Lhasa, Tibete

Sera, il Monastero del Sacro Dibattito


diffidare
Il monaco del monastero di Sera riflette scettico sulle premesse presentate da un collega entusiasta
L'età dell'innocenza
Il bambino tibetano osserva con stupore il trambusto intellettuale portato avanti dalle decine di monaci di fronte a lui
Al centro del dibattito
Monk sprofondò in mezzo agli altri e ad un intenso dibattito
juzu
Il monaco tiene un juzu (rosario buddista).
Ingresso al dibattito
Il portale tibetano annuncia l'ingresso al cortile del dibattito del Monastero di Sera.
Motorizzato
Gli spettatori del dibattito lasciano il Monastero di Sera su una moto sui generis
Camino buddista tibetano
Particolare architettonico-religioso del Monastero di Sera.
dibattito acceso
Monk ribolle mentre trasmette le sue ragioni a un avversario del dibattito
Sarà così?
I monaci contrastano le argomentazioni con tutta la loro convinzione.
Proiezione di argomenti
Monge lancia un nuovo argomento con la proiezione del corpo in avanti e un battito di mani.
pausa di meditazione
Monge riflette durante una discussione con un compagno apprendista del buddismo.
uno contro tutti
Monaci affollati si confrontano con un collega che propone una premessa controversa
Passando, in questa vita
I passanti passano davanti a un edificio del monastero di Sera ai piedi del monte Pubuchok, alla periferia di Lhasa.
Sera contro Pubuchok
Facciata laterale di uno degli edifici del Monastero di Sera con le montagne di Pubuchok sullo sfondo.
sorelle a termine
Due donne tengono rapporti nei pressi del monastero di Sera, in un'altra mattina d'inverno dai cieli limpidi ma gelidi dell'altopiano tibetano
Passando all'ombra
Un credente fa girare una ruota buddista tibetana mentre cammina lungo una lunga facciata del monastero di Sera, illuminata dal sole che cade quasi sempre sull'altopiano tibetano.
In pochi posti al mondo si usa un dialetto con la stessa veemenza del monastero di Sera. Lì, centinaia di monaci si impegnano in intensi e chiassosi dibattiti sugli insegnamenti del Buddha in tibetano.

Siamo in pieno inverno. Non c'è una sola nuvola nel cielo azzurro di Lhasa o della maggior parte dell'altopiano tibetano.

Lobsang, l'ospite tibetano incaricato dall'agenzia di viaggi cinese, ci dice che siamo arrivati ​​nel momento più genuino possibile, che non devono esserci nemmeno una ventina di stranieri in tutto il Tibet.

Ci rendiamo presto conto che si sente seccato di dover lavorare per l'invasore. Da quando siamo arrivati, insiste nel ridurre il meno possibile il tempo che ci dedica.

Questa mattina, soleggiata ma gelida, come dimostrerebbe ciascuna delle seguenti, non fa eccezione.

“Ma vuoi davvero andare a Sera?”, cerca di ingannarci, ancora stordito dalla convivialità ubriaca della notte precedente. “Hai visitato così tanti monasteri qui a Lhasa. Sera è solo uno in più. IL architettura è uguale agli altri. Quello che vedrai poca differenza sarà paragonato a quello che hai trovato nei precedenti, te lo assicuro.

Di passaggio, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet

Un credente fa girare una ruota buddista tibetana mentre cammina lungo una lunga facciata del monastero di Sera, illuminata dal sole che cade quasi sempre sull'altopiano tibetano.

Fortunatamente, avevamo letto del posto. Sapevamo cosa lo rendeva distintivo. Non ci arrendiamo. Lobsang opta quindi per una strategia non conflittuale: “Ebbene, stamattina devo occuparmi delle carte di alcuni tedeschi che verranno a maggio. Se proprio vuoi andarci ti chiamo taxi e chiamo un compagno che ti accompagni”.

Il breve viaggio da Lhasa a Sera. In modalità Bell Rally

Lo fa senza appello. Pochi minuti dopo compaiono due auto moderne con targa e conducenti cinesi.

Quel collega ne segue già uno. Siamo in prima fila. Ryan, un "valletto” (responsabile del parcheggio dei veicoli in hotel, casinò, ecc.) Americano.

E Jacob, un adolescente svedese alto più di 1 metri, che attirava intorno a sé gruppi di tibetani affascinati dalla sua altezza, erano i compagni di viaggio che avevamo incontrato a Chengdu (la capitale della provincia cinese del Sichuan). I due sono saliti sul taxi sul retro.

Il monastero distava meno di 2 km. Anche così, l'autista è apparso completamente attrezzato per la guida, indossando guanti e occhiali da sole. Decise che era una distanza più che sufficiente per sfidare il suo collega.

Così hanno percorso il percorso come se fosse una gara di rally, con partenze cigolanti e salti precipitati dalla pendenza ribassata delle condutture dell'acqua.

Eravamo ancora alle prese con un terribile mal di montagna causato dall'aver percorso, in appena un'ora e mezza, dai 500 metri di Chengdu ai 3650 di Lhasa.

Di passaggio, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet

I passanti passano davanti a un edificio del monastero di Sera ai piedi del monte Pubuchok, alla periferia di Lhasa.

Quando siamo scesi dai taxi, con la montagna arida di Pubuchok sullo sfondo e nelle vicinanze del monastero, la conversazione è rimasta incentrata su questo argomento: “Questi cinesi rovinano davvero tutto! si lamenta Ryan, l'unico che aveva saltato il volo da Chengdu:

"Sono venuto tre giorni stretto sul treno per liberarmi del mal di testa e ci sono voluti solo pochi minuti in quella macchina infernale per sentirmi scoppiare tanto o più di voi ragazzi!"

Il tour del burro attraverso l'interno del monastero di Sera

L'amico di Lobsang ci invita a camminare lungo un vicolo fiancheggiato da alberi spogli e bianchi edifici tibetani. In cima troviamo l'ingresso principale del monastero, costruito nel 1419 da Jamchen Chojey, discepolo di uno dei principali maestri buddisti dell'epoca.

L'interno, infatti, è vietato fotografare o filmare e puzza di burro di yak, il combustibile scelto dai tibetani per garantire l'accensione e il mantenimento della fiamma delle candele offerte dai fedeli.

Suore a termine, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet

Due donne tengono rapporti nei pressi del monastero di Sera, in un'altra mattina d'inverno dai cieli limpidi ma gelidi dell'altopiano tibetano

Facciamo il giro completo delle varie stanze del tempio. E abbiamo seguito le esaurienti spiegazioni del neo-prestatore nella nuova guida del gruppo. Ad un certo punto, abbiamo sentito il dovere di dare una ragione almeno parziale di ciò che Lobsang ci ha trasmesso: la dissertazione del guida il sostituto suona piuttosto ripetitivo per noi.

Come Lobsang, anche questo amico ha evitato di affrontare l'integrazione permalosa e permalosa del Tibet nel Cina, per non parlare del drammatico contributo di Sera alla rivolta del 1959.

I danni dell'invasione cinese anche al monastero di Sera

Quell'anno, l'esercito cinese danneggiò molti dei college del monastero e uccise centinaia degli oltre 5000 monaci residenti. dopo il Dalai Lama si sono rifugiate in India, molti dei sopravvissuti si rifugiarono a Bylakuppe, vicino alla città indiana di Mysore, nello stato del Karnataka.

Lì stabilirono un monastero parallelo di Sera, con i propri collegi buddisti e una Grande Sala delle Assemblee con le stesse linee architettoniche dell'originale.

Camino, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet

Particolare architettonico-religioso del Monastero di Sera.

L'assistenza del governo indiano ha permesso di stabilirvisi più di 3.000 monaci tibetani che svolgono attività missionarie buddiste in India e in diversi altri paesi.

Oltre a architettura buddista e compassione professata dal Buddha, i monaci presero anche dal Tibet l'abitudine di incontrarsi giorno dopo giorno per discutere, il più dialetticamente possibile, gli insegnamenti del loro maestro illuminato.

Juzu, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet

Il monaco tiene un juzu (rosario buddista).

Dalla fine del XVI secolo in poi, la setta Gelupga (Cappello Giallo) del buddismo tibetano a cui appartengono i 600 monaci apprendisti che ancora resistono a Sera divenne predominante in Tibet. Si è abituato a studiare le dottrine buddiste attraverso un processo graduale.

Durante il loro apprendistato, anche i lama devono partecipare a questi dibattiti per migliorare la loro comprensione e progredire verso livelli di studio più avanzati.

Le sessioni di dibattito buddista all'aperto

Di norma, le sessioni si svolgono alle tre del pomeriggio, dal lunedì al venerdì. Durano un'ora e mezza. Sono sospesi solo a causa di una celebrazione o cerimonia religiosa coincidente o di un maltempo estremo.

Portico, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet

Il portale tibetano annuncia l'ingresso al cortile del dibattito del Monastero di Sera.

Quando lasciamo il triste interno del monastero buddista, ci troviamo faccia a faccia con una porta che annuncia “Cortile del dibattito”. In quell'ampio cortile, tra gli alberi spogliati dal lungo inverno dell'altopiano, su una ghiaia infarinata, già si sentivano le molteplici contese.

Sparsi per il cortile, diversi nuclei di monaci vestiti solo con i loro abiti rossi e tenendo in mano “juz(Rosari buddisti) nelle loro mani, si scambiano argomento dopo argomento.

Meditazione, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet

Monge riflette durante una discussione con un compagno apprendista del buddismo.

In alcuni gruppi, uno o due religiosi assumevano il ruolo di primo piano. Sono seguiti da vicino o sfidati da un piccolo pubblico rannicchiato insieme con relativa intimità. Per esprimere meglio le loro argomentazioni, questi profeti dell'occasione tirano gli interlocutori e suonano i loro juz.

Oppure, più spesso, ripetono lo stesso movimento di ritirata, avanzamento e proiezione del corpo in avanti che termina con un esuberante battito di mani.

Proiezione, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet

Monge lancia un nuovo argomento con la proiezione del corpo in avanti e un battito di mani.

Successivi “applausi” risuonano in tutto il cortile. Rendono le mani degli autori rosse come i loro vestiti. Sembrano aiutare a convincere gli avversari. Quando sono costretti a riconoscere il motivo, rilasciano "oooooohhhhhs" prolungati in coro.

Quindi riesaminano i difetti e le virtù delle loro affermazioni di fronte al controllo da parte dell'allora pubblico prevalentemente tibetano.

Uno contro tutti, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet

Monaci affollati si confrontano con un collega che propone una premessa controversa

Passa l'ora e mezza. I lama si ritirano nel comfort quasi spartano degli edifici del monastero di Sera. L'assistenza scioglie il centro commerciale sottostante.

Moto, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet

Gli spettatori del dibattito lasciano il Monastero di Sera su una moto sui generis

Secondo le istruzioni telefoniche di Lobsang, siamo tornati al centro di Lhasa in autobus.

Quello su cui siamo saliti è ancora affollato.

Tra i passeggeri incuriositi dalla presenza degli stranieri e già vestiti per un'altra gelida serata, troviamo i sorrisi incondizionati dei tibetani e il loro familiare aroma di burro di yak.

Dali, Cina

La Cina surrealista di Dalì

Immersa in una magica cornice lacustre, l'antica capitale del popolo Bai è rimasta, fino a qualche tempo fa, un rifugio per la comunità di viaggiatori zaino in spalla. I cambiamenti sociali ed economici di Cina ha incoraggiato l'invasione dei cinesi per scoprire l'angolo sud-ovest della nazione.
Bingling Sì, Cina

La gola dei mille Buddha

Per più di un millennio e almeno sette dinastie, i devoti cinesi hanno esaltato le loro credenze religiose con l'eredità di sculture in uno stretto stretto del fiume Giallo. Coloro che sbarcano alla Gola dei Mille Buddha, potrebbero non trovare tutte le sculture ma trovare uno splendido santuario buddista.
Tawang, India

La mistica valle della profonda discordia

All'estremità settentrionale della provincia indiana dell'Arunachal Pradesh, Tawang ospita paesaggi montuosi spettacolari, villaggi etnici Mompa e maestosi monasteri buddisti. Anche se dal 1962 i rivali cinesi non lo trafiggono, Pechino guarda questo dominio come parte del tuo Tibete. Di conseguenza, religiosità e spiritualismo hanno da tempo condiviso un forte militarismo.
Guwahati, India

La città che adora Kamakhya e la fertilità

Guwahati è la città più grande dello stato dell'Assam e dell'India nord-orientale. È anche uno dei più veloci al mondo. Per gli indù e i devoti credenti nel Tantra, non sarà un caso che Kamakhya, la dea madre della creazione, sia adorata lì.
Dunhuang, Cina

Un'oasi nella Cina delle Sabbie

Migliaia di chilometri a ovest di Pechino, la Grande Muraglia ha la sua estremità occidentale e la Cina e altro. Un'inaspettata spruzzata di verde vegetale rompe l'arida vastità circostante. Annuncia Dunhuang, ex avamposto cruciale della Via della Seta, oggi una città intrigante ai piedi delle dune più grandi dell'Asia.
Lhasa, Tibete

La demolizione della campana del tetto del mondo

Qualsiasi dibattito sulla sovranità è accessorio e una perdita di tempo. Chiunque voglia lasciarsi abbagliare dalla purezza, dall'affabilità e dall'esotismo della cultura tibetana dovrebbe visitare il territorio il prima possibile. L'avidità della civiltà Han che muove la Cina non impiegherà molto a seppellire il Tibet millenario.
Lhasa, Tibete

Quando il Buddismo si stanca della meditazione

Non solo con il silenzio e il ritiro spirituale si cerca il Nirvana. Al Monastero di Sera, i giovani monaci perfezionano la loro conoscenza buddista con accesi confronti dialettici e applausi scoppiettanti.

Mal di montagna: non male. Fa schifo!

Quando si viaggia, a volte ci troviamo di fronte alla mancanza di tempo per esplorare un luogo tanto imperdibile quanto elevato. La medicina e le precedenti esperienze con la malattia da altitudine impongono di non rischiare di salire in fretta.
Nara, Giappone

La colossale culla del buddismo giapponese

Nara ha cessato da tempo di essere la capitale e il suo tempio Todai-ji è stato retrocesso. Ma la Sala Grande rimane il più grande edificio antico in legno del mondo. E ospita il più grande buddha di bronzo vairocano.
Bagan, Myanmar

La piana delle pagode, dei templi e delle redenzioni celesti

La religiosità birmana si è sempre basata sull'impegno per la redenzione. A Bagan, credenti ricchi e timorosi continuano a costruire pagode nella speranza di ottenere il favore degli dei.
San Cristobal de las Casas a Campeche, Messico

Una staffetta di fede

Equivalente cattolico della sig. di Fatima, Nostra Signora di Guadalupe si muove e muove il Messico. I suoi fedeli si incrociano sulle strade del Paese, determinati a portare la prova della loro fede alla patrona delle Americhe.
Kyoto, Giappone

Una fede combustibile

Durante la celebrazione shintoista di Ohitaki, i fedeli giapponesi raccolgono preghiere incise su tavolette nel tempio di Fushimi. Lì, mentre viene consumato da enormi falò, la sua fede si rinnova.
Lhasa a Gyantse, Tibete

Gyantse, attraverso le alture del Tibet

L'obiettivo finale è il campo base tibetano dell'Everest. In questo primo percorso, partendo da Lhasa, passiamo dal lago sacro di Yamdrok (4.441 m) e dal ghiacciaio della gola di Karo (5.020 m). A Gyantse ci arrendiamo allo splendore tibetano-buddista dell'antica cittadella.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Safari
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Tesori, Las Vegas, Nevada, Città del peccato e del perdono
Architettura & Design
Las Vegas, EUA

Dove il peccato perdona sempre

Proiettata dal deserto del Mojave come un miraggio al neon, la capitale nordamericana del gioco e dell'intrattenimento è vissuta come una scommessa al buio. Lussureggiante e avvincente, Vegas non impara né si pente.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
bevanda tra i re, cavalhadas de pirenopolis, crociate, brasile
Cerimonie e Feste
Pirenópolis, Brasile

Crociate brasiliane

Gli eserciti cristiani espulsero le forze musulmane dalla penisola iberica nel XVI secolo. XV ma, a Pirenópolis, nello stato brasiliano di Goiás, continuano a trionfare i sudamericani di Carlo Magno.
Scogliere sopra la Valle della Desolazione, vicino a Graaf Reinet, Sud Africa
Città
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Casa Menezes Braganca, Chandor, Goa, India
Cultura
Chandor, Goa, India

Una casa goano-portoghese, di sicuro

Un palazzo con influenze architettoniche portoghesi, Casa Menezes Bragança si distingue dalle case di Chandor, a Goa. Forma l'eredità di una delle famiglie più potenti dell'ex provincia. Sia dalla sua ascesa in un'alleanza strategica con l'amministrazione portoghese sia dal successivo nazionalismo di Goa.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Devils Marbles, da Alice Springs a Darwin, Stuart hwy, Top End Way
In viaggio
Alice Springs a Darwin, Australia

Stuart Road, sulla strada per il Top End australiano

Do Red Center fino al tropicale Top End, la Stuart Highway corre per oltre 1.500 chilometri solitari attraverso l'Australia. Lungo il percorso, il Territorio del Nord cambia radicalmente aspetto ma rimane fedele alla sua anima ruvida.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Etnico
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

Sulla Costa d'Oro
Storia
eliminare, Gana

Il primo jackpot delle scoperte portoghesi

nel secolo XVI, Mina generava più di 310 kg d'oro all'anno per la Corona. Questo profitto ha suscitato l'avidità del Olanda e l'Inghilterra che si succedettero al posto dei portoghesi e favorirono la tratta degli schiavi nelle Americhe. Il paese che lo circonda è ancora conosciuto come Elmina, ma oggi il pesce è la sua ricchezza più evidente.
Santiago, isola, Capo Verde, São Jorge dos Órgãos
Isole
Santiago, Capo Verde

Santiago dal basso verso l'alto

Con sede nella capitale capoverdiana di Praia, esploriamo il suo predecessore pionieristico. Dal centro storico, viaggeremo lungo la splendida dorsale montuosa di Santiago, fino alla cima aperta di Tarrafal.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
bianco inverno
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Levada do Caldeirão Verde, Madeira, Portogallo, altopiani
Natura
Levada do Caldeirao Verde, Madeira, Portogallo

Acqua Sopra, Acqua Sotto

È solo uno degli oltre cento prodigiosi sistemi di canali che gli abitanti di Madeira costruirono per irrigare i raccolti. Il suo scenario verdeggiante, ripido e drammatico fa sì che i visitatori dell'isola scorrano continuamente lungo la levada di Caldeirão Verde.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Case in miniatura, Chã das Caldeiras, vulcano Fogo, Capo Verde
Parchi Naturali
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan “francese” alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
Cime boscose, Huang Shan, Cina, Anhui, montagna gialla dei picchi galleggianti
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Huang Shan, Cina

Huang Shan: Le montagne gialle dei picchi galleggianti

Le cime granitiche delle montagne gialle e fluttuanti di Huang Shan, da cui spuntano i pini acrobati, appaiono in innumerevoli illustrazioni artistiche della Cina. Lo scenario reale, oltre ad essere remoto, rimane più di 200 giorni nascosto sopra le nuvole.
Controllo corrispondenza
personaggi
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Tobago, Pigeon Point, Scarborough, Pontone
Spiagge
Scarborough a Pigeon Point, Tobago

Alla scoperta della Tobago Capitale

Dalle alture murate di Fort King George, alla soglia di Pigeon Point, Tobago sud-occidentale intorno alla capitale Scarborough rivela tropici controversi senza rivali.
Easter Seurassari, Helsinki, Finlandia, Marita Nordman
Religione
Helsinki, Finlândia

La Pasqua Pagana di Seurasaari

Anche a Helsinki il Sabato Santo viene celebrato in modo gentile. Centinaia di famiglie si radunano su un'isola al largo della costa, attorno a falò accesi per spaventare gli spiriti maligni, le streghe e i troll.
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Veicoli Ferroviari
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Distributori di bevande, Giappone
Società
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Vita quotidiana
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Tombolo e Punta Catedral, Parco Nazionale Manuel Antonio, Costa Rica
Animali selvatici
PN Manuel Antonio, Costa Rica

Il Parco Nazionale Little-Big del Costa Rica

Le ragioni degli under 28 sono ben note. parchi nazionali I costaricani sono diventati i più popolari. La fauna e la flora di PN Manuel António proliferano in un minuscolo ed eccentrico pezzo di giungla. Come se non bastasse, si limita a quattro delle migliori spiagge tipiche.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.