Martinique, Antille Francesi

Baguette caraibiche sotto il braccio


Cappellino 110
Un visitatore esamina il monumento alla schiavitù di Cap 110, eretto nel 150° anniversario della sua abolizione.
baia delle barche
Innumerevoli piccole imbarcazioni godono della calma offerta da una baia nel sud della Martinica.
sguardo sospettoso
Uno degli orgogliosi anziani della Grande Anse d'Arlets contrari a farsi fotografare per paura della fama indesiderata e non pagata delle cartoline turistiche.
H. Clemente
Edificio Habitation Clément, famoso storico produttore di rum.
in cerca di freschezza
Gli alberi di cocco si affacciano sul Mar dei Caraibi su una delle tante spiagge della Martinica.
rum e ancora rum
Grandi tini della distilleria di rum Habitatión Clément.
lavori nautici
Un residente di Anse d'Arlet impegnato in un lavoro in riva al mare.
isola-martinica-antille-francese-caraibica-franca-anse-darlets
I residenti condividono il lungo molo di Anse d'Arlet.
Sentiero nel bosco
La coppia cammina lungo una passerella sopraelevata tra gli alberi.
Frutti di mare della Martinica
Un cuoco finisce una pentola di pesce in stile creolo martinicano.
passeggiata solitaria
Nativo cammina lungo una strada fiancheggiata da vecchie case di legno.
isola-martinica-antille-francese-caraibica-franca-costa-nord
Scenario verdeggiante della Martinica orientale.
Anse vulcaniche
Spiaggia di sabbia nera su uno degli anelli vulcanici.
Quasi ad Anse Caffard
L'auto percorre una ripida strada boscosa verso Anse Caffard.
Chiesa Lamentina
Residenti di fronte a una chiesa pittoresca e appuntita.
Le Diamant
La barca a vela naviga davanti alla roccia di Diamant.
Faina
Pescatori al largo di Anse d'Arlet.
Casa du Bagnard
I visitatori danno un'occhiata alla Maison du Bagnard, vicino al monumento Cap110.
Ciao Kitty Beach
Bagnante su una spiaggia nel nord dell'isola di Martinica.
spiaggia dell'isola
Le famiglie si rilassano sulla tranquilla spiaggia del mare della Martinica.
Vaghiamo per la Martinica con la stessa libertà dell'Euro e le bandiere tricolori sventolano sovrane. Ma questo pezzo di Francia è vulcanico e lussureggiante. Appare nel cuore insulare delle Americhe e ha un delizioso sapore d'Africa.

La pesca tradizionale si svolge nella Grande Anse d'Anses-d'Arlets, una delle tante calette frastagliate della Martinica.

Si aggiunge un piccolo pubblico, incuriosito dai metodi poco ortodossi del lavoro. I pescatori su una piccola barca gettano una rete nell'acqua che formano un cerchio.

Imprigionano così innumerevoli pesci che un altro, dotato lo snorkeling immersioni da riparare e catturare.

La baia da cui ci godiamo la scena è anche un piccolo paradiso. Intere famiglie di metri (francesi della metropoli) occupano l'estremità del molo più lungo o seguono l'azione dal ponte delle loro barche a vela.

Alcuni sono di Nantes, altri di Marsiglia e altri ancora della Corsica.

Condividono il privilegio di viaggiare con il vento.

Martinica, Antille francesi, Caraibi Marina naturale

Innumerevoli piccole imbarcazioni si godono la calma assicurata da una baia nel sud della Martinica

Fanno lunghe soste Dipartimenti e regioni d'oltremare.

La colonizzazione del non ritorno dei Békés

Nel corso della storia coloniale delle Antille, molte di queste famiglie avventurose sbarcarono in Martinica e nei dintorni Guadalupe dove hanno trovato un clima caldo e opportunità di affari e condizioni di vita eccezionali.

Non sono più tornati. Si stabilirono, occuparono terre, comprarono schiavi e si arricchirono con l'esportazione di zucchero e rum.

Martinica, Antille francesi, Caraibi, Clement che ospita tini di rum

Grandi tini della distilleria di rum Habitatión Clément.

Divennero noti come Békés, termine dall'origine controversa. Può derivare dall'espressione "eh bé qué?" che i primi coloni adattarono da “eh bene quois?", come nel titolo "blancs di cui” (bianchi dei moli, perché i coloni controllano tutte le merci) o anche nell'acronimo BK, nato per abbreviare “Blanc kréyol".

Qualunque sia la versione attuale, i Béké costituiscono, oggi, una piccolissima parte della popolazione della Martinica (3000 su quasi 400.000 abitanti). Anche se solo pochi mantengono lo status di grandi capi, la loro "classe" possiede molte delle aziende più redditizie.

Loro sono il Békés e i governi regionali e metropolitani sono i soliti sospettati ogni volta che il costo della vita sull'isola diventa insopportabile, cosa che la popolazione è abituata a verificare nei prezzi praticati nei tanti supermercati, ipermercati e grandi magazzini della Martinica ed “esportati” da la metropoli dell'isola, Carrefour, do 8 à Huit, Leader Price, tra gli altri.

Oggi gli abitanti contestano le inevitabili ingiustizie sociali di una colonia con un passato più che coloniale, schiavista. Assumono con orgoglio tradizioni e valori africani, ma non di rado, la loro famosa finezza nel dialogo e nel trattamento assimilato dei coloni.

Così come altre impressionanti espressioni della francofonia, come la passione per il ciclismo, il bocce e altri.

E il successo della Martinica nella sfera francofona

Basta guardare il numero di personaggi importanti di origine martinicana o di sangue che rappresentano la Francia – Nicolas Anelka, Abidal, Wiltord, Raphael Varane solo nel mondo del calcio – per capire la gravità del fenomeno.

Al contrario, i francesi che si trasferiscono definitivamente in Martinica, all'inizio solo per lavoro o per vacanza, finiscono per godere di innumerevoli ricompense naturali.

Martinica, Antille francesi, Caraibi, famiglia sulla spiaggia

Spiaggia di sabbia nera su uno degli anelli vulcanici.

La costa irregolare dell'isola nasconde insenature e baie profonde e idilliache e villaggi con piccole chiese coloniali colorate che si affacciano su lunghe passerelle e sabbie bianche o nere come quelle di Anses d'Arlets, sulla costa che si affaccia sui Caraibi o su quelle di Presqu'ile de La Caravelle, colpito dall'Oceano Atlantico.

Queste sono le spiagge e le zone di bar e ristoranti sabbiosi dove passano le metropolitane, lì per mancanza di banani, sotto le chiome degli alberi di cocco, sempre attrezzati con i loro frigoriferi, ombrelloni e lo snorkeling.

Martinica, Antille francesi, Caraibi, spiaggia tropicale

Le famiglie si rilassano sulla tranquilla spiaggia del mare della Martinica.

Lo fanno principalmente durante i periodi di vacanza europei e da dicembre ad aprile, quando la pioggia cade solo di tanto in tanto.

Alla scoperta della costa orientale della Martinica

Da qualche parte sulla costa orientale, tra Le François e Le Robert, abbiamo superato una riserva d'acqua fangosa circondata dall'erba. Senza aspettarselo, troviamo una mandria di mucche che gli gira intorno in fila e senza fretta, senza il pastore che l'aveva seguito in testa a cercare di mettere ordine in un sottogruppo smarrito.

Davanti a noi troviamo una nuova spiaggia. Si ripete la scena delle famiglie che fanno picnic, praticano sport o sonnecchiano all'ombra della vegetazione tropicale in riva al mare.

Isola della Martinica, Antille francesi, Caraibi, spiaggia di Hello Kitty

Bagnante su una spiaggia nel nord dell'isola di Martinica.

Abbiamo ancora riso e ci siamo divertiti con la canoa improvvisata di coppia sui generis – uno dell'equipaggio, piccolissimo bianco, l'altro molto ingombrante nero – che, munito di pagaie, fa del suo meglio per sopperire alla mancanza di vele e motore del guscio di noce in cui si sono susseguiti.

La lunga visita di Paul Gauguin

In un modo sicuramente meno balneare, Paul Gauguin si è rivelato uno dei primi metri sedotto dalla Martinica. Gauguin ha guadagnato molta notorietà grazie ai dipinti di donne tahitiane.

Eppure, sono stati i suoi legami ancestrali peruviani e l'affinità con il Sud America e i Caraibi che hanno suscitato il suo desiderio di fuggire in una terra selvaggia.

Al suo primo tentativo, lasciò la sua nativa Parigi e, nel 1887, scrisse alla moglie per informarlo che era partito per Panama. Poco dopo fu costretto a lavorare al Canale che i francesi avevano recentemente progettato e costruito.

Solo qualche tempo dopo riuscì a stabilirsi in una capanna in Martinica, pronto a dipingere ciò che più lo ispirava. Fu in Martinica che realizzò i suoi primi paesaggi esotici su tela e si liberò dall'impressionismo del celebre mentore Pizarro.

Gauguin rimase incantato dalla bellezza vulcanica di calette come Anse Turin, affacciate sull'affascinante montagna della Pelée che, ogni tanto, fumava e, 15 anni dopo, si carbonizzava. Saint Pierre e la gente di questa città che Gauguin tanto ammirava.

panoramico, Saint Pierre, Martinica, Antille francesi

Vista panoramica di Saint-Pierre al crepuscolo.

Nel 1887 si ammalò.

Fu rimpatriato nella metropoli gallica dove rimase in convalescenza prima di tornare ad investire nel fascino dei lontani tropici, questa volta nella Polinesia francese.

Anche così, chissà se il tempo trascorso in Martinica non ha innescato la versione locale di uno dei traumi ricorrenti dell'universo francofono: la fotofobia.

Fascino caraibico di Anses Successivi

Prima di lasciare la Grande Anse d'Anses-d'Arlets abbiamo individuato due pittoreschi vecchi in una tranquilla conversazione tra un cortile e il mare. Abbiamo chiesto se possiamo fotografarli. In questa occasione abbiamo ricevuto una risposta frontale: “No, mi dispiace ma no.

Mia sorella una volta disse di sì a un turista. Ora è sulle cartoline di tutta l'isola. E cosa ne ricaviamo? Qualsiasi cosa!"

Un vicino di questo vecchio si dimostra più aperto all'idea.

Martinica, Antille francesi, Caraibi, Abitante Grande Anse d'Arlets

Uno degli spiriti anziani della Grande Anse d'Arlet.

Eri molto più vecchio di quella coppia indignata rappresentava altre ingiustizie, quelle veramente difficili da sopportare e resistere, così come, pochi chilometri più a sud, l'arte e la memoria ci obbligano a ricostituire.

Siamo arrivati ​​ad Anse Caffard, vicino al villaggio di Diamant. Lì troviamo il monumento alla schiavitù di Cap 110, costruito nel 1998, in occasione del 150° anniversario della sua abolizione.

La scultura è stata ispirata dal tragico affondamento di una nave negriera sull'infida costa al largo, sopravvissuta a ottanta passeggeri forzati, prelevati dal responsabile di una vicina locanda.

Isola Martinica, Antille francesi, Monumento caraibico Cap 110

Il visitatore esamina il monumento alla schiavitù del Cap 110, eretto nel 150° anniversario della sua abolizione

Allinea le sue anonime figure di pietra, di fronte al mare e all'emblematica roccia del Diamante. Si ricorda, quindi, l'ultimo dei relitti di navi negriere ritrovati in Martinica.

In un modo pieno di ironia mentre piccole barche a vela costeggiano lo scoglio con la pace e l'eleganza della loro classe da diporto e si preparano a momenti di pace e svago.

Martinica, Antille francesi, Caraibi, Le Diamant

La barca a vela naviga davanti alla roccia di Diamant.

Rivalità storica con i vicini attraverso la Manica

Gli inglesi esploravano da tempo altre isole dei Caraibi e mostravano interesse per i territori gallici d'oltremare. Finirono per invadere la Martinica nel 1794. Rimasero fino al 1815.

Era un periodo in cui i contadini locali – tra cui la famiglia di Josephine de Beauharnais, futura moglie di Napoleone Bonaparte, nata sull'isola – colsero l'occasione per aggirare l'ondata di abolizionismo che la Rivoluzione francese aveva generato e in cui vendevano il loro zucchero sul mercato inglese invece che francese.

Con la fine delle guerre napoleoniche, gli inglesi furono costretti a restituire la Martinica ai coloni originari. L'impero francese ha riacquistato la sua stabilità. Da allora, non solo l'amata colonia delle Antille non è più andata perduta, ma l'ha integrata nel territorio spargo e sfaccettato della Repubblica a cui diede origine la Rivoluzione francese.

Martinica, Antille francesi, Caraibi, verde campagna

Scenario verdeggiante della Martinica orientale.

Nell'entroterra, la Martinica ha anche numerosi incantesimi sfuggenti oltre i Flores che erano alla genesi confusa del suo nome. All'inizio di cui si hanno notizie, l'isola era chiamata Jouanacaera-Matinino dagli indiani Taino di Hispaniola e solo Jouanacaera dai Caraibi, che significava l'isola delle Iguane.

Quando Cristoforo Colombo vi tornò dopo averlo visto per la prima volta nel 1493, scatenò un processo di adattamento dei nomi Madinina, Madiana e Matinite che portò all'attuale nome di Martinica.

Montagne verdi, foresta pluviale e piantagioni di canna da zucchero

la catena montuosa di Pitons du Carbet sale a 1100 metri. Appare ricoperto da una rigogliosa vegetazione che, a seconda dell'altitudine, presenta felci, viti e persino foreste di bambù, mogano e palissandro.

Queste aree sono troppo ombrose per lo scopo, ma altre vaste aree dell'isola sono ricoperte da piantagioni di ananas.

E, soprattutto, la canna da zucchero, sua produzione storica per eccellenza e ragion d'essere di innumerevoli abitazioni (leggi fattorie agricole) che dal XNUMX° secolo trasformavano zucchero e distillato rum in quantità industriali assicurando così le fortune dei proprietari.

Isola Martinica, Antille francesi, Caraibi, Edificio H. Clément

Edificio Habitation Clément, famoso storico produttore di rum.

Oggi il patrimonio immobiliare e culturale di queste proprietà fa parte del patrimonio inalienabile dell'isola. Lo apprezziamo in uno dei più emblematici, il Clément Domaine de L'Acajou.

Lo degustiamo anche in attraenti bancarelle di strada o sulla spiaggia piene di bottiglie di tutti i colori. Più che un'identità della Martinica, il piantatore anima i cuori e avvicina le differenze.

Martinica, Antille francesi, Caraibi, molo di Anse d'Arlet

I residenti condividono il lungo molo di Anse d'Arlet.

Il delizioso rum nella moda Fioriera

Jean-Toti ne è consapevole quanto lo è dei suoi denti da bugiardo.

Mentre assaggiamo il suo rum alla frutta alla ricerca degli aromi e dei sapori più stimolanti, si impegna a servirci innumerevoli mini shot e dar da mangiare a una vivace cavaqueira.

Martinica, Antille francesi, Caraibi, rum Planteur

Una bancarella piena di bottiglie di rum planteur.

Quando finiamo il round, abbiamo l'orribile sensazione che siamo tutti uguali. “Beh, sarò io a sceglierti delle bottiglie, giusto?

Non c'è bisogno che mi dica di più, sono abituato a supportare i clienti in questi loro drammi, soprattutto i nuovi arrivati ​​dall'Europa che atterrano senza alcuna resistenza al nostro unguento. In effetti, ho anche un altro prezioso suggerimento per te.

Non andare ora! Siediti accanto a noi. Mangia qualcosa, manda dei tuffi. Goditi la vita senza inibizioni, ci saranno pochi posti anche ai Caraibi dove puoi trovare un due in uno dei migliori nostri e tuoi”.

Saint-Pierre, Martinique

La città che risorge dalle ceneri

Nel 1900, la capitale economica delle Antille era invidiata per la sua raffinatezza parigina, finché il vulcano Pelée non la carbonizzò e la seppellì. Più di un secolo dopo, Saint-Pierre si sta ancora rigenerando.
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Virgin Gorda, Ilhas Virgens Britânica

I "Caraibi" divini di Virgin Gorda

Alla scoperta delle Isole Vergini, sbarchiamo su un seducente mare tropicale punteggiato da enormi rocce granitiche. I bagni sembrano usciti dal Seychelles ma sono uno degli ambienti marini più esuberanti dei Caraibi.
Fort-de-France, Martinique

Libertà, Bipolarità e Tropicalità

Nella capitale della Martinica si conferma un'affascinante estensione caraibica del territorio francese. Lì, i rapporti tra i coloni ei discendenti indigeni degli schiavi danno ancora origine a piccole rivoluzioni.
Guadalupe, Antille Francesi

Guadalupa: un delizioso Caraibi, in Butterfly Counter-Effetto

La Guadalupa ha la forma di una falena. Basta un giro delle Antille per capire perché la popolazione è guidata dal motto Pas Ni Problem e alza il numero minimo di onde, nonostante le tante battute d'arresto.
Soufriere, Santa Lucia

Le Grandi Piramidi delle Antille

In piedi sopra una costa lussureggiante, le cime sorelle Chiodi sono il segno distintivo di Santa Lucia. Sono diventati così iconici che hanno un posto riservato nelle note di testa dei dollari dei Caraibi orientali. Accanto, i residenti dell'ex capitale Soufrière sanno quanto sia preziosa la loro vista.
Laguna de Oviedo, Repubblica Dominicana

Il (Nulla) Mar Morto della Repubblica Dominicana

L'ipersalinità della Laguna de Oviedo varia a seconda dell'evaporazione e dell'acqua fornita dalla pioggia e scorre dalla vicina catena montuosa del Bahoruco. Gli indigeni della regione stimano che, di regola, abbia un livello di sale marino tre volte superiore. Lì scopriamo prolifiche colonie di fenicotteri e iguane, tra le molte altre specie che compongono questo uno degli ecosistemi più esuberanti dell'isola di Hispaniola.
Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani

Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.
Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Argento della casa domenicana

Puerto Plata è il risultato dell'abbandono di La Isabela, il secondo tentativo di una colonia ispanica nelle Americhe. Quasi mezzo millennio dopo lo sbarco di Colombo, inaugurò l'inesorabile fenomeno turistico della nazione. In un lampo attraverso la provincia, vediamo come il mare, le montagne, la gente e il sole dei Caraibi la fanno splendere.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Ombra vs Luce
Architettura & Design
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Aventura
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Isola di Miyajima, Shintoismo e Buddismo, Giappone, Porta dell'Isola Santa
Cerimonie e Feste
Miyajima, Giappone

Shintoismo e buddismo al gusto delle maree

I visitatori del tori di Itsukushima ammirano una delle tre ambientazioni più venerate del Giappone. Nell'isola di Miyajima, la religiosità giapponese si fonde con la Natura e si rinnova con il flusso del Mare Interno di Seto.
Concorso del boscaiolo dell'Alaska, Ketchikan, Alaska, Stati Uniti
Città
Ketchkan, Alaska

Qui inizia l'Alaska

La realtà passa inosservata alla maggior parte del mondo, ma ce ne sono due Alaska. In termini urbanistici, lo Stato si inaugura a sud del suo nascosto cavo di padella, una striscia di terra separata dal resto EUA lungo la costa occidentale del Canada. Ketchikan, è la più meridionale delle città dell'Alaska, la sua capitale della pioggia e la capitale mondiale del salmone.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Chiesa Ortodossa Bolshoi Zayatski, Isole Solovetsky, Russia
Cultura
Bolshoi Zayatsky, Russia

Misteriose Babilonia russe

Una serie di labirinti a spirale preistorici fatti di pietre decorano l'isola Bolshoi Zayatsky, parte dell'arcipelago delle Solovetsky. Privati ​​di spiegazioni su quando sono stati eretti o cosa significano, gli abitanti di questi angoli settentrionali d'Europa li trattano come vaviloni.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Atterraggio in aereo, spiaggia di Maho, Sint Maarten
In viaggio
Maho Beach, Sint Maarten

La spiaggia caraibica a propulsione a reazione

A prima vista, l'aeroporto internazionale Princess Juliana sembra essere solo un altro dei vasti Caraibi. I successivi atterraggi poco profondi sulla spiaggia di Maho che ne precede la pista, i decolli di jet che distorcono i volti dei bagnanti e li proiettano in mare, ne fanno un caso speciale.
Etnico
São Nicolau, Capo Verde

Fotografia di Nha Terra São Nicolau

La voce del defunto Cesária Verde ha cristallizzato i sentimenti dei capoverdiani costretti a lasciare la loro isola. chi visita São Nicolau o, qualunque esso sia, ammirare immagini che lo illustrano bene, capire perché la sua gente lo chiama, per sempre e con orgoglio, nha terra.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Storia
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
La Digue, Seychelles, Anse d'Argent
Isole
La Digue, Seychelles

Granito tropicale monumentale

Le spiagge nascoste da una giungla lussureggiante, fatte di sabbia corallina bagnata da un mare turchese-smeraldo, sono tutt'altro che rare nell'Oceano Indiano. La Digue si è ricreata. Intorno alla sua costa spuntano massicci scogli che l'erosione ha scolpito come un eccentrico e solido omaggio del tempo al Natura.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Letteratura
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Natura
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Namibe, Angola, Grotta, Parco Iona
Parchi Naturali
Namibe, Angola

Incursione nel Namibe angolano

Alla scoperta del sud dell'Angola, lasciamo Moçâmedes per l'interno della provincia desertica. Per migliaia di chilometri su terra e sabbia, l'asprezza del paesaggio non fa che rafforzare lo stupore della sua vastità.
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Viaggi in barca

Per coloro che si stancano di navigare in rete

Sali a bordo e lasciati trasportare da imperdibili gite in barca come l'arcipelago filippino di Bacuit e il mare ghiacciato del Golfo di Botnia finlandese.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Balo Beach Creta, Grecia, l'isola di Balos
Spiagge
Balos a Seitan Limani, Creta, Grecia

L'olimpo balneare di Chania

Non è solo Chania, la polis secolare, immersa nella storia mediterranea, nell'estremo nord-est di Creta ad abbagliare. Rinfrescandola, i suoi abitanti e visitatori, Balos, Stavros e Seitan, tre delle coste più esuberanti della Grecia.

Golden Rock di Kyaikhtiyo, Buddismo, Myanmar, Birmania
Religione
Monte Kyaiktiyo, Myanmar

La roccia dorata ed equilibrata del Buddha

Stavamo andando alla scoperta di Rangoon quando abbiamo scoperto il fenomeno Rocha Dourada. Abbagliati dal suo equilibrio dorato e sacro, ci uniamo al già secolare pellegrinaggio dei birmani al monte Kyaiktyo.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
Erika Mae
Società
Filippine

I proprietari della strada filippina

Con la fine della seconda guerra mondiale, i filippini consegnarono migliaia di jeep americane abbandonate e crearono il sistema di trasporto nazionale. Oggi, l'esuberante jeepneys sono per le curve
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
Vita quotidiana
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Tartaruga appena nata, PN Tortuguero, Costa Rica
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Una notte all'asilo nido Tortuguero

Il nome della regione del Tortuguero ha una ragione evidente e antica. Le tartarughe marine dell'Atlantico e dei Caraibi si sono riversate a lungo sulle spiagge di sabbia nera della sua stretta costa per deporre le uova. In una delle notti trascorse a Tortuguero, abbiamo assistito alle loro nascite frenetiche.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.