Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese


kallur nella nebbia
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
punto di vista naturale
Casal ammira la città di Trollanes dall'alto del sentiero per Kallur.
Sydradadur Vista dal traghetto
Vista di Sydradadur attraverso un oblò della M/F Sam, il traghetto che collega Klaksvik a Kalsoy.
Sulla Soglia
Sara Wong era appollaiata in cima a una delle scogliere erbose di Kallur.
sul ponte
Sámal Petur Grund, capitano del traghetto M/F Sam che collega Klaksvik a Sydradadur, già a Kalsoy.
Kallur-Kalsoy Crest-Isole Faroe
Gli escursionisti camminano lungo un crinale Kallur, a breve distanza dal faro.
Statua della donna foca delle Isole Mikladalur-Faroe
Statua della donna foca di Kópakonan nel mare posteriore di Mikladalur.
Pollaio a Trollanes-Kalsoy-Isole Faroe
Pollaio a Trollanes, all'estremità settentrionale di Kalsoy.
sulla retta via II
La coppia su un mezzo pendio del sentiero collega Trollanes a Kallur.
spero che ti disperi
I cani da pastore delle Isole Faroe aspettano con impazienza che i loro proprietari li portino a lavorare con la mandria a Trollanes.
Sulla retta via III
La coppia su un mezzo pendio del sentiero collega Trollanes a Kallur.
Cavalca Trollanes.
Sara Wong sulla via principale di Trollanes,
sulla retta via I
Panoramica del sentiero tra Trollanes e Kallur.
Pecore nella nebbia
Pecore quasi perse nella nebbia sul sentiero tra Trollanes e Kallur
Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.

Siamo partiti dalla capitale Torshavn quasi come previsto e in guardia nel caso in cui il piccolo traghetto che collega Klaksvik – la seconda città della nazione – alla vicina isola di Kalsoy non arrivasse per tutti i candidati.

Alle 8:45, dopo più di un'ora di viaggio attraverso il trampolino di lancio geologico di cui sono fatte le Faroe, ancora sotto la pioggia, si arriva al porto. Siamo il terzo in fila per i veicoli a bordo.

Con un posto sia sul podio che sulla barca assicurato, assonnati dalla fatica e l'ennesimo mattiniero, abbiamo posato le panchine, attivato le sveglie dei telefoni e siamo andati a dormire.

Quando ci svegliamo di nuovo, poco prima delle dieci, ci sono già sette vetture in fila per il traghetto M/F Sam, ancora lontane dal limite delle sedici. Tutti sono stati affittati, guidati da stranieri. Abbiamo parcheggiato la nostra secondo le istruzioni dell'usciere. Quindi, siamo saliti sulla piattaforma per i passeggeri e il capitano.

Vista di Sydradadur dall'interno del traghetto M/F Sam, Isole Faroe

Vista di Sydradadur attraverso un oblò della M/F Sam, il traghetto che collega Klaksvik a Kalsoy.

The Smooth Crossing to Kalsoy a bordo del traghetto M/F Sam

La M/F Sam, una specie di zattera d'artiglieria, si dirige verso il mare calmo che riempie il fiordo dove è stata installata la città. Lascia l'isola di Bordoy alle spalle e inizia la traversata per Sydradadur, porto di destinazione già sull'isola di Kalsoy. Abbiamo navigato in acque protette dai capricci insulari del territorio faroese che la quasi assenza di vento manteneva agevoli.

Ci siamo goduti le case di Klaksvik mentre la distanza e la nebbia le hanno ridotte quasi a zero. Quando quella stessa lunghezza fece allargare le sponde, abbiamo fatto una visita al ponte.

Una donna dai lineamenti asiatici stava chiacchierando con il comandante in faroese, in un lungo dialogo che ci ha lasciato sempre più incuriositi. Infine, la signora ha intuito che anche noi volevamo parlare con il comandante e si è avvicinata a noi come testimonianza di proselitismo. “Vai a Kallur, giusto? A mezzogiorno c'è la messa a Mikladalur. Se puoi, unisciti a noi”. Apprezziamo l'invito ma ci fermiamo qui.

Il collegamento faroese-portoghese del comandante Sámal Petur Grund

Ci avvicinammo al comandante, un uomo sulla sessantina con capelli e baffi bianchi e vividi occhi azzurri. Sámal Petur Grund, come veniva chiamato, non perse tempo a scoprire da dove venivamo. "Dal Portogallo? Sul serio? Non vediamo molti di voi qui! Sii benvenuto.

Sai che ho una grande ammirazione per il Portogallo, infatti... è anche possibile che io esisto grazie al Portogallo. Perché? Guarda, negli anni '60 e '70 mio padre si guadagnava da vivere pescando il merluzzo qui in Faroe, Islanda e Groenlandia e andando a venderlo al Portogallo.

Non è più vivo, ma per quanto ne so si continua a mangiare il merluzzo in quantità incredibili”. Confermiamo la tua ipotesi e prolunghiamo la conversazione il più a lungo possibile. Non molto.

Sámal Petur Grund, capitano del traghetto M/F Sam che collega Klaksvik a Sydradadur, Kalsoy, Isole Faroe

Sámal Petur Grund, capitano del traghetto M/F Sam che collega Klaksvik a Sydradadur, già a Kalsoy.

Da Sydradadur a Trollanes, tunnel dopo tunnel

Sydradadur si stava avvicinando. Il capitano si è trovato sull'orlo dell'attracco e noi avevamo l'impulso di scendere in macchina in tempo per sbarcare e sbloccare il resto.

Pochi minuti dopo stavamo già camminando lungo la strada costiera che va dalla punta meridionale alla punta settentrionale dell'isola, in una carovana spontanea formata da tutte le auto che si trovavano a bordo.

Come tante altre isole dell'arcipelago, i successivi movimenti tettonici e l'erosione hanno rugoso l'esile Kalsoy. Pertanto, solo un susseguirsi di rustici tunnel di montagna ha permesso a tutti noi di raggiungere Trollanes, ultima tappa della strada e punto di partenza per l'escursione che stavamo per iniziare.

Un ultimo tunnel ci lascia di fronte a un'ampia e verde vallata. Trollanes apparve accoccolato in un angolo in riva al mare. Dotati di un tempo molto più favorevole di quello che avevamo avuto finora, abbiamo deciso di lasciarlo per il viaggio di ritorno.

La coppia ammira la vista sulla valle di Trollanes, Kalsoy, Isole Faerøer

Casal ammira la città di Trollanes dall'alto del sentiero per Kallur.

La passeggiata abbagliante-verdeggiante tra Trollanes e Kallur

Ci siamo fermati in un parcheggio installato all'inizio della strada per Kallur, un sentiero un po' fangoso che iniziava salendo un pendio per gradini naturali.

Ci siamo fermati in cima a questo primo pendio. Da lì, contempliamo la valle e la costa frastagliata in formato panoramico. Possiamo ancora intravedere i lontani contorni di Kunoy, l'isola a est, persa nella vastità del Mare di Norvegia.

Riprendiamo il sentiero. Per molto tempo si increspa attraverso un nuovo mezzo pendio fino a quando non inizia a salire sulle alture costiere che stavamo cercando. A quel tempo, come si suppone nelle Isole Faroe, ci siamo imbattuti pecore abbandonate ai loro pascoli sterminati.

Pecore, Kallur, Kalsoy, Isole Faroe

Pecore quasi perse nella nebbia sul sentiero tra Trollanes e Kallur

Alcuni sono neri, altri marroni, altri grigi, altri di un bianco molto sporco e altri ancora macchiati. Abituate alle incursioni degli stranieri in quel dominio, le pecore le disprezzano. A differenza delle quasi così abbondanti beccacce di mare che scatenano uno stridio infernale ogni volta che ci avviciniamo ai loro nidi.

Il faro di Kallur finalmente in vista

Superato un nuovo pendio, finalmente, arriviamo al semaforo biancorosso di Kallur. Contrariamente a quanto ci aspettavamo, la struttura ci ha colpito per la sua insignificanza, come se si fosse arresa all'imponenza erbosa e frastagliata, rocciosa e marina del paesaggio circostante.

Da un momento all'altro, la punta nord-ovest di Kalsoy guadagna braccia di terra che entrano nel mare in direzioni diverse. Il faro appare su una riva con precipizi mortali su entrambi i lati. Avevamo già letto dei pericoli e dei rischi dell'esplorazione di Kallur. Tuttavia, la vertigine ci ha sorpreso.

Non siamo stati i primi passeggeri della M/F Sam ad arrivare lì. Una giovane coppia britannica stava scattando le foto ad alta velocità, pressata dalla forte probabilità che le nuvole basse trattenute dalla scogliera metà rocciosa e metà grigia che sporgeva sopra il faro ci avrebbero teso un'imboscata.

Escursionisti a Kallur, Isola di Kalsoy, Isole Faerøer

Gli escursionisti camminano lungo un crinale Kallur, a breve distanza dal faro.

Dieci minuti dopo, li vediamo lasciare l'alto istmo su cui si trovava il faro e viaggiare lungo un crinale competitivo molto più lungo. Abbiamo subito approfittato del nostro turno.

In punta di piedi, con tanta cura quanto paura ed evitando di sbirciare i precipizi che ci minacciavano da entrambi i lati, arrivammo al punto prominente e quasi altrettanto vertiginoso, da dove era possibile fotografare il faro con quella scogliera sullo sfondo.

Ma pochi scatti frenetici dopo, le nuvole hanno iniziato davvero ad entrare e la pioggia battente si è intensificata. Ci siamo subito ricordati che, se il viaggio fosse già stato complicato, quale sarebbe stato il ritorno con la nebbia e l'acquazzone che nascondevano e infangavano ancora di più quel filo scivoloso di rasoio.

I complicati capricci del tempo di Kallur

Va bene, con la stessa cura con cui eravamo venuti, ma con le gambe già tremanti dall'adrenalina, abbiamo invertito la strada verso il faro. Ci rifugiamo dietro la sua facciata protetta dalla pioggia, riacquistiamo la calma e aspettiamo.

Nel frattempo arriva una coppia cinese con un bambino e si accorgono che intorno a loro non si vede nulla. Aspettano cinque minuti e si arrendono.

Dall'esperienza meteorologica che avevamo già in tanti anni di viaggi e fotografia, eravamo quasi certi che quelle nuvole basse non sarebbero durate ancora a lungo. Questa prognosi è stata confermata.

Una brezza improvvisa sollevò il bianco mantello sul mare e lasciò le nubi che ne seguivano ancora una volta intrappolate dietro la scogliera.

Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.

Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.

Da soli in quella battaglia contro il tempo e gli elementi, abbiamo ritrovato il nostro coraggio. Anche se è scivolato il doppio, abbiamo sfidato di nuovo la scia letale. Fortunatamente, le nuvole hanno esitato per quasi quaranta minuti. In questa pietà abbiamo scattato tutte le foto che volevamo: da quel piedistallo, il faro e anche il pendio sottostante che il parziale pendio e il manto erboso ci hanno permesso di scendere di pochi metri buoni senza cadere in una morte marina più che certa.

Sara Wong a Kallur, Kalsoy

Sara Wong era appollaiata in cima a una delle scogliere erbose di Kallur.

Ritorno alla sicurezza rurale di Trollanes

Non appena la nebbia ha ripreso la sua invasione, ci siamo arresi all'evidenza. Abbiamo riposto l'attrezzatura nei nostri zaini e abbiamo iniziato il viaggio di ritorno a Trollanes.

Quando arriviamo, non vediamo più traccia degli stranieri rimasti. Diamo un'occhiata a una piantagione recintata di rabarbaro, l'unico ortaggio che i faroesi possono coltivare all'aperto. Siamo passati davanti a una tradizionale casa di legno dove potevamo vedere i residenti attraverso la finestra della cucina, come loro potevano vedere noi.

Fuori, allineati sulla scatola di un furgone, quattro cani da pastore faroesi aspettavano con impazienza che i loro proprietari uscissero di casa e li portassero dalle pecore con loro soddisfazione.

Cani da pastore a Trollanes, Kalsoy, Isole Faroe

I cani da pastore delle Isole Faroe aspettano con impazienza che i loro proprietari li portino a lavorare con la mandria a Trollanes.

Fino ad allora, non avevamo incontrato nessuno dei 75 abitanti di Kalsoy che abbiamo deciso di non perdere quell'occasione. Senza che ce lo aspettassimo, un bambino di tre o quattro anni è uscito di casa. I cani hanno sentito che i proprietari stavano per arrivare e hanno iniziato ad abbaiare.

Il bambino è stato sorpreso dalla nostra inaspettata presenza fotografica e dalla frenesia dei cani. Ritornato alla protezione domestica.

Ci avviciniamo ai cani e proviamo ad accarezzarli. Ma per quanto intelligenti siano questi cani da pastore, a quel punto si sarebbero già resi conto che stavamo disturbando la routine dei proprietari che uscivano in campagna. Uno di loro si è arrabbiato e ha minacciato un morso. Le feste c'erano.

Buona parte dei faroesi rurali è alquanto contraria ai turisti che invadono i loro villaggi con le macchine fotografiche pronte. Questa famiglia non è nemmeno uscita di casa mentre noi giravamo intorno.

Trollanes, Kalsoy, Isole Faroe

Sara Wong sulla via principale di Trollanes,

Abbiamo indagato un po' di più sui minuscoli Trollane e siamo rimasti deliziati da un pollaio di pietra che uno stormo di polli apprensivi costeggiava in una direzione e nell'altra, a seconda della facciata in cui apparivamo.

Presto abbiamo lasciato la valle di Trollanes al suono della sonora sonora di sei o sette beccacce di mare che rivendicavano l'esclusività del loro ciglio della strada.

Alla ricerca della donna foca di Kópakonan

Ci ritiriamo a sud da Kalsoy, con il passare delle ore per prendere l'ultima traversata della giornata da M/F Sam a Klaksvik.

Lungo la strada, ci siamo fermati a Mikladalur, il più grande dei villaggi dell'isola, anch'esso situato in un'ampia valle a forma di U.

Invece, siamo scesi nel profondo mare del villaggio e ci siamo goduti la statua anfibia che giustificava la sosta per quasi tutti i visitatori.

Statua della donna della foca di Kópakonan, Mikladalur, Kalsoy, Isole Faerøer

Statua della donna foca di Kópakonan nel mare posteriore di Mikladalur.

La marea era vuota. Il mare era relativamente calmo considerando le onde pazze che colpivano quella costa fatta di scogliere nei giorni peggiori di mareggiate. Kopakonan, la foca femmina, si stagliava così, asciutta, dalla base rocciosa che la sorregge, solida come la tradizione delle leggende folcloristiche delle Isole Faroe.

La sua statua, infatti, rende omaggio a una delle leggende più note e intricate della nazione, così complessa e lunga che dovremo raccontarla la prossima volta che torneremo a Kalsoy.

Mykines, Isole Faroe

Nell'estremo ovest delle Faroe

Mykines stabilisce il confine occidentale dell'arcipelago delle Faroe. Ospitò 179 persone ma la durezza del ritiro ebbe la meglio. Oggi, lì sopravvivono solo nove anime. Quando la visitiamo, troviamo l'isola dedita alle sue mille pecore e alle inquiete colonie di pulcinelle di mare.
PN Thingvellir, Islândia

Sulle origini della remota democrazia vichinga

Le basi del governo popolare che mi vengono in mente sono quelle elleniche. Ma quello che si ritiene essere il primo parlamento al mondo fu inaugurato a metà del X secolo, nella gelida campagna islandese.
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Magma Geoparco, Norvegia

Un qualcosa di lunare Norvegia

Se tornassimo ai confini geologici del tempo, troveremmo la Norvegia sudoccidentale piena di enormi montagne e un magma fiammeggiante che i ghiacciai successivi avrebbero plasmato. Gli scienziati hanno scoperto che il minerale predominante è più comune sulla Luna che sulla Terra. Molti degli scenari che abbiamo esplorato nel vasto Magma Geopark della regione sembrano presi dal nostro grande satellite naturale.
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
Islândia

Isola di fuoco, ghiaccio, cascate e cascate

La cascata suprema d'Europa si precipita in Islanda. Ma non è l'unico. In quest'isola boreale, con pioggia o neve costante e nel mezzo della battaglia tra vulcani e ghiacciai, cadono infiniti torrenti.
Laguna di Jokülsárlón, Islândia

La canzone e il ghiaccio

Creato dalle acque dell'Oceano Artico e dallo scioglimento del ghiacciaio più grande d'Europa, Jokülsárlón forma un dominio gelido e imponente. Gli islandesi la venerano e le rendono sorprendente omaggio.
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Oslo, Norvegia

A (sopra) Capitale Capitalizzato

Uno dei problemi della Norvegia è stato decidere come investire i miliardi di euro nel suo fondo sovrano da record. Ma nemmeno le risorse eccessive salvano Oslo dalle sue incongruenze sociali.
Tórshavn, Isole Faroe

Il porto faroese di Thor

È stato il principale insediamento delle Isole Faroe almeno dall'850 d.C., anno in cui i coloni vichinghi stabilirono lì un parlamento. Tórshavn rimane una delle capitali più piccole d'Europa e il rifugio divino di circa un terzo della popolazione faroese.
Vágar, Isole Faroe

Il lago che aleggia sull'Atlantico settentrionale

Per un capriccio geologico, Sorvagsvatn è molto più del lago più grande delle Isole Faroe. Scogliere con tra i trenta ei centoquaranta metri delimitano l'estremità meridionale del suo letto. Da certi punti di vista, dà l'idea di essere sospeso sull'oceano.
kirkjubor, Streymoy, Isole Faroe

Dove il cristianesimo faroese ha dato la costa

Ad appena un anno dall'inizio del primo millennio, un missionario vichingo di nome Sigmundur Brestisson portò la fede cristiana nelle Isole Faroe. Kirkjubour, divenne il rifugio e la sede episcopale della nuova religione.
Streymoy, Isole Faroe

Streymoy Sopra, Assaggiate l'Isola delle Correnti

Lasciamo la capitale Torshavn dirigendoci a nord. Abbiamo attraversato da Vestmanna alla costa orientale di Streymoy. Fino a quando non raggiungiamo l'estremità settentrionale di Tjornuvík, siamo ancora e ancora abbagliati dalla verdeggiante eccentricità della più grande isola faroese.
Saksun, StreymoyIsole Faroe

Il villaggio faroese che non vuole essere Disneyland

Saksun è uno dei tanti splendidi piccoli villaggi delle Isole Faroe che sempre più estranei visitano. Si distingue per l'avversione ai turisti del suo principale proprietario rurale, autore di ripetute antipatie e attacchi contro gli invasori della sua terra.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Safari
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Case tradizionali, Bergen, Norvegia
Architettura & Design
Bergen, Norvegia

Il grande porto anseatico della Norvegia

Già popolata all'inizio dell'XI secolo, Bergen divenne la capitale, monopolizzò il commercio della Norvegia settentrionale e, fino al 1830, rimase una delle città più grandi della Scandinavia. In data odierna, Oslo guida la nazione. Bergen continua a distinguersi per la sua esuberanza architettonica, urbana e storica.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
cowboy dell'Oceania, Rodeo, El Caballo, Perth, Australia
Cerimonie e Feste
Perth, Australia

Cowboy dell'Oceania

Il Texas è dall'altra parte del mondo, ma nel paese dei koala e dei canguri non mancano i cowboy. I rodei dell'entroterra ricreano la versione originale e 8 secondi durano non meno nell'Australia occidentale.
corteo sfarzoso
Città
Suzdal, Russia

Mille anni di Russia antiquata

Era una capitale sontuosa quando Mosca era solo un villaggio rurale. Lungo il percorso perse rilevanza politica ma accumulò la più grande concentrazione di chiese, monasteri e conventi nel paese degli zar. Oggi, sotto le sue innumerevoli cupole, Suzdal è tanto ortodossa quanto monumentale.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Contadino, Majuli, Assam, India
Cultura
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
DMZ, Corea del Sud, Linea di non ritorno
In viaggio
ZDM, Dora - Corea del Sud

La linea del non ritorno

Una nazione e migliaia di famiglie furono divise dall'armistizio nella guerra di Corea. Oggi, mentre i turisti curiosi visitano la DMZ, molte delle fughe dei nordcoreani oppressi finiscono in tragedia.
Parata dei nativi americani, Pow Pow, Albuquerque, New Mexico, Stati Uniti
Etnico
Albuquerque, EUA

Il suono dei tamburi, gli indiani resistono

Con oltre 500 tribù presenti, il pow wow "Gathering of the Nations" celebra la sacralità delle culture dei nativi americani. Ma rivela anche il danno inflitto dalla civiltà colonizzatrice.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Cilaos, Isola della Riunione, Casario Piton des Neiges
Storia
Cilaos, Reunion Island

Rifugio sotto il tetto dell'Oceano Indiano

Cilaos appare in una delle antiche caldere verdi dell'isola della Riunione. Inizialmente era abitato da schiavi fuggiaschi che credevano che sarebbero stati al sicuro a quell'estremità del mondo. Una volta reso accessibile, né la posizione remota del cratere impediva il rifugio di un villaggio ora peculiare e lusingato.
Isola di Alcatraz, California, Stati Uniti
Isole
Alcatraz, San Francisco, EUA

Ritorno alla roccia

A quarant'anni dalla fine della sua pena, l'ex prigione di Alcatraz riceve più visitatori che mai. Pochi minuti del suo isolamento spiegano perché l'immaginazione di The Rock ha fatto rabbrividire i peggiori criminali.
Controllo corrispondenza
bianco inverno
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Letteratura
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Monteverde, Costa Rica, Quaccheri, Riserva Biologica di Bosque Nuboso, escursionisti
Natura
Monteverde, Costa Rica

Il Rifugio Ecologico che i Quaccheri lasciarono in eredità al mondo

Disilluso dalla propensione militare statunitense, un gruppo di 44 quaccheri emigrò in Costa Rica, una nazione che aveva abolito l'esercito. Agricoltori, allevatori, sono diventati ambientalisti. Hanno reso possibile una delle roccaforti naturali più venerate dell'America centrale.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Svasso contro il tramonto, Rio Miranda, Pantanal, Brasile
Parchi Naturali
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Twyfelfontein, Ui Aes, Twyfelfontein, Campo Avventura
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Twyfelfontein-Ui Aes, Namibia

Alla Scoperta della Namibia Rupestre

Durante l'età della pietra, la valle del fiume Aba-Huab, ora ricoperta di fieno, concentrava una fauna diversificata che attirava i cacciatori. In tempi più recenti, peripezie dell'era coloniale hanno colorato questa parte della Namibia. Non tanto quanto gli oltre 5000 petroglifi che rimangono a Ui Aes / Twyfelfontein.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Funivia che collega Puerto Plata alla cima dell'Isabel de Torres PN
Spiagge
Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Argento della casa domenicana

Puerto Plata è il risultato dell'abbandono di La Isabela, il secondo tentativo di una colonia ispanica nelle Americhe. Quasi mezzo millennio dopo lo sbarco di Colombo, inaugurò l'inesorabile fenomeno turistico della nazione. In un lampo attraverso la provincia, vediamo come il mare, le montagne, la gente e il sole dei Caraibi la fanno splendere.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
Società
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Vita quotidiana
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Tartaruga appena nata, PN Tortuguero, Costa Rica
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Una notte all'asilo nido Tortuguero

Il nome della regione del Tortuguero ha una ragione evidente e antica. Le tartarughe marine dell'Atlantico e dei Caraibi si sono riversate a lungo sulle spiagge di sabbia nera della sua stretta costa per deporre le uova. In una delle notti trascorse a Tortuguero, abbiamo assistito alle loro nascite frenetiche.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.