kolmanskop, Namibia

Generato dai Diamanti di Namibe, Abbandonato nelle loro Sabbie


T4 stile Namibe
Una delle case più colorate di Kolmanskop, invasa dalla sabbia del Namib.
Sopra la media
La villa dell'ingegnere minerario e manager Leonard Kolle, staccata dal piccolo viale che raggruppava la maggior parte delle case.
in lento declino
Il domicilio del ragioniere Wiese, visto dalla villa di Leonard Kolle.
immersione nel deserto
Poco rimane di un bagno in un'altra villa, con la vasca riempita di sabbia al posto dell'acqua.
Un'avventura nella natura
Vista di Kolmanskop nell'ambiente inospitale del deserto del Namib.
case perse nel tempo
Le ville di Leonard Kolle e quella del contabile Wiese, perse nella vastità sabbiosa del deserto del Namib.
Strada senza uscita
L'albero rivendica il suo posto in una strada nell'ex prodigioso Kolmanskop.
Kolmanskop versione coloniale tedesca
L'insegna della città vecchia, ancora scritta in caratteri e lingua tedesca.
La pista da bowling
La pista da bowling dove si divertiva la gente del posto.
Buch Halter
House of Wiese, il contabile di Kolmanskop.
Spese irrisorie
Record di spesa nella città di Kolmanskop.
La città di Namibe
Gli edifici di Kolmanskop si perdono nella vastità del Namib.
Ombra e Duna
Duna prende gradualmente il controllo di una delle case fatiscenti della città.
Duo investigatore
Il duo di visitatori passeggia tra i palazzi di Kolmanskop.
Ricchezza
I visitatori entrano nel centro di accoglienza di Kolmanskop.
Spiegazioni
La guida spiega la storia multimilionaria di Kolmanskop.
Foto di storia
Il visitatore concentra il suo obiettivo su una delle dimore di Kolmanskop
1909
Un frontone identifica la data di costruzione di uno dei palazzi del paese
incorniciato
Edificio in rovina isolato sulle sabbie del deserto del Namib.
Pianta della vita
Una pianta prospera nell'aridità quasi assoluta del deserto del Namib.
Fu la scoperta di un generoso giacimento di diamanti nel 1908 che diede origine alla fondazione di Kolmanskop e all'opulenza surreale. Meno di 50 anni dopo, le pietre preziose si esaurirono. Gli abitanti lasciarono il villaggio nel deserto.

Semafori ripetuti sull'ultimo rettilineo interminabile verso Luderitz, ci avevano avvertito: il vento di sudovest può soffiare brutalmente in quel modo.

L'inverno in questi luoghi selvaggi e inospitali sta però per arrivare. Le raffiche rimangono moderate.

Ci permettono di accelerare e di arrivare a destinazione in mattinata. Lo avevamo già intravisto in lontananza, ma è poco dopo aver superato il cancello di accesso che vediamo con gli occhi come il tempo e il vento abbiano ereditato Kolmanskop e continuino a seppellirlo.

Città del deserto, Kolmanskop, deserto del Namib, Namibia

Gli edifici di Kolmanskop si perdono nella vastità del Namib.

Abbiamo parcheggiato. Saliamo all'ultimo piano di un edificio che si distingue dal resto.

Lì troviamo la reception del complesso e la sua vecchia sala da ballo e sala di intrattenimento, di volta in volta adattata a casinò.

Contabilità, Kolmanskop, deserto del Namib, Namibia

Record di spesa nella città di Kolmanskop.

siamo in pieno deserto del Namibe. Un deserto così opprimente da assumere persino la nomenclatura del paese. Siamo in Namibia.

Nella più preziosa e proibita delle sue regioni, quella passata alla storia e che attualmente compare sulle mappe come Spergbiet, il termine germanico per “no-go zone”.

Zona Vedade, Kolmanskop, deserto del Namib, Namibia

Il vecchio SperrGebiet, ovvero l'area impervia del complesso.

Nel 1908, la Namibia era una delle poche colonie tedesche in Africa, una colonia indesiderata alla nascita.

A differenza della maggior parte dei governanti del Vecchio Mondo, il cancelliere Otto von Bismarck era contrario all'espansione africana, che vedeva come un'illusione costosa. "La mia mappa dell'Africa è qui, in Europa." avrà detto davanti a una mappa. "Ecco il Russia ed ecco la Francia e noi siamo qui nel mezzo”.

Era l'interesse e l'investimento commerciale di Adolf Luderitz – un mercante di Brema – nella zona che alla fine costrinse la sua integrazione nell'impero tedesco.

E se Bismarck dovesse sostenere qualcosa di infastidito, il capriccio avrebbe ancora meno senso se compiuto dai successivi sovrani teutonici.

La scoperta che ha portato alla fondazione di Kolmanskop

Il 14 aprile 1908, Zacharias Lewala, un lavoratore nero che lavorava sulla linea ferroviaria tra il villaggio costiero di Lüderitz e l'interno di Aus, trovò una pietra lucente nella sabbia.

Zaccaria lo mostrò al suo supervisore, August Stauch. Quest'ultimo lo riconobbe come un diamante e si affrettò a ottenere una licenza di prospezione. La conferma del verdetto ha dato il via alla corsa ai diamanti nell'area. Poco dopo, il governo tedesco espulse tutti i minatori e impose l'esclusività della loro prospezione.

Anche se l'entità di monopolio è ora diversa, Sperrgebiet è cambiata poco. Ne rileviamo il divieto ufficiale un po' ovunque, lungo la B4 e diverse strade secondarie e sterrate o saline che da essa si diramano.

Accanto anche uno degli ultimi magazzini di Kolmanskop e l'insegna che lo identifica in caratteri germanici.

Kolmanskop, deserto del Namib, Namibia

L'insegna della città vecchia, ancora scritta in caratteri e lingua tedesca.

Nonostante l'inaccessibilità della vastità circostante, con il biglietto a pagamento potremmo esplorare la maggior parte di Kolmanskop.

Si comincia con la villa del gestore Leonard Kolle, staccata dal corrente di edifici che danno l'organizzazione lineare della città e dall'eleganza della scala che conduce al suo ingresso, al balcone e al frontone che corona il secondo piano.

Kolmanskop, deserto del Namib, Namibia

La villa dell'ingegnere minerario e manager Leonard Kolle, staccata dal piccolo viale che raggruppava la maggior parte delle case.

Kolmanskop, una volta la città più ricca della terra

C'è poca sabbia all'interno di questa casa abbandonata. La casa del ragioniere Wiese, costruita anche su palafitte, appare semiaffondata in una delle dune residenti.

Mentre viveva lì, Wiese aveva le mani occupate. Solo tra il 1908 e l'inizio della prima guerra mondiale, da Kolmanskop furono estratte più di una tonnellata di diamanti.

Non sorprende che il villaggio si sia evoluto in una cittadina stravagante.

Kolmanskop, deserto del Namib, Namibia

Il duo di visitatori passeggia tra i palazzi di Kolmanskop.

Ai residenti piaceva chiamarla la città più ricca della Terra. Anche dopo più di un secolo, il capriccioso splendore di cui si è ricoperta è ben visibile.

Oltrepassato l'androne dell'edificio principale, ci imbattiamo nell'enorme ed elegante salone costruito per ospitare feste, spettacoli teatrali e persino proiezioni di film.

Al piano inferiore troviamo la Clubhouse, dove gli uomini residenti si divertivano giocando a bowling su una pista evoluta per l'epoca.

Boling, Kolmanskop, deserto del Namib, Namibia

La pista da bowling dove si divertiva la gente del posto.

I lussi e le raffinatezze dei diamanti di Kolmanskop

Dal 1911 la città ricevette l'elettricità e, presto, l'unico tram in Africa. L'elettricità era fornita da una centrale elettrica a carbone costruita nelle vicinanze, a Luderitz.

L'acqua veniva importata da Città del Capo in barca. Costava 5 pfennig al litro, la metà del costo di una pinta di birra. Kolmanskop è stato anche dotato di una fabbrica di ghiaccio a base di ammoniaca.

Generava, ogni giorno e gratuitamente, mezza tavoletta di ghiaccio per il frigorifero di ciascuno casa.

Bagno, Kolmanskop, deserto del Namib, Namibia

Poco rimane di un bagno in un'altra villa, con la vasca riempita di sabbia al posto dell'acqua.

È stata prodotta anche acqua frizzante.

Dalla Germania, in barca, arrivavano tutti i lussi e non lussi che la gente del posto ricordava dallo champagne ai bonbon e al caviale.

Reliquie, Kolmanskop, deserto del Namib, Namibia

Vecchio annaffiatoio e vecchio Weet-Bix.

Alla fine degli anni '20 in città vivevano circa 300 adulti e 44 bambini. Kolmanskop aveva la sua scuola, una panetteria e una macelleria.

Quando erano troppo ubriachi, gli uomini che erano impegnati con il bowling entravano nella macelleria e rubavano le salsicce per prolungare la baldoria. Come ci si poteva aspettare, nessun conto è rimasto in sospeso.

Il macellaio ha stimato il danno e il debito è stato saldato senza problemi.

Villa Kolmanskop, deserto del Namib, Namibia

Il domicilio del ragioniere Wiese, visto dalla villa di Leonard Kolle.

Kolmanskop aveva anche un ospedale con l'unica attrezzatura a raggi X nell'emisfero australe. Il motivo, quello, non era filantropico come ci si poteva aspettare.

Consapevoli che una sola pietra poteva renderli milionari, i cercatori cercavano spesso di ingoiarli.

Oltre alla radiografia, l'ospedale era dotato delle migliori tecniche mediche per far restituire ai lavoratori le fortune rubate.

La fine dei diamanti, l'abbandono e l'invasione delle sabbie

A differenza dei diamanti, il deserto del Namib rimane parte del villaggio. Abbiamo investigato gli edifici e ne abbiamo trovati molti pieni della loro sabbia, accumulata alla base di pareti dipinte o con carte da parati classiche e consumate.

Kolmanskop, deserto del Namib, Namibia

Una delle case più colorate di Kolmanskop, invasa dalla sabbia del Namib.

Oppure, in certi altri casi, in modo tale da bloccare l'accesso a più divisioni. Resistono i contatori e le prese elettriche, così come le vasche da bagno in ferro in cui sprofondare per comporre i migliori momenti autofotografici della mattinata.

Come le precedenti, la giornata rimane radiosa.

Una guida responsabile di un gruppo di tedeschi affascinati spiega a tutti noi: “questa è solo una fragile manna. In qualsiasi momento, arriva l'inverno e venti da 100 a 150 km spazzano tonnellate di nuova sabbia sulla città.

Guida, Kolmanskop, deserto del Namib, Namibia

La guida spiega la storia multimilionaria di Kolmanskop.

È quanto accadde quando Johny Coleman, un carrettiere, fu colto da una terribile tempesta e fu costretto ad abbandonare uno di loro, con i suoi buoi, nei pressi del villaggio.

Il nome di Coleman fu germanizzato, poi afrikaansnizzato. Così ha dato origine a Kolmanskuppe o Kolmanskop.

Dall'Africa occidentale tedesca al Kolmanskop della Namibia indipendente

Quando arrivò la prima guerra mondiale, i venti della storia portarono i tedeschi fuori dalla Namibia e, trascinandoli, fuori dal possesso di Kolmanskop.

Come prima diretta conseguenza del conflitto, i tedeschi, isolati in Africa tra i territori dei nemici anglofoni, francofoni o portoghesi, si trovarono impotenti a proteggere le loro colonie.

Nel 1914, la Gran Bretagna ha premuto il Sud Africa invadere la Namibia. L'anno successivo, la nuova amministrazione sudafricana di Windhoek si impegnò a espellere i coloni tedeschi dalle terre che avevano precedentemente conquistato ai nativi di quelle parti.

Complesso Kolmanskop, deserto del Namib, Namibia

Vista di Kolmanskop nell'ambiente inospitale del deserto del Namib.

Kolmanskop, invece, passò nelle mani di Sir Ernest Oppenheimer, un industriale nato in Germania ma che lavorava da quando aveva 17 anni a Londra, in una compagnia di diamanti.

Ernest Oppenheimer finì per fondare, nel 1919, la Consolidated Diamond Mines (CDM). Questa tua compagnia è diventata potente.

Tanto che ha rilevato la De Beers Consolidated Mines di Cecil Rhodes, che in precedenza aveva dominato il mercato mondiale dei diamanti.

La città fantasma di Namibe

Non sarebbe stato ignaro del fatto che ha consentito ai precedenti dirigenti e dipendenti di rimanere nei posti di origine di Oppenheimer.

Questa decisione inaspettata permise a Kolmanskop di preservare fino ad oggi il carattere germanico che ritroviamo anche nella vicina Lüderitz, molto più grande.

BuchHalter, deserto del Namib, Namibia

House of Wiese, il contabile di Kolmanskop.

La fine del tempo concesso ai visitatori per esplorare la città delle sabbie si avvicina alla fine.

Abbiamo colto l'occasione per dare un'occhiata al museo che conserva numerose fotografie, mappe e reperti dell'epoca, molto prima che Kolmanskop iniziasse a essere definita una città fantasma e ad apparire nel mondo ai vertici di questo tipo di luoghi.

Alameda, Kolmanskop, deserto del Namib, Namibia

L'albero rivendica il suo posto in una strada nell'ex prodigioso Kolmanskop.

Il suo ultimo respiro avvenne nel 1936. Dieci anni prima, i geologi avevano scoperto un nuovo giacimento di diamanti 250 km a sud, a nord della foce del fiume Orange che oggi segna il confine tra Namibia e Sud Africa.

I diamanti scoperti erano molto più grandi.

Intorno al 1936, alla fine degli anni della Grande Depressione, la miniera di Oranjemund aprì la sua attività e attirò molti degli abitanti di Kolmanskop che presto chiuse la sua attività. Gli uffici passarono a Oranjemund.

Quando l'ospedale e la struttura di trasporto furono chiusi, gli ultimi abitanti di Kolmanskop lo abbandonarono ai capricci di Namibe.

Sossusvlei, Namibia

Il vicolo cieco di Sossusvlei Namib

Quando scorre, l'effimero fiume Tsauchab serpeggia per 150 km dalle montagne di Naukluft. Arrivato a Sossusvlei, si perde in un mare di montagne di sabbia in lizza per il cielo. I nativi e i coloni la chiamavano la palude del non ritorno. Chiunque scopra questi luoghi improbabili in Namibia pensa sempre a tornare.
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
Dunhuang, Cina

Un'oasi nella Cina delle Sabbie

Migliaia di chilometri a ovest di Pechino, la Grande Muraglia ha la sua estremità occidentale e la Cina e altro. Un'inaspettata spruzzata di verde vegetale rompe l'arida vastità circostante. Annuncia Dunhuang, ex avamposto cruciale della Via della Seta, oggi una città intrigante ai piedi delle dune più grandi dell'Asia.
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Chapada Diamantina, Brasile

Bahía de Gema

Fino alla fine del sec. Nel XNUMX° secolo, Chapada Diamantina era una terra di prospezioni e ambizioni smisurate.Ora che i diamanti sono rari, gli estranei sono ansiosi di scoprirne gli altipiani e le gallerie sotterranee.
Twyfelfontein-Ui Aes, Namibia

Alla Scoperta della Namibia Rupestre

Durante l'età della pietra, la valle del fiume Aba-Huab, ora ricoperta di fieno, concentrava una fauna diversificata che attirava i cacciatori. In tempi più recenti, peripezie dell'era coloniale hanno colorato questa parte della Namibia. Non tanto quanto gli oltre 5000 petroglifi che rimangono a Ui Aes / Twyfelfontein.
Walvis Bay, Namibia

Le Litorale Abissale di Walvis Bay

Dalla più grande città costiera della Namibia ai margini del deserto del Namib di Sandwich Harbour, c'è un dominio senza pari di oceano, dune, nebbia e fauna selvatica. Dal 1790, la fruttuosa Walvis Bay funge da porta d'ingresso.
PN Bwabwata, Namibia

Un Parco Namibiano che Vale Tre

Una volta consolidata l'indipendenza della Namibia nel 1990, per semplificarne la gestione, le autorità raggrupparono un trio di parchi e riserve sulla striscia di Caprivi. Il risultante PN Bwabwata ospita una straordinaria immensità di ecosistemi e fauna selvatica, sulle rive dei fiumi Cubango (Okavango) e Cuando.
Spitzkoppe, Damaraland, Namibia

La Montagna Tagliente della Namibia

Con i suoi 1728 metri, il “Cervino namibiano” si erge al di sotto delle dieci altezze più alte della Namibia. Nessuno di loro è paragonabile alla drammatica ed emblematica scultura in granito di Spitzkoppe.
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Palmwag, Namibia

Alla Ricerca dei Rinoceronti

Partiamo dal cuore dell'oasi generata dal fiume Uniab, che ospita il maggior numero di rinoceronti neri dell'Africa sudoccidentale. Sulle tracce di un inseguitore boscimane, seguiamo un esemplare furtivo, abbagliato da un'ambientazione dal sapore marziano.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Safari
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Yak Kharka a Thorong Phedi, circuito dell'Annapurna, Nepal, yak
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Bertie a Jalopy, Napier, Nuova Zelanda
Architettura & Design
Napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30

Devastato da un terremoto, Napier è stato ricostruito in un Art Deco quasi al piano terra e vive fingendo di essersi fermato negli anni Trenta. I suoi visitatori si arrendono all'atmosfera del Grande Gatsby che trasuda la città.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Dragon Dance, Moon Festival, Chinatown-San Francisco-Stati Uniti d'America
Cerimonie e Feste
San Francisco, EUA

Con la testa sulla luna

Arriva settembre e i cinesi di tutto il mondo celebrano i raccolti, l'abbondanza e l'unione. L'enorme sino-comunità di San Francisco si dà anima e corpo al più grande Festival della Luna della California.
Via San Pedro Atacama, Cile
Città
San Pedro de Atacama, Cile

San Pedro de Atacama: La vita ad Adobe nel più arido dei deserti

I conquistatori spagnoli erano partiti e il convoglio ha deviato il bestiame e le carovane di nitrati. San Pedro stava riguadagnando la pace, ma un'orda di stranieri alla scoperta del Sud America invase il pueblo.
cibo
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
Cultura
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Kayak sul Lago Sinclair, Cradle Mountain - Parco Nazionale del Lago Sinclair, Tasmania, Australia
In viaggio
alla Scoperta di Tassiè, Parte 4 - Da Devonport a Strahan, Australia

Attraverso il selvaggio West della Tasmania

Se il quasi-antipode tazzie è già un mondo australiano a parte, che dire della sua inospitale regione occidentale. Tra Devonport e Strahan, fitte foreste, fiumi sfuggenti e una costa frastagliata battuta da un Oceano Indiano quasi antartico generano enigma e rispetto.
Centro culturale Jean Marie Tjibaou, Nuova Caledonia, Great Pebble, Sud Pacifico
Etnico
Grande Terre, Nuova Caledonia

Il grande sassolino del Pacifico meridionale

James Cook chiamò così la lontana Nuova Caledonia perché gli ricordava la Scozia di suo padre, mentre i coloni francesi erano meno romantici. Dotati di una delle più grandi riserve di nichel al mondo, chiamarono Le Caillou l'isola madre dell'arcipelago. Nemmeno la sua attività mineraria gli impedisce di essere uno dei pezzi di terra più belli dell'Oceania.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Roça Bombaim, Roça Monte Café, isola di São Tomé, bandiera
Storia
Centro São Tomé, São Tome e Principe

Da Roça a Roça, verso il Cuore Tropicale di São Tomé

Sulla strada tra Trindade e Santa Clara, ci imbattiamo nel terrificante passato coloniale di Batepá. Passando per i campi Bombaim e Monte Café, la storia dell'isola sembra essersi diluita nel tempo e nell'atmosfera intrisa di clorofilla della giungla santomea.
Moai, Rano Raraku, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile
Isole
Rapa Nui - Isola di Pasqua, Cile

Sotto lo sguardo dei Moai

Rapa Nui fu scoperta dagli europei il giorno di Pasqua del 1722. Ma se il nome cristiano Isola di Pasqua ha un senso, la civiltà che l'ha colonizzata dagli osservatori moai rimane avvolta nel mistero.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
silhouette e poesia, cora coralina, old goias, brasile
Letteratura
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Victoria Falls, Zambia, Zimbabwe, Zambesi
Natura
Victoria Falls, zimbabwe

Dono tonante di Livingstone

L'esploratore stava cercando una rotta per l'Oceano Indiano quando gli indigeni lo portarono a un salto del fiume Zambesi. Le cascate che trovò erano così maestose che decise di nominarle in onore della sua regina.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Parchi Naturali
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Percorso in conflitto
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Gerusalemme, Israele

Per le strade deliziose della Via Dolorosa

A Gerusalemme, percorrendo la Via Dolorosa, i credenti più sensibili si rendono conto di quanto sia difficile raggiungere la pace del Signore nei vicoli più contesi della faccia della terra.
personaggi
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Mahé Isole delle Seychelles, amiche della spiaggia
Spiagge
Mahé, Seychelles

La Grande Isola delle Piccole Seychelles

Mahé è la più grande delle isole del paese più piccolo dell'Africa. Ospita la capitale della nazione e quasi tutte le Seychelles. Ma non solo. Nella sua relativa piccolezza, nasconde uno splendido mondo tropicale, fatto di giungla montuosa che si fonde con l'Oceano Indiano in baie di tutte le sfumature del mare.
Processione ortodossa
Religione
Suzdal, Russia

Secoli di devozione a un devoto monaco

Eutimio era un asceta russo del XIV secolo che si diede anima e corpo a Dio. La sua fede ha ispirato la religiosità di Suzdal. I fedeli della città lo venerano come il santo che è diventato.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Bufali, isola di Marajo, Brasile, Bufali della polizia acida
Società
Isola Marajó, Brasile

L'isola dei bufali

Una nave che trasporta bufali da India sarà naufragato alla foce del Rio delle Amazzoni. Oggi l'isola di Marajó che li ha accolti ha uno degli armenti più grandi del mondo e il Brasile non può fare a meno di questi bovini.
Saksun, Isole Faroe, Streymoy, avviso
Vita quotidiana
Saksun, StreymoyIsole Faroe

Il villaggio faroese che non vuole essere Disneyland

Saksun è uno dei tanti splendidi piccoli villaggi delle Isole Faroe che sempre più estranei visitano. Si distingue per l'avversione ai turisti del suo principale proprietario rurale, autore di ripetute antipatie e attacchi contro gli invasori della sua terra.
El Tatio Geyser, Atacama, Cile, Tra il ghiaccio e il caldo
Animali selvatici
El Tátio, Cile

Geyser El Tatio – Tra il ghiaccio e il caldo dell'Atacama

Circondato da vulcani supremi, il campo geotermico di El Tatio deserto di Atacama appare come un miraggio dantesco di zolfo e vapore a una quota ghiacciata di 4200 m. I suoi geyser e le sue fumarole attirano orde di viaggiatori.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.