izamal, Messico

La città messicana, Babbo Natale, Bela e Amarela


oro su blu
Carrozze nel Parco di Itzamna con il crepuscolo che si impadronisce di Izamal.
Oro su Blu II
I conducenti di carri chiacchierano nel parco di Itzamná, con il crepuscolo che si impadronisce di Izamal.
la vita del parco
I ciclisti costeggiano il Parco Itzamna, una delle tante piazze verdi della città.
Sia Sole II
I lavoratori effettuano una distribuzione di birra Sol all'angolo tra Calle 31 e 28A.
che ci sia il sole
Francisco mostra una bottiglia di Sol, la birra messicana che ha poi fornito al suo negozio di alimentari all'angolo tra Calle 31 e 28A.
moda equina
Uno dei cavalli che trainano i carri su cui guidano i visitatori attraverso Izamal.
cattolicesimo giallo
L'ingresso della chiesa di Purísima Concepción, evidenziato tra i portici dell'ex convento di San António de Pádua.
bf01b2ad-81ab-4741-be42-f9d798b2403b
I pedoni varcano la soglia dell'atrio dell'ex convento di San António de Pádua
0b0e3c90-c079-4bd7-9977-e44f25e0d187
Statua di Papa Giovanni Paolo II
una scorciatoia
I pedoni varcano la soglia dell'atrio dell'ex convento di San António de Pádua, il grande tempio cattolico di Izamal.
Sommo Pontefice
Statua di Papa Giovanni Paolo II, accanto all'ingresso della chiesa di Nª Purísima Concepción. Giovanni Paolo II ha visitato e benedetto Izamal nell'agosto 1993.
ciò che resta del passato
Gruppo di visitatori sulle rovine della vecchia piramide di Kinich Kakmo, dio del sole Maya.
sotto il porticato
Visitatore all'ingresso della chiesa della Purísima Concepción,
una passeggiata solitaria
Resident pedala lungo a calle gara arcade, oltre il tramonto.
in cammino II
Gli abitanti di Izamal scendono dalla rampa di salita all'ex convento di San António de Pádua.
Messico
La bandiera messicana sventola nel vento, con il tramonto che diventa arancione nel cielo sopra lo Yucatan occidentale.
Fino all'arrivo dei conquistatori spagnoli, Izamal era un centro di culto del supremo dio Maya Itzamná e Kinich Kakmó, il sole. A poco a poco, gli invasori hanno raso al suolo le varie piramidi dei nativi. Al suo posto costruirono un grande convento francescano e una prolifica casa coloniale, con lo stesso tono solare in cui risplende la città ora cattolica.

Dopo un giorno e mezzo nel nord dello Yucatan, il fronte freddo che ci inseguiva e ci infastidiva si abbatte sulla penisola.

L'abbiamo trascorso esplorando i dintorni di Merida, con incursioni a diversi cenotes, le lagune sotterranee abbondanti in questa regione orientale del Messico.

Al secondo tentativo, il tempo si ripristina. Izamal ci incanta una volta per tutte.

Quando siamo arrivati ​​lì, a metà pomeriggio, il sole che ardeva nel verde paesaggio si era addolcito.

Izamal dentro festa chiassosa

Una fiera di strada piena di marchesitas (piccole attività su carrelli a spinta), bancarelle di snack più ambiziose e una pittoresca ballerina animano la piazza centrale.

Affamato per così tanto tempo consegnato alle piramidi maya e attaccati al percorso che li collegava alla città, abbiamo iniziato con l'installarci in una sala da pranzo sotto i portici del mercato municipale di Izamal Yucateca.

Senza che ce lo aspettiamo, lì si snoda e si snoda, al suono di trombe, chitarre, fisarmoniche, violini e la voce stridente dei cantanti di servizio.

Cavallo da caccia a Izamal, Messico

Uno dei cavalli che trainano i carri su cui guidano i visitatori attraverso Izamal.

Una troupe di ballerini, si vestivano con abiti bianchi, pantaloni e panama, loro con abiti bianchi ea fiori, collane appese al collo e fiori sui capelli, roteando le braccia alzate al cielo, al ritmo veloce e stridente della musica .

Di tanto in tanto, questi protagonisti interrompono la loro esposizione. Quindi la gente di Izamal prende il controllo del partito. Falla trascinare senza pietà.

Abbiamo seguito il ballerino ancora per un po'.

Fino a quando non ci siamo resi conto che il sole era calato troppo lontano dal suo apice tropicale e ci siamo dedicati alla missione che ci aveva portato lì:

Izamal, il villaggio, città delle tre culture - Maya, coloniale e l'attuale meticcia -, una delle prime ad essere dichiarata dalle autorità messicane “Pueblo magico” della nazione.

La ridotta cattolica romana della città

Solo l'angolo tra Calle 31A e 30 ci separava dalla rampa lastricata che conduceva all'antico Convento di Sant'Antonio da Padova, adagiato su una piattaforma verdeggiante sopra il cuore coloniale della città.

Siamo passati marchese "La benedizione di Dios” e ha inaugurato l'ascensione. Ci siamo imbattuti in visitatori che, ignari del pandemonio popolare sottostante, hanno completato i loro viaggi religiosi al tempio.

Rampa di accesso all'ex convento di San Antonio de Padova, Izamal, Messico

Gli abitanti di Izamal scendono dalla rampa di salita all'ex convento di San António de Pádua.

La sommità del pendio rivela l'intricato portico d'ingresso, evidenziato sopra i portici che circondano il complesso. Abbiamo notato per la prima volta il giallo predominante che ha fatto felice Izamal.

Anche se macchiato da un caos di prodotti e persone che lo attraversavano, il mercato del Mercado Municipal Izamal Yucateca era giallo. Gli edifici al piano terra intorno al Parco 5 de Maio, idem.

L'intero esterno del convento si rivelò giallo.

Siamo entrati nel gioco delle ombre creato dal tramonto imminente e abbiamo attraversato il portico. Dall'altro lato, un rigoglioso prato largo come quello di alcuni campi da calcio riempiva l'atrio rettangolare.

Eravamo di fronte a uno dei più antichi conventi dell'emisfero occidentale, costruito nel 1561 sulle rovine di Pap-hol-chac.

Costruita, tra l'altro, con le stesse pietre che componevano questa una delle più grandi piramidi dello Yucatan. Subito dopo l'arrivo e l'imposizione dei conquistatori ispanici ai popoli messicani, la distruzione dei templi Maya fu sistematizzata.

Portici dell'ex convento di San Antonio de Padova a Izamal, Messico

L'ingresso della chiesa della Puríssima Concepción, evidenziato tra i portici dell'ex convento di San António de Pádua.

Diego de Landa e il destino coloniale

Uno dei principali responsabili fu il frate Diego de Landa. De Landa sbarcò nello Yucatan quello stesso anno, 1561, incaricato dalla corona ispanica di convertire i nativi.

Ha svolto la missione quasi sempre con la forza, con metodi a volte brutali. Si ritiene che, tra le altre atrocità, abbia ordinato l'incendio di 27 codici e la distruzione di migliaia di idoli sparsi per i villaggi Maya.

Grazie alla sua intolleranza, sopravvivono solo tre manoscritti Maya, e contro la volontà del frate che non sopportava l'idea che molti dei nuovi convertiti continuassero a praticare i riti della loro antica religione, fusa con la fede ei riti del cattolicesimo.

La storia racconta che il proselitismo di Landa fu così crudele che, quando raggiunse le orecchie dei maestri dell'Inquisizione spagnola, questi rimasero scioccati e richiamarono Landa nella metropoli. Permangono dubbi sulla reazione del frate al rimprovero ricevuto.

Alcuni storici affermano che se ne pentì e che si ricordò di compensare il suo comportamento creando “Yucatan prima e dopo la conquista”. Altri credono che l'Inquisizione lo abbia costretto a scrivere il libro.

Comunque sia, per quanto contraddittorio possa sembrare, l'opera scritta di Landa è, ancora oggi, una fonte cruciale di conoscenza del maya e la sua cultura.

Molto grazie alla sua azione pionieristica, Izamal divenne un importante luogo di pellegrinaggio cattolico, al posto di Maia.

Una celebre visita papale

A pochi metri dall'ingresso della navata della chiesa di Immacolata Concezione, un Papa di bronzo Giovanni Paolo II contempla l'orizzonte dall'alto di un piedistallo che recita: “Dallo Yucatan, Bendigo a Hermanos Indígenas e Tutti gli abitanti del continente americano."

La folla che ha accolto e lodato il pontefice nell'agosto del 1993 gli rende un commovente omaggio cromatico.

Statua di Papa Giovanni Paolo II, ingresso alla chiesa di Nª Purísima Concepción a Izamal, Messico

Statua di Papa Giovanni Paolo II, accanto all'ingresso della chiesa di Nª Purísima Concepción. Giovanni Paolo II ha visitato e benedetto Izamal nell'agosto 1993

Fino a quel momento, come è il segno distintivo delle città coloniali messicane, le case della città erano dipinte in toni pastello. Molti erano già gialli.

Ma, per più di un millennio, Izamal ha funzionato come un centro di pellegrinaggio dove il maya adoravano Kinich Kakmo, il loro dio del sole.

Tuttavia, la maggior parte degli abitanti condivide la stessa discendenza Maya e parla ancora sia Maya che castigliano.

Quando, nel 1993, furono informati che Giovanni Paolo II avrebbe visitato Izamal e vi avrebbe celebrato la messa, concordarono immediatamente sulla necessità di abbellire la città.

Uno di loro suggerì di dipingere tutti gli edifici, compreso il convento, dello stesso colore.

L'espressione gialla della fede

Il giallo sembrava ovvio a tutti. Izamal aveva già l'antica relazione Maya con il Sole.

Giallo è il mais che nutre la città e la regione, così come la metà sinistra della bandiera del Vaticano, la nazione cattolica da cui il Papa sarebbe venuto a benedirli e ad assicurarli con una statua del Vergine Maria con una corona d'argento.

Facciamo il giro dell'atrio ampliandone i portici. Fino a quando non arriviamo a una nuova rampa e all'uscita nord-ovest del complesso.

Conduceva anche a un parco, l'Itzamná, come la città, chiamato in onore del supremo dio Maya, il sovrano dei cieli, giorno e notte.

Portici dell'ex convento di San Antonio de Padova, Izamal, Messico

I pedoni varcano la soglia dell'atrio dell'ex convento di San António de Padova, il grande tempio cattolico di Izamal

Scendiamo la rampa. Tornati nella pianura bassa e banale della città, ci troviamo di fronte a una piazza di carri parcheggiati lì per fare passeggiate tra i vicoli della città.

Abbiamo smentito le insistenti proposte dei proprietari e abbiamo proseguito in modalità esplorativa pedonale.

A lato del Convento di Santo António

Con la festa che ancora concentrava l'attenzione e l'animazione nel Parque 5 de Mayo, questo volto di Izamal è rimasto in una pace sedativa.

I conducenti delle carrozze si accontentarono dell'interregno e chiacchierarono, tranquillizzati dalla talassoterapia della fontana e del lago nel centro del paese. plaza.

Carrozze nel parco di Itzamna a Izamal, in Messico

Il ciclista costeggia Itzamna Park, una delle tante piazze verdi della città

Qualche raro ciclista o motociclista costeggiava il parco di fronte a lui.

E un furgone della Coca-Cola, ha sfidato il giallo prevalente con la spavalderia del suo rosso capitalista.

Inaspettatamente, nonostante l'appeal cromatico quasi sanguinario del camion e il “divertiti” evidenziato in bianco sul retro, è un altro drink, 100% messicano, che finisce per attirarci.

Distribuzione della birra SOL a Izamal, in Messico

I lavoratori effettuano una distribuzione di birra Sol all'angolo tra Calle 31 e 28A

Abbiamo attraversato il parco. Il suo bordo nord-ovest lo fa affrontare le Calle 31A e 28.

Lì, il proprietario del bar e del negozio di alimentari che occupava il centro del bivio avrebbe rifornito il locale per i giorni a venire, servito da un camioncino carico di casse di birra Sol.

Un cartello di pizzo annunciava “Vietato il consumo di bevande alcoliche su strada”. Di conseguenza, a poco a poco, Francisco e alcuni assistenti li scaricavano nell'attività dove, al sicuro dai capricciosi agenti della legge, gli avrebbero portato un buon profitto.

In quella peculiare ambientazione postcoloniale gialla, lo scarico mostrava una forte fotogenicità pubblicitaria.

Senza alcun modo per resistergli, abbiamo iniziato una conversazione con il gruppo di uomini e ci siamo preparati a fotografare la scena fino a quando gli attori non sono stati saturi dell'intrusione.

Il lavoratore mostra una bottiglia di birra SOL, Izamal, Messico

Francisco mostra una bottiglia di Sol, la birra messicana che ha poi fornito al suo negozio di alimentari all'angolo tra Calle 31 e 28A.

E il festa chiassosa Continua

Le luci dei vecchi lampioni si accendono e annunciano l'ingresso al palcoscenico crepuscolare. L'illuminazione delle pareti e sotto i portici dava all'antico convento un aspetto olografico, come se da un momento all'altro levitasse verso la volta celeste.

Crepuscolo al Parco Itzamna, Izamal, Messico

Carrozze nel Parco di Itzamna con il crepuscolo che si impadronisce di Izamal.

Torniamo al Parque de 5 Mayo.

Da quelle parti, il cowgirl era finito. Il ballerino era uscito rinforzato da decine di giovani appena arrivati ​​e assetati di divertimento.

Risalimmo un'ultima volta la rampa del convento per contemplare il panorama che ci circondava.

In lontananza, possiamo vedere una piccola folla sui 34 metri di ciò che restava della piramide di Kinich Kakmo, del dio del sole.

Piramide di Kinich Kakmo a Izamal, Messico

Gruppo di visitatori sulle rovine della vecchia piramide di Kinich Kakmo, dio del sole Maya

La grande stella si stava preparando ad approfondire le profondità della mitologia e della Terra. Era giunto il momento di ritirarci nel rifugio notturno di Merideño che avevamo scelto.

Bandiera messicana al tramonto, Izamal, Messico

La bandiera messicana sventola nel vento, con il tramonto che trasforma il cielo arancione sullo Yucatan occidentale

Maggiori informazioni su Izamal nella rispettiva pagina di UNESCO.

Campeche, Messico

Campeche A proposito di Can Pech

Come accadde in tutto il Messico, arrivarono, videro e conquistarono i conquistadores. Can Pech, la città Maya, contava quasi 40 abitanti, palazzi, piramidi e un'architettura urbana esuberante, ma nel 1540 sopravvissero meno di 6 indigeni. Sulle rovine gli spagnoli costruirono Campeche, una delle città coloniali più imponenti delle Americhe.
Merida, Messico

Il più esuberante di Meridas

Nel 25 aC i romani fondarono Emerita Augusta, capitale della Lusitania. L'espansione spagnola ha generato altre tre Mérida nel mondo. Delle quattro, la capitale dello Yucatan è la più colorata e vivace, risplendente dell'eredità coloniale ispanica e della vita multietnica.
Tulum, Messico

Le rovine Maya più caraibiche

Costruita in riva al mare come un eccezionale avamposto decisivo per la prosperità della nazione Maya, Tulum fu una delle ultime città a soccombere all'occupazione ispanica. Alla fine del XNUMX° secolo, i suoi abitanti l'abbandonarono al tempo ea una costa impeccabile della penisola dello Yucatan.
Coba a Pac Chen, Messico

Dalle rovine ai Lares Maya

Nella penisola dello Yucatan, la storia del secondo popolo indigeno messicano più grande si intreccia con la loro vita quotidiana e si fonde con la modernità. A Cobá siamo passati dalla cima di una delle sue antiche piramidi al cuore di un villaggio dei nostri tempi.
San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.
Campeche, Messico

Un Bingo così divertente che giochi con le bambole

Il venerdì sera, un gruppo di signore occupa i tavoli del Parque Independencia e scommette sulle sciocchezze. I piccoli premi escono in combinazioni di gatti, cuori, comete, maracas e altre icone.
Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri

Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.
San Cristobal de las Casas a Campeche, Messico

Una staffetta di fede

Equivalente cattolico della sig. di Fatima, Nostra Signora di Guadalupe si muove e muove il Messico. I suoi fedeli si incrociano sulle strade del Paese, determinati a portare la prova della loro fede alla patrona delle Americhe.
Campeche, Messico

200 anni di gioco con la fortuna

Alla fine del XNUMX° secolo, Campechanos si arrese a un gioco introdotto per raffreddare la febbre per i bancomat. Oggi, giocato quasi solo da Abuelitas, un lotteria il posto è poco più che intrattenimento.
Yucatan, Messico

La fine della fine del mondo

Il giorno annunciato passò ma la fine del mondo insistette per non arrivare. In America Centrale, i Maya di oggi osservavano e sopportavano increduli tutta l'isteria attorno al loro calendario.

Città del Messico, Messico

anima messicana

Con oltre 20 milioni di abitanti in una vasta area metropolitana, questa megalopoli segna, dal suo nucleo zocalo, il polso spirituale di una nazione da sempre vulnerabile e drammatica.

Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Uxmal, Yucatan, Messico

La capitale Maya che si è accumulata fino al collasso

Il termine Uxmal significa costruito tre volte. Nella lunga epoca preispanica della disputa nel mondo Maya, la città ebbe il suo apogeo, corrispondente alla sommità della Piramide dell'Indovina nel suo cuore. Sarà stato abbandonato prima della conquista spagnola dello Yucatan. Le sue rovine sono tra le più intatte della penisola dello Yucatan.
Copper Canyon, Chihuahua, Messico

Il profondo Messico delle Barrancas del Cobre

Senza preavviso, gli altopiani del Chihuahua lasciano il posto a infiniti burroni. Sessanta milioni di anni geologici li hanno scavati e li hanno resi inospitali. Gli indigeni Rarámuri continuano a chiamarli a casa.
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
chihuahua, Messico

Oh Chihuahua!

I messicani adattarono l'espressione come una delle loro espressioni preferite di sorpresa. Quando scopriamo la capitale dell'omonimo stato del Nordovest, lo esclamiamo spesso.
Chichen Itza, Yucatan, Messico

Ai margini del Cenote, nel cuore della civiltà Maya

Tra il IX e il XIII secolo d.C., Chichen Itza si distinse come la città più importante della penisola dello Yucatan e del vasto impero Maya. Se la conquista spagnola ne ha accelerato il declino e l'abbandono, la storia moderna ha consacrato le sue rovine a Patrimonio dell'Umanità e Meraviglia del Mondo.
Real de Catorce, San Luis Potosì, Messico

Dalla Nuova Spagna Lode al Pueblo Magico messicano

All'inizio del XIX secolo era una delle città minerarie che garantiva più argento alla corona spagnola. Un secolo dopo, l'argento era stato svalutato in modo tale che il Real de Catorce fu abbandonato. La sua storia e gli scenari peculiari filmati da Hollywood ne hanno fatto uno dei borghi più preziosi del Messico.
Real de Catorce, San Luis Potosì, Messico

Il deprezzamento dell'argento che ha portato a quello del Pueblo (Parte II)

Con l'inizio del XX secolo, il valore del metallo prezioso ha toccato il fondo. Da città prodigiosa, Real de Catorce è diventato un fantasma. Sempre alla scoperta, esploriamo le rovine delle miniere alla loro origine e il fascino del Pueblo risorto.
Xilitla, San Luis Potosì, Messico

Il Delirio Messicano di Edward James

Nella foresta pluviale di Xilitla, la mente irrequieta del poeta Edward James ha gemellato un eccentrico giardino domestico. Oggi, Xilitla è lodata come un Eden del surreale.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Yak Kharka a Thorong Phedi, circuito dell'Annapurna, Nepal, yak
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Ombra vs Luce
Architettura & Design
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
Cerimonie e Feste
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Frederikstad-Saint-Croix-America-Vergine-Isole-Libertà
Città
Frederiksted, Saint Croix, Isole Vergini Americane

La città dell'emancipazione delle Indie occidentali danesi

Se Christiansted si affermò come capitale e principale centro commerciale dell'isola di Saint Croix, la “sorella” della parte sottovento, Frederiksted ebbe il suo apogeo di civiltà quando ci fu la rivolta e la successiva liberazione degli schiavi che assicurarono la prosperità della colonia.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
sagome islamiche
Cultura

Istanbul, Turchia

Dove l'oriente incontra l'occidente, la Turchia cerca una via

Una metropoli emblematica e grandiosa, Istanbul vive a un bivio. Poiché la Turchia in generale, divisa tra laicità e islam, tradizione e modernità, non sa ancora che strada prendere

Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Crociera Navimag, da Puerto Montt a Puerto-natales, in Cile
In viaggio
Puerto Natales-Porto Montt, Cile

Crociera su una nave mercantile

Dopo una lunga elemosina di viaggiatori zaino in spalla, la compagnia cilena NAVIMAG ha deciso di accoglierli a bordo. Da allora, molti viaggiatori hanno esplorato i canali della Patagonia insieme a container e bestiame.
Residente a Nzulezu, Ghana
Etnico
Nzulezu, Gana

Un villaggio a galla in Ghana

Partiamo dalla località balneare di Busua, verso l'estremità occidentale della costa atlantica del Ghana. A Beyin, deviiamo a nord verso il lago Amansuri. Lì troviamo Nzulezu, uno dei villaggi lacustri più antichi e genuini dell'Africa occidentale.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Rostov Veliki Cremlino, Russia
Storia
Rostov Velikij, Russia

Sotto le cupole dell'anima russa

È una delle città medievali più antiche e importanti, fondata durante le origini ancora pagane della nazione degli Zar. Alla fine del XV secolo, inglobato nel Granducato di Mosca, divenne un imponente centro di religiosità ortodossa. Oggi, solo lo splendore del Cremlino Mosca batte quella della tranquilla e pittoresca cittadella di Rostov Velikij.
Induismo balinese, Lombok, Indonesia, tempio Batu Bolong, vulcano Agung sullo sfondo
Isole
Chili, Indonesia

Lombok: l'induismo balinese su un'isola dell'Islam

La fondazione dell'Indonesia era basata sulla fede in un Dio. Questo principio ambiguo ha sempre generato polemiche tra nazionalisti e islamisti, ma a Lombok i balinesi prendono a cuore la libertà di culto.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
bianco inverno
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
Monte Denali, McKinley, Sacro Tetto Alaska, America del Nord, Ridge, Mal di montagna, Mal di montagna, Prevenire, Trattare
Natura
Monte Denali, Alaska

Il Sacro Soffitto del Nord America

Gli indiani Athabascan lo chiamavano Denali, o il Grande, e ne venerano la superbia. Questa splendida montagna ha suscitato l'avidità degli alpinisti e una lunga serie di salite da record.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Parchi Naturali
ghiacciai

Pianeta blu-ghiacciato

Si formano ad alte latitudini e/o altitudini. In Alaska o in Nuova Zelanda, in Argentina o in Cile, i fiumi di ghiaccio sono sempre impressionanti visioni di una Terra tanto gelida quanto inospitale.
Assuan, Egitto, fiume Nilo incontra l'Africa Nera, Isola Elefantina
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Assuan, Egitto

Dove il Nilo accoglie l'Africa nera

1200 km a monte del suo delta, il Nilo non è più navigabile. L'ultima delle grandi città egiziane segna la fusione tra territorio arabo e nubiano. Fin dalla sua sorgente nel Lago Vittoria, il fiume ha dato vita a innumerevoli popoli africani dalla carnagione scura.
Monumento a Heroes Acre, Zimbabwe
personaggi
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
Soufriere e Pitons, Saint Luci
Spiagge
Soufriere, Santa Lucia

Le Grandi Piramidi delle Antille

In piedi sopra una costa lussureggiante, le cime sorelle Chiodi sono il segno distintivo di Santa Lucia. Sono diventati così iconici che hanno un posto riservato nelle note di testa dei dollari dei Caraibi orientali. Accanto, i residenti dell'ex capitale Soufrière sanno quanto sia preziosa la loro vista.
La crocifissione ad Helsinki
Religione
Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
Veicoli Ferroviari
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
Società
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Pesca, Caño Negro, Costa Rica
Animali selvatici
Caño Negro , Costa Rica

Una vita di pesca tra la fauna selvatica

Una delle zone umide più importanti del Costa Rica e del mondo, Caño Negro abbaglia con il suo esuberante ecosistema. Non solo. Remoti, isolati da fiumi, paludi e strade dissestate, i suoi abitanti hanno trovato nella pesca a bordo una via per rafforzare i legami della loro comunità.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.