Kumasi a Kpetoe, Gana

Una celebrazione del viaggio della moda tradizionale ghanese


Boti cade
Il duo di cascate che dicono gli indigeni entra in matrimonio nella stagione delle piogge, quando entrambe sono accomunate dall'aumento della portata del fiume.
intervista maculata
Boti Falls Guide rilascia un'intervista ai giornalisti ghanesi.
privilegio del capo
Il capo tribale viene trasportato su un palanchino durante il Festival di Kente.
pubblico femminile
Gruppo di donne in abiti tradizionali, lasciando Kptoe Kente Festival.
danze tribali
Due ballerini si contorcono durante una delle esibizioni tribali del festival.
discorso bonario
Il leader dalla corona d'oro continua con un discorso che fa sorridere il podio.
La prossima generazione di Kente
I giovani partecipanti seduti all'ombra e vestiti con motivi kente in diversi colori.
Ghanesi incuriositi
Le donne ghanesi esaminano l'intrusione di fotografi stranieri in un festival che tende ad essere principalmente ghanese.
Kente & Oro
Capo tribale in uno dei tribuni della festa vestito di panno kente e riempito d'oro.
parata colorata
La parata delle donne mostra uno schema kente tradizionale di una particolare regione.
all'ombra della tradizione
Una folla colorata osserva lo svolgersi del festival, seduta all'ombra di grandi ombrelloni tradizionali.
ritorno animato
Le donne tornano a parlare alle loro case, dopo la chiusura del Festival di Kente.
Sorelle
I giovani ghanesi posano per una fotografia più incuriositi che orgogliosi o vanitosi.
Tessuti e simbolismo tribale
I giovani ghanesi posano per una fotografia più incuriositi che orgogliosi o vanitosi.
La roccia dell'ombrello
Il visitatore di Boti Falls esamina la forma stravagante di Umbrella Rock.
Dopo qualche tempo nella grande capitale del Ghana Ashanti abbiamo attraversato il paese fino al confine con il Togo. Le ragioni di questo lungo viaggio sono state le alla città, un tessuto così venerato in Ghana che diversi capi tribù gli dedicano ogni anno un sontuoso festival.

Il viaggio da Kumasi a Koforidua è durato meno di quanto avessimo temuto, dalle undici del mattino alle due e mezza del pomeriggio con un cambio di jeep lungo il percorso.

Quella in cui Frank, l'autista di GTA, l'ente turistico del Ghana, ci guidava da qualche giorno, ha iniziato a generare rumori metallici. Non estraneo a nessun problema con la batteria che ha fatto accendere la sua spia sul pannello per tutto e per niente.

Di conseguenza, Frank si ferma nel parcheggio di un grande gruppo di ristoranti lungo la strada. Parcheggia accanto a una jeep come la nostra, grigio chiaro anziché scuro.

I due autisti consigliano ai passeggeri di andare in bagno e acquistare quello che vogliono mentre si occupano del trasferimento dei bagagli. Oltre all'ora di pranzo, non ci facciamo implorare.

Abbiamo passato gli occhi attraverso la profusione di snack offerti. Abbiamo comprato spiedini di pollo e patate dolci fritte, tutto da asporto. Non avevamo tempo da perdere. Inoltre, dopo nove giorni di viaggio in Ghana, per lo più su strada, l'atmosfera nel veicolo aveva cessato da tempo di preoccuparci.

Dovevamo raggiungere l'ingresso di alcune cascate del Boti prima delle quattro del pomeriggio.

Una deviazione verso un mercato di collane di perline dettata dai funzionari del turismo Kojo Bentum-Williams e Yoosi Quarm ha causato un ritardo che, per quanto desiderasse, Frank non poteva compensare.

La tarda visita alle cascate di Boti

Mentre entriamo nel parco che delimita le cascate, veniamo accolti da un entourage un po' irascibile di quattro elementi, tra cui direttori e guide: “Non contavamo più su di te”, dice a Kojo, in tono secco, un direttore locale di dispiacere mal concepito. travestito. “chiudiamo alle quattro, mi sembra che siano stati informati per tempo”.

Kojo tira fuori le ragazze diplomatiche e risolve la situazione nel miglior modo possibile.

Qualche istante dopo stavamo scendendo tutti i duecentocinquanta gradini che portavano alla base delle cascate, lungo un pendio immerso in una rigogliosa e fradicia vegetazione tropicale.

Sullo sfondo troviamo un lago fangoso, ombreggiato da alberi frondosi. Da questa ombra, il fiume Pawnpanw discendeva da una scogliera semiconcava, lì già nella forma delle due cascate del Boti inferiori.

Una delle guide ci ha spiegato che la tradizione della regione imponeva che quello a destra fosse maschio. Quello a sinistra è femmina.

E che, durante la stagione delle piogge, le due cascate si unissero in quella che gli indigeni consideravano la loro stagione degli amori, abbellita da arcobaleni successivi generati dagli schizzi liberati dall'impatto dell'acqua e del vento.

Boti Falls, Ghana

Boti Falls: da Lost in the Jungle a Rest Refuge of the Father of the Ghanaian Nation

Oggi, semplice attrazione naturale frequentata dai ghanesi durante i periodi di riposo, Boti nasconde una storia controversa. Per secoli sono rimasti nascosti nella fitta giungla della zona. Così è stato fino a quando un missionario cattolico li ha dati e ha iniziato a usarli come luogo di riposo e divertimento per il suo gruppo di ospiti.

Tuttavia, il terreno su cui si trovavano apparteneva agli Akyem di Tafo, un gruppo tribale della zona. Quando lo rivendicarono, si resero conto che era già stato venduto da un altro capo tribù, a un membro di una terza tribù. Tipico del complesso del Ghana, la disputa non ha smesso di complicarsi.

Richiedeva un intervento giudiziario che, contro la volontà di tutti, dichiarava le cascate di pubblico dominio.

A quel tempo, il feudo aveva già reso famose le cascate. Il primo Primo Ministro e Presidente del Ghana, il Dr. Kwame Nkrumah decise di visitarli nel 1961. La grandiosità dell'ambiente naturale lo colpì così tanto che Nkrumah incaricò il commissario regionale di costruirgli una casa di ritiro.

In quel corso del fiume e della gente, il tempo era passato più del dovuto. Cominciava a fare buio. Eppure dovremmo dare un'occhiata a un'altra particolarità naturale della regione di Yilo Krobo, questa fatta solo di roccia, invece di roccia e acqua.

Twilight and Dry Visita a un misterioso Ombrello Rock

A Ombrello Rock Era a 2 km di distanza, su un sentiero di capre. Con il tramonto imminente, Kojo e il suo entourage decidono che viaggeremo in jeep invece che a piedi.

Una volta sbarcati, in un'atmosfera azzurrognola del crepuscolo, scopriamo una formazione rocciosa scolpita dall'erosione, ispirata ai funghi e che l'immaginazione popolare ha messo in luce potrebbe ripararne da 12 a 15 contemporaneamente dalle foreste pluviali tropicali.

Umbrella Rock, Festival di Kente Agotime, GhanaAnche senza pioggia, nonostante sia quasi notte, l'entourage, già ben allargato rispetto a quello raccontato da Boti, si abbandona a infinite foto e selfie, in una sessione comunitaria che solo l'oscurità assoluta di quella vallata persa nel nulla di Akpamu ha messo fine a.

Siamo partiti per Koforidua, la capitale di queste parti del Paese, chiamata dai suoi giovani K-Dua o KofCity.

Una notte e passaggio mozzafiato attraverso Koforidua

Per quanto informale fosse chiamata la città, ci indirizzano a un Royal Hotel.

A causa del lavoro al computer che avevamo in ritardo, abbiamo dormito solo cinque ore.

Alle 8:10 ci svegliavamo come zombie, scomposti da Kojo con il quale, di regola, litigavamo tutte le mattine, perché lui e Yoosi dettavano l'inizio della giornata molto più tardi di quanto avremmo voluto.

Siamo partiti in due jeep, su per la montagna, a grande velocità, con i quattro lampeggiatori accesi, clacson e sorpassi troppo pericolosi, in una mini-caravan che mancava solo di sirene per affrontare un'operazione speciale.

L'Ambasciata al Capo Tribù della Regione che Mai Accadde

Nonostante il trambusto, Yoosi ci spiega l'evento: “Stiamo prendendo una deviazione. Dovremmo salutare il capo tribù di questa regione e siamo molto in ritardo.

In Ghana, gli chef sono eccezionali. Non amano aspettare. Quando li fanno aspettare, i visitatori devono offrire loro una mucca. Non costa poco, credimi!

Abbiamo creduto. Quando entriamo in The Royal Senchi – il resort sul fiume Volta segnato come punto d'incontro – il cosiddetto Capo Tribale non c'era più. Non capivamo chi avrebbe comprato la carne,

Ci saluta un direttore d'albergo europeo. Abbiamo bevuto cocktail di benvenuto e fatto una foto ufficiale di quella visita mordi e fuggi.

Siamo ripartiti, questa volta nominati alla delegazione del turismo ghanese Ho, regione orientale del Ghana che saremmo venuti a esplorare di più

Sosta a Ho City, in rotta verso il famoso Kente Festival di Kpetoe

Lì, una guida della città si unisce a noi. Nii Tawiah ci mostra la strada per Kpetoe, il luogo ad est di Ho dove, dal 1995, si svolge ogni anno il festival Agbzmevorza, meglio conosciuto come Agotime Kente.

Per non variare, le stime e le preparazioni del duo Kojo e Yoosi falliscono ancora.

Invece di iniziare solo nel pomeriggio, come ci aveva informato Kojo, il festival si stava già svolgendo su un prato all'aperto.

Kente Festival Agotime, Ghana, assistenzaUna folla in parte seduta, in parte in piedi, all'ombra di eleganti ombrelloni tribali, occupava un settore più ampio, per così dire popolare.

L'ingresso rivoluzionario all'Agotime Kente Festival è già in pieno svolgimento

Al centro c'era una piattaforma con una copertura con i colori della bandiera del Ghana e che ospitava i massimi rappresentanti di varie sub-nazioni etniche del Ghana.

In pratica, durante la festa c'è l'accoglienza dei capi e dei loro sudditi che arrivano con lo scopo superiore di esibire diversi tipi di costumi e tessuti. alla città prodotti nelle loro regioni.

Festival di Kente Agotime, Ghana, giovani partecipantiIl festival si svolge ad Agotime, che proclama che è stata la sua gente a introdurre l'arte della tessitura da Kente nell'attuale territorio del Ghana.

Tuttavia, anche il villaggio di Bonwire, vicino a Kumasi, il centro etnico Ashanti del Paese, è considerato una fonte ghanese di Kente.

Qualunque sia la sua origine e l'anima ghanese, l'arte kente si è diffusa e diversificata.

Festival di Kente Agotime, Ghana, parataIl kente è tessuto in fasce di seta e cotone nelle più diverse forme e livelli di qualità che abbiamo visto vestito da toga su uomini, donne e persino bambini intorno.

C'è l'autentico kente tessuto solo con mezzi tradizionali. C'è anche un altro intermediario che proviene da fabbriche ghanesi come Viisco e Akosombo Textile Lda.

Poi – non c'è modo di sfuggire – una versione economica prodotta in serie è ancora commercializzata in Cina, di regola, per il consumo del pubblico occidentale.

La diversità dei modelli e il significato dei toni Kente

In ogni caso, ognuno dei colori utilizzati nei pattern kente ha il suo significato: il nero si identifica con la maturità, la spiritualità ancestrale, il funerale, il lutto e simili. Il blu con pace, armonia e amore. Verde di vegetazione, semina, crescita del raccolto, rinnovamento spirituale. Oro con regalità, ricchezza, stato elevato, gloria, purezza spirituale.

E così via, come per il resto dello spettro cromatico. I modelli Kente sono complessi e identificati con un nome e persino un messaggio del tessitore.

Kente Festival Agotime, Ghana, sorelle

I nomi, i colori e i motivi dei tessuti si rivelano elementi importanti quando i ghanesi acquisiscono il loro kente. Se il denaro non è un problema, neanche la qualità del tessuto lo sarà.

Il Kente più pregiato è, in assoluto, quello tradizionale, quello indossato dai capi tradizionali che abbiamo apprezzato brillare sul prato e sulle tribune circostanti, coronato e decorato con pizzi, bracciali, anelli, medaglioni e altri accessori d'oro.

Festival di Kente Agotime, Ghana, oro

E che, protetti dalla torretta pomeridiana da una grande tenda di tela e sprofondati nelle poltrone, ascoltassimo discorsi al rallentatore, ci sembrava senza fine.

Ad un certo punto l'organizzazione è stata costretta ad affrettarsi ad abbreviare i discorsi che sono seguiti, un duro colpo per alcuni dirigenti che da giorni preparavano i loro illustri messaggi.

Danze, Esibizioni Tradizionali e quelle dei Capi Tribali, elevati su Eccentrici Palanchini

Torniamo al prato scoperto. Lì, le esibizioni di danza iniziano al ritmo di jambés, tamburi e specie di maracas ghanesi.

Kente Festival Agotime, Ghana, balliLe donne si mettono in fila. Ballano in fila ed esibiscono i loro kentes e le forme voluttuose avvinghiate in loro in un cerchio di estasi solare, orgogliosa e sorridente.

Non è stato il primo festival tribale del Ghana a cui abbiamo partecipato. avevamo vissuto il Fetu Afahye con incredibile intensità, nelle strade di Cape Coast.

Mentre il pomeriggio volgeva al termine, abbiamo sentito che all'Agotime Kente Festival mancava qualcosa di inevitabile. È durato solo pochi minuti.

Da un momento all'altro, i balli, i tamburi, i jambés, tutta la musica e le altre espressioni popolari sul prato scomparvero.

Due capi si avvicinarono dal fondo della radura, in un aereo sopra la folla. Alcuni di quella folla, tra l'altro, li portavano su lussureggianti palanchini, specie di grandi vasche da bagno dorate modellate con motivi intricati.

Kente Festival Agotime, Ghana, capo tribùIn un punto centrale del prato, non ostacolati dalle persone dalle guardie di sicurezza dell'organizzazione, i capi stanno fianco a fianco, ciascuno avvolto nella rispettiva kente toga, brandendo la spada e altri elementi significativi della loro regalità e supremazia che giustificavano mostrarsi lì. torreggiante.

Presto seguirono il proprio destino e quello dei loro popoli.

Ogni potere ha dei limiti.

Nel frattempo, il suo è stato trasferito sulla piattaforma centrale. Lì sarebbero stati inaugurati i discorsi di chiusura e le decorazioni nazionali e magnanimi.

Hanno dato il tono a una graduale fuga precipitosa della folla.

Kente Festival Agotime, Ghana, ritornoPer il ritorno a casa e l'umile abito della vita quotidiana del Ghana. Se gli dei lo permettessero, l'anno successivo, il kente sarebbe stato nuovamente celebrato.

Volta, Gana

Un giro del Volta

In epoca coloniale, la grande regione africana del Volta era tedesca, britannica e francese. Oggi, l'area ad est di questo maestoso fiume dell'Africa occidentale e il lago in cui si riversa formano una provincia omonima. È un angolo montuoso, lussureggiante e mozzafiato del Ghana.
eliminare, Gana

Il primo jackpot delle scoperte portoghesi

nel secolo XVI, Mina generava più di 310 kg d'oro all'anno per la Corona. Questo profitto ha suscitato l'avidità del Olanda e l'Inghilterra che si succedettero al posto dei portoghesi e favorirono la tratta degli schiavi nelle Americhe. Il paese che lo circonda è ancora conosciuto come Elmina, ma oggi il pesce è la sua ricchezza più evidente.
Acra, Gana

La Capitale alla Culla della Gold Coast

Do sbarco dei navigatori portoghesi indipendenza nel 1957, le potenze che dominavano la regione del Golfo di Guinea si succedettero. Dopo il XNUMX° secolo, Accra, l'attuale capitale del Ghana, è stata costruita attorno a tre forti coloniali costruiti da Gran Bretagna, Olanda e Danimarca. A quel tempo, crebbe da un semplice sobborgo a una delle megalopoli più fiorenti dell'Africa.
Nzulezu, Gana

Un villaggio a galla in Ghana

Partiamo dalla località balneare di Busua, verso l'estremità occidentale della costa atlantica del Ghana. A Beyin, deviiamo a nord verso il lago Amansuri. Lì troviamo Nzulezu, uno dei villaggi lacustri più antichi e genuini dell'Africa occidentale.
Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
Suzdal, Russia

A Suzdal, Pepino è celebrato per Pepino

Con l'estate e il clima caldo, la città russa di Suzdal si rilassa dalla sua millenaria ortodossia religiosa. Il centro storico è anche famoso per avere i migliori cetrioli della nazione. Quando arriva luglio, trasforma il appena raccolto in una vera festa.
Nikko, Giappone

La processione finale dello Shogun Tokugawa

Nel 1600, Ieyasu Tokugawa inaugurò uno shogunato che unì il Giappone per 250 anni. In suo onore, Nikko rievoca, ogni anno, il trasferimento medievale del generale nel sontuoso mausoleo di Toshogu.
San Pietroburgo, Russia

La Russia va controcorrente. segui la marina

La Russia dedica l'ultima domenica di luglio alle sue forze navali. Quel giorno, una folla visita grandi barche ormeggiate nel fiume Neva mentre marinai annegati nell'alcol prendono il controllo della città.
Pueblos del Sur, Venezuela

Per alcuni Trás-os-Montes in Venezuela in Fiesta

Nel 1619, le autorità di Mérida dettarono l'insediamento del territorio circostante. Dall'ordine sono derivati ​​19 villaggi remoti, che abbiamo trovato dediti a celebrazioni con caretos e pauliteiros locali.
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Bacolod, Filippine

Un festival per ridere della tragedia

Intorno al 1980, il valore dello zucchero, importante fonte di ricchezza sull'isola filippina di Negros, crollò e il traghetto"Don Juan” che la serviva affondò e morirono più di 176 passeggeri, la maggior parte dei quali neri. La comunità locale ha deciso di reagire alla depressione generata da questi drammi. Nasce così MassKara, una festa impegnata a recuperare i sorrisi della popolazione.
Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros
Safari
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Scala del palazzo di Itamaraty, Brasilia, Utopia, Brasile
Architettura & Design
Brasilia, Brasile

Brasilia: dall'utopia all'arena politica e capitale del Brasile

Fin dai tempi del marchese di Pombal si parlava di trasferire la capitale nell'entroterra. Oggi, la città chimera continua a sembrare surreale ma detta le regole dello sviluppo brasiliano.
lagune e fumarole, vulcani, PN tongaro, nuova zelanda
Aventura
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
Preghiera che brucia, Festival di Ohitaki, Tempio di Fushimi, Kyoto, Giappone
Cerimonie e Feste
Kyoto, Giappone

Una fede combustibile

Durante la celebrazione shintoista di Ohitaki, i fedeli giapponesi raccolgono preghiere incise su tavolette nel tempio di Fushimi. Lì, mentre viene consumato da enormi falò, la sua fede si rinnova.
San Juan, Città Vecchia, Porto Rico, Reggaeton, Flag at Gate
Città
San Juan, Porto Rico (parte 2)

Al ritmo del reggaeton

I portoricani irrequieti e fantasiosi hanno reso San Juan la capitale mondiale del reggaeton. Al ritmo preferito della nazione, hanno riempito la loro "città murata" con altre arti, colori e vita.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Tequila, città di Jalisco, Messico, Jima
Cultura
Tequila, JaliscoMessico

Tequila: la distillazione del Ovest de Messico che Anima il Mondo

Disillusi dalla mancanza di vino e brandy, i conquistadores del Messico migliorarono la millenaria attitudine indigena alla produzione di alcolici. Nel XNUMX° secolo, gli spagnoli furono soddisfatti del loro pinga e iniziarono ad esportarlo. Da Tequila, il persone, oggi, centro di una regione delimitata. E il nome per cui è diventato famoso.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
Etnico
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Tobago, Pigeon Point, Scarborough, Pontone
Storia
Scarborough a Pigeon Point, Tobago

Alla scoperta della Tobago Capitale

Dalle alture murate di Fort King George, alla soglia di Pigeon Point, Tobago sud-occidentale intorno alla capitale Scarborough rivela tropici controversi senza rivali.
Mauritius, viaggio nell'Oceano Indiano, cascata di Chamarel
Isole
Maurizio

Una Mini India nell'Oceano Indiano

Nel XNUMX° secolo, i francesi e gli inglesi hanno combattuto per un arcipelago a est del Madagascar precedentemente scoperto dai portoghesi. Gli inglesi trionfarono, ricolonizzarono le isole con tagliatori di canna da zucchero del subcontinente ed entrambi ammisero la lingua, la legge e le modalità precedenti francofono. Da questo mix è emersa l'esotica Mauritius.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
bianco inverno
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
silhouette e poesia, cora coralina, old goias, brasile
Letteratura
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Punto di vista del punto di vista, Alexander Selkirk, a Pele Robinson Crusoe, Cile
Natura
Isola Robinson Crusoe, Cile

Alexander Selkirk: Nella pelle del vero Robinson Crusoe

L'isola principale dell'arcipelago Juan Fernández ospitava pirati e tesori. La sua storia era fatta di avventure come quella di Alexander Selkirk, il marinaio abbandonato che ha ispirato il romanzo di Dafoe.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Struzzo, Capo di Buona Speranza, Sud Africa
Parchi Naturali
Capo di Buona Speranza - Capo di Buona Speranza NP, Sud Africa

Ai confini della vecchia fine del mondo

Arrivammo dove la grande Africa cedette ai domini del “Mostrengo” Adamastor ei navigatori portoghesi tremarono come bastoni. Là, dove la Terra era, dopotutto, tutt'altro che finita, le speranze dei marinai di capovolgere il tenebroso Capo furono sfidate dalle stesse tempeste che continuano a imperversare lì.
Tetti grigi, Lijiang, Yunnan, Cina
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Lijiang, Cina

Una città grigia ma piccola

Viste da lontano, le sue vaste case sono lugubri, ma i secolari marciapiedi e canali di Lijiang sono più popolari che mai. Una volta, questa città brillava come la grande capitale del popolo Naxi. Oggi, inondazioni di visitatori cinesi competono per il quasi parco a tema che è diventato una tempesta.
Monumento a Heroes Acre, Zimbabwe
personaggi
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
Cahuita National Park, Costa Rica, Caraibi, Punta Cahuita vista aerea
Spiagge
Cahuita, Costa Rica

Un Costarica di Rasta

Viaggiando attraverso l'America Centrale, abbiamo esplorato una costa del Costa Rica che è afro come i Caraibi. In Cahuita, Pura Vida è ispirata da un'eccentrica fede in Jah e da un'esasperante devozione alla cannabis.
Processione ortodossa
Religione
Suzdal, Russia

Secoli di devozione a un devoto monaco

Eutimio era un asceta russo del XIV secolo che si diede anima e corpo a Dio. La sua fede ha ispirato la religiosità di Suzdal. I fedeli della città lo venerano come il santo che è diventato.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Società
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Ross Bridge, Tasmania, Australia
Animali selvatici
alla Scoperta di Tassiè, Parte 3, Tasmania, Australia

Tasmania dall'alto al basso

Da tempo la vittima preferita degli aneddoti australiani, il Tasmania non ha mai perso l'orgoglio per strada aussie più rude essere. Tassie rimane avvolta nel mistero e nel misticismo in una sorta di retro degli antipodi. In questo articolo raccontiamo il peculiare viaggio da Hobart, la capitale situata nell'improbabile sud dell'isola, fino alla costa nord, la svolta verso il continente australiano.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.