Florianopolis, Brasile

L'eredità delle Azzorre dell'Atlantico meridionale


L'inevitabile pesca
I pescatori vagano per il mare più calmo tra la costa occidentale dell'isola di Santa Catarina e il Brasile continentale.
Azzorre Lontano dalle Azzorre
Mucche su un prato vicino a Praia do Matadeiro, uno dei luoghi utilizzati per porre fine alla caccia alle balene che proliferava nel XNUMX° secolo.
un'espressione di vita
Uno dei pescatori più esperti di Armação vestito per il lavoro, sulla spiaggia di Matadeiro.
Sant'Antonio di Lisbona
Il ciclista cammina lungo una strada tradizionale a Santo António de Lisboa, una parrocchia dell'isola di Santa Catarina popolata anche da discendenti delle Azzorre.
trambusto di pesca
I pescatori preparano le barche per un altro viaggio nel selvaggio Oceano Atlantico di fronte a Barra da Lagoa.
artigianato delle Azzorre
Una donna lavora al tombolo, tecnica di produzione del merletto portata dalle Azzorre dai primi emigranti.
il vecchio mercato
Stravagante facciata del Mercato Pubblico Municipale di Florianópolis, nel cuore storico della città.
In linea
Un'altra forma di pesca, da una piattaforma rocciosa sull'Oceano Atlantico, vicino a Praia do Matadeiro.
raccolta faticosa
Il pescatore tira su la sua barca di sabbia, dopo un altro viaggio nel mare selvaggio della costa orientale dell'isola di Santa Catarina.
4fe3a4ba-0a82-413b-a522-7ef36efa08dc
Cima del forte di Santo António
Difesa di pietra
In cima al forte di Santo António, una delle fortezze costruite dalla corona portoghese per assicurarsi il dominio dell'isola di Santa Catarina e del mare circostante.
un mestiere alternativo
L'allevatore di ostriche nato sull'isola di Madeira lavora nei suoi mulini, vicino a Sambaqui. Anche alcuni Madeirani arrivarono sull'isola durante un'emigrazione essenzialmente delle Azzorre.
In una cornice grandiosa
La coppia si rilassa in una nicchia sulla costa orientale del sud dell'isola di Santa Catarina, affacciata sulla costa privilegiata di Praia do Matadeiro.

Durante il XNUMX° secolo, migliaia di isolani portoghesi perseguirono una vita migliore nella parte meridionale del Brasile. Negli insediamenti da loro fondati abbondano tracce di affinità con le origini.

La vista dalla cima del Morro da Cruz non era l'ideale per alimentare l'immaginario storico-lusitano di quei luoghi. Ad ovest, le case triangolari formate dagli edifici di Floripa si sviluppavano con una stretta interruzione marittima per la sua estensione nel continente sudamericano.

L'espressione architettonica della nuova prosperità dell'isola ha completamente nascosto il patrimonio urbano dei coloni portoghesi che hanno iniziato a renderla praticabile, quindi non ci è voluto molto per tornare nel cuore del fiume della capitale.

È ancora presto e al vecchio mercato comunale manca il proliferare musicale e le persone che lo animano da metà pomeriggio. La maggior parte delle attività stavano aprendo o erano già aperte e solo questo fatto ha compensato eventuali lacune. Ci siamo svegliati con i polli e la ripida passeggiata sull'ultimo percorso verso le alture panoramiche dell'antica Pau da Bandeira, quando fungeva da semaforo per avvisare dell'arrivo di barche in prossimità dell'isola, ci ha lasciato necessita di una seconda colazione. È stato, quindi, con grande piacere, che abbiamo trovato un bar specializzato in frutta, loro succhi e simili.

In un precedente viaggio nel sud del Brasile, avevamo già familiarizzato con la meraviglia nutrizionale e gustativa delle ciotole di açaí. Le ragazze del minuscolo stabilimento si occupavano ancora delle pulizie ma non ci rifiutavano di fare la delizia. Mentre lo facevano, parlavamo un po' di tutto, compresi i parenti che vivevano in terre patrizie. La comunicazione non è sempre fluita come volevamo. "Ehi ?" ci lanciavano ogni volta che acceleravamo di più il portoghese originale. Ci sono stati così tanti “ciao” che abbiamo deciso di tornare a usare l'accento brasiliano generico, una strategia che è sempre utile quando, visitando il Brasile, hai poco tempo da perdere.

Oggi, bellissimo, giallo e bianco, il Mercato Pubblico Comunale dove entrambi lavoravano opere nello stesso peculiare edificio costruito dal governo della capitaneria di Santa Catarina, nel 1899, per accogliere benestanti venditori e compratori dell'isola e dintorni che avevano sono stati rimossi dal luogo in quanto di solito commerciano. Il magnanimo sovrano brasiliano Dom Pedro II stava per visitare il villaggio in compagnia del Vescovo di Rio de Janeiro e il centro urbano doveva essere sanificato e decorato. Il monarca finì per rimanere per un mese e diede un bacio caloroso.

A quel tempo, la città si chiamava ancora Desterro (da Nª Senhora do Desterro). I residenti detestavano la semantica dell'esilio che ne derivava. Nel bel mezzo del processo di ribattesimo, l'ipotesi di Ondine è stata scartata. Alla fine della rivoluzione federalista, in onore del secondo presidente brasiliano, Floriano Peixoto, il governatore Hercílio Luz ha affermato Florianópolis.

Prima di Desterro e Florianópolis, Santa Catarina, nome dato al villaggio dal fondatore Francisco Dias Velho, era in vigore a lungo perché vi giunse nel giorno di Santo. Incaricato dalla Corona di una bandiera colonizzatrice nel sud del Brasile, Dias Velho si stabilì sull'isola con sua moglie, tre figlie, due figli, due sacerdoti gesuiti e circa cinquecento indiani semiconvertiti. Ordinò la costruzione di una cappella che diede origine all'attuale Cattedrale Metropolitana e ad una serie di abitazioni. Poco dopo chiese il possesso di quelle terre e la loro colonizzazione. Eravamo particolarmente interessati all'accordo che seguì. Non ci volle molto per uscire a cercarne le tracce.

La conversazione era buona come açaí, ma l'isola di Santa Catarina non era proprio piccola. Di conseguenza, guidiamo direttamente alla spiaggia di Armação, uno dei suoi angoli più autentici, situato nel sud-est, tra Lagoa do Peri e l'oceano.

Lì troviamo una costa verdeggiante e grandiosa delimitata da colline a volte ricoperte da una foresta atlantica diradata ea volte da erba poco profonda. Mucche che potremmo giurare essere, per lo meno, imparentate con le arouquesas falciavano l'erba naturale. Più avanti, un paio di pivieri coronati sono furiosi per la nostra invasione del loro territorio e ci scacciano con un duetto di avvertimenti striduli e voli bassi.

Sono ancora le otto del mattino. Nella cala adiacente attraccano due pescherecci. Gli uomini saltano sulla sabbia, spingono le barche su per la spiaggia e scaricano le reti. Rodrigo César, membro del progetto ecologico TAMAR, li stava già aspettando. Non ci vuole molto per avvistare una tartaruga raggomitolata. Con la licenza di pescatore, lo rimuove, lo squilla, preleva campioni dal guscio per l'analisi e lo restituisce nell'oceano.

Abbiamo chiacchierato con gli uomini del lavoro per vedere se qualcuno osava parlare delle origini di quei villaggi remoti. Anche impegnato, uno di loro, con i capelli e la barba bianchi, il peso della responsabilità all'altezza, riassume per noi la storia come meglio può: “questo posto era tutto delle Azzorre. Sono venuti qui a centinaia molto tempo fa. Hanno trovato questi posti buoni per la caccia alle balene e sono rimasti qui. Il "matadeiro" (travisamento popolare di Saco do Matadouro) era proprio qui e questa spiaggia era tutta rossa. La cornice era proprio accanto. Ce n'erano diversi qui a Santa Catarina... sembra che ce ne fossero anche a Rio e San Paolo".

Per la necessità di consolidare il possesso della Colonia di Sacramento, isolata al limite del territorio del sud del Brasile (oggi Uruguay), D. João V approvò la costruzione di fortezze nell'isola di Santa Catarina e il suo rinforzo militare . Ci volevano anche gli abitanti. In quanto tale, la Corona ha concesso incentivi ad Azzorre e Madeirani che erano disposti a emigrare. Dalla metà del diciottesimo secolo, più di 6000 accettarono di trasferirsi nell'Atlantico meridionale. Predominavano le Azzorre, scelte secondo il criterio delle virtù morali e fisiche, sulle coppie. Più tardi, sarebbero stati curati dalle coppie.

Vivevano dell'agricoltura e della produzione del cotone e del lino e anche della caccia alle balene, che portò profitti solo fino all'inizio del 1800, anno in cui la Corona pose fine al monopolio dell'estrazione del petrolio. A quel tempo, l'isola contava già 24.000 abitanti liberi (quasi il 75% di origine azzorre) e più di 5000 schiavi, all'epoca, una prova inconfondibile di prosperità.

Più esploravamo, più luoghi con storia delle Azzorre trovavamo, come Praia dos Naufragados, sulla punta meridionale dell'isola, che deve il suo nome perché, nel 1751, un equipaggio di 250 coppie già si stabilì intorno a Barra Sul e quasi naufragò tutti loro là, portati a riva. La tragedia ha reso irrealizzabile il progetto di fondare quella che oggi è Porto Alegre.

Guardiamo questa estremità investita da un mare spaventoso e giriamo verso nord, questa volta lungo la costa che si affaccia sul Brasile continentale. “Non percorrere quella strada” ci avverte un residente. "È molto brutto ea volte ci sono dei banditi nascosti tra i cespugli!". Era troppo tardi. Il tabellone ci ha costretto a far volare l'auto dolcemente sulle buche. Approfittiamo dell'equilibrio e ci dirigiamo verso Santo António de Lisboa e Sambaqui, altri due paesi chiave nel collegamento con le Azzorre.

Il primo molto presto divenne una dogana e ricevette coloni da diverse isole dell'arcipelago. Lì troviamo altri stabilimenti che onorano la genesi delle Azzorre, più pescatori che stendono enormi fili di reti e dame che lavorano nei loro, bobine, arte che ha viaggiato con le bisnonne e bisnonne di São Miguel, Terceira, Faial e così via .

A Sambaqui abbiamo studiato grandi stagni di ostriche. Mentre passiamo davanti alle baracche, un lavoratore solitario ci sorprende. "Beh, tu con quella pronuncia puoi essere solo portoghese, giusto?" ci provoca. "Anche io. Sono nato a Madeira ma i miei genitori sono venuti qui quando ero molto giovane. Vado a vedere se finirò il corso di Agronomia con una specializzazione in ostriche per tornarci. Ho fatto uno stage in Francia, negli asili nido di fronte a Fort Boyard. Si parla tanto della qualità della vita a Floripa, ma questo qui, come in tutto il Brasile, è miserabile. Questi politici rubano e proteggono solo i propri”. Con questo tardo esempio, abbiamo confermato l'entità dell'emigrazione nel XX secolo e la presenza solidale di Madeira tra le Azzorre.

Non ci siamo fermati qui. Abbiamo anche dato un'occhiata a Barra da Lagoa, un porto peschereccio posizionato alla fine del canale che collega l'enorme Lagoa da Conceição al mare. Questo è stato uno dei villaggi creati dopo che Galera Jesus, Maria e José attraccarono sull'isola di Santa Catarina con il primo lotto di emigranti. Quando siamo arrivati ​​lì, i giovani pescatori stavano preparando barche colorate per uscire in mare. Due di loro hanno lo stesso battesimo sequenziale e familiare: Sílvio da Costa II e III. A lato, due bandiere brasiliane chiariscono la sorte a cui quella e tante altre famiglie di Casais si sono arrese.

Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
Curitiba, Brasile

La vita elevata di Curitiba

Non è solo l'altitudine di quasi 1000 metri a cui si trova la città. Cosmopolita e multiculturale, la capitale del Paraná ha un indice di qualità della vita e sviluppo umano che la rendono un caso a sé in Brasile.
Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Ilhabela, Brasile

Ilhabela: Dopo l'orrore, la bellezza atlantica

Il novanta per cento della foresta atlantica preservata, cascate idilliache e spiagge dolci e selvagge sono all'altezza del suo nome. Ma, se andiamo indietro nel tempo, sveliamo anche l'orribile aspetto storico di Ilhabela.
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Lenzuola Bahia, Brasile

La libertà paludosa di Quilombo do Remanso

Gli schiavi fuggiaschi sopravvissero per secoli in una zona umida della Chapada Diamantina. Oggi il quilombo di Remanso è simbolo della loro unione e resistenza, ma anche dell'esclusione a cui sono stati votati.
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
Brasilia, Brasile

Brasilia: dall'utopia all'arena politica e capitale del Brasile

Fin dai tempi del marchese di Pombal si parlava di trasferire la capitale nell'entroterra. Oggi, la città chimera continua a sembrare surreale ma detta le regole dello sviluppo brasiliano.
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu, Brasile

Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu: febbre da watt

Nel 1974 migliaia di brasiliani e paraguaiani si sono incontrati nella zona di costruzione della diga più grande del mondo. 30 anni dopo il completamento, Itaipu genera il 90% dell'energia del Paraguay e il 20% di quella brasiliana.
Isola Marajó, Brasile

L'isola dei bufali

Una nave che trasporta bufali da India sarà naufragato alla foce del Rio delle Amazzoni. Oggi l'isola di Marajó che li ha accolti ha uno degli armenti più grandi del mondo e il Brasile non può fare a meno di questi bovini.
Cascate dell'Iguazù/Iguazù, Brasile/Argentina

Il tuono della grande acqua

Dopo un lungo viaggio tropicale, il fiume Iguaçu fa il grande passo. Lì, al confine tra Brasile e Argentina, si formano le cascate più grandi e imponenti sulla faccia della Terra.
Chapada Diamantina, Brasile

Bahía de Gema

Fino alla fine del sec. Nel XNUMX° secolo, Chapada Diamantina era una terra di prospezioni e ambizioni smisurate.Ora che i diamanti sono rari, gli estranei sono ansiosi di scoprirne gli altipiani e le gallerie sotterranee.
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Pirenópolis, Brasile

Crociate brasiliane

Gli eserciti cristiani espulsero le forze musulmane dalla penisola iberica nel XVI secolo. XV ma, a Pirenópolis, nello stato brasiliano di Goiás, continuano a trionfare i sudamericani di Carlo Magno.
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Manaus, Brasile

Al Meeting delle Acque

Il fenomeno non è unico, ma a Manaus ha una bellezza e una solennità speciali. Ad un certo punto i fiumi Negro e Solimões confluiscono nello stesso alveo dell'Amazzonia, ma invece di mescolarsi immediatamente, entrambi i flussi continuano fianco a fianco. Mentre esploriamo queste parti dell'Amazzonia, assistiamo all'insolito confronto dell'Incontro delle Acque.
Pirenópolis, Brasile

Una Polis nei Pirenei sudamericani

Le miniere di Nossa Senhora do Rosário da Meia Ponte furono costruite da pionieri portoghesi, nel periodo di massimo splendore del ciclo dell'oro. Per nostalgia, probabilmente gli emigranti catalani chiamavano le montagne intorno ai Pirenei. Nel 1890, già in un'era di indipendenza e di innumerevoli ellenizzazioni delle loro città, i brasiliani battezzarono questa città coloniale Pirenópolis.
Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros
Safari
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Architettura & Design
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
lagune e fumarole, vulcani, PN tongaro, nuova zelanda
Aventura
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
Salto in avanti, Naghol di Pentecoste, Bungee Jumping, Vanuatu
Cerimonie e Feste
Pentecoste, Vanuatu

Pentecoste Naghol: Bungee Jumping per uomini seri

Nel 1995, il popolo di Pentecoste minacciò di citare in giudizio le società di sport estremi per aver rubato loro il rituale di Naghol. In termini di audacia, l'imitazione elastica è molto inferiore all'originale.
San Cristobal de Las Casas, Chiapas, Zapatismo, Messico, Cattedrale di San Nicolau
Città
San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
Uno contro tutti, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet
Cultura
Lhasa, Tibete

Sera, il Monastero del Sacro Dibattito

In pochi posti al mondo si usa un dialetto con la stessa veemenza del monastero di Sera. Lì, centinaia di monaci si impegnano in intensi e chiassosi dibattiti sugli insegnamenti del Buddha in tibetano.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Da Chiang Khong a Luang Prabang, Laos, lungo il Mekong
In viaggio
Chiang Hong - Luang Prabang, Laos

Barca lenta, fiume Mekong sotto

La bellezza e il basso costo del Laos sono buoni motivi per navigare tra Chiang Khong e Luang Prabang. Ma questa lunga discesa del fiume Mekong può essere estenuante quanto pittoresca.
Etnico
Spettacoli

Il mondo in scena

In tutto il mondo, ogni nazione, regione o città e persino quartiere ha la sua cultura. Quando si viaggia, niente è più gratificante che ammirarli, dal vivo e in loco, che li rende unici.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

Sulla Costa d'Oro
Storia
eliminare, Gana

Il primo jackpot delle scoperte portoghesi

nel secolo XVI, Mina generava più di 310 kg d'oro all'anno per la Corona. Questo profitto ha suscitato l'avidità del Olanda e l'Inghilterra che si succedettero al posto dei portoghesi e favorirono la tratta degli schiavi nelle Americhe. Il paese che lo circonda è ancora conosciuto come Elmina, ma oggi il pesce è la sua ricchezza più evidente.
Lancio netto, isola di Ouvéa-Ilhas Lealdade, Nuova Caledonia
Isole
Ouvea, Nuova Caledonia

Tra lealtà e libertà

La Nuova Caledonia ha sempre messo in discussione l'integrazione nella lontana Francia. Sull'isola di Ouvéa, arcipelago di Lealdade, troviamo una storia di resistenza ma anche nativi che prediligono la cittadinanza e i privilegi francofoni.
Controllo corrispondenza
bianco inverno
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
Transpantaneira pantanal del Mato Grosso, capibara
Natura
Pantanal de Mato Grosso, Brasile

Transpantaneira, Pantanal e Confins del Mato Grosso

Partiamo dal cuore sudamericano di Cuiabá verso sud-ovest e verso la Bolivia. Ad un certo punto la MT060 asfaltata passa sotto un pittoresco portale e la Transpantaneira. In un attimo lo stato brasiliano del Mato Grosso è allagato. Diventa un enorme Pantanal.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Parco Nazionale Etosha Namibia, pioggia
Parchi Naturali
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
personaggi
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Montezuma e Malpaís, le migliori spiagge della Costa Rica, Catarata
Spiagge
Montezuma, Costa Rica

Di nuovo nelle braccia tropicali di Montezuma

Sono passati 18 anni da quando siamo stati abbagliati da questa delle coste benedette del Costa Rica. Solo due mesi fa, l'abbiamo ritrovato. Accogliente come lo conoscevamo.
Bagnanti alla fine del mondo - Cenote de Cuzamá, Mérida, Messico
Religione
Yucatan, Messico

La fine della fine del mondo

Il giorno annunciato passò ma la fine del mondo insistette per non arrivare. In America Centrale, i Maya di oggi osservavano e sopportavano increduli tutta l'isteria attorno al loro calendario.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
Società
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Coccodrilli, Queensland tropicale dell'Australia selvaggia
Animali selvatici
Cairns la Tribolazione del Capo, Australia

Queensland tropicale: un'Australia troppo selvaggia

Cicloni e inondazioni sono solo l'espressione meteorologica dell'asprezza tropicale del Queensland. Quando non è il tempo, è la fauna mortale della regione a tenere i suoi abitanti all'erta.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.