Tórshavn, Isole Faroe

Il porto faroese di Thor


Doppia Vestaravag
Tórshavmn lato porto di Vestaravág. In duplice copia.
Architettura nordica, a colori
Tetti e facciate aggiungono colore alla capitale delle Isole Faroe.
penisola senza uscita
Gli adolescenti arrivano a un'estremità della penisola di Skansapakkhusid.
pascoli come tetti
Case tradizionali con tetto in erba ed erba.
piuma
Bambola svestita all'ingresso del ristorante Penama.
Vestaravag al pino
Navi stivate nel settore portuale di Vestaravág.
Gossip a Tinganes
Due amici chiacchierano alla base degli edifici storici e governativi di Tinganes.
Allo sportello
Impiegata del ristorante Katrina Christiansen.
Panoramica di Torshavn
Tórshavn e Nólsoy visti dal fianco della montagna di Húsareyn.
Cattedrale di Torshavn
L'antica cattedrale della capitale delle Isole Faroe.
Dalla luce all'ombra
Un passeggero di una barca a vela si dirige verso Undir Bryggjubakka Street.
l'isola vicina
Il sole illumina un istmo dell'isola di Nólsoy, di fronte a Tórshavn.
il campo di casa
Una delle numerose case tradizionali con tetto in erba a Tórshavn.
Casa Barbara Pesci
Il dipendente lavora presso il ristorante Barbara Fish House.
I remi, attraverso la storia delle Fær Øer
Un gruppo di adolescenti ha intrapreso un giro in barca a remi nel quartiere storico e governativo di Tinganes.
Undir Bryggjubakka
Il pedone entra nella strada laterale Undir Bryggjubakka.
Undir Bryggjubakka illuminato
Edifici storici e colorati che costeggiano il lungomare di Undir Bryggjubakka.
casa tradizionale
Abitante fuori dalla sua casa di torba ed erba.
È stato il principale insediamento delle Isole Faroe almeno dall'850 d.C., anno in cui i coloni vichinghi stabilirono lì un parlamento. Tórshavn rimane una delle capitali più piccole d'Europa e il rifugio divino di circa un terzo della popolazione faroese.

È sabato. A fine giugno il pomeriggio passa nella notte, entrambi spruzzati da una piccola pioggia che, cadendo da nuvole basse e scure, lascia confusi sulla durata della giornata.

Siamo venuti da una buona mezz'ora per apprezzare e fotografare le case, il porto e il paesaggio che circonda Tórshavn, da un mezzo pendio della montagna che lo racchiude a nord-ovest, fino a Húsareyn.

Da lì, nei pressi dell'albergo Foroyar che ci accoglieva, la città si stendeva lungo il verde pendio, costellato di tetti neri e facciate di tutti i colori in cui si incastrava la ridotta murata del porto.

Il canale del mare blu di Nólsoyarfjordur separava la capitale da Nólsoy, un'isola allungata che un tempo si liberò da Streymoy, quella che stavamo esplorando, la più grande delle diciotto che compongono l'arcipelago delle Faroe.

Torshavn, Isole Faroe, panoramica

Tórshavn e Nólsoy visti dal fianco della montagna di Húsareyn.

Siamo stanchi di contemplare le altezze. Di pendio dopo pendio, scendiamo, puntando al cuore urbano di Tórshavn. Appena arrivati ​​all'ingresso della via pedonale Niels Finsens Gota, la città che, da lontano, ci sembrava un anestetizzante scenario subartico, rabbrividì di vita.

Festival di musica ubriaca e oscura di Voxbotn

Si stava svolgendo Voxbotn, un festival musicale preferito dai giovani faroesi. Una folla vestita di nero, biondo e, per la maggior parte, intossicata, ha condiviso grida, abbracci e altre espressioni di euforia che erano in contrasto con la consueta tranquillità delle Faroe e della città.

Erano eccitati dall'evasione cerimoniale dell'evento. E del ritmo rap semi-metallico di Swangah Dangah, duo house di cui quasi tutti andavano fieri, come standard contemporaneo e irriverente della nazione faroese, suddita della monarchia danese, sebbene, dal 1948, autonoma e autogovernante.

L'inno delle Isole Faroe si intitola "Tu alfagra land guanto", qualcosa di simile a "Tu Mia Bella Terra”. I faroesi sono ben consapevoli di quanto sia speciale il loro arcipelago, sede di paesaggi surreali come Sorvagsvatn de Vagar  in quanto consapevoli del protagonismo storico che Tórshavn ha conservato sin dalla sua remota fondazione.

In altre occasioni, con Voxbotn già chiuso, nelle giornate di sole, esploriamo il cuore della capitale da un capo all'altro: l'antica cattedrale – la seconda chiesa più antica dell'arcipelago – e la via Bryggiubakki da essa benedetta. Sotto, il marginale Undir Bryggjubakka.

E a separarli, una sequenza di edifici in legno a tre piani e mansarde che costeggiano il porto turistico di Vestaravág, la metà occidentale del porto, quasi sempre piena di barche a vela, motoscafi e altre imbarcazioni più piccole.

Con il tempo già a bada, ritroviamo tutto specchiato negli stessi colori e perfettamente sull'acqua scura, gelida e immobile di quella roccaforte nel nord del Nord Atlantico.

Vestaravag, Torshavn, Isole Faroe

Navi stivate nel settore portuale di Vestaravág.

Escursione al vicolo cieco di Skansapakkhusid

Continuiamo lungo Undir Bryggjubakka. Arrivati ​​all'estremo, troviamo la punta di Tinganes, il “punto del parlamento” di Tórshavn e la genesi della nazionalità faroese, frutto di antiche democrazie vichinghe, come quella di Cosa Velir.

Oggi si distingue dal resto della città per l'uniformità del bianco (sulle basi), del rosso (sopra, ai tetti) e del verde (sui tetti) dei suoi edifici secolari.

Davanti al complesso architettonico, su una prominente lastra di roccia, una bandiera sventolante impone a chi arriva l'intenso farosità del luogo.

I primi abitanti delle Isole Faroe potrebbero essere stati addirittura Celti irlandesi o scozzesi, eremiti di quelle parti, come affermò nella sua opera il monaco irlandese Dicuil Di misura orbis terrae. È noto, tuttavia, che intorno al IX secolo arrivarono i Vichinghi che colonizzarono gran parte dell'arcipelago.

Era consuetudine tra i Vichinghi fondare il Parlamento della colonia su un sito disabitato, al fine di garantire la propria neutralità politica.

Quando lo stabilirono a Tinganes, nell'850 d.C., eressero una delle più antiche assemblee (Ting) sulla faccia della Terra, addirittura più antica di quella dell'Islanda (Thingvellir), questa risalente al 930 d.C. E hanno anche gettato le basi politiche per l'evoluzione di Thorshavn.

Re Olaf, la cristianizzazione delle Isole Faroe e il declino dei Vichinghi

Intorno al 1035 terminò l'era della scoperta e della conquista vichinga, dettata dalla cristianizzazione imposta dal re Olaf che, nelle Faroe, si è arenata a Kirkjubour, per l'abbandono forzato della colonia di Vinland – sull'attuale costa orientale del Canada (Terranova).

E per le clamorose sconfitte militari, quelle delle battaglie di Stiklestad in cui perì Olaf e altre sul suolo britannico, di Stamford Bridge e di Hastings.

Torshavn, Isole Faroe, cattedrale

L'antica cattedrale della capitale delle Isole Faroe, testimonianza storica della quasi millenaria cristianizzazione dell'arcipelago

A Torshavn, il ting di Tinganes cedette il passo a un mercato occasionale che si sviluppò fino a quando, nel 1271, la Corona Norvegese lo trasformò in un importante scalo commerciale che commerciava permanentemente con Bergen, sulla costa occidentale del Norvegia.

Anche così, lo sviluppo della remota Tórshavn si è rivelato lento. All'inizio del XVII secolo il paese contava solo centouno abitanti.

Visitatore di Torshavn, Isole Faerøer, architettura

Un passeggero di una barca a vela si dirige verso Undir Bryggjubakka Street.

Erano famiglie di contadini, i loro domestici, i responsabili della stazione commerciale, funzionari del governo e decine di lavoratori di altre parti che, senza terra, si riversavano in città sperando di trovare lavoro.

Tórshavn: dalle tragedie alla prosperità

La vita a Tórshavn stava migliorando, ma calamità impreviste hanno frenato il progresso.

Nel 1673 Thor, il dio della guerra e del tuono che ispirò il nome della città, decise di farne suo. Senza sapere molto bene come, un caricatore pieno di polvere da sparo esplose e proruppe un incendio che distrusse molte delle case e degli edifici che erano stati eretti fino ad allora.

Torshavn, Isole Faerøer, via Undir Bryggjubakka

Il pedone entra nella strada laterale Undir Bryggjubakka.

Già sotto la corona danese, nel 1709, la stazione commerciale di Tórshavn venne a servire un monopolio reale con sede a Copenaghen.

Come risultato di questo vantaggio, il villaggio ospitava già trecento abitanti, ma un'epidemia di vaiolo lo devastò. Saranno sopravvissuti meno di cinquanta abitanti.

Torshavn, Isole Faroe, Skansapakkhusid

Gli adolescenti arrivano a un'estremità della penisola di Skansapakkhusid.

Tuttavia, lo status di porto del monopolio reale attirò nuovi residenti e commercianti.

Durante il XNUMX° secolo, Tórshavn si riprese a un buon ritmo.

Al punto da diventare una città nordica degna di questo nome, con i suoi magazzini traboccanti di merci che, già a metà del secolo, potevano essere scambiate con tutti i porti disponibili e praticabili, non solo quelli predefiniti dalla monarchia danese.

Torshavn, Isole Faroe, architettura

Tetti e facciate aggiungono colore alla capitale delle Isole Faroe.

Con il tempo e il consolidamento della capitale ai suoi 21.200 abitanti oggi – un terzo delle Isole Faroe – la penisola amministrativa di Tinganes si è evoluta.

Fino a diventare l'attuale unità urbana, quella perché, abbiamo continuato a girare in tondo, in un assoluto splendore storico.

Dal nulla, tre simpatici ragazzi, vestiti di nero come vuole la moda giovanile cittadina, irrompono attraverso la piccola penisola di fronte a quella occupata dalla bandiera faroese, con le prue delle barche del cantiere locale e il controluce argentato del mare in lo sfondo.

Nella direzione opposta, quella ben illuminata, due amici chiacchierano e si mettono in ordine la vitamina D su una panchina addossata al retro di pietra di uno degli edifici statali.

Saliamo alla sommità urbanizzata del promontorio. Abbiamo attraversato un piccolo tunnel, siamo entrati nel complesso di edifici, alcuni dei quali hanno più di cinquecento anni.

Prenditi il ​​tuo tempo, facci sapere la sua configurazione e le sue funzioni. E sentiamo la vita pacifica del luogo che scorre ariosa dalla brezza marina.

Torshavn, Isole Faroe, edifici di Tinganes

Due amici chiacchierano alla base degli edifici storici e governativi di Tinganes.

Tinganes, il nucleo politico e storico di Tórshavn

L'edificio all'estremità assoluta della penisola di Skansapakkhusid, più esposto al mare e alle intemperie, era un tempo l'antico forte di Skansapakkasini. Ed è, oggi, il Lögtingid, l'edificio principale del governo faroese, rappresentato graficamente da un ariete con la lingua fuori.

Nell'entroterra, con i tipici e pittoreschi tetti d'erba, si trova l'antico Portugalid, ex prigione e dimora della sua guardia. Nelle vicinanze si trovano Munkastovan, un monastero dove si tenevano le messe, e l'adiacente Leigubudin, un magazzino reale.

Il movimento umano è debole da queste parti. Passano due uomini, uno in giacca e cravatta, cosa insolita in città, quindi stimiamo che si dirigeranno al Lögtinget (Logting). Ci imbattiamo anche in alcuni visitatori danesi in vacanza. Quando Reynagardur viene lasciato indietro, l'uniformità di rosso e verde è svanita.

Proprio lì, incastonata tra il muro bianco e la sua incantevole casa nera con il tetto in erba e erba, una signora si prende cura del suo giardino al piano terra.

Torshavn, Isole Faroe, patria della torba

Abitante fuori dalla sua casa di torba ed erba.

Procediamo alla base di Skansapakkhusid, attraverso vicoli e vicoli. Inaspettatamente, abbiamo ritrovato la cattedrale. Prima di tornare a Undir Bryggjubakka e alla zona pedonale Niels Finsens Gota, diamo un'ultima occhiata al settore orientale del porto, l'Eystaravág.

Dall'altra parte, una flotta di giovani discendenti vichinghi mette in mare barche a remi, salpa lungo la penisola, costeggia la punta rocciosa e la bandiera della loro nazione e si dedica a una navigazione giocosa ma compromessa sulla rotta dei traghetti che collega Tórshavn a l'isola di Nólsoy.

Torshavn, Isole Faroe, pagaia

Un gruppo di adolescenti ha intrapreso un giro in barca a remi nel quartiere storico e governativo di Tinganes.

La leggenda di Barbara, la “Barbara Fish House” e altre esperienze culinarie

Nel frattempo, lungi dall'essere buio, il giorno è arrivato all'ora concordata in queste soste boreali per la cena. Con una tavola imbandita, siamo tornati nel vecchio quartiere alla base di Skansapakkhusid, disposto attorno a un'arteria chiave, il Gongin.

Entriamo nel ristorante"Casa Barbara Pesci”, installato in un'altra delle tante tradizionali case con tetto in erba della zona.

Più che semplicemente sederci per un'esperienza gastronomica, abbiamo aperto una nuova incursione nel passato delle Isole Faroe.

Torshavn, Isole Faroe, casa tradizionale

Una delle numerose case tradizionali con tetto in erba a Tórshavn.

Così emblematico che Jorgen-Frantz Jacobsen, scrittore faroese, ha fatto della narrazione che ha ispirato il nome del ristorante una delle sue opere più famose”.

La trama del romanzo si svolge nel XVIII secolo. recuperare"Beinta e Peder Arrheboe” una delle famose Faroe.

Barbara è vedova di due parroci protestanti, visti da gran parte della comunità come responsabili della loro morte. Quando la naveFortuna” attracca, porta a bordo un nuovo parroco di nome Poul. Una volta atterrato, Poul viene avvertito del passato di Barbara. Anche così, si innamora della donna.

Barbara è interessata a Poul ma cede all'attrazione di altri uomini, marinai arrivati ​​su barche da molto lontano. Barbara e Poul si sposano, ma Barbara si innamora di Andreas e se ne va con lui. Andreas si confronta con Poul e viene convinto a partire per Copenaghen senza Barbara.

Torshavn, Isole Faroe, ristorante Barbara Fish House

Il dipendente lavora presso il ristorante Barbara Fish House.

La storia si conclude con la disperazione di Barbara che cerca di raggiungere il "Fortuna”, invano, dopo che la nave era salpata per la capitale danese.

Tra i pasti in altri ristoranti, al “Casa Barbara Pesci”, abbiamo mangiato una Fiskasuppa, Torskur e Jákupsskeljar: zuppa di pesce, con merluzzo e capesante. Anche un Oda, una cozza di cavallo in salamoia.

La carta dei vini comprendeva vini spagnoli, francesi e alcuni portoghesi. Abbiamo ordinato un Alvarinho, che il cameriere, ordinato, ma incapace di fare miracoli riguardo al portoghese, ci presenta come proveniente da Melgago, invece che da Melgaço.

Ridiamo un po' tra di noi. Quanto basta per staccare dalla frenesia fotografica faroese che le interminabili giornate dell'estate artica si sono intensificate.

Quasi due ore e mezza dopo, con il lento crepuscolo che iniziava a diventare blu Tórshavn e tutto il sud dell'isola di Streymoy, ci riparammo quasi in cima al monte Foroyar.

Nolsoy, Torshavn, Isole Faroe

Il sole illumina un istmo dell'isola di Nólsoy, di fronte a Tórshavn.

Diversi giorni sarebbero seguite diverse isole faroesi vicine a Streymoy. caso di Kalsoy, con il suo remoto faro di Kallur.

Mykines, Isole Faroe

Nell'estremo ovest delle Faroe

Mykines stabilisce il confine occidentale dell'arcipelago delle Faroe. Ospitò 179 persone ma la durezza del ritiro ebbe la meglio. Oggi, lì sopravvivono solo nove anime. Quando la visitiamo, troviamo l'isola dedita alle sue mille pecore e alle inquiete colonie di pulcinelle di mare.
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
PN Thingvellir, Islândia

Sulle origini della remota democrazia vichinga

Le basi del governo popolare che mi vengono in mente sono quelle elleniche. Ma quello che si ritiene essere il primo parlamento al mondo fu inaugurato a metà del X secolo, nella gelida campagna islandese.
Oslo, Norvegia

A (sopra) Capitale Capitalizzato

Uno dei problemi della Norvegia è stato decidere come investire i miliardi di euro nel suo fondo sovrano da record. Ma nemmeno le risorse eccessive salvano Oslo dalle sue incongruenze sociali.
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Magma Geoparco, Norvegia

Un qualcosa di lunare Norvegia

Se tornassimo ai confini geologici del tempo, troveremmo la Norvegia sudoccidentale piena di enormi montagne e un magma fiammeggiante che i ghiacciai successivi avrebbero plasmato. Gli scienziati hanno scoperto che il minerale predominante è più comune sulla Luna che sulla Terra. Molti degli scenari che abbiamo esplorato nel vasto Magma Geopark della regione sembrano presi dal nostro grande satellite naturale.
Flamm a Balestrand, Norvegia

Dove le montagne cedono ai fiordi

La stazione finale della Ferrovia Flam segna la fine della vertiginosa discesa ferroviaria dagli altopiani di Hallingskarvet alle pianure di Flam. In questo villaggio troppo piccolo per la sua fama, lasciamo il treno e navighiamo lungo il fiordo di Aurland verso il prodigioso Balestrand.
Stavanger, Norvegia

Motor City della Norvegia

L'abbondanza di petrolio e gas naturale offshore e le sedi delle società incaricate di esplorarli hanno promosso Stavanger da capitale della riserva a capitale energetica norvegese. Questa città non era conforme. Con una prolifica eredità storica, alle porte di un maestoso fiordo, il cosmopolita Stavanger ha a lungo spinto la Terra del Sole di Mezzanotte.
Bergen, Norvegia

Il grande porto anseatico della Norvegia

Già popolata all'inizio dell'XI secolo, Bergen divenne la capitale, monopolizzò il commercio della Norvegia settentrionale e, fino al 1830, rimase una delle città più grandi della Scandinavia. In data odierna, Oslo guida la nazione. Bergen continua a distinguersi per la sua esuberanza architettonica, urbana e storica.
Balestrand, Norvegia

Balestrand: una vita tra i fiordi

I villaggi sulle pendici dei canyon in Norvegia sono comuni. Balestrand è all'ingresso delle tre. Le sue ambientazioni si distinguono dal resto in modo tale da aver attratto pittori famosi e continuano a sedurre viaggiatori incuriositi.
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
Vágar, Isole Faroe

Il lago che aleggia sull'Atlantico settentrionale

Per un capriccio geologico, Sorvagsvatn è molto più del lago più grande delle Isole Faroe. Scogliere con tra i trenta ei centoquaranta metri delimitano l'estremità meridionale del suo letto. Da certi punti di vista, dà l'idea di essere sospeso sull'oceano.
kirkjubor, Streymoy, Isole Faroe

Dove il cristianesimo faroese ha dato la costa

Ad appena un anno dall'inizio del primo millennio, un missionario vichingo di nome Sigmundur Brestisson portò la fede cristiana nelle Isole Faroe. Kirkjubour, divenne il rifugio e la sede episcopale della nuova religione.
Streymoy, Isole Faroe

Streymoy Sopra, Assaggiate l'Isola delle Correnti

Lasciamo la capitale Torshavn dirigendoci a nord. Abbiamo attraversato da Vestmanna alla costa orientale di Streymoy. Fino a quando non raggiungiamo l'estremità settentrionale di Tjornuvík, siamo ancora e ancora abbagliati dalla verdeggiante eccentricità della più grande isola faroese.
Saksun, StreymoyIsole Faroe

Il villaggio faroese che non vuole essere Disneyland

Saksun è uno dei tanti splendidi piccoli villaggi delle Isole Faroe che sempre più estranei visitano. Si distingue per l'avversione ai turisti del suo principale proprietario rurale, autore di ripetute antipatie e attacchi contro gli invasori della sua terra.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Safari
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
dall'ombra
Architettura & Design
Miami, EUA

Un capolavoro di riabilitazione urbana

All'inizio del 25° secolo, il quartiere di Wynwood era ancora pieno di fabbriche e magazzini abbandonati e pieni di graffiti. Tony Goldman, un astuto investitore immobiliare, acquistò oltre XNUMX proprietà e fondò un parco murale. Molto più che rendere omaggio ai graffiti lì, Goldman ha fondato il grande bastione della creatività di Miami.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Cerimonie e Feste
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Forte di San Louis, Fort de France-Martinique, Antihas francese
Città
Fort-de-France, Martinique

Libertà, Bipolarità e Tropicalità

Nella capitale della Martinica si conferma un'affascinante estensione caraibica del territorio francese. Lì, i rapporti tra i coloni ei discendenti indigeni degli schiavi danno ancora origine a piccole rivoluzioni.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Tabato, Guinea Bissau, Balafons
Cultura
Tabato, Guinea Bissau

Tabatô: al Ritmo di Balafom

Durante la nostra visita alla tabanca, a colpo d'occhio, il djidius (poeti musicisti)  i mandinga sono organizzati. Due dei prodigiosi balafonisti del villaggio prendono il comando, affiancati da bambini che li imitano. Cantanti con megafoni in mano, cantano, ballano e suonano la chitarra. C'è un suonatore di chora e diversi djambe e tamburi. La sua mostra genera successivi brividi.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Jeep attraversa Damaraland, Namibia
In viaggio
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
Etnico
Gizo, Isole Salomone

Gala dei Piccoli Cantanti di Saeraghi

A Gizo sono ancora ben visibili i danni causati dallo tsunami che ha devastato le Isole Salomone. Sulla costa di Saeraghi, la felicità balneare dei bambini contrasta con la loro eredità di desolazione.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

panchina improvvisata
Storia
Isola di Ibo, Mozambico

Isola di un Mozambico scomparso

Fu fortificato nel 1791 dai portoghesi che cacciarono gli arabi dalle Quirimba e si impadronirono delle loro rotte commerciali. Divenne il 2° entrepot portoghese sulla costa orientale dell'Africa e, in seguito, capoluogo della provincia di Cabo Delgado, Mozambico. Con la fine della tratta degli schiavi all'inizio del XX secolo e il passaggio della capitale a Porto Amélia, l'isola di Ibo si è trovata nell'affascinante ristagno in cui si trova.
Salto in avanti, Naghol di Pentecoste, Bungee Jumping, Vanuatu
Isole
Pentecoste, Vanuatu

Pentecoste Naghol: Bungee Jumping per uomini seri

Nel 1995, il popolo di Pentecoste minacciò di citare in giudizio le società di sport estremi per aver rubato loro il rituale di Naghol. In termini di audacia, l'imitazione elastica è molto inferiore all'originale.
Controllo corrispondenza
bianco inverno
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Natura
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
i viaggiatori contemplano, monte fitz roy, argentina
Parchi Naturali
El Chalten, Argentina

L'appello del granito della Patagonia

Due montagne rocciose hanno innescato una disputa sul confine tra Argentina e Cile. Ma questi paesi non sono gli unici contendenti: i monti Fitz Roy e Torre hanno attratto a lungo scalatori irriducibili.
Cattedrale di Santa Ana, Vegueta, Las Palmas, Gran Canaria
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Vegueta, Gran canaria, Isole Canarie

Intorno al cuore delle Canarie reali

L'antico e maestoso quartiere di Vegueta de Las Palmas spicca nella lunga e complessa ispanizzazione delle Isole Canarie. Dopo un lungo periodo di spedizioni signorili, vi iniziò la conquista finale di Gran Canaria e delle altre isole dell'arcipelago, sotto il comando dei monarchi di Castiglia e Aragona.
Monumento a Heroes Acre, Zimbabwe
personaggi
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
Vista aerea di Moorea
Spiagge
Moorea, Polinesia Francese

La sorella polinesiana che qualsiasi isola vorrebbe avere

A soli 17 km da Tahiti, Moorea non ha una sola città e ospita un decimo degli abitanti. I tahitiani osservano il tramonto da molto tempo e trasformano l'isola accanto in una sagoma nebbiosa, solo per restituirle, ore dopo, i suoi colori e le sue forme esuberanti. Per chi visita queste parti lontane del Pacifico, conoscere Moorea è un doppio privilegio.
Uno contro tutti, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet
Religione
Lhasa, Tibete

Sera, il Monastero del Sacro Dibattito

In pochi posti al mondo si usa un dialetto con la stessa veemenza del monastero di Sera. Lì, centinaia di monaci si impegnano in intensi e chiassosi dibattiti sugli insegnamenti del Buddha in tibetano.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Magome a Tsumago, Nakasendo, Way Medieval Japan
Società
Magome Tsumago, Giappone

Da Magome a Tsumago: il percorso sovraffollato per il Giappone medievale

Nel 1603 lo shogun Tokugawa dettò il rinnovamento di un antico sistema stradale. Oggi, il tratto più famoso della strada che collegava Edo a Kyoto è attraversato da una folla desiderosa di fuggire.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Tombolo e Punta Catedral, Parco Nazionale Manuel Antonio, Costa Rica
Animali selvatici
PN Manuel Antonio, Costa Rica

Il Parco Nazionale Little-Big del Costa Rica

Le ragioni degli under 28 sono ben note. parchi nazionali I costaricani sono diventati i più popolari. La fauna e la flora di PN Manuel António proliferano in un minuscolo ed eccentrico pezzo di giungla. Come se non bastasse, si limita a quattro delle migliori spiagge tipiche.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.