Isola Keré, Bijagos, Guinea Bissau

La piccola Bijagó che ha Ospitato un Grande Sogno


Baia
Tramonto Calabaceiro
Airone blu
L'angolo dei Durris
“Stella del mare”
Pace tra i baobab
Il sole cala su Caravela
capanna tra i baobab
La colonna sonora
Isola Keré
Boy Bijagó con il pesce del giorno
Casa esposta a nord
Lezioni di pesca
Caricabatterie Bijagos
Dal Cielo
canzone al sole
Buona Vita Luci
Cresciuto in Costa d'Avorio, il francese Laurent ha trovato, nell'arcipelago delle Bijagós, il luogo che lo ha rapito. L'isola che condivide con la moglie portoghese Sónia li ha accolti e l'affetto che provavano per la Guinea Bissau. Kéré e i Bijagós hanno da tempo incantato i visitatori.

"Fotografa tutto, il più bello possibile, ma non fotografare me, per favore!" chiede F., un francese che non riusciamo a identificare, per rispetto alla sua richiesta.

"È solo che eravamo d'accordo tra noi, ma mia moglie non sa che sono venuto qui."

Proseguiamo a bordo di un motoscafo che ci porta da Quinhamel all'isola di Kéré. Noi e un gruppo di appassionati di pesca francesi. In particolare, per la pesca a Bijagós.

Tutt'intorno, i delfini sfoggiano le loro acrobazie. Di tanto in tanto vediamo irrompere il mare liscio, pieno di banchi incalzati da barracuda affamati e simili.

La barca si muove a buona velocità. Si allontana dall'estuario del grande fiume Geba, verso l'oceano, attraverso una vasta distesa di acqua salata che sembra già l'Atlantico, sebbene l'arcipelago del Bijagós che interviene, si nasconda a sud-ovest.

Ignari dell'argomento, abbiamo chiesto a uno degli amici di F., cosa dota i Bijagós di una pesca così speciale, se, ad esempio, le Azzorre non sono all'altezza. “Oh no, assolutamente no. Noi Azzorre soffiate gli alisei, non è come qui. Siamo quasi uguali. F. interviene con il buon carattere che, a poco a poco, ci rendiamo conto che lo contraddistingue.

“Vedi lì. Non chiedergli nulla che non abbia a che fare con la pesca. Il suo cervello funziona solo per la pesca. In questo momento, è in modalità sonar, sta scansionando in giro!"

Abbiamo tutti riso a crepapelle. Presto, tornammo a contemplare il mare poco profondo, attenti a cos'altro ci avrebbe rivelato.

Seguiamo la costa occidentale dell'isola di Maio. Dopo quasi un'ora di navigazione si delineano davanti a noi altre coste.

Isola di Kéré in Vista

Due, più ampio.

Tra loro, ce n'è un altro, al confronto, insignificante.

È Kéré.

Siamo arrivati ​​all'isola della nostra destinazione con il tramonto stesso. È solo quando lo giriamo verso ovest che lo vediamo con la luce della vista.

La spiaggia di sabbia bianca, i baobab ancora frondosi e, un po' velati dalla vegetazione, le capanne dell'ecolodge residente.

Ancoriamo.

Appare Laurent, il padrone di casa. Saluta e dai il benvenuto ai visitatori.

I pescatori francesi sembrano entusiasti di rivederlo. F. non resiste.

Intrappolaci con una nuova tirata che ci fa ridere quasi fino alle lacrime. "Bene, eccoci ancora qui! Non vediamo l'ora di dedicarci alle vostre attività, pilates, yoga, persino ceramica!

Salutammo Sónia in fretta.

Il sole bagna Kéré in un oro prezioso e Sónia è occupata, e inoltre sa cosa faremo.

Senza cerimonie, concedici la liberazione.

Bassa marea. Aumenta la sabbia inclinata.

Per la prima volta girammo dietro la linea della vegetazione.

Attenti alle aggraziate sagome generate dai baobab, agli uccelli che li abitano e persino alle zucche agrodolci appese agli alberi della vita.

Si fa buio.

I clienti gustano pasti a base di pesce appena pescato, barracuda, carpe, sirene.

Una comunità di pipistrelli della frutta abita gli alberi vicini.

Svegliati dall'arrivo dell'oscurità, banchettano con banane mature da un grande mazzo esposto sulla soglia del ristorante.

Conversazione di qua, conversazione di là, ci arrendiamo alla stanchezza della giornata.

Siamo tornati alla capanna che ci era stata assegnata, a pochi passi dal mare di Bijagós, sotto la volta iperstellata dell'Universo.

Un Nuovo giorno, nella Natura Esuberante di Bijagós

Ci siamo svegliati con l'alba, al suono di una sinfonia naturale come non si sentiva da tempo.

All'acuto frinire dei grilli si unì il tubare sincronizzato della prolifica comunità di tortore dell'isola.

Altri uccelli assortiti aggiunsero i loro caratteristici cinguettii.

Alcuni galli hanno cantato da soli. Tutta quell'energia sonora inaspettata è contagiosa.

Ci ispira a saltare giù dal letto e sperimentare lo splendore africano che Kéré aveva in serbo per noi.

Con gli stessi pochi passi raggiungiamo il bordo meridionale dell'isola.

Abbiamo scoperto che l'oceano stava ancora invadendo il letto esposto attorno ad esso. Secche successive lo seguirono.

Come nel pomeriggio precedente, di tanto in tanto, i pesci subiscono gli attacchi dei predatori. Si fanno prendere dal panico, proiettano, si dimenano.

Generano esplosioni di rumori scoppiettanti che agitano l'acqua in rapido movimento.

Un Eden guineano che da sempre attira i pescatori

Tale suono e visione torna a disturbare i pescatori. La maggior parte sono veterani. Alcuni stanno imparando.

Sono sbarcati a Kéré accompagnati da guide di pesca. Senza eccezione, tutti desiderano salpare con le barche e lanciare i loro ami e le loro esche dove i Bijagós sono più promettenti.

Il gruppo di francesi non impiegò molto a partire, nella prima di numerose incursioni. Laurent li accompagna, pochi, immaginiamo con rinnovato piacere.

La pesca ha sempre alimentato la vita di Laurent. A ben guardare, è stata la pesca che ha finito per regalargli Kéré, in una storia di vita che, ben raccontata, ne avrebbe fatto un film.

L'Incredibile Vita Africana del Francese Laurent Durris

Laurent Durris è cresciuto ad Abidjan, in Costa d'Avorio. Laurent non ha ottenuto il successo scolastico che i suoi genitori e gli insegnanti si aspettavano da lui.

Si è ritrovato bloccato su una barca. Sempre ad Abidjan ha iniziato a pescare.

Perfezionò le sue abilità di pescatore, al punto che, in seguito, aspirò a barche migliori e mari pescosi.

A ciò si aggiungeva una passione inspiegabile, visibile nella sua cameretta da bambino, decorata con innumerevoli immagini di isole di tutto il mondo.

Di fronte all'obbligo di guadagnarsi da vivere, Laurent ha scelto di essere nell'esercito. Rimase un soldato francese per undici anni, periodo in cui diverse condizioni gli imponevano di vivere in Francia.

A quel tempo, il fratello di Laurent era in Guinea Bissau, già una destinazione di pesca idolatrata dalla maggior parte dei pescatori francesi. Laurent si unì a lui in un ritiro di pesca ed esplorazione nel Bijagós. Tutto è andato liscio.

Ma quando Laurent tornò in Francia, soffriva di un grave caso di malaria cerebrale. Era vicino alla morte, tanto che i medici chiesero alla sua famiglia il permesso di spegnere le macchine che sostenevano il coma in cui si trovava.

La famiglia ha rifiutato. Contrariamente alle previsioni, dopo sedici giorni, Laurent si è svegliato. Soffriva di gravi danni motori, ma non era il vegetale che i medici avevano detto che sarebbe diventato. La fisioterapia intensiva gli ha permesso di riprendersi completamente.

Ritorno alla Vita e alle Braccia dei Bijagós

Invece di rifiutare l'Africa e la Guinea Bissau, ha abbracciato loro e il suo sogno. Ha lasciato la Francia.

Tornò in compagnia di suo fratello. Insieme, hanno guidato la vita dall'isola di Bubaque, lavorando come marinai e guide di pesca per le logge Bijagós.

In un'occasione furono assunti da un team di scienziati.

Mentre viaggiavano attraverso l'arcipelago, si sono imbattuti in Kéré. Laurent non apprezzava la vita più confusa di Bubaque.

Sentiva che questa era l'isola dei suoi sogni.

Ma Kéré era sacro.

Per abitarlo, Laurent ha dovuto visitare e chiedere il permesso agli iran (spiriti), inizialmente attraverso un balobeiro, una specie di guida spirituale guineana.

All'inizio, la sua volontà si è rivelata di breve durata. È diventato abbastanza quando ha aiutato una donna con le acque rotte a partorire. La donna era figlia di un capo villaggio di Caravela.

Questo régulo ha riconosciuto l'aiuto di Laurent. Si affezionò così tanto ai francesi che lo adottò.

Come ricompensa, lo aiutò anche a ottenere da Djamba, il balobeiro competente, il permesso dagli iraniani di stabilirsi a Kéré.

Questa è stata seguita dalla necessaria legalizzazione a Bissau.

Alla fine, Laurent è riuscito a stabilirsi sull'isola che sognava.

E investire in infrastrutture e attrezzature, in vista di un lodge dedicato alla pesca a Bijagós.

Laurent, Sónia e la vita condivisa dell'isola di Kéré

Da parte sua, Sónia lavorava da tre anni per una ONG che sostiene la Guinea Bissau. È approdato a Kéré e nella vita di Laurent da semplice cliente.

Lì si sono innamorati.

Laurent e Sónia decisero di elogiare l'opportunità che i Bijagós avevano dato loro.

Per rispetto delle persone che li hanno accolti, si sono sottoposti a cerimonie preparatorie. Si sono sposati secondo la tradizione Bijagó.

Esperta nello sviluppo di progetti di ONG, Sónia ha formato il duo perfetto con Laurent.

Kéré non aveva nemmeno acqua fresca.

Eppure, poco a poco, crescendo Gabriela, la loro figlia, hanno dotato Kéré dell'accogliente ecolodge che, nei periodi di maggiore affluenza, dà lavoro a più di quaranta guineani, la maggior parte dei quali di etnia Bijagó.

E questo ha continuato a stupirci.

L'Arrivo della Grande canoa di Rifornimento

A metà pomeriggio, con la marea di nuovo in calo, il “Estrela do Mar” un'enorme e colorata piroga, una delle tante che attraversano le Bijagós, si ancora davanti a Kéré, per portare all'isola parte delle provviste di cui ha bisogno.

Due o tre giovani Bijagós, con i corpi di guerrieri spartani, scaricano e fanno rotolare barili e taniche su per la spiaggia.

Lasciano anche qualche pesce pescato lungo la strada.

A "Estrela do Mar” si allontana verso Caravela.

Poco dopo si ferma in un punto strategico del canale, in attesa che l'alta marea renda percorribile il resto del percorso.

Stiamo andando nella stessa direzione.

L'Angolo dell'Isola “di Laurent e Sónia”, ma di Tutti

A nord dell'isola dove, tra i baobab, abitano Laurent e Sónia.

Gli aironi e le cornacchie dal ventre bianco li tradiscono.

I falchi pescatori decollano dai loro nidi per una missione di ricognizione a Kéré.

Chica cammina, a piedi nudi, sulla laterite dall'aspetto di pietra lavica, che il mare frettolosamente ricoprì.

"Ciao, come stai? Ti sei perso qualcosa” le chiediamo quando la vediamo scrutare tra le rocce e le pozzanghere. “

No, sto cercando delle merendine che sono nascoste qui intorno”.

Kéré misura poco più di due campi da calcio.

È ancora difficile per noi credere che, all'inizio, sacra e sconosciuta, ora ospita tutta quella vita.

COME ANDARE: 

volare con euroatlantico , Lisbona-Bissau e Bissau-Lisbona, il venerdì.

PRENOTA LA TUA VACANZA SULL'ISOLA DI KÉRÉ A:

http://bijagos-kere.fr o per telefono. e WhatsApp: +245 966993827

Crociera Africa Princess, 2º Orangozinho, Bijagos, Guinea Bissau

Orangozinho e i Confins del PN Orango

Dopo una prima incursione all'isola di Roxa, salperemo da Canhambaque per concludere la giornata alla scoperta della costa nel vasto e disabitato fondale di Orangozinho. La mattina dopo risalimmo il fiume Canecapane, alla ricerca della grande tabanca dell'isola, Uite.
Isola Keré ad Orango, Bijagos, Guinea Bissau

Alla Ricerca degli Ippopotami Lacustri-Marini e sacri delle Bijagós

Sono i mammiferi più letali dell'Africa e, nell'arcipelago di Bijagós, conservati e venerati. A causa della nostra particolare ammirazione, ci siamo uniti a una spedizione nella loro ricerca. Partendo dall'isola di Kéré e arrivando nell'entroterra di Orango.
Crociera Africa Princess, 1º Bijagos, Guinea Bissau

Verso Canhambaque, attraverso la Storia della Guinea Bissau

L'Africa Princess salpa dal porto di Bissau, a valle dell'estuario del Geba. Facciamo una prima sosta sull'isola di Bolama. Dalla vecchia capitale, ci dirigiamo verso il cuore dell'arcipelago di Bijagós.
Bubaque, Bijagos, Guinea Bissau

Il Portale dei Bijagós

Sul piano politico, Bolama resta capitale. Nel cuore dell'arcipelago e nella vita di tutti i giorni, Bubaque occupa questo posto. Questa città sull'omonima isola accoglie la maggior parte dei visitatori. A Bubaque sono incantati. Da Bubaque, molti si avventurano verso altri Bijagós.
Tabato, Guinea Bissau

Tabatô: al Ritmo di Balafom

Durante la nostra visita alla tabanca, a colpo d'occhio, il djidius (poeti musicisti)  i mandinga sono organizzati. Due dei prodigiosi balafonisti del villaggio prendono il comando, affiancati da bambini che li imitano. Cantanti con megafoni in mano, cantano, ballano e suonano la chitarra. C'è un suonatore di chora e diversi djambe e tamburi. La sua mostra genera successivi brividi.
Tabato, Guinea Bissau

La Tabanca dei Mandinga Poeti Musicisti

Nel 1870, una comunità di musicisti mandingo itineranti si stabilì vicino all'attuale città di Bafatá. Dai Tabatô che hanno fondato, la loro cultura e, in particolare, i loro prodigiosi balafonisti, abbagliano il mondo.
São Nicolau, Capo Verde

Fotografia di Nha Terra São Nicolau

La voce del defunto Cesária Verde ha cristallizzato i sentimenti dei capoverdiani costretti a lasciare la loro isola. chi visita São Nicolau o, qualunque esso sia, ammirare immagini che lo illustrano bene, capire perché la sua gente lo chiama, per sempre e con orgoglio, nha terra.
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan "francese" alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
Salt Island, Capo Verde

Il sale dell'isola di Sal

Nell'imminenza del XIX secolo Sal rimase priva di acqua potabile e praticamente disabitata. Fino all'estrazione e all'esportazione dell'abbondante sale si favorì un progressivo popolamento. Oggi le saline e le saline danno un altro sapore all'isola più visitata Capo Verde.
Di Santa Maria, Sale, Capo Verde

Santa Maria e la benedizione atlantica di Sal

Santa Maria nasce nella prima metà dell'XNUMX come magazzino per l'esportazione del sale. Oggi, grazie alla provvidenza di Santa Maria, Sal Ilha vale molto di più della materia prima.
Santo Antão, Capo Verde

Lungo la strada della corda

Santo Antão è la più occidentale delle isole di Capo Verde. C'è un'aspra soglia atlantica dell'Africa, un maestoso dominio insulare che iniziamo svelando da un'estremità all'altra della sua splendida Estrada da Corda.
São Nicolau, Capo Verde

San Nicola: Pellegrinaggio a Terra di Sodade

Partenze forzate come quelle che hanno ispirato la famosa morna”bibita” ha lasciato ben segnato il dolore di dover lasciare le isole di Capo Verde. scoprire sannclau, tra incanto e meraviglia, inseguiamo la genesi del canto e della malinconia.
Varela, Guinea Bissau

Costa Abbagliante e Deserta, al confine con il Senegal

Un po' remoto, con un accesso difficile, il tranquillo villaggio di pescatori di Varela compensa coloro che lo raggiungono con la cordialità della sua gente e una delle coste meravigliose, ma a rischio, della Guinea Bissau.
Elalab, Guinea Bissau

Una Tabanca nella Guinea dei Meandri Infiniti

Ci sono innumerevoli affluenti e canali che, a nord del grande fiume Cacheu, si snodano tra le mangrovie e assorbono la terraferma. Contro ogni previsione, persone felici si stabilirono lì e mantennero villaggi prolifici circondati da risaie. Elalab, uno di questi, è diventata una delle tabancas più naturali ed esuberanti della Guinea Bissau.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
dall'ombra
Architettura & Design
Miami, EUA

Un capolavoro di riabilitazione urbana

All'inizio del 25° secolo, il quartiere di Wynwood era ancora pieno di fabbriche e magazzini abbandonati e pieni di graffiti. Tony Goldman, un astuto investitore immobiliare, acquistò oltre XNUMX proprietà e fondò un parco murale. Molto più che rendere omaggio ai graffiti lì, Goldman ha fondato il grande bastione della creatività di Miami.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Aventura
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
Fatica nei toni del verde
Cerimonie e Feste
Suzdal, Russia

A Suzdal, Pepino è celebrato per Pepino

Con l'estate e il clima caldo, la città russa di Suzdal si rilassa dalla sua millenaria ortodossia religiosa. Il centro storico è anche famoso per avere i migliori cetrioli della nazione. Quando arriva luglio, trasforma il appena raccolto in una vera festa.
Cuore buddista del Myanmar
Città
Yangon, Myanmar

La grande capitale della Birmania (a parte le delusioni della giunta militare)

Nel 2005 il governo dittatoriale del Myanmar ha inaugurato una nuova capitale bizzarra e quasi deserta. La vita esotica e cosmopolita rimane intatta a Yangon, la città più grande e affascinante della Birmania.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Cabina Sapphire, Purikura, Tokyo, Giappone
Cultura
Tokyo, Giappone

Foto del passaporto giapponese

Alla fine degli anni '80, due multinazionali giapponesi vedevano già le cabine fotografiche convenzionali come pezzi da museo. Le trasformarono in macchine rivoluzionarie e il Giappone si arrese al fenomeno Purikura.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Da Chiang Khong a Luang Prabang, Laos, lungo il Mekong
In viaggio
Chiang Hong - Luang Prabang, Laos

Barca lenta, fiume Mekong sotto

La bellezza e il basso costo del Laos sono buoni motivi per navigare tra Chiang Khong e Luang Prabang. Ma questa lunga discesa del fiume Mekong può essere estenuante quanto pittoresca.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
Etnico
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
Key West Mural, Florida Keys, Stati Uniti
Storia
Key West, EUA

Il selvaggio West tropicale degli Stati Uniti

Siamo giunti alla fine della Overseas Highway e all'ultima ridotta della propaganda Florida Keys. Il Stati Uniti continentali qui si arrendono a un'abbagliante vastità marina color smeraldo-turchese. E un sogno ad occhi aperti del sud alimentato da una sorta di incantesimo caraibico.
Isola di São Miguel, Acores Splendida per natura
Isole
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Rompighiaccio Sampo, Kemi, Finlandia
bianco inverno
Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
Letteratura
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Preikestolen, Pulpit Rock, trono rischioso
Natura
Preikestolen - Pulpito Rock, Norvegia

Pellegrinaggio al pulpito di roccia in Norvegia

Non mancano scenari grandiosi negli infiniti fiordi della Norvegia. Al centro del fiordo di Lyse, la cima distaccata, liscia e quasi squadrata di una scogliera di oltre 600 metri forma un inaspettato pulpito roccioso. Salire sulle sue vette, sbirciare i precipizi e godersi i panorami circostanti è molto rivelatore.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Isola di Alcatraz, California, Stati Uniti
Parchi Naturali
Alcatraz, San Francisco, EUA

Ritorno alla roccia

A quarant'anni dalla fine della sua pena, l'ex prigione di Alcatraz riceve più visitatori che mai. Pochi minuti del suo isolamento spiegano perché l'immaginazione di The Rock ha fatto rabbrividire i peggiori criminali.
Escursione solitaria, deserto del Namib, Sossusvlei, Namibia, acacia alla base delle dune
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Sossusvlei, Namibia

Il vicolo cieco di Sossusvlei Namib

Quando scorre, l'effimero fiume Tsauchab serpeggia per 150 km dalle montagne di Naukluft. Arrivato a Sossusvlei, si perde in un mare di montagne di sabbia in lizza per il cielo. I nativi e i coloni la chiamavano la palude del non ritorno. Chiunque scopra questi luoghi improbabili in Namibia pensa sempre a tornare.
I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
personaggi
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Sesimbra, Vila, Portogallo, vista dall'alto
Spiagge
Sesimbra, Portogallo

Un villaggio toccato da Midas

Non sono solo Praia da California e Praia do Ouro a chiuderla a sud. Al riparo dalle furie dell'Atlantico occidentale, dotata di altre insenature immacolate e dotata di fortificazioni secolari, Sesimbra è oggi un prezioso paradiso per la pesca e la balneazione.
Motociclista nella gola di Sela, Arunachal Pradesh, India
Religione
Guwahati a Passo Sela, India

Viaggio banale alla gola sacra di Sela

Per 25 ore abbiamo viaggiato lungo la NH13, una delle strade più alte e pericolose dell'India. Abbiamo viaggiato dal bacino del fiume Brahmaputra alla contesa Himalaya della provincia di Arunachal Pradesh. In questo articolo descriviamo il tratto fino a 4170 m di quota del Passo Sela che ci ha portato Città buddista tibetana di Tawang.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Veicoli Ferroviari
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Mandria di bufali asiatici, Maguri Beel, Assam, India
Animali selvatici
Maguri Bill, India

Un Pantanal ai confini dell'India nord-orientale

Il Maguri Bill occupa un'area anfibia nelle vicinanze assamesi del fiume Brahmaputra. È lodato come un habitat incredibile, soprattutto per gli uccelli. Quando lo navighiamo in modalità gondola, ci imbattiamo in molta (ma molta) più vita della semplice asada.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.