Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo


solidarietà equina
Mandria di cavalli si stringe insieme per affrontare una nuova bufera di neve islandese.
l'ultimo visitatore
Visitatore davanti alla fila di case di torba di Glaumbaer.
Il picco acuto di Krafla
L'auto percorre una strada da PN Myvatn, verso il vulcano Krafla.
terme innevate
Le terme di Jardbodin, sotto una delle frequenti nevicate che scendono su Myvatn.
isole vulcaniche
Pseudocrateri perduti nella gelida vastità di Skútustadir.
cuore vulcanico
I visitatori di Myvatn ammirano il cratere riscaldato di Hverjall.
Glaumber: i morti e i vivi
Le case in erba di Glaumbaer viste dal suo piccolo cimitero.
una breve salita
Gli escursionisti scalano il cratere appiattito del vulcano Hverjall.
inverno fuori dal tempo
Pato cammina su una superficie ghiacciata tardivamente alla periferia di Husavik.
montagna tagliente
Montagna evidenziata in alto sopra la gola di Oxnadalsheidi.
crepuscolo colorato
Il sole tramonta oltre l'orizzonte nei gelidi dintorni di Husavik.
Cammina in bianco e nero
Casal inizia un sentiero che attraversa parte del paesaggio vulcanico di Dimmuborgir.
navigazione difficile
I passeggeri cercano di rimanere in equilibrio a bordo della goletta Hildur, convertita per l'osservazione delle balene.
Tramonto boreale
Il sole tramonta a est dell'Islanda, come si vede dalla costa ghiacciata sulla strada per Husavik.
coda di cavalli
I cavalli vagano per un prato congelato a ovest di Glaumbaer.
angolo Akureyr
Angolo di Akureyri, la capitale dell'Islanda settentrionale.
La nebbia di Jardbodin
Il sole indora i bagni di Jardbodin.
tetti a punta
Visitatore alla porta di una delle case di Glaumbaer
husavik crepuscolare
Infine, fa buio su Husavik, nel nord dell'Islanda.
Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.

Dopo molti chilometri di montagne russe dopo aver lasciato Reykjavik, avevamo raggiunto il nord-ovest dell'Islanda.

Sono le quattro e mezza. La giornata passò appena a metà. Abbiamo catturato il responsabile di Glaumbaer pronto a chiudere l'edificio della reception e la sua giornata lavorativa.

Agust Sigurjónsson è soddisfatto. Ritorna in modalità di lavoro e dentro le case sotto l'erba. Si estende in spiegazioni che ci intrigano.

A scapito del suo già abbreviato periodo di svago, queste spiegazioni sollevano nuovi interrogativi: “C'era una volta la maggior parte delle abitazioni in questa zona - e sull'isola in generale - erano costruite sulla torba, che i coloni nordici trovavano in abbondanza nelle paludi e nei bastoni. ci trasmette eloquentemente il figlio di Sigurjón.

La torba di Glaumbaer, Isola del fuoco di neve senza fine dell'Islanda

Visitatore alla porta di una delle case di Glaumbaer

Il villaggio di torba ed erba di Glaumbaer

E continua: “Glaumbaer era un palazzo sacerdotale luterano ma seguiva le stesse tecniche costruttive impiegate dalle umili abitazioni della colonia. Ha usato quasi solo il legno sulle facciate”.

In quell'epoca, ancor più di oggi, gli alberi scarseggiavano in Islanda. Le tavole arrivavano raramente dalla Norvegia o dalla Danimarca ed erano un lusso. Il meglio che poteva fare la povera popolazione era raccogliere i tronchi che si riversavano sulla costa per rinforzare la combustione della torba secca e il riscaldamento delle abitazioni.

Su scala geotermica planetaria, la Corrente del Golfo aiuta da tempo. Leggiamo più e più volte che, nonostante si trovi a una latitudine estrema, l'Islanda ha un clima temperato.

È questo flusso marittimo semi-caldo che rende le sue temperature superiori a quelle di altri territori situati a latitudini simili. Inoltre, mantiene le coste dell'isola libere dal ghiaccio, anche in inverno.

A poche centinaia di chilometri dalla Groenlandia e 50 a est di Glaumbaer, entriamo nella gola di Oxnadalsheidi e ci troviamo circondati da imponenti montagne.

Abbiamo visto la temperatura precipitare sul termometro dell'auto e la neve che ricopre l'intero paesaggio.

Come gli antichi e attuali abitanti dell'isola, abbiamo imparato presto a dare per scontate le informazioni.

Gola di Oxnadalsheidi, Islanda Incendio senza fine dell'isola di neve

Montagna evidenziata in alto sopra la gola di Oxnadalsheidi.

Verso Akureyri e più vicino all'Artico

Ci sono diversi fattorie d'alta quota arroccate su entrambi i pendii, presumibilmente al sicuro da valanghe e inondazioni causate dal disgelo estivo.

Sotto una nuova nevicata, abbiamo raggiunto la sponda occidentale del fiordo Eyjafjördur. Ci dirigiamo verso la baia che la racchiude e, poco dopo, arriviamo ad Akureyri, la piccola capitale del grande nord.

Dei quasi 322.000 islandesi, più di un terzo vive nell'area urbana della capitale Reykjavik. Ad Akureyri, la seconda città, vivono meno di 18.000 persone.

I partecipanti islandesi sono rari nelle competizioni di sport invernali in cui si affrontano i popoli scandinavi, finlandesi e alpini d'Europa.

Akureyri, tuttavia, ha le migliori località sulla neve del paese che aiutano alcuni residenti e molti altri stranieri a guadagnarsi da vivere o a passare il tempo.

Abbiamo incontrato Ivo Martins, una guida portoghese che lavora in città da cinque anni.

Tra tante altre nozioni, il connazionale ci racconta il profilo psicologico delle persone che lo hanno accolto: “pur essendo all'inizio accoglienti e amichevoli, sono gli stessi islandesi a riconoscere di avere difficoltà a relazionarsi.

Qui ad Akureyri hanno persino dato al semaforo la forma di un cuore, per ricordare a se stessi che devono amarsi. Ma l'Islanda conserva uno dei tassi più alti di donne sole, tra gli altri indicatori preoccupanti".

Akureiry, Islanda Fuoco infinito dell'isola di neve

Angolo di Akureyri, la capitale dell'Islanda settentrionale.

Husavik e il complicato avvistamento delle balene a "Hildur"

Poco dopo un risveglio precoce in Husavik, paese di pescatori del nord, abbiamo intrapreso la “Hildur", una nave originariamente tradizionale concostruito nel 1974 nella capitale dell'Islanda settentrionale Akureyri ma a chi, nel 2009, ha fatto un viaggio di 10 giorni Egernsund, in Danimarca, dove è stata trasformata in una goletta a due alberi con 250 m2 quadrati di candele.

Da allora, Hildur è stato utilizzato in numerosi viaggi epici comprese le spedizioni sulla costa della vicina Groenlandia. E stava per salpare per una breve navigazione osservazione delle balene nella baia di Skjálfandi.

Come previsto, avanzammo lungo la costa gelida fino a raggiungere un isolotto colonizzato dalle pulcinelle di mare. Da lì, la nave di quercia salpa verso l'isola di Flatey. Quando abbandona la protezione della costa, è soggetta ai capricci dell'alto mare.

La tuta da navigazione “66º” che l'equipaggio aveva prestato ai passeggeri parte indicando una buona protezione contro le basse temperature e, almeno nella fase iniziale delle quattro ore e mezza di navigazione, non abbiamo motivo di lamentarci.

Una dolorosa navigazione tra i cetacei

Ma la brezza si trasforma rapidamente in un vento duro che solleva onde considerevoli alla confluenza dell'Oceano Atlantico con l'Artico. Alcuni vestiti e scarpe bagnati intensificano un freddo già difficile da sopportare.

Nel frattempo, i passeggeri più vulnerabili all'ondeggiamento iniziano a sentire il previsto mal di mare.

"Hildur", Islanda Fuoco infinito dell'isola di neve

I passeggeri cercano di rimanere in equilibrio a bordo della goletta Hildur, convertita per l'osservazione delle balene.

Due giovani marinai islandesi biondi lottano per tenere sotto controllo le vele. Cercano anche di rallegrare gli ospiti sofferenti con una vivace voce fuori campo in inglese e promesse di avvistamenti garantiti di grandi cetacei.

Si realizzano quando il timoniere si avvicina alle megattere all'estremità settentrionale della baia di Skjálfandi. Le balene compaiono di tanto in tanto, su entrambi i lati della barca e lungo imponenti scogliere bianche tenute ghiacciate dall'irrigazione di umidità assicurata dal vento di tramontana.

Li seguiamo per mezz'ora ei loro movimenti, con generale disappunto degli spettatori a bordo, poco acrobatici ma sempre culminanti nel grazioso affondamento delle gigantesche pinne posteriori.

Li abbiamo lasciati a divorare il miserabile krill artico in quantità industriali. Poco dopo, la vista peculiare dell'isola di Flatey e delle sue case risveglia la nostra attenzione. Il punto più alto di quest'isola è a soli 22 metri.

Mentre l'Hildur percorre i quasi 9 km fino al porto di Husavik, ancora sferzato dal vento gelido e dalla neve, contempliamo l'edificio scolastico, la chiesa e il faro e ci chiediamo cosa sia successo al capo della piccola comunità di ex islandesi essere lì, ha deciso di isolare, nonostante l'abbondanza di pesce.

Ritorno provvidenziale al porto di Husavik

Attracchiamo nel porto traballante. Uno dei membri dell'equipaggio si impegna ad addolcire e glorificare la sofferenza che avevamo condiviso: "C'è cioccolata calda e torte all'uvetta qui per tutti. Sono stati davvero coraggiosi. Vi assicuro che questa è stata una delle uscite più ardue e agghiaccianti che abbiamo avuto fino ad oggi.. "

Saliamo in macchina, accendiamo l'aria condizionata al massimo, beviamo il cacao e recuperiamo il calore corporeo che ci è sfuggito. Dopo aver ottenuto la rianimazione, siamo partiti sull'autostrada 87, dirigendoci verso l'interno dell'Islanda.

Sul termometro del cruscotto possiamo vedere come il freddo stia di nuovo stringendo sotto un cielo già sereno e, fuori, una fitta coltre di neve che sembra lontana dallo sciogliersi.

Stormi di anatre, oche e altri uccelli migratori si susseguono su entrambi i lati della strada, raggruppati intorno a pozzanghere semisolide in cui sono alla disperata ricerca di cibo.

Goose, Islanda Fuoco infinito dell'isola di neve

Duck cammina su una superficie ghiacciata alla periferia di Husavik

Il dominio gelido-infernale di Myvatn, il fuoco d'Islanda

Siamo saliti nelle terre algide del cuore dell'isola. A poco a poco, ci stiamo avvicinando alla zona dove solitamente si registrano le temperature più basse, intorno a Grimsstadir, dove, nel gennaio 1918, si registrava una temperatura di -38º.

Senza preavviso, anche la strada è soggetta a neve. Per diversi chilometri guidiamo su un misto di asfalto e ghiaccio che il vento continua a soffiare. Ma per quanto l'Islanda si raffreddi in superficie, anche sotto i suoi infiniti ghiacciai rimane in un tumulto infuocato.

In alcune zone le cicatrici di questo scontro termico sono evidenti come intorno a Myvatn (Lago das Flies), l'inospitale roccaforte in cui abbiamo continuato a penetrare.

Il lago eutrofico poco profondo che dà il nome al parco è stato formato da una grande eruzione più di 2300 anni fa. Non sorprende che i dintorni siano dominati da forme laviche irregolari, inclusi pilastri e pseudo-crateri.

Procediamo verso Dimmuborgir dove non vediamo anima viva nell'edificio della reception. Siamo saliti a un punto di osservazione e abbiamo contemplato a perdita d'occhio il paesaggio annerito e desolato, generato da un canale di lava che, crollato, ha rilasciato un'abbondante colata che ha invaso una palude fradicia e ha generato così enormi pilastri e altre formazioni caotiche.

Questo è il regno oscuro che, nella mitologia islandese, collega la Terra all'Inferno. La mitologia cristiana nordica va oltre.

Sostiene che Dimmuborgir è il luogo in cui Satana atterrò quando fu espulso dai cieli e creò le Catacombe dell'Inferno. E una band black-metal sinfonica norvegese, a sua volta, ha approfittato dell'immaginario del luogo e si è battezzata – scusate l'assurdo – Dimmu Borgir.

Dimmuborgir, Islanda Incendio senza fine dell'isola di neve

Casal inizia un sentiero che attraversa parte del paesaggio vulcanico di Dimmuborgir.

Primavera islandese

Ma siamo lontani dal sentire il calore delle fiamme degli abissi, se non quelle del Purgatorio. Anche un esercito di nuvole grigie si era avventurato su quelle terre improbabili.

In quel preciso momento, ci rinfresca con un'altra delle nevicate che ci hanno seguito per tutta l'isola.

I fiocchi punteggiano il sgretolarsi terrestre e la chiara visione che abbiamo avuto di lui fino ad allora. Anche così, con il tempo, rileviamo una coppia che si avventura sul sentiero che si snoda nel paesaggio e scompare dietro le chiazze di lava.

Tornammo nelle vicinanze del lago e trovammo colonie di uccelli incomparabilmente più numerose di quelle che avevamo visto sulla via del ritorno. Torniamo all'ingresso nord del parco.

A Skútustadir ci siamo fatti coraggio e siamo usciti a fare una passeggiata in un ambiente che consideravamo più meritorio e meno cupo di DimmuBorgir.

Forti raffiche quasi ci buttano fuori dallo stretto sentiero ghiacciato.

Ma è quando saliamo in cima al primo pseudocratere che sentiamo la vera potenza del vento islandese.

Cratere Hverjall, Islanda Fuoco infinito dell'isola di neve

I visitatori di Myvatn ammirano il cratere riscaldato di Hverjall.

A fatica ci aggrappiamo al corrimano del punto di vista e ci lasciamo stupire dall'eccentricità extraterrestre della vastità che ci circonda.

Decine di altri pseudocrateri punteggiano l'altopiano ghiacciato, levigato dall'erosione.

I contorni del lago si impongono sull'eterogeneità colorata della superficie, lasciando il posto a una immensità bianca e, infine, alle diverse forme dei vulcani circostanti: il conico Hlídarfjall, il Gaesafjoll; più lontano, anche Krafla, di cui il governo islandese utilizza le energie fin dal 1977, attraverso a Centrale geotermica da 60 MWe.

I Crateri, le Caldere e le Fumarole dell'Isola del Fuoco e del Ghiaccio

Abbiamo costeggiato Gardur e gli innumerevoli isolotti di lava nell'angolo sud-ovest del lago. In prossimità del cratere piatto di Hverfjall, siamo attratti da muri fatti di pezzi di lava che tagliano un terreno, all'epoca, poco o per nulla agricolo.

Nel prolungamento di queste pareti si intravede un altro affascinante disegno naturale, formato da bianche chiazze di neve semisciolta sul giallo bruno del prato asciutto.

Sullo sfondo, tra questo prato e l'azzurro del cielo, il vecchio vulcano si impone a modo suo, in un costume geologico e meteorologico con fasce di ghiaccio che striano le nere pendici.

Lo conquistiamo passo dopo passo. Una volta raggiunta la cima, ci siamo fermati a riprendere fiato e ad apprezzare, sempre dall'alto, la bianca vastità di Myvatn, in particolare l'Hlídarfjall, che, essendo così acuto, ha il potere di impressionare nonostante misuri meno di 800 metri di altitudine.

Vulcano Hverjall, Islanda

Gli escursionisti scalano il cratere appiattito del vulcano Hverjall

Nell'entroterra, Hverfjall svela il suo cratere riscaldato che la magna degli abissi mantiene nero sciogliendo tutta la neve che vi cade, compresa quella che ricomincia a cadere.

Il vento infuria e la tormenta si infittisce. Siamo scesi lungo la pista scivolosa e abbiamo indicato la strada. Lungo la strada, abbiamo superato una mandria di cavalli islandesi in formazione empatica.

Con le spalle all'aggressività del tempo, gli animali trovano strana la nostra visita e nitriscono con uno strano tono acuto tipico della specie.

Cavalli sotto bufera di neve, Islanda Fuoco senza fine dell'isola di neve

Mandria di cavalli si stringe insieme per affrontare una nuova bufera di neve islandese

Due di loro, più curiosi, rompono la formazione per stabilire un contatto. Abbiamo accarezzato le loro criniere dorate fino a quando non abbiamo concordato una fuga precipitosa simultanea. I cavalli tornano al comfort della mandria, noi ai sedili riscaldati dell'auto.

Un ritorno a Husavik dall'altro mondo

Il pomeriggio volge al termine. Abbiamo invertito la rotta verso Husavik, dove avevamo programmato di cenare, e abbiamo optato per un percorso diverso da quello a cui eravamo arrivati, che sembrava prendere una scorciatoia. Inizia il tramonto e la temperatura precipita.

Ad un certo punto, riuscivamo a malapena a distinguere la strada completamente sommersa dalla neve e dal ghiaccio. Solo i chiodi gialli conficcati ai lati della strada, le gomme invernali e l'efficiente trazione integrale ci rassicurano e ci incoraggiano a proseguire su un percorso così remoto.  

Lungo la strada, vediamo la palla del sole scendere su montagne lontane e arancione la metà celeste dell'orizzonte. À All'ingresso della città, le montagne lasciano il posto a una vasta spiaggia ghiacciata e, invece dell'arancione, l'atmosfera si è già virata a un lilla che si stava oscurando davanti agli occhi.

Tramonto, Islanda Fuoco infinito dell'isola di neve

Il sole tramonta a est dell'Islanda, come si vede dalla costa ghiacciata sulla strada per Husavik.

Abbiamo guidato lentamente tra le case a un piano del villaggio, ma non abbiamo nemmeno trovato l'edificio dell'hotel. Senza sospettare l'errore, siamo entrati nel giardino sbagliato e siamo passati davanti alla finestra panoramica di una villa.

Dentro, un'intera famiglia condivide, rannicchiata, qualche telefilm e il nostro ridicolo episodio di "Persi".

Una signora viene alla porta: “Stai cercando Husavik Cape, vero? È l'ingresso laggiù. Sono ancora in fase di ristrutturazione. Non preoccuparti. Sono lontani dai primi. Ultimamente la gente guarda l'impalcatura, è difficile per loro credere che sia lì e finiscono tutti qui".

Ci salutiamo con altre scuse. Infine, lì abbiamo bussato alla porta giusta. La timida receptionist sembra rassegnata alla mancanza di segnaletica e si mette al lavoro: “Benvenuto. Accomodati e prendi un caffè o un tè. Ti darò il resto delle indicazioni.

Al ritorno dalla stanza, non lo abbiamo trovato al suo posto. Notiamo che siamo in cima a un promontorio di fronte al centro di Husavik, una città che il libro di colonizzazione (Landnamabók) sostiene di essere stato il primo luogo in Islanda popolato da un colono scandinavo.

Husavik, Islanda Incendio senza fine dell'isola di neve

Infine, fa buio su Husavik, nel nord dell'Islanda.

Approfittiamo del tempo libero per dare un'occhiata alla notte e attraccare lì, abbelliti dalle luci che si accendono intorno alla chiesa in legno Húsavíkurkirkirkja, sul porto e sull'anfiteatro della cittadina in generale.

Ancora una volta, senza che ce lo aspettiamo, i fiocchi di neve cominciano a librarsi su quella costa islandese di fronte all'Artico. Erano tutt'altro che gli ultimi.

Laguna di Jökursarlon, Ghiacciaio Vatnajökull, Islândia

Il ghiacciaio King of Europe sta già vacillando

Solo in Groenlandia e in Antartide esistono ghiacciai paragonabili al Vatnajökull, il ghiacciaio supremo del vecchio continente. Eppure, anche questo colosso che dà più significato al termine terra di ghiaccio si sta arrendendo all'assedio inesorabile del riscaldamento globale.
PN Thingvellir, Islândia

Sulle origini della remota democrazia vichinga

Le basi del governo popolare che mi vengono in mente sono quelle elleniche. Ma quello che si ritiene essere il primo parlamento al mondo fu inaugurato a metà del X secolo, nella gelida campagna islandese.
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Laguna di Jokülsárlón, Islândia

La canzone e il ghiaccio

Creato dalle acque dell'Oceano Artico e dallo scioglimento del ghiacciaio più grande d'Europa, Jokülsárlón forma un dominio gelido e imponente. Gli islandesi la venerano e le rendono sorprendente omaggio.
Islândia

Isola di fuoco, ghiaccio, cascate e cascate

La cascata suprema d'Europa si precipita in Islanda. Ma non è l'unico. In quest'isola boreale, con pioggia o neve costante e nel mezzo della battaglia tra vulcani e ghiacciai, cadono infiniti torrenti.
Perito Moreno, Argentina

Il ghiacciaio che resiste

Il riscaldamento dovrebbe essere globale, ma non va dappertutto. In Patagonia alcuni fiumi di ghiaccio resistono, di tanto in tanto l'avanzata del Perito Moreno provoca frane che bloccano l'Argentina
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Muktinath a Kagbeni, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Kagbeni
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Una città perduta e ritrovata
Architettura & Design
Machu Picchu, Perù

La città perduta nel mistero degli Incas

Mentre vaghiamo per Machu Picchu, troviamo un significato nelle spiegazioni più accettate per la sua fondazione e abbandono. Ma ogni volta che il complesso viene chiuso, le rovine sono lasciate ai loro enigmi.
Aventura
Viaggi in barca

Per coloro che si stancano di navigare in rete

Sali a bordo e lasciati trasportare da imperdibili gite in barca come l'arcipelago filippino di Bacuit e il mare ghiacciato del Golfo di Botnia finlandese.
autoflagellazione, passione di cristo, filippine
Cerimonie e Feste
Marinduque, Filippine

La passione filippina di Cristo

Nessuna nazione circostante è cattolica, ma molti filippini non si lasciano intimidire. Durante la Settimana Santa si arrendono alla fede ereditata dai coloni spagnoli e l'autoflagellazione diventa una sanguinosa prova di fede.
Rabat, Malta, Medina, Palazzo Xara
Città
Rabat, Malta

Un ex sobborgo nel cuore di Malta

Se Mdina divenne la capitale nobile dell'isola, i Cavalieri Ospitalieri decisero di sacrificare la fortificazione dell'odierna Rabat. La città fuori le mura si espanse. Sopravvive come contrappunto popolare e rurale all'attuale museo vivente di Medina.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
cibo
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
Cultura
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Da Chiang Khong a Luang Prabang, Laos, lungo il Mekong
In viaggio
Chiang Hong - Luang Prabang, Laos

Barca lenta, fiume Mekong sotto

La bellezza e il basso costo del Laos sono buoni motivi per navigare tra Chiang Khong e Luang Prabang. Ma questa lunga discesa del fiume Mekong può essere estenuante quanto pittoresca.
Tabatô, Guinea Bissau, tabanca Mandingo musicisti. Baidi
Etnico
Tabato, Guinea Bissau

La Tabanca dei Mandinga Poeti Musicisti

Nel 1870, una comunità di musicisti mandingo itineranti si stabilì vicino all'attuale città di Bafatá. Dai Tabatô che hanno fondato, la loro cultura e, in particolare, i loro prodigiosi balafonisti, abbagliano il mondo.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Frederikstad-Saint-Croix-America-Vergine-Isole-Libertà
Storia
Frederiksted, Saint Croix, Isole Vergini Americane

La città dell'emancipazione delle Indie occidentali danesi

Se Christiansted si affermò come capitale e principale centro commerciale dell'isola di Saint Croix, la “sorella” della parte sottovento, Frederiksted ebbe il suo apogeo di civiltà quando ci fu la rivolta e la successiva liberazione degli schiavi che assicurarono la prosperità della colonia.
Mirador de La Peña, El Hierro, Isole Canarie, Spagna
Isole
El Hierro, Isole Canarie

L'orlo vulcanico delle Canarie e il Vecchio Mondo

Fino all'arrivo di Colombo nelle Americhe, El Hierro era visto come la soglia del mondo conosciuto e, per un certo periodo, il meridiano che lo delimitava. Mezzo millennio dopo, l'ultima isola occidentale delle Canarie ribolle di esuberante vulcanismo.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
Scena di strada, Guadalupa, Caraibi, Effetto farfalla, Antille francesi
Natura
Guadalupe, Antille Francesi

Guadalupa: un delizioso Caraibi, in Butterfly Counter-Effetto

La Guadalupa ha la forma di una falena. Basta un giro delle Antille per capire perché la popolazione è guidata dal motto Pas Ni Problem e alza il numero minimo di onde, nonostante le tante battute d'arresto.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Mangrovie tra Ibo e Quirimba Island-Mozambico
Parchi Naturali
Isola di Ibo a Isola QuirimbaMozambico

Ibo a Quirimba al Sapore della Marea

Per secoli, gli indigeni hanno viaggiato dentro e fuori le mangrovie tra le isole di Ibo e Quirimba, nel tempo che dà loro il travolgente viaggio di andata e ritorno dell'Oceano Indiano. Alla scoperta della regione, incuriositi dall'eccentricità del percorso, ne seguiamo i passi anfibi.
Kigurumi Satoko, Tempio di Hachiman, Ogimashi, Giappone
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Ogimashi, Giappone

Un Giappone storico-virtuale

"Higurashi no Naku Koro ni” è stata una serie di giochi per computer e di animazione giapponese di enorme successo. A Ogimashi, villaggio di Shirakawa-Go, viviamo con un gruppo di kigurumi dei loro personaggi.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
personaggi
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Daytona Beach Portico, la spiaggia più famosa dell'anno, in Florida
Spiagge
Daytona Beach, Florida, Stati Uniti

La cosiddetta spiaggia più famosa del mondo

Se la sua notorietà deriva principalmente dalle gare NASCAR, a Daytona Beach troviamo una peculiare località balneare e una spiaggia vasta e compatta che, in tempi passati, veniva utilizzata per le prove di velocità delle auto.
pianura santa, Bagan, Myanmar
Religione
Bagan, Myanmar

La piana delle pagode, dei templi e delle redenzioni celesti

La religiosità birmana si è sempre basata sull'impegno per la redenzione. A Bagan, credenti ricchi e timorosi continuano a costruire pagode nella speranza di ottenere il favore degli dei.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Società
Tongatapu, Tonga

L'ultima monarchia polinesiana

Dalla Nuova Zelanda all'Isola di Pasqua e alle Hawaii, nessun'altra monarchia ha resistito all'arrivo degli scopritori e della modernità europei. Per Tonga, per diversi decenni, la sfida è stata quella di resistere alla monarchia.
Saksun, Isole Faroe, Streymoy, avviso
Vita quotidiana
Saksun, StreymoyIsole Faroe

Il villaggio faroese che non vuole essere Disneyland

Saksun è uno dei tanti splendidi piccoli villaggi delle Isole Faroe che sempre più estranei visitano. Si distingue per l'avversione ai turisti del suo principale proprietario rurale, autore di ripetute antipatie e attacchi contro gli invasori della sua terra.
femmina e vitello, Grizzly Steps, Katmai National Park, Alaska
Animali selvatici
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.