Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma


di nuovo sotto i riflettori
Il Teatro Amazonas brilla nel cuore storico di Manaus.
memoria di gomma
Caboclo Sôr Tom ricostituisce la secolare lavorazione della linfa dell'albero della gomma.
giungla di barche
Barche tradizionali dei fiumi Negro e Solimões ancorate a un molo a Manaus.
Teatro Laterale
Facciata laterale del Teatro Amazonas, il supremo edificio culturale di Manaus e dell'Amazzonia.
Metà pomeriggio
I passanti passeggiano per Praça de São Sebastião, che ha ospitato il Teatro Amazonas.
“Bar di Armando”
Ospiti sulla spianata di un bar di proprietà di un emigrante portoghese di Coímbra, recentemente scomparso.
romanticismo fluviale
La coppia parla della piattaforma galleggiante che ospita Bar da Denise e Sopão do Tio Jorge.
al buon mercato
Un'eredità dell'era della ricchezza e del lusso nel mezzo della giungla amazzonica, l'istituzione Au Bon Marché
Manaus mercantile
Una delle facciate del vecchio mercato Adolpho Lisboa, vicino al lungomare di Rio Negro.
Rapina al pescivendolo
Pescherie nel settore ittico del mercato di Manaus, dove si vendono i famosi pesci amazzonici: pacu, pirarucu, tambaqui, ecc.
Una bella dogana gialla
L'elegante e storico edificio della dogana di Manaus, affacciato sul vasto corso del Rio Negro.
Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.

Dal 12° piano dell'hotel Taj Mahal, l'orizzonte si allontanava di diverse decine di chilometri.

Il Teatro Amazonas ci si è rivelato nei suoi dintorni secolari: il vasto Rio Negro a ovest, preceduto da un curioso mix di case storiche e Manaus, una lussureggiante vegetazione tropicale dell'Amazzonia e torri residenziali o di uffici proiettate in alto.

In lontananza, il moderno ponte sul Rio Negro e una striscia di abitazioni marginali, più lontana, più informe e squallida.

Non alloggiavamo in quell'albergo quindi abbiamo prolungato la salita panoramica fino a più tardi.

Ci è bastato osservare l'imbrunire che scendeva, la piazza riempirsi di gente e animarsi, la musica samba o country che risuonava, le terrazze delle pigne inondate di birra e conversazioni infinite.

Esplanade di Bar do Armando, Manaus, Brasile

Ospiti sulla spianata di un bar di proprietà di un emigrante portoghese di Coímbra, recentemente scomparso

La Capitale sempre più Cosmopolita dell'Amazzonia

In questi giorni, Manaus è questo mondo arginato, eurotropicale e molto altro ancora. Si espanse dalla sua riva del fiume e invase 11.500 km2 della foresta amazzonica.

Un piccolo entourage di intrepidi coloni, timorosi della vastità in cui erano stati collocati e, in particolare, dei nativi ostili, divenne una popolazione multietnica e multiculturale di 2.600.000 anime consegnate alla giungla, quella urbana di Manaus, non quello naturale nei dintorni.

Chiunque venga in questi luoghi rimane subito incuriosito da ciò che li ha resi possibili.

Dopo la restaurazione dell'indipendenza e la vecchia rivalità coloniale, i portoghesi si considerarono beneficiari dell'Unione iberica, di cui approfittarono per conquistare l'interno del Brasile. Sono anche rimasti vigili contro le affermazioni dei loro soliti rivali ispanici e quelle degli olandesi, che hanno sede in Suriname.

Nel 1668 costruirono il forte di São José da Barra do Rio Negro, nel cuore dell'Amazzonia e vicino al confluenza di due delle sue arterie più importanti, il Negro e il Solimões. Lo costruirono in roccia e argilla con l'aiuto di indigeni e meticci. Molti finirono per stabilirsi lì.

Con l'arrivo dei contadini portoghesi e dei loro schiavi, la popolazione aumentò in modo esponenziale.

A tal punto che diversi gruppi missionari si sono uniti nell'investimento evangelico nella cappella di Nª Senhora da Conceição, oggi nominata patrona del villaggio.

L'animazione del tardo pomeriggio di piazza São Sebastião

Un altro tardo pomeriggio, le panchine da giardino di Praça de São Sebastião sono occupate da giovani amici cafuza, con la pelle quasi nera, gli occhi a mandorla e i capelli lisci come quelli degli indigeni di tante tribù native della giungla circostante.

Piazza Sao Sebastiao, Manaus, Brasile

I passanti passeggiano per Praça de São Sebastião, che ha ospitato il Teatro Amazonas.

Una coppia di cinesi di mezza età rimprovera i propri figli in mandarino, che li ignorano e litigano in portoghese brasiliano. Diverse bancarelle della mini-fiera che sono state installate lì sono gestite da piccoli commercianti indiani o con radici in Medio Oriente.

Il Bar do Armando, con le sue grandi teste del festival Bumba Meu Boi e una grande bandiera portoghese, accanto a quella brasiliana, tra le altre più piccole, di altri paesi appartiene alla Chiesa ma è stato a lungo sfruttato da una famiglia portoghese.

Mentre servono le birre al bancone, la cameriera Oriane ci spiega meglio come fare.

“Ser Armando è morto molto tempo fa. Ora la figlia era rimasta con il bar. Ma la sua famiglia era dei veri patrizi. Credo che provenissero da... come si chiama... oh ecco, è Coimbra."

Di fronte al teatro si svolge un festival culturale. Lì, un coro giovanile canta i recenti successi Disney: Il re leone, Pocahontas e simili. In questo momento, la messa si conclude nella Chiesa di São Sebastião. I credenti si uniscono alla folla e si arrendono all'empio appello della notte.

Tanto sacro quanto scomodo, il sacerdote aveva ordinato una chiusura esplosiva dell'Eucaristia. Petardi esplodono sopra il tempio, illuminando la sua torre appuntita e le campane che suonano non meno istericamente.

In un duetto, il rombo della polvere da sparo secca e il rintocco del campanile rendono la notte un inferno, soprattutto la vita del coro che, con tanto rumore, canta al burattino. All'interno del teatro, invece, un pubblico benestante si delizia, senza interferenze, con una grande opera.

Il teatro simbolo della ricchezza Gomma dell'Amazzonia

Il Teatro Amazonas è da tempo la costruzione amazzonica di edifici.

Il simbolo di civiltà più importante dell'intero stato. Eppure era un semplice albero amazzonico: il Hevea brasiliense – che lo ha reso possibile e che, per più di un secolo, ha reso Manaus un improbabile”parigi nella giungla".

Teatro do Amazonas, Manaus, Brasile

Facciata laterale del Teatro Amazonas, il supremo edificio culturale di Manaus e dell'Amazzonia.

Nel XNUMX° secolo, diversi coloni e scienziati avevano già notato come i nativi usassero la linfa solidificata di questo albero per impermeabilizzare scarpe e vestiti, tra gli altri scopi.

I primi esemplari arrivarono in Francia e il loro uso europeo fu inaugurato nel 1803, in reggicalze, elastici per reggiseni e altro. Successivamente, l'azienda americana Goodyear scoprì il processo di vulcanizzazione e la gomma forniva gli pneumatici dei veicoli che Ford vendette presto in massa.

Dopo Cabanagem, la popolazione di Manaus aumentò, ma la fitta e fradicia giungla circostante, l'assenza di metalli preziosi o pietre e i 1600 km in cui si trovava dalla foce dell'Amazzonia e dalla costa ne sbarrarono lo sviluppo.

Fino a quando, alla fine del XNUMX° secolo, il culmine della Rivoluzione Industriale in Europa e in Nord America richiese sempre più gomma, un bene prezioso esclusivo dell'Amazzonia.

Gomma: la materia prima che ha cambiato l'Amazzonia e il mondo

Gli investitori europei e americani si riversarono nella giungla dove Manaus era l'unico centro commerciale degno di questo nome. Si stabilirono in città o nelle fattorie. Acquistarono vasti tratti di giungla che riempirono con piantagioni di alberi della gomma.

Avidi di lavoro, hanno costretto gli indigeni a garantire l'estrazione. In alcune zone gli indigeni – poco adatti alla sottomissione ea compiti ripetitivi che per loro non avevano senso – non resistettero alla schiavitù, alla brutalità e alle malattie diffuse dai coloni.

Ricostruzione dell'estrazione della gomma, periferia di Manaus, Brasile

Caboclo Sôr Tom ricostituisce la secolare lavorazione della linfa dell'albero della gomma

Sono morti a migliaia. Indifferenti, i nuovi Rubber Barons si limitarono ad assumere un'ondata di nuovi arrivati ​​disposti a subire quelle prove.

Nel 1877 una terribile siccità colpì il nordest brasiliano, in particolare lo stato del Ceará. Molti nord-orientali sono emigrati verso quello che sognavano come “terra di fortuna”. Lì vissero in precarie baracche alla periferia della città e, dediti all'illusorio soffocamento del lattice, continuarono ad arricchire i baroni. Manaus ha beneficiato della tavola.

L'ostentazione francese del milionario Manaus

Promossa a capitale mondiale della gomma, fu dotata di elettricità e di tanti altri lussi, prima di molte città europee. Le maniere francesi e francesi erano la moda ostentata del tempo. Chi non parlava francese o si comportava in modo simile si sentiva sminuito agli occhi dei concittadini.

Quando camminiamo per le strade antiche, cosmopolite e sovraffollate di Manaus, la prova di questa vecchia francofonia appare, in modo abbastanza evidente, nell'architettura e anche nei nomi dei locali di altri tempi.

Tra l’altro, una facciata di un palazzo d’angolo, tutta di pizzo, ci regala un bel giallo”au bon marche".

Ex negozio Au Bon Marché, Manaus, Brasile

Un'eredità dell'era della ricchezza e del lusso nel mezzo della giungla amazzonica, l'istituzione Au Bon Marché

Sotto lo pseudonimo di Robin Furneaux, Frederick Robin Smith, uno storico britannico, descrisse l'abbondanza di questo periodo. “Nessuna stravaganza, per quanto assurda, ha fermato i baroni di gomma. Se uno comprasse uno yacht enorme, un altro esporrebbe leoni addomesticati nella sua proprietà e un terzo darebbe champagne ai suoi cavalli.

Mentre veniamo guidati attraverso gli angoli del teatro-opera amazzonico, comprendiamo meglio come si è concretizzato il più sontuoso di questi capricci.

Fu proposto nel 1881, in piena Belle Époque. Lo ha proposto António Fernandes Junior, che aveva la visione di un gioiello culturale nel cuore della foresta amazzonica e ha ottenuto l'approvazione della Camera dei Rappresentanti.

Il progetto è stato realizzato da uno studio di ingegneria e architettura di Lisbona e la costruzione è stata curata da un architetto italiano.

In abbinamento ha aperto La Gioconda, di Amilcare Ponchielli.

Barche ormeggiate a Manaus, Brasile

Barche tradizionali dei fiumi Negro e Solimões ancorate a un molo a Manaus

1912 - L'inizio di un inevitabile declino

Quando arrivò l’anno 1912, i baroni “brasiliani” della gomma non poterono assistere nemmeno alla più grande delle loro tragedie.

Senza che nessuno lo sapesse, l’esploratore inglese Sir Henry Wickam trasferì decine di migliaia di metri di albero della gomma in territori britannici con un clima simile a quello amazzonico, meno isolati e con costi di produzione, al confronto, ridotti. Il monopolio brasiliano si estinse rapidamente.

Dipendente dall'opulenza, Manaus si ritrovò in declino e abbandonata da tutti coloro che potevano andarsene.

Il teatro chiuse per gran parte del XX secolo, all'ombra del crollo dell'illuminazione che, precedentemente fornita da generatori, cominciò ad essere alimentata, a mano e lampada dopo lampada, dal grasso dei famigerati lamantini amazzonici.

Le case splendenti sono state lasciate al tempo e all'umidità, lo stesso vapore di clorofillina che ci fa sudare mentre si ammira il delizioso degrado della zona portuale-fiume della città: il trambusto del Mercato Municipale Adolpho Lisboa (chiamato in onore di uno dei più stimati sindaci di Manaus) e la sfarzosa flotta di navi che assicurano il trasporto lungo le arterie fluviali dell'Amazzonia.

Nel frattempo, è scoppiata la seconda guerra mondiale. L'impero giapponese occupava i principali territori asiatici produttori di gomma. Ha così innescato un secondo boom amazzonico che è durato poco più a lungo del conflitto e non ha impedito l'aggravarsi del vuoto demografico nella regione amazzonica.

La zona di libero scambio e la recente ripresa di Manaus

Vent'anni dopo, un governo brasiliano più attento e ossessionato dalla modernizzazione dei confini del Paese fece di Manaus una zona franca. Gli diede forti incentivi finanziari e lo rese accessibile da una rete di nuove strade. Ha così generato un flusso di investimenti che ha attratto milioni di nuovi abitanti, come investimenti nazionali ed esteri.

Manaus si è confermata una delle città più popolose della nazione e uno dei suoi principali centri turistici. Ha anche dimostrato di essere abbastanza importante da ospitare la sempre controversa e dispendiosa costruzione di un nuovo stadio di calcio e diventare una delle sedi della Coppa del Mondo FIFA 2014.

Numerose industrie hanno sostituito l'export esclusivo della gomma e, attualmente, garantiscono la costante espansione della città.

La nuova fama del teatro di Manaus

Il teatro, quello, ha riacquistato la sua aura nei primi anni 80. In quel periodo, il regista Werner Herzog lo ha pubblicato nel suo poema epico "Fitzcarraldo”. Oggi film cult, il film ha affrontato la storia di Brian Sweeney Fitzgerald, un imprenditore irlandese e amante dell'opera residente a Iquitos, quando questa città peruviana prosperava anche grazie all'esportazione della gomma.

Più romantico che imprenditore, Fitzgerald perseguì un folle piano per costruire un teatro dell'opera a immagine del più famoso d'Europa in un'area della giungla con atroce accesso al fiume, abitata da indigeni intrattabili.

Senza voler svelare il risultato, da quell'era fruttuosa in poi, Iquitos si è evoluta nella capitale peruviana della gomma e, successivamente, nell'Amazzonia peruviana. Ancora oggi ospita meno di 500.000 abitanti.

Teatro Manaus, Brasile

Il Teatro Amazonas brilla nel cuore storico di Manaus

L'unica Teatro lirico amazzonico in Sud America è il Teatro Amazonas.

Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Curitiba, Brasile

La vita elevata di Curitiba

Non è solo l'altitudine di quasi 1000 metri a cui si trova la città. Cosmopolita e multiculturale, la capitale del Paraná ha un indice di qualità della vita e sviluppo umano che la rendono un caso a sé in Brasile.

Florianopolis, Brasile

L'eredità delle Azzorre dell'Atlantico meridionale

Durante il XNUMX° secolo, migliaia di isolani portoghesi perseguirono una vita migliore nella parte meridionale del Brasile. Negli insediamenti da loro fondati abbondano tracce di affinità con le origini.

Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Lenzuola Bahia, Brasile

La libertà paludosa di Quilombo do Remanso

Gli schiavi fuggiaschi sopravvissero per secoli in una zona umida della Chapada Diamantina. Oggi il quilombo di Remanso è simbolo della loro unione e resistenza, ma anche dell'esclusione a cui sono stati votati.
Ilhabela, Brasile

Ilhabela: Dopo l'orrore, la bellezza atlantica

Il novanta per cento della foresta atlantica preservata, cascate idilliache e spiagge dolci e selvagge sono all'altezza del suo nome. Ma, se andiamo indietro nel tempo, sveliamo anche l'orribile aspetto storico di Ilhabela.
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
Brasilia, Brasile

Brasilia: dall'utopia all'arena politica e capitale del Brasile

Fin dai tempi del marchese di Pombal si parlava di trasferire la capitale nell'entroterra. Oggi, la città chimera continua a sembrare surreale ma detta le regole dello sviluppo brasiliano.
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu, Brasile

Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu: febbre da watt

Nel 1974 migliaia di brasiliani e paraguaiani si sono incontrati nella zona di costruzione della diga più grande del mondo. 30 anni dopo il completamento, Itaipu genera il 90% dell'energia del Paraguay e il 20% di quella brasiliana.
Isola Marajó, Brasile

L'isola dei bufali

Una nave che trasporta bufali da India sarà naufragato alla foce del Rio delle Amazzoni. Oggi l'isola di Marajó che li ha accolti ha uno degli armenti più grandi del mondo e il Brasile non può fare a meno di questi bovini.
Cascate dell'Iguazù/Iguazù, Brasile/Argentina

Il tuono della grande acqua

Dopo un lungo viaggio tropicale, il fiume Iguaçu fa il grande passo. Lì, al confine tra Brasile e Argentina, si formano le cascate più grandi e imponenti sulla faccia della Terra.
Chapada Diamantina, Brasile

Bahía de Gema

Fino alla fine del sec. Nel XNUMX° secolo, Chapada Diamantina era una terra di prospezioni e ambizioni smisurate.Ora che i diamanti sono rari, gli estranei sono ansiosi di scoprirne gli altipiani e le gallerie sotterranee.
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Pirenópolis, Brasile

Crociate brasiliane

Gli eserciti cristiani espulsero le forze musulmane dalla penisola iberica nel XVI secolo. XV ma, a Pirenópolis, nello stato brasiliano di Goiás, continuano a trionfare i sudamericani di Carlo Magno.
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Manaus, Brasile

Al Meeting delle Acque

Il fenomeno non è unico, ma a Manaus ha una bellezza e una solennità speciali. Ad un certo punto i fiumi Negro e Solimões confluiscono nello stesso alveo dell'Amazzonia, ma invece di mescolarsi immediatamente, entrambi i flussi continuano fianco a fianco. Mentre esploriamo queste parti dell'Amazzonia, assistiamo all'insolito confronto dell'Incontro delle Acque.
Pirenópolis, Brasile

Una Polis nei Pirenei sudamericani

Le miniere di Nossa Senhora do Rosário da Meia Ponte furono costruite da pionieri portoghesi, nel periodo di massimo splendore del ciclo dell'oro. Per nostalgia, probabilmente gli emigranti catalani chiamavano le montagne intorno ai Pirenei. Nel 1890, già in un'era di indipendenza e di innumerevoli ellenizzazioni delle loro città, i brasiliani battezzarono questa città coloniale Pirenópolis.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Safari
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Muktinath a Kagbeni, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Kagbeni
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Architettura & Design
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Aventura
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Sfilata e sfarzo
Cerimonie e Feste
San Pietroburgo, Russia

La Russia va controcorrente. segui la marina

La Russia dedica l'ultima domenica di luglio alle sue forze navali. Quel giorno, una folla visita grandi barche ormeggiate nel fiume Neva mentre marinai annegati nell'alcol prendono il controllo della città.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Città
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
giovane commessa, nazione, pane, uzbekistan
cibo
Valle di Fergana, Uzbekistan

Uzbekistan, la nazione a cui non manca il pane

Pochi paesi usano cereali come l'Uzbekistan. In questa repubblica dell'Asia centrale, il pane gioca un ruolo vitale e sociale. Gli uzbeki lo producono e lo consumano con devozione e in abbondanza.
Villaggio di Cuada, isola di Flores, Azzorre, quartiere arcobaleno
Cultura
Aldeia da Cuada, Isola di Flores, Azzorre

L'Eden delle Azzorre tradito dall'altra Sponda del Mare

Cuada è stata fondata, si stima che nel 1676, vicino alla soglia ovest di Flores. Nel XNUMX° secolo, i suoi residenti si unirono alla grande fuga precipitosa delle Azzorre verso le Americhe. Hanno lasciato un villaggio meraviglioso come l'isola e le Azzorre.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
il jet lag evita il volo, il jetlag, la turbolenza
In viaggio
Jet lag (parte 1)

Evita le turbolenze post-volo

Quando voliamo attraverso più di 3 fusi orari, l'orologio interno che regola il nostro corpo si confonde. Il massimo che possiamo fare è alleviare il disagio che proviamo finché non torna a posto.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
Etnico
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

Little Big Senglea II
Storia
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Isola di São Tomé, São Tomé e Principe, Nord, Roça Água Funda
Isole
São Tomé, São Tome e Principe

Attraverso il Tropical Cocuruto di São Tomé

Con l'omonimo capoluogo alle nostre spalle, ci siamo messi alla scoperta della realtà dell'azienda agricola Agostinho Neto. Da lì, abbiamo preso la strada costiera per l'isola. Quando finalmente l'asfalto si arrende alla giungla, São Tomé si è confermata in cima alle più belle isole africane.
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
silhouette e poesia, cora coralina, old goias, brasile
Letteratura
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Monteverde, Costa Rica, Quaccheri, Riserva Biologica di Bosque Nuboso, escursionisti
Natura
Monteverde, Costa Rica

Il Rifugio Ecologico che i Quaccheri lasciarono in eredità al mondo

Disilluso dalla propensione militare statunitense, un gruppo di 44 quaccheri emigrò in Costa Rica, una nazione che aveva abolito l'esercito. Agricoltori, allevatori, sono diventati ambientalisti. Hanno reso possibile una delle roccaforti naturali più venerate dell'America centrale.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Itinerario Vila Velha Paraná, Paraná Tropeirismo
Parchi Naturali
Parco Vila Velha a Castro, Paraná

In Paraná, sulla Via del Tropeirismo

Tra Ponta Grossa e Castro, viaggiamo attraverso Campos Gerais do Paraná e attraverso la sua storia. Per il passato dei coloni e dei mandriani che hanno segnato la regione sulla mappa. Anche quello degli immigrati olandesi che, in tempi più recenti e, tra tanti altri, hanno arricchito l'assortimento etnico dello Stato brasiliano.
New Orleans Louisiana, prima linea
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
New Orleans, Louisiana, EUA

La Musa del Grande Sud Americano

New Orleans si distingue dal contesto conservatore americano come difensore di tutti i diritti, talenti e irriverenza. Un tempo francese, francesizzata per sempre, la città del jazz ispira nuovi ritmi contagiosi, la fusione di etnie, culture, stili e sapori.
Monumento a Heroes Acre, Zimbabwe
personaggi
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
Bagni insoliti
Spiagge

a sud di Belize

La strana vita nel sole nero dei Caraibi

Sulla strada per il Guatemala, vediamo come l'esistenza proscritta del popolo Garifuna, discendente degli schiavi africani e degli indiani Arawak, contrasti con quella di diverse roccaforti balneari molto più ariose.

Funivia di Sanahin, Armenia
Religione
Alaverdi, Armenia

Una funivia chiamata Ensejo

La parte superiore della gola del fiume Debed nasconde i monasteri armeni di Sanahin e Haghpat e condomini sovietici a schiera. Il suo fondo ospita la miniera di rame e la fonderia che sostiene la città. A collegare questi due mondi è una provvidenziale cabina sospesa in cui gli alaverdi si aspettano di viaggiare in compagnia di Dio.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
Società
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Animali selvatici
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.