Isola di Saona, Repubblica Dominicana

Una Savona nelle Antille


Saona pura
Case dei Tropici
La famiglia
Carro tropicale
Coda Insta
Artigianato vegetale
Viale delle vendite
Statua assordata
ombre al sole
Il turno di polizia a Manu Juan
Banca Pinas Coladas
sbarco
Le aragoste di Manu Juan
Passeggiata in riva al mare
cibi nazionali
Attracco coqueirale
agente petrolifero
Duo Beira-Mar
Avenida das Vendas II
Trio Galleria

Durante il suo secondo viaggio nelle Americhe, Colombo sbarcò su un'incantevole isola esotica. La chiamò Savona, in onore di Michele da Cuneo, marinaio sabaudo che la vedeva come un elemento di spicco della maggiore Hispaniola. Oggi chiamata Saona, quest'isola è uno degli amati eden tropicali della Repubblica Dominicana.

La partenza anticipata di Uvero Alto inizia a rivelarsi dolorosa.

Una volta superato il disagio di poche ore di sonno e abbracciato l'energia contagiosa di Melvin Durán, le ricompense seguono.

Eravamo già sopravvissuti a Bayahibe Bay. Avevamo già assistito alla folla che le decine di guide faticavano a tenere in gruppo e in fila.

Erano chiamate “famiglie”, distinte dai cognomi, o da altri battesimi improvvisati.

Isola di Saona, Repubblica Dominicana, lavoratore haitiano

Con il sole che sorge all'orizzonte, molti dei visitatori si sono rifugiati all'ombra fornita dalla vegetazione sulla soglia nord-ovest del Parco Nazionale di Cotubanamá.

Lì, le infinite zanzare delle mangrovie adiacenti tendevano loro un'imboscata, grate per la pelle liscia e il sangue accessibile degli estranei.

Come hanno fatto i venditori di sigari, occhiali da sole, cappelli e simili, in questi giorni, con Haiti nel caos più assoluto, quasi tutti emigranti dal versante occidentale di Hispaniola.

I capitani responsabili della flotta di motoscafi e catamarani ormeggiati, elaborano una complessa divisione dei passeggeri per barche.

A poco a poco salpano barche e catamarani, la maggior parte con nomi Disney o solo bambini: “Pinocchio”, “Plutone”, “Mini” e così via. Anche con la pigna, hanno salvato il gringos aspettando il paradiso promesso.

Un'incursione privilegiata nella popolare isola di Saona

Lasciando Uvero Alto all'alba, parte di un ristretto gruppo, ci siamo risparmiati questa e altre prove. La barca che ci aspettava lascia la cala, senza segni di gruppi, code o confusione.

Anche nel bel mezzo della stagione delle piogge e degli uragani nei Caraibi, stava nascendo una giornata di sole, brillante da abbinare.

Adagiati sui sedili anteriori, lasciamo che il vento ci massaggii il viso.

Vediamo il faro di Bayahibe cadere dietro e la costa quasi poco profonda e boscosa dell'ovest del Cotubanamá PN si dispiega.

Isola di Saona, Repubblica Dominicana, Faro di Bayahibe

La laguna naturale e tropicale al largo di Playa Palmilla

In pochi minuti raggiungiamo La Palmilla, una zona di acque poco profonde, racchiusa da una barriera corallina al largo della costa.

Lì, il Mar dei Caraibi si trasforma in un turchese traslucido ancora più splendente.

Sotto la piscina naturale di Palmilla, passiamo da tratti di mare occupati dalla reality show "Sopravvissuto”. Melvin, avvisaci delle tue strutture.

Isola di Saona, Repubblica Dominicana, Playa Palmilla

Senza aspettarcelo, ci rendiamo conto che si stanno svolgendo le prove e le rispettive riprese.

Li abbiamo sorpassati in un veloce panorama nautico.

Quindi, abbiamo costeggiato il corallo maculato lungo il Punta Palmillas, estremo sud-ovest del PN Cotubanamá paragonabile allo stivale della penisola italiana.

Non a caso.

La visita pionieristica di Cristoforo Colombo e dell'amico Michele da Cuneo

Uno dei primi europei a vedere questa zona e identificare lo stretto a sud, nel 1494, fu Michele Da Cuneo, durante la seconda spedizione di Cristoforo Colombo nelle Americhe.

Fu Da Cuneo, un marinaio italiano amico di Colombo, che assicurò a lui e all'equipaggio che si trattava di un isola.

Come ricompensa, Colombo gliela diede.

Avanzamento veloce all'alba del XVI secolo.

Dal villaggio di recente fondazione di Santo Domingo, un capitano di nome Juan de Esquivel ei suoi uomini avevano già dominato gran parte della Hispaniola meridionale e centrale.

Fu loro resistito solo ad Adamanay (nome originale di Saona) un gruppo di indigeni guidati da Cotubanamá, un cacicco orgoglioso e carismatico che aveva a lungo impressionato e infastidito i conquistatori.

Infine, nel 1504, gli spagnoli conquistarono Cotubanamá e dominarono i Tainos dell'isola.

Il governatore di Hispaniola, Nicolas de Ovando, arcirivale che odiava Colombo, dettò l'impiccagione del cacicco.

Eliminandolo, aprì la strada alla colonizzazione della Saona a cui stavamo per ancorare.

Lo sbarco mattutino nel villaggio solitario di Manu Juan

Abbiamo attraversato lo Stretto di Catuano.

Quasi al centro della costa meridionale, possiamo vedere una casa con molo.

Sbarchiamo su una sabbia corallina bagnata da dolci onde.

Siamo saliti, prima all'ombra delle palme da cocco, dove abbiamo divorato una provvidenziale colazione.

Poi ci siamo spostati verso un cartello che identificava il PN Cotubanamá. E Manu Juán, l'unico vero villaggio, umile “capitale” dell'isola di Saona.

Melvin Durán ci illumina sul villaggio e sulla sua gente di origini pescherecce.

Lo seguiamo all'interno della casa.

Al quartier generale del SAONI, un'operazione di protezione e studio delle tartarughe di Saona, guidata da El Negro, un residente determinato a garantire la sopravvivenza e la proliferazione delle specie che depongono le uova nelle sabbie circostanti.

Da lì, abbiamo superato la stazione di polizia spartana dell'isola.

All'interno, fotografamo un agente De Oleo, fotogenico e sorpreso, una mano sul cellulare, l'altra nella fondina, sotto un trittico che esulta i fondatori della patria dominicana.

Il "viale" commerciale di Manu Juan, su un mare immacolato

Tornati al mare, incontriamo l'emblematico viale commerciale di Manu Juan, formato da due file di capanne, con tetti di foglie di cocco.

Li troviamo pieni di artigianato, vestiti e cianfrusaglie che i negozianti residenti, quasi sempre allegri e sorridenti, cercano di rifilare agli estranei.

Ancora una volta sulla spiaggia, un pescatore appena sbarcato ci ha mostrato due aragoste vive.

Nelle vicinanze, il bellissimo e giallo stand AVAISA, Associazione dei venditori di Isla Saona espone il pini (ananas) essenziali per le loro rinomate Pinã Coladas.

Ci sentiamo allettati. Nonostante tutto quello che avevamo passato da quando ci eravamo svegliati, erano da poco passate le dieci del mattino.

Resistiamo alla dolce tentazione.

Abbiamo detto addio a Manu Juan. Come si suppone in questo tipo di escursione, più volte sono dedicate al tempo libero balneare.

Melvin ci fa invertire la rotta.

Playa del Toro e Laguna Flamingos, ritorno al punto di partenza

Abbiamo aggirato un rigonfiamento della costa.

Sbarchiamo in una certa Playa del Toro dove riprendiamo la nostra modalità di esplorazione.

Abbiamo attraversato una siepe di palme da cocco e cespugli.

Dall'altra parte ci imbattiamo in un'immensa laguna, dalle acque terrose color senape, investita da un vento che la siepe sembrava sbarrare dalla spiaggia.

Era una delle numerose lagune dell'interno di Saona, quella dei Fenicotteri.

Così divenne noto per i numerosi stormi di questi trampolieri che vi si nutrono abitualmente, a immagine del ben più ampio Laguna di Oviedo, situato tra Barahona e la spiaggia incontaminata di Bahia de Las Águilas.

A quel punto, nessun segno di loro. Solo uno strano fetore che invadeva la sabbia e il mare.

Abbiamo interrogato Melvin su cosa lo abbia causato.

"Ecco perché hanno chiamato Playa Del Toro." illuminaci. “Il sole e la salsedine decompongono alcune alghe che si sviluppano in superficie. A poco a poco, la fermentazione genera questo aroma. Oggi non è niente. Ci sono giorni in cui non possiamo portare nessuno qui”.

Ci raffreddiamo nel mare blu poco profondo. Poco dopo, abbiamo cambiato di nuovo il nostro atterraggio.

Fermati a Bathing Recanto à Pinha di Instagrammers e simili

In una spiaggia più a nord, dotata di infrastrutture e attrezzature, luogo benedetto per un pranzo tanto atteso.

Quando sbarchiamo, ce ne sono alcuni sulla spiaggia, noi, massaggiatori, fotografi e venditori dominicani e haitiani.

Melvin ci avvisa di una curiosità: “Nota quell'albero di cocco quasi sdraiato. Vedrai la coda che, presto, verrà generata lì".

Uno dopo l'altro, arrivano altre barche e catamarani. riempito con Instagramers e influenzatori che conosceva il ciliegio. E che sono corsi da lei non appena hanno messo piede sulla sabbia.

Proprio come aveva avvertito Melvin, presto si formò e si allungò fino a una tale linea.

Molto più grande e contestato del buffet che presto useremo.

Dopo il pasto, ci avventuriamo in un'estensione a sud della spiaggia, con strutture proprie.

Danneggiato da uno dei tanti uragani che ogni anno devastano le Antille e di cui la natura tropicale aveva preso il sopravvento.

Assetate di sangue, le zanzare le espellono in tre fasi.

Ecco perché ci incuriosisce il doppio quando ci supera, mentre si dirige verso l'arena combattimenti di galli di Manu Juan, un mulatto dagli occhi verdi oliva che ha afferrato un gallo contro una canotta dei Chicago Bulls.

Ti salutiamo. Facciamo conversazione.

Spiegaci che è il tuo miglior cazzo da combattimento. Che, con lui, si è abituato a scommesse vincenti e soldi facili, che quasi non aveva bisogno di allenarlo.

A quel punto Melvin ci stava già cercando. Precipitosi dal suo lontano appello, siamo tornati al punto di incontro e di reimbarco.

Un pomeriggio Ritorno alla Laguna Marina di La Palmilla

Salpiamo verso Palmilla e l'inevitabile attrazione di ogni incursione a Saona, la sua piscina naturale.

A differenza di altre barche turistiche, ce l'abbiamo quasi per noi, una vasta distesa di ciano traslucido, riscaldata dal sole tropicale, costellata di stelle marine che le guide vietano ai bagnanti di toccare.

Abbandonati a quella delizia caraibica, ci viene in mente il piano che gli Stati Uniti avevano per Saona, durante la seconda guerra mondiale, di costruirvi una base militare.

Questo piano è stato combattuto con tutte le sue forze dal presidente e dittatore domenicano contemporaneo, Rafael Trujillo, che ha fatto tutto il possibile per abitare e civilizzare l'isola, e quindi prevenire un'invasione che, a un certo punto, e anche durante l'ultimo decennio, è arrivata sembrare imminente.

Oggi l'isola ospita più di trecento famiglie, quasi tutte concentrate a Manu Juan.

Poco ha a che vedere con Savona in Liguria.

Anche se è affollato, chiunque abbia il privilegio di scoprirlo, non lo scambierebbe per nulla al mondo.

 

COME ANDARE:

Prenota il tuo pacchetto per la Repubblica Dominicana e le sue escursioni – inclusa l'isola di Saona – commercializzate da operatore Jolidey e disponibile presso le agenzie di viaggio.

Già in Rep. Repubblica Dominicana, puoi anche prenotare il tuo tour dell'isola di Saona o altri tour tramite l'agenzia Visita Repubblica Dominicana

Laguna di Oviedo a Bahia de las Águilas, Repubblica Dominicana

Alla ricerca della spiaggia dominicana immacolata

Contro ogni previsione, una delle coste dominicane più incontaminate è anche una delle più remote. Alla scoperta della provincia di Pedernales, ammiriamo il Parco Nazionale semidesertico di Jaragua e la purezza caraibica di Bahia de las Águilas.
Laguna de Oviedo, Repubblica Dominicana

Il (Nulla) Mar Morto della Repubblica Dominicana

L'ipersalinità della Laguna de Oviedo varia a seconda dell'evaporazione e dell'acqua fornita dalla pioggia e scorre dalla vicina catena montuosa del Bahoruco. Gli indigeni della regione stimano che, di regola, abbia un livello di sale marino tre volte superiore. Lì scopriamo prolifiche colonie di fenicotteri e iguane, tra le molte altre specie che compongono questo uno degli ecosistemi più esuberanti dell'isola di Hispaniola.
Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Argento della casa domenicana

Puerto Plata è il risultato dell'abbandono di La Isabela, il secondo tentativo di una colonia ispanica nelle Americhe. Quasi mezzo millennio dopo lo sbarco di Colombo, inaugurò l'inesorabile fenomeno turistico della nazione. In un lampo attraverso la provincia, vediamo come il mare, le montagne, la gente e il sole dei Caraibi la fanno splendere.
Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani

Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.
Lago Enrico, Repubblica Dominicana

Enriquillo: il Grande Lago delle Antille

Con tra 300 e 400 km2, situato a 44 metri sotto il livello del mare, l'Enriquillo è il lago supremo delle Antille. Anche ipersalina e soffocata da temperature atroci, continua ad aumentare. Gli scienziati hanno difficoltà a spiegare perché.
Santo Domingo, Repubblica Dominicana

L'antico coloniale più longevo delle Americhe

Santo Domingo è la colonia abitata più lunga del Nuovo Mondo. Fondata nel 1498 da Bartolomeo Colombo, la capitale della Repubblica Dominicana conserva intatto un vero tesoro di resilienza storica.
San Juan, Puerto Rico

Porto Rico e il Muro di San Juan Bautista

San Juan è la seconda città coloniale più antica delle Americhe, dopo la vicina dominicana di Santo Domingo. Un deposito pionieristico sulla rotta che portava l'oro e l'argento dal Nuovo Mondo alla Spagna, fu attaccato più e più volte. Le sue incredibili fortificazioni proteggono ancora una delle capitali più vivaci e prodigiose dei Caraibi.
San Juan, Porto Rico (parte 2)

Al ritmo del reggaeton

I portoricani irrequieti e fantasiosi hanno reso San Juan la capitale mondiale del reggaeton. Al ritmo preferito della nazione, hanno riempito la loro "città murata" con altre arti, colori e vita.
Virgin Gorda, Ilhas Virgens Britânica

I "Caraibi" divini di Virgin Gorda

Alla scoperta delle Isole Vergini, sbarchiamo su un seducente mare tropicale punteggiato da enormi rocce granitiche. I bagni sembrano usciti dal Seychelles ma sono uno degli ambienti marini più esuberanti dei Caraibi.
Maho Beach, Sint Maarten

La spiaggia caraibica a propulsione a reazione

A prima vista, l'aeroporto internazionale Princess Juliana sembra essere solo un altro dei vasti Caraibi. I successivi atterraggi poco profondi sulla spiaggia di Maho che ne precede la pista, i decolli di jet che distorcono i volti dei bagnanti e li proiettano in mare, ne fanno un caso speciale.
Barahona, Repubblica Dominicana

Repubblica Dominicana Fare il bagno a Barahona

Sabato dopo sabato, l'angolo sud-ovest della Repubblica Dominicana entra in modalità di decompressione. A poco a poco, le sue seducenti spiagge e lagune accolgono una marea di persone euforiche che si arrendono a un peculiare partito anfibio.
Montana Redonda e Rancho Salto Yanigua, Repubblica Dominicana

Da Montaña Redonda al Rancho Salto Yanigua

Alla scoperta del nord-ovest dominicano, saliamo alla Montaña Redonda de Miches, recentemente trasformata in un insolito picco di fuga. Dalla cima indichiamo Bahia de Samaná e Los Haitises, passando per il pittoresco ranch Salto Yanigua.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Safari
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Incisioni, Tempio di Karnak, Luxor, Egitto
Architettura & Design
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
cavalieri del divino, fede nello spirito santo divino, Pirenopolis, Brasile
Cerimonie e Feste
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
una specie di portale
Città
Little Havana, EUA

L'Avana degli anticonformisti

Nel corso dei decenni e fino ad oggi, migliaia di cubani hanno attraversato lo Stretto della Florida alla ricerca della terra della libertà e dell'opportunità. Con gli Stati Uniti a soli 145 km di distanza, molti non sono andati oltre. La sua Little Havana a Miami è oggi il quartiere più emblematico della diaspora cubana.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Saida Ksar Ouled Soltane, festa di ksour, tataouine, tunisia
Cultura
Tataouine, Tunisia

Festival of the Ksour: castelli di sabbia che non crollano

Gli ksour furono costruiti come fortificazioni dai berberi del Nord Africa. Hanno resistito alle invasioni arabe ea secoli di erosione. Il Festival Ksour rende loro un doveroso omaggio ogni anno.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Kings Canyon, centro rosso, cuore, Australia
In viaggio
Red Center, Australia

Nel cuore spezzato dell'Australia

Il Red Centre ospita alcuni dei monumenti naturali imperdibili dell'Australia. Ci colpisce la grandiosità degli scenari ma anche la rinnovata incompatibilità delle sue due civiltà.
Bagnanti alla fine del mondo - Cenote de Cuzamá, Mérida, Messico
Etnico
Yucatan, Messico

La fine della fine del mondo

Il giorno annunciato passò ma la fine del mondo insistette per non arrivare. In America Centrale, i Maya di oggi osservavano e sopportavano increduli tutta l'isteria attorno al loro calendario.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Garranos galoppa attraverso l'altopiano sopra Castro Laboreiro, PN Peneda-Gerês, Portogallo
Storia
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda – Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
Isole
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Rompighiaccio Sampo, Kemi, Finlandia
bianco inverno
Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Equitazione nei toni dell'oro
Natura
El Calafate, Argentina

I Nuovi Gaucho della Patagonia

Intorno a El Calafate, al posto dei soliti pastori a cavallo, incontriamo allevatori equestri gauchos e altri che esibiscono, per la gioia dei visitatori, la vita tradizionale della pampa dorata.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Parchi Naturali
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Svasso contro il tramonto, Rio Miranda, Pantanal, Brasile
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
personaggi
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Vista aerea di Moorea
Spiagge
Moorea, Polinesia Francese

La sorella polinesiana che qualsiasi isola vorrebbe avere

A soli 17 km da Tahiti, Moorea non ha una sola città e ospita un decimo degli abitanti. I tahitiani osservano il tramonto da molto tempo e trasformano l'isola accanto in una sagoma nebbiosa, solo per restituirle, ore dopo, i suoi colori e le sue forme esuberanti. Per chi visita queste parti lontane del Pacifico, conoscere Moorea è un doppio privilegio.
Uno contro tutti, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet
Religione
Lhasa, Tibete

Sera, il Monastero del Sacro Dibattito

In pochi posti al mondo si usa un dialetto con la stessa veemenza del monastero di Sera. Lì, centinaia di monaci si impegnano in intensi e chiassosi dibattiti sugli insegnamenti del Buddha in tibetano.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
Società
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Animali selvatici
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.