloniale, ispirò il nome della nuova e problematica nazione.  
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Erika Mae
In viaggio
Filippine

I proprietari della strada filippina

Con la fine della seconda guerra mondiale, i filippini consegnarono migliaia di jeep americane abbandonate e crearono il sistema di trasporto nazionale. Oggi, l'esuberante jeepneys sono per le curve
Cowboy Basotho, Malealea, Lesotho
Etnico
Malealea, Lesoto

La vita nel regno africano dei cieli

Il Lesotho è l'unico stato indipendente situato interamente al di sopra dei XNUMX metri. È anche uno dei paesi in fondo alla classifica mondiale dello sviluppo umano. Il suo popolo altezzoso resiste alla modernità ea tutte le avversità in cima alla terra grandiosa ma inospitale che le è stata donata.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Cilaos, Isola della Riunione, Casario Piton des Neiges
Storia
Cilaos, Reunion Island

Rifugio sotto il tetto dell'Oceano Indiano

Cilaos appare in una delle antiche caldere verdi dell'isola della Riunione. Inizialmente era abitato da schiavi fuggiaschi che credevano che sarebbero stati al sicuro a quell'estremità del mondo. Una volta reso accessibile, né la posizione remota del cratere impediva il rifugio di un villaggio ora peculiare e lusingato.
Induismo balinese, Lombok, Indonesia, tempio Batu Bolong, vulcano Agung sullo sfondo
Isole
Chili, Indonesia

Lombok: l'induismo balinese su un'isola dell'Islam

La fondazione dell'Indonesia era basata sulla fede in un Dio. Questo principio ambiguo ha sempre generato polemiche tra nazionalisti e islamisti, ma a Lombok i balinesi prendono a cuore la libertà di culto.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
bianco inverno
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
Chiesa Armena, Penisola Sevanavank, Lago Sevan, Armenia
Natura
lago Sevan, Armenia

Il grande lago agrodolce del Caucaso

Racchiuso tra montagne a 1900 metri di altitudine, considerato un tesoro naturale e storico dell'Armenia, il Lago Sevan non è mai stato trattato come tale. Il livello e la qualità delle sue acque si deteriorano da decenni e una recente invasione di alghe prosciuga la vita che vi sussiste.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Parchi Naturali
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Tequila, città di Jalisco, Messico, Jima
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Tequila, JaliscoMessico

Tequila: la distillazione del Ovest de Messico che Anima il Mondo

Disillusi dalla mancanza di vino e brandy, i conquistadores del Messico migliorarono la millenaria attitudine indigena alla produzione di alcolici. Nel XNUMX° secolo, gli spagnoli furono soddisfatti del loro pinga e iniziarono ad esportarlo. Da Tequila, il persone, oggi, centro di una regione delimitata. E il nome per cui è diventato famoso.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
personaggi
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Bagni insoliti
Spiagge

a sud di Belize

La strana vita nel sole nero dei Caraibi

Sulla strada per il Guatemala, vediamo come l'esistenza proscritta del popolo Garifuna, discendente degli schiavi africani e degli indiani Arawak, contrasti con quella di diverse roccaforti balneari molto più ariose.

Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Veicoli Ferroviari
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Vulcano Ijen, schiavi di zolfo, Java, Indonesia
Società
Ijen Vulcano, Indonesia

Schiavi di zolfo del vulcano Ijen

Centinaia di giavanesi si arrendono al vulcano Ijen dove vengono consumati da gas velenosi e carichi che deformano le loro spalle. Ogni turno guadagna meno di 30 euro, ma tutti sono grati per il martirio.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Coccodrilli, Queensland tropicale dell'Australia selvaggia
Animali selvatici
Cairns la Tribolazione del Capo, Australia

Queensland tropicale: un'Australia troppo selvaggia

Cicloni e inondazioni sono solo l'espressione meteorologica dell'asprezza tropicale del Queensland. Quando non è il tempo, è la fauna mortale della regione a tenere i suoi abitanti all'erta.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.