Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa


Wilkommen in Africa
Case eccentriche a Luderitz con le torri di due chiese che svettano ai margini del deserto del Namib.
Squadrone Nero
Gli svassi volano controvento sul disegno di Bartolomeu Dias.
in via Berg
Una donna cammina lungo Berg Street, il vecchio centro urbano della città.
Bartolomeu Dias è passato di qui
Replica del motivo Bartolomeu Dias su un promontorio ai margini della baia di Luderitz.
Casa Goerke
La casa Goerke con la sua strana architettura di influenza bavarese, evidenziata dalla Montagna dei Diamanti.
un atlantico coraggioso
L'onda si infrange contro il bordo roccioso dell'Atlantico selvaggio e ghiacciato al largo della baia di Luderitz.
Baci. Se stesso
Madre e figlia, abitanti delle città, con tratti che mostrano il mix genetico consolidato durante il periodo coloniale di Lüderitz.
un pasto con le gambe
I fenicotteri si nutrono accanto a una barca spiaggiata vicino alla città.
Nuovi colori del vecchio Lüderitz
L'edificio della vecchia scuola di Luderitz è ancora diviso in Lesehalle (sala di lettura) e Turnhalle (sala esercizi).
L'accogliente Namibe
Nuova ed umile casa alla periferia del centro storico della città, occupata da dipendenti dell'unità di lavorazione del pesce di Pescanova e di altre attività.
Squadrone Nero II
Gli svassi battono la burrasca sopra la fitta nebbia causata dalla differenza di temperatura tra il gelido Atlantico e il caldo deserto del Namib.
più vicino a Dio
La chiesa di Felsekirche nel suo ritiro su Luderitz.
Namibe in riva al mare
Faro e case nelle vicinanze di Angra Pequena.
SSSS
I meandri di un fiume che scorre tra Angra Pequena e Luderitz.
Modello di scoperta
Replica del disegno lasciato da Diogo Cão ad Angra Pequena, oggi, alle porte di Lüderitz.
Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.

L'avvicinamento ad Angra Pequena conferma il fenomeno meteorologico che ha generato Namibe.

Nell'entroterra resistette incontrastata al caldo secco e abrasivo a cui già ci aveva abituato il deserto. Più ci avvicinavamo alla baia selvaggia di fronte a Lüderitz, più l'aria si rinfrescava e arrivava con una fragranza stimolante di iodio marino.

Per qualche chilometro in più, serpeggiamo su strada sterrata e sale pressato.

Costeggiamo il lungo tratto di mare a sud della città per poi dirigerci nuovamente a nord, verso la penisola esposta all'Atlantico già definita come nostra destinazione finale.

Superammo il faro a strisce bianche e rosse e nitide che lo annunciava.

Piccola Agra, Namibia

Faro e case vicino ad Angra Pequena

Da quel momento in poi, il vento acquista una potenza travolgente.

Proietta onde sfrenate contro le rocce e spinge lungo la costa ondate di nebbia, a volte così fitta da togliere completamente la vista della costa frastagliata.

L'Oceano Atlantico ondeggia al largo di Luderitz, in Namibia

L'onda si infrange contro il bordo roccioso dell'Atlantico selvaggio e ghiacciato al largo della baia di Luderitz.

Anche diffuso in quel manto bianco intermittente, si intravede un disegno evidenziato sulla sommità di un promontorio roccioso.

Diogo Cão, Bartolomeu Dias e la nebbia congelata di Angra Pequena

Non c'erano dubbi. Nel 1486 Diogo Cão arrivò nell'attuale zona di Capo Croce. Un anno dopo, al servizio di D. João II e al comando di due caravelle con cinquanta canne e una navetta di appoggio, Bartolomeu Dias attraversò, proprio lì, il limite di Diogo Cão.

Poi, la navigazione è proseguita alla ricerca del confine meridionale dell'africa.

Abbiamo costeggiato una scala di legno distrutta dalle maree inclemente e siamo saliti sulle rocce. Dall'alto, sventagliati dalle raffiche furiose, abbiamo ammirato la forza delle onde che modellavano gli affioramenti rocciosi e facevano ondeggiare la foresta. fuco che era stato trascinato lì.

Onde, nebbia e vento si fronteggiavano. Dal nulla, uno squadrone di svassi vola su di noi a grande velocità. Dopo quello, un altro. E tanti altri, il più vicino possibile alla burrasca.

Gli svassi volano sopra il modello Bartolomeu Dias, Luderitz, Namibia

Gli svassi volano controvento sul disegno di Bartolomeu Dias.

Quella strana migrazione che screziava di nero il cielo imbiancato si protrasse per venti minuti buoni.

In quel tempo rimaniamo assorti, con gli occhi per aria.

Senza nulla che ci affretti, sbirciamo ancora altri angoli di un'insenatura attigua.

Una di esse svela, dall'altra parte della grande baia, le case di Lüderitz. Lo vediamo appollaiato sulla costa arida così comune in tutta la Namibia.

Un tempio giallo si staglia sopra i tetti rossi degli altri edifici, non tanto dal terreno sabbioso.

Era l'iconica chiesa evangelica luterana di Felsenkirche.

Luderitz, Namibia

La stravagante residenza di Luderitz con due campanili che svettano sul confine del deserto del Namib

La genesi germanica dell'antica Lüderitz

I coloni tedeschi che lo costruirono non persero tempo a cercare ispirazione.

Poiché la collina (in seguito soprannominata Diamond Mountain) su cui furono poste le fondamenta era rocciosa, la chiamarono Chiesa delle Rocce.

Il nome, come tante altre influenze germaniche, è qui per durare.

Eppure il predominio teutonico di queste parti non fu mai verificato. Quando finalmente giunse a buon fine, derivò da una ridicola congiuntura coloniale.

Dal passaggio di Diogo Cão e Bartolomeu Dias, la presenza degli europei nel deserto del Namibe si limitò al limitato e rapido passaggio o insediamento di navigatori e mercanti. Questa realtà durò fino al 1800.

All'inizio del XIX secolo, le società missionarie tedesche e inglesi si stabilirono ed eressero chiese.

Chiesa Felsekirche, Luderitz, Namibia

La chiesa di Felsekirche nel suo ritiro su Luderitz.

Allo stesso tempo, mercanti e contadini aprirono botteghe e fondarono magazzini. Alcuni, britannici, si concentrarono intorno all'attuale Walvis Bay.

Storica in Europa e già proiettata in altre parti della Terra, la rivalità tra Germania e Gran Bretagna si estese a quell'inospitale fine del mondo.

Adolf Lüderitz: fondatore di … Lüderitz

Nel 1882, Adolf Lüderitz, un commerciante di Brema, chiese protezione al cancelliere tedesco per una stazione commerciale che intendeva costruire nell'Africa sudoccidentale.

Otto von Bismarck era stato per tutta la vita contro l'espansione coloniale dell'Impero tedesco.

Riteneva che conquistare, mantenere e difendere le colonie sarebbe costato più del profitto che portavano. A ciò si aggiungerebbe il rischio che il danno possa sabotare il potere che la Germania mantiene in Europa.

Contro la sua opinione, c'erano milioni di tedeschi che hanno visto le nazioni europee rivali far crescere i loro imperi. In molti casi, approfitta delle colonie.

C'erano anche mercanti e avventurieri con sogni e progetti in diverse parti del mondo, come Lüderitz.

Questo è stato contemplato con la fortuna di Bismarck che necessitava di essere rieletto e, come tale, costretto ad accontentare i difensori dell'espansione coloniale.

Fiume vicino a Luderitz, Namibia

I meandri di un fiume che scorre tra Angra Pequena e Luderitz.

Non appena ha avuto il sostegno del cancelliere, Lüderitz ha incaricato Heinrich Vogelsand - un suo dipendente - di acquisire un terreno ad Angra Pequena da un capo Nama. Riuscì così a costruire un villaggio al quale Lüderitz diede il suo nome.

Dal resto del continente africano al magazzino tedesco

Nel 1884, determinato a prevenire l'intrusione britannica, Lüderitz riuscì a far dichiarare l'area un protettorato dell'Impero tedesco. Pochi mesi dopo fu issata la bandiera tedesca.

In modo frettoloso e arrogante, gli inglesi si convinsero che i loro rivali fossero partiti inadatti al consumo solo dal territorio africano. Erano d'accordo.

Anche contro i principi e la genuina volontà del Cancelliere Bismarck, Lüderitz – l'uomo e il popolo – costrinse la creazione della colonia germanica dell'Africa sudoccidentale. Da allora, fino al 1915, la colonia si espanse. Soprattutto al nord e all'interno inospitale. Eguagliava le dimensioni dell'impero tedesco in Europa.

Poi lo ha soppiantato di più della metà. Fino al 1915 la popolazione era limitata a 2600 anime avventurose. Lüderitz – la città – ha concentrato una buona parte.

I nuovi abitanti si dedicarono alla caccia alle balene e alle foche. Alla pesca e al commercio del guano prodotto in quantità industriale dalle stesse specie di uccelli che ci avevano sorvolato – e sparato – lungo il tracciato di Bartolomeu Dias, e da molti altri.

Ritorno alla città eccentrica

Torniamo al centro del paese lungo lo stesso sentiero, che però ci appare diverso. La marea si era ritirata di centinaia di metri.

Aveva lasciato dietro di sé una distesa sabbiosa un tempo ricoperta dall'invasione dell'Atlantico, un letto sinuoso e sedimentato dove un torrente salmastro continuava a sfociare nel mare.

Accanto alla sua soglia, al di qua di una barca incagliata, uno stormo di fenicotteri beveva l'acqua.

Non c'era traccia delle iene brune endemiche di quelle parti di Namibe, quindi si nutrirono senza preoccupazioni.

Fenicotteri alla periferia di Luderitz, Namibia

I fenicotteri si nutrono accanto a una barca spiaggiata alla periferia della città

Ci siamo fermati ai margini della città per fare il pieno. Il proprietario della stazione di servizio compare da dentro una cabina e inizia una conversazione. Ci siamo subito resi conto che era di origine germanica, senza alcuna mescolanza etnica, una delle poche che ha resistito al tempo e alle vicissitudini della storia.

"Oh, sono portoghesi?" È ammirato, allo stesso tempo che rimprovera l'inefficienza dei suoi dipendenti nativi. “Ce ne sono diversi qui in città, ci informano come storcendo il naso e sembrano contenere un certo sciovinismo.

Ora sono ancora meno.

C'è stato un tempo in cui erano ovunque". Non ci vorrà molto per trovarli.

L'atroce imposizione dei tedeschi sui nativi

Il pomeriggio stava per finire. Il sole che tramontava a ovest dell'Atlantico riscaldava l'assortimento di colori degli innumerevoli edifici bassi della città. Abbiamo approfittato di questo ulteriore stimolo.

Camminiamo per le strade quasi deserte prestando attenzione all'architettura art nouveau Di origine germanica, che il ritrovamento di diamanti nel deserto circostante nel 1909 permise la fondazione della vicina città di Kolmanskop, come Lüderitz, ben presto dotata di capricci e fantasie altrimenti difficili da ripagare.

Tuttavia, non sono state solo le pietre preziose estratte a contribuire. Dal 1903, l'impero germanico ha combattuto la resistenza degli indigeni alla sua invasione. Il conflitto si è intensificato.

Degenerò nelle crudeli guerre Herero combattute contro questa tribù di allevatori di bestiame che, come i vicini Nama, Khoi e Namaqua altrove, controllava quella parte del Namibe.

Al culmine del conflitto, le truppe tedesche erano 20.000.

Nel 1908 avevano già ucciso decine di migliaia di indigeni, in pieno conflitto, o in campi di concentramento come Shark Island di fronte alla città, da cui i prigionieri uscivano solo per lavorare con la forza nella costruzione di infrastrutture o in attività commerciali che ha arricchito i coloni.

In Berg Street, il vecchio cuore diagonale della città, la fila di case che hanno contribuito a costruire sembra uscita da un set cinematografico.

Berg Street, Luderitz, Namibia

Una donna cammina lungo Berg Street, il vecchio centro urbano della città.

Una strana Germania ai margini del deserto del Namib

Apprezziamo la pittoresca Haus Grünewald con le sue finestre bavaresi, parte di una torretta incorporata. I frontoni delle seguenti case sono tagliati su misura. Presentano colori molto accesi: blu quasi turchese, giallo, arancione. Più avanti, il tono salmone di Barrels, bar-ristorante specializzato in frutti di mare e piatti anche con influenze germaniche.

Ci sorprende, o forse no, che molte delle sontuose dimore abbiano tetti a spiovente, come se da quelle parti fosse mai caduta la neve.

È il caso dell'esuberante ed emblematica casa Goerke, proprio dietro la Felsenkirche, anche la stazione ferroviaria e l'edificio Krabbenhöft & Lamp.

Questa, a immagine delle case Kreplin e Troos, costruite dai magnati del diamante eredi del kolmanskop.

Goerke House, Luderitz, Namibia

La casa Goerke con la sua strana architettura di influenza bavarese, evidenziata dalla Montagna dei Diamanti.

Passeggiando per il centro notiamo la carnagione dorata di alcuni passanti, i loro occhi traslucidi color miele, verde oliva e perfino azzurro, come quelli di un gentiluomo commesso che, all'ingresso della stazione locale, quasi ci convince a comprargli del pesce affumicato.

Coincidenza o no, andiamo a fare shopping quando incontriamo il primo abitante di origine portoghese a Lüderitz.

Luís Figueira possiede l'unico grande negozio di alimentari aperto dopo il tramonto, il “Supermercato portoghese".

Luís Figueira: uno dei tanti portoghesi in Namibia

Nonostante parli inglese, i lineamenti dell'uomo al banco, un po' paffuto e con la barba lunga, ci danno indicazioni promettenti della sua discendenza. "Sei il portoghese qui al negozio?" gli abbiamo chiesto.

La domanda e il sospetto che avesse a che fare con persone del suo sangue gli accesero un luccichio negli occhi e un forte stimolo a raccontarci un po' di tutto. Parlare in inglese.

La lingua portoghese, l'aveva persa quasi tutta. “I miei nonni sono venuti qui da Madeira in un'epoca in cui c'era sempre lavoro di pesca e lavorazione del pesce.

Ho ancora mia madre a Santana e vado a Madeira una volta all'anno. Qui a Lüderitz ho sposato una donna di colore ed eccoci qui. Abbiamo quattro figli, tutti con nomi portoghesi. Devi passare dalla nostra accademia del merluzzo! È il luogo in cui convivono le persone di origine portoghese…”

Quando arrivarono i nonni di Luís Figueira, Lüderitz faceva parte del Sud Africa. Così dettava la continuazione della storia di queste tappe. Nel bel mezzo della prima guerra mondiale, il Sud Africa occupò tutta l'Africa sudoccidentale germanica e deportò molti tedeschi.

Incorporazione in Sud Africa e la Namibia recentemente indipendente

Con lo spostamento dell'attività mineraria dall'area circostante a sud, questa deportazione contribuì al temporaneo declino della popolazione. IL Sud Africa amministrava Lüderitz e l'ex colonia tedesca - prima sotto mandato della Società delle Nazioni e dell'ONU, poi in assenza dell'ONU - fino al 1990.

Quell'anno, il movimento SCAMBIO (Organizzazione del popolo dell'Africa sudoccidentale) ha imposto l'indipendenza della Namibia, con una strategia di confronto militare dall'Angola meridionale, recentemente liberata dal dominio portoghese.

Passò un secolo senza che l'attuale territorio della Namibia fosse soggetto ad un effettivo dominio germanico. Più di 30.000 persone sono di origine tedesca e parlano tedesco.

Formano un pubblico compatto per una stazione radio in lingua tedesca, il loro servizio di notizie televisive e il quotidiano. Allgemeine Zeitung fondata nel 1916 e che resiste negli anni.

Nonostante l'insolita genesi dell'eredità teutonica e gli sforzi delle autorità namibiane per mitigarla, a Lüderitz e, più a nord, a Swakopmund, questo zeitgeist è lontano dal passare.

kolmanskop, Namibia

Generato dai Diamanti di Namibe, Abbandonato nelle loro Sabbie

Fu la scoperta di un generoso giacimento di diamanti nel 1908 che diede origine alla fondazione di Kolmanskop e all'opulenza surreale. Meno di 50 anni dopo, le pietre preziose si esaurirono. Gli abitanti lasciarono il villaggio nel deserto.
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
Montagna della Tavola, Sud Africa

Al tavolo di Adamastore

Dai tempi primordiali delle Scoperte fino ai giorni nostri, Table Mountain si è sempre distinta al di sopra dell'immensità sudafricano e gli oceani che lo circondano. Passarono i secoli e Città del Capo sdraiato ai suoi piedi. Sia il capetoniani poiché gli estranei in visita si sono abituati a contemplare, salire e venerare questo imponente e mitico altopiano.
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
Isola del Mozambico, Mozambico  

L'isola di Ali Musa Bin Bique. Scusa, dal Mozambico

Con l'arrivo di Vasco da Gama nell'estremo sud-est dell'Africa, i portoghesi si impossessarono di un'isola precedentemente governata da un emiro arabo, di cui finirono per alterare il nome. L'emiro perse territorio e ufficio. Il Mozambico - il nome sagomato - sopravvive sull'isola splendente dove tutto ebbe inizio e diede anche il nome alla nazione che finì per formare la colonizzazione portoghese.
Sossusvlei, Namibia

Il vicolo cieco di Sossusvlei Namib

Quando scorre, l'effimero fiume Tsauchab serpeggia per 150 km dalle montagne di Naukluft. Arrivato a Sossusvlei, si perde in un mare di montagne di sabbia in lizza per il cielo. I nativi e i coloni la chiamavano la palude del non ritorno. Chiunque scopra questi luoghi improbabili in Namibia pensa sempre a tornare.
Dunhuang, Cina

Un'oasi nella Cina delle Sabbie

Migliaia di chilometri a ovest di Pechino, la Grande Muraglia ha la sua estremità occidentale e la Cina e altro. Un'inaspettata spruzzata di verde vegetale rompe l'arida vastità circostante. Annuncia Dunhuang, ex avamposto cruciale della Via della Seta, oggi una città intrigante ai piedi delle dune più grandi dell'Asia.
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Capo di Buona Speranza - Capo di Buona Speranza NP, Sud Africa

Ai confini della vecchia fine del mondo

Arrivammo dove la grande Africa cedette ai domini del “Mostrengo” Adamastor ei navigatori portoghesi tremarono come bastoni. Là, dove la Terra era, dopotutto, tutt'altro che finita, le speranze dei marinai di capovolgere il tenebroso Capo furono sfidate dalle stesse tempeste che continuano a imperversare lì.
Twyfelfontein-Ui Aes, Namibia

Alla Scoperta della Namibia Rupestre

Durante l'età della pietra, la valle del fiume Aba-Huab, ora ricoperta di fieno, concentrava una fauna diversificata che attirava i cacciatori. In tempi più recenti, peripezie dell'era coloniale hanno colorato questa parte della Namibia. Non tanto quanto gli oltre 5000 petroglifi che rimangono a Ui Aes / Twyfelfontein.
Walvis Bay, Namibia

Le Litorale Abissale di Walvis Bay

Dalla più grande città costiera della Namibia ai margini del deserto del Namib di Sandwich Harbour, c'è un dominio senza pari di oceano, dune, nebbia e fauna selvatica. Dal 1790, la fruttuosa Walvis Bay funge da porta d'ingresso.
PN Bwabwata, Namibia

Un Parco Namibiano che Vale Tre

Una volta consolidata l'indipendenza della Namibia nel 1990, per semplificarne la gestione, le autorità raggrupparono un trio di parchi e riserve sulla striscia di Caprivi. Il risultante PN Bwabwata ospita una straordinaria immensità di ecosistemi e fauna selvatica, sulle rive dei fiumi Cubango (Okavango) e Cuando.
Spitzkoppe, Damaraland, Namibia

La Montagna Tagliente della Namibia

Con i suoi 1728 metri, il “Cervino namibiano” si erge al di sotto delle dieci altezze più alte della Namibia. Nessuno di loro è paragonabile alla drammatica ed emblematica scultura in granito di Spitzkoppe.
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Safari
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Muktinath a Kagbeni, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Kagbeni
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
pianura santa, Bagan, Myanmar
Architettura & Design
Bagan, Myanmar

La piana delle pagode, dei templi e delle redenzioni celesti

La religiosità birmana si è sempre basata sull'impegno per la redenzione. A Bagan, credenti ricchi e timorosi continuano a costruire pagode nella speranza di ottenere il favore degli dei.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Dragon Dance, Moon Festival, Chinatown-San Francisco-Stati Uniti d'America
Cerimonie e Feste
San Francisco, EUA

Con la testa sulla luna

Arriva settembre e i cinesi di tutto il mondo celebrano i raccolti, l'abbondanza e l'unione. L'enorme sino-comunità di San Francisco si dà anima e corpo al più grande Festival della Luna della California.
Santo Domingo, Città Coloniale, Repubblica Dominicana, Diego Colombo
Città
Santo Domingo, Repubblica Dominicana

L'antico coloniale più longevo delle Americhe

Santo Domingo è la colonia abitata più lunga del Nuovo Mondo. Fondata nel 1498 da Bartolomeo Colombo, la capitale della Repubblica Dominicana conserva intatto un vero tesoro di resilienza storica.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
cibo
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
il proiezionista
Cultura
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Las Cuevas, Mendoza, attraverso le Ande, Argentina
In viaggio
Mendoza, Argentina

Da un lato all'altro delle Ande

Lasciando la città di Mendoza, la strada N7 si perde tra i vigneti, sale ai piedi del monte Aconcagua e attraversa le Ande verso il Cile. Pochi tratti transfrontalieri rivelano l'imponenza di questa salita forzata
La sposa entra in macchina, il matrimonio tradizionale, il tempio Meiji, Tokyo, Giappone
Etnico
Tokyo, Giappone

Un santuario del matchmaking

Il Tempio Meiji di Tokyo è stato costruito per onorare gli spiriti divinizzati di una delle coppie più influenti della storia giapponese. Nel tempo si è specializzata nella celebrazione dei matrimoni tradizionali.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Kiomizudera, Kyoto, un Giappone millenario quasi perduto
Storia
Kyoto, Giappone

Un Giappone millenario quasi perduto

Kyoto era nella lista dei colpi della bomba atomica degli Stati Uniti ed era più di un capriccio del destino a preservarla. Salvata da un Segretario alla Guerra americano innamorato della sua ricchezza storico-culturale e della sontuosità orientale, la città è stata sostituita all'ultimo minuto da Nagasaki nell'atroce sacrificio del secondo cataclisma nucleare.
Key West Mural, Florida Keys, Stati Uniti
Isole
Key West, EUA

Il selvaggio West tropicale degli Stati Uniti

Siamo giunti alla fine della Overseas Highway e all'ultima ridotta della propaganda Florida Keys. Il Stati Uniti continentali qui si arrendono a un'abbagliante vastità marina color smeraldo-turchese. E un sogno ad occhi aperti del sud alimentato da una sorta di incantesimo caraibico.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
bianco inverno
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Letteratura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Fine della giornata presso il lago della diga del fiume Teesta a Gajoldoba, in India
Natura
porte, India

Alle porte dell'Himalaya

Siamo arrivati ​​alla soglia settentrionale del Bengala occidentale. Il subcontinente è ceduto a una vasta pianura alluvionale piena di piantagioni di tè, giungla, fiumi che il monsone fa traboccare su infinite risaie e villaggi che scoppiano a crepapelle. Al confine con la più grande delle catene montuose e il regno montuoso del Bhutan, per l'evidente influenza coloniale britannica, l'India chiama questa splendida regione con Dooars.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Sale molto grosso
Parchi Naturali
Salta e Jujuy, Argentina

Attraverso le Highlands dell'Argentina Deep

Un tour delle province di Salta e Jujuy ci porta alla scoperta di un paese senza segni di pampa. Immerse nella vastità andina, anche queste estremità dell'Argentina nord-occidentale furono perse nel tempo.
Cambogia, Angkor, Ta Phrom
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Ho Chi Minh a Angkor, Camboja

La strada tortuosa per Angkor

Dal Vietnam in poi, le strade sconnesse ei campi minati della Cambogia ricordano gli anni del terrore dei Khmer rossi. Sopravviviamo e siamo ricompensati con la vista del più grande tempio religioso
femmina e vitello, Grizzly Steps, Katmai National Park, Alaska
personaggi
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
Il pescatore manovra la barca vicino alla spiaggia di Bonete, Ilhabela, Brasile
Spiagge
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Preghiera che brucia, Festival di Ohitaki, Tempio di Fushimi, Kyoto, Giappone
Religione
Kyoto, Giappone

Una fede combustibile

Durante la celebrazione shintoista di Ohitaki, i fedeli giapponesi raccolgono preghiere incise su tavolette nel tempio di Fushimi. Lì, mentre viene consumato da enormi falò, la sua fede si rinnova.
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Veicoli Ferroviari
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Società
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Vita quotidiana
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Parco nazionale delle Everglades, Florida, Stati Uniti, volo sopra i canali delle Everglades
Animali selvatici
PN delle Everglades, Florida, EUA

Il Grande Fiume di Erba della Florida

Chiunque voli sopra il sud del 27° stato rimane stupito dalla vastità verde, liscia e fradicia che contrasta con i toni oceanici circostanti. Questo esclusivo ecosistema di praterie e paludi degli Stati Uniti ospita una fauna prolifica dominata da 200 degli 1.25 milioni di alligatori della Florida.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.