kirkjubor, Streymoy, Isole Faroe

Dove il cristianesimo faroese ha dato la costa


biblioteca roykstovan
Biblioteca della casa più antica delle Faroe, Roykstovan.
Lotto di Kirkjubour
Molte case più moderne all'ingresso di Kirkjubour.
Criniere al vento
Cavalli al pascolo che la breve estate ha reso frondoso.
Manes nel vento II
Cavalli al pascolo che la breve estate ha reso frondoso.
riposa al sole
Il visitatore riposa al sole, arrivato da una lunga passeggiata.
Scultura del capo
Scultura dell'eredità dalle origini del villaggio dei pionieri di Kirkjubour.
Hestfjörður
Il fiordo che ha ospitato il primo insediamento delle Isole Faroe, Kirkjobour.
Chiesa di S. Ciao v
La chiesa che successe alla cattedrale di San Magno, l'antica cattedrale rimasta incompleta.
casa con portico
Un portico in legno precede l'ingresso del complesso storico di Roykstovan.
edificio Roykstovan
Edifici storici con tetti in erba di Roykstovan, la proprietà più antica delle Isole Faroe.
Kirkjubour e Hestfjörður
Vista generale di Kirkjubour con il fiordo di Hestfjordur sullo sfondo.
Foto a Roykstovan
I visitatori si fotografano all'interno della sala fumatori di Roykstovan.
Davanti a S. Ciao v
La chiesa di Sant'Olav intitolata in onore del re vichingo che accettò e promosse la conversione dei suoi sudditi al cristianesimo.
Ad appena un anno dall'inizio del primo millennio, un missionario vichingo di nome Sigmundur Brestisson portò la fede cristiana nelle Isole Faroe. Kirkjubour, divenne il rifugio e la sede episcopale della nuova religione.

Nessun punto nelle snelle Isole Faroe del diciottesimo secolo dista più di cinque chilometri dal mare.

Perché al momento della sua fondazione, i Vichinghi si stabilirono nella località di Kirkjubour, quasi ai piedi di Streymoy, la più grande delle isole.

Kirkjubour è a soli 11 km da torshavn. Il loro adempimento comporta la salita del grande versante orientale che ospita la capitale faroese. Avanza attraverso un vasto altopiano erboso e poi attraverso il mezzo pendio di uno dei tanti profondi fiordi che solcano la mappa e il paesaggio della nazione.

Avventurosa, la strada segue la tortuosa linea d'acqua del fiume Sanda. Ad un certo punto piega verso sud, diventa slanciato e tangente alla soglia di un altro grande fiordo, l'Hestfjordur. A poco a poco, scende ai piedi di Streymoy, di fronte alla capitale dove avevamo iniziato il percorso.

Era la terza volta che ci avvicinavamo a Kirkjubour. I primi due sono stati resi impraticabili da condizioni meteorologiche molto sfavorevoli, con venti potenti e una copertura nuvolosa bassa e scura che ha scaricato pioggia senza fine.

In quell'ultima occasione siamo entrati in paese in una mattinata con il cielo quasi sereno e il sole radioso, una manna, anche se eravamo all'inizio di luglio, in piena estate a queste latitudini settentrionali.

La via Gamlivegur ci lascia davanti a un mare scuro e liscio e accanto al centro storico del paese, accanto alla chiesa di Olav, con la fattoria quasi millenaria di Kirkjuboargardur (la Quinta do Rei), a lungo considerata la più grande e antico faroese. Ci lascia anche nelle immediate vicinanze delle rovine della Cattedrale di San Magno.

Oggi Kirkjubour è ridotta a un testimone storico, un'eredità abitata e vivente della sua epoca di splendore medievale.

Si stima che le Isole Faroe abbiano avuto come abitanti pionieri eremiti celtici, che arrivarono con bestiame dalle isole al largo della costa dell'odierna Scozia, dalle Shetland, dalle Orcadi o dalle Ebridi, l'origine esatta è sconosciuta.

È noto che, in quel periodo, le Faroe divennero note come a Scigiri ou barattolo, che sarebbero tradotte come le isole dei Barbuti, secondo i lunghi capelli dei cenobiti che le condividevano.

Di tanto in tanto altri visitatori frequentavano le isole dell'arcipelago delle Fær Øer. Questo sarebbe stato il caso di san Brendan, un monaco originario dell'Irlanda.

Una conclusione più o meno consensuale odierna è che, a un certo punto, l'arcipelago fu occupato da colonie di vichinghi in cerca di rifugio.

La saga di Faerayinga (dalle Isole Faroe) narra che arrivarono i primi a sbarcare terre norvegesi alla fine del IX secolo, inizio del X secolo, in una fuga precipitosa dai loro villaggi che il governo tirannico e accentratore di re Aroldo I – noto anche come Aroldo dai bei capelli – aveva reso troppo rischioso.

Come era stato a lungo il caso, questi nuovi arrivati ​​si sono organizzati in clan. E, come era anche consuetudine, i clan si scontrarono. Gli abitanti delle Isole del Nord hanno quasi annientato quelli del sud. Ci hanno costretto a misure di sopravvivenza estreme. Kirkjubour è emerso inaspettatamente da queste misure.

Abbiamo lasciato la macchina. Ci siamo incrociati con un gruppo di escursionisti di ritorno da una spedizione lungo la costa circostante che, data la loro aria stanca, avrebbe richiesto molto tempo.

Riposa a Kirkjubour, Streymoy, Isole Faroe

I visitatori riposano al sole, arrivati ​​da una lunga passeggiata.

Proprio accanto, la bellezza e la grandiosità di Roykstovan, uno dei più antichi edifici in legno ancora abitati sulla faccia della Terra (XII secolo, probabilmente il più antico) di legno scuro, con cornici rosse e tetti di torba, ci abbaglia a prima vista. frondoso.

Qualsiasi struttura in legno è prodigiosa nelle Faroe, dove gli alberi sono rari, ai tempi ancestrali della colonizzazione, inesistenti. Quello della fattoria di Kirkjuboargardur è stato portato dal Norvegia rimorchiatori, eventualmente da drakkar.

Cerchiamo la grande casa, prestando attenzione ai dettagli architettonici che qualsiasi estraneo dall'Europa meridionale classificherebbe come eccentrici.

Kirkjubour, Streymoy, Isole Faroe

Stemma del clan colorato in primo piano nella fattoria di Roykstovan.

Colonne con teste di draghi linguati, scudi con leoni ascia sollevati, altre creature alate che abbiamo difficoltà a definire.

Una scultura in legno di quello che sembra un capo tribù con elmo. E uno strano disco-simbolo modellato attorno a un altro felino.

Sempre più abbagliati, siamo entrati all'interno, un'intera casa-museo fatta di legno ingiallito e invecchiato, con stanze accessibili attraverso minuscole porte se si tiene conto dell'immaginazione vichinga e della statura e altezza del popolo nordico, riscaldata da pelli sotto grandi elmi con le corna.

La sala immediata, l'abbiamo vista attrezzata con lunghi tavoli da pranzo e da fumo, con panche in tinta, dotata di una stufa secolare, piena di corde, strumenti agricoli e pezzi decorativi, sotto la supervisione di un teschio di vacca a strapiombo.

Ad un piano superiore, chiuso, ma visibile attraverso un'ampia apertura, in modo provocatorio, troviamo anche un ufficio bibliotecario presieduto da fotografie storiche della famiglia, discendente dei primi abitanti della masseria, che ha già ospitato diciotto dei suoi generazioni.

Questa linearità ci riporta alla faida tra clan Northern Isles e Southern Isles.

Sempre secondo la saga di Faerayinga, Sigmundur Brestisson, uno dei leader del sud, salpò per la Norvegia. Nella madrepatria ricevette l'ordine reale di conquistare l'intero arcipelago in nome di Olav I, il re responsabile della cristianizzazione del popolo norvegese.

Sigmundur Brestisson, non solo ottenne questo, ma estese anche questa cristianizzazione agli abitanti ancora pagani dell'arcipelago faroese sotto il dominio norvegese, fino al 1380, quando la Norvegia si unì alla Danimarca.

In questo processo, Sigmundur Brestisson stabilì che la residenza episcopale della diocesi delle Isole Faroe si sarebbe trovata a Kirkjubour.

Come centro religioso nella colonia, la popolazione si espanse rapidamente fino a un limite di 50 case. Crebbe di anno in anno quando, già nel XVI secolo, un'alluvione generata dalla peggiore delle tempeste subite dall'arcipelago, portò in mare la maggior parte di queste case.

Lì, fino ad oggi, è rimasta la base della cattedrale di Saint Magnus, progettata come il più grande tempio cristiano delle Faroe e che, anche se incompleta, rimane il più grande edificio medievale della nazione.

Cattedrale di San Magno, Kirkjubour, Streymoy, Isole Faerøer

L'antica cattedrale di San Magno, in rovina e che si diceva da tempo non fosse mai stata terminata.

Per qualche tempo si è creduto che la cattedrale fatta costruire da un certo vescovo Erlendur non fosse mai stata completata. Dati archeologici recenti hanno contraddetto questa teoria. Dopo la Riforma del 1537, la diocesi delle Isole Faroe fu abolita e la cattedrale di San Magno lasciata in rovina. Nel 1832 vi fu trovata una pietra runica lasciata dai coloni vichinghi.

Dal 1997, le autorità hanno deciso di eseguire restauri graduali. Questi lavori hanno impedito il crollo della struttura. Ci hanno concesso il privilegio di vederlo dall'interno, di ammirare il cielo incorniciato nella pietra della grande navata e, sullo sfondo, il “armadietto d'oro” che custodisce la reliquia del santo patrono d'Islanda, Thorlak, insieme a reliquie di altre santità nordiche.

Le stesse autorità, con riluttanza, sperano che l'UNESCO classifichi la cattedrale come Patrimonio mondiale.

Chiesa di S. Olav, Kirkjubour, Streymoy, Isole Faroe

La chiesa che successe alla cattedrale di San Magno, l'antica cattedrale rimasta incompleta.

Nel frattempo, accanto ad essa, quasi sul mare e circondata dal cimitero murato di Kirkjubour, si erge immacolata la chiesa predecessore di Saint Olav, completata prima del 1200 e quindi la chiesa più antica delle Faroe, fino alla cosiddetta Riforma del 1537. , sede del vescovo cattolico dell'arcipelago.

I discendenti delle persone più anziane di Kirkjubour apprezzano il loro passato come qualcosa di quasi sacro. Alcuni degli ormai settanta abitanti del villaggio, molti dei quali hanno il cognome Patursson, portano questa eredità a estremi incredibili.

Tróndur Patursson, pittore, vetraio, scultore e avventuriero è uno dei più rinomati artisti faroesi. Quando non è impegnato con la sua produzione e le sue mostre, gli spazi, Tróndur, si dedica persino a spedizioni per ricostruire la storia primordiale delle Isole Faroe.

Nel 1976, in collaborazione con Tim Severin, ha effettuato una traversata transatlantica su una replica di una nave con scafo in pelle chiamata “Brendan” in onore del monaco irlandese creduto di aver eseguito lo stesso viaggio secoli prima dei vichinghi o Cristoforo Colombo.

Per generare un'immagine migliore di quei tempi di navigazioni selvagge, abbiamo attraversato il molo roccioso che si estende dall'ala sud-est della chiesa di Sant'Olav, all'interno di Hestfjordur.

Da lì ammiriamo l'attuale borgo in discreto formato panoramico, sparso ai piedi di una rupe sassosa che il breve Estino aveva già avuto il tempo di diserbare e cospargere di fiori gialli. Percorsa da cavalli con criniere lucenti al vento.

Kirkjubour, Streymoy, Isole Faroe

Cavalli al pascolo che la breve estate ha reso frondoso.

Sulla via del ritorno verso i dintorni erbosi della chiesa di Sant'Olav, passeggiamo tra le tombe e le lapidi del vecchio villaggio, tenendo d'occhio le testimonianze delle loro vite passate.

Dai nostri giorni, a chi ha visto nascere la quasi millenaria Kirkjubour.

Mykines, Isole Faroe

Nell'estremo ovest delle Faroe

Mykines stabilisce il confine occidentale dell'arcipelago delle Faroe. Ospitò 179 persone ma la durezza del ritiro ebbe la meglio. Oggi, lì sopravvivono solo nove anime. Quando la visitiamo, troviamo l'isola dedita alle sue mille pecore e alle inquiete colonie di pulcinelle di mare.
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Tórshavn, Isole Faroe

Il porto faroese di Thor

È stato il principale insediamento delle Isole Faroe almeno dall'850 d.C., anno in cui i coloni vichinghi stabilirono lì un parlamento. Tórshavn rimane una delle capitali più piccole d'Europa e il rifugio divino di circa un terzo della popolazione faroese.
Vágar, Isole Faroe

Il lago che aleggia sull'Atlantico settentrionale

Per un capriccio geologico, Sorvagsvatn è molto più del lago più grande delle Isole Faroe. Scogliere con tra i trenta ei centoquaranta metri delimitano l'estremità meridionale del suo letto. Da certi punti di vista, dà l'idea di essere sospeso sull'oceano.
Oslo, Norvegia

A (sopra) Capitale Capitalizzato

Uno dei problemi della Norvegia è stato decidere come investire i miliardi di euro nel suo fondo sovrano da record. Ma nemmeno le risorse eccessive salvano Oslo dalle sue incongruenze sociali.
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Magma Geoparco, Norvegia

Un qualcosa di lunare Norvegia

Se tornassimo ai confini geologici del tempo, troveremmo la Norvegia sudoccidentale piena di enormi montagne e un magma fiammeggiante che i ghiacciai successivi avrebbero plasmato. Gli scienziati hanno scoperto che il minerale predominante è più comune sulla Luna che sulla Terra. Molti degli scenari che abbiamo esplorato nel vasto Magma Geopark della regione sembrano presi dal nostro grande satellite naturale.
Flamm a Balestrand, Norvegia

Dove le montagne cedono ai fiordi

La stazione finale della Ferrovia Flam segna la fine della vertiginosa discesa ferroviaria dagli altopiani di Hallingskarvet alle pianure di Flam. In questo villaggio troppo piccolo per la sua fama, lasciamo il treno e navighiamo lungo il fiordo di Aurland verso il prodigioso Balestrand.
Stavanger, Norvegia

Motor City della Norvegia

L'abbondanza di petrolio e gas naturale offshore e le sedi delle società incaricate di esplorarli hanno promosso Stavanger da capitale della riserva a capitale energetica norvegese. Questa città non era conforme. Con una prolifica eredità storica, alle porte di un maestoso fiordo, il cosmopolita Stavanger ha a lungo spinto la Terra del Sole di Mezzanotte.
Bergen, Norvegia

Il grande porto anseatico della Norvegia

Già popolata all'inizio dell'XI secolo, Bergen divenne la capitale, monopolizzò il commercio della Norvegia settentrionale e, fino al 1830, rimase una delle città più grandi della Scandinavia. In data odierna, Oslo guida la nazione. Bergen continua a distinguersi per la sua esuberanza architettonica, urbana e storica.
Balestrand, Norvegia

Balestrand: una vita tra i fiordi

I villaggi sulle pendici dei canyon in Norvegia sono comuni. Balestrand è all'ingresso delle tre. Le sue ambientazioni si distinguono dal resto in modo tale da aver attratto pittori famosi e continuano a sedurre viaggiatori incuriositi.
PN Thingvellir, Islândia

Sulle origini della remota democrazia vichinga

Le basi del governo popolare che mi vengono in mente sono quelle elleniche. Ma quello che si ritiene essere il primo parlamento al mondo fu inaugurato a metà del X secolo, nella gelida campagna islandese.
Streymoy, Isole Faroe

Streymoy Sopra, Assaggiate l'Isola delle Correnti

Lasciamo la capitale Torshavn dirigendoci a nord. Abbiamo attraversato da Vestmanna alla costa orientale di Streymoy. Fino a quando non raggiungiamo l'estremità settentrionale di Tjornuvík, siamo ancora e ancora abbagliati dalla verdeggiante eccentricità della più grande isola faroese.
Saksun, StreymoyIsole Faroe

Il villaggio faroese che non vuole essere Disneyland

Saksun è uno dei tanti splendidi piccoli villaggi delle Isole Faroe che sempre più estranei visitano. Si distingue per l'avversione ai turisti del suo principale proprietario rurale, autore di ripetute antipatie e attacchi contro gli invasori della sua terra.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Bay Watch Hut, Miami Beach, spiaggia, Florida, Stati Uniti,
Architettura & Design
Miami Spiaggia, EUA

La spiaggia di tutte le vanità

Poche coste concentrano, allo stesso tempo, tanto calore e manifestazioni di fama, ricchezza e gloria. Situata nell'estremo sud-est degli Stati Uniti, Miami Beach è accessibile tramite sei ponti che la collegano al resto della Florida. È magro per il numero di anime che lo desiderano.
Alture tibetane, mal di montagna, trattamento per la prevenzione della montagna, viaggi
Aventura

Mal di montagna: non male. Fa schifo!

Quando si viaggia, a volte ci troviamo di fronte alla mancanza di tempo per esplorare un luogo tanto imperdibile quanto elevato. La medicina e le precedenti esperienze con la malattia da altitudine impongono di non rischiare di salire in fretta.
Moa su una spiaggia di Rapa Nui/Isola di Pasqua
Cerimonie e Feste
isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello

Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.
Cattedrale di Santa Ana, Vegueta, Las Palmas, Gran Canaria
Città
Vegueta, Gran canaria, Isole Canarie

Intorno al cuore delle Canarie reali

L'antico e maestoso quartiere di Vegueta de Las Palmas spicca nella lunga e complessa ispanizzazione delle Isole Canarie. Dopo un lungo periodo di spedizioni signorili, vi iniziò la conquista finale di Gran Canaria e delle altre isole dell'arcipelago, sotto il comando dei monarchi di Castiglia e Aragona.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Celebrazione di Newar, Bhaktapur, Nepal
Cultura
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Scenario marziano del deserto bianco, Egitto
In viaggio
Deserto Bianco, Egitto

La scorciatoia egiziana per Marte

In un momento in cui la conquista del vicino del sistema solare è diventata un'ossessione, una parte orientale del deserto del Sahara ospita un vasto paesaggio correlato. Invece dei 150-300 giorni stimati necessari per raggiungere Marte, decollamo dal Cairo e, in poco più di tre ore, facciamo i primi passi nell'Oasi di Bahariya. Intorno, quasi tutto ci fa sentire il tanto agognato Pianeta Rosso.
Creel, Chihuahua, Carlos Venzor, collezionista, museo
Etnico
Chihuahua a Creel, Chihuahua, Messico

Sulla via di Creel

Con Chihuahua all'indietro, indichiamo il sud-ovest e le terre ancora più alte nel nord del Messico. Accanto a Ciudad Cuauhtémoc, abbiamo visitato un anziano mennonita. Intorno a Creel, abbiamo vissuto per la prima volta con la comunità indigena Rarámuri della Serra de Tarahumara.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Sottomarino Vesikko
Storia
Helsinki, Finlândia

La fortezza della Finlandia in tempi svedesi

Distaccata in un piccolo arcipelago all'ingresso di Helsinki, Suomenlinna è stata costruita su progetti politico-militari del regno svedese. Da più di un secolo, il Russia l'ha fermata. Dal 1917 i Suomi l'hanno venerata come il bastione storico della loro spinosa indipendenza.
Santo Antão, Capo Verde, Porto Novo a Ribeira Grande, Morro do Tubarão
Isole
Santo Antão, Capo Verde

Da Porto Novo a Ribeira Grande attraverso il Sentiero del Mare

Sbarcati e stabiliti a Porto Novo de Santo Antão, abbiamo subito trovato due strade per raggiungere il secondo villaggio più grande dell'isola. Già arresi al monumentale saliscendi dell'Estrada da Corda, siamo abbagliati dal dramma vulcanico e atlantico dell'alternativa costiera.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
silhouette e poesia, cora coralina, old goias, brasile
Letteratura
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Natura
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Camiguin, Filippine, mangrovia di Katungan.
Parchi Naturali
Camiguin, Filippine

Un'isola di fuoco si arrese all'acqua

Con più di venti coni sopra i 100 metri, il brusco e lussureggiante, Camiguin ha la più alta concentrazione di vulcani di qualsiasi altra delle 7641 isole filippine o del pianeta. Ma, negli ultimi tempi, nemmeno il fatto che uno di questi vulcani sia attivo ha turbato la quiete della sua vita rurale, di pescatori e, per la gioia degli estranei, di fare una forte balneazione.
Cime boscose, Huang Shan, Cina, Anhui, montagna gialla dei picchi galleggianti
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Huang Shan, Cina

Huang Shan: Le montagne gialle dei picchi galleggianti

Le cime granitiche delle montagne gialle e fluttuanti di Huang Shan, da cui spuntano i pini acrobati, appaiono in innumerevoli illustrazioni artistiche della Cina. Lo scenario reale, oltre ad essere remoto, rimane più di 200 giorni nascosto sopra le nuvole.
I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
personaggi
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Lezione di surf, Waikiki, Oahu, Hawaii
Spiagge
Waikiki, OahuHavai

L'invasione giapponese delle Hawaii

Decenni dopo l'attacco Pearl Harbor e alla capitolazione nella seconda guerra mondiale, i giapponesi tornarono alle Hawaii armati di milioni di dollari. Waikiki, il suo bersaglio preferito, insiste per arrendersi.
Bagnanti alla fine del mondo - Cenote de Cuzamá, Mérida, Messico
Religione
Yucatan, Messico

La fine della fine del mondo

Il giorno annunciato passò ma la fine del mondo insistette per non arrivare. In America Centrale, i Maya di oggi osservavano e sopportavano increduli tutta l'isteria attorno al loro calendario.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
Società
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Vita quotidiana
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Maria Jacarés, Pantanal Brasile
Animali selvatici
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.