Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo


Angolo di pesca
Angolo umanizzato della spiaggia di Porto Santo.
Piscine atlantiche
Le piscine naturali di Porto de Salemas.
oro e smeraldo
I bagnanti frequentano la spiaggia color smeraldo dorato di Penedo.
Ponta da Calheta-Ilheu da Cal
Boqueirão de Baixo e l'isolotto di Cal visto da Ponta da Calheta.
Tubi d'organo
Le canne d'organo, eccentrica formazione geologica, alla base del Pico de Ana Ferreira.
Contro i Giganti
Moinhos do Porto Santo, vicino al belvedere di Portela.
Capelli scuri
Cala stretta e profonda dell'isola di Porto Santo.
equilibrio naturale
Carolina Freitas in equilibrismo alla Grotta di Pico Ana Ferreira.
spiaggia non custodita
Angolo balneare insolito di Praia das Salemas.
Sagome di ferro
Sagome dell'isolotto di Ferro e non solo.
Barili
Botti esuberanti, danno più colore e più vita al Porto Santo.
King Kong
Il porto di Salemas con la roccia di King Kong sullo sfondo.
Linee Porto Santo
Veduta dell'isola di Porto Santo, dal belvedere di Calheta.
Praia de Pedra do Zimbralinho
Forme geologiche prodotte dal vulcanismo, nella baia di Zimbralinho.
sulle orme di qualcuno
I gradini segnano un percorso sulla grande spiaggia dell'isola di Porto Santo.
salire
Carolina Freitas sale al Pico de Ana Ferreira.
Porto di Salemas
Bassa marea a Porto das Salemas, con King Kong rock in lontananza.
Vigneto Porto Santo
Vigneti separati da siepi di canneto.
Fine della passeggiata
Un visitatore di Ponta da Canaveira, che domina l'Ilhéu de Ferro.
pomeriggio d'oro
Passi d'oro sulla grande spiaggia dell'isola di Porto Santo.
Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.

Arrivati ​​al belvedere di Ponta da Calheta, lo stretto ai margini dell'infinita spiaggia di Porto Santo rende il mare meno profondo.

Dipinge il Boqueirão de Baixo in uno splendente blu turchese che contrasta con l'oscurità e la crudezza geologica dell'Ilhéu da Cal in poi.

Oggi, l'aspetto dorato e traslucido che ha reso la grande spiaggia il principale attributo finanziario dell'isola rivela poco o nulla delle difficoltà che le generazioni successive di Porto Santo hanno attraversato a causa del più grande dei suoi isolotti.

Fin dai tempi remoti della colonizzazione dell'isola, l'inospitale siccità di Porto Santo – dal 1940 in poi, ad esempio, dodici anni trascorsi senza precipitazioni – rendeva impossibili coltivazioni e prati che consentissero la creazione di animali più grandi.

Ogni materia prima trovata lì aveva raddoppiato il suo valore. Questo fu il caso del calcare, fonte di calce che finì per ispirare il battesimo della cosiddetta Ilhéu de Baixo.

Isola di Cal, Porto Salemas, Isola di Porto Santo, Portogallo

Boqueirão de Baixo e l'isolotto di Cal visto da Ponta da Calheta.

L'Ilhéu de Baixo e l'era Portosantense di Cal

Nel corso del XX secolo, alcuni imprenditori hanno visto nella diversità mineraria del sub-arcipelago di Porto Santo una ricchezza che ha permesso di alleviare i bisogni agricoli e zootecnici delle isole. Le cave di calcare furono installate sull'alambicco chiamato Ilhéu de Baixo.

Estratto a caro prezzo, da miniere e gallerie, il calcare veniva trasportato in barca all'isola madre e, lì, trasformato in calce per gli edifici che crescevano a Porto Santo, a maggior ragione nell'isola di Madeira, che i portoghesi Il Santo si abituò a provvedere in cambio di ortaggi, frutta e altri generi alimentari che avevano difficoltà a procurarsi.

Il calcare veniva cotto in grandi forni a forma di cono rovesciato. Erano diciassette. E sprigionavano un profumo intenso che, a volte, i nativi dell'isola riconoscevano ovunque andassero.

Anche se il calcare è stato cotto a temperature estremamente elevate, nessuna fase di produzione della calce si è rivelata rischiosa come l'estrazione. Ci sono stati diversi incidenti nelle miniere e nelle cave. In una sola caduta di sassi morirono sedici uomini.

Negli ultimi decenni il turismo ha cominciato a compensare le carenze di Porto Santo. Alcuni di questi forni sono stati conservati come patrimonio storico essenziale dell'isola.

Attirano gli stranieri più curiosi per i quali la roccaforte della grande sabbia dorata, di per sé, non è una buona vacanza.

Spiaggia dell'isola di Porto Santo, Portogallo

I gradini segnano un percorso sulla grande spiaggia dell'isola di Porto Santo.

Tour di Porto Santo Dorado. E per la drammatica eredità del vulcanismo

Soprattutto per chi arriva da un periodo trascorso nella vicina isola di Madeira, o da paesi senza sbocco sul mare o con una costa rocciosa, la grande spiaggia di Porto Santo appare come una sorta di vero miraggio, come un sogno di delizia balneare con 9 km di cui costa svegliarsi.

Carolina Freitas, la guida nativa incaricata di mostrarci la sua isola, conosce la strada All Inclusive Tutto Praia e Preguiça dove troppi visitatori trascorrono le loro giornate. Abituata a ripetere le passeggiate e le esplorazioni più gratificanti dell'isola, mantiene un vigore fisico impressionante che, in una fase di inattività tipica del confinamento che la pandemia di Covid 19 ha costretto, ci ha costretto a raddoppiare gli sforzi.

“Anche se è domenica, questo non può mai farmi del male”, ci assicura Carolina nel suo imperturbabile buonumore.

"Non riesco ad andare in palestra da un po', ma queste escursioni sono altrettanto buone o migliori", aggiunge, mentre sale le centinaia di gradini naturali del Pico de Ana Ferreira, come se la sua salita fosse solo qualsiasi passeggiata gioiosa.

Picco di Ana Ferreira, Isola di Porto Santo, Portogallo

Carolina Freitas sale al Pico de Ana Ferreira.

Alla conquista della vetta di Ana Ferreira

Ana Ferreira Peak è una delle alture contenute di Porto Santo, un'isola formatasi circa 14 milioni di anni fa. Eccezionale per la sua configurazione geologica, non tanto per i 283 metri che costituiscono lo zenit dell'ovest dell'isola.

I capricci tensionali del raffreddamento del magma che modellarono Porto Santo dettarono che questa collina fosse formata da colonne prismatiche quasi perfette, orientate in direzioni diverse. Alcuni appaiono sdraiati. Altri obliqui. Altri ancora, prevalentemente alla base, verticali, o appena leggermente inclinati a forma di Organ Tubes, come venivano soprannominati.

Tubi d'organo, Isola di Porto Santo, Portogallo

Le canne d'organo, eccentrica formazione geologica, alla base del Pico de Ana Ferreira.

Carolina conquista i gradini della mugearite, uno ad uno, due a due, tra cespugli e cactus, ferma e sempre al passo di un trail runner professionista. Stare dietro al cicerone ci logora.

Abbiamo riacquistato la sua compagnia, abbiamo lasciato che il cuore si riprendesse dalle torture a cui lo abbiamo sottoposto. Successivamente, apprendiamo il peculiare contesto storico dietro il nome della montagna.

Supporta un settore più loquace della storia che, nonostante il soprannome di "Il principe perfetto", il re del Portogallo e l'Algarve D. João II avevano una figlia bastarda. Spinta dalla corte a non complicare la vita a suo padre e al regno, Ana Ferreira si trasferì nell'isola di Porto Santo. Più che stabilirvisi, dicono gli abitanti di Porto Santo, che avete fatto dell'isola il vostro maniero.

Tuttavia, fin dai primi anni della sua popolazione, Porto Santo fu presa di mira dai pirati berberi. Quando si sono visti minacciati, la gente si è nascosta a Pico do Castelo, nell'estremo nord-est dell'isola. E si dice anche che, anche bastarda ed esiliata, Ana Ferreira non si sia mescolata alla popolazione.

Si rifugiò invece sul colle che Carolina ci aveva fatto conquistare, forse nella grotta che, intanto, ci svela e dove si trova.

Grotta di Pico Ana Ferreira, Isola di Porto Santo, Portogallo

Carolina Freitas in equilibrismo alla Grotta di Pico Ana Ferreira.

Abbiamo trascorso molto tempo ad ammirare il panorama a forma ellittica dell'isola, impegnati in esperienze acrobatiche-fotografiche.

La Scoperta Inaugurale dell'Isola di Porto Santo

Partiamo dalla conquista alla scoperta. Dobbiamo chiarire come ci ha lasciato Carolina che Porto Santo è stata la prima delle isole portoghesi che i navigatori portoghesi hanno trovato.

Anche se, come Madeira, era già apparso sulle mappe almeno dal 1339, Porto Santo fu ritrovato, nel 1418, per caso durante una spedizione comandata da João Gonçalves Zarco, a cui parteciparono anche Tristão Vaz Teixeira e Bartolomeu Perestrelo.

L'infante Dom Henrique aveva incaricato i navigatori al servizio della corona di trovare nuovi territori nell'Africa occidentale. Mentre guidavano la loro strada attraverso il dietro il mare, una tempesta fece deviare le navi dalla loro rotta abituale.

A sua insaputa, la tempesta ha spinto le barche in una baia riparata. La doppia fortuna di trovare riparo e un territorio che, a differenza del Isole Canarie, non avevano ancora rivendicato i rivali di Castiglia, indusse il battesimo religioso di Porto Santo.

Insenatura dell'Isola di Porto Santo

Cala stretta e profonda dell'isola di Porto Santo.

Torniamo alla nostra scoperta dell'isola. Nel tempo che gli abbiamo dedicato, siamo rimasti abbagliati da innumerevoli calette che il vulcanismo sembra aver dettato inaccessibili, almeno via terra, una delle più imponenti, ai piedi della rupe di Morenos.

Altri, intorno a Furado do Norte e Ponta da Canaveira, a strapiombo sull'Ilhéu de Ferro, accessibile da uno stretto sentiero in cima a scogliere vertiginose che, dal nulla, Carolina indaga di corsa.

Ilhéu do Ferro, Isola di Porto Santo, Portogallo

Sagome dell'isolotto di Ferro e non solo.

Diamo un'occhiata alla baia di Zimbralinho, questa, accessibile, proprietaria e signora di un aspetto crudo e scuro con molto islandese. Ci spostiamo quindi a nord-ovest dell'isola, dove scendiamo verso il mare roccioso e intricato di Porto das Salemas.

Siamo arrivati ​​con la bassa marea, come è consigliabile.

Porto das Salemas, isola di Porto Santo

Bassa marea a Porto das Salemas, con King Kong rock in lontananza.

Un cartello molto rigido, incastrato tra grossi ciottoli e accanto a un esemplare unico di lettino giallo, fa capire che si tratta di una Spiaggia Incustodita.

A quell'ora tarda, non solo non c'era nessuno a guardare, ma, a parte noi, nessuno era presente.

Praia das Salemas, isola di Porto Santo, Portogallo

Angolo balneare insolito di Praia das Salemas.

Abbagliati dalla sua eccentricità rocciosa, giravamo di pozzanghera in pozzanghera, studiando salemas, patelle e buccini.

E contempliamo il lontano scoglio di King Kong, a lungo rassegnato alla solitudine marina a cui era destinato.

Piscine naturali a Porto Salemas, Isola di Porto Santo, Portogallo

Le piscine naturali di Porto de Salemas.

Vila Baleira e l'inevitabile presenza di Cristoforo Colombo

Torniamo nelle vicinanze di Vila Baleira, nonostante ospiti meno di 6.000 abitanti, la capitale dell'isola di Porto Santo.

Abbiamo camminato lungo la spiaggia. Facciamo una deviazione verso le sue dune dorate. Dall'alto di uno di essi, possiamo vedere i vigneti di lumache sparpagliati sul terreno sabbioso, tra siepi con muretti a crochet, canne e cespugli.

Ammiriamo la bellezza di quei vigneti, quasi giocosi, ma che, ogni anno, rinnovano il peculiare vino di Porto Santo, affinato nei sei secoli di insediamento sempre impegnativo dell'isola.

Dalle dune e dai loro vigneti, ci addentriamo nei vicoli di Vila Baleira. In uno di essi ci imbattiamo nella casa in cui Cristoforo Colombo, fin da piccolo, ben legato alla corte e ai nobili portoghesi, si degnò di abitare in città.

Alcune circostanze fecero sì che, in seguito alla scoperta dell'isola, Bartolomeu Perestrelo fosse nominato primo Capitano donatore di Porto Santo, nel 1445.

Come altri hanno stabilito che, nel 1479, tre anni dopo essersi stabilito a Lisbona, il navigatore genovese si sarebbe sposato a Vila Baleira con Filipa Moniz Perestrelo, figlia di Bartolomeu Perestrelo e nipote di Filippo Pallastrelli, nobile di origine italiana che, trasferitosi a Lisbona e vivendo a Porto, ha visto il soprannome portoghese.

Il legame matrimoniale di Colombo con i Perestrelos, famiglia pioniera di Porto Santo

Fino a due anni prima del suo matrimonio, Filipa Perestrelo rimase comandante del Monastero di Santos, a Lisbona, un monastero esclusivo per l'alta nobiltà, frequentato dal re João II e da Cristoforo Colombo, che vi si recava a messa. Si stima che, dopo ripetuti colloqui e incontri con Filipa Perestrelo, la programmazione del matrimonio sia giunta a buon fine, confacente ai progetti di vita di entrambi.

Nel 1478 Colombo si era assicurato una posizione nell'attività di esportazione dello zucchero prodotto a Madeira, che si stima provenisse da Paolo di Negro, un mercante italiano.

A quel tempo, Colombo aspirava già a diventare un rinomato scopritore. Filipa Perestrelo, avrebbe aperto la strada all'influenza e alla conoscenza nautica di suo padre. Alcuni storici affermano addirittura che la suocera di Colombo trasmise le mappe e i documenti cartografici di Bartolomeu Perestrelo.

Fu a Porto Santo ea Madeira che Colombo progettò buona parte del progetto per raggiungere le Indie via Occidente, progetto che la Corona portoghese, però, rifiutò di sostenere.

Cristoforo Colombo finì per rivelare le Americhe al Vecchio Mondo, nell'ottobre del 1492, dodici o tredici anni dopo il suo matrimonio a Lisbona.

Dalla sfidante sussistenza alla prosperità principalmente turismo

Nel mezzo millennio e poco che trascorse, gli intrepidi coloni di Porto Santo fecero di tutto per superare le avversità, soprattutto le ripetute siccità, aggravate dal disboscamento intensivo, necessario per la legna da ardere e la costruzione di un po' di tutto.

E a causa della riproduzione incontrollata dei conigli che vediamo saltellare per l'isola, si narra che discendenti di un'unica coppia di roditori liberati da Bartolomeu Perestrelo, consapevoli che sarebbe difficile attrarre e trattenere le persone se dovessero sussistere solo di pesca, cattura di uccelli e delle prolifiche lumache dell'isola.

Nel bene e nel male, nel tempo, i Profeti – così sono chiamati anche i portoghesi – si assicurarono la vita nell'isola e perfezionarono affascinanti e ormai famosi mezzi di quello che era iniziato come mero sostentamento.

È il caso dell'architettura delle Casas de Salão e delle matamorras, dove si rifugiarono dai pirati. E, in un contesto gastronomico, vino, polenta di mais e mais fritto, anche il bolo do caco che Carolina Freitas e in genere i portoghesi difendono con le unghie e con i denti come creato a Porto Santo, non a Madeira.

Oggi, Porto Santo offre approdi molto più agevoli rispetto al suo vicino e memorabili ritiri atlantici. Torneremo il prima possibile.

 

Per prenotare attività a Porto Santo contattare DUAS VIAGENS E TURISMO

www.dunastravel.com

+351 291 983 088

[email protected]

 

 

 

Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
Horta, Azzorre

La città che dà il nord all'Atlantico

La comunità mondiale dei velisti è ben consapevole del sollievo e della felicità di vedere la montagna di Pico e, quindi, Faial e l'accoglienza della baia di Horta e Peter Café Sport. La gioia non si ferma qui. Dentro e intorno alla città, ci sono case imbiancate a calce e un'ondata verdeggiante e vulcanica che abbaglia chiunque sia arrivato così lontano.
Vulcano Capelinhos, Faial, Azzorre

Sulla pista del mistero di Capelinhos

Da una costa dell'isola all'altra, attraverso le nebbie, le macchie di pascolo e le foreste tipiche delle Azzorre, sveliamo Faial e il Mistero del suo vulcano più imprevedibile.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal "Piccolo Tibet portoghese" alle fortezze del mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro

Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Sentiero Terra Chã e Pico Branco, Porto Santo

Pico Branco, Terra Chã e altri capricci di Ilha Dourada

Nel suo angolo nord-est, Porto Santo è qualcos'altro. Con le spalle rivolte a sud e verso la sua ampia spiaggia, scopriamo una costa montuosa, ripida e persino boscosa, piena di isolotti che punteggiano un Atlantico ancora più blu.
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

L'East End, qualcosa di extraterrestre a Madeira

inospitale, dai toni ocra e dalla terra cruda, Ponta de São Lourenço appare spesso come la prima vista di Madeira. Quando la percorriamo, rimaniamo abbagliati soprattutto da ciò che non è la più tropicale delle isole portoghesi.
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Fogli da Bahia, Eternal Diamonds, Brasile
Architettura & Design
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Celebrazione di Newar, Bhaktapur, Nepal
Cerimonie e Feste
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Scena di Natale, Shillong, Meghalaya, India
Città
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
cibo
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Efate, Vanuatu, trasferimento a "Congoola/Lady of the Seas"
Cultura
Efate, Vanuatu

L'isola sopravvissuta "Survivor"

Gran parte di Vanuatu vive in uno stato benedetto post-selvaggio. Forse per questo, Reality show in cui competono aspiranti candidati Robinson Crusoe si stabilirono uno dopo l'altro sulla loro isola più accessibile e famigerata. Già un po' stordita dal fenomeno del turismo convenzionale, anche Efate ha dovuto resistergli.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Santuario dell'eterna primavera
In viaggio

Gola di Taroko, Taiwan

Nelle profondità di Taiwan

Nel 1956, i taiwanesi scettici dubitano che i primi 20 km della Central Cross-Island Hwy fossero possibili. La gola di marmo che l'ha sfidata è oggi l'ambiente naturale più straordinario di Formosa.

Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
Etnico
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Moai, Rano Raraku, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile
Storia
Rapa Nui - Isola di Pasqua, Cile

Sotto lo sguardo dei Moai

Rapa Nui fu scoperta dagli europei il giorno di Pasqua del 1722. Ma se il nome cristiano Isola di Pasqua ha un senso, la civiltà che l'ha colonizzata dagli osservatori moai rimane avvolta nel mistero.
Punto di vista del punto di vista, Alexander Selkirk, a Pele Robinson Crusoe, Cile
Isole
Isola Robinson Crusoe, Cile

Alexander Selkirk: Nella pelle del vero Robinson Crusoe

L'isola principale dell'arcipelago Juan Fernández ospitava pirati e tesori. La sua storia era fatta di avventure come quella di Alexander Selkirk, il marinaio abbandonato che ha ispirato il romanzo di Dafoe.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
bianco inverno
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Letteratura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Natura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Bandiera argentina sul lago glaciale Perito Moreno-Argentino
Parchi Naturali
Perito Moreno, Argentina

Il ghiacciaio che resiste

Il riscaldamento dovrebbe essere globale, ma non va dappertutto. In Patagonia alcuni fiumi di ghiaccio resistono, di tanto in tanto l'avanzata del Perito Moreno provoca frane che bloccano l'Argentina
Kigurumi Satoko, Tempio di Hachiman, Ogimashi, Giappone
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Ogimashi, Giappone

Un Giappone storico-virtuale

"Higurashi no Naku Koro ni” è stata una serie di giochi per computer e di animazione giapponese di enorme successo. A Ogimashi, villaggio di Shirakawa-Go, viviamo con un gruppo di kigurumi dei loro personaggi.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
personaggi
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Mahé Isole delle Seychelles, amiche della spiaggia
Spiagge
Mahé, Seychelles

La Grande Isola delle Piccole Seychelles

Mahé è la più grande delle isole del paese più piccolo dell'Africa. Ospita la capitale della nazione e quasi tutte le Seychelles. Ma non solo. Nella sua relativa piccolezza, nasconde uno splendido mondo tropicale, fatto di giungla montuosa che si fonde con l'Oceano Indiano in baie di tutte le sfumature del mare.
Passage, Tanna, Vanuatu in Occidente, Meet the Natives
Religione
Tanna, Vanuatu

Da qui Vanuatu è stato portato in Occidente

Lo show televisivo "Soddisfare , il nativi” ha portato i rappresentanti tribali di Tanna a visitare la Gran Bretagna e gli Stati Uniti Visitando la loro isola, ci siamo resi conto del perché niente li entusiasmava di più del tornare a casa.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Cabina Sapphire, Purikura, Tokyo, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

Foto del passaporto giapponese

Alla fine degli anni '80, due multinazionali giapponesi vedevano già le cabine fotografiche convenzionali come pezzi da museo. Le trasformarono in macchine rivoluzionarie e il Giappone si arrese al fenomeno Purikura.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Animali selvatici
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.