Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra


Benedizione solare
Immersioni evidenziate contro il sole al tramonto, alla convergenza del fiume Vermelho con il fiume Miranda.
il grande Pescanale
Pescador tenta la fortuna da un molo a Passo do Lontra, un albergo-agriturismo sulle rive del fiume Miranda.
visione dei primati
La scimmia urlatrice insegue i visitatori umani dalla cima di un albero.
a tutto vapore
Chalana con i pescatori a bordo viaggia lungo il fiume Miranda.
una creatura unica
Maria dos Jacarés, accanto al suo stabilimento e al cartello che segnala la presenza degli alligatori da lei adottati.
Guardando l'obiettivo
Cayman si è mimetizzato sotto la vegetazione anfibia in una laguna lungo il fiume Miranda.
in posa
Garzetta equilibrata e staccata sui rami di un albero nel Pantanal.
Indietro
Il motoscafo percorre un tratto verdeggiante del fiume Miranda, di fronte al Passo do Lontra.
convivialità fluviale
Una famiglia di capibara all'ingresso del fiume Vermelho.
pochi passi al passo
Un lavoratore della fattoria Passo do Lontra cammina lungo uno dei suoi numerosi sentieri.
Cura “materna”.
Maria dos Jacarés mostra la sua disinvoltura con uno dei suoi "piccoli" rettili.
tempo di asciugatura
Mergulhão sventola le sue piume al sole, sulle rive del fiume Miranda.
carovana di capibara
Un gruppo di capibara attraversa una delle lagune della fattoria Passo do Lontra.
Infine, la lontra
Una delle lontre che abbiamo visto nel fiume Vermelho e, più tardi, lungo il fiume Miranda.
Pantanal puro
Tucano ne esamina le possibilità lungo la sponda del fiume Miranda.
L'uccello del Pantanal
Il grande Tuiuiu è il più grande uccello volante del Pantanal e, se si tiene conto della dimensione verticale al posto dell'apertura alare, anche delle Americhe.
A tutto vapore avanti II
Chalana costeggia un lussureggiante meandro sabbioso del fiume Miranda.
Quasi lì
La lunga passerella ferroviaria del Passo do Lontra che ora conduce dal parcheggio e nelle vicinanze degli edifici principali.
fine giornata calda
Twilight circonda il cuore operativo della fattoria Passo do Lontra.
Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.

Il viaggio da Campo Grande al cuore del Pantanal nel Mato Grosso è durato già tre ore e mezza, comprese due soste in particolari stazioni di servizio in mezzo al nulla.

Avevamo lasciato presto la grande città, tuttavia, ci siamo arresi al fatto che non potevamo sfuggire alla forza che quei luoghi interiori, già quasi boliviani del Brasile, mentre il sole raggiungeva il suo apice tropicale.

Una visita inaspettata a Maria dos Jacarés

Meno di 20 km alla destinazione finale. L'autista Sig. Carlos annuncia un inaspettato motivo di interesse per noi. “Guarda, ci stiamo avvicinando al Maria dos Alligatori che succede al Globo Rural, vuoi fermarti?”

Il riferimento suona tanto enigmatico quanto allettante. Nonostante fossimo sconvolti e consapevoli del clima dantesco all'estero, abbiamo accettato la sfida. Carlos ferma l'auto davanti a una casa d'affari bloccata sul ciglio della strada, sull'imminenza di un ponte su uno degli innumerevoli meandri del fiume Corixo Mutum.

Parte da solo, come emissario. Ritorno con buone notizie. “Non me l'ha detto, ma visto che siete giornalisti, dice che è tutto un gioiello. Andiamo a parlarle!"

Pantanal Mato Grosso, Passo do Lontra, Brasile, Maria dos Jacarés, Miranda, Pantanal, Brasile

Maria dos Jacarés, accanto al suo stabilimento e al cartello che segnala la presenza degli alligatori da lei adottati.

Siamo entrati nel pub costruito con semplici assi, un tetto in lamiera e avvolto in una sottile rete verde che lo teneva arioso e protetto dai moscerini e dalle zanzare che lì abbondavano.

Dentro, un uomo sulla cinquantina dai lineamenti indiani sonnecchia su un tavolo. Una signora di età adeguata compare dal retro dello stabilimento e si presenta. "Buon pomeriggio, Maria dos Alligatori, Sii benvenuto. Vuoi incontrare il mio? minino, eh?"

Abbiamo continuato a sentirla nel cortile sul fiume da dove era apparsa. Un quasi monologo che, man mano che si svolgeva, diventava surreale come tutto ciò che lo circondava.

A Maria, o meglio Eurides Fátima de Barros – il suo vero nome – viene in mente che alla fine avremo un'influenza politica.

Appello ai politici brasiliani e Alligator Call

La speranza che possiamo migliorare la sua vita la fa sfogare. “Le cose non sono così facili da queste parti, anche apparire lì su Globo Rural e su altre tv e tutto il resto, il senatore che ha promesso che avrebbe legalizzato i miei affari non ha ancora fatto nulla. Ora dicono che mi cacceranno fuori.

E' arrivato l'altro ragazzo del piano di sotto che voleva prendere il mio posto con la forza... mi aiutate, ok? Voglio solo restare qui. Prenditi cura dei miei piccoli!”

La menzione dei bambini è stata ripetuta, insistentemente. Nessuno ci aveva ancora chiarito a cosa si riferisse la signora, ma il suo titolo non lasciava adito a dubbi. Arrivata al bordo piatto ed erboso di Corixo Mutum, Maria finalmente presenta i suoi figli.

“Grasso, vieni qui! Bruto, Filipão, Ronaldinho, Dunga, Pelezão! Vieni dalla mamma!» Dª Maria avanza verso il fiume. Suona un clacson, un clacson usato in Brasile dai cowboy. Durante una breve pausa, non succede nulla. Improvvisamente, un grosso alligatore nero emerge dal fiume.

Cammina lentamente verso di noi. Maria batte due pietre insieme e fa tintinnare un ramo di un albero. Diversi alligatori seguono il pioniere. Si sistemarono sul prato, in attesa, in compagnia di uno stormo di avvoltoi che aveva percepito l'azione del cielo e avvertiva un banchetto.

Maria rivolge parole tenere ad alcuni dei suoi rettili preferiti. Fissali con i pezzi di carne. Più a Gordo che agli altri, quasi tutti con nomi di calciatori o allenatori brasiliani.

Quindi, scegli un esemplare più eccezionale, per mostrarci quanto è a suo agio tra gli animali. Prendilo per la zampa e sollevalo.

Lei giace sopra di lui, il tutto accompagnato da sussurri e simili manifestazioni di affetto. “Poveri miei piccoli. C'è stato un tempo in cui le persone venivano qui e le uccidevano. Così ho deciso di stabilirmi e prendermene cura. Ora tutti possono apprezzare e vederli. Mi aiuti anche a proteggerli, giusto?"

Pantanal Mato Grosso, Passo do Lontra, Brasile, Maria dos Jacarés

Maria dos Jacarés mostra la sua disinvoltura con uno dei suoi “mini” rettili

La disinvoltura della padrona di casa e l'idea che fossero alligatori e non coccodrilli del Nilo ci avevano reso imprudenti. Quando l'abbiamo notato, stavamo camminando tra gli animali e ci siamo chinati per fotografarli e filmarli meglio.

Questo testo è la prova che sopravviviamo per raccontare.

Verso il passo della lontra

Maria ha detto addio agli alligatori. L'abbiamo seguita al bar e ci siamo salutati sperando che i politici di Campo Grande le dessero buona fortuna. Siamo saliti in macchina, abbiamo attraversato il Corixo Mutum e abbiamo completato i 17 km di cui avevamo bisogno.

Alimentati da intensi torrenti e da alcune delle più grandi falde acquifere della faccia del pianeta, numerosi fiumi si snodano lungo questi versanti, in direzioni diverse, tra isole più o meno grandi della Terra che, appena inizia la stagione delle piogge, diminuiscono visibilmente.

Nel tempo, la dinamica della siccità e delle inondazioni della meteorologia è rimasta regolare e controllabile dalle comunità che si ostinano a colonizzare l'immenso Pantanal.

Gli allevamenti di bestiame abbondano, alcuni con proprietà a perdita d'occhio, altri modesti, più paragonabili a fattorie (piccole fattorie). Negli spazi, le sponde dei fiumi e le strade principali accolgono anche le comunità nelle loro origini di pesca.

Lì si installano le attività che servono le fattorie, gli allevatori di bestiame, i pescatori e le persone che con loro portano avanti la vita. Il Passo do Lontra che nel frattempo abbiamo raggiunto è uno dei tanti.

È emerso come un semplice ranch di “sbarco” utilizzato dai pastori che attraversavano la regione, 110 km a nord-ovest della città di Miranda e quasi alla stessa distanza da Corumbá, sull'imminenza della soglia orientale boliviana.

Quando le meraviglie del Pantanal iniziarono a girare il mondo, le sue persone intraprendenti si adattarono alle opportunità offerte dai turisti stranieri.

Pantanal Mato Grosso, Passo do Lontra, Brasile, Fattoria Passo do Lontra

Twilight circonda il cuore operativo della fattoria Passo do Lontra

Una fattoria sulle rive del fiume Miranda

Installato nel 1979 da João e Marilene Venturini, l'azienda agricola Passo do Lontra è stata una delle prime a dedicarsi all'accoglienza e all'intrattenimento di appassionati di pesca ed ecoturisti brasiliani e stranieri che hanno iniziato ad affluire lì.

È come parte del secondo gruppo che entriamo nella vostra proprietà, in alta stagione per la pesca, non tanto per l'ecoturismo. Le temperature massime hanno insistito per superare i 40º. Non tutti i viaggiatori erano disposti a sopportare una simile prova.

Sig. Carlos ferma l'auto nel parcheggio, di fronte a una passerella di legno con binari così lunghi che riusciamo a malapena a vedere la fine.

La passerella ci porta nelle vicinanze del fiume Miranda. Si dirama in un altro parallelo al fiume che ci porta alle principali palafitte della masseria.

Pantanal Mato Grosso, Passo do Lontra, Brasile, passerella, rotaie

La lunga passerella ferroviaria del Passo do Lontra che ora conduce dal parcheggio e nelle vicinanze degli edifici principali.

Ci rifugiavamo nella sauna che si faceva sentire nella freschezza ventilata della sala da pranzo.

Proprio accanto alle persiane del saloon, un pittoresco chiosco di pinga impreziosito da girasoli accoglie i nuovi arrivati. "Godetevi il Pantanal” si legge sull'etichetta della bottiglia, tra sette tazzine montate su una base in legno massello.

Ci buttiamo nelle varie delizie del buffet del Pantanal. Abbiamo così ripreso le forze per il tardo pomeriggio di scoperte che ci aspettavamo. Soddisfatti e guariti, abbiamo bevuto un po' di cachaça nella speranza che la leggera anestesia alleviasse il caldo folle.

Avremmo potuto – probabilmente dovuto – fare un pisolino.

Invece abbiamo subito iniziato a indagare su cosa ci riservavano i dieci ettari di Passo do Lontra, sempre lungo la rete di passerelle sopraelevate che lo servivano, alcune sospese sul terreno fradicio e verdeggiante.

La Prolifica Fauna del Pantanal

Nel bel mezzo della stagione secca, innumerevoli animali cercavano acqua più fresca e corrente. Erano concentrati lungo le sponde del Miranda e intorno alla fattoria.

Passiamo da carovane di capibara che attraversano uno dei laghi locali e da alligatori mimetizzati nella vegetazione anfibia.

Pantanal Mato Grosso, Passo do Lontra, Brasile, capibara

Un gruppo di capibara attraversa una delle lagune della fattoria Passo do Lontra.

Ci imbattiamo in svassi che si riempiono la bocca di grossi pesci e di tanti altri uccelli: impavidi caracara che non si allontanano nemmeno da noi.

Abbiamo incrociato i tucani, socializzando are blu e rossi, tachãs e aracuãs, questi ultimi le stridenti e infallibili sveglie del Pantanal.

Pantanal Mato Grosso, Passo do Lontra, Brasile, Rio Miranda, Pantanal, Brasile

Garzetta equilibrata e staccata sui rami di un albero nel Pantanal.

Per quanto sfuggenti come sono, rileviamo e fissiamo scimmie urlatrici, tutti incuriositi dalla curiosità fotografica che, senza una spiegazione apparente, abbiamo manifestato per loro.

Pantanal Mato Grosso, Passo do Lontra, Brasile, scimmia urlatrice, fattoria Passo do Lontra, a Miranda, Pantanal, Brasile

La scimmia urlatrice dà una sbirciatina ai visitatori umani dalla cima di un albero

Verso le quattro e mezza del pomeriggio, terminiamo questo primo tour zoologico. Ci siamo incontrati con Jefferson al molo della fattoria. Lì abbiamo inaugurato la prima di due affascinanti incursioni fluviali: quella pomeridiana. Un altro, a partire dall'alba del giorno successivo.

In entrambi il Miranda e le sue sponde ci hanno mostrato la realtà fluviale, semi-umanizzata di quel Pantanal non così remoto.

Pantanal Mato Grosso, Passo do Lontra, Brasile, Pescatore sul fiume Miranda, Fattoria Passo do Lontra, Miranda, Pantanal, Brasile

Pescador tenta la fortuna da un molo a Passo do Lontra, un albergo-agriturismo sulle rive del fiume Miranda.

Due o tre grossi barchini goffi oscillavano avanti e indietro attraverso il fiume. Fornivano ai clienti a bordo una dinamica di pesca totale che non poteva rivaleggiare con la facilità e il comfort degli allevamenti.

Piccole imbarcazioni apparivano immobilizzate in maniera quasi sacra in angoli strategici del fiume.

Erano condivisi da più pescatori, invariabilmente determinati a catturare il maggior numero di dipinti, pacus, dourados, cacharas, jaús, barbados e, naturalmente, i piranha che il Pantanal concedeva loro.

Pantanal Mato Grosso, Passo do Lontra, Brasile, Chalana sul fiume Miranda

Chalana con i pescatori a bordo viaggia lungo il fiume Miranda.

Dal fiume Miranda al Vermelho e ritorno al Miranda

Ci siamo fatti strada serpeggiando lungo il Miranda fino al luogo in cui un affluente, il Vermelho, vi conduceva.

Si vede come fosse segnato dall'agonia di un podere che era stato installato alla punta della V creata dalla confluenza e che la potenza del torrente gonfiato dalle piogge aveva eroso gli argini, già quasi provocando il crollo della costruzioni in legno.

Eppure, in piena stagione secca, la superficialità delle acque color ocra del Vermelho ci impedisce di salire più di qualche centinaio di metri.

In compenso, rivelano il nido iperbolico occupato da una coppia di tuiuiús, o jabirus, le enormi cicogne del Pantanal e gli uccelli volanti più alti delle Americhe, superati solo, in larghezza di ali, dai condor andini.

Pantanal Mato Grosso, Passo do Lontra, Brasile, Tuiuiu,

Il grande Tuiuiu è il più grande uccello volante del Pantanal e, se si tiene conto della dimensione verticale al posto dell'apertura alare, anche delle Americhe.

Quando ci preparammo a lasciare il Red, trovammo ancora una famiglia di lontre in missione di caccia.

Li accompagniamo nel loro passaggio a Miranda e nel lungo percorso periferico, in parte anfibio, che vi hanno preso fino quasi al Passo do Lontra.

Pantanal Mato Grosso, Passo do Lontra, Brasile, lontra

Una delle lontre che abbiamo visto nel fiume Vermelho e, più tardi, lungo il fiume Miranda.

Alla seconda uscita per Miranda, abbiamo visto sorgere il sole. Cominciare, timidamente, a superare un mantello di oscura foschia celestiale, per mostrare presto in un radioso arancione-rosato, la sua grande sfera di contentezza terrestre.

Di tanto in tanto lo vedevamo dilaniato dai voli di uccelli più indaffarati: aironi, altri caracaras, giganteschi tuiuiús, i Tupolev di palude.

Svasso contro il tramonto, Rio Miranda, Pantanal, Brasile

Immersioni evidenziate contro il sole al tramonto, alla convergenza del fiume Vermelho con il fiume Miranda.

Quel sole vergognoso non ci mise molto a uscire dal guscio. Alle dieci del mattino, il fradicio Pantanal si stava nuovamente calmando.

Ad un certo punto della loro vita, la prima generazione di Venturini – João e Marilene – aveva lasciato il Passo do Lontra al figlio Sandro per stabilirsi in un'altra fattoria, situata 20 km a nord.

Non importa quanto fosse caldo, era ora che ci trasferissimo anche noi.

 

 

Come andare:

TAP vola ogni giorno, direttamente da Lisbona verso diverse città brasiliane. Il più comodo per raggiungere Campo Grande e Passo do Lontra, nel Pantanal del Mato Grosso do Sul, São Paulo e Brasilia. Da queste città puoi completare il viaggio con una compagnia aerea brasiliana.

Gli autori ringraziano TAP e il FUNDTUR Mato Grosso do Sul il supporto fornito nella creazione di questo rapporto.

Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Curitiba, Brasile

La vita elevata di Curitiba

Non è solo l'altitudine di quasi 1000 metri a cui si trova la città. Cosmopolita e multiculturale, la capitale del Paraná ha un indice di qualità della vita e sviluppo umano che la rendono un caso a sé in Brasile.
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.

Florianopolis, Brasile

L'eredità delle Azzorre dell'Atlantico meridionale

Durante il XNUMX° secolo, migliaia di isolani portoghesi perseguirono una vita migliore nella parte meridionale del Brasile. Negli insediamenti da loro fondati abbondano tracce di affinità con le origini.

Lenzuola Bahia, Brasile

La libertà paludosa di Quilombo do Remanso

Gli schiavi fuggiaschi sopravvissero per secoli in una zona umida della Chapada Diamantina. Oggi il quilombo di Remanso è simbolo della loro unione e resistenza, ma anche dell'esclusione a cui sono stati votati.
Ilhabela, Brasile

Ilhabela: Dopo l'orrore, la bellezza atlantica

Il novanta per cento della foresta atlantica preservata, cascate idilliache e spiagge dolci e selvagge sono all'altezza del suo nome. Ma, se andiamo indietro nel tempo, sveliamo anche l'orribile aspetto storico di Ilhabela.
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
Brasilia, Brasile

Brasilia: dall'utopia all'arena politica e capitale del Brasile

Fin dai tempi del marchese di Pombal si parlava di trasferire la capitale nell'entroterra. Oggi, la città chimera continua a sembrare surreale ma detta le regole dello sviluppo brasiliano.
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu, Brasile

Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu: febbre da watt

Nel 1974 migliaia di brasiliani e paraguaiani si sono incontrati nella zona di costruzione della diga più grande del mondo. 30 anni dopo il completamento, Itaipu genera il 90% dell'energia del Paraguay e il 20% di quella brasiliana.
Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Isola Marajó, Brasile

L'isola dei bufali

Una nave che trasporta bufali da India sarà naufragato alla foce del Rio delle Amazzoni. Oggi l'isola di Marajó che li ha accolti ha uno degli armenti più grandi del mondo e il Brasile non può fare a meno di questi bovini.
Cascate dell'Iguazù/Iguazù, Brasile/Argentina

Il tuono della grande acqua

Dopo un lungo viaggio tropicale, il fiume Iguaçu fa il grande passo. Lì, al confine tra Brasile e Argentina, si formano le cascate più grandi e imponenti sulla faccia della Terra.
Chapada Diamantina, Brasile

Bahía de Gema

Fino alla fine del sec. Nel XNUMX° secolo, Chapada Diamantina era una terra di prospezioni e ambizioni smisurate.Ora che i diamanti sono rari, gli estranei sono ansiosi di scoprirne gli altipiani e le gallerie sotterranee.
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Pirenópolis, Brasile

Crociate brasiliane

Gli eserciti cristiani espulsero le forze musulmane dalla penisola iberica nel XVI secolo. XV ma, a Pirenópolis, nello stato brasiliano di Goiás, continuano a trionfare i sudamericani di Carlo Magno.
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Manaus, Brasile

Al Meeting delle Acque

Il fenomeno non è unico, ma a Manaus ha una bellezza e una solennità speciali. Ad un certo punto i fiumi Negro e Solimões confluiscono nello stesso alveo dell'Amazzonia, ma invece di mescolarsi immediatamente, entrambi i flussi continuano fianco a fianco. Mentre esploriamo queste parti dell'Amazzonia, assistiamo all'insolito confronto dell'Incontro delle Acque.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Bay Watch Hut, Miami Beach, spiaggia, Florida, Stati Uniti,
Architettura & Design
Miami Spiaggia, EUA

La spiaggia di tutte le vanità

Poche coste concentrano, allo stesso tempo, tanto calore e manifestazioni di fama, ricchezza e gloria. Situata nell'estremo sud-est degli Stati Uniti, Miami Beach è accessibile tramite sei ponti che la collegano al resto della Florida. È magro per il numero di anime che lo desiderano.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Parata dei nativi americani, Pow Pow, Albuquerque, New Mexico, Stati Uniti
Cerimonie e Feste
Albuquerque, EUA

Il suono dei tamburi, gli indiani resistono

Con oltre 500 tribù presenti, il pow wow "Gathering of the Nations" celebra la sacralità delle culture dei nativi americani. Ma rivela anche il danno inflitto dalla civiltà colonizzatrice.
piazza della registrazione, via della seta, samarcanda, uzbekistan
Città
Samarcanda, Uzbekistan

Un'eredità monumentale della Via della Seta

A Samarcanda, il cotone è ora la merce più scambiata e Lada e Chevrolet hanno sostituito i cammelli. Oggi, invece delle roulotte, Marco Polo troverebbe i peggiori guidatori in Uzbekistan.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
intersezione
Cultura
Ungherese, Filippine

Filippine in stile country

I GI sono partiti con la fine della seconda guerra mondiale ma la musica delle campagne americane che stavano ascoltando anima ancora la Cordillera de Luzon. È in triciclo e al tuo ritmo che visitiamo le terrazze di riso di Hungduan.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Creel, Chihuahua, Carlos Venzor, collezionista, museo
In viaggio
Chihuahua a Creel, Chihuahua, Messico

Sulla via di Creel

Con Chihuahua all'indietro, indichiamo il sud-ovest e le terre ancora più alte nel nord del Messico. Accanto a Ciudad Cuauhtémoc, abbiamo visitato un anziano mennonita. Intorno a Creel, abbiamo vissuto per la prima volta con la comunità indigena Rarámuri della Serra de Tarahumara.
Jingkieng Wahsurah, ponte delle radici del villaggio di Nongblai, Meghalaya, India
Etnico
Meghalaya, India

Ponti di popoli che mettono radici

L'imprevedibilità dei fiumi nella regione più umida della terra non ha mai scoraggiato Khasi e Jaintia. Di fronte all'abbondanza di alberi ficus elastico nelle loro valli queste etnie si abituavano a modellare rami e ceppi. Dalla loro tradizione perduta nel tempo, hanno lasciato in eredità centinaia di abbaglianti ponti di radici alle generazioni future.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Residente a Dali, Yunnan, Cina
Storia
Dali, Cina

La Cina surrealista di Dalì

Immersa in una magica cornice lacustre, l'antica capitale del popolo Bai è rimasta, fino a qualche tempo fa, un rifugio per la comunità di viaggiatori zaino in spalla. I cambiamenti sociali ed economici di Cina ha incoraggiato l'invasione dei cinesi per scoprire l'angolo sud-ovest della nazione.
Moa su una spiaggia di Rapa Nui/Isola di Pasqua
Isole
isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello

Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia
Letteratura
Île-des-Pins, Nuova Caledonia

L'Isola che si appoggiava al Paradiso

Nel 1964, Katsura Morimura ha deliziato il Giappone con una storia d'amore turchese ambientata a Ouvéa. Ma la vicina Île-des-Pins ha conquistato il titolo di "L'isola più vicina al paradiso" e ha estasiato i suoi visitatori.
Kogi, PN Tayrona, Guardiani del mondo, Colombia
Natura
PN Tayrona, Colombia

Chi protegge i guardiani del mondo?

Gli indigeni della Sierra Nevada de Santa Marta credono che la loro missione sia salvare il Cosmo dai “Fratelli Minori”, che siamo noi. Ma la vera domanda sembra essere: "Chi li protegge?"
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Parco Nazionale Tsitsikamma
Parchi Naturali
Garden Route, Sud Africa

La Costa Giardino del Sud Africa

Estendendosi su oltre 200 km di costa naturale, la Garden Route si snoda attraverso foreste, spiagge, laghi, gole e splendidi parchi naturali. Viaggiamo da est a ovest, lungo i drammatici fondali del continente africano.
In attesa, vulcano Mauna Kea nello spazio, Big Island, Hawaii
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Mauna Kea, Havai

Mauna Kea: Un vulcano con un occhio nello spazio

Il tetto delle Hawaii era proibito ai nativi perché ospitava divinità benevole. Ma dal 1968 in poi, diverse nazioni sacrificarono la pace degli dei ed eressero la più grande stazione astronomica sulla faccia della Terra.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
personaggi
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
Spiagge
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Palazzi Gangtok, Sikkim, India
Religione
Gangtok, India

Una vita a mezza china

Gangtok è la capitale del Sikkim, un antico regno nella sezione himalayana della Via della Seta, divenuta provincia indiana nel 1975. La città è in equilibrio su un pendio, di fronte al Kanchenjunga, la terza elevazione più alta del mondo che molti indigeni ritengono sia casa in una valle paradisiaca dell'immortalità. La loro ripida e faticosa esistenza buddista mira, lì o altrove, a raggiungerlo.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Tabatô, Guinea Bissau, tabanca Mandingo musicisti. Baidi
Società
Tabato, Guinea Bissau

La Tabanca dei Mandinga Poeti Musicisti

Nel 1870, una comunità di musicisti mandingo itineranti si stabilì vicino all'attuale città di Bafatá. Dai Tabatô che hanno fondato, la loro cultura e, in particolare, i loro prodigiosi balafonisti, abbagliano il mondo.
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Transpantaneira pantanal del Mato Grosso, capibara
Animali selvatici
Pantanal de Mato Grosso, Brasile

Transpantaneira, Pantanal e Confins del Mato Grosso

Partiamo dal cuore sudamericano di Cuiabá verso sud-ovest e verso la Bolivia. Ad un certo punto la MT060 asfaltata passa sotto un pittoresco portale e la Transpantaneira. In un attimo lo stato brasiliano del Mato Grosso è allagato. Diventa un enorme Pantanal.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.