Ilha do Mel, Paraná, Brasile

Il Paraná Zuccherato di Ilha do Mel


In cammino II
Sulla mia strada
Felice surfista
Tavola più lunga
Bagnino
Praia do Farol
Portale di surf
Puliscibottiglie II
Linee di marea
"Ti amo Vanessa"
discorso di Orelhão
Visita alla Fortezza
Pesca al Crepuscolo
Pesca crepuscolare II
detergente per bottiglie
Fortezza Nossa Senhora dos Prazeres
La collina del faro
sbirciata
Surf in bici anfibia
Flotta Ensenadas
Situata all'ingresso della vasta baia di Paranaguá, Ilha do Mel è apprezzata per la sua riserva naturale e per le migliori spiagge dello stato brasiliano del Paraná. In uno di essi, una fortezza costruita da D. José I resiste al tempo e alle maree.

Paraná è Paraná, nel sud del Brasile, senza essere l'ultimo stato.

Subtropicale ed esposto a frequenti salite e invasioni di fronti freddi nell'Atlantico meridionale. Questi fronti freddi e le loro piogge ci avevano già fatto aspetta a Foz de Iguaçu.

Negli ultimi giorni d'estate nell'emisfero australe, quando abbiamo deciso di visitare Ilha do Mel, che non ha nemmeno una stagione secca degna di questo nome, il tempo in Paraná ci punisce di nuovo.

Quando ci imbarcammo, a Pontal do Sul, verso le sei e mezza del pomeriggio, stava già piovendo. Durante l'intera navigazione, il ritmo si è solo intensificato.

Non ci sono strade o strade su Ilha do Mel, solo foresta, sabbia e sentieri stretti.

Ilha do Mel e la sua pioggia abbondante

L'aumento delle precipitazioni rendeva la vita difficile al ragazzo con la carriola che, Clemente, la nostra guida per alcuni giorni, si occupava di trasportare i bagagli, su per la spiaggia, fino alla locanda che ci avrebbe accolto, Zorro.

Ci siamo sistemati tre volte. Clemente ci racconta quanto è contento di tornare in uno dei suoi posti preferiti in Paraná. Come se fosse necessario dimostrarlo, ci sfida a un tuffo. Si stava facendo buio, ma non potevamo rifiutare.

In un lampo, siamo tornati sotto la pioggia. Abbiamo corso lungo sentieri che Clemente conosceva alla perfezione e che sembravano più ruscelli.

Poco dopo arriviamo sul versante atlantico di Ilha do Mel e Praia da Gruta.

Senza riuscire a capire se il mare fosse affidabile, ci siamo semplicemente buttati sugli ultimi istanti delle onde e ci siamo tuffati dentro.

Ancora e ancora, molti di più, in uno strano rituale del bagno tanto salato quanto corroborante.

Ilha do Mel, Paraná, Brasile, granchioTorniamo alla locanda. Abbiamo cenato.

Ci siamo addormentati aspettando che l'alba ci portasse il sole.

Né l'alba. Né il pomeriggio né la notte. Ha piovuto quasi tutto il giorno.

Alle sei del pomeriggio ha smesso di piovere. Il cielo è rimasto grigio piombo. Siamo andati al nuovo giorno con il nuovo tempo.

E per altro, quasi tutti, ancora una volta, piovosi.

Dopo la Tempesta, la Bonanza

Il terzo giorno, una domenica, sorse con il cielo che si apriva lentamente.

Infine, Ilha do Mel ci ha regalato un'apertura che è durata buona parte del pomeriggio.

Non appena ce ne siamo accorti, siamo usciti attrezzati e abbiamo sparato.

Con il sole tornato, l'isola brillava di vita.

A Praia das Encantadas dove alloggiavamo, ai piedi di un pendio ricoperto di boschi, la flotta locale di barche da pesca e da trasporto mostrava i vari colori

Quelli di “Valentin”, quelli di “Lua Cheia”, quelli di “Cristalina”, tra gli altri.

Deltaplani e parapendio hanno attraversato il cielo già azzurro.´

Surf, bodyboard, deltaplano e natura infinita

Le spiagge esposte ad est, esposte all'Atlantico, richiamano ancora una volta bagnanti e sportivi abituali, quasi tutti in forma e determinati a mantenerla.

I bodyboarder si rotolavano all'interno di schizzi di tubi.

I surfisti gareggiavano con loro per le onde, che a quell'ora erano percorribili.

Un giovane padre, dai folti capelli ricci, intrattiene un bambino mentre cerca di mettere ciò che gli manca in un abito di neoprene.

Sul lato sinistro del busto, appena sotto il cuore, mostra un "Vanessa ti amo” tatuato.

A poco a poco, abbiamo appreso quanto vivono Ilha do Mel e i suoi residenti grazie al mare e agli sport marini, con un'evidente enfasi sul surf.

Ci sono diverse locande e ostelli dedicato ai surfisti. I portali coronati da vecchie tavole identificano le spiagge con le onde migliori.

Praia do Farol e tutti gli altri a Volta da Ilha do Mel

Con la marea che scende, la vasta sabbia di Praia do Farol riceve onde successive nel processo di levigatura.

A volte, sono solo linee che la luce laterale distorce e duplica.

Così li vediamo dalla cima della collina di fronte a Farol das Conchas, nel mezzo di una colonia di esuberanti lavabottiglie.

Per quanto basse risultino essere, sono onde del Sud Atlantico.

Lì, come nelle altre coste esposte a levante, l'imprevedibilità del mare costringe alla presenza di bagnini, membri dei Vigili del fuoco, dotati di grandi tavole gialle e arancioni, dello stesso colore delle divise.

Da Praia do Farol, torniamo all'interno boscoso del parco statale, alla ricerca di Clemente e di altri luoghi. Nonostante il sole cocente, la maggior parte dei sentieri che l'attraversano rimangono non drenati.

Ci costringono a nuove deliziose escursioni anfibie.

Abbiamo ritrovato Clemente alla locanda. Consapevole della nostra origine “patrizia”, la guida ci propone un programma che non si può rifiutare. “C'è una fortezza coloniale qui sull'isola, dai tempi in cui eri padroni. Dovremmo andarci”.

Certo che dovremmo. In pochi minuti ci stavamo dirigendo lì. Clemente ci ha avvertito che, con il tramonto del sole, fare tutto il viaggio a piedi sarebbe stata dura.

Ci sottoponiamo al tuo giudizio.

Sulla strada per la fortezza Nª Srª dos Prazeres, risalente al XVIII secolo

Saliamo su una barca a Encantadas che ci porta al molo di Brasilia, all'istmo che unisce le due sezioni principali di Ilha do Mel e all'ingresso della lunga Praia da Fortaleza.

Dall'istmo abbiamo percorso quattro chilometri quasi dritti verso nord.

La fortezza appare, infine, adattata a zigzag della costa e al livello del mare.

Così un solo piano che, con la marea in aumento, l'oceano lo circonda su tutti i lati, tranne nell'entroterra, integrato nelle colline boscose.

Insolita, così bassa ed esposta, la Fortezza di Nª Srª dos Prazeres fu costruita nel 1767 da D. José I.

A quel tempo, la baia di Paranaguá era già diventata importante per il Portogallo, libera dal giogo della Castiglia, dal 1640, ma non dall'ossessione della corona spagnola di impadronirsi dei domini portoghesi che erano politicamente loro durante il periodo dell'Unione iberica .

Paranaguá, in particolare l'isola di Cotinga, è considerata il luogo inaugurale della popolazione portoghese nello stato del Paraná.

Nel 1550 vi sbarcarono i primi coloni, convinti che avrebbero trovato l'oro nelle vicinanze, e che sarebbero stati in grado di estrarlo nonostante la prevalenza nella zona degli indigeni Carijós.

I Carijós hanno collaborato.

I buoni rapporti con i portoghesi permisero la diffusione degli insediamenti coloni, spinti dal ritrovamento di metalli preziosi in diversi fiumi, alcuni intitolati alle famiglie arrivate per primi, gli Almeida, i Correia, insieme ad altri che conservarono i battesimi indigeni, ad esempio , Guaraguacu.

La città di Paranaguá fu fondata un secolo dopo, nel 1649, finanziata dai crescenti profitti dell'oro. Spagnoli, pirati e, nel frattempo, anche navi francesi, olandesi e britanniche solcavano l'Atlantico meridionale al largo.

Rivalità coloniale nel Brasile meridionale e fortificazione di Ilha do Mel e Paranaguá

Allertato della vulnerabilità del Paranaguá, D. José ordinò che Ilha do Mel fosse presidiato con un forte e rispettivi cannoni, quelli sui bastioni e quelli posti sopra, su Morro da Baleia.

Assicurava così la protezione dell'ingresso più settentrionale della baia, il più lontano dalle isole di Cotinga e, come tale, il più vulnerabile.

Da tempo prive dei suoi scopi bellici, oggi le autorità che gestiscono il patrimonio coloniale dell'isola devono fare i conti con la doppia minaccia dell'oceano e della foresta atlantica, entrambi sempre sul punto di invadere la struttura.

Facciamo il giro delle mura.

Entriamo, percorriamo gli adarves e diamo un'occhiata agli edifici complementari, che un tempo erano magazzini, casematte e simili, tutti bianchi, ricoperti di tegole di terracotta, molto portoghesi.

Clemente si lamenta che la lunga marcia lungo la spiaggia lo abbia messo in ginocchio.

Di conseguenza, abbiamo fatto ricorso al servizio di un barcaiolo, ben prima del molo di Nova Brasília. Una volta a bordo, siamo tornati a Praia de Encantadas senza nemmeno fermarci all'istmo.

Clemente si concede un pisolino terapeutico. Abbiamo rilevato un segno multicolore e artistico che annuncia “abbiamo açaí".

Incorreggibili intenditori della frutta e degli snack che ne derivano, oltre ad avere fame, abbiamo ordinato due ciotole molto fredde e cremose.

Primo, questi due. Quindi, senza modo di resistere, altri due, una gola in cui, ogni volta che si tratta di açaí, entriamo senza rimorsi.

In entrambi i bicchieri, i cumuli di grenás di açaí ghiacciato erano ricoperti di muesli e, naturalmente, miele. Mentre li divoriamo, le nostre menti vengono a patti con la spiegazione per cui l'isola si chiama Mel.

Ilha do Mel e la sua misteriosa toponomastica

Alla fine della giornata, Clemente confessa che “non ne ha idea!”. Quando abbiamo indagato, abbiamo trovato un assortimento di possibili spiegazioni.

C'è l'estrazione del miele selvatico e dello zucchero dalla canna endemica, effettuata dall'azienda indiani Carijós e dai coloni almeno fino al 1950, quando lo zucchero industrializzato non raggiunse l'isola.

La teoria di una famiglia tedesca coesiste (quella di un certo ammiraglio Mehl; in tedesco, “Farina” significa farina) proprietario di un mulino di manioca, che contemporaneamente si dedicò all'apicoltura e ispirò diversi marinai in pensione a fare lo stesso lì.

Un'altra possibilità risiede nel fatto che l'acqua dolce dell'isola contiene mercurio che, mescolato al sale, diffonde nel mare un colore giallastro.

La toponomastica di Ilha do Mel si distingue per la sua imprecisione. Secondo il tempo che lo mantiene rigoglioso.

Anche in quei preziosi giorni di calma, non eravamo sicuri di quanta pioggia fosse mancata.

Curitiba, Brasile

La vita elevata di Curitiba

Non è solo l'altitudine di quasi 1000 metri a cui si trova la città. Cosmopolita e multiculturale, la capitale del Paraná ha un indice di qualità della vita e sviluppo umano che la rendono un caso a sé in Brasile.
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Cascate dell'Iguazù/Iguazù, Brasile/Argentina

Il tuono della grande acqua

Dopo un lungo viaggio tropicale, il fiume Iguaçu fa il grande passo. Lì, al confine tra Brasile e Argentina, si formano le cascate più grandi e imponenti sulla faccia della Terra.
Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu, Brasile

Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu: febbre da watt

Nel 1974 migliaia di brasiliani e paraguaiani si sono incontrati nella zona di costruzione della diga più grande del mondo. 30 anni dopo il completamento, Itaipu genera il 90% dell'energia del Paraguay e il 20% di quella brasiliana.

Florianopolis, Brasile

L'eredità delle Azzorre dell'Atlantico meridionale

Durante il XNUMX° secolo, migliaia di isolani portoghesi perseguirono una vita migliore nella parte meridionale del Brasile. Negli insediamenti da loro fondati abbondano tracce di affinità con le origini.

Pirenópolis, Brasile

Crociate brasiliane

Gli eserciti cristiani espulsero le forze musulmane dalla penisola iberica nel XVI secolo. XV ma, a Pirenópolis, nello stato brasiliano di Goiás, continuano a trionfare i sudamericani di Carlo Magno.
Fattoria Sao Joao, Miranda, Brasile

Pantanal con il Paraguay in vista

Quando l'azienda agricola Passo do Lontra ha deciso di espandere il proprio ecoturismo, ha reclutato l'altra azienda agricola di famiglia, São João. Più lontano dal fiume Miranda, quest'altra proprietà rivela un remoto Pantanal, ai margini del Paraguay. Dal paese e dal fiume omonimo.
Isola Marajó, Brasile

L'isola dei bufali

Una nave che trasporta bufali da India sarà naufragato alla foce del Rio delle Amazzoni. Oggi l'isola di Marajó che li ha accolti ha uno degli armenti più grandi del mondo e il Brasile non può fare a meno di questi bovini.
Serra Dourada, Goiás, Brasile

Dove il Cerrado ondeggia Dorato

Uno dei tipi di savana del Sud America, il Cerrado si estende su più di un quinto del territorio brasiliano, che fornisce gran parte dell'acqua dolce. Situato nel cuore dell'altopiano centrale e dello stato di Goiás, il Parco statale della Serra Dourada brilla di doppio.
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Lenzuola Bahia, Brasile

La libertà paludosa di Quilombo do Remanso

Gli schiavi fuggiaschi sopravvissero per secoli in una zona umida della Chapada Diamantina. Oggi il quilombo di Remanso è simbolo della loro unione e resistenza, ma anche dell'esclusione a cui sono stati votati.
Ilhabela, Brasile

Ilhabela: Dopo l'orrore, la bellezza atlantica

Il novanta per cento della foresta atlantica preservata, cascate idilliache e spiagge dolci e selvagge sono all'altezza del suo nome. Ma, se andiamo indietro nel tempo, sveliamo anche l'orribile aspetto storico di Ilhabela.
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
Brasilia, Brasile

Brasilia: dall'utopia all'arena politica e capitale del Brasile

Fin dai tempi del marchese di Pombal si parlava di trasferire la capitale nell'entroterra. Oggi, la città chimera continua a sembrare surreale ma detta le regole dello sviluppo brasiliano.
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Chapada Diamantina, Brasile

Bahía de Gema

Fino alla fine del sec. Nel XNUMX° secolo, Chapada Diamantina era una terra di prospezioni e ambizioni smisurate.Ora che i diamanti sono rari, gli estranei sono ansiosi di scoprirne gli altipiani e le gallerie sotterranee.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Safari
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Case tradizionali, Bergen, Norvegia
Architettura & Design
Bergen, Norvegia

Il grande porto anseatico della Norvegia

Già popolata all'inizio dell'XI secolo, Bergen divenne la capitale, monopolizzò il commercio della Norvegia settentrionale e, fino al 1830, rimase una delle città più grandi della Scandinavia. In data odierna, Oslo guida la nazione. Bergen continua a distinguersi per la sua esuberanza architettonica, urbana e storica.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
buon consiglio buddista
Cerimonie e Feste
Chiang Mai, Thailandia

300 Watt di energia spirituale e culturale

I thailandesi chiamano ogni tempio buddista wat e la loro capitale settentrionale li ha in evidente abbondanza. Consegnata a eventi successivi tenuti tra santuari, Chiang Mai non si spegne mai del tutto.
Emma
Città
Melbourne, Australia

Un'Australia "separata".

capitale culturale aussie, Melbourne è anche spesso votata come la città con la migliore qualità della vita al mondo. Quasi un milione di emigranti orientali ha approfittato di questa accoglienza immacolata.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
tatuaggio sulla terra
Cultura
matmata, Tataouine:  Tunisia

La base terrestre di Star Wars

Per motivi di sicurezza, il pianeta Tatooine di "Il risveglio della forza" è stato girato ad Abu Dhabi. Torniamo indietro nel calendario cosmico e rivisitiamo alcuni dei luoghi tunisini di maggior impatto della saga.  
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Iguana a Tulum, Quintana Roo, Messico
In viaggio
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Barrancas del Cobre, Chihuahua, donna Rarámuri
Etnico
Copper Canyon, Chihuahua, Messico

Il profondo Messico delle Barrancas del Cobre

Senza preavviso, gli altopiani del Chihuahua lasciano il posto a infiniti burroni. Sessanta milioni di anni geologici li hanno scavati e li hanno resi inospitali. Gli indigeni Rarámuri continuano a chiamarli a casa.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Promettere?
Storia
Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
fuerteventura meteo isole canarie, PN Corralejo, Playa del Pozo
Isole
Fuerteventura, Isole Canarie

Fuerteventura – Isole Canarie e Time Raft

Una breve traversata in traghetto e sbarchiamo a Corralejo, nell'angolo nord-est di Fuerteventura. Con Marocco e Africa a soli 100 km di distanza, ci perdiamo nella meraviglia di scenari desertici, vulcanici e postcoloniali unici.
Cavalli sotto bufera di neve, Islanda Fuoco senza fine dell'isola di neve
bianco inverno
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia
Letteratura
Île-des-Pins, Nuova Caledonia

L'Isola che si appoggiava al Paradiso

Nel 1964, Katsura Morimura ha deliziato il Giappone con una storia d'amore turchese ambientata a Ouvéa. Ma la vicina Île-des-Pins ha conquistato il titolo di "L'isola più vicina al paradiso" e ha estasiato i suoi visitatori.
Isola di Praslin, Sea Cocos, Seychelles, Baia dell'Eden
Natura

Praslin, Seychelles

 

L'Eden degli enigmatici Coconuts-of-the-Sea

Per secoli, i marinai arabi ed europei hanno creduto che il seme più grande del mondo, che hanno trovato sulle coste dell'Oceano Indiano a forma di fianchi voluttuosi di una donna, provenisse da un albero mitico sul fondo degli oceani. L'isola sensuale che li ha sempre generati ci ha lasciato estasiati.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Isola di Alcatraz, California, Stati Uniti
Parchi Naturali
Alcatraz, San Francisco, EUA

Ritorno alla roccia

A quarant'anni dalla fine della sua pena, l'ex prigione di Alcatraz riceve più visitatori che mai. Pochi minuti del suo isolamento spiegano perché l'immaginazione di The Rock ha fatto rabbrividire i peggiori criminali.
Cattedrale di Santa Ana, Vegueta, Las Palmas, Gran Canaria
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Vegueta, Gran canaria, Isole Canarie

Intorno al cuore delle Canarie reali

L'antico e maestoso quartiere di Vegueta de Las Palmas spicca nella lunga e complessa ispanizzazione delle Isole Canarie. Dopo un lungo periodo di spedizioni signorili, vi iniziò la conquista finale di Gran Canaria e delle altre isole dell'arcipelago, sotto il comando dei monarchi di Castiglia e Aragona.
femmina e vitello, Grizzly Steps, Katmai National Park, Alaska
personaggi
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
batteria e tatuaggi
Spiagge
Tahiti, Polinesia Francese

Tahiti oltre il cliché

Le vicine Bora Bora e Maupiti hanno uno scenario eccezionale, ma Tahiti è stata a lungo conosciuta come il paradiso e c'è di più da vivere sull'isola più grande e popolosa della Polinesia francese, il suo millenario cuore culturale.
Golden Rock di Kyaikhtiyo, Buddismo, Myanmar, Birmania
Religione
Monte Kyaiktiyo, Myanmar

La roccia dorata ed equilibrata del Buddha

Stavamo andando alla scoperta di Rangoon quando abbiamo scoperto il fenomeno Rocha Dourada. Abbagliati dal suo equilibrio dorato e sacro, ci uniamo al già secolare pellegrinaggio dei birmani al monte Kyaiktyo.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
Nissan, Moda, Tokyo, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

Moda di Tokyo

Nel Giappone ultra popoloso e ipercodificato, c'è sempre spazio per più raffinatezza e creatività. Che siano nazionali o importati, è nella capitale che iniziano a sfilare i nuovi look giapponesi.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Animali selvatici
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.