Bubaque, Bijagos, Guinea Bissau

Il Portale dei Bijagós


Ricreazione in piroga
Grande mangrovia
Il pesce del giorno
Alla ricerca di Calabasa
Pesante motorizzato
Modelli di conversazione
Pasti del fine settimana
Sovraccarico
Disco (ora) offline
Cantiere di Bubaqué
La famiglia
Turma da Cabaça
Ancoraggio di Escadinhas
bambini al tramonto
Lunga attesa
Modelli Bijagos
Il trambusto della costa
Moda infantile
Pascolo guineano
Attracco di fine giornata
Sul piano politico, Bolama resta capitale. Nel cuore dell'arcipelago e nella vita di tutti i giorni, Bubaque occupa questo posto. Questa città sull'omonima isola accoglie la maggior parte dei visitatori. A Bubaque sono incantati. Da Bubaque, molti si avventurano verso altri Bijagós.

Il venerdì pomeriggio è finito.

Quando il traghetto Consulmar appare all'orizzonte, al largo di Ponta Anchaca e dell'isola di Rubane, una piccola folla lo sta già aspettando, adattata al porto e alla strada sterrata che lo precede.

Una flotta multicolore di moto box riempie la parte anteriore.

Proprietari e dipendenti di alberghi e locande, alcuni con cartelli identificativi, aspettano e fanno a gara per i passeggeri provenienti da Bissau.

Come quasi sempre accade con le tradizionali canoe e traghetti che servono l'arcipelago, ci viene in soccorso il “Bijagós I”. Installati nel modo più confortevole possibile, dozzine di passeggeri si adattano al carico.

Il resto segue sul ponte superiore. Sono i primi a salire sul molo e salutare chi li aspetta.

L'arrivo di "Bijagos I" si traduce nel principale evento di routine della città. C'erano volte in cui si teneva due volte a settimana. Ci spiegano che il freno pandemico, ma anche il logorio del porto, hanno portato le autorità a dimezzare la frequenza.

Il traghetto attraccherà tre volte. La conseguenza più evidente di questa riduzione è visibile e anche dalla barca all'alto molo di cemento a cui era attaccata.

Bubaque, il Portale più Accessibile per i Bijagós

Nei dintorni di Bijagós, l'accoglienza dei visitatori è affidata a logge appartenenti a stranieri, con tariffe giornaliere superiori alle possibilità dei più umili.

Come queste isole, Bubaque offre una vastità naturale, con molto tribale, circondata da splendide spiagge con vista e scorci delle isole vicine.

Che tu abbia o meno una famiglia lì, Bubaque, la città e l'isola sono i Bijagós accessibili ai guineani benestanti.

In termini di urbanizzazione, solo Bolama è paragonabile a Bubaque. Entrambi hanno la loro eredità di edifici coloniali fatiscenti.

Distribuito su un reticolo di strade di cui rimangono solo tracce irregolari di ciottoli o asfalto.

L'approdo portato dal traghetto “Bijagós I”

Ci aggiravamo tra i passeggeri, attenti alle peculiarità dell'inevitabile frenesia. Sbarco passeggeri.

E l'aggravato, la consegna e il ritiro dei tuoi effetti personali.

I dipendenti di Consulmar e del porto, assistiti da residenti e passeggeri, trasferiscono a terra televisori, pallet di casse di vino, sacchi di riso, polli e persino capre.

Con il sole all'orizzonte, due enormi canoe tradizionali ormeggiano accanto al “Bijagós I”, anch'esso stipato l'uno contro l'altro.

Uno di loro trasporta una motocicletta con una scatola appena acquistata.

Un gruppo di uomini la porta a peso, su per le scale, alle controparti di servizio.

Sono passati tre quarti d'ora. Alcuni passeggeri daBijagos I” pochi istanti fa hanno recuperato i loro averi.

Come tanti altri a bordo, una coppia arriva diffidente nei confronti di spese inutili.

Tengono secchi.

In uno di essi arrivano le galline con le zampe legate.

Abbiamo chiesto loro se sarebbero stati nel menu del fine settimana.

“Senti, non siamo ancora sicuri se sarà cafriela o chabéu.

Che finirà nel piatto, questo è certo!” conferma la signora, incuriosita dall'interesse che abbiamo dedicato loro, ma di buon umore.

Fine del giorno. Serata di festa a Bubaque

Il crepuscolo circonda Bubaque.

Dalla cima di un baobab spoglio, uno stormo di avvoltoi gode dell'azione finale. Guarda come la folla svanisce nelle strade e nei vicoli della città.

La Luna sorge.

Si riflette nel canale che separa Bubaque dall'isola vicina. Mette in risalto le sagome delle numerose palme da olio che abbracciano Rubane.

Durante i Mondiali di calcio, disputati per la prima volta in inverno nell'emisfero nord, Bubaque ha garantito la visione televisiva.

Con una reputazione festosa da mantenere, né con la vecchia discoteca "Online” offline l'animazione si fermerebbe qui.

Abbiamo assistito a una partita sulla terrazza del Mango Eco Lodge di Myriam Barbier, la padrona di casa gallica che si è arresa al fascino dei Bijagós, che hanno scambiato la raffinatezza della Costa Azzurra e di altre parti della Francia, con la genuinità di Bubaque.

La mattina seguente, abbiamo iniziato una passeggiata tanto attesa.

Bubaque rivela la sua bellezza grezza.

Abbiamo aiutato a scacciare tre capre sfacciate che stavano pascolando nel giardino del Mango Lodge.

Diversi altri punteggiano il vicolo accidentato davanti, proprio accanto alle rovine dell'edificio del Governatore, abbandonato al bosco, ma che ospita ancora un indaffarato fabbro.

La griglia urbana coloniale di Bubaque a Cerne das Bijagós

Il nucleo della Bubaque coloniale e, ancora oggi, i suoi antichi edifici amministrativi si estendono lì intorno, tra alberi di mango e palme da cocco.

Individuiamo il municipio, la stazione radio Djan-Djan, l'ufficio del governo regionale e, di fronte, quello delle autorità militari, entrambi segnalati dalla propria bandiera della Guinea Bissau.

Quella che prima funzionava come una piazza ora appare come un campo aperto, solcato da comodi sentieri.

Uno di questi passa accanto alla chiesetta, al parco giochi locale e ad uno dei numerosi negozi di alimentari gestiti da immigrati mauritani.

Dopo la stagione delle piogge, per un po', la vecchia piazza funge anche da prato. Ogni volta che lo attraversiamo, incontriamo mucche, capre e pecore che si nutrono della sua vegetazione.

Bubaque, Bijagós: isola cristiano-animista di Bijagó

La domenica mattina vi si radunano i cattolici praticanti della città. Bella e gialla, la parrocchia non ha lo spazio per accogliere tutti i fedeli.

Quando passiamo, i fedeli che arrivano, nei loro abiti migliori, ma in ritardo, si accalcano dall'ingresso verso l'esterno. se ancora possibile, all'ombra degli alberi che precedono il tempio.

In quei giorni è un prete thailandese che dà la messa.

La cerimonia che svolge compete con altri servizi religiosi: quelli della Chiesa evangelica, della Chiesa neo-apostolica e dello Shalon.

Colonizzati ed evangelizzati ai margini del continente, buona parte di Bijagós e Bubaque, in particolare, rimangono domini animisti cristiani.

Contrariamente a quanto accade nella Guinea Bissau continentale, le sue moschee sono più piccole ei muezzin non possono cantare.

Anche così, i mauritani nei modesti negozi di alimentari e ristoranti chiudono le loro attività durante le ore di preghiera, quando si uniscono ad altri musulmani osservanti nella necessaria adorazione di Allah.

La predominanza cristiana di Bubaque è un'eredità portoghese che integra quella delle case coloniali.

Man mano che ci dirigiamo verso l'interno dell'isola omonima e dei suoi villaggi di organizzazione quasi tribale, l'animismo dei Bijagós assume un'espressione maggiore di quella del cristianesimo.

Nella città costiera, invece, continua a prevalere la fede cristiana.

Bubaque agli inizi della colonizzazione portoghese dell'Africa

Il primo passaggio dei portoghesi attraverso i Bijagós avvenne solo nel 1498, anno in cui Vasco da Gama sbarcò a Bubaque durante la sua spedizione in India.

Dalla metà del XV secolo, la costa guineana è stata esplorata.

Dal 1511 il numero degli schiavi ivi catturati aumentò di anno in anno, non molto tempo dopo, a partire dalla nuova fortezza di Cacheu, prima capitale coloniale della Guinea Bissau.

I Bijago formavano, tuttavia, un dominio resistente.

Stendersi in un labirinto di stretti e canali che capricciose maree rendevano insidiose. Erano governati da capi tribù che erano quasi sempre contrari alle intenzioni degli europei.

Il passaggio effimero di Bubak attraverso la Guinea britannica

Fino al 1847 questi rimasero a bada. Quell'anno arrivarono in forze gli inglesi. Hanno attaccato i principali villaggi del regno di Canhambaque, compresi quelli di Bubaque.

Tormentarono gli indigeni in modo tale da costringere il re António de Canhambaque a firmare un documento in cui si impegnava a impedire ai rivali portoghesi di commerciare nei Bijagós.

Avanti veloce al 1853. Gli inglesi avevano già annesso Bubaque e molti altri Bijagos.

L'esito della Questione di Bolama, dettata da Ulisses Grant, a favore dei portoghesi, annullò definitivamente il progetto della Guinea britannica e le sue pretese nell'attuale Guinea Bissau.

E l'esito della questione Bolama che lo ha consegnato al Portogallo

Gli inglesi tornarono in Gambia da dove provenivano. I portoghesi, questi, videro le coste libere di espansione nell'arcipelago.

Decisero di sottomettere presto gli indigeni Bijagó, usando il fuoco dei cannoni delle navi da guerra.

Ciononostante, la resistenza Bijagó fu sconfitta solo nel 1936. Timoroso delle rivolte, soprattutto quelle più popolose e potenti Isola di Canhambaque, le autorità militari portoghesi decisero di installare il loro quartier generale a Bubaque. La strategia si è rivelata corretta.

Successivamente, il Regno di Canhambaque rimase sotto controllo.

Al sicuro dagli attacchi indigeni precedentemente frequenti, i coloni portoghesi consolidarono la nuova capitale, con le arterie e le strutture che continuammo a percorrere.

Dal centro storico, costeggiamo le rovine dell'hotel che si dice abbia rinunciato a costruire l'ex presidente Nino Vieira, sulla strada per Praia das Escadinhas.

In questo angolo di mare della città ci imbattiamo in un piccolo cantiere tradizionale di canoe, dove carpentieri e imbianchini restaurano un portentoso esemplare.

I bambini giocano a pallone.

Le ragazze provano mentalmente le pose di qualsiasi sfilata di moda.

Il sole tramonta verso l'Atlantico.

Dice addio a quattro palme da olio africane che crescono su un promontorio che nasconde l'Occidente.

Partite della Coppa del Mondo del Qatar e Bijagós Dances al Mango Ecolodge

Torniamo, senza fretta, al Mango EcoLodge.

Quella sera, dopo le partite dei Mondiali, Mimi e Maio presentano un piccolo gala culturale.

Bambini e adulti eseguono danze tribali contagiose.

Il pubblico esulta. Quello seduto sulle sedie della terrazza. Quello appollaiato sul muro della locanda.

E anche quello che si rassegnava ad ascoltare, nelle immediate vicinanze.

Per oltre due ore.

Sempre al ritmo intenso e caldo dei Bijagós.

COME ANDARE: 

volare con euroatlantico , Lisbona-Bissau e Bissau-Lisbona, il venerdì.

DOVE ALLOGGIARE A BUBACH

Mango Eco Lodge o Cajou Lodge Hotel

Prenotazioni tramite Whats App:

+245 95 660 17

+245 96 663 33

Crociera Africa Princess, 2º Orangozinho, Bijagos, Guinea Bissau

Orangozinho e i Confins del PN Orango

Dopo una prima incursione all'isola di Roxa, salperemo da Canhambaque per concludere la giornata alla scoperta della costa nel vasto e disabitato fondale di Orangozinho. La mattina dopo risalimmo il fiume Canecapane, alla ricerca della grande tabanca dell'isola, Uite.
Isola Keré, Bijagos, Guinea Bissau

La piccola Bijagó che ha Ospitato un Grande Sogno

Cresciuto in Costa d'Avorio, il francese Laurent ha trovato, nell'arcipelago delle Bijagós, il luogo che lo ha rapito. L'isola che condivide con la moglie portoghese Sónia li ha accolti e l'affetto che provavano per la Guinea Bissau. Kéré e i Bijagós hanno da tempo incantato i visitatori.
Isola Keré ad Orango, Bijagos, Guinea Bissau

Alla Ricerca degli Ippopotami Lacustri-Marini e sacri delle Bijagós

Sono i mammiferi più letali dell'Africa e, nell'arcipelago di Bijagós, conservati e venerati. A causa della nostra particolare ammirazione, ci siamo uniti a una spedizione nella loro ricerca. Partendo dall'isola di Kéré e arrivando nell'entroterra di Orango.
Tabato, Guinea Bissau

Tabatô: al Ritmo di Balafom

Durante la nostra visita alla tabanca, a colpo d'occhio, il djidius (poeti musicisti)  i mandinga sono organizzati. Due dei prodigiosi balafonisti del villaggio prendono il comando, affiancati da bambini che li imitano. Cantanti con megafoni in mano, cantano, ballano e suonano la chitarra. C'è un suonatore di chora e diversi djambe e tamburi. La sua mostra genera successivi brividi.
Tabato, Guinea Bissau

La Tabanca dei Mandinga Poeti Musicisti

Nel 1870, una comunità di musicisti mandingo itineranti si stabilì vicino all'attuale città di Bafatá. Dai Tabatô che hanno fondato, la loro cultura e, in particolare, i loro prodigiosi balafonisti, abbagliano il mondo.
Crociera Africa Princess, 1º Bijagos, Guinea Bissau

Verso Canhambaque, attraverso la Storia della Guinea Bissau

L'Africa Princess salpa dal porto di Bissau, a valle dell'estuario del Geba. Facciamo una prima sosta sull'isola di Bolama. Dalla vecchia capitale, ci dirigiamo verso il cuore dell'arcipelago di Bijagós.
Lubango, Angola

La città in cima all'Angola

Anche sbarrate dalla savana e dall'Atlantico dalle catene montuose, le fresche e fertili terre di Calubango hanno sempre attirato stranieri. I Madeirani che fondarono Lubango oltre i 1790 m e le persone che si unirono a loro ne fecero la città più alta e una delle più cosmopolite dell'Angola.
Cascate di Kalandula, Angola

Angola a Cascata

Considerate le seconde più grandi in Africa, le cascate di Kalandula bagnano la già grandiosa Angola di maestosità naturale. Fin dai tempi coloniali, quando furono battezzati in onore di re D. Pedro V, duca di Bragança, molto fiume Lucala e la storia sono passati attraverso di loro.
Varela, Guinea Bissau

Costa Abbagliante e Deserta, al confine con il Senegal

Un po' remoto, con un accesso difficile, il tranquillo villaggio di pescatori di Varela compensa coloro che lo raggiungono con la cordialità della sua gente e una delle coste meravigliose, ma a rischio, della Guinea Bissau.
Elalab, Guinea Bissau

Una Tabanca nella Guinea dei Meandri Infiniti

Ci sono innumerevoli affluenti e canali che, a nord del grande fiume Cacheu, si snodano tra le mangrovie e assorbono la terraferma. Contro ogni previsione, persone felici si stabilirono lì e mantennero villaggi prolifici circondati da risaie. Elalab, uno di questi, è diventata una delle tabancas più naturali ed esuberanti della Guinea Bissau.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Architettura & Design
napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30 – Tour del Calhambeque

In una città ricostruita in stile Art Déco e con un'atmosfera da "anni folli" e oltre, il mezzo di trasporto appropriato sono le eleganti auto d'epoca di quell'epoca. A Napier sono ovunque.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Aventura
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
autoflagellazione, passione di cristo, filippine
Cerimonie e Feste
Marinduque, Filippine

La passione filippina di Cristo

Nessuna nazione circostante è cattolica, ma molti filippini non si lasciano intimidire. Durante la Settimana Santa si arrendono alla fede ereditata dai coloni spagnoli e l'autoflagellazione diventa una sanguinosa prova di fede.
Hiroshima, città ceduta alla pace, Giappone
Città
Hiroshima, Giappone

Hiroshima: una città arresa alla pace

Il 6 agosto 1945 Hiroshima soccombette all'esplosione della prima bomba atomica usata in guerra. Dopo 70 anni, la città si batte per la memoria della tragedia e per lo sradicamento delle armi nucleari entro il 2020.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Cultura
Spettacoli

Il mondo in scena

In tutto il mondo, ogni nazione, regione o città e persino quartiere ha la sua cultura. Quando si viaggia, niente è più gratificante che ammirarli, dal vivo e in loco, che li rende unici.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Ross Bridge, Tasmania, Australia
In viaggio
alla Scoperta di Tassiè, Parte 3, Tasmania, Australia

Tasmania dall'alto al basso

Da tempo la vittima preferita degli aneddoti australiani, il Tasmania non ha mai perso l'orgoglio per strada aussie più rude essere. Tassie rimane avvolta nel mistero e nel misticismo in una sorta di retro degli antipodi. In questo articolo raccontiamo il peculiare viaggio da Hobart, la capitale situata nell'improbabile sud dell'isola, fino alla costa nord, la svolta verso il continente australiano.
Elalab, vista aerea, Guinea Bissau
Etnico
Elalab, Guinea Bissau

Una Tabanca nella Guinea dei Meandri Infiniti

Ci sono innumerevoli affluenti e canali che, a nord del grande fiume Cacheu, si snodano tra le mangrovie e assorbono la terraferma. Contro ogni previsione, persone felici si stabilirono lì e mantennero villaggi prolifici circondati da risaie. Elalab, uno di questi, è diventata una delle tabancas più naturali ed esuberanti della Guinea Bissau.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Storia
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
piccolo browser
Isole
Honiara e Gizo, Isole Salomone

Il Tempio sconsacrato delle Isole Salomone

Li nominò un navigatore spagnolo, desideroso di ricchezze come quelle del re biblico. Devastate dalla seconda guerra mondiale, da conflitti e disastri naturali, le Isole Salomone sono lontane dalla prosperità.
Aurora boreale, Laponia, Rovaniemi, Finlandia, Fire Fox
bianco inverno
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Estancia Harberton, Terra del Fuoco, Argentina
Natura
Terra di Fuoco, Argentina

Una fattoria alla fine del mondo

Nel 1886 Thomas Bridges, un orfano inglese portato dalla sua famiglia di missionari adottivi negli angoli più remoti dell'emisfero meridionale, fondò l'antica fattoria della Terra del Fuoco. Bridges e i suoi discendenti si sono arresi alla fine del mondo. Oggi, il tuo Estancia harberton è un abbagliante monumento argentino alla determinazione e alla resilienza umana.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Namibe, Angola, Grotta, Parco Iona
Parchi Naturali
Namibe, Angola

Incursione nel Namibe angolano

Alla scoperta del sud dell'Angola, lasciamo Moçâmedes per l'interno della provincia desertica. Per migliaia di chilometri su terra e sabbia, l'asprezza del paesaggio non fa che rafforzare lo stupore della sua vastità.
Isola di Praslin, Sea Cocos, Seychelles, Baia dell'Eden
Patrimonio mondiale dell'UNESCO

Praslin, Seychelles

 

L'Eden degli enigmatici Coconuts-of-the-Sea

Per secoli, i marinai arabi ed europei hanno creduto che il seme più grande del mondo, che hanno trovato sulle coste dell'Oceano Indiano a forma di fianchi voluttuosi di una donna, provenisse da un albero mitico sul fondo degli oceani. L'isola sensuale che li ha sempre generati ci ha lasciato estasiati.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
personaggi
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Cabo Ledo Angola, moxixeiros
Spiagge
Capo Ledo, Angola

Cabo Ledo e la sua Baia di Gioia

A soli 120 km a sud di Luanda, le onde capricciose dell'Atlantico e le scogliere coronate da moxixeiros competono per la terra del musseque. La grande insenatura è condivisa da stranieri arresi alla scena e residenti angolani che da tempo sono sostenuti dal generoso mare.
Solostsky autunnale
Religione
Isole Soloveckie, Russia

L'Isola Madre dell'Arcipelago Gulag

Ospitò uno dei più potenti domini religiosi ortodossi in Russia, ma Lenin e Stalin lo trasformarono in un gulag. Con la caduta dell'URSS, Solotsky ritrova pace e spiritualità.
Di nuovo al sole. Funivie di San Francisco, alti e bassi della vita
Veicoli Ferroviari
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
cowboy dell'Oceania, Rodeo, El Caballo, Perth, Australia
Società
Perth, Australia

Cowboy dell'Oceania

Il Texas è dall'altra parte del mondo, ma nel paese dei koala e dei canguri non mancano i cowboy. I rodei dell'entroterra ricreano la versione originale e 8 secondi durano non meno nell'Australia occidentale.
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
El Tatio Geyser, Atacama, Cile, Tra il ghiaccio e il caldo
Animali selvatici
El Tátio, Cile

Geyser El Tatio – Tra il ghiaccio e il caldo dell'Atacama

Circondato da vulcani supremi, il campo geotermico di El Tatio deserto di Atacama appare come un miraggio dantesco di zolfo e vapore a una quota ghiacciata di 4200 m. I suoi geyser e le sue fumarole attirano orde di viaggiatori.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.