São Tomé, São Tome e Principe

Attraverso il Tropical Cocuruto di São Tomé


Barche in ghiaia
Tradizionali barche di legno al riparo dalle onde, nel nord dell'isola di São Tomé.
baia nord
Cala che domina Roça Monte Forte.
Chiesa del Carmo
La chiesa che domina la campagna di Agostinho Neto.
Lagoa Azul
I visitatori si dilettano nelle calde acque turchesi della Lagoa Azul.
Barca Zarpa da Lagoa Azul
Il peschereccio parte dalla costa settentrionale dell'isola di São Tomé.
pesce istrice
Il pescatore mostra un istrice appena catturato nella fattoria Agostinhp Neto.
generazioni
Pranzo
tempo di riposo
Gli studenti giocano a calcio nella scuola Roça Agostinho Neto.
Cestino di cacao
Un operaio carica del cacao in un magazzino della fattoria Agostinho Neto.
giorno per giorno
Una scena caricaturale della vita su un muro nella fattoria Agostinho Neto.
Vicolo all'ospedale
Alameda che conduce al vecchio ospedale di Roça Agostinho Neto.
Roca Monte Forte
Angolo dell'edificio principale dell'azienda agricola Monte Forte.
Bagni d'acqua profonda
I bambini si divertono nelle acque scure della Ribeira Funda.
Deep Water Roça
Casa sul fiume nella campagna di Ribeira Funda.
Tunnel Santa Catarina
Il provvidenziale tunnel di Santa Catarina.
mandria
Manada da roça Diogo Vaz occupa la strada che gira intorno al nord di São Tomé.
Roça Cowboy Diogo Vaz
Il giovane cowboy posa con una delle tante mucche di cui si prende cura.
Padrão dos Descobrimentos
Il monumento che segna il luogo in cui sbarcarono gli scopritori portoghesi dell'isola di São Tomé.
Angolo di Roça Monte Forte
Un altro angolo più colorato della campagna del Monte Forte.
Con l'omonimo capoluogo alle nostre spalle, ci siamo messi alla scoperta della realtà dell'azienda agricola Agostinho Neto. Da lì, abbiamo preso la strada costiera per l'isola. Quando finalmente l'asfalto si arrende alla giungla, São Tomé si è confermata in cima alle più belle isole africane.

In pochi chilometri, il viaggio verso l'interno nord dell'isola conferma un nuovo viaggio nel tempo.

L'urgenza che ci muoveva era quella della conoscenza. Inaspettatamente, la strada per la provincia di Lobata ci lascia alla base di una lunga rampa acciotolata che l'erba faticava ad invadere.

Ha portato al vecchio edificio dell'ospedale di Roça Rio do Ouro, nonostante quasi mezzo secolo di abbandono, che si distingue ancora dalla giungla circostante per il tono salmone della facciata di cento metri.

L'ospedale è stato costruito negli anni '20 del XNUMX° secolo per rispondere alla crescente popolazione di coloni e lavoratori della Sociedade Agrícola Valle Flôr, una delle più grandi e influenti dell'arcipelago.

Chi, come noi, si trova di fronte al numero di passanti che salgono, scendono e percorrono il viale murato, è tentato di pensare che dall'epoca coloniale ad oggi non sia cambiato nulla.

La vita postcoloniale di Roça Rio do Ouro, ora Roça Agostinho Neto

Eppure, nel periodo post-indipendenza di São Tomé e Príncipe, la roça fu ribattezzata in onore del padre dell'indipendenza dell'Angola, Agostinho Neto.

Sia l'ospedale che la campagna in generale persero la loro funzione e capacità operativa. L'ospedale non si è mai ripreso dall'abbandono logistico che lo ha vittimizzato.

Lo swidden, questo, solo pochi anni fa ha dato segni di vita produttiva, rilevabili soprattutto dalla ripresa della produzione di cacao.

Raggiungiamo la scala dell'edificio centrale. In alto, un materassino steso sul corrimano anteriore precede l'ingresso. Una porta di legno rappezzata, spalancata, funge da invito.

Noi entriamo. Invece di un ricevimento, con infermieri, medici e pazienti, troviamo due donne sbaciucchiate che sbucciano e tagliano la manioca per pranzo.

Lo preparano accanto a un angolo dell'atrio adattato ad abitazione, come tante altre che verremmo a trovare, anche se la maggior parte delle case rimane nelle vecchie villette a schiera destinate ai lavoratori e alle famiglie.

Ci lasciamo perdere, ancora per un po', in quell'abbandono ospedaliero, sotto lo sguardo delle ragazze sorprese dall'intrusione.

Il trambusto di Santomese nell'antica Sanzalas da Roça Agostinho Neto

Spinti dalla mancanza di altri residenti o interlocutori, ci siamo trasferiti in uno dei vicoli di Sanzalas.

Lì, sì, la quotidianità della campagna era concentrata: su stendibiancheria dai colori che brillavano al sole. Nei genitori e nei bambini che condividevano stanze e corridoi minuscoli e la vita l'uno dell'altro.

Una giovane ragazza santomea irrompe da un vicolo murato.

Abbracciaci con un sorriso incondizionato che nemmeno le due generazioni successive che ho portato, una tra le braccia, l'altra nel mio ventre gravido, sembravano infastidire.

Un passante accanto a te, di ritorno dal mare, ci mostra un pesce istrice appena pescato.

Siamo arrivati ​​ad un cortile aperto, disteso in una zona pianeggiante tra piccoli paesi. Da lì si possono osservare, in formato panoramico, i suoi vari livelli.

Il più vicino, ha aggiunto dopo, coperto da grandi piatti. I vecchi, più grandi, ancora ricoperti di tegole portoghesi invecchiate dal sole tropicale.

E, svettante, come si supponeva in un'antica colonia benedetta dal cattolicesimo, la chiesa di Nª Srª do Carmo, bianca quasi come i panni bianchi degli stendibiancheria svolazzanti.

Il tempestivo ritorno del cacao sempre prezioso

Sotto questo tipo di ricreazione, infine, tra serre di plastica e lugubri capannoni, assistiamo a come, in tempi recenti, la campagna si sia ispirata alla storia, come abbia cercato di far rivivere la tempi in cui São Tomé e Príncipe era il più grande produttore di cacao del mondo.

Un operaio stava spargendo i fagioli che stavano essiccando nel caldo soffocante. Altri quattro o cinque trasportavano grandi cesti pieni tra serre e magazzini.

In un magazzino vicino, una squadra di donne sedute o accovacciate, alcune con bambini, raccoglieva il cacao da grandi pile, con inesauribile pazienza.

Negli ultimi decenni, associato a divulgazione del cioccolato e derivati, la domanda di cacao è aumentata notevolmente.

Ne giustificava la produzione a São Tomé e Príncipe, anche se semi-artigianale e in quantità esigue, se paragonata, ad esempio, al grande rivale africano, il Ghana. São Tomé e Príncipe, il Ghana e l'Africa in generale stanno ora lavorando per conto proprio.

Celebrano ancora la loro indipendenza.

Regna un pannello con un busto nero, evidenziato sopra la targa postcoloniale che identifica la proprietà: “Empresa Estatal Agro-Pecuária Dr. Antonio A. (Agostinho) Neto.

Poco distante ci imbattiamo nello squallido edificio bio che ospita la scuola locale.

Lì si svolge una feroce partita di calcio, giocata dai ragazzi in un campo di terra.

Dall'altra parte del muro che lo delimita, si svolge una gara di pneumatici, guidata, in discesa, da quattro o cinque ragazzi con i pali.

Blue Lagoon, un abbagliante pezzo di Atlantico ancora a nord

Giro dopo giro, guidavamo nei campi da oltre un'ora. Mi viene in mente l'itinerario a nord dell'isola, che avremmo dovuto completare entro la fine della giornata. Torniamo alla jeep.

Indichiamo la costa nord di São Tomé.

Abbiamo attraversato la Guadalupa. Quindi, prendiamo una scorciatoia per Lagoa Azul, una baia incastonata in una peculiare appendice terrestre, chiusa da un promontorio erboso da cui emerge un faro in miniatura con lo stesso nome.

Allo stesso tempo, la spiaggia che vi scopriamo è abbagliante e accogliente, con il suo campione di sabbia rivelato dalla bassa marea, al di sotto di un ambiente di ciottoli e rocce di origine vulcanica.

Le traslucide acque dell'Atlantico bagnano la spiaggia, con un intenso tono turchese, più splendente del verde dell'erba, dei tamarindi e degli altri alberi circostanti. La spiaggia si affaccia anche su un portentoso baobab e, fino all'arrivo dell'autunno, frondosa.

Alcuni espatriati si sono divertiti nella calda laguna, fuori servizio dalle missioni che li hanno portati a São Tomé. Nel frattempo, vengono raggiunti da una famiglia di São Tomé, arrivata dalla bancarella che serve pesce alla griglia e banane.

Concediamoci una breve pausa di delizia balneare. Sotto il sole quasi equatoriale – il La linea dell'Equatore passa sopra Ilhéu das Rolas, ci asciughiamo in tre volte. Siamo tornati in strada.

Indichiamo Neves, capoluogo del distretto di Lembá. Lì ci siamo fermati brevemente per comprare spuntini. Procediamo a sud-ovest.

Il Progetto Hotel di Roça Monte Forte

Nel villaggio successivo, abbiamo visitato Roça Monte Forte, all'epoca, un progetto di alloggio in cui un sig. Jerónimo Mota che ci accoglie a braccia aperte, vestito con la maglia della nazionale, rievocando la sconfitta contro la Grecia nella finale di Euro 2004.

Jerónimo ci mostra l'edificio principale, tutto in legno, ad eccezione del tetto, sempre in classico tegole portoghesi.

L'host ci fa sedere nella hall su sedie da terrazza Super Bock. Servici succhi naturali.

Dopo il rinfresco, ci conduce attraverso il portico ei balconi, ciascuno con vista privilegiata sul verde pendio e sul confine del Nord Atlantico.

Jerónimo ci porge un diario, con indirizzo e contatti scarabocchiati con una calligrafia da contorsionista che, per quanto ci provassimo, non riusciremmo mai a imitare.

Salutatoci, ci accompagna di nuovo sull'asfalto.

La strada da Monteforte ad Anambo

Il prossimo è Esprainha. E Monteforte, il paese, ora con l'intero nome insieme.

Mentre attraversiamo il ponte sul fiume Água Monte Forte, vediamo una mandria di mucche distesa sul ruscello poco profondo, divisa tra bere l'acqua e divorare le tenere foglie degli alberi appena caduti.

Il cowboy che li custodisce, con un sorriso disinvolto, si avvicina.

Ci informa che la mandria è di Roça Diogo Vaz e ride quando lo avvertiamo, nella battuta che, se trascorrono così tanto tempo nel fiume, gli animali si trasformerebbero in ippopotami.

La strada diventa ancora più tortuosa.

È circondato da una fitta coltre di foglie secche dall'aspetto autunnale, anche se l'autunno deve ancora arrivare a São Tomé. Si nasconde in una fitta foresta tropicale che si insinua nel mare.

Dal Monumento alle Scoperte di Anambo al Fine della Strada

Sul mare verdeggiante, umido e vulcanico di Anambó troviamo il modello di scoperte che segna il luogo in cui João de Santarém e Pêro Escobar, gli scopritori portoghesi di São Tomé, sbarcarono nel 1470.

Abbiamo percorso tutta la costa di Santa Clotilde e, nel frattempo, quella di Santa Catarina.

Lì la strada avanza alla base di un ripido pendio, a poco più di due metri sul livello del mare.

Abbiamo attraversato un suggestivo tunnel che un anticipo dalla rupe ha imposto all'itinerario.

Alcuni chilometri in più a sud, attraversando il fiume Bindá, la strada si affaccia sulla selvaggia vastità del Parco Naturale dell'Obo e arrendersi.

Ci costringe a invertire la rotta.

Con il sole già scomparso dalla parte opposta dell'isola, abbiamo interrotto solo il ritorno a Ribeira Funda.

Lo facciamo abbagliati dalla gioia con cui alcuni ragazzi, in pelota, ripetono tuffi acrobatici nel profondo fiume, attraversato dalle papere. Più di questo, sospettosamente colorato.

Tutta l'azione e il divertimento si svolgono davanti al palazzo coloniale di un'antica fattoria. Da qualche parte nel lussureggiante nord, a nord-ovest di São Tomé. nessun segno di estremità opposta dell'isola.

Chã das Caldeiras a Mosteiros, Isola del fuoco, Capo Verde

Chã das Caldeiras a Mosteiros: discesa attraverso il Confins do Fogo

Con la vetta di Capo Verde conquistata, abbiamo dormito e recuperato a Chã das Caldeiras, in comunione con alcune delle vite alla mercé del vulcano. La mattina successiva, iniziamo il ritorno nella capitale São Filipe, 11 km lungo la strada per Mosteiros.
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Ilhéu das Rolas, São Tome e Principe

Ilhéu das Rolas: São Tomé e Principe a Latitudine Zero

Il punto più meridionale di São Tomé e Príncipe, l'Ilhéu das Rolas è lussureggiante e vulcanica. La grande novità e punto di interesse di questa estensione insulare della seconda nazione africana più piccola è la coincidenza dell'attraversamento della Linea dell'Equatore.
São Tomé, São Tomé e Príncipe

Viaggio dove São Tomé punta l'equatore

Ci dirigiamo verso la strada che collega l'omonimo capoluogo allo spigolo vivo dell'isola. Quando siamo arrivati ​​a Roça Porto Alegre, con l'isolotto di Rolas e l'Ecuador davanti, ci siamo persi più e più volte nel dramma storico e tropicale di São Tomé.
Príncipe, São Tome e Principe

Viaggio al Retiro Nobre sull'Isola del Principe

150 km di solitudine a nord della matriarca São Tomé, l'isola di Príncipe sorge dal profondo Atlantico in un paesaggio brusco e vulcanico di una montagna ricoperta di giungla. A lungo chiusa nella sua natura tropicale mozzafiato e in un passato luso-coloniale contenuto ma commovente, questa piccola isola africana ospita ancora più storie da raccontare che visitatori da ascoltare.
Isola del fuoco, Capo Verde

Intorno al fuoco

Il tempo e le leggi della geomorfologia imponevano che l'isola-vulcano di Fogo dovesse essere arrotondata come nessun altro a Capo Verde. Alla scoperta di questo esuberante arcipelago della Macaronesia, lo giriamo contro il tempo. Abbagliamo nella stessa direzione.
São Nicolau, Capo Verde

San Nicola: Pellegrinaggio a Terra di Sodade

Partenze forzate come quelle che hanno ispirato la famosa morna”bibita” ha lasciato ben segnato il dolore di dover lasciare le isole di Capo Verde. scoprire sannclau, tra incanto e meraviglia, inseguiamo la genesi del canto e della malinconia.
Brava, Capo Verde

L'isola Brava di Capo Verde

Al tempo della colonizzazione, i portoghesi si imbatterono in un'isola umida e rigogliosa, cosa rara a Capo Verde. Brava, la più piccola delle isole abitate e una delle meno visitate dell'arcipelago, conserva la genuinità della sua natura atlantica e vulcanica alquanto sfuggente.
Santo Antão, Capo Verde

Lungo la strada della corda

Santo Antão è la più occidentale delle isole di Capo Verde. C'è un'aspra soglia atlantica dell'Africa, un maestoso dominio insulare che iniziamo svelando da un'estremità all'altra della sua splendida Estrada da Corda.
Di Santa Maria, Sale, Capo Verde

Santa Maria e la benedizione atlantica di Sal

Santa Maria nasce nella prima metà dell'XNUMX come magazzino per l'esportazione del sale. Oggi, grazie alla provvidenza di Santa Maria, Sal Ilha vale molto di più della materia prima.
Isola di Boa Vista, Capo Verde

Isola di Boa Vista: Atlantic Waves, Dunas do Sara

Boa Vista non è solo l'isola capoverdiana più vicina alla costa africana e al suo grande deserto. Dopo alcune ore di scoperta, ci convince che si tratta di un lembo del Sahara alla deriva nel Nord Atlantico.
Salt Island, Capo Verde

Il sale dell'isola di Sal

Nell'imminenza del XIX secolo Sal rimase priva di acqua potabile e praticamente disabitata. Fino all'estrazione e all'esportazione dell'abbondante sale si favorì un progressivo popolamento. Oggi le saline e le saline danno un altro sapore all'isola più visitata Capo Verde.
São Tomé (città), São Tome e Principe

La capitale dei tropici santomei

Fondata dai portoghesi nel 1485, São Tomé prosperò per secoli, come la città, perché le merci in entrata e in uscita passavano attraverso l'omonima isola. L'indipendenza dell'arcipelago lo ha confermato come la capitale indaffarata in cui giravamo, sempre sudati.
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Centro São Tomé, São Tome e Principe

Da Roça a Roça, verso il Cuore Tropicale di São Tomé

Sulla strada tra Trindade e Santa Clara, ci imbattiamo nel terrificante passato coloniale di Batepá. Passando per i campi Bombaim e Monte Café, la storia dell'isola sembra essersi diluita nel tempo e nell'atmosfera intrisa di clorofilla della giungla santomea.
Roca Sundy, Ilha do Principe, São Tome e Principe

La certezza della teoria della relatività

Nel 1919, Arthur Eddington, un astrofisico britannico, scelse il Sundy Garden per provare la famosa teoria di Albert Einstein. Più di un secolo dopo, il nord dell'isola di Príncipe che lo ha accolto è ancora tra i luoghi più belli dell'universo.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Safari
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
Architettura & Design
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
religioso militare, muro del pianto, bandiera del giuramento IDF, Gerusalemme, Israele
Cerimonie e Feste
Gerusalemme, Israele

Festa al Muro del Pianto

Non solo le preghiere e le preghiere rispondono al luogo più sacro dell'ebraismo. Le sue antiche pietre sono state per decenni testimoni del giuramento di nuove reclute dell'IDF e hanno fatto eco alle grida euforiche che ne sono seguite.
Cattedrale, Funchal, Madera
Città
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Saida Ksar Ouled Soltane, festa di ksour, tataouine, tunisia
Cultura
Tataouine, Tunisia

Festival of the Ksour: castelli di sabbia che non crollano

Gli ksour furono costruiti come fortificazioni dai berberi del Nord Africa. Hanno resistito alle invasioni arabe ea secoli di erosione. Il Festival Ksour rende loro un doveroso omaggio ogni anno.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Las Cuevas, Mendoza, attraverso le Ande, Argentina
In viaggio
Mendoza, Argentina

Da un lato all'altro delle Ande

Lasciando la città di Mendoza, la strada N7 si perde tra i vigneti, sale ai piedi del monte Aconcagua e attraversa le Ande verso il Cile. Pochi tratti transfrontalieri rivelano l'imponenza di questa salita forzata
Scena di Natale, Shillong, Meghalaya, India
Etnico
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Storia
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia
Isole
Île-des-Pins, Nuova Caledonia

L'Isola che si appoggiava al Paradiso

Nel 1964, Katsura Morimura ha deliziato il Giappone con una storia d'amore turchese ambientata a Ouvéa. Ma la vicina Île-des-Pins ha conquistato il titolo di "L'isola più vicina al paradiso" e ha estasiato i suoi visitatori.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Efate, Vanuatu, trasferimento a "Congoola/Lady of the Seas"
Natura
Efate, Vanuatu

L'isola sopravvissuta "Survivor"

Gran parte di Vanuatu vive in uno stato benedetto post-selvaggio. Forse per questo, Reality show in cui competono aspiranti candidati Robinson Crusoe si stabilirono uno dopo l'altro sulla loro isola più accessibile e famigerata. Già un po' stordita dal fenomeno del turismo convenzionale, anche Efate ha dovuto resistergli.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Monte Denali, McKinley, Sacro Tetto Alaska, America del Nord, Ridge, Mal di montagna, Mal di montagna, Prevenire, Trattare
Parchi Naturali
Monte Denali, Alaska

Il Sacro Soffitto del Nord America

Gli indiani Athabascan lo chiamavano Denali, o il Grande, e ne venerano la superbia. Questa splendida montagna ha suscitato l'avidità degli alpinisti e una lunga serie di salite da record.
Incisioni, Tempio di Karnak, Luxor, Egitto
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
personaggi
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Promettere?
Spiagge
Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Tabatô, Guinea Bissau, tabanca Mandingo musicisti. Baidi
Società
Tabato, Guinea Bissau

La Tabanca dei Mandinga Poeti Musicisti

Nel 1870, una comunità di musicisti mandingo itineranti si stabilì vicino all'attuale città di Bafatá. Dai Tabatô che hanno fondato, la loro cultura e, in particolare, i loro prodigiosi balafonisti, abbagliano il mondo.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Stormo di fenicotteri, Laguna Oviedo, Repubblica Dominicana
Animali selvatici
Laguna de Oviedo, Repubblica Dominicana

Il (Nulla) Mar Morto della Repubblica Dominicana

L'ipersalinità della Laguna de Oviedo varia a seconda dell'evaporazione e dell'acqua fornita dalla pioggia e scorre dalla vicina catena montuosa del Bahoruco. Gli indigeni della regione stimano che, di regola, abbia un livello di sale marino tre volte superiore. Lì scopriamo prolifiche colonie di fenicotteri e iguane, tra le molte altre specie che compongono questo uno degli ecosistemi più esuberanti dell'isola di Hispaniola.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.