Lijiang, Cina

Una città grigia ma piccola


tetti grigi
Le case secolari di Lijiang con i loro tetti uniformi.
Piscina del drago nero
Il lago più famoso di Lijiang, con la montagna di neve del drago di giada sullo sfondo.
in posa
Cavalieri Naxi con i loro tipici berretti di pelliccia di panda rosso.
vetrina delle prelibatezze
Le specialità in mostra stuzzicano l'appetito dei passanti.
Danze tipiche
Donne in naxi ballano in una delle piazze di Lijiang.
tetti grigi
La casa di Lijiang è sovrastata dall'imponente Montagna di Neve del Drago di Giada.
mini bagno
Sembra che una ragazza sia stata costretta a fare il bagno durante una delle gelide mattine di Lijiang.
solitario cinese
Un lavoratore del ristorante riposa vicino a un muro con un'iscrizione incompleta sull'immagine che si traduce come "tutte le persone hanno..."
buddismo privato
Grande tempio buddista, sezione religiosa della sontuosa residenza della famiglia Mu.
Sfumature di Natale
Due clienti in un bar cittadino risplendente di colori.
tetti grigi II
Le case secolari di Lijiang con i loro tetti uniformi.
Viste da lontano, le sue vaste case sono lugubri, ma i secolari marciapiedi e canali di Lijiang sono più popolari che mai. Una volta, questa città brillava come la grande capitale del popolo Naxi. Oggi, inondazioni di visitatori cinesi competono per il quasi parco a tema che è diventato una tempesta.

L'arrivo di Dali il pomeriggio precedente e i primi passi sulle strade acciottolate di Lijiang rendono molto chiaro cosa dovevamo fare.

Non eravamo nemmeno nei mesi più caldi e affollati della città. Siamo entrati sabato. Una folla di estranei, perlopiù di etnia Han predominante, la invade a poco a poco, senza opporre resistenza, anzi.

Mentre camminiamo lungo i canali e attraversiamo innumerevoli ponti, è raro che gli stranieri occidentali passino. I nuovi residenti di Lijiang sono pronti ad accogliere i loro connazionali e a trarne profitto.

Sempre più persiane di legno scuro intagliato si aprono al ritmo con cui la luce biancastra del sole cade su di esse, o almeno alla sua rifrazione dal pavimento di basalto.

Eccezionali quelli che rivelano case al posto dei negozi: stabilimenti pieni di tè e spezie, sete e tessuti diversi e simili, o una miriade di ciondoli colorati, alcuni fatti a mano, altri meno.

Tra questi negozi, ci sono locande e bancarelle mangiare e bere che sono pronti a grigliare o friggere spiedini piccanti, pesci d'acqua dolce, gamberi ma anche larve, grilli e cavallette.

Padelle e scatole scanalate o forate sprigionano vapore che tengono calde le specialità complementari: gnocchi di fagioli, tapioca e soia, dolci e salati, alcuni avvolti in delicati involucri di verdure.

Vetrina delle prelibatezze, Lijiang, Yunnan, Cina

Le specialità in mostra stuzzicano l'appetito dei passanti.

È mezzogiorno passato. La fame si stringe e la folla interrompe le passeggiate. Spinta dal vorace appetito degli Han sia per la migliore cucina della nazione che per il semplice sedersi insieme, la folla invade i ristoranti e le vicinanze delle bancarelle.

Verso l'una del pomeriggio, con le energie ripristinate, torna a vagare per i vicoli, rinforzata dai passeggeri dei bus turistici pomeridiani che nel frattempo sono arrivati.

Ci siamo accorti di quanto fosse degenerata la tranquillità e la genuinità mattutina del paese. Reagiamo per abbinare. Ci allontaniamo dalle arterie collegate al tuo cuore determinati a goderne appieno.

Cook in the Sun, Lijiang, Yunnan, Cina

Un ristoratore riposa vicino a un muro con un'iscrizione incompleta sull'immagine che si traduce come "tutte le persone hanno..."

Abbiamo studiato attentamente la mappa. Indichiamo Shizi Shan (Collina del Leone), una collina boscosa che si staglia all'estremità occidentale della Città Vecchia.

Padiglione Wangu, Lijiang, Yunnan, Cina

L'illuminazione fa risaltare il Padiglione Wangu dalle ombre della foresta.

Da esso si proietta il suo famoso padiglione Wangu, costruito su sedici colonne, ciascuna alta ventidue metri.

Presumibilmente decorato con 2.300 motivi stravaganti che rappresentano i ventitré gruppi etnici che abitano oggi la regione di Lijiang.

Lijiang e i suoi infiniti tetti grigi

Ci sono cinque piani nel padiglione. Salimmo le scale interne fino all'ultima e uscimmo sul suo balcone. Quell'altezza rivela la vastità della Li Valley e, in lontananza, il Jade Dragon Snow Mountain, con i suoi quasi 5.600 metri di altitudine.

tetti grigi

La casa di Lijiang è sovrastata dall'imponente Montagna di Neve del Drago di Giada.

A est, nelle immediate vicinanze in basso, ci colpiscono gli sterminati tetti di Lijiang, che formano una vasta macchia grigia, qua e là screziata di bianco o dai toni caldi di altre zone scoperte delle abitazioni.

Anche se si è ripresa dopo il terremoto di magnitudo 7.0 del 1996 che ha ucciso trecentocinquanta persone e lasciato molti altri senzatetto, lo scenario attuale della città rispetta i suoi ottocento anni di avamposto della via equestre del tè, durante le dinastie Ming e Qing e, per quasi mezzo millennio, controllata da una potente famiglia, i Mu.

Situata a 2500 m nell'estremo sud-ovest della Cina, lontana da Pechino, Shanghai e Hong Kong, come tutte le principali città antiche della civiltà Han, fino a pochi decenni fa, Lijiang si conservava in un mondo a sé stante.

Tetti grigi, Lijiang, Yunnan, Cina

Le case secolari di Lijiang con i loro tetti uniformi.

La grande città dell'etnia Nashi

Fu costruito e abitato per secoli dal popolo Nashi (o Naxi) che si ritiene sia emigrato dalla Cina nord-occidentale verso le regioni adiacenti al Tibet e precedentemente dominate dai tibetani.

Come questi e i Bai, i Nashi proliferarono nel commercio del tè svolto sulle infide fiamme himalayane, tra Lhasa e l'India, alla confluenza con la Via della Seta che passava più a sud.

Anche se vulnerabile alle influenze portate dai mercanti Han, Lijiang è emersa come un'espressione unica e conveniente di quella stessa maggiore prosperità. Già in epoca turistica, la città cedette alla prepotente pressione della curiosità dei connazionali.

Continua a modellarsi per servirti.

Guardia del tubo, Lijiang, Yunnan, Cina

Una guardia di un negozio in abito tradizionale fuma la pipa.

Siamo scesi da Lion Hill con la notte che ha conquistato la Li Valley e l'intera provincia dello Yunnan. Distratti dai toni cangianti dell'atmosfera, eravamo quasi chiusi nella torre di legno. Questo viene evitato da un monaco che avverte il portiere dell'edificio ancor prima di chiuderlo.

Dal padiglione torniamo alla pittoresca locanda che avevamo scelto, con le sue stanze disposte intorno a un cortile recintato ea cui si accede attraverso un pesante e sgargiante cancello.

Alle 8:30 ci svegliammo in una gelida domenica mattina ancora appena ripresa. Come ci si poteva aspettare, lo sforzo mattutino si rivela breve.

A questo punto, Lijiang era piena degli stessi passanti eccitati del giorno prima. Lo percorriamo insieme alla folla, rassegnati al suo potere inespugnabile.

La folla che attraversa i ponti e i canali secolari di Lijiang

Dopotutto eravamo in Cina. La fascia di popolazione del paese era di milioni di milioni, non pochi milioni.

Il nome Lijiang significa Città dei Ponti. E, trattenuta dalle sue stesse dinamiche capricciose, la folla si incrociava e avanzava più lenta dell'acqua che scorre nei canali e sotto le innumerevoli passerelle e ponti del centro storico.

Canali, Lijiang, Yunnan, Cina

I passanti si muovono lungo uno dei tanti canali della città.

Nel corso del tempo, Lijiang è diventato un habitat che combinava i benefici delle montagne, dei fiumi e delle foreste circostanti.

Un sistema di irrigazione ramificato originato dalle cime innevate del Montagna di neve del drago di giada e correva attraverso villaggi e terreni agricoli.

La laguna di Heilong – che a breve daremo un'occhiata – e numerose fontane e pozzi la completavano assicurando il fabbisogno quotidiano di acqua e cereali, frutta e verdura, prevenzione incendi e la produzione locale di altri beni.

Uno degli altri elementi del sistema, i mulini ad acqua, ha un ultimo rappresentante sul ponte Yulong, accanto a ciò che resta dell'antica cinta muraria massiccia. I molti idrofili che la visitano anno dopo anno portano a un'estasi raddoppiata.

Piscina del drago nero

La laguna più famosa di Lijiang, con la montagna di neve del drago di giada sullo sfondo.

Alla Black Dragon Pool, i visitatori di Lijiang possono combinare sia l'origine geologica dell'acqua che il suo serbatoio finale nella stessa vista.

La vita di Lijiang che è cambiata. non tutto

Fino a tempi recenti era possibile vedere i residenti lavare le verdure nelle correnti dei canali, sulla strada tra il mercato e le loro case. Quell'abitudine ora appartiene al passato. Ma, contro ogni modernità, persistono altri usi e costumi.

mini bagno

Sembra che una ragazza sia stata costretta a fare il bagno durante una delle gelide mattine di Lijiang.

Alcuni di loro, piuttosto controversi in Occidente.

Siamo arrivati ​​lunedì. Anche se meno urgenti del weekend appena concluso, ci siamo fatti coraggio e ci siamo alzati con una nuova gelida alba.

Abbiamo dato un'occhiata al mercato nei pressi della locanda e siamo rimasti sorpresi dalla vista di diversi cani senza pelle, appesi alla sbarra di metallo di una macelleria.

Contempliamo i cadaveri degli animali con la stranezza di chi li trova abitualmente come animali da compagnia o, comunque, come esemplari randagi. Ignaro di un divario culturale così profondo, il macellaio di turno si avvicina a noi e ci chiede se vogliamo prenderli. Rifiutiamo.

Invece, abbiamo comprato i mandarini.

Piazza Lijiang Bailong. Il palcoscenico di una festa quotidiana

Quando torniamo nel cuore semi-labirintico di Lijiang, Bailong Square entra in modalità festa.

Danze Naxi, Lijiang, Yunnan, Cina

Donne in naxi ballano in una delle piazze di Lijiang.

Un gruppo di donne anziane nashi vivono insieme vestiti con gli abiti tradizionali della loro etnia: gonna di perline blu scuro, camicia e berretti celesti e gilet di maglia rossi.

Le signore si tengono per mano e iniziano a cantare. Poco dopo, inaugurano una danza circolare che accompagna il canto e attira un piccolo auditorium.

Nella porta accanto, due uomini a cavallo, vestiti con cappelli di pelliccia di panda rosso e ancora più gilet di spugna, si esibiscono, semplicemente in posa, nell'attesa che i visitatori Lui città pagali per le foto con te.

È qualcosa che vediamo ripetuto spesso.

in posa

Cavalieri Naxi con i loro tipici berretti di pelliccia di panda rosso.

Con il nuovo tramonto, la morbida luce pomeridiana si diffonde nuovamente. Abbiamo cenato all'ultimo piano di un bar chiamato "Divertiti" da dove abbiamo fotografato il padiglione Wangu illuminato e evidenziato, in lontananza, su Lion Hill.

E, giù per il pendio, le case secolari di Lijiang dorate da un'esuberante illuminazione notturna che unisce le luci gialle sui vecchi tetti a quelle dei lampioni di carta rossa cinese.

Sfumature di Natale

Due clienti in un bar cittadino risplendente di colori.

Orchestra Lijiang Naxi. Una sinfonia di eccentricità

Poi siamo andati al non meno antico edificio della Dayan Naxi Ancient Music Association e ci siamo sistemati per goderci uno dei concerti della locale Naxi Orchestra. I venti e più preside musicisti entrano tranquillamente. Molti di loro sfoggiano capelli e barba bianchi.

Orchestra di Naxi, Lijiang, Yunnan, Cina

La grande orchestra di Lijiang si è riunita nella sala della Dayan Naxi Ancient Music Association.

Veterani di tali mostre, poco o niente provano. Inauguro, a colpo d'occhio, i temi dongjing taoisti tradizionali che avevano scelto per l'allineamento.

E ci incantano con la magia dei loro flauti e diversi strumenti a corda asiatici: charamella, liuti cinesi, plettri e cetre, tra gli altri.

La musica tradizionale di dondolando si è affinato nell'arco di cinque secoli fino a raggiungere un'armonia e una concezione artistica considerata trascendentale.

Un tempo era riservato alla nobiltà cinese. Negli anni l'esclusività ha lasciato il posto alla passione delle persone. nashi per la musica.

Quel giorno l'orchestra l'ha offerto a noi e agli altri spettatori.

E come se non fosse niente di speciale, ha dato a Lijiang un po' più di vita e colore.

Grande Zimbabwe

Grande Zimbabwe, mistero infinito

Tra l'XI e il XIV secolo, i popoli bantu costruirono quella che divenne la più grande città medievale dell'Africa subsahariana. Dal 1500 in poi, con il passaggio dei primi esploratori portoghesi provenienti da Mozambico, la città era già in declino. Le sue rovine, che hanno ispirato il nome dell'attuale nazione dello Zimbabwe, hanno molte domande senza risposta.  
Dali, Cina

La Cina surrealista di Dalì

Immersa in una magica cornice lacustre, l'antica capitale del popolo Bai è rimasta, fino a qualche tempo fa, un rifugio per la comunità di viaggiatori zaino in spalla. I cambiamenti sociali ed economici di Cina ha incoraggiato l'invasione dei cinesi per scoprire l'angolo sud-ovest della nazione.
Bingling Sì, Cina

La gola dei mille Buddha

Per più di un millennio e almeno sette dinastie, i devoti cinesi hanno esaltato le loro credenze religiose con l'eredità di sculture in uno stretto stretto del fiume Giallo. Coloro che sbarcano alla Gola dei Mille Buddha, potrebbero non trovare tutte le sculture ma trovare uno splendido santuario buddista.
Dunhuang, Cina

Un'oasi nella Cina delle Sabbie

Migliaia di chilometri a ovest di Pechino, la Grande Muraglia ha la sua estremità occidentale e la Cina e altro. Un'inaspettata spruzzata di verde vegetale rompe l'arida vastità circostante. Annuncia Dunhuang, ex avamposto cruciale della Via della Seta, oggi una città intrigante ai piedi delle dune più grandi dell'Asia.
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Lijiang e Yangshuo, Cina

Una Cina impressionante

Zhang Yimou, uno dei più famosi registi asiatici, si è dedicato a grandi produzioni outdoor ed è stato coautore delle cerimonie mediatiche delle Olimpiadi di Pechino. Ma Yimou è anche responsabile di “Impressions”, una serie di allestimenti non meno controversi con palchi in luoghi emblematici.
Lhasa, Tibete

La demolizione della campana del tetto del mondo

Qualsiasi dibattito sulla sovranità è accessorio e una perdita di tempo. Chiunque voglia lasciarsi abbagliare dalla purezza, dall'affabilità e dall'esotismo della cultura tibetana dovrebbe visitare il territorio il prima possibile. L'avidità della civiltà Han che muove la Cina non impiegherà molto a seppellire il Tibet millenario.
Dali, Cina

Flash Mob di moda cinese

L'ora è fissata e il luogo è noto. Quando la musica inizia a suonare, una folla segue la coreografia in modo armonioso fino allo scadere del tempo e ognuno torna alla propria vita.
Lhasa, Tibete

Quando il Buddismo si stanca della meditazione

Non solo con il silenzio e il ritiro spirituale si cerca il Nirvana. Al Monastero di Sera, i giovani monaci perfezionano la loro conoscenza buddista con accesi confronti dialettici e applausi scoppiettanti.
Huang Shan, Cina

Huang Shan: Le montagne gialle dei picchi galleggianti

Le cime granitiche delle montagne gialle e fluttuanti di Huang Shan, da cui spuntano i pini acrobati, appaiono in innumerevoli illustrazioni artistiche della Cina. Lo scenario reale, oltre ad essere remoto, rimane più di 200 giorni nascosto sopra le nuvole.
Pentecoste, Vanuatu

Pentecoste Naghol: Bungee Jumping per uomini seri

Nel 1995, il popolo di Pentecoste minacciò di citare in giudizio le società di sport estremi per aver rubato loro il rituale di Naghol. In termini di audacia, l'imitazione elastica è molto inferiore all'originale.
Pechino, Cina

Il cuore del grande drago

È il centro storico incoerente dell'ideologia maoista-comunista e quasi tutti i cinesi aspirano a visitarlo, ma piazza Tianamen sarà sempre ricordata come un macabro epitaffio delle aspirazioni della nazione.
Badaling, Cina

L'invasione cinese della Grande Muraglia cinese

Con l'arrivo delle giornate calde, orde di visitatori Han si impossessano della Grande Muraglia cinese, la più grande struttura creata dall'uomo. Risalgono all'era delle dinastie imperiali e celebrano il protagonismo appena conquistato della nazione.
Guilin, Cina

La porta del regno di pietra cinese

L'immensità delle aspre colline calcaree che lo circondano è così maestosa che le autorità di Pechino stampalo sul retro di banconote da 20 yuan. Chi lo esplora passa quasi sempre per Guilin. E anche se questa città nella provincia del Guangxi è diversa dalla natura esuberante che la circonda, abbiamo anche trovato il suo fascino.
Lhasa a Gyantse, Tibete

Gyantse, attraverso le alture del Tibet

L'obiettivo finale è il campo base tibetano dell'Everest. In questo primo percorso, partendo da Lhasa, passiamo dal lago sacro di Yamdrok (4.441 m) e dal ghiacciaio della gola di Karo (5.020 m). A Gyantse ci arrendiamo allo splendore tibetano-buddista dell'antica cittadella.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Safari
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Concorso del boscaiolo dell'Alaska, Ketchikan, Alaska, Stati Uniti
Architettura & Design
Ketchkan, Alaska

Qui inizia l'Alaska

La realtà passa inosservata alla maggior parte del mondo, ma ce ne sono due Alaska. In termini urbanistici, lo Stato si inaugura a sud del suo nascosto cavo di padella, una striscia di terra separata dal resto EUA lungo la costa occidentale del Canada. Ketchikan, è la più meridionale delle città dell'Alaska, la sua capitale della pioggia e la capitale mondiale del salmone.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
Aventura
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Percorso in conflitto
Cerimonie e Feste
Gerusalemme, Israele

Per le strade deliziose della Via Dolorosa

A Gerusalemme, percorrendo la Via Dolorosa, i credenti più sensibili si rendono conto di quanto sia difficile raggiungere la pace del Signore nei vicoli più contesi della faccia della terra.
Magome a Tsumago, Nakasendo, Way Medieval Japan
Città
Magome Tsumago, Giappone

Da Magome a Tsumago: il percorso sovraffollato per il Giappone medievale

Nel 1603 lo shogun Tokugawa dettò il rinnovamento di un antico sistema stradale. Oggi, il tratto più famoso della strada che collegava Edo a Kyoto è attraversato da una folla desiderosa di fuggire.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Mar de Parra
Cultura
Mendoza, Argentina

Viaggio attraverso Mendoza, la grande provincia vinicola argentina

I missionari spagnoli si resero conto, nel XVI secolo, che l'area era destinata alla produzione del “sangue di Cristo”. Oggi la provincia di Mendoza è al centro della più grande regione vinicola dell'America Latina.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Cavalli sotto bufera di neve, Islanda Fuoco senza fine dell'isola di neve
In viaggio
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
Etnico
Pentecoste, Vanuatu

Naghol: Bungee Jumping senza modernità

A Pentecoste, nella tarda adolescenza, i giovani si lanciano da una torre con solo viti attaccate alle caviglie. Le corde elastiche e le imbracature sono pignoleria che non si addice a un'iniziazione all'età adulta.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Penisola dello Yucatan, Città di Merida, Messico, Cabildo
Storia
Merida, Messico

Il più esuberante di Meridas

Nel 25 aC i romani fondarono Emerita Augusta, capitale della Lusitania. L'espansione spagnola ha generato altre tre Mérida nel mondo. Delle quattro, la capitale dello Yucatan è la più colorata e vivace, risplendente dell'eredità coloniale ispanica e della vita multietnica.
Induismo balinese, Lombok, Indonesia, tempio Batu Bolong, vulcano Agung sullo sfondo
Isole
Chili, Indonesia

Lombok: l'induismo balinese su un'isola dell'Islam

La fondazione dell'Indonesia era basata sulla fede in un Dio. Questo principio ambiguo ha sempre generato polemiche tra nazionalisti e islamisti, ma a Lombok i balinesi prendono a cuore la libertà di culto.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Letteratura
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Aurora, Pico do Arieiro a Pico Ruivo, Isola di Madeira, Portogallo
Natura
Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Rancho Salto Yanigua, Repubblica Dominicana, estrazione di pietre
Parchi Naturali
Montana Redonda e Rancho Salto Yanigua, Repubblica Dominicana

Da Montaña Redonda al Rancho Salto Yanigua

Alla scoperta del nord-ovest dominicano, saliamo alla Montaña Redonda de Miches, recentemente trasformata in un insolito picco di fuga. Dalla cima indichiamo Bahia de Samaná e Los Haitises, passando per il pittoresco ranch Salto Yanigua.
Glamour vs Fede
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
personaggi
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
Spiagge
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
corteo sfarzoso
Religione
Suzdal, Russia

Mille anni di Russia antiquata

Era una capitale sontuosa quando Mosca era solo un villaggio rurale. Lungo il percorso perse rilevanza politica ma accumulò la più grande concentrazione di chiese, monasteri e conventi nel paese degli zar. Oggi, sotto le sue innumerevoli cupole, Suzdal è tanto ortodossa quanto monumentale.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
Società
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
Vita quotidiana
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Fattoria São João, Pantanal, Miranda, Mato Grosso do Sul, tramonto
Animali selvatici
Fattoria Sao Joao, Miranda, Brasile

Pantanal con il Paraguay in vista

Quando l'azienda agricola Passo do Lontra ha deciso di espandere il proprio ecoturismo, ha reclutato l'altra azienda agricola di famiglia, São João. Più lontano dal fiume Miranda, quest'altra proprietà rivela un remoto Pantanal, ai margini del Paraguay. Dal paese e dal fiume omonimo.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.