Isola di Ibo a Isola QuirimbaMozambico

Ibo a Quirimba al Sapore della Marea


avventure nautiche
Un gruppo di bambini si diverte tra i dhow ancorati al lago sull'isola di Quirimba.
Sulla strada per il Baobab
I piccoli abitanti dell'isola di Quirimba contrastano con il grande baobab del suo unico villaggio.
il sentiero del mare
I bambini dell'isola di Quirimba camminano sull'alta marea appena arrivata.
fresca navigazione
Dhow naviga sul Mar Indiano appena arrivato dalla spiaggia-mare dell'isola di Quirimba.
Un'isola di mangrovie
Mangrovie solitarie esposte dalla bassa marea al largo dell'isola di Quirimba.
Quirimba con l'alta marea
Veduta dell'unico villaggio dell'isola di Quirimba, situato all'estremità settentrionale dell'isola.
Corpo e anima
Giovane residente dell'unico villaggio dell'isola di Quirimba, vicino al suo grande baobab.
duo ambulante
Escursionisti in mezzo al sentiero delle mangrovie, tra le isole Ibo e Quirimba.
moda mussiro
Vive nell'unico villaggio dell'isola di Quirimba, protetta dal sole con una maschera da mussiro.
squadra a piedi nudi
Gruppi di donne si dirigono verso il mare dell'isola di Quirimba attraverso le mangrovie che la separano dall'isola di Ibo.
Aspettando la spiaggia
Coreografia di mangrovie in piedi sul letto spoglio di fronte al nord dell'isola di Quirimba.
trio di pescatori
I residenti dell'isola di Quirimba pescano in un canale lasciato dalla marea di riflusso.
pesca a rete
Un gruppo di donne che pesca con una rete in un ruscello di bassa marea nell'arcipelago delle Quirimbas.
in giro in barca
Una guida riporta la barca dall'isola di Quirimba all'isola di Ibo, attraverso le mangrovie che le separano.
Antica fede di Quirimba
Rovine dell'antica chiesa coloniale lasciata in eredità dai missionari portoghesi all'isola di Quirimba.
pesca lunga
mussiro totale
Abitante dell'isola di Quirimbo, protetto dal sole tropicale da una maschera mussiro.
Originario del Benfica
Donna dell'isola di Ibo con la maglia dell'SL Benfica.
Per secoli, gli indigeni hanno viaggiato dentro e fuori le mangrovie tra le isole di Ibo e Quirimba, nel tempo che dà loro il travolgente viaggio di andata e ritorno dell'Oceano Indiano. Alla scoperta della regione, incuriositi dall'eccentricità del percorso, ne seguiamo i passi anfibi.

Sono le 8:30. Mohammed ci aspetta alla porta del Miti Miwiri, tra i due alberi da cui, senza troppe pretese, è stato ispirato il nome Kimuan dell'hotel.

Ci salutiamo. Abbreviamo una già breve conversazione di apertura. Sapevamo che avremmo seguito il letto che ci ha dato il ritiro del mare e che, a suo tempo, il mare sarebbe tornato senza pietà. Ciononostante, siamo partiti, Maometto in testa, noi, suoi fedeli seguaci.

Ci dirigiamo a sud, lungo la costa dell'insenatura più profonda dell'isola di Ibo, lungo il sentiero che passa davanti all'antico cimitero portoghese. Non siamo riusciti a vederlo.

Da Terra Firma all'Alveo a Vista e ai Canali di Mangrovie

Ad un certo punto Maometto ci indica il punto in cui dalla strada sterrata stavamo scendendo verso il terreno a volte striato, a volte fangoso, qua e là punteggiato di pozzanghere, lasciato in eredità dal riflusso. Poco dopo, tra alberi innaffiati dalle piogge e dai successivi cicli spiaggia-mare e, poi, lungo un sentiero allagato che serpeggiava attraverso la foresta di mangrovie.

“Questo che stiamo attraversando è stato aperto con le macchine dai portoghesi. Da allora, poiché la gente lo usa tutti i giorni, non ha più chiuso”.

A poco a poco, il flusso aumentò di larghezza. Gli alberelli di mangrovie cominciarono a fiancheggiarlo, sporgendosi dal suolo come stalagmiti vegetali che ci obbligavano a camminare ea chiacchierare concentrati.

Qua e là, il sentiero ci ha portato a lagune temporanee che ci hanno lasciato con l'acqua a metà del nostro stinco, incroci di quello che si è rivelato, dopo tutto, un vasto labirinto di mangrovie. Presto ci avrebbe indirizzati di nuovo nella direzione che Maometto stava convalidando.

Mangrovie tra Ibo e Quirimba Island-Mozambico

Gruppi di donne si dirigono verso il mare dell'isola di Quirimba attraverso le mangrovie che la separano dall'isola di Ibo.

Dopo un altro giro, ci imbattemmo in un gruppo di sei donne, metà delle quali avvolte in gonne capulane, l'altra metà portava ciotole e una borsa in testa. Uno di loro indossava una vecchia maglia del Benfica, vecchia al punto da avere come sponsor il famoso PT.

Donna in abito Benfica, Quirimbas, Mozambico

Donna dell'isola di Ibo con la maglia dell'SL Benfica.

Per qualche tempo abbiamo seguito la compagnia di questa donna. Qualche istante dopo, incontriamo altri esseri di mangrovie, ci distraiamo e ci perdiamo. Due bambini avevano un tale progresso nel loro viaggio che avevano smesso di catturare gamberetti e crostacei.

Davanti, una sabbia bagnata e infinita

Da un momento all'altro, il sentiero si riapre. Ma invece di uno stagno, rivela un canale aperto. Era decorato con una sgargiante barca da pesca in cui un membro dell'equipaggio solitario sembrava seccato di vedersi asciugare lì. Abbiamo girato la barca e abbiamo salutato il timoniere. Qualche decina di metri più avanti, ci troviamo di fronte a una nuova vastità di letto striato.

Questo mare di sabbia bagnata si allungava a perdita d'occhio, fino a uno scorcio dell'Oceano Indiano che quasi solo intuivamo come una linea bianca, tenue e diffusa, sovrapposta all'orizzonte.

Piccola mangrovia, isola di Quirimba, Mozambico

Mangrovie solitarie esposte dalla bassa marea al largo dell'isola di Quirimba.

Due o tre mangrovie resilienti, distanti l'una dall'altra, occupavano alte ridotte del letto e formavano isolotti di verde da cui facevano espandere avide radici che afferravano tutti i nutrienti che l'oceano lasciava loro.

Su questo mare di sabbia, i camminatori provenienti da altri sentieri e che percorrono le proprie linee si sono quasi persi di vista. La maggior parte di loro si stava dirigendo verso Quirimba, che abbiamo continuato a perseguire.

Rete da pesca di Que Leva a Maré

Dopo un altro mezzo chilometro, ci siamo imbattuti in un fiume che drenava l'acqua che la bassa marea aveva lasciato nell'oceano, già imminente.

Pesca con la rete, isola di Quirimba, Mozambico

Un gruppo di donne che pesca con una rete in un ruscello di bassa marea nell'arcipelago delle Quirimbas.

Il fiume sembrava dare qualcosa da fare a un gruppo organizzato di indigeni. Mentre ci avvicinavamo, ci rendemmo conto che erano le sei donne che avevamo incontrato nelle mangrovie e che si erano fatte avanti. I loro secchi trasportavano grandi reti. Le reti che le abbiamo viste si estendono quasi da una parte all'altra del torrente e si trascinano controcorrente per catturare i pesci puntati nell'Oceano Indiano.

Abbiamo attraversato il fiume più in alto, dove si è rivelato poco profondo e dove un'ampia acqua lo ha calmato. Ancora qualche centinaio di passi e una nuova corrente marina ci trattiene.

L'ingresso anfibio in Quirimba

Lo abbiamo incrociato con l'acqua fino alla vita. Dall'altra parte, abbiamo finalmente incontrato Quirimba. E con il solitario borgo costiero che occupa l'estremo nord dell'estensione di 6.2 km dell'isola.

Pesca con la lenza, isola di Quirimba, Mozambico

I residenti dell'isola di Quirimba pescano in un canale lasciato dalla marea di riflusso.

È composto da una o due file di capanne erette su tronchi e macuti, una copertura fatta di foglie di palma da cocco appiattite. Tra loro spiccava un anziano baobab, in piena stagione secca, grigio in tinta.

Ci piace osservare la flotta di dhow ormeggiata sul fondale esposto. Quando ce ne accorgiamo, abbiamo un branco di bambini del villaggio che ci sfidano con tropelie e provocazioni fotografiche.

Bambini e dhow, isola di Quirimba, Mozambico

Un gruppo di bambini si diverte tra i dhow ancorati al lago sull'isola di Quirimba.

Il passato coloniale dei Quirimba e dei Quirimba

Secondo i nostri calcoli, in quel momento, la marea sarebbe cambiata e l'Oceano Indiano stava riconquistando, centimetro dopo centimetro, l'ampio letto che gli apparteneva. Quindi abbiamo deciso di andare a sud lungo la costa. Per quanto lo permettesse il tempo di tornare a Ibo, ma con le rovine di un'antica chiesa come riferimento pre-investigato.

Ciò che resta della chiesa di Quirimba integra le spoglie dell'abbondante patrimonio coloniale che i portoghesi costruirono nell'arcipelago.

Durante il suo viaggio di ricerca iniziale dall'India, dopo aver raddoppiato il fondo dell'Africa Bartolomeu Dias si era trasformato da Tempeste in Buona Speranza, Vasco da Gama iniziò a girare la parte orientale dell'Africa.

aveva interrotto il Isola del Mozambico che si diceva fosse stato costretto a fuggire perché la popolazione sospettava le intenzioni degli estranei. In viaggio verso nord, sicuramente con la costa in vista, Vasco da Gama si fermò all'arcipelago delle Quirimbas.

Le isole erano già conosciute come Maluane, dal nome di un tessuto che gli indigeni producevano ed esportavano in grande quantità sulla terraferma. Ed erano abitate e controllate da una popolazione arabo-swahili, simile alla popolazione di Ilha de Moçambique, poco accogliente. Come tale, il navigatore ha proseguito verso le tappe successive a Mombasa e Malindi.

Giovane residente, isola di Quirimba, Mozambico

Giovane residente dell'unico villaggio dell'isola di Quirimba, vicino al suo grande baobab.

Nel 1522, i portoghesi tornarono determinati ad annientare il dominio musulmano. L'isola di Quirimba sarà stata la prima ad essere occupata.

Come sempre nelle Scoperte, i religiosi si affrettarono a imporre il cristianesimo e ordinarono l'erezione di diverse chiese. Quello di Quirimba era solo uno dei tanti.

Nella sua cronacaEtiopia orientale e Varia Historia de Cousas nei Taueis do Oriente", il prete P. João dos Santos descrive ciò che trovò nelle Quirimbas alla fine del 1586, durante un viaggio in Oriente dove faceva parte di un gruppo di missionari.

Secondo la narrazione, João dos Santos navigava da più di un mese guarito da una malattia. Ebbene, è capitato di riaffermarsi proprio nelle Quirimba: “Tanto che ero sano di questa malattia, ho capito presto nelle cose necessarie il cristianesimo di tutte queste isole, soggette alla Parrocchia di Quirimba in cui vivono molti cristiani, gentili e mori. E poi se dovessi più togliere, e proibire alcuni abusi, e cerimonie... molto dannose per la nostra sacra legge. "

maschera mussiro, isola di Quirimbo, Mozambico

Abitante dell'isola di Quirimbo, protetto dal sole tropicale da una maschera mussiro.

Tra questi "abusi” che João dos Santos ha cercato di combattere, la circoncisione e le celebrazioni della fine del Ramadan, che lo hanno molto scandalizzato: “tutti si ubriacano e camminano nudi per le strade, dipinti con almagra, e gesso, corpo di pollo e faccia e ogni hu si fa il sindaco momos, che può. "

A cavallo del XNUMX° secolo, con una base strategica sull'isola di Ibo dove avrebbero costruito il forte di São João Baptista e dove avevano già serbatoi di acqua piovana cruciali per l'allevamento degli animali e per il rifornimento delle navi, i portoghesi erano proprietari e signori del la maggior parte dei Quirimba. Il vicino Ibo ha rapidamente conquistato i riflettori.

Rovine della chiesa, isola di Quirimba, Mozambico

Rovine dell'antica chiesa coloniale lasciata in eredità dai missionari portoghesi all'isola di Quirimba.

Quirimba sopra e sotto, nel tour dell'Oceano Indiano

Sulla stessa isola di Quirimba, a parte il villaggio di Ponta Norte, di quei tempi rimane poco più della chiesa. Dopo altri venti minuti di cammino, lo troviamo senza tetto, con metà della facciata abbattuta e le pareti della navata coronate da tentacolari cactus e fichi d'India.

Sulla via del ritorno, l'abbiamo completato con il ritorno dell'Oceano Indiano in vista, tingendo l'incredibile scenario costiero mentre stavamo passando: colonie di mangrovie ferme sopra la sabbia bianca che ci sembravano esseri vegetali ambulanti rifilati da alcuni Eduardo Mãos di forbici nella regione.

Mangrovie, isola di Quirimba, Mozambico

Coreografia di mangrovie in piedi sul letto spoglio di fronte al nord dell'isola di Quirimba.

Più nell'entroterra, una foresta di palme da cocco che sovrasta le loro chiome rasate da uno dei cicloni o tempeste tropicali che, di tanto in tanto, attraversano il Canale del Mozambico.

E alberi che, in competizione sfrenata con le mangrovie per i nutrienti, avevano sviluppato tronchi e rami forti e zigzaganti e rami densi che servivano da casa per aironi e altri uccelli piccoli o non temibili.

Con il ritorno dell'Oceano Indiano iniziano ad arrivare altri dhow e piccole imbarcazioni. Alcuni salpano per il villaggio di Quirimba, altri per Ibo e persino per le parti più settentrionali dei Quirimba e della terraferma.

Isola di Quirimba, Mozambico

Dhow naviga sul Mar Indiano appena arrivato dalla spiaggia-mare dell'isola di Quirimba.

Durante un bel momento della passeggiata, siamo accompagnati da più bambini che si divertono a sfidare l'innalzamento delle acque e, come sempre accade in questi luoghi africani, ci incoraggiano e ci incoraggiano ancora a fotografarli.

Torniamo al villaggio. Ci viene offerto dello zucchero di canna che abbiamo mangiato senza cerimonie, mentre ci uniamo a un pubblico che ha accompagnato due uomini in una disputata partita ntxuva con la tavola in posizione, quasi sepolta nella sabbia.

Quando i dhow si fecero strada lì, il villaggio prese vita. Donne in grande allegria accorrevano alla riva dove eravamo arrivati ​​con secchi e ciotole che avrebbero riempito di pesce.

mussiro, isola di Quirimba, Mozambico

Vive nell'unico villaggio dell'isola di Quirimba, protetta dal sole con una maschera da mussiro.

Alcuni si sono distinti per i loro mussiros, le maschere solari naturali del Mozambico. Lungo la strada, piccoli negozi di alimentari hanno risposto agli acquisti dell'ultimo pomeriggio, mentre, sul viale sabbioso, un altro gruppo di bambini si è divertito a sciare in gruppo, con sci fatti di palme da cocco ricurve e bastoncini rigidi, più alti di loro, che fungevano da bastoncini.

Siamo arrivati ​​alla spiaggia dove siamo sbarcati, in quel momento, con il mare già a pochi metri dalle case unifamiliari. Nel bel mezzo di un frastuono di faccende domestiche, sbirciatine e intrusioni dei bambini, un entourage di uomini stava caricando un vecchio trattore Massey Fergusson, una cisterna d'acqua portata lì da un dhow.

Riconosciamo Maometto. Con l'avvicinarsi del tramonto, la guida ci ha condotto alla barca che ci avrebbe riportato a Ibo, in una navigazione combinata e complicata attraverso il mare semiaperto e il labirinto di mangrovie lungo il percorso.

Abbiamo camminato per i meandri delle mangrovie in un'ombra disorientante che solo la conoscenza di Maometto e l'abilità del barcaiolo hanno saputo superare.

Barca nella mangrovia, Quirimbas, Mozambico

Una guida riporta la barca dall'isola di Quirimba all'isola di Ibo, attraverso le mangrovie che le separano.

Una volta lasciate le mangrovie, abbiamo visto il sole tramontare sulle case dell'isola di Ibo. Per la comodità di tutti, siamo sbarcati nella spiaggetta di fronte a Rua da República e sotto il riparo di Miti Miwiri. La notte non ci volle molto per riportare i Quirimba al loro già ritiro secolare.

Isola di Ibo, Mozambico

Isola di un Mozambico scomparso

Fu fortificato nel 1791 dai portoghesi che cacciarono gli arabi dalle Quirimba e si impadronirono delle loro rotte commerciali. Divenne il 2° entrepot portoghese sulla costa orientale dell'Africa e, in seguito, capoluogo della provincia di Cabo Delgado, Mozambico. Con la fine della tratta degli schiavi all'inizio del XX secolo e il passaggio della capitale a Porto Amélia, l'isola di Ibo si è trovata nell'affascinante ristagno in cui si trova.
Pemba, Mozambico

Da Porto Amélia al Porto di Abrigo de Moçambique

Nel luglio 2017 abbiamo visitato Pemba. Due mesi dopo, il primo attacco ha avuto luogo a Mocímboa da Praia. Nemmeno allora osavamo immaginare che la capitale tropicale e soleggiata di Cabo Delgado sarebbe diventata la salvezza di migliaia di mozambicani in fuga da un terrificante jihadismo.
Isola di Goa, Isola del Mozambico, Mozambico

L'isola che illumina la del Mozambico

La piccola isola di Goa sostiene un faro secolare all'ingresso di Mossuril Bay. La sua torre elencata segnala la prima tappa di uno straordinario tour in dhow intorno al vecchio Isola del Mozambico.

Isola del Mozambico, Mozambico  

L'isola di Ali Musa Bin Bique. Scusa, dal Mozambico

Con l'arrivo di Vasco da Gama nell'estremo sud-est dell'Africa, i portoghesi si impossessarono di un'isola precedentemente governata da un emiro arabo, di cui finirono per alterare il nome. L'emiro perse territorio e ufficio. Il Mozambico - il nome sagomato - sopravvive sull'isola splendente dove tutto ebbe inizio e diede anche il nome alla nazione che finì per formare la colonizzazione portoghese.
Capo di Buona Speranza - Capo di Buona Speranza NP, Sud Africa

Ai confini della vecchia fine del mondo

Arrivammo dove la grande Africa cedette ai domini del “Mostrengo” Adamastor ei navigatori portoghesi tremarono come bastoni. Là, dove la Terra era, dopotutto, tutt'altro che finita, le speranze dei marinai di capovolgere il tenebroso Capo furono sfidate dalle stesse tempeste che continuano a imperversare lì.
Montagna della Tavola, Sud Africa

Al tavolo di Adamastore

Dai tempi primordiali delle Scoperte fino ai giorni nostri, Table Mountain si è sempre distinta al di sopra dell'immensità sudafricano e gli oceani che lo circondano. Passarono i secoli e Città del Capo sdraiato ai suoi piedi. Sia il capetoniani poiché gli estranei in visita si sono abituati a contemplare, salire e venerare questo imponente e mitico altopiano.
Galle, Sri Lanka

Né Beyond né Short del leggendario Taprobane

Camões ha immortalato Ceylon come un punto di riferimento indelebile delle Scoperte dove Galle fu una delle prime fortezze controllate e cedute dai portoghesi. Passarono cinque secoli e Ceylon lasciò il posto allo Sri Lanka. Galle resiste e continua a sedurre esploratori dai quattro angoli della Terra.
Machangulo, Mozambico

La penisola d'oro di Machangulo

Ad un certo punto, un braccio di mare divide in due la lunga striscia sabbiosa ricca di dune iperboliche che delimita la baia di Maputo. Machangulo, come viene chiamata la parte inferiore, ospita una delle coste più magnifiche del Mozambico.
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
bazaruto, Mozambico

Il miraggio invertito del Mozambico

A soli 30 km dalla costa orientale dell'Africa, un improbabile ma imponente erg sorge dal mare traslucido. Bazaruto ripara paesaggi e persone che hanno vissuto a lungo separate. Chiunque atterri su questa lussureggiante isola sabbiosa si ritrova rapidamente in una tempesta di stupore.
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Chandor, Goa, India

Una casa goano-portoghese, di sicuro

Un palazzo con influenze architettoniche portoghesi, Casa Menezes Bragança si distingue dalle case di Chandor, a Goa. Forma l'eredità di una delle famiglie più potenti dell'ex provincia. Sia dalla sua ascesa in un'alleanza strategica con l'amministrazione portoghese sia dal successivo nazionalismo di Goa.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Little Big Senglea II
Architettura & Design
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Celebrazione di Newar, Bhaktapur, Nepal
Cerimonie e Feste
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Rostov Veliki Cremlino, Russia
Città
Rostov Velikij, Russia

Sotto le cupole dell'anima russa

È una delle città medievali più antiche e importanti, fondata durante le origini ancora pagane della nazione degli Zar. Alla fine del XV secolo, inglobato nel Granducato di Mosca, divenne un imponente centro di religiosità ortodossa. Oggi, solo lo splendore del Cremlino Mosca batte quella della tranquilla e pittoresca cittadella di Rostov Velikij.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Impressioni Mostra di Lijiang, Yangshuo, Cina, Red Entusiasmo
Cultura
Lijiang e Yangshuo, Cina

Una Cina impressionante

Zhang Yimou, uno dei più famosi registi asiatici, si è dedicato a grandi produzioni outdoor ed è stato coautore delle cerimonie mediatiche delle Olimpiadi di Pechino. Ma Yimou è anche responsabile di “Impressions”, una serie di allestimenti non meno controversi con palchi in luoghi emblematici.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Fine della giornata presso il lago della diga del fiume Teesta a Gajoldoba, in India
In viaggio
porte, India

Alle porte dell'Himalaya

Siamo arrivati ​​alla soglia settentrionale del Bengala occidentale. Il subcontinente è ceduto a una vasta pianura alluvionale piena di piantagioni di tè, giungla, fiumi che il monsone fa traboccare su infinite risaie e villaggi che scoppiano a crepapelle. Al confine con la più grande delle catene montuose e il regno montuoso del Bhutan, per l'evidente influenza coloniale britannica, l'India chiama questa splendida regione con Dooars.
Parata dei nativi americani, Pow Pow, Albuquerque, New Mexico, Stati Uniti
Etnico
Albuquerque, EUA

Il suono dei tamburi, gli indiani resistono

Con oltre 500 tribù presenti, il pow wow "Gathering of the Nations" celebra la sacralità delle culture dei nativi americani. Ma rivela anche il danno inflitto dalla civiltà colonizzatrice.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Centro culturale Jean Marie Tjibaou, Nuova Caledonia, Great Pebble, Sud Pacifico
Storia
Grande Terre, Nuova Caledonia

Il grande sassolino del Pacifico meridionale

James Cook chiamò così la lontana Nuova Caledonia perché gli ricordava la Scozia di suo padre, mentre i coloni francesi erano meno romantici. Dotati di una delle più grandi riserve di nichel al mondo, chiamarono Le Caillou l'isola madre dell'arcipelago. Nemmeno la sua attività mineraria gli impedisce di essere uno dei pezzi di terra più belli dell'Oceania.
Contadino, Majuli, Assam, India
Isole
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
bianco inverno
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Lago Sorvatsvagn, Vágar, Isole Faroe
Natura
Vágar, Isole Faroe

Il lago che aleggia sull'Atlantico settentrionale

Per un capriccio geologico, Sorvagsvatn è molto più del lago più grande delle Isole Faroe. Scogliere con tra i trenta ei centoquaranta metri delimitano l'estremità meridionale del suo letto. Da certi punti di vista, dà l'idea di essere sospeso sull'oceano.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Namibe, Angola, Grotta, Parco Iona
Parchi Naturali
Namibe, Angola

Incursione nel Namibe angolano

Alla scoperta del sud dell'Angola, lasciamo Moçâmedes per l'interno della provincia desertica. Per migliaia di chilometri su terra e sabbia, l'asprezza del paesaggio non fa che rafforzare lo stupore della sua vastità.
Bertie a Jalopy, Napier, Nuova Zelanda
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30

Devastato da un terremoto, Napier è stato ricostruito in un Art Deco quasi al piano terra e vive fingendo di essersi fermato negli anni Trenta. I suoi visitatori si arrendono all'atmosfera del Grande Gatsby che trasuda la città.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
personaggi
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Promettere?
Spiagge
Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
Pellegrini in cima, Monte Sinai, Egitto
Religione
Monte Sinai, Egitto

Forza nelle gambe e fede in Dio

Mosè ricevette i Dieci Comandamenti sulla vetta del monte Sinai e li rivelò al popolo di Israele. Oggi centinaia di pellegrini conquistano, ogni notte, i 4000 passi di quella dolorosa ma mistica ascesa.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Veicoli Ferroviari
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
Graffiti della dea inquietante, Haight Ashbury, San Francisco, USA, Stati Uniti d'America
Società
L'Haight, San Francisco, EUA

Orfani dell'estate dell'amore

Anticonformismo e creatività sono ancora presenti nel vecchio quartiere Flower Power. Ma quasi 50 anni dopo, la generazione hippie ha lasciato il posto a giovani senzatetto, incontrollati e persino aggressivi.
Saksun, Isole Faroe, Streymoy, avviso
Vita quotidiana
Saksun, StreymoyIsole Faroe

Il villaggio faroese che non vuole essere Disneyland

Saksun è uno dei tanti splendidi piccoli villaggi delle Isole Faroe che sempre più estranei visitano. Si distingue per l'avversione ai turisti del suo principale proprietario rurale, autore di ripetute antipatie e attacchi contro gli invasori della sua terra.
Tombolo e Punta Catedral, Parco Nazionale Manuel Antonio, Costa Rica
Animali selvatici
PN Manuel Antonio, Costa Rica

Il Parco Nazionale Little-Big del Costa Rica

Le ragioni degli under 28 sono ben note. parchi nazionali I costaricani sono diventati i più popolari. La fauna e la flora di PN Manuel António proliferano in un minuscolo ed eccentrico pezzo di giungla. Come se non bastasse, si limita a quattro delle migliori spiagge tipiche.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.