Levada do Caldeirao Verde, Madeira, Portogallo

Acqua Sopra, Acqua Sotto


stagno delle anatre
Casa delle ustioni
Albero dei candelabri
bis bis
Casa delle ustioni II
regno dei licheni
Cascata effimera
Passaggio scavato
felci bagnate
Portato via
La Gola
doppio tunnel
Ingresso al Calderone
La parte superiore della nebbia
regno del muschio
un'altra galleria
Valle a nord
canyon II
È solo uno degli oltre cento prodigiosi sistemi di canali che gli abitanti di Madeira costruirono per irrigare i raccolti. Il suo scenario verdeggiante, ripido e drammatico fa sì che i visitatori dell'isola scorrano continuamente lungo la levada di Caldeirão Verde.

Sembra una fiaba di Madeira, il punto di partenza della passeggiata.

Lo rivela lo splendore della grande stella, mentre penetra il manto di nuvole che abbraccia il nord e l'ovest. ad ovest dell'isola.

La nebbia arriva, la nebbia va, il lago allungato è definito nel cuore del Parque Florestal das Queimadas.

Le anatre che vi sguazzano solcano l'acqua scura, circondate da un recinto contorto di rami vecchi.

Ingresso al Parque Florestal das Queimadas

Il parco è boscoso. Tutto è organico, verdeggiante, naturale. E, come la maggior parte di Madeira, quasi tropicale. Brillano iperbole e rigogliose felci.

Poco sopra, tutt'intorno, gli alberi e gli arbusti che compongono la vegetazione endemica della Laurisilva, le eriche, le fronde e le perenni, i cedri di Madeira, i Tis, antichi esempi di alberello e uveira di montagna, competono per la luce. , Piornos, Sanguinhos e Leitugas.

Sono rivestiti di muschi e licheni che l'umidità costante mantiene inzuppati e gocciolanti.

Distinto da questa giungla quasi atlantica, due o tre edifici, uno dei quali si affaccia, con uno sguardo che rasenta il surreale.

Si sa che, prima o poi, sbarca chi alla scoperta di Madeira, si meraviglia delle tipiche case dal tetto di paglia, conservate e migliorate, a Santana.

E la Casa dell'Incanto di Queimadas

Perché, in Queimadas, degno di tante o più cartoline, addita al cielo una versione improvvisata, se è vittima di un paragone insensibile, esagerato.

Il tetto a forma di A e il frontale a strisce sembrano emulare l'architettura alpina tirolese.

Ma le nevicate sono rare a Madeira.

Quando sono dati, coprono le altezze supreme del Picos das Torres (1853 m), Ruivo (1861 m), Arieiro (1818 m) e relative altezze.

Nella sua precoce eccentricità, la Casa das Queimadas nasce per dare riparo ai camminatori che, nel primo quarto del XX secolo, la notorietà internazionale dell'isola Jardim do Atlântico, attratti dalla foresta, dal sentiero secolare e dalla levada (opera di 1877-1904) che rivelò loro il misterioso Caldeirão Verde.

Non solo.

Altre due escursioni scelte sono passate per Queimadas, Caldeirão do Inferno e Pico das Pedras.

La casa faceva parte di una rete di edifici per ostelli, progettati a partire dal 1877 e, almeno fino al 1904, distribuiti tra i luoghi che i visitatori preferivano esplorare.

Adeguato alla realtà, a 990 metri di altitudine, pioggia invece che neve, è stato lo stile peculiare delle case di Santana a dare origine a quella di Queimadas.

Più rilassato e accogliente, tenendo conto delle cure necessarie per le persone che sono rimaste lì con ansia e sono tornate stanche.

Poiché l'esecuzione di questa rete, il completamento del quartier generale di Queimadas, ha richiesto del tempo.

Per più di tre decenni, le autorità hanno mantenuto una versione elementare del rifugio.

Dal semplice rifugio al palazzo di Madeira che abbaglia

Con la fine della seconda guerra mondiale – Portogallo e Madeira ai margini della tragedia – le autorità confermarono la possibilità per gli europei di viaggiare nuovamente in modalità evasiva.

Madeira ha riacquistato il suo status di idolatrato Eden atlantico. Dalla metà del XX secolo, Casa das Queimadas è stata attrezzata per adattarsi.

In un momento in cui la protezione degli alberi di Laurissilva stava per entrare in vigore, i due piani della casa ricevettero pavimenti e mobili scolpiti in legno di Madeira, in tilde e vinhático. Gli alberi che ci avrebbero ossigenato.

Quello che c'è oggi rispetta la decorazione iniziale. Un tavolo solido rivestito in delicato lino Madeira.

In linea con l'intima relazione dell'isola con gli investitori della terra di Sua Maestà, le stoviglie e gli altri utensili erano cimeli inglesi, importati per essere visti dagli inglesi, tra gli altri.

I visitatori e gli escursionisti avranno condiviso questo tavolo più e più volte. Nelle notti più invernali e umide, gli immancabili ponchas riscaldavano ancora l'atmosfera attorno al calore del grande camino.

In un giorno d'estate, con il sole che sorgeva all'orizzonte e perdeva la sua timidezza, ci aspettavamo di tornare ancora caldi dalla passeggiata. L'abbiamo inaugurato non appena il girovagare per la casa dal tetto di paglia ha smesso di trattenerci.

Levada do Caldeirão Verde Esterno

Secoli dopo la sua costruzione, siamo pronti a seguire le orme degli estranei.

Lasciamo lo scorcio della casa ad un tunnel arboreo composto da cime, rami e tronchi assortiti, che culminano nella ruvida solidità di alcuni cedri di legno, uno di questi, dall'insolita forma di mezza menorah.

La stessa nebbia che ci ha intrappolati all'arrivo risale i pendii esposti a nord, accarezza e irriga la vegetazione.

Soprattutto i licheni fradici e la barba spagnola che pendono e gocciolano su un humus a volte saturo, a volte eroso dalle bufere e solcato da radici intrecciate.

Contro la direzione della levada, l'acqua fredda e, presumiamo, che qualche trota viaggi, ci troviamo presto alla base di scogliere così ricoperte di felci e muschi da non mostrare alcun segno di roccia.

L'acqua scende, veloce, in direzione di Faial. Siamo saliti, ma poco, nell'ancora lontano Caldeirão.

Lo zigzag mascherato della levada ci porta all'interno dei bruschi tagli della montagna.

Espone creste e valli del Nord e i rari insediamenti che vi si avventurava, intrappolato tra i pendii e l'oceano.

A tratti il ​​pendio si restringe in modo tale che il sentiero perde il suo posto.

Avanzavamo lungo il bordo stesso che sostiene il flusso, sotto i rami che il vento e la gravità facevano inclinare o quasi rovesciare sul sentiero.

Una cascata preliminare eterna una vera caduta, divisa tra due scivoli lisci sulla grana levigata del pendio.

Una vista si apre su una nuova valle boscosa, massaggiata dalla nebbia mattutina. Presto riprendemmo la presa, contro pareti naturali, avvolti da altro muschio.

La levada serpeggia alla base di grandi rocce scolpite.

Dopo un'enorme parete verticale fetale, si arrotonda e si adatta al ferro di cavallo di Caldeirinha.

I tunnel scavati nella collina che la foresta prende il sopravvento

Poco dopo ci imbattiamo in un'altra delle quattro gallerie che rendono possibile la levada e il sentiero, tutte scavate con piccone e ausiliari.

Ancora una volta la materia prima è roccia, vulcanica e oscura. L'aspetto dell'ingresso della nuova sezione sotterranea differisce poco o nulla dalla foresta.

Una pittura integrale di muschi e licheni rende vegetale la parete traforata.

Come previsto, l'interno rimane al buio.

L'altezza del soffitto è irregolare. Anche con i frontali, per buona parte della traversata, siamo costretti ad abbassare la testa.

Così rimaniamo, quando un raggio di luce si intensifica e squarcia la penombra.

Dal nulla, il tunnel ci sorprende con una doppia apertura sulla scogliera boscosa.

Tornati fuori, riacquistiamo la vista delle scogliere più alte dell'isola.

Possiamo distinguere il solco sul lato di una levada opposta. Sarebbe un lontano tratto di Caldeirão Verde?

Sarebbe un altro?

Con così tanti meandri, a quel punto, eravamo confusi.

Procediamo verso un passaggio ombreggiato, conquistato in una sezione concava del burrone più profondo e drammatico del percorso.

La stessa semplice recinzione in cavo d'acciaio che ha a lungo delimitato il sentiero e sostenuto i camminatori, mitiga la vertigine della scogliera sulla destra.

Quando lo lasciamo alle spalle, siamo ricompensati con viste aperte e lontane sulla valle di São Jorge.

Sentiamo il mormorio dell'acqua e i suoni comunicativi degli uccelli che hanno un habitat in questo brusco interno di Madeira.

Il tubare di colombacci lontani.

Il cinguettio dei fringuelli e dei bisbis amichevoli, questi, endemici dell'isola di Madeira, abituati ad avvicinare i camminatori, in attesa delle loro dolci offerte.

Arrivando a un Caldeirão Verde troppo instabile

Dopo sei chilometri di esercizio, conversazione e meraviglia, siamo sull'orlo della scogliera arrotondata da cui cade la cascata Caldeirão Verde, che dà il nome alla levada, da un'altezza di quasi cento metri.

Nascosto in cima al profondo pendio, è alimentato da un fiume che ha anche lo stesso nome, uno dei tanti che la nebbia quasi residente e le piogge settentrionali fanno scorrere lungo l'isola e contro le onde dell'Atlantico.

La pioggia spesso punisce Madeira con intensità dannosa. Provoca alluvioni e smottamenti che generano dissesti duraturi.

Caldeirão Verde e la sua cascata stavano attraversando uno di quei periodi. Ultimamente il fiume trascinava massi che si schiantavano nella laguna sottostante.

La probabilità della tragedia aveva fatto sì che le autorità vietassero l'accesso ai suoi dintorni. Non volendo sfidare le norme e il destino, ci conformiamo. Come fanno altri escursionisti.

Ci siamo seduti su uno dei grossi ciottoli arrotondati e levigati dal corso erosivo del torrente.

Tiriamo fuori dai nostri zaini i panini, che divoriamo in tre volte.

Abbastanza perché i bisbis rilevino il dolcetto e si sistemino.

Avevamo completato i 6.5 km della Levada. Mancavano quelli di ritorno.

Nel senso di acqua che scorre.

Parco Forestale di Ribeiro Frio, Madeira

Ribeiro Frio in Cima, sul Sentiero dei Balcões

Questa regione dell'interno alto di Madeira si occupa da molto tempo del ripopolamento della trota iridea dell'isola. Tra i vari sentieri e levadas che convergono nei suoi vivai, il Parque Florestal Ribeiro Frio nasconde panorami grandiosi su Pico Arieiro, Pico Ruivo e la valle della Ribeira da Metade che si estende fino alla costa settentrionale.
Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

L'East End, qualcosa di extraterrestre a Madeira

inospitale, dai toni ocra e dalla terra cruda, Ponta de São Lourenço appare spesso come la prima vista di Madeira. Quando la percorriamo, rimaniamo abbagliati soprattutto da ciò che non è la più tropicale delle isole portoghesi.
Seixal, Madeira, Portogallo

L'isola di Madeira di Cuore

I visitatori di Madeira sono incantati dal suo dramma quasi tropicale. In questo caso, l'autore deve confessare che fu la meta dei suoi primi tre viaggi in aereo. Che ha un amico di lì, che lo ha fatto essere un po' di lì. Da Madeira verso l'infinito Nord. Dall'impavido e accogliente Seixal.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Aldeia da Cuada, Isola di Flores, Azzorre

L'Eden delle Azzorre tradito dall'altra Sponda del Mare

Cuada è stata fondata, si stima che nel 1676, vicino alla soglia ovest di Flores. Nel XNUMX° secolo, i suoi residenti si unirono alla grande fuga precipitosa delle Azzorre verso le Americhe. Hanno lasciato un villaggio meraviglioso come l'isola e le Azzorre.
Ponta Delgada, São Miguel, Azzorre

La Grande Città delle Azzorre

Durante il XIX e il XX secolo Ponta Delgada divenne la città più popolosa e la capitale economica e amministrativa delle Azzorre. Lì troviamo la storia e il modernismo dell'arcipelago mano nella mano.
Angra do Heroismo, Terceira, Azzorre

Eroina del Mare, dei Nobili, Città Coraggiosa e Immortale

Angra do Heroísmo è molto più della capitale storica delle Azzorre, dell'isola di Terceira e, in due occasioni, del Portogallo. A 1500 km dalla terraferma, ha conquistato un ruolo di primo piano nella nazionalità portoghese e nell'indipendenza di cui poche altre città possono vantare.
Isola Pico, Azzorre

L'isola ad est del monte Pico

Di norma chi arriva a Pico sbarca sul suo versante occidentale, con il vulcano (2351 m) che sbarra la visuale sul versante opposto. Dietro il monte Pico, c'è un intero e meraviglioso "est" dell'isola che richiede tempo per svelarsi.
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal "Piccolo Tibet portoghese" alle fortezze del mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro

Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Safari
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Teatro musicale e sala espositiva, Tbilisi, Georgia
Architettura & Design
Tbilisi, Georgia

Georgia ancora con Perfume the Rose Revolution

Nel 2003, una rivolta politico-popolare ha causato l'inclinazione della sfera di potere in Georgia da est a ovest. Da allora, la capitale Tbilisi non ha rinnegato i suoi secoli di storia sovietica, né il suo presupposto rivoluzionario di integrazione in Europa. Quando visitiamo, siamo abbagliati dall'affascinante mix delle loro vite passate.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
Aventura
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
religioso militare, muro del pianto, bandiera del giuramento IDF, Gerusalemme, Israele
Cerimonie e Feste
Gerusalemme, Israele

Festa al Muro del Pianto

Non solo le preghiere e le preghiere rispondono al luogo più sacro dell'ebraismo. Le sue antiche pietre sono state per decenni testimoni del giuramento di nuove reclute dell'IDF e hanno fatto eco alle grida euforiche che ne sono seguite.
Palazzi Gangtok, Sikkim, India
Città
Gangtok, India

Una vita a mezza china

Gangtok è la capitale del Sikkim, un antico regno nella sezione himalayana della Via della Seta, divenuta provincia indiana nel 1975. La città è in equilibrio su un pendio, di fronte al Kanchenjunga, la terza elevazione più alta del mondo che molti indigeni ritengono sia casa in una valle paradisiaca dell'immortalità. La loro ripida e faticosa esistenza buddista mira, lì o altrove, a raggiungerlo.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Maiko durante la mostra culturale a Nara, Geisha, Nara, Giappone
Cultura
Kyoto, Giappone

Sopravvivenza: l'ultima Geisha Art

Erano quasi 100 ma i tempi sono cambiati e le geisha sono sull'orlo dell'estinzione. Oggi, i pochi rimasti sono costretti a cedere alla modernità meno sottile ed elegante del Giappone.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
il jet lag evita il volo, il jetlag, la turbolenza
In viaggio
Jet lag (parte 1)

Evita le turbolenze post-volo

Quando voliamo attraverso più di 3 fusi orari, l'orologio interno che regola il nostro corpo si confonde. Il massimo che possiamo fare è alleviare il disagio che proviamo finché non torna a posto.
La sposa entra in macchina, il matrimonio tradizionale, il tempio Meiji, Tokyo, Giappone
Etnico
Tokyo, Giappone

Un santuario del matchmaking

Il Tempio Meiji di Tokyo è stato costruito per onorare gli spiriti divinizzati di una delle coppie più influenti della storia giapponese. Nel tempo si è specializzata nella celebrazione dei matrimoni tradizionali.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Uno degli edifici più alti di La Valletta, Malta
Storia
Valletta, Malta

I capitelli non si misurano con i palmi

Al momento della sua fondazione, l'Ordine dei Cavalieri Ospitalieri lo soprannominò "il più umile". Nel corso dei secoli, il titolo cessò di servirlo. Nel 2018, La Valletta è stata la più piccola Capitale Europea della Cultura di sempre e una delle più ricche di storia e straordinarie che si ricordino.
Isola Martinica, Antille francesi, Monumento caraibico Cap 110
Isole
Martinique, Antille Francesi

Baguette caraibiche sotto il braccio

Vaghiamo per la Martinica con la stessa libertà dell'Euro e le bandiere tricolori sventolano sovrane. Ma questo pezzo di Francia è vulcanico e lussureggiante. Appare nel cuore insulare delle Americhe e ha un delizioso sapore d'Africa.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Letteratura
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Bagno rinfrescante nel Buco Blu di Matevulu.
Natura
Espirito Santo, Vanuatu

I misteriosi buchi blu dell'Espiritu Santo

L'umanità ha recentemente gioito con la prima fotografia di un buco nero. In risposta, abbiamo deciso di celebrare il meglio che abbiamo qui sulla Terra. Questo articolo è dedicato a buchi blu da una delle isole benedette di Vanuatu.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
Parchi Naturali
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
sul palco, Antigua, Guatemala
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Antigua, Guatemala

Guatemala ispanico in stile antigua

Nel 1743, diversi terremoti devastarono una delle più affascinanti città coloniali pioniere delle Americhe. Antigua si è rigenerata ma conserva la religiosità e la drammaticità del suo passato epico-tragico.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
personaggi
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Vista del monte Teurafaatiu, Maupiti, Isole della Società, Polinesia francese
Spiagge
Maupiti, Polinesia Francese

Una società al margine

All'ombra della fama quasi planetaria della vicina Bora Bora, Maupiti è remota, scarsamente abitata e anche meno sviluppata. I suoi abitanti si sentono abbandonati ma chi la visita è grato per l'abbandono.
pianura santa, Bagan, Myanmar
Religione
Bagan, Myanmar

La piana delle pagode, dei templi e delle redenzioni celesti

La religiosità birmana si è sempre basata sull'impegno per la redenzione. A Bagan, credenti ricchi e timorosi continuano a costruire pagode nella speranza di ottenere il favore degli dei.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Graffiti della dea inquietante, Haight Ashbury, San Francisco, USA, Stati Uniti d'America
Società
L'Haight, San Francisco, EUA

Orfani dell'estate dell'amore

Anticonformismo e creatività sono ancora presenti nel vecchio quartiere Flower Power. Ma quasi 50 anni dopo, la generazione hippie ha lasciato il posto a giovani senzatetto, incontrollati e persino aggressivi.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Tartaruga appena nata, PN Tortuguero, Costa Rica
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Una notte all'asilo nido Tortuguero

Il nome della regione del Tortuguero ha una ragione evidente e antica. Le tartarughe marine dell'Atlantico e dei Caraibi si sono riversate a lungo sulle spiagge di sabbia nera della sua stretta costa per deporre le uova. In una delle notti trascorse a Tortuguero, abbiamo assistito alle loro nascite frenetiche.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.