Seixal, Madeira, Portogallo

L'isola di Madeira di Cuore


Il vecchio ER-101
Piscina occupata
La fede sopra l'abisso
Spiaggia Laje II
Case esposte a nord
Velo della sposa
Eden vulcanico
Casa in curva
piscina atlantica
il villaggio
Tunnel al mare
Seixal e il Grande Nord
Velo della sposa II
La nuova spiaggia
La spiaggia di Laje
Convivialità marina
Le scarpate del villaggio
I visitatori di Madeira sono incantati dal suo dramma quasi tropicale. In questo caso, l'autore deve confessare che fu la meta dei suoi primi tre viaggi in aereo. Che ha un amico di lì, che lo ha fatto essere un po' di lì. Da Madeira verso l'infinito Nord. Dall'impavido e accogliente Seixal.

Degno di nota il fatto di avere un volo di debutto, il giorno di Natale, con atterraggio all'aeroporto di Funchal.

Che dire poi, quando, dopo quell'approdo, c'è un viaggio in auto tra Funchal e Seixal, lungo la vecchia strada.

Passarono due decenni. La memoria indugia. Hostess ed esperta di strada, Sofia Lima si mette al volante.

Ci porta su e giù per i burroni letali tra São Vicente e Seixal, con la sicurezza di un pilota di rally che ci lascia tra l'entusiasmo e la paura.

Entriamo ed usciamo da tunnel con superfici poco levigate che dimostrano il duro lavoro di picconi e simili, iniziato nel 1950 e reso popolare come “trafitto”.

Lasciandoli, ci rimane l'Atlantico di fronte o di lato, spesso molto al di sotto, dove le onde puniscono le scogliere.

In pieno inverno, le cascate bagnano la stradina e lavano a forza l'auto.

Grandi ciottoli basaltici che si accumulano accanto al muro che protegge i veicoli dalle immersioni nell'oceano, ci ricordano che non è solo acqua che cade lì.

Hanno sottolineato il fatto ovvio che ogni viaggio a Seixal era un'avventura. E Seixal non aveva nemmeno iniziato.

Siamo arrivati ​​verso sera. Ci sistemammo nella locanda che Sofia ci aveva riservato.

Poco dopo, stiamo bevendo qualcosa al "Arcobaleno” l'inevitabile bar del villaggio, Manelito e Carlucho. E conoscere i compari della padrona di casa.

Seixal, gli Oitava, i Lapinha e una festa sfrenata

Dura finché dura. A Madeira, tradizioni come la fede cattolica sono prese sul serio.

Nel calendario, il 26 dicembre detta le Ottave di Natale, tanto venerate che le autorità dichiararono il giorno festa regionale.

Seixal, l'isola di Madeira, il villaggio

È consuetudine andare di casa in casa, nella versione religiosa, apprezzando le lapinhas (leggi presepe) dei vicini.

Nella pratica profanata, l'usanza funge da pretesto per una baldoria tanto itinerante quanto radicata.

Più che sfoggiare la lapinha della casa, ogni famiglia accoglie i visitatori con cibi e bevande avanzati dal Natale (ma non solo) e ordinati. Nelle bevande, in particolare, ci sono whisky e vecchi brandy, vino fatto in casa prodotto con uve di jackfruit locali e molti altri.

Si offrono allo straniero con una gentilezza e una fermezza che non sembrano ammettere il rifiuto. Col passare del tempo, accettarli produce effetti inaspettati.

Quando iniziano le visite, gli amici di Lisbona restano uniti. A metà strada, senza nemmeno sapere come, il gruppo si divide in diverse case a Seixal.

Ricordo di averne visitati alcuni da solo. Uno di loro apparteneva a una coppia di emigranti appena rientrati dal Sudafrica, orgogliosi di poter degustare il vino jaqué che li legava alla terra. A Seixal e Madeira.

Più tardi, siamo tornati insieme nel "Arcobaleno”. Al bancone, intorno al biliardino e ancora Coral Tonic. Ognuno con le sue fantastiche storie da raccontare.

Come avremmo capito, a Seixal, gli Oitavos sono durati tipo tutta la settimana. La scoperta dello scenario mozzafiato del villaggio e dei suoi dintorni ha compensato il risveglio tardivo e un po' postumi di una sbornia all'hotel "Brisa Mar".

Pochi giorni dopo siamo tornati a Lisbona. Con vite ancora brulicanti di tutto ciò che avevamo vissuto a Seixal. Con nuove amicizie, alcune di tagliapietre, poi, che vivono sulla terraferma.

Il ritorno estivo a Seixal

Siamo arrivati ​​alle vacanze estive. Marques, uno di quei muratori con cui sono rimasto in contatto, mi invita a tornare. Offrimi un soggiorno nella casa di famiglia. Accetto volentieri l'invito.

Filipe, uno dei fratelli di Marques, all'epoca e come tanti madeirani, ancora emigrante a Caracas, in Venezuela, pescava in mare aperto, di regola, davanti al molo e alle piscine naturali.

Giorno dopo giorno, così ci assicura il pesce fresco che sua madre cucina per i pasti, accompagnato da patate dolci e semola bollite, raccolte nell'orto di casa.

Invece degli Oitavos e dei Lapinhas natalizi, sono le feste estive a Seixal e nelle città vicine a giustificare i festeggiamenti e l'inevitabile follia.

In piena estate, questo divertimento ha una deliziosa zona balneare. Nelle piscine naturali di Seixal. Fuori dal molo. A Poça do Mata Sete, battezzato con la verità della tragedia, per quanto struggente possa essere stata.

E, poco distante, ma dall'altra parte della serietà, Praia da Laje, che i locali chiamano Jamaica per l'aspetto tropicale delle palme piantate lì qualche anno fa.

Nonostante la bonaria fantasia caraibica, il suo lungomare non ha tracce di sabbia bianca o corallo.

È ricoperto da grossi ciottoli basaltici che le onde continuano a levigare e che ispirano lo stemma del paese, alla base di un ciottolo complementare (albero).

All'epoca di questa evasione balneare, non esisteva nemmeno la spiaggia di sabbia nera adiacente al porto, che oggi attrae in paese migliaia di visitatori ogni anno.

Quando ci faccio il bagno con vista sul grandioso paesaggio dell'est del nord, confermo che è la migliore spiaggia dell'isola di Madeira.

Quindi lo classificherei anche se mi ritenessi esente.

L'incredibile monumento della strada dorata

Torniamo lungo la vecchia strada e le sue gallerie tra São Vicente e Seixal. Li esaminiamo con l'attenzione che meritano.

Comprendiamo il lavoro, la prodigiosa ingegneria e i costi che richiedeva, a tal punto che divenne nota come la Strada d'Oro del Portogallo.

Per arrivare al vero valore dell'opera, forse è meglio prestare attenzione ai ritardi della vita che essa ha risolto. Per molto tempo Porto Moniz è stato raggiungibile solo dal sud dell'isola.

E, nei periodi di maltempo, un viaggio tra le Funchal e Seixal (oggi 40 km, 50 minuti), è stato fatto sotto forma di montagne russe, su e giù per la cresta di Encumeada. Potrebbero volerci quattro ore.

O cinque. O qualunque cosa fossero, a seconda di ciò che il destino aveva in serbo.

Più di due decenni dopo, sulla via del ritorno a Madeira e Seixal, percorriamo molti dei tunnel moderni e spaziosi che collegano le città all'interno dell'isola.

Oggi, tra vecchio e nuovo, più di 150 tunnel fanno di Madeira un'isola del formaggio svizzero.

Quelli di João Delgado e Seixal, hanno sostituito l'audace ER-101, che è diventata un'attrazione storica e turistica, ancora con il suo tocco avventuroso.

Disavventure nel vecchio ER101

Lasciamo la strada moderna. Entriamo in quello vecchio, impegnati a recuperare la sensazione di com'è stato percorrerlo. Pochi istanti dopo, ce ne siamo pentiti.

I resti della strada sembrano ancora più stretti di quanto ricordassimo.

È bagnato da diverse cascate di cui non riusciamo a capire l'origine.

Parti dell'asfalto consumato sono punteggiate da schegge di basalto cadute anche dall'alto, impercettibilmente da lì, delle rupi.

Piuttosto che giocosa, l'esperienza si rivela spericolata. Invertiamo la marcia il più velocemente e meglio che possiamo, nella tenuta e nell'imminenza del precipizio, con l'Atlantico, molto più in basso, che si insinua.

Non lo sapevamo ancora, ma l'audacia ha un prezzo. Nel pomeriggio ci siamo resi conto che una delle schegge di basalto aveva provocato una lenta foratura di una gomma. Quando siamo passati da São Vicente, abbiamo perso tempo a ripararlo.

Terminata la manovra, siamo tornati in sicurezza sulla nuova strada.

Ci rifugiamo al punto panoramico Véu da Noiva, l'emblematica cascata che si tuffa a 110 metri nel mare, di fronte al vecchio tracciato dell'ER-101.

Un villaggio tanto in pendenza quanto fertile

Se Madeira è ripida e vertiginosa, Seixal ne abusa.

L'insediamento della costa settentrionale dell'isola e del villaggio ha richiesto una forte determinazione e un ingegno coerente. La maggior parte delle sue case si trova tra scogliere e baratri.

Gli orti e le coltivazioni sono sempre in declivio, come i vigneti locali, disposti in terrazzamenti conquistati dalle zone meno scoscese delle rupi, protetti dal vento e dalle intemperie da barriere di erica e felci frondose.

Anche prodotte in ridotte che qualsiasi estraneo classificherebbe come inutilizzabili e in piccole quantità, le uve Seixal sercial sono resistenti alla gravità, alla muffa e all'oidio. Hanno arricchito da tempo i buoni vini di Madeira, quelli più secchi.

L'irrigazione di queste viti e di altre colture dipende dall'uso dell'acqua del torrente che scende dalla cima del Fanal e che divide il villaggio quasi a metà, attraverso le levadas e i canali in cui Madeirans e seixaleiros sono diventati esperti.

L'ultima volta che abbiamo visitato Seixal, lo abbiamo fatto come parte di un progetto molto più ampio sull'isola di Madeira, al di fuori del Natale – Capodanno, il periodo del festival o qualsiasi altra festività.

Non siamo rimasti lì a dormire e siamo riusciti a vedere solo due o tre delle persone che conoscevamo lì.

Seixaleiros che partono, Seixaleiros che ritornano

Dal 1950, la remota Seixal ha perso popolazione, principalmente a causa della diaspora in Venezuela, Sud Africa, Australia e molte altre destinazioni. In questo periodo il paese è passato da 1360 abitanti a soli 656, nel 2011.

Ci rendiamo conto però che il prestigio turistico di Madeira, che da diversi anni è eletto”La migliore destinazione dell'isola nel mondo”, l'attrazione della spiaggia di sabbia nera e l'accesso facilitato dai tunnel portano ora molti più visitatori lì e dai quattro angoli del mondo.

Allo stesso tempo, l'atroce realtà in cui vive il Venezuela e la violenza in Sud Africa, hanno fatto tornare molti emigranti di Madeira.

Anche se non parlano più portoghese, alcuni aprono piccole imprese con le quali cercano di rifarsi la vita. Anche se mancano i grandi profitti di altre fermate.

Anche se hanno solo una vista verso il Nord e l'immenso Atlantico.

Li riceve, come ha accolto noi, l'abbraccio subtropicale ed edenico di Seixal.

Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Parco Forestale di Ribeiro Frio, Madeira

Ribeiro Frio in Cima, sul Sentiero dei Balcões

Questa regione dell'interno alto di Madeira si occupa da molto tempo del ripopolamento della trota iridea dell'isola. Tra i vari sentieri e levadas che convergono nei suoi vivai, il Parque Florestal Ribeiro Frio nasconde panorami grandiosi su Pico Arieiro, Pico Ruivo e la valle della Ribeira da Metade che si estende fino alla costa settentrionale.
Ilheu de Cima, Porto Santo, Portogallo

La prima luce di coloro che navigano dall'alto

Fa parte del gruppo di sei isolotti intorno all'isola di Porto Santo, ma è ben lungi dall'essere solo uno in più. Nonostante sia la soglia orientale dell'arcipelago di Madeira, è l'isolotto più vicino alla popolazione di Porto. Di notte fa anche il tifoso che conferma la giusta rotta per le navi provenienti dall'Europa.
Sentiero Terra Chã e Pico Branco, Porto Santo

Pico Branco, Terra Chã e altri capricci di Ilha Dourada

Nel suo angolo nord-est, Porto Santo è qualcos'altro. Con le spalle rivolte a sud e verso la sua ampia spiaggia, scopriamo una costa montuosa, ripida e persino boscosa, piena di isolotti che punteggiano un Atlantico ancora più blu.
Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo

Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.
Aldeia da Cuada, Isola di Flores, Azzorre

L'Eden delle Azzorre tradito dall'altra Sponda del Mare

Cuada è stata fondata, si stima che nel 1676, vicino alla soglia ovest di Flores. Nel XNUMX° secolo, i suoi residenti si unirono alla grande fuga precipitosa delle Azzorre verso le Americhe. Hanno lasciato un villaggio meraviglioso come l'isola e le Azzorre.
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Vulcano Capelinhos, Faial, Azzorre

Sulla pista del mistero di Capelinhos

Da una costa dell'isola all'altra, attraverso le nebbie, le macchie di pascolo e le foreste tipiche delle Azzorre, sveliamo Faial e il Mistero del suo vulcano più imprevedibile.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

L'East End, qualcosa di extraterrestre a Madeira

inospitale, dai toni ocra e dalla terra cruda, Ponta de São Lourenço appare spesso come la prima vista di Madeira. Quando la percorriamo, rimaniamo abbagliati soprattutto da ciò che non è la più tropicale delle isole portoghesi.
Levada do Caldeirao Verde, Madeira, Portogallo

Acqua Sopra, Acqua Sotto

È solo uno degli oltre cento prodigiosi sistemi di canali che gli abitanti di Madeira costruirono per irrigare i raccolti. Il suo scenario verdeggiante, ripido e drammatico fa sì che i visitatori dell'isola scorrano continuamente lungo la levada di Caldeirão Verde.
Faro, Madeira, Portogallo

Fanale. Un Pascolo un po' Surreale

Irrigati dalle nuvole che arrivano dal Nord Atlantico, i rigogliosi e verdi altopiani del Fanal sono ideali per il pascolo del bestiame. Il bestiame sembra già far parte del paesaggio magico e nemmeno le incursioni umane come la nostra sembrano intaccare la loro routine.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Safari
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Bay Watch Hut, Miami Beach, spiaggia, Florida, Stati Uniti,
Architettura & Design
Miami Spiaggia, EUA

La spiaggia di tutte le vanità

Poche coste concentrano, allo stesso tempo, tanto calore e manifestazioni di fama, ricchezza e gloria. Situata nell'estremo sud-est degli Stati Uniti, Miami Beach è accessibile tramite sei ponti che la collegano al resto della Florida. È magro per il numero di anime che lo desiderano.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Scena di Natale, Shillong, Meghalaya, India
Cerimonie e Feste
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Scogliere sopra la Valle della Desolazione, vicino a Graaf Reinet, Sud Africa
Città
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Kiomizudera, Kyoto, un Giappone millenario quasi perduto
Cultura
Kyoto, Giappone

Un Giappone millenario quasi perduto

Kyoto era nella lista dei colpi della bomba atomica degli Stati Uniti ed era più di un capriccio del destino a preservarla. Salvata da un Segretario alla Guerra americano innamorato della sua ricchezza storico-culturale e della sontuosità orientale, la città è stata sostituita all'ultimo minuto da Nagasaki nell'atroce sacrificio del secondo cataclisma nucleare.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
In viaggio
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Case in miniatura, Chã das Caldeiras, vulcano Fogo, Capo Verde
Etnico
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan “francese” alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Egitto tolemaico, da Edfu a Kom Ombo, Nilo sopra, la guida spiega i geroglifici
Storia
da Edfu a Kom Ombo, Egitto

Nilo in alto, da tolemaico dell'Alto Egitto

Dopo aver completato l'inevitabile ambasciata a Luxor, l'antica Tebe e la Valle dei Re, si procedeva controcorrente del Nilo. In Edfu e Kom Ombo, ci arrendiamo alla magnificenza storica lasciata in eredità dai successivi monarchi Tolomeo.
Magnifiche giornate atlantiche
Isole
Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Aurora boreale, Laponia, Rovaniemi, Finlandia, Fire Fox
bianco inverno
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
silhouette e poesia, cora coralina, old goias, brasile
Letteratura
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Victoria Falls, Zambia, Zimbabwe, Zambesi
Natura
Victoria Falls, zimbabwe

Dono tonante di Livingstone

L'esploratore stava cercando una rotta per l'Oceano Indiano quando gli indigeni lo portarono a un salto del fiume Zambesi. Le cascate che trovò erano così maestose che decise di nominarle in onore della sua regina.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Maui, Hawaii, Polinesia,
Parchi Naturali
Maui, Havai

Maui: le divine Hawaii che hanno ceduto al fuoco

Maui è un ex capo ed eroe delle immagini religiose e tradizionali hawaiane. Nella mitologia di questo arcipelago, il semidio prende al laccio il sole, alza il cielo ed esegue una serie di altre imprese per conto degli umani. L'isola omonima, che i nativi credono di aver creato nel Pacifico settentrionale, è essa stessa prodigiosa.
Roça Sundy, Príncipe Island, Teoria della Relatività, Belvedere
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Roca Sundy, Ilha do Principe, São Tome e Principe

La certezza della teoria della relatività

Nel 1919, Arthur Eddington, un astrofisico britannico, scelse il Sundy Garden per provare la famosa teoria di Albert Einstein. Più di un secolo dopo, il nord dell'isola di Príncipe che lo ha accolto è ancora tra i luoghi più belli dell'universo.
Controllo corrispondenza
personaggi
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Isola Martinica, Antille francesi, Monumento caraibico Cap 110
Spiagge
Martinique, Antille Francesi

Baguette caraibiche sotto il braccio

Vaghiamo per la Martinica con la stessa libertà dell'Euro e le bandiere tricolori sventolano sovrane. Ma questo pezzo di Francia è vulcanico e lussureggiante. Appare nel cuore insulare delle Americhe e ha un delizioso sapore d'Africa.
Santo Sepolcro, Gerusalemme, chiese cristiane, sacerdote con stolto
Religione
Basilica del Santo Sepolcro, Gerusalemme, Israele

Il Tempio Supremo delle Chiese Antiche Cristiane

Fu costruito dall'imperatore Costantino sul luogo della crocifissione e risurrezione di Gesù e un antico tempio di Venere. Nella sua genesi, opera bizantina, la Basilica del Santo Sepolcro è oggi condivisa e contesa da diverse confessioni cristiane come il grande edificio unificatore della cristianità.
Veicoli Ferroviari
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
religioso militare, muro del pianto, bandiera del giuramento IDF, Gerusalemme, Israele
Società
Gerusalemme, Israele

Festa al Muro del Pianto

Non solo le preghiere e le preghiere rispondono al luogo più sacro dell'ebraismo. Le sue antiche pietre sono state per decenni testimoni del giuramento di nuove reclute dell'IDF e hanno fatto eco alle grida euforiche che ne sono seguite.
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Pesca, Caño Negro, Costa Rica
Animali selvatici
Caño Negro , Costa Rica

Una vita di pesca tra la fauna selvatica

Una delle zone umide più importanti del Costa Rica e del mondo, Caño Negro abbaglia con il suo esuberante ecosistema. Non solo. Remoti, isolati da fiumi, paludi e strade dissestate, i suoi abitanti hanno trovato nella pesca a bordo una via per rafforzare i legami della loro comunità.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.