Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi


scorciatoia
Abitante di Pico spinge un bambino lungo uno dei canadas (sentieri di pietra) che attraversano i vigneti di Madalena.
picco rosa
Un fungo rosa incorona la cima del monte Pico, il tetto del Portogallo, sull'isola di Pico
discesa
Mónica pedala lungo il ripido tratto di Piquinho fino al grande cratere del monte Pico.
Acqua, Terra e Fuoco
L'escursionista sale il sentiero verso la cima della montagna mentre le nuvole si susseguono sulle terre più basse e fertili dell'isola di Pico.
In cima al Portogallo
Guida e alpinista delle Azzorre in cima al Piquinho, dietro una nebbia persistente
Bestiame organizzato
Le mucche occupano un pendio dell'isola di Pico in alto sopra Lajes do Pico.
Il fiore
Cantante provocante protagonista nel poster delle feste religiose di Santa Luzia, São Roque do Pico.
Pico Corrals
Gli innumerevoli recinti che i coloni dell'isola di Pico costruirono per far crescere la vite.
labirinto di lava-isola-picco-vulcano-azzorre-montagna-atlantica
Le mucche pascolano nel paesaggio delle piccole tenute delle Azzorre delimitato da mura di basalto.
Al vento
I visitatori di Pico esplorano il mulino Frade, a Lajido da Criação Velha, Madalena.
Uva Vulcanica
Vite e uva sorretti dalla solidità di un muro di basalto.
Un'altra vittoria
Mónica Mota, una guida alpina che ora risiede a Pico, riposa nel grande cratere, con Piquinho che sembra fumare dietro.
Terra e mare
Vista dell'Atlantico e della vicina isola di Faial dal grande cratere del vulcano Pico.
fertile pendio
Costa sud-est di Pico, con terreni coltivati ​​a molte decine di metri sul livello del mare
lava alta
Lavica intrecciata sotto il Piquinho della montagna del vulcano Pico.
percorsi vulcanici
Hostess aiuta ad illuminare il tunnel di lava delle Azzorre più lungo conosciuto, con più di 5 km, nell'estensione della Gruta das Torres.
Shelter
Mucca riparata dietro una fitta siepe naturale sulle alture dell'isola.
Vigneti di lava
Il crepuscolo che sta per calare sul Pico da Madalena le pareti dei vigneti con le nuvole ancora rosa dal tramonto.
Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.

L'alba di Pico

Erano da poco passate le tre del mattino quando Mónica Mota, di epico ci dà il segnale di partenza per il tetto del Portogallo e l'isola di Pico.

Da lì in poi, per più di tre ore, guidati dall'esperienza della guida e alla luce dei paliotti, abbiamo risalito il pendio serpeggiando. Siamo saliti, a volte decisi, a volte scivolando sulla ghiaia lavica che, qua e là, ricopriva il sentiero.

Con gli zaini più pesanti di quanto volessimo sulla schiena, i passi sono diventati rapidamente dolorosi. Abbiamo mascherato il disagio e lo sforzo necessario per parlare di tutto ciò che ricordavamo.

Abbiamo conosciuto Monica solo per pochi passi. Argomenti di conversazione, come respiro e forza, non ci sono mai mancati.

Il sentiero ideale è segnalato da segnalini numerati. Ce ne sono 45 in cima. All'inizio, abbiamo la sensazione che accadano a colpo d'occhio.

A poco a poco, il loro conteggio sembra quantificare il grado di inquietudine per ciò che resta fino a quando non fissiamo gli occhi sull'ultimo. "I primi sono più separati." Mónica ci assicura con il suo tono rassicurante.

L'aurora fradicia sulla grande vetta dell'isola di Pico

Siamo arrivati ​​all'ingresso del grande cratere. Un vento frenetico rinnova una fitta nebbia e ci lancia con una pioggia gelida e pungente. È sotto questo massacro meteorologico che abbiamo vinto gli ultimi metri per la vetta suprema del Piquinho. Dopo di che ci siamo sistemati in attesa dell'alba.

Pico Island, Monte Vulcano delle Azzorre, ai piedi dell'Atlantico

Mónica Mota, una guida alpina che ora risiede a Pico, riposa nel grande cratere, con Piquinho che sembra fumare dietro.

Il Sole sorge. Ma sorse dietro una fitta coltre di nuvole che avevano poco o nessun colore. Ci tenevamo al riparo dalle raffiche il più possibile dietro alcune rocce e sopra una fumarola che ci sollevava da un torpore crescente.

Noi abbiamo aspettato. Senza le condizioni per fotografare, ci siamo disperati e abbiamo deciso di tornare al grande cratere. Ci siamo riparati dalle intemperie in una fossa di lava che le guide chiamavano albergo.

Ci siamo cambiati dei vestiti, abbiamo bevuto bevande calde e abbiamo ripreso le energie per il viaggio di ritorno.

Quando siamo usciti dalla tana, le nuvole hanno lasciato il posto a un sole radioso. Eravamo gli unici a salire di notte e ci siamo soffermati in vetta. In quel momento, con il sole già ben al di sopra dell'orizzonte, arrivarono le prime persone che erano partite all'alba.

Pico Island, Monte Vulcano delle Azzorre, ai piedi dell'Atlantico

Vista dell'Atlantico e della vicina isola di Faial dal grande cratere del vulcano Pico.

Renato, una guida che sta per completare le sue duemila ascensioni al Piquinho, ha condiviso un momento con Mónica e ci ha esortato a tornare lì.

Doloroso ritorno a Piquinho

Ancora su quell'eccentrico top di Portogallo, la grande stella ci ha scaldato e in vista.

Infine ci ha concesso la meraviglia che ci eravamo meritati: tutt'intorno, le macchie verdi dei bassipiani dell'isola di Pico e il blu scuro dell'Atlantico ai nostri piedi; dall'altra parte del canale, la sagoma familiare di Faial, lo scenario sorvolato e ombreggiato da alcune nuvole veloci che, nonostante ciò, si erano lasciate allontanare.

Pico Island, Monte Vulcano delle Azzorre, ai piedi dell'Atlantico

Mónica pedala lungo il ripido tratto di Piquinho fino al grande cratere del monte Pico.

Come è consuetudine in queste attività di montagna, il ritorno ai piedi del pendio si è rivelato punitivo quanto la salita. Ma il campo aveva lasciato il posto a paesaggi in movimento.

Altre nuvole, queste trascinanti, giocavano anch'esse nell'ombra con l'avvolgente lava nero-argento e con i prati ondulati su cui desideravamo tornare.

Allietati da quella festa dei sensi e dalle innumerevoli soste per contemplare e fotografare, ci perdiamo nel tempo. Stavamo per entrare nella Casa da Montanha, che ha segnato la fine dell'avventura, quando Mónica ci ha chiamato alla realtà.

"Sai che ore sono?" Ci ha chiesto. “Sono di nuovo le tre; tre del pomeriggio. Ragazzi, avete battuto tutti i record, non ci avevo mai messo così tanto lassù. Non ne avevamo idea.

Quello che sapevamo era che il viaggio che stavamo completando lì si era rivelato indimenticabile. Saremmo per sempre orgogliosi di averlo terminato e di poter testimoniare la bellezza e la maestosità del monte Pico.

Le origini e le profondità geologiche dell'isola di Pico

accanto al resto isole azzorre, è appena nata l'isola di Pico. La “data” della sua formazione ha suscitato un acceso dibattito basato su un arco temporale che va da 250.000 anni a un milione e mezzo o due milioni di anni.

Il tema affascina anche alcuni giovani della Scuola Picoense dell'associazione “Os Montanheiros” che studiano la Gruta das Torres, il più grande tubo lavico finora scoperto nel Azzorre, con più di 5

Tunnel di lava, isola di Pico, montagna del vulcano delle Azzorre, ai piedi dell'Atlantico

Hostess aiuta ad illuminare il tunnel di lava delle Azzorre più lungo conosciuto, con più di 5 km, nell'estensione della Gruta das Torres.

km di lunghezza. Avevamo già conquistato il tetto del tutto Portogallo.

Ci sembrava giusto discendere nelle sue profondità.

Siamo entrati nella grotta e abbiamo seguito le orme della guida Luís Freitas e colleghi che, con lanterne in aria, ci hanno mostrato le diverse formazioni lasciate dal raffreddamento della lava che scorre, con nomi provenienti da dove il fenomeno ancora abbonda, il Hawaii.

Abbiamo ammirato i segni di lava 'aa e pahoehoe e una miriade di altre stranezze geologiche secolari.

Il vino che sgorga dalla lava del vulcano Pico

Tornati in superficie, ci siamo dedicati al prodotto più improbabile di vulcanismo dall'isola di Pico: i vigneti che vi fecero proliferare i prodigiosi picozzi.

Currais, isola di Pico, montagna del vulcano delle Azzorre, ai piedi dell'Atlantico

Gli innumerevoli recinti che i coloni dell'isola di Pico costruirono per far crescere la vite.

I primi coloni si insediarono nell'isola di Pico nella seconda metà del XV secolo, si ritiene che dopo aver lasciato mandrie di bovini nella prima metà.

Venivano, in gran parte, dal nord del Portogallo e arrivavano via Isola Terceira e Graciosa, isole dove si erano precedentemente stabiliti.

In un primo momento, proliferare sull'isola di Pico sembrò loro una missione complicata. Nel tempo, la coltivazione del grano si è rivelata praticabile.

Il rafforzamento della produzione del pastello per tintori e di altre piante utilizzate nella produzione di pitture e coloranti poi esportate nelle Fiandre ha facilitato l'insediamento. Prima a Lajes, poi a São Roque.

A quel tempo, molti dei proprietari terrieri delle Azzorre residenti a Horta che già producevano vini a Faial e in altre isole, divennero proprietari di considerevoli appezzamenti dell'isola di Pico.

Le coltivazioni pioniere degli ecclesiastici

Si ritiene che sia stato un francescano noto come Frei Pedro Gigante a impiantare i primi vitigni della varietà Verdelho, di origine mediterranea, ma, in quel caso, quasi sicuramente portati da Madeira.

Alla fine del XNUMX l'isola di Pico produceva vino in quantità e considerata migliore delle altre isole.

Pico Island, Monte Vulcano delle Azzorre, ai piedi dell'Atlantico

Vite e uva sorretti dalla solidità di un muro di basalto.

Tanto che, qualche anno dopo, diversi proprietari hanno diffuso la loro produzione nella zona occidentale, intorno alla città più grande dell'isola, Madalena, il paese più vicino a Faial dove siamo arrivati ​​da Horta.

I vigneti nella parte occidentale dell'isola di Pico hanno rilevato quasi l'intera area di Lajido de Santa Luzia e Criação Velha, quest'ultima, una zona vicino a Madalena precedentemente vocata all'allevamento.

I suoi microfondi (2 metri per 6) delimitati e protetti dal vento e dalla foschia marina da innumerevoli pareti di pietre basaltiche si ripetono lungo il pendio, quasi al confine dell'Atlantico.

All'interno di queste piccole serre vulcaniche, che i produttori chiamavano “ribes”, da secoli emergono viti e ceppi di felicità.

La coltivazione del verdelho maturò per due secoli e la produzione raggiunse le 30.000 pipe all'anno. Il vino bianco liquoroso locale è diventato la principale fonte di reddito delle isole di Pico e Faial.

Garantiva la prosperità a diverse famiglie che costruirono grandi manieri e vi si insediarono per sovrintendere alla produzione e all'esportazione.

Il vino dell'isola di Pico ha raggiunto il Nord Europa, il Brasile, le Indie occidentali, Terranova e il Stati Uniti.

Tra i suoi più potenti estimatori c'erano i Papi e gli Zar di Russia.

Moinho do Frade, isola di Pico, montagna del vulcano delle Azzorre, ai piedi dell'Atlantico

I visitatori di Pico esplorano il mulino Frade, a Lajido da Criação Velha, Madalena.

Mulino con vista sulla creazione del Pico Velha

Siamo saliti in uno dei mulini che gli isolani hanno costruito per meccanizzare la molitura del mais e del grano. Dal suo portico rosso ammiriamo la vastità dell'Antica Creazione, allora molto più grigia che verde. Vai oltre canadesi (percorsi) paralleli.

Una signora che spinge una carrozzina percorre il lungo vicolo dal pavimento color ocra che arriva dal mare e passa alla base del mulino.

Pico Island, Monte Vulcano delle Azzorre, ai piedi dell'Atlantico

Abitante di Pico spinge un bambino lungo uno dei canadas (sentieri di pietra) che attraversano i vigneti di Madalena.

Abbiamo anche dato un'occhiata al piccolo negozio installato dall'altra parte del vecchio mulino del mulino e abbiamo parlato con Paula – che era responsabile dell'attività – e suo figlio Diniz. Di tutto ciò che avevano in vendita, i sacchi di uva ci hanno subito attratto.

La vendemmia era finita un mese fa. Sarebbero una delle poche uve dell'isola di Pico che avremmo la fortuna di assaggiare.

Ma due o tre bacche ci sono bastate per renderci conto che non erano proprio verdelho. Avevano il sapore della fragola. La stessa abbondante fragola nella familiare regione di Lafões.

“Sono davvero gli ultimi. Gli ultimi di quest'anno e, di questo tipo, che avremo mai. Mio padre sta per commerciare le nostre vigne. Il governo regionale ci paga per passare a varietà di qualità. Divertiamoci."

Oidio, muffa e altre aziende vinicole sull'isola di Pico

Nei tempi trascorsi di gloria e di vinificazione, i produttori dell'isola di Pico attraversarono momenti difficili e non avevano nessuno a sostenerli. Correva il 1852. Una piaga di oidio devastò i vigneti e la produzione.

Per evitare la fame, la gente coltivava mais, patate e patate dolci.

I terreni fertili ed erbosi non mancavano mai. Ne siamo stati testimoni quando siamo saliti da Lajes do Pico agli altopiani che abbiamo esplorato fino al belvedere di Cabeço do Geraldo e ad est, tra pascoli sterminati, alla buona maniera delle Azzorre, punteggiati da diversi tipi di mucche.

Bestiame, isola di Pico, montagna del vulcano delle Azzorre, ai piedi dell'Atlantico

Le mucche occupano un pendio dell'isola di Pico in alto sopra Lajes do Pico.

Dopo 20 anni Isabel, un'altra varietà più resistente ai parassiti, ha sostituito la Verdelha, ma la filossera che si è diffusa in tutta Europa ha distrutto le nuove viti. Migliaia di produttori emigrarono nel Brasile e per il Nord America.

Coloro che rimasero riuscirono a controllare la fillossera.

Scommettevano sulla conservazione delle vigne Isabel e, in certi sacchi ideali per la viticoltura, la verdelha che produceva il vino migliore. Anche così, la produzione fu lenta a riprendersi dal flagello delle pestilenze.

In questo contesto, alla fine del XNUMX° secolo, i balenieri americani erano presenti nelle acque al largo. Hanno introdotto la caccia alle balene.

Questa nuova attività economica è rimasta la principale industria dell'isola di Pico fino al 1970. In quel momento è entrato in azione il Piano di riconversione delle cantine delle Azzorre.

Currais, isola di Pico, montagna del vulcano delle Azzorre, ai piedi dell'Atlantico

Gli innumerevoli recinti che i coloni dell'isola di Pico costruirono per far crescere la vite.

Nell'isola di Pico si coltivano nuove varietà, uve ideali per i vini da tavola. E sono stati recuperati i vigneti con le varietà più nobili: Verdelho dos Açores, Arinto e Terrantez do Pico. Poco tempo dopo, i vini dell'isola di Pico tornarono alla ribalta.

Nel 2004 l'UNESCO ha classificato il Paesaggio Protetto dei Vini dell'isola di Pico come Patrimonio dell'Umanità. Questa distinzione ha contribuito a mettere in evidenza l'esotismo geologico e culturale dell'isola.

Oggi, l'isola di Pico si staglia in alto sopra l'Atlantico settentrionale.

Simile a quanto è successo alle Azzorre in generale, la sua fama si è diffusa in tutto il mondo.

Pico Island, Monte Vulcano delle Azzorre, ai piedi dell'Atlantico

Un fungo rosa incorona la cima del monte Pico, il tetto del Portogallo, sull'isola di Pico

Articolo realizzato con il supporto dei seguenti enti:

visitAzzorre

www.visitazores.com

epico

EPICA.pt

Compagnie aeree delle Azzorre

www.azoresairlines.pt/pt-pt

SATA

sab

Villaggio Fontana

viladafonte.com

Isola Pico, Azzorre

L'isola ad est del monte Pico

Di norma chi arriva a Pico sbarca sul suo versante occidentale, con il vulcano (2351 m) che sbarra la visuale sul versante opposto. Dietro il monte Pico, c'è un intero e meraviglioso "est" dell'isola che richiede tempo per svelarsi.
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Vulcano Capelinhos, Faial, Azzorre

Sulla pista del mistero di Capelinhos

Da una costa dell'isola all'altra, attraverso le nebbie, le macchie di pascolo e le foreste tipiche delle Azzorre, sveliamo Faial e il Mistero del suo vulcano più imprevedibile.
Horta, Azzorre

La città che dà il nord all'Atlantico

La comunità mondiale dei velisti è ben consapevole del sollievo e della felicità di vedere la montagna di Pico e, quindi, Faial e l'accoglienza della baia di Horta e Peter Café Sport. La gioia non si ferma qui. Dentro e intorno alla città, ci sono case imbiancate a calce e un'ondata verdeggiante e vulcanica che abbaglia chiunque sia arrivato così lontano.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
Ponta Delgada, São Miguel, Azzorre

La Grande Città delle Azzorre

Durante il XIX e il XX secolo Ponta Delgada divenne la città più popolosa e la capitale economica e amministrativa delle Azzorre. Lì troviamo la storia e il modernismo dell'arcipelago mano nella mano.
Angra do Heroismo, Terceira, Azzorre

Eroina del Mare, dei Nobili, Città Coraggiosa e Immortale

Angra do Heroísmo è molto più della capitale storica delle Azzorre, dell'isola di Terceira e, in due occasioni, del Portogallo. A 1500 km dalla terraferma, ha conquistato un ruolo di primo piano nella nazionalità portoghese e nell'indipendenza di cui poche altre città possono vantare.
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
Aldeia da Cuada, Isola di Flores, Azzorre

L'Eden delle Azzorre tradito dall'altra Sponda del Mare

Cuada è stata fondata, si stima che nel 1676, vicino alla soglia ovest di Flores. Nel XNUMX° secolo, i suoi residenti si unirono alla grande fuga precipitosa delle Azzorre verso le Americhe. Hanno lasciato un villaggio meraviglioso come l'isola e le Azzorre.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal "Piccolo Tibet portoghese" alle fortezze del mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro

Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo

Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.
Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Safari
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Concorso del boscaiolo dell'Alaska, Ketchikan, Alaska, Stati Uniti
Architettura & Design
Ketchkan, Alaska

Qui inizia l'Alaska

La realtà passa inosservata alla maggior parte del mondo, ma ce ne sono due Alaska. In termini urbanistici, lo Stato si inaugura a sud del suo nascosto cavo di padella, una striscia di terra separata dal resto EUA lungo la costa occidentale del Canada. Ketchikan, è la più meridionale delle città dell'Alaska, la sua capitale della pioggia e la capitale mondiale del salmone.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Preghiera che brucia, Festival di Ohitaki, Tempio di Fushimi, Kyoto, Giappone
Cerimonie e Feste
Kyoto, Giappone

Una fede combustibile

Durante la celebrazione shintoista di Ohitaki, i fedeli giapponesi raccolgono preghiere incise su tavolette nel tempio di Fushimi. Lì, mentre viene consumato da enormi falò, la sua fede si rinnova.
Cattedrale di Santa Ana, Vegueta, Las Palmas, Gran Canaria
Città
Vegueta, Gran canaria, Isole Canarie

Intorno al cuore delle Canarie reali

L'antico e maestoso quartiere di Vegueta de Las Palmas spicca nella lunga e complessa ispanizzazione delle Isole Canarie. Dopo un lungo periodo di spedizioni signorili, vi iniziò la conquista finale di Gran Canaria e delle altre isole dell'arcipelago, sotto il comando dei monarchi di Castiglia e Aragona.
cibo
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
Danze
Cultura
Okinawa, Giappone

Danze Ryukyu: sono vecchie di secoli. Non hanno molta fretta.

Il regno di Ryukyu prosperò fino al XNUMX° secolo come stazione commerciale Cina e dal Giappone. L'estetica culturale sviluppata dalla sua aristocrazia cortese includeva vari stili di danza lenta.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Motociclista nella gola di Sela, Arunachal Pradesh, India
In viaggio
Guwahati a Passo Sela, India

Viaggio banale alla gola sacra di Sela

Per 25 ore abbiamo viaggiato lungo la NH13, una delle strade più alte e pericolose dell'India. Abbiamo viaggiato dal bacino del fiume Brahmaputra alla contesa Himalaya della provincia di Arunachal Pradesh. In questo articolo descriviamo il tratto fino a 4170 m di quota del Passo Sela che ci ha portato Città buddista tibetana di Tawang.
Coda vietnamita
Etnico

Nha Trang-Doc Let, Vietnam

Il sale della terra vietnamita

Alla ricerca di attraenti coste nella vecchia Indocina, siamo rimasti delusi dall'asprezza della spiaggia di Nha Trang. Ed è nel lavoro femminile ed esotico delle saline di Hon Khoi che troviamo un Vietnam più confortevole.

Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Storia
Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
Isola di São Tomé, São Tomé e Principe, Nord, Roça Água Funda
Isole
São Tomé, São Tome e Principe

Attraverso il Tropical Cocuruto di São Tomé

Con l'omonimo capoluogo alle nostre spalle, ci siamo messi alla scoperta della realtà dell'azienda agricola Agostinho Neto. Da lì, abbiamo preso la strada costiera per l'isola. Quando finalmente l'asfalto si arrende alla giungla, São Tomé si è confermata in cima alle più belle isole africane.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
bianco inverno
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Enriquillo, Grande Lago delle Antille, Repubblica Dominicana, vista da Cueva das Caritas de Taínos
Natura
Lago Enrico, Repubblica Dominicana

Enriquillo: il Grande Lago delle Antille

Con tra 300 e 400 km2, situato a 44 metri sotto il livello del mare, l'Enriquillo è il lago supremo delle Antille. Anche ipersalina e soffocata da temperature atroci, continua ad aumentare. Gli scienziati hanno difficoltà a spiegare perché.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Iguana a Tulum, Quintana Roo, Messico
Parchi Naturali
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Viaggi in barca

Per coloro che si stancano di navigare in rete

Sali a bordo e lasciati trasportare da imperdibili gite in barca come l'arcipelago filippino di Bacuit e il mare ghiacciato del Golfo di Botnia finlandese.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
personaggi
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Funivia che collega Puerto Plata alla cima dell'Isabel de Torres PN
Spiagge
Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Argento della casa domenicana

Puerto Plata è il risultato dell'abbandono di La Isabela, il secondo tentativo di una colonia ispanica nelle Americhe. Quasi mezzo millennio dopo lo sbarco di Colombo, inaugurò l'inesorabile fenomeno turistico della nazione. In un lampo attraverso la provincia, vediamo come il mare, le montagne, la gente e il sole dei Caraibi la fanno splendere.
La crocifissione ad Helsinki
Religione
Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
giovane commessa, nazione, pane, uzbekistan
Società
Valle di Fergana, Uzbekistan

Uzbekistan, la nazione a cui non manca il pane

Pochi paesi usano cereali come l'Uzbekistan. In questa repubblica dell'Asia centrale, il pane gioca un ruolo vitale e sociale. Gli uzbeki lo producono e lo consumano con devozione e in abbondanza.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Parco Nazionale Etosha Namibia, pioggia
Animali selvatici
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.