Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista


il proiezionista
Gerard Pierre tiene un animale domestico felino Sainte-Luce.
baia di pesca
Tradizionali barche da pesca nella tranquilla baia di fronte al villaggio.
Gesù di bambù
Adesivo di una bevanda stimolante sessuale accanto a un'iscrizione religiosa, sul lungomare di Sainte-Luce.
politica
Un residente partecipa a un dibattito con l'ex presidente francese Nicholas Sarkozy.
stella del giorno
Il nome pomposo di una delle barchette ormeggiate a Sainte-Luce.
Famiglia felice
Louisy Belina, madre nativa, Ayleen, la sua vera figlia e la sua bambina bambola.
Caraibi di tutti i colori
Coloratissimi pescherecci allineati nella baia di Sainte-Luce.
ricovero auto
Gerard Pierre al volante della sua Mercedes 190 D.
al gusto delle onde
Coppia su una terrazza quasi in acqua.
Biere Lorena
Una pila di casse di birra aggiunge ancora più colore alla già sgargiante baia di Sainte-Luce
Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.

Percorriamo le tortuose strade secondarie della Martinica.

Sulla costa meridionale, abbiamo deciso di fare una deviazione e di dare un'occhiata a un villaggio di pescatori chiamato Sainte-Luce.

La giornata è rimasta grigia, quasi piovosa. Quando ci siamo imbattuti nella baia, abbiamo notato che i dipinti allegri dei pescherecci e le baracche dei magazzini del paese le davano una vivacità inaspettata.

Gérard Pierre rimane colpito quando ci vede in attesa su un balcone con un'auto semiaperta nelle immediate vicinanze. Senza nient'altro da fare, il nativo lascia il rifugio solitario della sua Mercedes 190D e si avvicina a noi. “Hai anche problemi meccanici? Ho usato questo solo per un po' per sedermi e riposare. Devi andare in officina ma mi chiedono 50 euro in anticipo… con il mio pensionamento non potrò averlo a breve”.

Gli abbiamo chiesto cosa stesse facendo. Ci dice che aveva da poco smesso di lavorare sugli impianti elettrici. Bastano pochi istanti per renderci conto di quanto sia stato difficile per lui dimenticare un passato più lontano del suo cinefilo. “Ho disegnato i più grandi attori del mondo lì nella stanza di Rivière Pilote.

il proiezionista

Gerard Pierre tiene un animale domestico felino Sainte-Luce.

Gerárd Pierre: da Sconosciuto a Enciclopedia del cinema

Se Jacques Conrad – abbiamo scoperto in seguito che era un ricco uomo d'affari della vicina isola di Guadalupa – non l'avesse trasformato in un misero parcheggio, forse lo farebbe ancora oggi.

Non puoi immaginare la quantità di film che ho passato lì. Conosco a memoria le canzoni di quasi tutti, e ricordo ancora molti dei dialoghi” si sfoga con disgusto, e poi annuncia numerosi nomi francesi dei classici lì mostrati, anche dei suoi protagonisti.

La conversazione porta alla conversazione, Gérard riassume anche l'evoluzione dell'era dello schermo quadrato, dai film in bianco e nero con audio dal vivo al Technicolor panoramico che usava in abbondanza mentre era attivo.

Presto, inizia a mettere in sequenza più titoli francesi di film piratati ma anche di western, romanzi, lungometraggi di guerra e spionaggio, commedie e drammi, con o senza sequel: “La Filibustière des Antilles” (“La regina dei pirati”), “Sinbad, Le Marin” (“Sinbad il marinaio”), “Le Massacre de Fort Apache” (“Fort Apache”), “L'Homme des Vallées Perdues” (“Shane”).

E così via. L'elenco è tanto meccanico e malinconico quanto infinito.

Ogni volta che gli facciamo una domanda, Gérard non vede l'ora di tornare alla lista dei film. Per aver recuperato alcuni dei suoi protagonisti e momenti. osiamo ancora una volta rompere lo stallo.

Una testimonianza inesauribile dell'età del cinema classico

In una di queste rare occasioni, Gérard ci racconta di aver lavorato in tre sessioni: a mezzogiorno, alle 6 e alle 9. “comunque le stanze erano sempre piene e non proprio silenziose”.

Cogli l'occasione per ridere dei caotici vecchi tempi del tuo cinema. E continua a ricordarlo, guidato dalle domande che gli poniamo.

“Le persone non solo hanno parlato, ma hanno applaudito le scene più emozionanti dei film. Era davvero eccitato. Comprarono la Coca-Cola e la bevvero con arachidi e pistacchi serviti in cannucce di carta. L'alcol era proibito. Quando la sessione era finita, il pavimento era quasi sempre sporco. Avevamo bisogno di pulire tutto più e più volte".

Una volta completata la rievocazione del suo piacevole passato, lo splendore de "Le Train Sifflerá Trois Fois" ("Il bip del treno tre volte") invade la mente dell'ex proiezionista, un'epopea Occidentale con Gary Cooper e Grace Kelly.

La canzone di questo lungometraggio da cowboy aveva sempre commosso Gérard. Ed è con piacere, evidenti difetti di tono e oltre l'emissione Martinica della sua autoradio che ci canta”Se anche tu te ne sei andato, mi hai abbandonato”, il tema francofono del generico.

ricovero auto

Gerard Pierre al volante della sua Mercedes 190 D.

I testi gli rinfrescano ancora una volta la memoria. Non appena finisce di cantare, ripete il motto introduttivo che "a quel tempo c'erano tanti film". Recupera poi “Rio Bravo”, con John Wayne e altri successi hollywoodiani con il duo Lone Ranger e Tonto, tra gli altri.

Proiezioni mancanti e vecchi successi di Hollywood

Gli abbiamo chiesto se seguisse i film più moderni. Gérard quasi esce dal finestrino della vecchia Mercedes. “Se proprio vuoi saperlo, da quando ho smesso di lavorare e sono scomparsi i vecchi teatri, il cinema non mi ha detto più niente.

Per fortuna nel frattempo dal Metropolis arriveranno due miei compagni. Mi hanno detto che avevano filmato tutti questi film che erano stati proiettati qui prima. Vieni a trovarmi uno di questi giorni. Mi passeranno accanto".

Questa prospettiva serve anche come pretesto per qualche minuto in più per elencare i titoli che sperava di ricevere da amici e recensire. Cessa solo quando lo interroghiamo sulla sua attività post-proiezionista, di elettricista.

baia di pesca

Tradizionali barche da pesca nella tranquilla baia di fronte al villaggio.

Il sole fa capolino tra le nuvole per la prima volta dall'alba. Dobbiamo porre fine alla socializzazione per dare un'attenzione fotografica alla colorata baia di Sainte-Luce, niente a che fare con l'isola di Santa Lucia, un vicino meridionale della Martinica.

Di fronte all'imminenza dell'addio, Gérard reagisce e riprende il suo discorso cinematografico.

Facciamo fatica ad abbandonarlo alla solitudine automobilistica e nostalgica a cui sembrava destinato.

Invece, gli abbiamo detto che, in Portogallo, abbiamo ancora guardato questi classici più vecchi di tanto in tanto, alla Cinemateca de Lisboa, ma che non è stato molto spesso a causa della profusione di nuovi film a cui ora abbiamo accesso, anche a quelli di Bollywood rivale indiano.

E il già molto vecchio overlay TV, ovviamente.

stella del giorno

Il nome pomposo di una delle barchette ormeggiate a Sainte-Luce.

Alla scoperta della Sainte Luce dei nostri giorni

Vi ringraziamo per la vostra gentilezza e vi lasciamo con un sincero arrivederci a presto. Non pensavamo nemmeno di rimanere a lungo nella parte umile del villaggio sottostante, anche se Gérard sarebbe uscito di lì così presto.

Nella baia principale di Sainte-Luce, gironzoliamo sul lungomare tra le bancarelle di un mercato del pesce chiuso, o i mini-bar che vendono rum planteur e altre specialità martinicane più popolari.

politica

Un residente partecipa a un dibattito con l'ex presidente francese Nicholas Sarkozy.

Più avanti, all'interno di un caffè insolito, tre o quattro residenti guardano un'intervista televisiva con l'allora pomposo presidente Nicholas Sarkozy.

Abbiamo guardato un po' della trasmissione attraverso la finestra. E anche le reazioni di quei clienti antillesi ai suoi ultimi demagoghi.

Non ci è voluto molto per abbandonare la politica.

Nelle vicinanze, giriamo intorno a una baracca dipinta di giallo e rosso, anch'essa decorata con un adesivo sfacciato di una bevanda promossa nella regione come sessualmente stimolante, il "Bambù".

Nella pubblicità indossata dal sole, una donna caraibica in bikini reggeva un bastone verde della pianta.

Gesù di bambù

Adesivo di una bevanda stimolante sessuale accanto a un'iscrizione religiosa, sul lungomare di Sainte-Luce.

Dall'altro lato della struttura, Louisy Belina, una madre nativa, gioca con Ayleen, la sua vera figlia e la sua bambola-figlia che interpreta il suo piccolo. Ci fermiamo per qualche minuto a parlare con loro due.

Inaspettatamente, prima di lasciare Sainte-Luce siamo ancora dotati di un'immagine degna del settimo art.

Al riparo nella privacy di una spianata deserta e senza pretese, nascosta sotto alberi di cocco sdraiati e altre tettoie tropicali, una coppia discute e si scambia pacifiche carezze, mentre il Mar dei Caraibi avanza dolcemente e si ritira sulla sabbia vulcanica e quasi accarezza i loro piedi.

al gusto delle onde

Coppia su una terrazza quasi in acqua.

Siamo tornati alla macchina volendo descriverla a Gérard, per chiedergli se pensava che fosse degna di essere proiettata.

Contrariamente a quanto ci aspettavamo, quando siamo saliti al belvedere dove avevamo vissuto con lui, la Mercedes 190D è rimasta nello stesso posto. Gérard aveva lasciato la scena.

Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Spettacoli

Il mondo in scena

In tutto il mondo, ogni nazione, regione o città e persino quartiere ha la sua cultura. Quando si viaggia, niente è più gratificante che ammirarli, dal vivo e in loco, che li rende unici.
Monument Valley, EUA

Indiani o Cowboy?

I produttori iconici di western come John Ford hanno immortalato quello che è il più grande territorio dei nativi americani negli Stati Uniti. Oggi, nella Navajo Nation, i Navajo vivono anche nei panni di vecchi nemici.
Isola Robinson Crusoe, Cile

Alexander Selkirk: Nella pelle del vero Robinson Crusoe

L'isola principale dell'arcipelago Juan Fernández ospitava pirati e tesori. La sua storia era fatta di avventure come quella di Alexander Selkirk, il marinaio abbandonato che ha ispirato il romanzo di Dafoe.
Guadalupe, Antille Francesi

Guadalupa: un delizioso Caraibi, in Butterfly Counter-Effetto

La Guadalupa ha la forma di una falena. Basta un giro delle Antille per capire perché la popolazione è guidata dal motto Pas Ni Problem e alza il numero minimo di onde, nonostante le tante battute d'arresto.
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
Ogimashi, Giappone

Un Giappone storico-virtuale

"Higurashi no Naku Koro ni” è stata una serie di giochi per computer e di animazione giapponese di enorme successo. A Ogimashi, villaggio di Shirakawa-Go, viviamo con un gruppo di kigurumi dei loro personaggi.
Saint-Pierre, Martinique

La città che risorge dalle ceneri

Nel 1900, la capitale economica delle Antille era invidiata per la sua raffinatezza parigina, finché il vulcano Pelée non la carbonizzò e la seppellì. Più di un secolo dopo, Saint-Pierre si sta ancora rigenerando.
Fort-de-France, Martinique

Libertà, Bipolarità e Tropicalità

Nella capitale della Martinica si conferma un'affascinante estensione caraibica del territorio francese. Lì, i rapporti tra i coloni ei discendenti indigeni degli schiavi danno ancora origine a piccole rivoluzioni.
Martinique, Antille Francesi

Baguette caraibiche sotto il braccio

Vaghiamo per la Martinica con la stessa libertà dell'Euro e le bandiere tricolori sventolano sovrane. Ma questo pezzo di Francia è vulcanico e lussureggiante. Appare nel cuore insulare delle Americhe e ha un delizioso sapore d'Africa.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Safari
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Little Big Senglea II
Architettura & Design
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
autoflagellazione, passione di cristo, filippine
Cerimonie e Feste
Marinduque, Filippine

La passione filippina di Cristo

Nessuna nazione circostante è cattolica, ma molti filippini non si lasciano intimidire. Durante la Settimana Santa si arrendono alla fede ereditata dai coloni spagnoli e l'autoflagellazione diventa una sanguinosa prova di fede.
Vista da Pico Verde a Praia Grande, São Vicente, Capo Verde
Città
São Vicente, Capo Verde

L'arido bagliore vulcanico di Soncente

Un ritorno a São Vicente rivela un'aridità tanto abbagliante quanto inospitale. Chi la visita rimane sorpreso dalla grandiosità e dall'eccentricità geologica della quarta isola più piccola di Capo Verde.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
ombra di successo
Cultura
Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri

Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Funivia che collega Puerto Plata alla cima dell'Isabel de Torres PN
In viaggio
Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Argento della casa domenicana

Puerto Plata è il risultato dell'abbandono di La Isabela, il secondo tentativo di una colonia ispanica nelle Americhe. Quasi mezzo millennio dopo lo sbarco di Colombo, inaugurò l'inesorabile fenomeno turistico della nazione. In un lampo attraverso la provincia, vediamo come il mare, le montagne, la gente e il sole dei Caraibi la fanno splendere.
Etnico
Viti Levu, Fiji

L'improbabile condivisione dell'isola di Viti Levu

Nel mezzo del Pacifico meridionale, una vasta comunità di discendenti indiani reclutati da ex coloni britannici e dalla popolazione indigena melanesiana ha diviso a lungo l'isola principale delle Fiji.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Willemstad, Curaçao, Punda, Handelskade
Storia
Willemstad, Curacao

Il cuore multiculturale di Curaçao

Una colonia olandese nei Caraibi divenne un importante centro di schiavi. Accolse gli ebrei sefarditi che si erano rifugiati dall'Inquisizione ad Amsterdam e Recife e assimilò influenze dai villaggi portoghesi e spagnoli con cui commerciava. Al centro di questa fusione culturale secolare c'è sempre stata la sua antica capitale: Willemstad.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
Isole
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
bianco inverno
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Sulla corsia delitto e castigo, San Pietroburgo, Russia, Vladimirskaya
Letteratura
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di “Delitto e castigo”

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
Isola di Praslin, Sea Cocos, Seychelles, Baia dell'Eden
Natura

Praslin, Seychelles

 

L'Eden degli enigmatici Coconuts-of-the-Sea

Per secoli, i marinai arabi ed europei hanno creduto che il seme più grande del mondo, che hanno trovato sulle coste dell'Oceano Indiano a forma di fianchi voluttuosi di una donna, provenisse da un albero mitico sul fondo degli oceani. L'isola sensuale che li ha sempre generati ci ha lasciato estasiati.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Donna di Atacama, Vita sull'orlo, Deserto di Atacama, Cile
Parchi Naturali
deserto di Atacama, Cile

La vita ai margini del deserto di Atacama

Quando meno previsto, il luogo più arido del mondo svela nuovi scenari extraterrestri al confine tra l'inospitale e l'accogliente, lo sterile e il fertile che i nativi sono abituati ad attraversare.
Porto Rico, San Juan, città murata, panoramica
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
San Juan, Puerto Rico

Porto Rico e il Muro di San Juan Bautista

San Juan è la seconda città coloniale più antica delle Americhe, dopo la vicina dominicana di Santo Domingo. Un deposito pionieristico sulla rotta che portava l'oro e l'argento dal Nuovo Mondo alla Spagna, fu attaccato più e più volte. Le sue incredibili fortificazioni proteggono ancora una delle capitali più vivaci e prodigiose dei Caraibi.
Controllo corrispondenza
personaggi
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Bagnante, The Baths, Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgin Gorda, Isole Vergini Britanniche
Spiagge
Virgin Gorda, Ilhas Virgens Britânica

I “Caraibi” divini di Virgin Gorda

Alla scoperta delle Isole Vergini, sbarchiamo su un seducente mare tropicale punteggiato da enormi rocce granitiche. I bagni sembrano usciti dal Seychelles ma sono uno degli ambienti marini più esuberanti dei Caraibi.
Intervento della Polizia, Ebrei Utraortodossi, Jaffa, Tel Aviv, Israele
Religione
Jaffa, Israele

proteste non ortodosse

Un edificio a Jaffa, Tel Aviv, minacciava di profanare quelle che gli ebrei ultra-ortodossi pensavano fossero vestigia dei loro antenati. E nemmeno la rivelazione che erano tombe pagane impediva loro di contestare.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
una specie di portale
Società
Little Havana, EUA

L'Avana degli anticonformisti

Nel corso dei decenni e fino ad oggi, migliaia di cubani hanno attraversato lo Stretto della Florida alla ricerca della terra della libertà e dell'opportunità. Con gli Stati Uniti a soli 145 km di distanza, molti non sono andati oltre. La sua Little Havana a Miami è oggi il quartiere più emblematico della diaspora cubana.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Animali selvatici
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.