ZDM, Dora - Corea del Sud

La linea del non ritorno


Giornata di riposo militare
Il personale militare sudcoreano in visita alla DMZ di Dore si fotografa da solo.
Al volante
Autista di autobus al Complesso Militare di Dore.
Storia recente di Dorasan
Pannello elettronico descrive il recente passato della stazione Dorasan.
cemento mimetizzato
Edificio mimetizzato vicino alla zona militare smilitarizzata coreana a Dore.
torre di osservazione
I militari controllano i movimenti dell'esercito nordcoreano dall'altra parte della zona smilitarizzata che separa le due Coree.
treno dipinto
Un dipinto in mostra alla stazione ferroviaria di Dorasan mostra una composizione che corre lungo una linea ferroviaria che collega Seoul a PyongYang.
linea binoculare
Binocolo posizionato per consentire ai visitatori di osservare la Zona Demilitarizzata e la Corea del Nord.
militare in visita
L'esercito sudcoreano controlla la linea di confine della Corea del Nord.
Visita militare
Una donna lascia un ponte di osservazione Dore che viene consegnato ai militari.
linea di foto
I soldati sudcoreani attraversano il confine dove i visitatori possono scattare foto a Dore, in Corea del Sud.
linea del treno dei sogni
Un pannello alla stazione ferroviaria di Dorasan, che un tempo collegava le due Coree ma rimane scollegata alla Corea del Nord
George Bush jr
La fotografia esposta a Dorasan, mostra la presenza dell'ex presidente Bush in questa stazione ferroviaria.
Memoriale e Museo della Guerra di Corea
Sagome militari al Memoriale e Museo della Guerra di Corea a Seoul.
Ricordi di guerra
Un militare osserva una rievocazione storica del Memoriale e Museo della Guerra di Corea.
Una nazione e migliaia di famiglie furono divise dall'armistizio nella guerra di Corea. Oggi, mentre i turisti curiosi visitano la DMZ, molte delle fughe dei nordcoreani oppressi finiscono in tragedia.

Ai margini del relax coreano, della vivace vita notturna e della crescente raffinatezza della capitale, a Seoul c'è un'atmosfera militare a cui è difficile sfuggire.

Appena mimetizzati nell'ambiente urbano, i soldati sudcoreani e nordamericani compaiono ovunque e si concentrano nel vasto Korean War Memorial, dove scoprono il passato del conflitto a cui sono stati consegnati e si fotografano tra aerei, elicotteri e carri armati disattivati.

Memoriale e Museo della Guerra di Corea, Corea del Sud, Linea di non ritorno

Sagome militari al Memoriale e Museo della Guerra di Corea a Seoul.

Anche se sintomatica, questa attività leggera dice poco del vecchio confronto tra le Coree che ha lacerato il paese originario e continua e minaccia di annientare le nazioni artificiali che ne sono rimaste.

Sheung Lee e Alex. I padroni di casa provvidenziali di Seoul

Sheung Lee, la nostra ospite a Seoul, lavora fino a tardi in una casa editrice. Arriva a casa su una veranda e senza tempo o pazienza per ottimi consigli.

Alex, una sua educata amica singaporiana, le va spesso a trovare. In una stanza piena di figurine di Winnie The Pooh, tiene conferenze sui temi più forti della Corea del Sud: dal cavolo "miracoloso" kimchi agli interventi chirurgici popolari a cui ricorrono i coreani per ingrandire e occidentalizzare le palpebre.

Insiste anche per spiegare nel dettaglio cosa non possiamo perdere in città. Sheung Lee ascolta dalla stanza e non può resistere alla partecipazione, nonostante le occhiaie sotto gli occhi e altri segni di esaurimento: “E la DMZ, Alex, stai dimenticando la DMZ. Partono domani mattina presto. È ancora più divertente dopo il Monumento ai Caduti".

Memoriale e Museo della Guerra di Corea, Corea del Sud, Linea di non ritorno

Un militare osserva una rievocazione storica del Memoriale e Museo della Guerra di Corea.

Ecco quanti giovani sudcoreani finiscono per parlare del posto. Come un'attrazione aberrante. Una specie di parco a tema militare che, pur essendo in grado di dettare la propria vita nel bene e nel male, non va preso troppo sul serio.

Non c'era motivo di diffidare del consiglio spontaneo di un nativo. Così, la mattina seguente, siamo saliti sull'autobus che trasportava la visita, ancora assonnati. In tre passi abbiamo lasciato il centro di Seoul dirigendoci verso nord e verso il famoso 38° parallelo.

cemento mimetizzatoLa genesi della DMZ alla fine della guerra fredda

Poco prima della fine della seconda guerra mondiale, la Corea era ancora occupata dall'invasore giapponese che aumentò il potere dell'esercito imperiale attraverso il reclutamento forzato di coreani.

Così che, nel gennaio 1945, i coreani rappresentavano il 32% della forza lavoro giapponese. Nell'agosto dello stesso anno, le due bombe atomiche sganciate dal EUA su Hiroshima e Nagasaki affrettò la capitolazione degli aggressori e la fine del conflitto.

Alla Conferenza di Potsdam, sotto la pressione della nuova minaccia sovietica, gli Alleati decisero di dividere la penisola. Contro quanto stabilito alla Conferenza del Cairo, lo fecero senza consultare i coreani.

Alla fine del 1945, dopo diversi episodi politico-militari, USA e Unione Sovietica condividevano già l'amministrazione della Corea. Questa intrusione portò a frequenti rivolte da parte dei coreani.

Il processo si concluse con la divisione politica del Paese in due zone rivali separate dal 38° parallelo: una, a nord, comunista, convalidata dai sovietici e dalla Cina. E un altro, a sud, nazionalista, difeso dagli Usa

I piani del leader nordcoreano Kim Il-sung di invadere il sud hanno costretto gli Stati Uniti a rimobilitare le forze alleate mondiali per fermare la diffusione della sfera comunista. La guerra di Corea precipitò.

Binocolo, Corea del Sud, Linea di non ritorno

Binocolo posizionato per consentire ai visitatori di osservare la Zona Demilitarizzata e la Corea del Nord.

L'avanti e l'arretramento che dividevano le Coree al 38° parallelo

Dal giugno 1950 fino al 1953 entrambe le parti avanzarono e si ritirarono sopra e sotto il 38° Parallelo e, ironia della sorte, dopo il lungo e distruttivo conflitto, una volta decretato l'armistizio, erano molto vicine alle loro posizioni originarie.

La Corea del Nord (DRPC) e la Corea del Sud (RC) sono state quindi rinnovate, separate da una DMZ coreana, un territorio di nessuno tra due confini fortemente militarizzati.

Ci siamo fermati per la prima volta al terzo di quattro tunnel di infiltrazione scavati dalla Corea del Nord che, di fronte alla sua scoperta da sud, ha affermato di essere utilizzata per l'estrazione del carbone, nonostante non ci sia carbone lì.

Mentre avanziamo nella semioscurità dell'interno, siamo divertiti dalla spiegazione dell'eccentrica guida secondo cui le macchie di nero che vediamo sulle pareti erano anche opera dei nordcoreani che hanno tinto il granito scavato per illustrare la teoria .

Dorasan. La stazione ferroviaria da cui anche il sogno è svanito

Segue un passaggio attraverso la stazione ferroviaria di Dorasan che un tempo collegava il nord con il sud ma è stata disattivata quando i nordcoreani hanno chiuso quel confine, dopo aver accusato il sud di aver alimentato una politica conflittuale.

George Bush Jr, DMZ, Corea del Sud, Linea di non ritorno

La fotografia esposta a Dorasan, mostra la presenza dell'ex presidente Bush in questa stazione ferroviaria.

Tra le immagini in mostra, ci sono quelle della visita di un figlio del presidente Bush visibilmente incuriosito. E, soprattutto, quella di un pannello grafico e colorato che espone linee ferroviarie Destinazioni asiatiche ed europee in partenza da quella stazione e dalla penisola coreana.

È un sogno che la Corea del Sud conserva ancora, nonostante l'orgoglio del regime comunista continui a sbarrare i suoi legami terrestri.

Linea ferroviaria mai completata, Corea del Sud, Linea di non ritorno

Un pannello alla stazione ferroviaria di Dorasan, che un tempo collegava le due Coree ma rimane scollegata alla Corea del Nord

Dora e lo sguardo nebbioso della Corea del Nord

L'ultima tappa della visita alla DMZ è accanto all'Osservatorio Dora, uno dei tanti punti da cui l'esercito sudcoreano controlla gli eventi del nord.

I militari dominano il luogo. I militari e i civili presenti si dedicano a sbirciare la Corea del Nord attraverso i cannocchiali installati. In quel momento, una fitta nebbia lascia intravedere solo il gigantesco palo (il terzo più grande al mondo a 160 m) da cui sventola una bandiera nordcoreana, che ci assicura un peso di circa 270 kg.

DMZ, Corea del Sud, Linea di non ritorno

L'esercito sudcoreano controlla la linea di confine della Corea del Nord.

Puoi anche vedere ringhiere e muri distanti. E edifici persi in una vastità bruna, arida e inospitale.

Sono i fantasmi architettonici di Kijong-do, villaggio nordcoreano di pace o di propaganda, come preferisce chiamarlo il sud.

DMZ, Corea del Sud, Linea di non ritorno

I militari controllano i movimenti dell'esercito nordcoreano dall'altra parte della zona smilitarizzata che separa le due Coree.

Il misterioso miraggio di Kijong-do

Il regime nordcoreano assicura che il villaggio ospiti una fattoria comunale gestita da duecento famiglie. E che è servita da una scuola materna, primaria e secondaria e da un ospedale.

Un'attenta osservazione dal confine sudcoreano ci ha permesso di concludere che si trattava, in realtà, di un villaggio di Potemkin costruito nel 1950 con grandi spese con il vero scopo di incoraggiare la defezione dei sudcoreani verso nord.

E per ospitare i soldati che mettono in sicurezza la vasta rete di artiglieria difensiva di fortificazioni e bunker lungo il confine. È, infatti, l'unica popolazione nordcoreana rilevabile dal sud della DMZ.

Come se la scarsa visibilità non bastasse, è vietato fotografare o filmare davanti a una Photo Line abbastanza arretrata rispetto alla soglia della pedana, dipinta di giallo a terra.

Questa limitazione impedisce ai visitatori di registrare ciò che si trova dall'altra parte.

Linea fotografica, DMZ, Corea del Sud, Linea di non ritorno

I soldati sudcoreani attraversano il confine dove i visitatori possono scattare foto a Dora, in Corea del Sud.

A causa dell'apparente assenza di alternative, ci sottoponiamo al regolamento, ma una giovane coppia decide di improvvisare. Si arrampica sulle giostre del suo ragazzo. Posizionato molto più in alto contro il muro, punta una macchina compatta a nord e inizia a sparare.

Per un momento, l'audacia diverte i soldati sudcoreani di guardia che, ovviamente, l'hanno già visto. Presto seguono le sue istruzioni e costringono la coppia a prima annullare l'acrobazia, quindi eliminare le foto.

Da lì, ogni passaggio a nord sarebbe definitivo. O, per lo meno, estremamente problematico.

Lo hanno dimostrato due giornalisti americani catturati dalla Corea del Nord e salvati solo per l'ammirazione del dittatore re Jong Il per l'ex presidente. Bill Clinton.

Militare

Difensori delle loro terre d'origine

Anche in tempo di pace, rileviamo personale militare ovunque. In servizio nelle città, svolgono missioni di routine che richiedono rigore e pazienza.
Hue, Vietnam

L'eredità rossa del Vietnam imperiale

Ha sofferto le peggiori difficoltà della guerra del Vietnam ed è stata disprezzata dal Vietcong per il passato feudale. Le bandiere nazional-comuniste sventolano sulle sue mura ma Hué ritrova il suo splendore.
Taiwan

Bello ma non sicuro

I navigatori portoghesi non potevano immaginare l'imbroglio riservato a Formosa. Quasi 500 anni dopo, anche se non è sicura del suo futuro, Taiwan è fiorente. Da qualche parte tra indipendenza e integrazione nella grande Cina.
San Giovanni d'Acri, Israele

La fortezza che ha resistito a tutto

Era un obiettivo frequente delle Crociate e fu preso e riconquistato più e più volte. Oggi, israeliano, Acri è condiviso da arabi ed ebrei. Vive in tempi molto più sereni e stabili di quelli che ha vissuto.
porte, India

Alle porte dell'Himalaya

Siamo arrivati ​​alla soglia settentrionale del Bengala occidentale. Il subcontinente è ceduto a una vasta pianura alluvionale piena di piantagioni di tè, giungla, fiumi che il monsone fa traboccare su infinite risaie e villaggi che scoppiano a crepapelle. Al confine con la più grande delle catene montuose e il regno montuoso del Bhutan, per l'evidente influenza coloniale britannica, l'India chiama questa splendida regione con Dooars.
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
Seul, Corea del Sud

Uno sguardo alla Corea medievale

Il palazzo Gyeongbokgung è protetto da guardiani con abiti di seta. Insieme, formano un simbolo dell'identità sudcoreana. Senza aspettarcelo, siamo finiti per ritrovarci nell'era imperiale di queste terre asiatiche.
Tawang, India

La mistica valle della profonda discordia

All'estremità settentrionale della provincia indiana dell'Arunachal Pradesh, Tawang ospita paesaggi montuosi spettacolari, villaggi etnici Mompa e maestosi monasteri buddisti. Anche se dal 1962 i rivali cinesi non lo trafiggono, Pechino guarda questo dominio come parte del tuo Tibete. Di conseguenza, religiosità e spiritualismo hanno da tempo condiviso un forte militarismo.
Hiroshima, Giappone

Hiroshima: una città arresa alla pace

Il 6 agosto 1945 Hiroshima soccombette all'esplosione della prima bomba atomica usata in guerra. Dopo 70 anni, la città si batte per la memoria della tragedia e per lo sradicamento delle armi nucleari entro il 2020.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
Architettura & Design
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Cerimonie e Feste
Apia, Samoa Occidentali

Fia Fia – Folclore Polinesiano ad Alta Velocità

Dalla Nuova Zelanda all'Isola di Pasqua e da qui alle Hawaii, ci sono molte varianti di danze polinesiane. Le notti samoane di Fia Fia, in particolare, sono allietate da uno degli stili più frenetici.
Forte di São Filipe, Città Vecchia, Isola di Santiago, Capo Verde
Città
Cidade Velha, Capo Verde

Cidade Velha: l'antica città delle città tropico-coloniali

Fu il primo insediamento fondato dagli europei al di sotto del Tropico del Cancro. In un momento cruciale per l'espansione portoghese in Africa e in Sud America e per la tratta degli schiavi che l'accompagnò, Cidade Velha divenne un'eredità toccante ma inevitabile di origini capoverdiane.

Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Tesori, Las Vegas, Nevada, Città del peccato e del perdono
Cultura
Las Vegas, EUA

Dove il peccato perdona sempre

Proiettata dal deserto del Mojave come un miraggio al neon, la capitale nordamericana del gioco e dell'intrattenimento è vissuta come una scommessa al buio. Lussureggiante e avvincente, Vegas non impara né si pente.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
piccolo browser
Etnico
Honiara e Gizo, Isole Salomone

Il Tempio sconsacrato delle Isole Salomone

Li nominò un navigatore spagnolo, desideroso di ricchezze come quelle del re biblico. Devastate dalla seconda guerra mondiale, da conflitti e disastri naturali, le Isole Salomone sono lontane dalla prosperità.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Bridgetown, città del ponte e capitale delle Barbados, spiaggia
Storia
Bridgetown, Barbados

La città (del ponte) delle Barbados

Originariamente fondata come "Indian Bridge", accanto a una palude maleodorante, la capitale delle Barbados si è evoluta nella capitale delle British Windward Isles. I barbadiani lo chiamano "The City"”. È la città natale della ben più famosa Rihanna.
Dominica, Soufrière e Scotts Head, sullo sfondo dell'isola
Isole
Soufrière e Scotts Head, Dominica

La Vita che Pende dall'Isola Caraibica della Natura

Ha la reputazione di essere l'isola più selvaggia dei Caraibi e, avendo raggiunto il suo fondo, continuiamo a confermarlo. Da Soufriére al confine meridionale abitato di Scotts Head, Dominica rimane estrema e difficile da domare.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Scogliere sopra la Valle della Desolazione, vicino a Graaf Reinet, Sud Africa
Natura
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
Parchi Naturali
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
personaggi
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Sesimbra, Vila, Portogallo, vista dall'alto
Spiagge
Sesimbra, Portogallo

Un villaggio toccato da Midas

Non sono solo Praia da California e Praia do Ouro a chiuderla a sud. Al riparo dalle furie dell'Atlantico occidentale, dotata di altre insenature immacolate e dotata di fortificazioni secolari, Sesimbra è oggi un prezioso paradiso per la pesca e la balneazione.
Easter Seurassari, Helsinki, Finlandia, Marita Nordman
Religione
Helsinki, Finlândia

La Pasqua Pagana di Seurasaari

Anche a Helsinki il Sabato Santo viene celebrato in modo gentile. Centinaia di famiglie si radunano su un'isola al largo della costa, attorno a falò accesi per spaventare gli spiriti maligni, le streghe e i troll.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Ponte U Bein, Amarapura, Myanmar
Società
ponte u-beinMyanmar

Il crepuscolo del ponte della vita

A 1.2 km, il ponte di legno più antico e lungo del mondo permette ai birmani di Amarapura di vivere il lago Taungthaman. Ma a 160 anni dalla sua costruzione, U Bein è nel suo crepuscolo.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Parco nazionale delle Everglades, Florida, Stati Uniti, volo sopra i canali delle Everglades
Animali selvatici
PN delle Everglades, Florida, EUA

Il Grande Fiume di Erba della Florida

Chiunque voli sopra il sud del 27° stato rimane stupito dalla vastità verde, liscia e fradicia che contrasta con i toni oceanici circostanti. Questo esclusivo ecosistema di praterie e paludi degli Stati Uniti ospita una fauna prolifica dominata da 200 degli 1.25 milioni di alligatori della Florida.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.