Hampi, India

Alla Scoperta dell'Antico Regno de Bisnaga


piccolo soggetto
La ragazza Hampi cammina lungo il vicolo davanti a uno dei templi indù più alti della vecchia Vijayanagar.
Vista da altri tempi
Facciata ingiallita dal sole al tramonto di uno dei tanti edifici sparsi per Hampi.
Sulla riva di Tungabhadra
I barcaioli chiacchierano mentre nessun altro cliente arriva al loro piccolo molo improvvisato.
In procinto di partire
I visitatori indiani di Hampi lasciano uno dei templi in rovina dell'antico regno di Vijayanagar.
Con Hampi nel cuore
Un giovane venditore mostra libri forografici Hampi davanti a uno dei principali - e più alti - templi indù dell'antico regno di Vijayanagar.
Sollievo all'art
Rilievo scolpito sulla parete di un tempio secondario dell'antico regno di Vijayanagar, alla periferia di Hampi.
in attesa di passeggeri
Barcaiolo musulmano su un coracle (chiatta rotonda) si affaccia sul fiume Tungabhadra, il corso d'acqua principale di Hampi.
Assortimento Garrido
Stand con coloranti in polvere dai colori vivaci nel centro di Hampi Bazaar.
Immergere
I bufali si proteggono dal caldo intenso che si sente ad Hampi, nelle scure acque di Tunghabadra.
lavandaie indù
Le donne native in sari lavano i panni in un braccio del fiume Tunghabadra, utilizzato anche dai bufali, dai pescatori e dalla popolazione generale di Hampi.
Scorcio d'oro
Rovina di un edificio secolare dell'impero Vijayanagar, nascosto dietro una foresta di palme da cocco.
Sicurezza SiS
La sicurezza indiana custodisce un tempio di Hampi in restauro, con ingresso tra due statue di elefanti danneggiate.
tempo di imbarco
I passeggeri si preparano a salire a bordo di una grande chiatta coracle che li porterà attraverso il fiume Tungabhadra.
Torre del Tempo
Torretta ingiallita dal sole e dai secoli, si staglia contro l'azzurro del cielo sul territorio roccioso di Hampi.
solitario indiano
Coppia che cerca di districare le reti da pesca lungo un ramo del fiume Tungabhadra.
divertimento fluviale
Tiny fa il bagno nel fiume Tungabhadra, vicino a una chiatta coracle che usa come piattaforma per tuffi.
Coca-Cola, Sprite o Mirinda?
Il venditore di rinfreschi mostra buon umore rallegrato dai buoni affari portati dalle temperature torride ad Hampi.
un tramonto indiano
La giornata termina nello scenario tropicale ma roccioso dello stato del Karnataka, intorno ad Hampi.

Nel 1565, l'impero indù di Vijayanagar soccombette agli attacchi nemici. 45 anni prima era già stata vittima della portoghesi del suo nome da parte di due avventurieri portoghesi che lo rivelarono all'Occidente.

L'estremità affusolata del subcontinente non ci sembra mai meno vasta. Né le terre interne dello stato del Karnataka come ci siamo avventurati, avendo già toccato la soglia meridionale dell'India.

I viaggi, interminabili e scomodi, continuavano a logorarci al pari. Quasi sei ore da Ooty a Mysore. Tre ore da Mysore a Bangalore. Nove ore e mezza, sempre in treno da Bangalore a Hozeit. Mezz'ora di risciò da qui ad Hampi, la destinazione che stavamo inseguendo e dove siamo arrivati ​​in evidente disagio gastrico dopo un pasto sconsiderato di tempura in una delle caotiche stazioni ferroviarie che avevamo attraversato.

Negli ultimi 30 minuti di percorso, lo scenario è diventato magico à Mentre il triciclo a bassa potenza agonizzante attraverso le terre rocciose di Vijayanagar. È il culmine dell'estate indiana, se così si può chiamare. Il cielo sempre azzurro non faceva nulla per mitigare il calore abrasivo riflessa risalire attraverso il pavimento di pietra.

Mowgli, il ragazzo selvaggio del Libro della giungla, aveva poco a che fare con questi luoghi inospitali. Anche così, la locanda economica in cui avevamo scelto di soggiornare era stata chiamata in suo onore. Desideravamo il calore della doccia e del letto come il figlio di Rudyard Kipling bramava il grembo sfocato della madre lupo Racsha.

Il risciò passa tra gli orgogliosi templi del centro reale di Hampi e si ferma solo davanti al flusso fangoso del fiume Tungabhadra. “Beh, devo restare qui” taglia il capotreno, armato della forza delle prove. "Ora, devi attraversare quelle barche."

Ci siamo chiesti se, per fatica, se il malessere, per quanto abbiamo esaminato la zona lungo il fiume, non abbiamo visto nessuna barca. L'autista non si è arreso. «Sono lì, più in basso. Avanza un po' e vedrai”.

Anche un po' sospettoso, quindi lo facciamo. Proprio sul bordo della riva inferiore del fiume, abbiamo finalmente trovato una flotta di gusci di noci giganti, coracle, come li chiamavano i barcaioli desiderosi di incassare i passeggeri appena arrivati.

Come ogni nuovo arrivato a bordo di tali chiatte, siamo rimasti sorpresi dall'imbarco traballante e ancor di più dalla poca o nessuna navigazione idrodinamica che prolunga la traversata. Protetto dal sole da una jilaba e da un turbante, entrambi bianchi, che contrastavano con la pelle del viso abbronzato, il barcaiolo rema da una parte all'altra senza dire una parola e sempre con aria di pochi amici. Non ci sarebbe voluto molto per scoprire che ci aveva addebitato il triplo della tariffa, senza alcun danno degno di nota, poiché il prezzo indicato era di poche decine di rupie irrilevanti.

Poco dopo entriamo nel pensione Mowgli che si dispiega disperso da diverse capanne tra palme da cocco frondose, specie di capanne di grandi dimensioni e con la decorazione e l'attrezzatura che ci si aspetta da qualsiasi viaggiatore rilassato.

Ci siamo riposati e abbiamo cercato di riprenderci dalla catastrofe alimentare a cui eravamo stati sottoposti il ​​giorno prima, ma l'indisposizione è solo peggiorata. In quella notte che però è scesa, invece di pace e riposo, ci viene offerta l'agghiacciante scoperta che la pensione era completamente piena di backpackers israeliani.

Da diversi viaggi intorno alla Terra, conoscevamo bene la sua reputazione, qualcosa di superbo ed egoistico, sia con i nativi che con altri viaggiatori. Anche quanto la tua presenza molto probabilmente ci influenzerebbe. A confermarlo, il rave non ha tardato ad iniziare. Con nostra disperazione, durò gran parte della notte.  

Per compensare i danni causati dal rombo psichedelico e dalle urla, abbiamo dormito fuori la mattina. Quando lasciamo per la prima volta l'accoglienza agrodolce di Mowgli, siamo sicuri che siano a 45º. Questo forno non ci impedisce di noleggiare biciclette e di dirigerci verso il grande Hampi.

Abbiamo attraversato di nuovo il fiume, su un'altra chiatta e già vicino al tavolo. Dall'altro lato, camminiamo attraverso il centro sacro di Hampi Bazaar, tra gli enormi templi piramidali indù e giainisti dove i successivi sovrani dell'impero Vijayanagar adorarono Shiva, Vishnu e altri dei.

Dal 1343 al 1565 fu uno degli imperi più potenti del mondo. Ciò è stato testimoniato dall'avventuriero portoghese Domingo Paes e dal mercante di cavalli Fernão Nunes. La probabilità è forte che entrambi si siano stancati di provare a pronunciare correttamente la sua denominazione, fino a quando non hanno iniziato a chiamarlo Tube per aggirare la seccatura. Narrato in "cronaca dei Re della Metropolitana” lo splendore della civiltà e il potere dello stato che, a quel tempo, dominava gran parte del commercio di spezie dal subcontinente e dall'Oceano Indiano al largo e che divenne il principale partner dell'Impero portoghese nell'Asia meridionale.

Agli occhi di Domingos Paes, intorno al 1520, Vijayanagar era fiorente, finanziata dall'intensa vendita di spezie e pietre preziose. Era paragonabile a Roma, circondata da una vegetazione ben irrigata da acquedotti che portavano l'acqua dai laghi artificiali.

Oggi, Hampi Bazaar, la principale roccaforte commerciale, potrebbe non avere la grandiosità del passato, ma i venditori fanno ogni sforzo diplomatico per rendere se stessi e la città più prosperi.

Sara ne approfitta. Consapevole che ci stiamo avvicinando alla fine del viaggio indiano, finalmente acquista i pantaloni luminosi in tessuto pregiato che sognava da quando li ha visti a Goa. “Non ho la tua misura in tutti i colori.”, comunica disgustato il mercante. "Ma posso cucirli e venire a prenderli domani." Questo è quello che abbiamo fatto ed è così che abbiamo rinnovato le relazioni commerciali indo-portoghesi che erano così prolifiche ai tempi d'oro che hanno preceduto Hampi. 

Successivamente, giriamo intorno ai templi di Virupaksha e Vittala, in cui entriamo anche per ammirare le innumerevoli colonne scolpite, i dipinti e le sculture dettagliati e la gloriosa architettura indù nella sua interezza.

Sempre e sempre iperventilati dal braciere che si sente in tutto lo stato del Karnataka, esploriamo le vecchie stalle degli elefanti, i bagni della regina e innumerevoli altri edifici e templi ingialliti nel corso dei secoli.

Abbiamo preso la strada che attraversa il quartiere islamico, tornando al fiume e dirigendoci verso la collina di Anjenadri da dove speravamo di ottenere una vista molto panoramica del complesso. Ma a un certo punto, indigeni e visitatori indiani che incontriamo ci salutano e ci gridano di non andare oltre, di tornare al centro. “Ci sono dei banditi lassù!” ci grida una signora con un atteggiamento da bramino. "Vanno in giro con i fucili e tutto il resto!"

Eravamo consapevoli che anche la patria del misticismo e della spiritualità aveva, di volta in volta, queste aberrazioni.

Di conseguenza, abbiamo invertito le marce verso soste più sicure, nelle vicinanze di Tungabhadra. Lì troviamo un braccio del fiume allungato tra pendii pieni di massi. Ci siamo subito resi conto della multifunzionalità dello stagno profondo. Mentre ci riposavamo, diversi bufali si stavano rinfrescando quasi sommersi, come un bambino che si tuffasse ripetutamente dal suo mini-coracle. Allo stesso tempo, un'anziana coppia di indigeni pescava con una rete e giovani donne avvolte in sari popolari lavavano altri capi di abbigliamento come o più esuberanti.

Abbiamo continuato a pedalare per tutto il pomeriggio. E più abbiamo apprezzato Hampi, più siamo stati felici di vedere che, quasi mezzo secolo dopo la capitolazione di Vijayanagar, la vita stava proliferando tra le abbaglianti rovine di Bisnaga.

Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
Guwahati, India

La città che adora Kamakhya e la fertilità

Guwahati è la città più grande dello stato dell'Assam e dell'India nord-orientale. È anche uno dei più veloci al mondo. Per gli indù e i devoti credenti nel Tantra, non sarà un caso che Kamakhya, la dea madre della creazione, sia adorata lì.
porte, India

Alle porte dell'Himalaya

Siamo arrivati ​​alla soglia settentrionale del Bengala occidentale. Il subcontinente è ceduto a una vasta pianura alluvionale piena di piantagioni di tè, giungla, fiumi che il monsone fa traboccare su infinite risaie e villaggi che scoppiano a crepapelle. Al confine con la più grande delle catene montuose e il regno montuoso del Bhutan, per l'evidente influenza coloniale britannica, l'India chiama questa splendida regione con Dooars.
Gangtok, India

Una vita a mezza china

Gangtok è la capitale del Sikkim, un antico regno nella sezione himalayana della Via della Seta, divenuta provincia indiana nel 1975. La città è in equilibrio su un pendio, di fronte al Kanchenjunga, la terza elevazione più alta del mondo che molti indigeni ritengono sia casa in una valle paradisiaca dell'immortalità. La loro ripida e faticosa esistenza buddista mira, lì o altrove, a raggiungerlo.
Machu Picchu, Perù

La città perduta nel mistero degli Incas

Mentre vaghiamo per Machu Picchu, troviamo un significato nelle spiegazioni più accettate per la sua fondazione e abbandono. Ma ogni volta che il complesso viene chiuso, le rovine sono lasciate ai loro enigmi.
Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
Tawang, India

La mistica valle della profonda discordia

All'estremità settentrionale della provincia indiana dell'Arunachal Pradesh, Tawang ospita paesaggi montuosi spettacolari, villaggi etnici Mompa e maestosi monasteri buddisti. Anche se dal 1962 i rivali cinesi non lo trafiggono, Pechino guarda questo dominio come parte del tuo Tibete. Di conseguenza, religiosità e spiritualismo hanno da tempo condiviso un forte militarismo.
Meghalaya, India

Ponti di popoli che mettono radici

L'imprevedibilità dei fiumi nella regione più umida della terra non ha mai scoraggiato Khasi e Jaintia. Di fronte all'abbondanza di alberi ficus elastico nelle loro valli queste etnie si abituavano a modellare rami e ceppi. Dalla loro tradizione perduta nel tempo, hanno lasciato in eredità centinaia di abbaglianti ponti di radici alle generazioni future.
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Maguri Bill, India

Un Pantanal ai confini dell'India nord-orientale

Il Maguri Bill occupa un'area anfibia nelle vicinanze assamesi del fiume Brahmaputra. È lodato come un habitat incredibile, soprattutto per gli uccelli. Quando lo navighiamo in modalità gondola, ci imbattiamo in molta (ma molta) più vita della semplice asada.
Jaisalmer, India

La vita duratura al Forte d'Oro di Jaisalmer

La fortezza di Jaisalmer fu costruita dal 1156 in poi per ordine di Rawal Jaisal, sovrano di un potente clan proveniente dalle propaggini indiane del deserto del Thar. Più di otto secoli dopo, nonostante la continua pressione del turismo, condividono il vasto e intricato interno dell'ultimo forte abitato dell'India, quasi quattromila discendenti degli abitanti originari.
Guwahati a Passo Sela, India

Viaggio banale alla gola sacra di Sela

Per 25 ore abbiamo viaggiato lungo la NH13, una delle strade più alte e pericolose dell'India. Abbiamo viaggiato dal bacino del fiume Brahmaputra alla contesa Himalaya della provincia di Arunachal Pradesh. In questo articolo descriviamo il tratto fino a 4170 m di quota del Passo Sela che ci ha portato Città buddista tibetana di Tawang.
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Chandor, Goa, India

Una casa goano-portoghese, di sicuro

Un palazzo con influenze architettoniche portoghesi, Casa Menezes Bragança si distingue dalle case di Chandor, a Goa. Forma l'eredità di una delle famiglie più potenti dell'ex provincia. Sia dalla sua ascesa in un'alleanza strategica con l'amministrazione portoghese sia dal successivo nazionalismo di Goa.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Chiesa coloniale di San Francesco d'Assisi, Taos, New Mexico, USA
Architettura & Design
Taos, EUA

Il Nord America ancestrale di Taos

Viaggiando attraverso il New Mexico, siamo rimasti abbagliati dalle due versioni di Taos, quella del villaggio indigeno di adobe di Taos Pueblo, uno dei villaggi della EUA abitato più a lungo e continuamente. E quella di Taos, la città che i conquistatori spagnoli lasciarono in eredità alla Messicoo Messico cedette a Stati Uniti e che una comunità creativa di discendenti nativi e artisti migranti migliora e continua a lodare.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
Festival di Kente Agotime, Ghana, oro
Cerimonie e Feste
Kumasi a Kpetoe, Gana

Una celebrazione del viaggio della moda tradizionale ghanese

Dopo qualche tempo nella grande capitale del Ghana Ashanti abbiamo attraversato il paese fino al confine con il Togo. Le ragioni di questo lungo viaggio sono state le alla città, un tessuto così venerato in Ghana che diversi capi tribù gli dedicano ogni anno un sontuoso festival.
Patriota marzo
Città
Taiwan

Bello ma non sicuro

I navigatori portoghesi non potevano immaginare l'imbroglio riservato a Formosa. Quasi 500 anni dopo, anche se non è sicura del suo futuro, Taiwan è fiorente. Da qualche parte tra indipendenza e integrazione nella grande Cina.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Sole e palme da cocco, São Nicolau, Capo Verde
Cultura
São Nicolau, Capo Verde

San Nicola: Pellegrinaggio a Terra di Sodade

Partenze forzate come quelle che hanno ispirato la famosa morna”bibita” ha lasciato ben segnato il dolore di dover lasciare le isole di Capo Verde. scoprire sannclau, tra incanto e meraviglia, inseguiamo la genesi del canto e della malinconia.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Scenario marziano del deserto bianco, Egitto
In viaggio
Deserto Bianco, Egitto

La scorciatoia egiziana per Marte

In un momento in cui la conquista del vicino del sistema solare è diventata un'ossessione, una parte orientale del deserto del Sahara ospita un vasto paesaggio correlato. Invece dei 150-300 giorni stimati necessari per raggiungere Marte, decollamo dal Cairo e, in poco più di tre ore, facciamo i primi passi nell'Oasi di Bahariya. Intorno, quasi tutto ci fa sentire il tanto agognato Pianeta Rosso.
Spaventoso
Etnico

Ambergris Caye, Belize

Parco giochi del Belize

Madonna l'ha cantata come La Isla Bonita e ha rafforzato il motto. Oggi, né gli uragani né i litigi politici scoraggiano i VIP e i vacanzieri benestanti dal godersi questa vacanza tropicale.

tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

tarsio, bohol, filippine, ultraterreno
Storia
Bohol, Filippine

Una Filippine dall'altro mondo

L'arcipelago filippino si estende per oltre 300.000 km² di Oceano Pacifico. Parte del sub-arcipelago delle Visayas, Bohol ospita piccoli primati dall'aspetto alieno e le colline soprannaturali delle Chocolate Hills.
Spiaggia dello Champagne, Espiritu Santo, Vanuatu
Isole
Espirito Santo, Vanuatu

Divina Melanesia

Pedro Fernandes de Queirós pensava di aver scoperto la Terra Australis. La colonia da lui proposta non si è mai materializzata. Oggi, Espiritu Santo, l'isola più grande di Vanuatu, è una specie di Eden.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
bianco inverno
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Celestyal Crystal Cruise, Santorini, Grecia
Natura
Nea Kameni, Santorini, Grecia

Il nucleo vulcanico di Santorini

Erano trascorsi circa tre millenni dall'eruzione minoica che disintegrava il più grande vulcano dell'isola dell'Egeo. Gli abitanti delle cime delle scogliere osservarono la terra emergere al centro della caldera allagata. Nasce Nea Kameni, il cuore ardente di Santorini.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Camiguin, Filippine, mangrovia di Katungan.
Parchi Naturali
Camiguin, Filippine

Un'isola di fuoco si arrese all'acqua

Con più di venti coni sopra i 100 metri, il brusco e lussureggiante, Camiguin ha la più alta concentrazione di vulcani di qualsiasi altra delle 7641 isole filippine o del pianeta. Ma, negli ultimi tempi, nemmeno il fatto che uno di questi vulcani sia attivo ha turbato la quiete della sua vita rurale, di pescatori e, per la gioia degli estranei, di fare una forte balneazione.
religioso militare, muro del pianto, bandiera del giuramento IDF, Gerusalemme, Israele
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Gerusalemme, Israele

Festa al Muro del Pianto

Non solo le preghiere e le preghiere rispondono al luogo più sacro dell'ebraismo. Le sue antiche pietre sono state per decenni testimoni del giuramento di nuove reclute dell'IDF e hanno fatto eco alle grida euforiche che ne sono seguite.
Controllo corrispondenza
personaggi
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Mahé Isole delle Seychelles, amiche della spiaggia
Spiagge
Mahé, Seychelles

La Grande Isola delle Piccole Seychelles

Mahé è la più grande delle isole del paese più piccolo dell'Africa. Ospita la capitale della nazione e quasi tutte le Seychelles. Ma non solo. Nella sua relativa piccolezza, nasconde uno splendido mondo tropicale, fatto di giungla montuosa che si fonde con l'Oceano Indiano in baie di tutte le sfumature del mare.
Intervento della Polizia, Ebrei Utraortodossi, Jaffa, Tel Aviv, Israele
Religione
Jaffa, Israele

proteste non ortodosse

Un edificio a Jaffa, Tel Aviv, minacciava di profanare quelle che gli ebrei ultra-ortodossi pensavano fossero vestigia dei loro antenati. E nemmeno la rivelazione che erano tombe pagane impediva loro di contestare.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
Graffiti della dea inquietante, Haight Ashbury, San Francisco, USA, Stati Uniti d'America
Società
L'Haight, San Francisco, EUA

Orfani dell'estate dell'amore

Anticonformismo e creatività sono ancora presenti nel vecchio quartiere Flower Power. Ma quasi 50 anni dopo, la generazione hippie ha lasciato il posto a giovani senzatetto, incontrollati e persino aggressivi.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Pecore ed escursionisti a Mykines, Isole Faroe
Animali selvatici
Mykines, Isole Faroe

Nell'estremo ovest delle Faroe

Mykines stabilisce il confine occidentale dell'arcipelago delle Faroe. Ospitò 179 persone ma la durezza del ritiro ebbe la meglio. Oggi, lì sopravvivono solo nove anime. Quando la visitiamo, troviamo l'isola dedita alle sue mille pecore e alle inquiete colonie di pulcinelle di mare.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.