Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà


Annapurna glaciale II
Il ghiacciaio scivola lungo il pendio del grande monte Gangapurna.
calore e intimità
Un gruppo di residenti si scalda nell'ultimo sole del pomeriggio, sulla facciata di un ristorante.
Pazienza
Un residente di Manang aspetta una mandria su un pendio che porta alla città.
Manang nei toni del blu
Case Manang bluastre, viste dal versante meridionale dell'Annapurnas.
mandria in modalità psichedelica
Capre irsute con corna dipinte a colori vivaci.
Case Manang
Case Manang viste dal versante meridionale dell'Annapurna.
generazioni
Residenti di Manang per due generazioni di seguito, nel sole del tardo pomeriggio.
Cure mediche
Sara Wong durante la sua consultazione sul mal di montagna a Manang.
fede di gruppo
I credenti buddisti tibetani fanno girare le ruote della preghiera a Manang.
spuntino perfetto
Un connubio sacro del Circuito dell'Annapurna: tè al latte e torta di mele.
Verso il recinto
Gli yak vagano per un vicolo ombroso a Manang.
Annapurna glaciale
Il ghiacciaio scivola lungo il pendio del grande monte Gangapurna.
La Sala del Proiettore
La sala di proiezione del cinema Manang, annuncia le prossime sessioni.
uomo contro montagna
Marco e Josua osservano un ghiacciaio sul pendio del monte Gangapurna.
passeggiata riscaldata
Un nativo di Manang passa attraverso un fuoco mosso dal vento.
ruote della preghiera
Due ruote di preghiera buddiste con una testa di yak sopra.
Ritorno a Manang
Josua e Marco C. Pereira tornano da un'escursione di acclimatamento
Il sole che resta
Il residente di Manang si riscalda al sole del tardo pomeriggio
traffico di capre
Mandria di capre occupa una strada ombreggiata a Manang.
Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).

A quel tempo, per quanto peso portassimo, che non era poco, un tratto di 1.6 km, come quello che separava Braga (Bhakra) da Manang, si è rivelato un semplice riscaldamento.

lasciamo Braga integrato nel mini plotone internazionale in cui abbiamo seguito.

Venti minuti di battute dopo, stavamo controllando Manang. Già com'era, siamo arrivati ​​con il tempo per scegliere con attenzione l'alloggio. Poiché l'offerta era abbondante, ci siamo separati.

Abbiamo studiato i prezzi e le condizioni di uno o due hotel. Presto ci siamo incontrati di nuovo e abbiamo confrontato ciò che avevamo.

Manang, Circuito dell'Annapurna, Nepal

Case Manang viste dal versante meridionale dell'Annapurna.

Abbiamo trovato un hotel soleggiato che ci ha fatto pagare solo il cibo purché almeno avessimo colazione e cena lì. Per quanto riguarda le terme nulla è migliorato rispetto ai giorni precedenti. Il reclutatore nepalese ci ha promesso ancora una volta docce calde al mattino ea fine giornata.

Infatti la nostra, come altre stanze, aveva la doccia. Ma, come accadeva da diversi giorni, in quell'albergo mancava anche una soluzione per il congelamento notturno delle condutture dell'acqua della montagna. Quindi, quando ci siamo alzati e per due ore buone non c'era niente che usciva dai rubinetti, per non parlare dell'acqua calda.

Ci uniamo al gruppo nell'accogliente sala da pranzo e da tè dell'hotel. divoriamo latte, avena fumante e pane tibetano ancora croccante. Abbiamo parlato un po' di tutto e rimandato i piani per qualunque cosa fosse.

Milktea e torta di mele, Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal

Un connubio sacro del Circuito dell'Annapurna: tè al latte e torta di mele.

Abbiamo condiviso l'idea che Manang abbia segnato una prima frontiera. Da lì, a Thorong La, l'apice montuoso del circuito dell'Annapurna, non avremmo mai più rivisto una città degna dello status di città. Nemmeno dal villaggio.

O anche villaggio. Solo villaggi che fornivano agli estranei l'essenziale per la sopravvivenza.

Primi passi lungo il centro commerciale Manang

Di conseguenza, l'innocente passeggiata lungo il viottolo terroso di Manang si è rapidamente trasformata in una serie di ricerche e test su ciò che non avevamo comprato a Pokhara.

Gli abitanti di Manang erano ben consapevoli dell'ansia con cui gli escursionisti arrivavano alla loro terra. E l'effetto calmante che avevano su di loro i loro negozietti pieni di guanti, calze, giacche a vento, sacchi a pelo e altro.

In uno, abbiamo acquistato scaldamani e piedi chimici. In un altro calzini ancora più caldi di quelli che avevamo noi. È un termine di qualità che ci mancava da tempo. In un altro ancora, paia di tacchette di metallo da attaccare agli stivali. Tale acquisto, in particolare, si rivelerebbe provvidenziale.

Sfidati da Josua, il bonario tedesco che ci ha accompagnato per una parte significativa del circuito, abbiamo anche comprato una generosa fetta del famoso formaggio di yak della regione.

Siamo passati davanti alla sala di proiezione di Manang. Annuncia tre film per lo stesso numero di giorni, tutti allineati in termini concettuali con ciò che intratteneva gli stranieri lì: “Side of the Wild” di Sean Penn. “Sette anni in Tibet” di Jean-Jacques Annaud, con Brad Pitt. E, infine, “Everest” di Baltasar Kormákur.

Poster della sala di proiezione, Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal

La sala di proiezione del cinema Manang, annuncia le prossime sessioni.

Ci imbattiamo nella sede dell'Himalayan Rescue Association Nepal e, nelle vicinanze, nella Safe Drinking Water Station della città. Abbiamo approfittato e rinnovato ciò che abbiamo conservato. Quindi, giriamo su e giù per Manang, attenti alle sue curiosità, senza fretta né compromessi.

Eravamo ancora al primo giorno di quell'insolito acclimatamento urbano, anche considerando che Manang ha poco di una città convenzionale.

Ruote della preghiera, circuito dell'Annapurna, Nepal

Due ruote di preghiera buddiste con una testa di yak sopra.

Il ritorno anticipato all'accogliente hotel

Il tempo non ha tardato a dettare il suo ordine. Nubi pesanti invadono il cielo. Dal nulla, un vento umido e gelido spazza la valle del Marsyangdi e la spruzza con una pioggia quasi solida. Un pastore che è appena apparso dal retro del villaggio conduce un gregge di capre irsute su per la strada verso i recinti del suo rifugio.

Mandria, Manang, Circuito dell'Annapurna, Nepal

Capre irsute con corna dipinte a colori vivaci.

Era il segnale che stavamo aspettando. Indichiamo nella direzione opposta del bestiame. Ritiriamo in hotel.

Inaspettatamente, il ritorno anticipato ci ha presentato un tavolo e sedie proprio accanto alla popolare salamandra nella sala da pranzo. A fine giornata ha nevicato un po', tanto da tingere di bianco notte l'Annapurna.

Eravamo ancora un po' esausti per le dolorose escursioni di acclimatamento da Bhakra. Quindi, verso le otto e mezza, la pressione appena velata dei proprietari dell'hotel per portare gli ospiti nelle loro stanze soddisfa il nostro subconscio come una ninna nanna.

Il corso inaugurale di acclimatamento a Manang

La nuova alba rivela un'atmosfera ancora nebbiosa e fredda. Consapevoli dell'urgenza di forzare i nostri corpi per l'ardua traversata che ci aspettava, abbiamo accettato la sfida di Josua di completare una delle passeggiate di acclimatamento consigliate.

Siamo tornati attraverso l'intera Manang. Arrivati ​​alla sua soglia nord-ovest, scendiamo verso il fiume Marsyangdi.

Aspetta, Manang, Circuito dell'Annapurna, Nepal

Un residente di Manang aspetta una mandria su un pendio che porta alla città.

Lo attraversiamo da un lungo ponte sospeso. Dall'altro lato, ci vediamo in alto sopra il flusso verdastro del lago Gangapurna. Invece di cercare le sue sponde, continuiamo a salire. Dapprima lungo un sentiero che ha conquistato grandi pareti di ghiaia, residui dell'erosione dei successivi disgeli e alluvioni.

Poche centinaia di metri più avanti, il sentiero si addentra in una pineta collinare. Avrebbe dovuto zigzagare su quel pendio, ma sembra tanto antiquato quanto mal tenuto. E ingannaci bene ingannati.

Una brutta strada, scivolosa e troppo ripida

Quando ci troviamo, stiamo risalendo un pendio scivoloso. All'inizio risulta essere innocuo. Tuttavia, guadagna una pendenza sorprendente e una visione dell'abisso molto più spaventosa di quanto pensassimo possibile.

Non ci aspettavamo che la pseudo-arrampicata a quattro zampe e le telecamere al collo si mettessero solo d'intralcio. A poco a poco, con pazienza, un po' di sangue freddo e i preziosi interventi di Josua che aveva vissuto in Ecuador e l'aveva definita una passeggiata, siamo arrivati ​​in cima sani e salvi.

Escursione, Manang, Circuito dell'Annapurna, Nepal

Josua e Marco C. Pereira tornano da un'escursione di acclimatamento

Decomprimiamo il problema. Pochi istanti dopo ci ritroviamo a proseguire sul sentiero che avevamo perso alla base del pendio. Abbiamo maledetto le autorità di Manang e l'abbandono a cui avevano votato.

Si prosegue attraverso la grande montagna del Gangapurna (7455 m), in parte ricoperta di pineta, in altre, di fieno e ginestre arse dal freddo.

La destinazione finale dell'escursione: il ghiacciaio Gangapurna

La salita rivela uno spigolo alto. Dalla sua sommità ricoperta di vegetazione, sveliamo una parete glaciale della montagna, una specie di cascata di ghiaccio che si estendeva lungo la gola tortuosa, in un torrente solido ma mobile, di blocchi verticali aguzzi e delle fessure che li separavano. Improvvisamente, la vista ci lascia in un'evidente estasi visiva.

Pista escursionistica Gangapurna, circuito dell'Annapurna, Nepal

Marco e Josua osservano un ghiacciaio sul pendio del monte Gangapurna.

L'apprezzamento del paesaggio non sembra raggiungere Josua che ci sfida a scendere fino al limite del ghiacciaio. Ma il vento si è alzato. Evocava nuvole che ci facevano sospettare una tempesta. Chiamiamo Josua a ragionare e concordiamo sull'emergenza per inaugurare la discesa.

Rilievo del ghiacciaio del Gangapurna, circuito dell'Annapurna, Nepal

Il ghiacciaio scivola lungo il pendio del grande monte Gangapurna.

Quindi, già sul percorso corretto, il ritorno scorre senza incidenti. Ci offre ampi panorami delle case di Manang, distese in un tratto liscio del versante opposto, elevato al di sopra del Marsyandi.

La consulenza medica Touch and Run a Manang

Quando siamo rientrati in città, ci siamo resi conto di essere stati in anticipo rispetto alla tempesta. Ricordiamo inoltre che eravamo gli unici nel gruppo a non essere andati alla visita medica consigliata a coloro che intendevano proseguire il Circuito dell'Annapurna oltre Thorong La.

A pochi metri dall'Himalayan Rescue Association, abbiamo deciso che era giunto il momento di risolverlo.

Noi entriamo. Ci siamo lamentati con le signore nepalesi alla reception della mancanza di segnaletica sul sentiero da cui stavamo tornando. Chiariamo che questa mancanza ci aveva condotto su un falso sentiero che poteva vittimizzare gli escursionisti meno preparati.

Le signore accolgono la denuncia con sorrisi sarcastici che a noi suonano come inerzia. Appena vedono partire il paziente che ci ha preceduto, lo mandano nel freddo isolamento anti-protesta dello studio.

Un giovane dottore in un enorme piumino ci accoglie e ci invita a sederci. Di fronte a lui ha un ossimetro da dito, un misuratore di pressione sanguigna e un grande quaderno Sayapatri Deluxe, che funge da libro dei record.

Consulenza sul mal di montagna, Manang, Circuito dell'Annapurna, Nepal

Sara Wong durante la sua consultazione sul mal di montagna a Manang.

Inizia annotando i dati essenziali: nazionalità, età, peso. Chiede se abbiamo avuto sintomi di mal di montagna nei giorni precedenti a Manang. Abbiamo risposto ai tre no. Che nemmeno durante le salite di acclimatamento al lago ghiacciato (4600 m), a grotta milarepa (4150 m) o quella da cui stavamo tornando, anche sopra i 4100 metri.

Dopo aver scoperto questa storia, il medico sembra convinto di abbreviare la consultazione. Mettici l'ossimetro sulle dita. Controllando il 99% di O2 e un battito cardiaco normale, corri con noi il più velocemente possibile.

Josua torna in albergo. Stavamo filtrando e fotografando la magica fine della giornata a Manang, girovagando tra i suoi vicoli di pietra e legno. Lo stesso gregge di capre del giorno prima, riattraversa il viale principale.

Torna alla scoperta di Manang, alla luce dell'ultimo sole del giorno

Con il sole che splende sulle pendici settentrionali, gruppi di residenti condividono il caldo, chiacchierando insieme su una panchina fuori da un ristorante.

Locals in the Sun, circuito dell'Annapurna, Nepal

Un gruppo di residenti si scalda nell'ultimo sole del pomeriggio, sulla facciata di un ristorante.

Una fila di donne fedeli si snoda attorno al muro di preghiera alla base dello stupa buddista bianco e oro che benedice la città. Abbiamo lasciato quel nucleo soleggiato del paese determinati a trovare altri angoli illuminati.

Durante questo pellegrinaggio, abbiamo superato un nuovo stupa, munito di colorati stendardi buddisti con cui la burrasca marginale del villaggio sembrava frustare il lontano Annapurna.

Buddisti tibetani, Manang, Circuito dell'Annapurna, Nepal

I credenti buddisti tibetani fanno girare le ruote della preghiera a Manang.

Abbiamo continuato senza meta. Anche se giorno dopo giorno gli escursionisti stranieri la invadono e si mescolano ai suoi 6500 abitanti, Manang conserva un'originale vita rurale, a parte guide, facchini, hotel, negozi e ristoranti.

In un vicolo buio, gelido come lo stesso, ci imbattiamo in una fila di capre che aspettano il loro turno per entrare nei recinti.

Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal

Mandria di capre occupa una strada ombreggiata a Manang.

Una donna guida due cavalli sotto la porta nord della città. È seguita da tre ragazze, ognuna con una bomboletta di gas sulla schiena, all'interno dei tradizionali cestini di vimini.

Laggiù, un'altra contadina con le mani sporche spinge uno yak testardo verso una destinazione che non siamo riusciti a determinare.

Falò, Manang, Circuito dell'Annapurna, Nepal

Un nativo di Manang passa attraverso un fuoco mosso dal vento.

Siamo tornati nel centro più aperto, frequentato e luminoso di Manang. Lì, tra polli opportunisti, all'ingresso del deposito di kerosene della città, un giovane padre si diverte a giocare a pallone con il figlio inciampante.

Giovani residenti, Manang, Circuito dell'Annapurna, Nepal

Residenti di Manang per due generazioni di seguito, nel sole del tardo pomeriggio.

Il vecchio sole cadde presto dietro l'Annapurna. Ha preso dalla città e ha preso da noi la coperta che ci aveva prestato. Non lo ha restituito fino alla tarda mattinata successiva.

Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Thorong Pedi a High Camp, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Escursionista solitario
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Little Big Senglea II
Architettura & Design
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Aventura
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
Fatica nei toni del verde
Cerimonie e Feste
Suzdal, Russia

A Suzdal, Pepino è celebrato per Pepino

Con l'estate e il clima caldo, la città russa di Suzdal si rilassa dalla sua millenaria ortodossia religiosa. Il centro storico è anche famoso per avere i migliori cetrioli della nazione. Quando arriva luglio, trasforma il appena raccolto in una vera festa.
corteo sfarzoso
Città
Suzdal, Russia

Mille anni di Russia antiquata

Era una capitale sontuosa quando Mosca era solo un villaggio rurale. Lungo il percorso perse rilevanza politica ma accumulò la più grande concentrazione di chiese, monasteri e conventi nel paese degli zar. Oggi, sotto le sue innumerevoli cupole, Suzdal è tanto ortodossa quanto monumentale.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
Cultura
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Kayak sul Lago Sinclair, Cradle Mountain - Parco Nazionale del Lago Sinclair, Tasmania, Australia
In viaggio
alla Scoperta di Tassiè, Parte 4 - Da Devonport a Strahan, Australia

Attraverso il selvaggio West della Tasmania

Se il quasi-antipode tazzie è già un mondo australiano a parte, che dire della sua inospitale regione occidentale. Tra Devonport e Strahan, fitte foreste, fiumi sfuggenti e una costa frastagliata battuta da un Oceano Indiano quasi antartico generano enigma e rispetto.
Lifou, Isole della Lealtà, Nuova Caledonia, Mme Moline popinée
Etnico
Lifou, Isole della Lealtà

La più grande fedeltà

Lifou è l'isola centrale delle tre che formano l'arcipelago semifrancese al largo della Nuova Caledonia. Col tempo, i nativi Kanak decideranno se vogliono che il loro paradiso sia indipendente dalla lontana metropoli.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Kirkjubour, Streymoy, Isole Faroe
Storia
kirkjubor, Streymoy, Isole Faroe

Dove il cristianesimo faroese ha dato la costa

Ad appena un anno dall'inizio del primo millennio, un missionario vichingo di nome Sigmundur Brestisson portò la fede cristiana nelle Isole Faroe. Kirkjubour, divenne il rifugio e la sede episcopale della nuova religione.
Isola Brava Capo Verde, Macaronesia
Isole
Brava, Capo Verde

L'isola Brava di Capo Verde

Al tempo della colonizzazione, i portoghesi si imbatterono in un'isola umida e rigogliosa, cosa rara a Capo Verde. Brava, la più piccola delle isole abitate e una delle meno visitate dell'arcipelago, conserva la genuinità della sua natura atlantica e vulcanica alquanto sfuggente.
Rompighiaccio Sampo, Kemi, Finlandia
bianco inverno
Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
La Gran Sabana
Natura

Gran Sabana, Venezuela

Un vero parco giurassico

Solo la solitaria strada EN-10 si avventura nella selvaggia punta meridionale del Venezuela. Da lì, sveliamo scenari ultraterreni, come la savana piena di dinosauri nella saga di Spielberg.

Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Impressioni Mostra di Lijiang, Yangshuo, Cina, Red Entusiasmo
Parchi Naturali
Lijiang e Yangshuo, Cina

Una Cina impressionante

Zhang Yimou, uno dei più famosi registi asiatici, si è dedicato a grandi produzioni outdoor ed è stato coautore delle cerimonie mediatiche delle Olimpiadi di Pechino. Ma Yimou è anche responsabile di “Impressions”, una serie di allestimenti non meno controversi con palchi in luoghi emblematici.
Roça Sundy, Príncipe Island, Teoria della Relatività, Belvedere
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Roca Sundy, Ilha do Principe, São Tome e Principe

La certezza della teoria della relatività

Nel 1919, Arthur Eddington, un astrofisico britannico, scelse il Sundy Garden per provare la famosa teoria di Albert Einstein. Più di un secolo dopo, il nord dell'isola di Príncipe che lo ha accolto è ancora tra i luoghi più belli dell'universo.
La maschera di Zorro in mostra durante una cena presso la Pousada Hacienda del Hidalgo, El Fuerte, Sinaloa, Messico
personaggi
El Fuerte, Sinaloa, Messico

La Culla di Zorro

El Fuerte è una città coloniale nello stato messicano di Sinaloa. Nella sua storia verrà ricordata la nascita di Don Diego de La Vega, si dice che in un palazzo del paese. Nella sua lotta contro le ingiustizie del giogo spagnolo, Don Diego si trasformò in un sfuggente uomo mascherato. A El Fuerte avrà sempre luogo il leggendario “El Zorro”.
Santa Marta, Tayrona, Simón Bolivar, Ecohabs del Parco Nazionale Tayrona
Spiagge
Santa Marta e PN Tayrona, Colombia

Il paradiso da cui partì Simón Bolívar

Alle porte di PN Tayrona, Santa Marta è la più antica città ispanica abitata continua in Colombia. In esso, Simón Bolívar iniziò a diventare l'unica figura del continente venerata quasi quanto Gesù Cristo e la Vergine Maria.
Contadino, Majuli, Assam, India
Religione
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
Bufali, isola di Marajo, Brasile, Bufali della polizia acida
Società
Isola Marajó, Brasile

L'isola dei bufali

Una nave che trasporta bufali da India sarà naufragato alla foce del Rio delle Amazzoni. Oggi l'isola di Marajó che li ha accolti ha uno degli armenti più grandi del mondo e il Brasile non può fare a meno di questi bovini.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Animali selvatici
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.