Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una


Camini di polemica
Tipiche case e camini di Santa Maria, si dice che si siano ispirati ai camini dei battelli a vapore usati anticamente dagli emigranti delle Azzorre
Goncalo Velho, il Faro
Il faro di Gonçalo Velho avverte le navi dall'estremità sud-est di Santa Maria
Noce di Malbusca
Porca passeggia lungo un canada all'ingresso del villaggio di Malbusca.
un comodo tris
Tris di case tradizionali di Santa Maria, bianche, con tetti marroni.
Lettere e Cactus
Il cartello informa la direzione di Miradouro da Vigia da Baleia.
Barreiro da Faneca
Barreiro da Faneca forma uno degli scenari più inaspettati dell'isola di Santa Maria.
fratelli Luis
Artur e Vitor Luís, fratelli che vivono nei dintorni di Santa Bárbara, in una pausa dalle loro faccende rurali.
mais e meo
Casa tradizionale con un piccolo granaio e un disco TV satellitare.
Un villaggio a forma di baia
Le case di São Lourenço, immerse in una verde baia di Santa Maria.
Marciapiede verticale
La Calçada dos Gigantes, un'imponente testimonianza geologica quasi alla fine della Ribeira de Maloés
Piccoli recinti
Le case di São Lourenço, immerse in una verde baia di Santa Maria.
una curva infernale
Mota raggiunge la sommità di una curva a forma di rampa accanto al faro di Gonçalo Velho.
Cristoforo Colombo
Statua in onore di Cristoforo Colombo e del suo passaggio nell'isola di Santa Maria.
Purificazione dello Spirito Santo
La Chiesa di Nostra Signora della Purificazione, a Santo Espírito.
Santa Barbara in lontananza
Le case di Santa Bárbara, uno dei villaggi più tradizionali dell'isola di Santa Maria.
Cava bene
Visitatore di Poço da Pedreira, angolo formato dalla muratura in pietra di Santa Maria.
Verso il Faro
Lunga scalinata che porta al faro di Gonçalo Velho.
Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.

L'aereo si dirige verso la costa sud di Santa Maria, nelle Azzorre, per allinearsi con l'inizio della pista, che occupa buona parte dell'estremità orientale dell'isola. Condividiamo la finestra ovale e seguiamo la manovra e le viste di apertura.

Il marrone terra predominante ci sorprende. Nelle otto isole vicine dell'arcipelago il tono monopolistico si era rivelato verde con deviazioni giallastre.

Soft Landing nell'Algarve delle Azzorre

Tutto indicava che l'ultima roccaforte meridionale e orientale delle Azzorre ospitava l'eccezione. Santa Maria è l'Algarve delle Azzorre, come ci assicurano alcuni indigeni. “Abbiamo il miglior tempo e le migliori spiagge, ma anche il Azzorre più convenzionale. Aspetta solo di arrivare a Pico Alto, che vedrai. Non ci abbiamo messo molto a farlo.

Prima di allora, già installati alla periferia di Vila do Porto, abbiamo ribaltato il solito senso delle cose e siamo scesi ad Anjos. Abbiamo trovato la locale Cappella della Madonna a porte chiuse.

Per un breve periodo. Vedendoci in giro per la porta, una signora alla finestra di una casa a un piano della porta accanto ha iniziato a indagare se la Santissima Trinità ci avrebbe garantito una visita a quella che si ritiene sia stata la prima chiesa costruita dall'Infante Dom Henrique nelle Azzorre , nel 1439, nella sua versione originaria in legno e fieno, sostituita pochi anni dopo da quella attuale.

La travagliata visita di Cristoforo Colombo

A quanto pare il tutore l'ha approvato o, almeno, ci sono voluti solo pochi minuti prima che si presentasse con la chiave in mano e un'unica, semplice preghiera: "poi, per favore, rimettilo nella serratura e restituiscimelo". Un Cristoforo Colombo in una statua di bronzo ingrandita contempla l'orizzonte dell'Atlantico ma sembra accompagnarci con movimenti laterali. Non appena usciamo dal semplice ma peculiare interno del tempio, siamo noi a riviverlo e la storia del suo effimero passaggio attraverso l'isola.

Cristoforo Colombo, Santa Maria, Isola Madre delle Azzorre

Statua in onore di Cristoforo Colombo e del suo passaggio nell'isola di Santa Maria.

Non ci volle molto dopo l'inizio dell'insediamento fino a quando l'isola fu attaccata da pirati e corsari berberi. Lo stesso Colombo fu vittima di questi attacchi, sebbene a un tavolo. All'inizio del 1493 stava tornando dal suo viaggio alla scoperta dell'America. La caravella Santa Maria era già affondata nei Caraibi.

In mezzo all'Atlantico, Niña e Pinta si sono perse. Colombo condusse Niña all'isola di Santa Maria. All'atterraggio, iniziò ricevendo cibo da tre dei meno di cento abitanti dell'epoca. Il giorno seguente inviò una barca con dieci uomini destinati all'Ermida dos Anjos alla ricerca di un prete che dicesse una messa di ringraziamento per la fortuna del viaggio.

L'ambasciata iniziò ad andare male. Temendo che fossero pirati, i residenti, guidati dal tenente capitano João de Castanheira, hanno imprigionato cinque di questi uomini. Il resto è fuggito sulla nave. Tre giorni dopo, Castanheira ha verificato le credenziali di Colombo e lo ha accolto.

Il quasi tragico ritorno di Santa Maria in Europa. via Lisbona

Il navigatore lasciò Santa Maria solo sei giorni dopo aver attraccato, con la nave riparata e rifornita. Si è diretto a Lisbona dove è arrivato sotto una terribile tempesta. La popolazione che accompagnava la nave investita dalle grandi onde esultava per la loro fortuna.

Colombo trascorse nove giorni a Lisbona e dintorni. In questo periodo, che rimane avvolto nelle polemiche e in cui ha conferito con D. João II, lui e l'equipaggio sono stati ricevuti come eroi e ricompensati con doni sostanziali.

Una delle teorie storiche più persistenti sostiene che, dopo aver discusso la strategia diplomatica da seguire, il re portoghese ha chiarito che la Spagna dovrebbe concentrarsi sulle nuove Indie scoperte da Colombo e non interferire con l'Africa e il percorso verso India via Capo di buona speranza.

Barreiro da Faneca: una strana Santa Maria argillosa

Invertiamo il percorso. Non ci è voluto molto per metterci d'accordo sulla strada sterrata per Barreiro da Faneca. All'ingresso di questo vasto, arido, argilloso, ondulato campo d'acqua piovana, immerso nel verde della vegetazione arborea, condividiamo la sensazione di essere sbarcati su Marte.

Barreiro Faneca, Santa Maria, Isola Madre delle Azzorre

Barreiro da Faneca forma uno degli scenari più inaspettati dell'isola di Santa Maria.

Da lì ci dirigiamo verso Pico Alto (587 m), il punto più alto di quella macchia terrestre.

Superati gli ultimi gradini, già in questo zenit boscoso, contempliamo l'isola tutt'intorno, lo stesso tratto più secco a sud che avevamo visto dalla piana. E più a sud, più il paesaggio è umido e pieno di erbacce.

La tragedia aerea di Pico Alto

L'8 febbraio 1989, i piloti a bordo del Boeing 707-301 di Aria indipendente provenienti da Bergamo e diretti a Punta Cana, videro poco o nulla in giro prima del verificarsi di quello che divenne l'incidente aereo in territorio portoghese con il maggior numero di vittime.

Una doppia mancanza di comunicazione tra la torre di controllo ei piloti e, soprattutto, la scarsa preparazione e prestazione dei piloti ha fatto perdere loro la quota di avvicinamento della pista e far schiantare l'aereo contro Pico Alto.

Questo nonostante il fatto che la pista dell'aeroporto di Santa Maria - costruita dagli americani nella seconda guerra mondiale per rafforzare il loro sforzo bellico - abbia ricevuto, fino a quella data, frequenti Concordes in sosta nei loro viaggi transatlantici, così come l'altrettanto supersonico Antonov 2 . .

Nel corso dei decenni, la portata del nuovo velivolo è aumentata. L'aeroporto di Santa Maria ha perso gran parte del suo vecchio traffico.

Santa Maria, Isola Madre delle Azzorre

Le case di Santa Bárbara, uno dei villaggi più tradizionali dell'isola di Santa Maria.

Verso Santa Bárbara, nessun segno di tuono

Dalle alture moderate di Pico Alto, scendiamo, senza incidenti, verso Santa Bárbara. In questo villaggio, siamo sorpresi dalla bellezza architettonica. Le case sono bianche con angoli e modanature blu.

Da essi sporgono grandi camini cilindrici che gli indigeni chiamavano "camini di vapore", pur ripudiando gli autori di tutte le conclusioni che furono portate dai pionieri dell'Algarve.

La sua vera ispirazione furono i battelli a vapore su cui gli emigranti delle Azzorre partirono per le Americhe e da lì tornarono. Oggi, i viaggi a propulsione a reazione sono spinti, ma i Mariense senza almeno parenti in Canada o negli Stati Uniti sono ancora rari. EUA.

Camini, Santa Maria, Isola Madre delle Azzorre

Tipiche case e camini di Santa Maria, si dice che si siano ispirati ai camini dei battelli a vapore usati anticamente dagli emigranti delle Azzorre

Abbiamo trovato due di loro che lavoravano nella loro proprietà all'ingresso di Santa Bárbara. Artur e Vítor sono fratelli, soprannominati Luís. Un trattore cinese li chiama al lavoro.

Noi, facciamo di tutto per portarli fuori strada per qualche momento di conversazione. Timidi, all'inizio, cercano di mandarci via. Insistiamo con quanta più cortesia e umorismo possibile.

Artur e Vitor Luís, fratelli di campagna con un po' di tempo per la conversazione

Infine, mettono a tacere il trattore, rimandano i loro compiti e si dedicano solo a questi connazionali del continente. Contrariamente a quanto era successo con altri allevatori con cui ci eravamo messi in contatto São Miguel, il suo accento era evidente per noi. Mentre ci rilassamo tutti, socializzare si rivela tanto divertente quanto stimolante.

Vítor Luís è l'oratore. Arthur rimane in riserva. Completa il discorso di suo fratello con i conoscenti. Come si dice, la loro madre ha una ventina di fratelli e non ne conoscono nemmeno la metà. “Alcuni vivono in America, altri in Canada. Si Esattamente. Ecco perché lavoriamo con i cappellini di queste squadre laggiù! (sulle squadre di football americano da San Francisco e Seattle).

Santa Maria, Isola Madre delle Azzorre

Artur e Vitor Luís, fratelli che vivono nei dintorni di Santa Bárbara, in una pausa dalle loro faccende rurali.

“Anche Vítor ci confessa, senza alcuna vergogna: “mia moglie ha una sorella gemella ma è raro che io viva con la sua famiglia”. Quando si rischia di capire il perché, si rifugia nello scherzo. «È meglio così. Hai già visto se mi sbaglio dopo.» Venti minuti dopo, li abbiamo lasciati ai loro compiti.

Indichiamo il centro di Santa Bárbara che troviamo disposto attorno all'omonima chiesa. Siamo entrati in una caffetteria, ci siamo riposati e abbiamo ripreso le forze. Procediamo quindi verso la costa orientale di Santa Maria.

Dalle alture di São Lourenço a Santo Espírito

Quando arriviamo al belvedere di Espigão, in cima al pendio che nasconde São Lourenço, la luce del sole splende a intermittenza sui recinti, sui vigneti che proteggono, sulle case sprofondate nel mezzo cratere e in balia dell'Atlantico in poi. Le nuvole filtrano questa luce.

Santa Maria, Isola Madre delle Azzorre

Le case di São Lourenço, immerse in una verde baia di Santa Maria.

Rendono il villaggio e la sua lunga spiaggia ancora più mistica della posizione estrema già prevista.

Ritorniamo per la stessa strada a zigzag sopra e cerchiamo Poço da Pedreira, un grande muro rosa in pietra bugnata mariana che ha, alla sua base, una laguna tappezzata di erba rigogliosa.

Poço da Pedreira, Santa Maria, Isola Madre delle Azzorre

Visitatore di Poço da Pedreira, angolo formato dalla muratura in pietra di Santa Maria.

Poco dopo averlo incontrato, inizia a piovere molto, quindi scommettiamo sulla clemenza meteorologica di Santo Espírito, la parrocchia civile dove passava l'asse stradale dell'isola. Nei primi giorni della colonizzazione, le sue sparse comunità di coloni raccoglievano l'erica dalle alte scogliere della regione di Malbusca, lungo il mare.

Lo facevano dentro cesti che scendevano all'altezza della rupe dove potevano vedere i funghi. E l'hanno issato di nuovo quando hanno finito di riempire i cestini. L'erica così raccolta veniva esportata nelle Fiandre dove gli artigiani locali la utilizzavano per colorare tessuti e altro.

Questa parrocchia prende il nome perché lì si celebrava la messa, per la prima volta dopo la colonizzazione dell'isola, prima di trasferirsi a Santana.

Verso i confini orientali delle Azzorre

Oggi il nucleo religioso dell'attuale Santo Espírito risiede nella chiesa di Nª Sª da Purificação, costruita nel XVI secolo, in pietra basaltica barocca semi-dipinta di bianco a formare un mosaico e con il suo frontespizio aggiunto nel XVI secolo. , tagliato in forme arrotondate contro il cielo. È ora di lavoro e nemmeno al Recreio Espiritense la banda è animata dal paese.

Santa Maria, Isola Madre delle Azzorre

La Chiesa di Nostra Signora della Purificazione, a Santo Espírito.

In ogni caso, mancano ancora pochi chilometri all'ultimo angolo delle Azzorre ad est, il più vicino alla terraferma portoghese, che dista 1436 km.

Da Santo Espírito a est, la strada scende senza parsimonia e offre magnifici panorami del paesaggio costiero sottostante, come il belvedere di Vigia da Baleia da dove le vecchie sentinelle pattugliavano l'Atlantico alla ricerca di cetacei.

Non vediamo tracce di balene, ma il panorama del faro di Gonçalo Velho a metà discesa e le scale che portano oltre, brulicanti di cactus, ci intrattengono a lungo.

Santa Maria, Isola Madre delle Azzorre

Lunga scalinata che porta al faro di Gonçalo Velho.

Alla ricerca dell'evasione del Selciato del gigante

Abbiamo lasciato una volta per tutte la strada principale dell'isola, con l'obiettivo di tornare a Vila do Porto lungo la costa meridionale di Santa Maria. Scommettiamo di trovare Ribeira dos Maloás. Nel paese di Malbusca abbiamo cercato qualcuno che cercasse la strada.

Al posto delle persone, incontriamo una scrofa ondeggiante che scende un ripido vicolo e si ferma ad annusare la nostra macchina, incuriosita dall'ostacolo caldo che ne aveva sbarrato l'evasione.

Santa Maria, Isola Madre delle Azzorre

Porca passeggia lungo un canada all'ingresso del villaggio di Malbusca.

Dopo mezz'ora, abbiamo trovato il monumento geologico lì. Si stendeva alla fine di un sentiero fiancheggiato da cactus, sull'orlo di un abisso che si affacciava su un Atlantico aspro ma cristallino, dai toni seducenti.

Con il mare imminente, ad una certa altezza, la Ribeira de Maloás precipita in una cascata di circa 20 metri. C'è l'imponente Calçada dos Gigantes de Santa Maria, una scultura geologica preistorica che raggruppa colonne di basalto.

Giant's Causeway, Santa Maria, Isola Madre delle Azzorre

La Calçada dos Gigantes, un'imponente testimonianza geologica quasi alla fine della Ribeira de Maloés

Sapendo quello che sappiamo oggi, ci saremmo solo pentiti di aver ignorato un posto del genere. Nelle ultime ore di luce, completiamo il percorso verso Vila do Porto. Con una breve sosta strategica a Praia Formosa che la precede.

 

QUESTA RELAZIONE È STATA REALIZZATA CON IL SUPPORTO DI:

AZORESAIRLINES.PT

SATA.PT

Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal "Piccolo Tibet portoghese" alle fortezze del mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro

Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Horta, Azzorre

La città che dà il nord all'Atlantico

La comunità mondiale dei velisti è ben consapevole del sollievo e della felicità di vedere la montagna di Pico e, quindi, Faial e l'accoglienza della baia di Horta e Peter Café Sport. La gioia non si ferma qui. Dentro e intorno alla città, ci sono case imbiancate a calce e un'ondata verdeggiante e vulcanica che abbaglia chiunque sia arrivato così lontano.
Vulcano Capelinhos, Faial, Azzorre

Sulla pista del mistero di Capelinhos

Da una costa dell'isola all'altra, attraverso le nebbie, le macchie di pascolo e le foreste tipiche delle Azzorre, sveliamo Faial e il Mistero del suo vulcano più imprevedibile.
Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo

Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.
Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Sentiero Terra Chã e Pico Branco, Porto Santo

Pico Branco, Terra Chã e altri capricci di Ilha Dourada

Nel suo angolo nord-est, Porto Santo è qualcos'altro. Con le spalle rivolte a sud e verso la sua ampia spiaggia, scopriamo una costa montuosa, ripida e persino boscosa, piena di isolotti che punteggiano un Atlantico ancora più blu.
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

L'East End, qualcosa di extraterrestre a Madeira

inospitale, dai toni ocra e dalla terra cruda, Ponta de São Lourenço appare spesso come la prima vista di Madeira. Quando la percorriamo, rimaniamo abbagliati soprattutto da ciò che non è la più tropicale delle isole portoghesi.
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Little Big Senglea II
Architettura & Design
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Salto in avanti, Naghol di Pentecoste, Bungee Jumping, Vanuatu
Cerimonie e Feste
Pentecoste, Vanuatu

Pentecoste Naghol: Bungee Jumping per uomini seri

Nel 1995, il popolo di Pentecoste minacciò di citare in giudizio le società di sport estremi per aver rubato loro il rituale di Naghol. In termini di audacia, l'imitazione elastica è molto inferiore all'originale.
Lawless City, transito ad Hanoi, sotto l'ordine del caos, Vietnam
Città
Hanoi, Vietnam

Sotto l'Ordine del Caos

Hanoi ha ignorato a lungo gli scarsi semafori, altri segnali stradali e segnali decorativi. Vive al suo ritmo e in un ordine di caos irraggiungibile dall'Occidente.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Cultura
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Il viaggio intorno al mondo, simbolo di saggezza illustrato su una finestra dell'aeroporto di Inari, nella Lapponia finlandese
In viaggio
Il giro del mondo - Parte 1

Viaggiare porta saggezza. Scopri come fare il giro del mondo.

La Terra ruota su se stessa ogni giorno. In questa serie di articoli troverai chiarimenti e consigli essenziali per chiunque voglia aggirarlo almeno una volta nella vita.
Etnico
Gizo, Isole Salomone

Gala dei Piccoli Cantanti di Saeraghi

A Gizo sono ancora ben visibili i danni causati dallo tsunami che ha devastato le Isole Salomone. Sulla costa di Saeraghi, la felicità balneare dei bambini contrasta con la loro eredità di desolazione.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Estancia Harberton, Terra del Fuoco, Argentina
Storia
Terra di Fuoco, Argentina

Una fattoria alla fine del mondo

Nel 1886 Thomas Bridges, un orfano inglese portato dalla sua famiglia di missionari adottivi negli angoli più remoti dell'emisfero meridionale, fondò l'antica fattoria della Terra del Fuoco. Bridges e i suoi discendenti si sono arresi alla fine del mondo. Oggi, il tuo Estancia harberton è un abbagliante monumento argentino alla determinazione e alla resilienza umana.
Sottomarino Vesikko
Isole
Helsinki, Finlândia

La fortezza della Finlandia in tempi svedesi

Distaccata in un piccolo arcipelago all'ingresso di Helsinki, Suomenlinna è stata costruita su progetti politico-militari del regno svedese. Da più di un secolo, il Russia l'ha fermata. Dal 1917 i Suomi l'hanno venerata come il bastione storico della loro spinosa indipendenza.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Pescatori in canoa, fiume Volta, Ghana
Natura
Volta, Gana

Un giro del Volta

In epoca coloniale, la grande regione africana del Volta era tedesca, britannica e francese. Oggi, l'area ad est di questo maestoso fiume dell'Africa occidentale e il lago in cui si riversa formano una provincia omonima. È un angolo montuoso, lussureggiante e mozzafiato del Ghana.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Ippopotamo nella laguna di Anôr, isola di Orango, Bijagós, Guinea Bissau
Parchi Naturali
Isola Keré ad Orango, Bijagos, Guinea Bissau

Alla Ricerca degli Ippopotami Lacustri-Marini e sacri delle Bijagós

Sono i mammiferi più letali dell'Africa e, nell'arcipelago di Bijagós, conservati e venerati. A causa della nostra particolare ammirazione, ci siamo uniti a una spedizione nella loro ricerca. Partendo dall'isola di Kéré e arrivando nell'entroterra di Orango.
Acri, Fortezza dei Templari, Israele, Caramelle croccanti
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
San Giovanni d'Acri, Israele

La fortezza che ha resistito a tutto

Era un obiettivo frequente delle Crociate e fu preso e riconquistato più e più volte. Oggi, israeliano, Acri è condiviso da arabi ed ebrei. Vive in tempi molto più sereni e stabili di quelli che ha vissuto.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Cargo Cabo Santa Maria, Isola di Boa Vista, Capo Verde, Sal, Evocando il Sahara
Spiagge
Isola di Boa Vista, Capo Verde

Isola di Boa Vista: Atlantic Waves, Dunas do Sara

Boa Vista non è solo l'isola capoverdiana più vicina alla costa africana e al suo grande deserto. Dopo alcune ore di scoperta, ci convince che si tratta di un lembo del Sahara alla deriva nel Nord Atlantico.
Vairocana Buddha, tempio Todai ji, Nara, Giappone
Religione
Nara, Giappone

La colossale culla del buddismo giapponese

Nara ha cessato da tempo di essere la capitale e il suo tempio Todai-ji è stato retrocesso. Ma la Sala Grande rimane il più grande edificio antico in legno del mondo. E ospita il più grande buddha di bronzo vairocano.
Veicoli Ferroviari
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
Società
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Scogliere sopra la Valle della Desolazione, vicino a Graaf Reinet, Sud Africa
Animali selvatici
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.