Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar


al galoppo
I fantini guidano i cammelli in un giro della corsa di cammelli del festival che si tiene alle Sam Sam Dunes, a 40 km da Jaisalmer.
festa dei sensi
Una ballerina di hijra transessuale balla dietro un gruppo di musicisti rajput.
Controluce
Il pubblico femminile cerca di godersi la processione che apre il Festival del deserto, che si svolge contro il sole mattutino.
Moda Utsav
I giovani partecipanti cavalcano cammelli lungo un vicolo che collega il lago Gadisar alla base della fortezza di Jaisalmer.
festa rosea
Una troupe di rajput celebra con entusiasmo la Festa del Deserto.
moda del Rajasthan
Un rajput con baffi e barba stravaganti, un eventuale partecipante al Mr. Deserto.
seguito barbuto
Un concorrente del Mr. Desert arriva al Sahid Poonam Singh Stadium su un cammello.
L'ombra
Partecipante alla processione inaugurale del Festival do Deserto, già nel mezzo dello stadio Sahid Poonam Singh.
banda del deserto
Musicisti della banda sui cammelli, smontati dopo che la processione era già terminata allo stadio Sahid Poonam Singh di Jaisalmer.
in roulotte
I partecipanti a una gara di cammelli sfilano davanti allo stand unico allo stadio Dedansar, alla periferia di Jaisalmer.
Pauliteiros del deserto
I Pauliteiros mostrano la loro danza nell'intervallo delle competizioni che si tengono allo stadio Dedansar.
Convivialità nelle sabbie
I proprietari di cammelli attendono l'inizio della corsa dei cammelli sul ciglio della strada attraverso le dune di Sam Sam.
fratellanza delle sabbie
Un gesto d'affetto tra due fratelli proprietari di cammelli al Sam Sam Dunes.
re su ruote
Uno dei motociclisti che recitano nella specie di fossa della Morte tra le dune di Sam Sam.
panca centrale
Una panchina improvvisata sopra un haveli durante la processione di apertura del Festival do Deserto.
decorato montato
Soldato indiano su un cammello vestito in stile Rajasthani.
un'assistenza vistosa
Panchine multicolori al Sahid Poonam Singh Stadium piene di sari femminili del Rajasthan.
puro interesse
Gli spettatori del deserto seguono le corse dei cammelli che si tengono alle Sam Sam Dunes.
trio solare
I proprietari di cammelli scendono dalla cima delle dune di Sam Sam, dopo un pomeriggio passato a vendere piccole giostre nel deserto al pubblico attratto dal festival.
Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.

Giorno 1 – La parata

Il fascino della notte trascorsa in cima a un'altra fortezza nelle Mille e una notte del Rajasthan e la fatica accumulata durante il lungo viaggio da Varanasi (26 ore di fila a bordo dell'Howrah – Jodhpur Express più 5 ore di bus) ci fanno ignorare l'allarme orologio. La paura di perdere l'apertura del Festival del deserto di Jaisalmer ci risveglia. Così, con un sussulto, ci siamo alzati, abbiamo riordinato i nostri zaini e siamo corsi fuori.

Camminiamo per i vicoli in cima al forte. Siamo quasi corsi giù al suo ingresso dove, probabilmente al passaggio del corteo, nessuno dei risciò della solita flotta ci aspettava lì. Continuiamo lungo altri vicoli tortuosi fino a raggiungere Satya Dev Park e Gadisar Road. il viale aperto nei pressi dell'omonimo lago.

Il trambusto e la confusione generata dall'evento si concentrano lì e le iniziative volontarie di polizia e semafori poco o nulla le alleviano. Attraversiamo Gadisar Road. Dall'altro lato, diversi gruppi di musicisti, ballerini e fanciulle, vestiti alla moda setosa ed esuberante del Rajasthan, vivono insieme e provano i loro talenti.

un gruppo di pauliteiros mostra diverse coreografie, il cremisi del angrakhaDue dhoti e pigiama e l'arancione intenso tu pagherai, i turbanti semplici o elaborati indossati dai rajput in genere e che, in molti casi, definiscono la casta a cui appartengono, la loro religione e persino il loro status sociale ed economico.

Hijra musicista e ballerino durante il Jaisalmer Desert Festival, Rajasthan, India

Una ballerina hijra transgender balla dietro un gruppo di musicisti rajput

In fondo alla strada, centinaia di donne del Rajasthan erano drappeggiate dentro ghagra (una specie di sari), decorati con i prolifici gioielli della regione e con le mani adornate con intricati dipinti Mahendi, portano ciascuno una ciotola di metallo sulla testa.

Aspettano sotto una fila parallela di musicisti di una banda montata su cammelli e dromedari. In prima linea una ballerina transgender hijra in abiti esotici o più esotici delle altre donne, concentra l'attenzione del pubblico con la finezza e la sensualità di un complesso volteggiare.

Da lato a lato di Jaisalmer

Infine, i musicisti vengono nominati per suonare durante la marcia e inaugurare la processione dello Shoba Yatra. Corriamo ad anticiparli. Non ci volle molto per renderci conto che la parata sarebbe salita lungo la strada da cui eravamo arrivati.

Jaisalmer aveva rimandato per alcune ore il solito trambusto della sua vita quotidiana per assistere alla processione.

In attesa, migliaia di spettatori entusiasti hanno combattuto su entrambi i lati del vicolo, ora sull'asfalto, ora un livello sopra, sui marciapiedi rialzati nel prolungamento delle facciate del haveli, i merletti e affascinanti edifici secolari in arenaria della città.

Spettatori al Jaisalmer Desert Festival, Rajasthan, India

Una panchina improvvisata sopra un haveli durante la processione di apertura del Festival do Deserto.

I musicisti ci passano accanto. Segui il pauliteiros e i ballerini. E, presto, un entourage di festaioli, contraddistinto da vesti bianche coronate da turbanti rosa.

I partecipanti esultano al Jaisalmer Desert Festival, Rajasthan, India

Una troupe di rajput celebra con entusiasmo il Festival del deserto

Libera da ogni esibizione artistica, la sua troupe celebra la giornata e la festa come nessun altro, dedita a canti e canti popolari che intonano, uno di fronte all'altro con le mani rivolte al cielo.

I musicisti della banda a dorso di cammello e gli altri partecipanti si succedono a vicenda, titolati a tale a cavallo per aver portato alcuni dei baffi e/o barbe più lunghi e sbalorditivi del Rajasthan.

Processione di cammelli durante il Festival del deserto di Jaisalmer, Rajasthan, India

I giovani partecipanti cavalcano cammelli lungo un vicolo che collega il lago Gadisar alla base della fortezza di Jaisalmer

 Desert Festival: la destinazione finale

Il corteo fa il giro dei piedi del pendio che ha ospitato il Forte Jaisalmer e la rotonda di Hanuman. Taglia sull'omonimo viale e devia all'interno dello stadio Sahid Poonam Singh. Come ci si aspetterebbe in queste parti aride del India, il recinto è di terra battuta.

Di conseguenza, mentre passano, i cammelli sollevano polvere che il vento getta sul banco del recinto, pieno di bambini e di donne che, vestite di sari rossi, arancioni e rosa, formano il pubblico più luminoso che abbiamo mai visto.

Panca femminile al Festival del deserto di Jaisalmer, Rajasthan, India

Panchine multicolori al Sahid Poonam Singh Stadium piene di sari femminili del Rajasthan.

Il corteo si conclude davanti a questo pubblico folcloristico, ma anche il più altezzoso e formale del banco dei vip, gremito di politici e alti dignitari provenienti da diverse parti del India e all'estero, con la loro presenza, onorare e lodare Jaisalmer e il festival.

Costumi e baffi eccentrici

Quindi i cammelli vengono condotti fuori dallo stadio. Il resto dei manifestanti parte per l'aridità del campo di calcio, dove vengono fotografati con il pubblico in ansia.

Concorrente per il Mr. Baffi, Festival del deserto, Jaisalmer, Rajasthan, India

Un concorrente del Mr. Desert arriva al Sahid Poonam Singh Stadium su un cammello.

Poco dopo tolgono parte dell'abbigliamento cerimoniale che, sotto il caldo di mezzogiorno, li opprime e si confonde con la folla, già divisa in settori stabiliti da funi.

Seguono diversi concorsi, tra cui spicca il Mr. Deserto – in cui competono i baffi più lunghi e pelosi del Rajasthan – e un altro per il posizionamento dei turbanti.

Rajput con baffi lussureggianti, Jaisalmer Desert Festival, Rajasthan, India

Un rajput con baffi e barba stravaganti, un eventuale partecipante al Mr. deserto

Questo inizia con una disputa più seria portata avanti dai concorrenti autoctoni. E prosegue con un altro che coinvolge partecipanti stranieri, tra cui uno o due portoghesi.

Gli eventi della giornata si concludono un'ora dopo, in tempo per evitare che la fornace di verspertine causi vittime.

Ritorno in notturna, sempre in modalità palcoscenico, con musica dal vivo, acrobazie delle ginnaste locali Kalabazes, incantatori di serpenti, spettacoli di burattini e fuochi d'artificio.

Giorno 2 – Splendore di cammelli

La mattina dopo, ci siamo svegliati in tempo. C'era anche il tempo per la colazione, che il ritardo ci aveva costretto a saltare sulla precedente. Alle nove abbiamo già condiviso un risciò con altri passeggeri, anche loro diretti allo stadio Dedansar, come il giorno prima, nudi con una panchina solitaria.

Quando siamo arrivati, abbiamo trovato dozzine di rajput fiero, ciascuno sul suo cammello, uno qualsiasi degli animali vestito con un pittoresco cappotto multicolore di pon pon di lana e ciondoli che pendono e penzolano sotto la schiena degli animali, alcuni con bandiere indiane in miniatura che sporgono dalle loro teste.

Mostra di rajput, Jaisalmer Desert Festival, Rajasthan, India

I partecipanti a una gara di cammelli sfilano davanti allo stand unico allo stadio Dedansar, alla periferia di Jaisalmer.

Os rajput seduti tra le loro gobbe, a loro volta, sono vestiti di bianco, coronati da speciali turbanti con fasce di vari colori.

Folclore e moda del Rajasthan a piedi e in cammello

Quando la competizione viene inaugurata, sfilano molto dritti sulle loro cavalcature e brandiscono diversi tipi di spade e sciabole caratteristiche dei loro clan o battaglioni. Altri, senza affiliazione militare, tengono i tradizionali ombrelli rossi e gialli.

Le giurie sugli spalti analizzano nel dettaglio i successivi partecipanti mentre, avanti e indietro, cercano di forzare il loro voto. Non ci vuole molto, il pauliteiros della mattina precedente ed altri musicisti entrano in scena per allietare i padroni di casa fino all'annuncio dei risultati.

Esposizione di Pauliteiros durante il Festival del deserto di Jaisalmer, Rajasthan, India

I Pauliteiros mostrano la loro danza nell'intervallo delle competizioni che si tengono allo stadio Dedansar.

Segue un tiro alla fune tra una squadra locale e una composta da stranieri. Il programma prosegue con una lunga partita dal polo al cammello, giocata, ovviamente, tra due talentuose squadre indiane.

Circa a metà partita, abbiamo deciso di tornare in città. Scappiamo da una mucca impazzita che semina confusione fuori dallo stadio e saliamo su un risciò già reclutato da due poliziotti. È in conversazione con questo inaspettato duo di autorità che torniamo alla nostra base in cima al forte di Jaisalmer.

Giorno 3 – Infine, le dune di Sam Sam del Thar

Nel suo ultimo giorno, il festival si sposta pesantemente sulle dune di Sam Sam, situate a poco più di 40 km a ovest di Jaisalmer ea poche miglia dal Pakistan. Ti seguiamo. Siamo scesi dal forte alla rotonda di Hanuman. Lì abbiamo contrattato per i posti in una delle jeep che fornivano il trasporto nel deserto.

Abbiamo finito per condividerlo con Adil, un turista gujarati alla scoperta del Rajasthan. Abbiamo raggiunto le dune ben prima che iniziassero le ostilità. Giusto in tempo per smentirci centinaia di volte i giri in cammello offerti dai proprietari degli animali sparsi per quasi un chilometro su entrambi i lati della strada.

Fa anche più caldo di Jaisalmer. Ok, noi tre ci siamo rifugiati in un paralume vicino. Salvati dall'ombra dell'umile caffè, abbiamo bevuto bibite e condiviso patatine fritte.

Ci concediamo in una vivace chiacchierata sulle peculiarità del Rajasthan, la ricchezza culturale di India e la storia coloniale indiana di Portogallo. “So che il nostro Diu è stato fino a qualche tempo portoghese. Goa, troppo a destra? Sono stato a Diu più di una volta, il Goa non ancora. Devo fare i conti con questo".

È ora di affrontare le dune di Sam Sam

Nel bel mezzo della conversazione, abbiamo notato un piccolo branco di mucche che vagava per la strada. Nello scenario in cui ci trovavamo, quella vista aveva qualcosa di surreale, quindi ci siamo scusati in fretta, ci siamo salutati e abbiamo inseguito gli animali finché non si sono allontanati dalla strada in un campo pieno di spazzatura.

Proprietari di cammelli a Sam Sam Dunes, deserto del Thar, Rajasthan, India

I proprietari di cammelli attendono l'inizio della corsa dei cammelli sul ciglio della strada attraverso le dune di Sam Sam.

Tuttavia, buona parte dei visitatori installati a Jaisalmer è entrata nelle dune di Sam Sam e quella roccaforte iperturistica sul Thar è stata lasciata a una folla desiderosa di fuggire e divertirsi.

Nonostante il braciere che si sentiva ancora, abbiamo camminato a piedi tra le dune, tra grandi clan di uomini di Bhil, Bishnoi e altre etnie e i loro cammelli, abbiamo sempre resistito alle ripetute offerte di tour.

Fratelli proprietari di cammelli, Sam Sam Dunes, Rajasthan, India

Un gesto d'affetto tra due fratelli proprietari di cammelli al Sam Sam Dunes.

Verso le 17:30, alcuni come spettatori, altri come partecipanti, attraversano tutti la strada e prendono posizione per la corsa dei cammelli che sta per iniziare.

I poliziotti presenti costringono il pubblico ad allinearsi lungo due corde tese alle estremità del campo polveroso che fungeva da binario.

Spettatori alle corse di cammelli, Desert Festival, Sam Sam Dunes, Rajasthan, India

Gli spettatori del deserto seguono le corse dei cammelli che si tengono alle Sam Sam Dunes.

La grande competizione dei cammelli

Dopo una lunga attesa, cammelli e fantini si precipitano fuori dai piedi di alcune dune lontane, galoppano verso di noi e verso la tenda da campo che ha servito la manifestazione.

Il concorso si è svolto per eliminatoria. Quella corsa è stata ripetuta, quindi, più volte fino a quando un duello finale ha stabilito il vincitore.

Corsa di cammelli, Festival del deserto, Dune di Sam Sam, Rajasthan, India

I fantini guidano i cammelli in una gara di cammelli del festival che si tiene alle Sam Sam Dunes, a 40 km da Jaisalmer

Eccitata dall'aura della cerimonia di premiazione, la folla ignora il corsetto in corda. Ingoia i partecipanti e venera il vincitore come l'eroe del deserto al quale, trionfo dopo trionfo, si era promosso. Ma, come aveva dichiarato quel semidio delle sabbie, la razza designò anche il perdente più drammatico.

Uno dei cammelli si era rotto una gamba. Ha lottato con enormi sofferenze. Con sgomento del proprietario, il veterinario di supporto lo ha visitato. Senza speranza di cura, gli ha iniettato una sostanza e ha posto fine alla sua vita.

La folla estatica è poco o nulla influenzata dalla battuta d'arresto. Terminata la cerimonia, riattraversa la strada e invade le dune che lì, verso sud e verso il Pakistan, salgono a maestose altezze.

I proprietari di cammelli sono stati finalmente in grado di incassare le innumerevoli corse di cammelli che hanno fornito. In una vicina valle sabbiosa, un'altra attrazione spontanea e gratuita faceva a gara con la sua offerta.

Diversi motociclisti locali hanno fatto il giro delle dune a grande velocità, in una specie di Fossa della Morte del deserto che raccoglieva e teneva assorbiti un buon centinaio di spettatori.

Acrobazie motorizzate sulle dune del deserto del Thar, Rajasthan, India

Uno dei motociclisti che recitano nella specie di fossa della Morte tra le dune di Sam Sam.

Il sole presto tramontò dietro il vasto Thar giallo. Ispirato innumerevoli fotografie di gruppo e anche di più selfies. Quando lo abbiamo riportato a Jaisalmer, la gara di aquiloni era finita.

Diversi oppositori stavano facendo i loro giri in quel cielo secco e quasi scuro del Rajasthan pronti ad accogliere l'Universo.

Cammelli sulle dune di Sam Sam del deserto del Thar, Rajasthan, India

I proprietari di cammelli scendono dalla cima delle dune di Sam Sam, dopo un pomeriggio passato a vendere piccole giostre nel deserto al pubblico attratto dal festival.

Maggiori informazioni su Jaisalmer e il Festival del deserto su Incredibile India – Jaisalmer

Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
Tawang, India

La mistica valle della profonda discordia

All'estremità settentrionale della provincia indiana dell'Arunachal Pradesh, Tawang ospita paesaggi montuosi spettacolari, villaggi etnici Mompa e maestosi monasteri buddisti. Anche se dal 1962 i rivali cinesi non lo trafiggono, Pechino guarda questo dominio come parte del tuo Tibete. Di conseguenza, religiosità e spiritualismo hanno da tempo condiviso un forte militarismo.
Guwahati, India

La città che adora Kamakhya e la fertilità

Guwahati è la città più grande dello stato dell'Assam e dell'India nord-orientale. È anche uno dei più veloci al mondo. Per gli indù e i devoti credenti nel Tantra, non sarà un caso che Kamakhya, la dea madre della creazione, sia adorata lì.
porte, India

Alle porte dell'Himalaya

Siamo arrivati ​​alla soglia settentrionale del Bengala occidentale. Il subcontinente è ceduto a una vasta pianura alluvionale piena di piantagioni di tè, giungla, fiumi che il monsone fa traboccare su infinite risaie e villaggi che scoppiano a crepapelle. Al confine con la più grande delle catene montuose e il regno montuoso del Bhutan, per l'evidente influenza coloniale britannica, l'India chiama questa splendida regione con Dooars.
Gangtok, India

Una vita a mezza china

Gangtok è la capitale del Sikkim, un antico regno nella sezione himalayana della Via della Seta, divenuta provincia indiana nel 1975. La città è in equilibrio su un pendio, di fronte al Kanchenjunga, la terza elevazione più alta del mondo che molti indigeni ritengono sia casa in una valle paradisiaca dell'immortalità. La loro ripida e faticosa esistenza buddista mira, lì o altrove, a raggiungerlo.
Meghalaya, India

Ponti di popoli che mettono radici

L'imprevedibilità dei fiumi nella regione più umida della terra non ha mai scoraggiato Khasi e Jaintia. Di fronte all'abbondanza di alberi ficus elastico nelle loro valli queste etnie si abituavano a modellare rami e ceppi. Dalla loro tradizione perduta nel tempo, hanno lasciato in eredità centinaia di abbaglianti ponti di radici alle generazioni future.
Bacolod, Filippine

Un festival per ridere della tragedia

Intorno al 1980, il valore dello zucchero, importante fonte di ricchezza sull'isola filippina di Negros, crollò e il traghetto"Don Juan” che la serviva affondò e morirono più di 176 passeggeri, la maggior parte dei quali neri. La comunità locale ha deciso di reagire alla depressione generata da questi drammi. Nasce così MassKara, una festa impegnata a recuperare i sorrisi della popolazione.
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.

Hampi, India

Alla Scoperta dell'Antico Regno de Bisnaga

Nel 1565, l'impero indù di Vijayanagar soccombette agli attacchi nemici. 45 anni prima era già stata vittima della portoghesi del suo nome da parte di due avventurieri portoghesi che lo rivelarono all'Occidente.

Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Maguri Bill, India

Un Pantanal ai confini dell'India nord-orientale

Il Maguri Bill occupa un'area anfibia nelle vicinanze assamesi del fiume Brahmaputra. È lodato come un habitat incredibile, soprattutto per gli uccelli. Quando lo navighiamo in modalità gondola, ci imbattiamo in molta (ma molta) più vita della semplice asada.
Jaisalmer, India

La vita duratura al Forte d'Oro di Jaisalmer

La fortezza di Jaisalmer fu costruita dal 1156 in poi per ordine di Rawal Jaisal, sovrano di un potente clan proveniente dalle propaggini indiane del deserto del Thar. Più di otto secoli dopo, nonostante la continua pressione del turismo, condividono il vasto e intricato interno dell'ultimo forte abitato dell'India, quasi quattromila discendenti degli abitanti originari.
Guwahati a Passo Sela, India

Viaggio banale alla gola sacra di Sela

Per 25 ore abbiamo viaggiato lungo la NH13, una delle strade più alte e pericolose dell'India. Abbiamo viaggiato dal bacino del fiume Brahmaputra alla contesa Himalaya della provincia di Arunachal Pradesh. In questo articolo descriviamo il tratto fino a 4170 m di quota del Passo Sela che ci ha portato Città buddista tibetana di Tawang.
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Chiesa coloniale di San Francesco d'Assisi, Taos, New Mexico, USA
Architettura & Design
Taos, EUA

Il Nord America ancestrale di Taos

Viaggiando attraverso il New Mexico, siamo rimasti abbagliati dalle due versioni di Taos, quella del villaggio indigeno di adobe di Taos Pueblo, uno dei villaggi della EUA abitato più a lungo e continuamente. E quella di Taos, la città che i conquistatori spagnoli lasciarono in eredità alla Messicoo Messico cedette a Stati Uniti e che una comunità creativa di discendenti nativi e artisti migranti migliora e continua a lodare.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Dragon Dance, Moon Festival, Chinatown-San Francisco-Stati Uniti d'America
Cerimonie e Feste
San Francisco, EUA

Con la testa sulla luna

Arriva settembre e i cinesi di tutto il mondo celebrano i raccolti, l'abbondanza e l'unione. L'enorme sino-comunità di San Francisco si dà anima e corpo al più grande Festival della Luna della California.
Miami, porta dell’America Latina, Florida, Stati Uniti,
Città
Miami, Florida, EUA

La porta dell’America Latina

Non solo la posizione privilegiata, tra un oceano lussureggiante e il verde della Everglades, con i vasti Caraibi appena a sud. È tropicale, clima e comfort culturale e modernità urbana esemplare. Sempre più in spagnolo, in un contesto latinoamericano.
giovane commessa, nazione, pane, uzbekistan
cibo
Valle di Fergana, Uzbekistan

Uzbekistan, la nazione a cui non manca il pane

Pochi paesi usano cereali come l'Uzbekistan. In questa repubblica dell'Asia centrale, il pane gioca un ruolo vitale e sociale. Gli uzbeki lo producono e lo consumano con devozione e in abbondanza.
sagome islamiche
Cultura

Istanbul, Turchia

Dove l'oriente incontra l'occidente, la Turchia cerca una via

Una metropoli emblematica e grandiosa, Istanbul vive a un bivio. Poiché la Turchia in generale, divisa tra laicità e islam, tradizione e modernità, non sa ancora che strada prendere

4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Ross Bridge, Tasmania, Australia
In viaggio
alla Scoperta di Tassiè, Parte 3, Tasmania, Australia

Tasmania dall'alto al basso

Da tempo la vittima preferita degli aneddoti australiani, il Tasmania non ha mai perso l'orgoglio per strada aussie più rude essere. Tassie rimane avvolta nel mistero e nel misticismo in una sorta di retro degli antipodi. In questo articolo raccontiamo il peculiare viaggio da Hobart, la capitale situata nell'improbabile sud dell'isola, fino alla costa nord, la svolta verso il continente australiano.
Centro culturale Jean Marie Tjibaou, Nuova Caledonia, Great Pebble, Sud Pacifico
Etnico
Grande Terre, Nuova Caledonia

Il grande sassolino del Pacifico meridionale

James Cook chiamò così la lontana Nuova Caledonia perché gli ricordava la Scozia di suo padre, mentre i coloni francesi erano meno romantici. Dotati di una delle più grandi riserve di nichel al mondo, chiamarono Le Caillou l'isola madre dell'arcipelago. Nemmeno la sua attività mineraria gli impedisce di essere uno dei pezzi di terra più belli dell'Oceania.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

estate scarlatta
Storia

Da Valencia a Xativa, Spagna

Dall'altra parte dell'Iberia

Lasciando da parte la modernità di Valencia, esploriamo gli ambienti naturali e storici che la "comunidad" condivide con il Mediterraneo. Più viaggiamo, più siamo sedotti dalla sua vita sfarzosa.

Porto Rico, San Juan, città murata, panoramica
Isole
San Juan, Puerto Rico

Porto Rico e il Muro di San Juan Bautista

San Juan è la seconda città coloniale più antica delle Americhe, dopo la vicina dominicana di Santo Domingo. Un deposito pionieristico sulla rotta che portava l'oro e l'argento dal Nuovo Mondo alla Spagna, fu attaccato più e più volte. Le sue incredibili fortificazioni proteggono ancora una delle capitali più vivaci e prodigiose dei Caraibi.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
bianco inverno
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Letteratura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros
Natura
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Parchi Naturali
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
San Cristobal de Las Casas, Chiapas, Zapatismo, Messico, Cattedrale di San Nicolau
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Funivia che collega Puerto Plata alla cima dell'Isabel de Torres PN
Spiagge
Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Argento della casa domenicana

Puerto Plata è il risultato dell'abbandono di La Isabela, il secondo tentativo di una colonia ispanica nelle Americhe. Quasi mezzo millennio dopo lo sbarco di Colombo, inaugurò l'inesorabile fenomeno turistico della nazione. In un lampo attraverso la provincia, vediamo come il mare, le montagne, la gente e il sole dei Caraibi la fanno splendere.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Veicoli Ferroviari
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Società
Tongatapu, Tonga

L'ultima monarchia polinesiana

Dalla Nuova Zelanda all'Isola di Pasqua e alle Hawaii, nessun'altra monarchia ha resistito all'arrivo degli scopritori e della modernità europei. Per Tonga, per diversi decenni, la sfida è stata quella di resistere alla monarchia.
Saksun, Isole Faroe, Streymoy, avviso
Vita quotidiana
Saksun, StreymoyIsole Faroe

Il villaggio faroese che non vuole essere Disneyland

Saksun è uno dei tanti splendidi piccoli villaggi delle Isole Faroe che sempre più estranei visitano. Si distingue per l'avversione ai turisti del suo principale proprietario rurale, autore di ripetute antipatie e attacchi contro gli invasori della sua terra.
Tombolo e Punta Catedral, Parco Nazionale Manuel Antonio, Costa Rica
Animali selvatici
PN Manuel Antonio, Costa Rica

Il Parco Nazionale Little-Big del Costa Rica

Le ragioni degli under 28 sono ben note. parchi nazionali I costaricani sono diventati i più popolari. La fauna e la flora di PN Manuel António proliferano in un minuscolo ed eccentrico pezzo di giungla. Come se non bastasse, si limita a quattro delle migliori spiagge tipiche.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.