Ilheu de Cima, Porto Santo, Portogallo

La prima luce di coloro che navigano dall'alto


mercantile in vista
ritorno ai piedi
Il gruppo del tour scende le scale fino alla base di Ilhéu de Cima.
Trasparenza
Albero del drago "giovanile".
Albero del Drago recentemente piantato dalle autorità per recuperare la vegetazione che un tempo proliferava sull'Ilhéu do Farol.
Il faro
La facciata anteriore del faro Ilhéu de Cima, tra due ali residenziali.
motoscafo in arrivo
Il motoscafo si avvicina al punto di ancoraggio ai piedi dell'Ilhéu do Farol.
Un porto santo e rifugio
Barche a vela ormeggiate nel porto turistico di Porto Santo, a ovest di Ponta do Passo.
I Murales della Marina
L'atleta corre lungo la parete che isola la marina di Porto Santo.
Di fronte a Ponta do Passo
La vista dalla punta nord-ovest di Ilhéu do Farol a Ponta do Passo da Porto Santo.
andare in barca
Navigatore nel mezzo del divertimento, al largo dell'Ilhéu do Farol.
Breve snorkeling
Tempo per fare il bagno e fare snorkeling al largo dell'Ilhéu do Farol.
Fa parte del gruppo di sei isolotti intorno all'isola di Porto Santo, ma è ben lungi dall'essere solo uno in più. Nonostante sia la soglia orientale dell'arcipelago di Madeira, è l'isolotto più vicino alla popolazione di Porto. Di notte fa anche il tifoso che conferma la giusta rotta per le navi provenienti dall'Europa.

Siamo arrivati ​​domenica. Porto Santo ci affascina con una delle poche albe soleggiate.

Verso le 9:30, come concordato, siamo alla porta dell'hotel pronti a partire. I bambini della famiglia che ci accompagnerebbero da lì appaiono assonnati e in ciabatte da spiaggia.

La guida del Mar Dourado li avverte che, indossando in quel modo, la passeggiata li farebbe soffrire. Nonostante ciò, non riesce a superare, prima l'indecisione, poi l'inerzia giovanile del gruppo.

Victor alza le spalle. Convalida il gioco. Abbiamo attraversato tutta Vila Baleira al ritmo domenicale a cui si dava il villaggio. Presto, la strada fiancheggiata da case e attività commerciali lascia il posto a un altro, non oscurato, chiamato Student Jorge de Freitas e parallelo alle sabbie dorate del sud del Portogallo. isola d'oro.

Arrivati ​​ai piedi di Portela, entriamo nel porto turistico. La troviamo contestata dagli atleti stimolati dalla pista asfaltata tra le rocce del pontile e la parete sovrastante ricca di murales nautici.

Isolotto Faro, Isolotto Cima, Porto Santo Marina

L'atleta corre lungo la parete che isola la marina di Porto Santo.

Victor raccoglie i passeggeri.

Fornisce loro informazioni sulla navigazione e sulla destinazione. Pochi istanti dopo, salpiamo per il dolce Atlantico a sud del molo.

Isolotto Faro, Isolotto Cima, Porto Santo Marina

Barche a vela ormeggiate nel porto turistico di Porto Santo, a ovest di Ponta do Passo.

La navigazione fluida verso l'Ilhéu do Farol

Il semirigido avanza verso Ponta do Passo. Dall'imminenza di questa penisola, a strapiombo sulla spiaggia adagiata alla sua base, indichiamo l'estremità settentrionale dell'Ilhéu de Cima, una sorta di scenario rovesciato in cui si sono scatenate geologia ed erosione.

Nonostante la separazione, Ilhéu de Cima è ancora lì. È la più intima della costellazione di quasi-isole vulcaniche e aride che circondano Porto Santo. Si trova a soli 380 metri dal confine sud-orientale dell'isola principale.

Isolotto Faro, Isolotto Cima, Vela

Navigatore nel mezzo del divertimento, al largo dell'Ilhéu do Farol.

Il semirigido avanza così vicino alle sue falesie occidentali che, nonostante l'ombra, possiamo apprezzare diversi tubi di lava che sembrano essere stati iniettati. a posteriori sulla roccia.

Siamo stati anche in grado di identificare l'eccentrica formazione vulcanica che Victor ci indica, battezzata Pedra do Sol, per ragioni che la sua configurazione rende abbastanza ovvie.

Si stima che circa 18 milioni di anni fa, colate laviche ad alta temperatura e in rapido movimento entrarono in contatto con il mare molto più freddo. La lava si è solidificata in breve tempo. Assumeva una struttura raggiata, a raggiera, che evoca l'aspetto della grande stella e che forma uno dei principali geositi dell'Ilhéu de Cima.

Dopo qualche minuto ancora, abbiamo ormeggiato al piccolo ancoraggio imposto sulla costa e al sicuro dal Mare del Nord.

La lunga rampa e la scalinata in cima all'Ilhéu de Cima

Victor avverte i partecipanti che, in termini di fatica, è arrivato il momento della verità. Come qualcuno che non vuole la cosa, guarda di traverso i bambini ei loro piedi scivolosi. "Andiamo allora. Ci sono 713 gradini lassù. Ci fermiamo ogni tanto perché le viste quaggiù sono buone.

Bene... era come dire. Ci fermiamo in uno dei “ripodi asini”. La scala ne aveva alcune in più, determinate dai punti in cui venivano legati gli asini che trasportavano cibo, mercanzie, quant'altro, fino alla sommità del faro, per evitare incidenti.

Da questo livello murato, il mare mostrava un incredibile splendore cromatico: subito, una striscia traslucida di smeraldo che svelava in dettaglio le rocce sommerse. Da quel lembo in poi, una vasta distesa di acque turchesi a cui solo il sud di Porto Santo poteva porre fine.

Ilhéu do Farol, Porto Santo, Ilhéu de Cima, Porto Santo, Motoscafo in arrivo

Il motoscafo si avvicina al punto di ancoraggio ai piedi dell'Ilhéu do Farol.

C'erano poche centinaia di gradini per raggiungere la cima dell'isolotto. Da lì, la trasparenza e l'aspetto del mare sono solo migliorati.

Lo scenario ci dà voglie improvvise per le immersioni, il bagno e il nuoto. Con la salita, forse nemmeno a metà, li abbiamo riposti nel subconscio e abbiamo ripreso la conquista del faro.

La scala raggiunge un cantuccio. Ripiegare. Ancora una buona dozzina di passi e ci lancia sul terreno stabile in cima all'isolotto.

Pre-informato che stavamo partecipando con una missione a parte, Victor ci concede lo svincolo necessario per andare avanti e raggiungere la punta nord-ovest dell'isolotto in tempo per fotografarne il grandioso confronto con quella del Passo.

Incursione alla punta nord-ovest dell'Ilhéu do Farol

Abbiamo quasi corso. Abbiamo evitato un attacco di gabbiani arrabbiati sconfinando nel loro territorio dove avrebbero sicuramente avuto un nido.

Nonostante ciò, ostacolati dal vento più alto e dalla minaccia alata, ci siamo fatti strada sulla cresta stretta, ammirando il panorama oscuro e vertiginoso sulla destra.

Infine, la cresta si apre in un tratto leggermente più ampio e pianeggiante. Ci siamo tolti gli zaini dalla schiena, abbiamo stabilizzato il nostro respiro affannoso.

Poi abbiamo iniziato a girare. soprattutto il Picco Bianco, la tua Terra Chã e altre cime che si innalzavano sopra Ponta do Passo, staccate dal massiccio dorato di Porto Santo, appena separate dalla punta che ci sosteneva da uno stretto di mare poco profondo e verdastro.

Ilhéu do Farol, Porto Santo, Ilhéu de Cima, Porto Santo, di fronte a Ponta do Passo.

La vista dalla punta nord-ovest di Ilhéu do Farol a Ponta do Passo da Porto Santo.

Eravamo già in ritardo. Torniamo indietro con la stessa cura. In lontananza vediamo la linea guidata da Victor. Victor, individuaci e reclamaci.

Quando ci riuniamo, il gruppo si dirige verso un pendio che attraversa il tratto più largo dell'isolotto e si arrampica fino alla sommità delle scogliere che ne delimitano il levante, rifugio delle carote di roccia endemiche della Macaronesia.

Il sentiero è delimitato dall'assenza della vegetazione bassa e secca predominante intorno ad esso, cosparsa solo di pochi alberi dalle foglie aguzze che, a quanto pare, sarebbero giovanili. Incuriositi, abbiamo chiesto a Victor cosa fossero.

Gli Alberi del Drago che, a volte, abbondavano sull'Isola e in tutta Porto Santo

La guida ci illumina. “Sono draghi. Ora, può sembrare impossibile, ma questa Ilhéu de Cima e Porto Santo in generale una volta erano piene di grandi alberi di drago.

In Ilhéu de Cima, in particolare, ce n'erano così tanti che venne chiamato Ilhéu dos Dragoeiros.

L'isolotto del faro, l'isolotto di Cima, Porto Santo, l'albero del drago

Albero del Drago recentemente piantato dalle autorità per recuperare la vegetazione che un tempo proliferava sull'Ilhéu do Farol.

Gli alberi e il significato del nome scomparvero perché, con la colonizzazione, arrivò la ricerca del legno e l'estrazione del sangue di drago, diffusosi in quasi tutta la Macaronesia.

Il cronista delle Azzorre Gaspar Frutuoso (1522, Ponta Delgada; 1591, Ribeira Grande, Madeira) narrò nelle sue cronache che, con i tronchi di alberi millenari del drago, i coloni di Porto Santo costruirono barche in grado di portare sei o sette uomini a pescare.

Con i secoli Porto Santo e i suoi isolotti li hanno persi tutti, ma i dragos mantengono il loro posto definitivo nello stemma del comune cittadino, che, in pratica, copre l'intera isola.

Le autorità mirano a recuperarli. Essendo alberi a crescita lenta, hanno molto da piantare. E ancora di più da aspettarsi.

Il faro perché è anche noto Ilhéu do Farol

Il faro, questo, non ci mise molto.

Alcuni gradini in più, già a 120 metri di quota, ci imbattiamo nel suo fronte, rivolto a ovest, composto da due ali binate abitative, con al centro una torre di quindici metri, a sua volta coronata da una campana rossa.

L'isolotto del Faro, l'isolotto di Cima, Porto Santo, il Faro

La facciata anteriore del faro Ilhéu de Cima, tra due ali residenziali.

Victor ei suoi colleghi si sistemano accanto al resto e ai tavoli da pranzo che attrezzano la struttura. Lì si dedicano alla preparazione del cibo e delle bevande che l'entourage si era guadagnato.

Abbiamo colto l'occasione per indagare i dintorni del faro. Non andiamo lontano.

Quando lo giriamo confermiamo che era stato inaugurato, nel maggio del 1901, quasi sulla scogliera orientale dell'isolotto, in un punto alto che facilitava l'avvistamento della sua luce rotante da parte delle navi sulle rotte da e per l'Europa.

Il faro di Ilhéu de Cima continua ad essere, va notato, il primo a guidare le barche da nord, sia dalle coste atlantiche europee che dal Mar Mediterraneo.

Fino al 1956, la sua luce era alimentata a petrolio. Da quell'anno il faro funzionò con una lampadina da 3000 watt, rimaneggiata nel 1982, quando ora aveva un'autonomia di quasi 40 km e rese superfluo l'intervento dei guardiani del faro.

Per quanto improbabile possa sembrare, dopo un decennio la luce si è spenta senza preavviso.

Il travagliato sbarco dei migranti marocchini che hanno spento il faro

Siamo già seduti a uno dei tavolini della merenda quando Victor ci racconta cosa è successo: “Guarda, quattro marocchini hanno disattivato lui che è arrivato qui disperato.

Si erano imbarcati clandestinamente su una nave panamense, a Casablanca.

Tuttavia, l'equipaggio li ha scoperti e il capitano ha intrapreso l'azione più radicale. Li ho fatti cadere nel mare qui vicino. Con molta fatica sono riusciti ad arrivare quassù ma qui non c'era nessuno, nemmeno l'acqua.

Così hanno deciso di spegnere il faro in modo che potessero venire in loro soccorso.

Il dentista Beirã Lourdes e il Delicious Atlantic Diving a Largo do Ilhéu de Cima

Victor si dedica a compiti di host ad altri tavoli. Nella continuazione della conversazione, conosciamo meglio un nostro partner.

Si chiamava Lourdes. Era di Viseu, dove lavorava come dentista. Erano passati cinque anni da quando era emigrato da Beira Alta a Porto Santo, con la figlia che, all'epoca, aveva undici anni e aveva cambiato l'accento beira del profeta.

Lourdes ci delizia con le particolarità delle sue consultazioni, in cui i pazienti le offrivano un po' di tutto, come era sempre consuetudine della Beira e della gente dell'interno del Portogallo.

Il pasto è finito. Abbiamo invertito il percorso dove ci aspettava il semirigido, a questo punto, con gli adolescenti in infradito che già maledicevano la loro testardaggine comune.

Isolotto Faro, Isolotto Cima, Porto Santo

Il gruppo del tour scende le scale fino alla base di Ilhéu de Cima.

Detto che avrebbero avuto il tempo di rinfrescarsi, il gruppo raggiunse il fondo delle scale in un lampo. Una volta sulla lastra vulcanica che fungeva da molo, ci siamo tuffati nel caldo Atlantico al largo.

Ci rallegriamo con il bagno inaugurale a Porto Santo. Il trambusto esplorativo e fotografico imponeva che fosse stato l'unico.

Isolotto Faro, Isolotto Cima, Snorkeling

Tempo per fare il bagno e fare snorkeling al largo dell'Ilhéu do Farol.

Prenota il Tour a Ilhéu de Cima a mare d'oro:

+351 96 397 07 89

[email protected]

Sentiero Terra Chã e Pico Branco, Porto Santo

Pico Branco, Terra Chã e altri capricci di Ilha Dourada

Nel suo angolo nord-est, Porto Santo è qualcos'altro. Con le spalle rivolte a sud e verso la sua ampia spiaggia, scopriamo una costa montuosa, ripida e persino boscosa, piena di isolotti che punteggiano un Atlantico ancora più blu.
Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo

Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

L'East End, qualcosa di extraterrestre a Madeira

inospitale, dai toni ocra e dalla terra cruda, Ponta de São Lourenço appare spesso come la prima vista di Madeira. Quando la percorriamo, rimaniamo abbagliati soprattutto da ciò che non è la più tropicale delle isole portoghesi.
Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
Horta, Azzorre

La città che dà il nord all'Atlantico

La comunità mondiale dei velisti è ben consapevole del sollievo e della felicità di vedere la montagna di Pico e, quindi, Faial e l'accoglienza della baia di Horta e Peter Café Sport. La gioia non si ferma qui. Dentro e intorno alla città, ci sono case imbiancate a calce e un'ondata verdeggiante e vulcanica che abbaglia chiunque sia arrivato così lontano.
Vulcano Capelinhos, Faial, Azzorre

Sulla pista del mistero di Capelinhos

Da una costa dell'isola all'altra, attraverso le nebbie, le macchie di pascolo e le foreste tipiche delle Azzorre, sveliamo Faial e il Mistero del suo vulcano più imprevedibile.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal "Piccolo Tibet portoghese" alle fortezze del mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro

Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Safari
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Tesori, Las Vegas, Nevada, Città del peccato e del perdono
Architettura & Design
Las Vegas, EUA

Dove il peccato perdona sempre

Proiettata dal deserto del Mojave come un miraggio al neon, la capitale nordamericana del gioco e dell'intrattenimento è vissuta come una scommessa al buio. Lussureggiante e avvincente, Vegas non impara né si pente.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Aventura
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
Cerimonie e Feste
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
gerusalemme dio, israele, città d'oro
Città
Gerusalemme, Israele

Più vicino a Dio

Tremila anni di una storia tanto mistica quanto travagliata prendono vita a Gerusalemme. Venerata da cristiani, ebrei e musulmani, questa città irradia polemiche ma attira credenti da tutto il mondo.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Big Freedia e buttafuori, Fried Chicken Festival, New Orleans
Cultura
New Orleans, Louisiana, Stati Uniti

Big Freedia: in Modo Bounce

New Orleans è la culla del jazz e dei suoni jazz e risuona nelle sue strade. Come previsto, in una città così creativa emergono nuovi stili e atti irriverenti. Visitando il Big Easy, ci siamo avventurati alla scoperta dell'hip hop di Bounce.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Portico d'ingresso a Ellikkalla, Uzbekistan
In viaggio
Uzbekistan

Viaggio attraverso lo Pseudo-Tar in Uzbekistan

Passarono i secoli. Le vecchie e fatiscenti strade sovietiche tagliano i deserti e le oasi un tempo percorse dalle carovane del Via della Seta. Soggetto al suo giogo per una settimana, sperimentiamo ogni sosta e incursione nei luoghi e nei paesaggi uzbeki come ricompense della strada storica.
Verdure, Little India, Sari Singapore, Singapore
Etnico
Little India, Singapore

Piccola India. La Singapore di Sari

Ci sono poche migliaia di abitanti invece degli 1.3 miliardi della madrepatria, ma Little India, un quartiere della minuscola Singapore, non manca di anima. Né soul né odore di curry e musica di Bollywood.
fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
Candia, Dente di Buddha, Ceylon, lago
Storia
Kandy, Sri Lanka

Incursione nella Radice Dentale del Buddismo Singalese

Situata nel cuore montuoso dello Sri Lanka, alla fine del XV secolo Kandy divenne la capitale del regno dell'antico Ceylon, che resistette ai successivi tentativi coloniali di conquista. Divenne anche il suo nucleo buddista, a cui continua a contribuire il fatto che conservi un sacro dente del Buddha.
Dune dell'isola di Bazaruto, Mozambico
Isole
bazaruto, Mozambico

Il miraggio invertito del Mozambico

A soli 30 km dalla costa orientale dell'Africa, un improbabile ma imponente erg sorge dal mare traslucido. Bazaruto ripara paesaggi e persone che hanno vissuto a lungo separate. Chiunque atterri su questa lussureggiante isola sabbiosa si ritrova rapidamente in una tempesta di stupore.
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia
Letteratura
Île-des-Pins, Nuova Caledonia

L'Isola che si appoggiava al Paradiso

Nel 1964, Katsura Morimura ha deliziato il Giappone con una storia d'amore turchese ambientata a Ouvéa. Ma la vicina Île-des-Pins ha conquistato il titolo di "L'isola più vicina al paradiso" e ha estasiato i suoi visitatori.
Barca e timoniere, Cayo Los Pájaros, Los Haitises, Repubblica Dominicana
Natura
Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani

Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Equitazione nei toni dell'oro
Parchi Naturali
El Calafate, Argentina

I Nuovi Gaucho della Patagonia

Intorno a El Calafate, al posto dei soliti pastori a cavallo, incontriamo allevatori equestri gauchos e altri che esibiscono, per la gioia dei visitatori, la vita tradizionale della pampa dorata.
Atene, Grecia, cambio della guardia in piazza Syntagma
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Atene, Grecia

La Città che Perpetua la Metropoli

Dopo tre millenni e mezzo, Atene resiste e prospera. Da belligerante città-stato, divenne la capitale della vasta nazione ellenica. Modernizzato e sofisticato, conserva, in un nucleo roccioso, l'eredità della sua gloriosa Era Classica.
I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
personaggi
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Tarrafal, Santiago, Capo Verde, Baia di Tarrafal
Spiagge
Tarrafal, Santiago, Capo Verde

Il Tarrafal della Libertà e della Slow Life

Il villaggio di Tarrafal delimita un angolo privilegiato dell'isola di Santiago, con le sue poche spiagge di sabbia bianca. Chi ne rimane incantato trova ancora più difficile comprendere l'atrocità coloniale del vicino campo di prigionia.
Percorso in conflitto
Religione
Gerusalemme, Israele

Per le strade deliziose della Via Dolorosa

A Gerusalemme, percorrendo la Via Dolorosa, i credenti più sensibili si rendono conto di quanto sia difficile raggiungere la pace del Signore nei vicoli più contesi della faccia della terra.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Creel, Chihuahua, Carlos Venzor, collezionista, museo
Società
Chihuahua a Creel, Chihuahua, Messico

Sulla via di Creel

Con Chihuahua all'indietro, indichiamo il sud-ovest e le terre ancora più alte nel nord del Messico. Accanto a Ciudad Cuauhtémoc, abbiamo visitato un anziano mennonita. Intorno a Creel, abbiamo vissuto per la prima volta con la comunità indigena Rarámuri della Serra de Tarahumara.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Animali selvatici
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.