Ilhéu das Rolas, São Tome e Principe

Ilhéu das Rolas: São Tomé e Principe a Latitudine Zero


Punto di balena
Passeggeri in procinto di imbarcarsi all'ancoraggio di Ponta da Baleia.
canoe ex bagagliaio
Canoe artigianali al riparo dalle onde vicino all'ancoraggio di Ponta da Baleia.
Vista dal Big Dog Peak
Panorama meridionale dell'isola di São Tomé con Pico Cão-Grande in lontananza.
a bordo del traghetto
Timoniere e passeggeri durante il viaggio a Ilhéu das Rolas.
Roça Porto Alegre
Le palme sopra il giardino di Porto Alegre, nel sud dell'isola di São Tomé.
strana navigazione
Due Santomean su barche di diversi "campionati".
Pelourinho II
Pelourinho di fronte alla principale fattoria coloniale sull'Ilhéu das Rolas.
il molo
Barcaiolo sul molo di Ilhéu das Rolas.
cappella di San Francisco de Xavier
Capela de São Francisco, uno degli edifici che i passeggeri vedono all'arrivo a Ilhéu das Rolas.
il barcaiolo
Timoniere del traghetto che collega Ponta da Baleia a Ilhéu das Rolas.
Il sentiero del cocco
Sentiero Ilhéu das Rolas fiancheggiato da grandi palme da cocco.
maiali maiali
I maiali vagano nella giungla equatoriale di Ilhéu das Rolas.
la gogna
Gogna coloniale portoghese accanto al molo di Ilhéu das Rolas.
Duo all'ombra
Una coppia passa sotto un albero frondoso sull'Ilhéu das Rolas.
solo albero di cocco
Palma acrobatica in una baia sull'Ilhéu das Rolas esposta a est.
Baia Tropicale
Cala nel sud di Ilhéu das Rolas sotto una fitta foresta di palme da cocco.
Sbarco sulla spiaggia
Giovane residente di Ilhéu das Rolas in una baia rocciosa.
Bilanciare gli alberi di cocco
Alberi di cocco in equilibrio nel mezzo di un pendio vulcanico.
Il punto della capra
Gli alberi di cocco coronano Ponta da Cabra, nel sud dell'Ilhéu das Rolas.
spiaggia effimera
Costa sabbiosa del sud-est di Ilhéu das Rolas.
Il punto più meridionale di São Tomé e Príncipe, l'Ilhéu das Rolas è lussureggiante e vulcanica. La grande novità e punto di interesse di questa estensione insulare della seconda nazione africana più piccola è la coincidenza dell'attraversamento della Linea dell'Equatore.

Un dipendente del Pestana Resort accoglie i passeggeri.

Seguimmo la sua scia, giù per una scalinata, sotto una foresta alle cui pendici si stagliava un albero di cocco senza più noci di cocco, e una palma vicina, che ci sembrava essere l'origine dell'olio di palma.

Rocce scure di lava solidificata servivano da base per il complesso e da luogo di riposo per una prolifica colonia di granchi troppo curiosi per resistere a sbirciare.

 

Un mare verde come la vegetazione accarezzava il magma. Su e giù per la ghiaia che ha fatto lì la sabbia, fino alla poppa di due canoe tradizionali, ciascuna scavata nel proprio tronco.

In fondo alle scale, saliamo a bordo di una barca a remi a cielo aperto e, con il cielo che si oscura davanti ai nostri occhi, pochi istanti dopo, il padrone di casa e barcaiolo ci passa in una specie di guscio di noce metallico.

Il traghetto per la nostra destinazione era stonato con la nave su cui pensavamo di rilassarci dalle due ore trascorse sul minibus, il tempo di viaggio tra la capitale São Tomé e Ponta da Baleia.

Invece, appena lasciamo la profonda baia che ospita anche Vila Malanza e Porto Alegre, il traghetto è in balia dell'Atlantico. Per poche centinaia di metri, quella del Nord.

Ad un certo punto, allineati con Porto Alegre, possiamo vedere le eccentriche palme che delimitano l'ingresso dell'omonima piantagione stagliarsi contro il cielo pieno di Gravana.

Potremmo quasi giurare che si trattasse di arecas di bambù, tanto è peculiare il loro tronco lungo e sottile, coronato da una minuscola corona a forma di piumino.

Il solito quarto d'ora della traversata scade. Le onde vigorose dell'Atlantico quasi meridionale continuano ad agitarci, alcune così audaci da crollare nella nave.

prendiamo le distanze da São Tomé, tra i delfini saltellanti, invece, nella linea del molo Ilhéu das Rolas.

Dall'agro di Porto Alegre si vedono solo la volta delle palme areca e la sommità dell'antico palazzo che fungeva da quartier generale logistico e operativo.

In alto, si insinuava la punta acuminata di Pico Cão Grande (663 m di altitudine, 300 m da terra), custode della fonolite di Ôbo, la giungla che ricopre di mistero tropicale il sud-ovest di São Tomé.

Infine, verso le undici del mattino, siamo sbarcati nel dominio esogeno del resort Pestana Ecuador.

I gradini inaugurali dell'Ilhéu das Rolas ci mettono di fronte alla cappella gialla e blu di São Francisco de Xavier, un tempio essenziale, come tanti altri nell'arcipelago.

São Tomé e Príncipe fu colonizzata durante il XVI secolo principalmente da nuovi cristiani che furono espulsi dal Portogallo dall'Inquisizione, ma anche da schiavisti e schiavi che assicurarono i raccolti pionieri della canna da zucchero dell'arcipelago.

Col tempo lo zucchero brasiliano, molto più abbondante e di migliore qualità, ha reso superfluo quello di São Tomé.

Allo stesso tempo, come il Centro storico dell'isola di Santiago de Capo Verde, Sao Tomé e Príncipe divenne una piattaforma per la fornitura di schiavi al Brasile.

Ogni pomeriggio decine di discendenti dei lavoratori forzati portavano dalle coste dell'Africa.

Oppure, più tardi, gli immigrati capoverdiani giocano vivaci partite di calcio davanti al tempio, in prossimità della gogna dell'isola e del restaurato palazzo coloniale che lo custodisce in un piccolo giardino.

Anche murato, l'atrio sabbioso della cappella non riesce a contenere alcune palle mal indirizzate o rimbalzate. Recuperarli arriva con la ricompensa di un tuffo nel mare color smeraldo sottostante.

Abbiamo anche bloccato con alcuni. Non così breve, però, frettoloso dalla voglia di scoprire la vera isola al di là dell'albergo.

C'era una volta Ilhéu das Rolas accoglieva più di 600 persone di São Tomé, supportate dalla scuola locale, una serie di piccole imprese, alcuni seminativi e una pesca facile e garantita.

Dal 2004, tuttavia, Pestana Ecuador ha occupato il nord dell'isolotto.

È vero che dava lavoro a una parte dei residenti.

Ma è anche che cercava sempre di più l'esclusività insulare, attraverso sfratti compensati da risarcimenti che la comunità locale classificava come magri e malevoli.

Oggi, su quasi 700 São Tomé, un decimo di coloro che continuano a resistere alle offerte del Grupo Pestana, il più grande investitore di São Tomé e Príncipe, genera più di 600 posti di lavoro in tutto il paese.

A dire il vero, dipendenti del resort a parte, durante la passeggiata alla scoperta di Ilhéu das Rolas, non abbiamo trovato un solo residente.

Aiutando il gruppo, siamo riusciti a leggere male la mappa.

Alla ricerca di alcune presunte rovine dell'antico forte, ci perdiamo lungo sentieri dismessi, con la vegetazione intorno al cratere del vulcano più vicino fitta e alta.

In effetti, siamo stati disorientati così a lungo che ci siamo convinti che il termine isolano sarebbe stato inappropriato. Ci siamo imbattuti in un branco di maiali, fangosi e spaventati dal nostro apparire in una terra normalmente loro sola.

Ci siamo persi ancora di più, finché non abbiamo deciso di attivare i dati del telefono e di pagare un racket del roaming, il prezzo di sapere dove eravamo finiti e come ce ne saremmo usciti.

Sulla via del ritorno al punto di partenza, ci troviamo su un altro sentiero, costiero e facile da seguire. Ha seguito i contorni della costa orientale dell'isola quando siamo entrati, tra il Miradouro do Amor e l'aspro e drammatico sud di Ponta Cabra.

Laggiù c'erano profonde calette con grandi scogliere di lava solidificata nei toni del nero e dell'ocra che facevano risaltare il verde della foresta tropicale.

Diversi modelli e orientamenti hanno rivelato diversi strati di lava. Dalla terra e dalla polvere accumulata tra alcuni, emersero alberi di cocco acrobatici, liberati dalla feroce concorrenza che le loro controparti vivevano in cima alle scogliere.

L'Atlantico invade queste calette con una furia concentrata.

Investe di onde bianco-bluastre che rotolano e tuonano grandi pietre di basalto levigate da un antico attrito. Indifferenti e indaffarati, esemplari di coda di paglia dal becco arancione volavano sulla bruschezza degli elementi, in instancabili battute di pesca e tornavano ai loro nidi.

La tregua delle onde è quasi completamente scomparsa le spiagge sabbiose di Escada e Joana, che, in condizioni climatiche più favorevoli, brillano, come se fossero incastonate nella giungla, e sono tra le più pittoresche e seducenti di São Tomé e Príncipe.

Inauguriamo così il ritorno alla punta settentrionale, passando per il faro dell'isola, costruito nel 1929.

Senza nemmeno pensarci, avevamo già attraversato l'equatore, una volta in alto, una volta in basso.

In questo terzo passaggio, andiamo dritti al punto di riferimento che lo contraddistingue, il monumento supremo di Ilhéu das Rolas, noto anche come il Centro del Mondo.

A cavallo del secondo decennio del XX secolo le nozioni geografiche e topografiche dell'arcipelago erano precarie.

Si limitavano a misurazioni con lo scopo di stabilire i limiti dei giardini che, su isolette, a un certo punto, entravano in conflitto.

Queste misurazioni e rilievi mancavano di una rete geodetica e del relativo rigore.

A quella data, oltre ad essere un ufficiale di marina, Carlos Viegas Gago Coutinho, era già un aviatore, geografo cartografico e pilota con tutte le qualifiche e altro per svolgere la missione geodetica di São Tomé appena delineata, che si è materializzata tra il 1915 e il 1918.

Nel 1916 Gago Coutinho sbarcò con il compito di realizzare la triangolazione geodetica di São Tomé, al fine di creare una carta topografica dell'arcipelago in scala 1/25.000.

Le sue misurazioni e la determinazione di ventidue segni principali e diciannove punti di riferimento minori continuarono nel 1917.

Nonostante l'esistenza di riferimenti inconfondibili che fungevano da punti dei vertici, casi di Cigar, Cão Grande e Cão Pequeno, tra gli altri, la nuvolosità quasi residente che li circondava ha costretto Gago Coutinho e la sua squadra a accamparsi in questi luoghi per diversi giorni.

Undici, dodici e anche quindici, sempre inzuppati di umidità, o bagnati da frequenti piogge, come avveniva intorno a Pico Cantagalo (848 m).

I resoconti risultanti dovevano ancora essere fatti fino al 1919. Due anni dopo il suo arrivo, Gago Coutinho fornì la lettera finale e il Rapporto sulla missione geodetica, considerato il primo lavoro di geodesia completo di una delle colonie portoghesi.

Tra i punti che raggiunse, spiccava l'Ilhéu das Rolas, misurata dall'Equatore.

Con questo vertice primordiale, Gago Coutinho dimostrò che la latitudine zero attraversava il nord dell'Ilhéu das Rolas invece di passare tra l'isolotto e São Tomé come, fino ad allora, si supponeva.

Nel 1936, il monumento che celebra il passaggio di linea dell'equatore e l'opera di Gago Coutinho, con una sfera armillare bianca basata su una mappa del mondo grafica e luminosa, come invece la troviamo, circondata da palme da cocco e banani, affacciata sul Nord Atlantico e uno scorcio di São Tomé.

Ben ammirati il ​​monumento e il panorama, ci siamo seduti sulla piccola panchina, riprendendoci dalle ore di camminata che ci portavamo sulle gambe.

Ancora compositi, realizziamo le nostre foto. Alcuni già previsti, con un piede in ciascuno degli emisferi del Terra. Altri, secondo altri vertici fotografici che mi vengono in mente.

Su Latitude Zero e Ilhéu das Rolas, ogni giorno dura lo stesso. Questa andava lunga, con il tramonto e l'ora di tutte le punture imminente.

Abbiamo abbreviato il ritorno al rifugio del resort, già nelle terre dell'emisfero settentrionale.

São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Príncipe, São Tome e Principe

Viaggio al Retiro Nobre sull'Isola del Principe

150 km di solitudine a nord della matriarca São Tomé, l'isola di Príncipe sorge dal profondo Atlantico in un paesaggio brusco e vulcanico di una montagna ricoperta di giungla. A lungo chiusa nella sua natura tropicale mozzafiato e in un passato luso-coloniale contenuto ma commovente, questa piccola isola africana ospita ancora più storie da raccontare che visitatori da ascoltare.
São Tomé, São Tomé e Príncipe

Viaggio dove São Tomé punta l'equatore

Ci dirigiamo verso la strada che collega l'omonimo capoluogo allo spigolo vivo dell'isola. Quando siamo arrivati ​​a Roça Porto Alegre, con l'isolotto di Rolas e l'Ecuador davanti, ci siamo persi più e più volte nel dramma storico e tropicale di São Tomé.
São Nicolau, Capo Verde

Fotografia di Nha Terra São Nicolau

La voce del defunto Cesária Verde ha cristallizzato i sentimenti dei capoverdiani costretti a lasciare la loro isola. chi visita São Nicolau o, qualunque esso sia, ammirare immagini che lo illustrano bene, capire perché la sua gente lo chiama, per sempre e con orgoglio, nha terra.
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan "francese" alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
Cidade Velha, Capo Verde

Cidade Velha: l'antica città delle città tropico-coloniali

Fu il primo insediamento fondato dagli europei al di sotto del Tropico del Cancro. In un momento cruciale per l'espansione portoghese in Africa e in Sud America e per la tratta degli schiavi che l'accompagnò, Cidade Velha divenne un'eredità toccante ma inevitabile di origini capoverdiane.

Salt Island, Capo Verde

Il sale dell'isola di Sal

Nell'imminenza del XIX secolo Sal rimase priva di acqua potabile e praticamente disabitata. Fino all'estrazione e all'esportazione dell'abbondante sale si favorì un progressivo popolamento. Oggi le saline e le saline danno un altro sapore all'isola più visitata Capo Verde.
Isola di Boa Vista, Capo Verde

Isola di Boa Vista: Atlantic Waves, Dunas do Sara

Boa Vista non è solo l'isola capoverdiana più vicina alla costa africana e al suo grande deserto. Dopo alcune ore di scoperta, ci convince che si tratta di un lembo del Sahara alla deriva nel Nord Atlantico.
Di Santa Maria, Sale, Capo Verde

Santa Maria e la benedizione atlantica di Sal

Santa Maria nasce nella prima metà dell'XNUMX come magazzino per l'esportazione del sale. Oggi, grazie alla provvidenza di Santa Maria, Sal Ilha vale molto di più della materia prima.
Santo Antão, Capo Verde

Lungo la strada della corda

Santo Antão è la più occidentale delle isole di Capo Verde. C'è un'aspra soglia atlantica dell'Africa, un maestoso dominio insulare che iniziamo svelando da un'estremità all'altra della sua splendida Estrada da Corda.
Isola del fuoco, Capo Verde

Intorno al fuoco

Il tempo e le leggi della geomorfologia imponevano che l'isola-vulcano di Fogo dovesse essere arrotondata come nessun altro a Capo Verde. Alla scoperta di questo esuberante arcipelago della Macaronesia, lo giriamo contro il tempo. Abbagliamo nella stessa direzione.
São Nicolau, Capo Verde

San Nicola: Pellegrinaggio a Terra di Sodade

Partenze forzate come quelle che hanno ispirato la famosa morna”bibita” ha lasciato ben segnato il dolore di dover lasciare le isole di Capo Verde. scoprire sannclau, tra incanto e meraviglia, inseguiamo la genesi del canto e della malinconia.
São Tomé, São Tome e Principe

Attraverso il Tropical Cocuruto di São Tomé

Con l'omonimo capoluogo alle nostre spalle, ci siamo messi alla scoperta della realtà dell'azienda agricola Agostinho Neto. Da lì, abbiamo preso la strada costiera per l'isola. Quando finalmente l'asfalto si arrende alla giungla, São Tomé si è confermata in cima alle più belle isole africane.
São Tomé (città), São Tome e Principe

La capitale dei tropici santomei

Fondata dai portoghesi nel 1485, São Tomé prosperò per secoli, come la città, perché le merci in entrata e in uscita passavano attraverso l'omonima isola. L'indipendenza dell'arcipelago lo ha confermato come la capitale indaffarata in cui giravamo, sempre sudati.
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Centro São Tomé, São Tome e Principe

Da Roça a Roça, verso il Cuore Tropicale di São Tomé

Sulla strada tra Trindade e Santa Clara, ci imbattiamo nel terrificante passato coloniale di Batepá. Passando per i campi Bombaim e Monte Café, la storia dell'isola sembra essersi diluita nel tempo e nell'atmosfera intrisa di clorofilla della giungla santomea.
Roca Sundy, Ilha do Principe, São Tome e Principe

La certezza della teoria della relatività

Nel 1919, Arthur Eddington, un astrofisico britannico, scelse il Sundy Garden per provare la famosa teoria di Albert Einstein. Più di un secolo dopo, il nord dell'isola di Príncipe che lo ha accolto è ancora tra i luoghi più belli dell'universo.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Safari
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Teatro musicale e sala espositiva, Tbilisi, Georgia
Architettura & Design
Tbilisi, Georgia

Georgia ancora con Perfume the Rose Revolution

Nel 2003, una rivolta politico-popolare ha causato l'inclinazione della sfera di potere in Georgia da est a ovest. Da allora, la capitale Tbilisi non ha rinnegato i suoi secoli di storia sovietica, né il suo presupposto rivoluzionario di integrazione in Europa. Quando visitiamo, siamo abbagliati dall'affascinante mix delle loro vite passate.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Aventura
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
cavalieri del divino, fede nello spirito santo divino, Pirenopolis, Brasile
Cerimonie e Feste
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Cattedrale di St Paul, Vigan, Asia Hispanica, Filippine
Città
Vigan, Filippine

Vigan, il più ispanico dell'Asia

I coloni spagnoli se ne andarono ma le loro dimore sono intatte e le kalesas circolano. Quando Oliver Stone stava cercando i set messicani per "Born on the 4th of July" li ha trovati in questa ciudad fernandina
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Djerbahood, Erriadh, Djerba, Specchio
Cultura
Erriadh, Djerba, Tunisia

Un Villaggio diventato Galleria d'Arte Fugace

Nel 2014, un antico insediamento di Djerbian ha ospitato 250 murales di 150 artisti provenienti da 34 paesi. I muri di calce, il sole intenso ei venti carichi di sabbia del Sahara erodono le opere d'arte. La metamorfosi di Erriadh in Djerbahood si rinnova e continua a stupire.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Namibe, Angola, Grotta, Parco Iona
In viaggio
Namibe, Angola

Incursione nel Namibe angolano

Alla scoperta del sud dell'Angola, lasciamo Moçâmedes per l'interno della provincia desertica. Per migliaia di chilometri su terra e sabbia, l'asprezza del paesaggio non fa che rafforzare lo stupore della sua vastità.
Contadino, Majuli, Assam, India
Etnico
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
Thira, Santorini, Grecia
Storia
male, Santorini, Grecia

Fira: tra le alture e le profondità di Atlantide

Intorno al 1500 aC, una devastante eruzione fece affondare gran parte dell'isola del vulcano Fira nel Mar Egeo e portò al crollo della civiltà minoica, chiamata più volte Atlantide. Qualunque sia il passato, 3500 anni dopo, Thira, l'omonima città, è tanto reale quanto mitica.
Porto Rico, San Juan, città murata, panoramica
Isole
San Juan, Puerto Rico

Porto Rico e il Muro di San Juan Bautista

San Juan è la seconda città coloniale più antica delle Americhe, dopo la vicina dominicana di Santo Domingo. Un deposito pionieristico sulla rotta che portava l'oro e l'argento dal Nuovo Mondo alla Spagna, fu attaccato più e più volte. Le sue incredibili fortificazioni proteggono ancora una delle capitali più vivaci e prodigiose dei Caraibi.
Rompighiaccio Sampo, Kemi, Finlandia
bianco inverno
Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Letteratura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Kogi, PN Tayrona, Guardiani del mondo, Colombia
Natura
PN Tayrona, Colombia

Chi protegge i guardiani del mondo?

Gli indigeni della Sierra Nevada de Santa Marta credono che la loro missione sia salvare il Cosmo dai “Fratelli Minori”, che siamo noi. Ma la vera domanda sembra essere: "Chi li protegge?"
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Chapada dos Guimarães, Mato Grosso, Brasile, cascata Véu de Noiva
Parchi Naturali
Chapada dos Guimarães, Mato Grosso, Brasile

Nel cuore ardente del Sud America

Fu solo nel 1909 che il centro geodetico sudamericano fu fondato da Cândido Rondon, un maresciallo brasiliano. Oggi si trova nella città di Cuiabá. Ha lo scenario mozzafiato ma eccessivamente combustibile di Chapada dos Guimarães nelle vicinanze.
Rematori Intha su un canale del Lago Inlé
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Lago Inle, Myanmar

L'Abbagliante Birmania Lacustre

Con una superficie di 116 km2, Il Lago Inle è il secondo lago più grande del Myanmar. È molto più di questo. La diversità etnica della sua popolazione, la profusione di templi buddisti e l'esotismo della vita locale ne fanno un'imperdibile roccaforte del sud-est asiatico.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
personaggi
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Cahuita, Costa Rica, Caraibi, spiaggia
Spiagge
Cahuita, Costa Rica

Un ritorno adulto a Cahuita

Durante un tour con lo zaino in spalla in Costa Rica nel 2003, ci siamo dilettati nel calore caraibico di Cahuita. Nel 2021, dopo 18 anni, siamo tornati. Oltre a una prevista ma misurata modernizzazione e ispanizzazione del persone, poco altro era cambiato.
Barca sul fiume Giallo, Gansu, Cina
Religione
Bingling Sì, Cina

La gola dei mille Buddha

Per più di un millennio e almeno sette dinastie, i devoti cinesi hanno esaltato le loro credenze religiose con l'eredità di sculture in uno stretto stretto del fiume Giallo. Coloro che sbarcano alla Gola dei Mille Buddha, potrebbero non trovare tutte le sculture ma trovare uno splendido santuario buddista.
Chepe Express, Ferrovia Chihuahua Al Pacifico
Veicoli Ferroviari
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
Società
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Barca e timoniere, Cayo Los Pájaros, Los Haitises, Repubblica Dominicana
Animali selvatici
Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani

Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.